Philip Seymour Hoffman is died at 46

Philip Seymour #Hoffman como Truman #CapotePhilip Seymour Hoffman : 1967-2014

Philip Seymour Hoffman, one of the leading actors of his generation, who won an Academy Award for his title role in the film Capote, was found dead in his Manhattan apartment on Sunday in what a New York police source described as an apparent drug overdose.

‘U.S. actor Philip Seymour Hoffman attends the press conference for ‘Capote’ at the 30th International Film Festival in Toronto, September 11, 2005. ‘Capote’ is a portrait into the life of American writer Truman Capote, said Mike Cassese, REUTERS.

Hoffman, 46, was found unresponsive on the bathroom floor of his Greenwich Village apartment by police responding to a 911 call, and Emergency Medical Service workers declared him dead on the scene, New York City police said in a statement. An investigation was ongoing.

Film and stage actor and theater director Philip Seymour Hoffman was born in the Rochester, New York, suburb of Fairport on July 23, 1967. After becoming involved in high school theatrics, he attended New York University’s Tisch School of the Arts, graduating with a B.F.A. degree in Drama in 1989. He made his feature film debut in the indie production Triple Bogey on a Par Five Hole (1991) as Phil Hoffman, and his first role in a major release came the next year in My New Gun (1992). While he had supporting roles in some other major productions, his breakthrough role came in Paul Thomas Anderson‘s Boogie Nights – L’altra Hollywood (1997). He quickly became an icon of indie cinema, establishing a reputation as one of the screen’s finest actors, in a variety of supporting and second leads in indie and major features, including Todd Solondz‘sHappiness (1998), Flawless – Senza difetti (1999), Il talento di Mr. Ripley (1999), Paul Thomas Anderson‘s Magnolia (1999), Quasi famosi (2000) and Hollywood, Vermont(2000). He also appeared in supporting roles in such mainstream, big-budget features asRed Dragon (2002), Ritorno a Cold Mountain (2003) and the upcoming Mission: Impossible III (2006).

Hoffman is also quite active on the stage. On Broadway, he has earned two Tony nominations, as Best Actor (Play) in 2000 for a revival of Sam Shepard‘s “True West” and as Best Actor (Featured Role – Play) in 2003 for a revival of Eugene O’Neill (I)’s “Long Day’s Journey into Night”. His other acting credits in the New York theater include “The Seagull” (directed by Mike Nichols for The New York Shakespeare Festival), “Defying Gravity”, “The Merchant of Venice” (directed by Peter Sellars), “Shopping and F*@%ing” and “The Author’s Voice” (Drama Desk nomination). He is the Co-Artistic Director of the LAByrinth Theater Company in New York, for which he directed “Our Lady of 121st Street” by Stephen Adly Guirgis. He also has directed “In Arabia, We’d All Be Kings” and “Jesus Hopped the A Train” by Guirgis for LAByrinth, and “The Glory of Living” by Rebecca Gilman at the Manhattan Class Company.

Hoffman consolidated his reputation as one of the finest actors under the age of 40 with his turn in the title role of Truman Capote – A sangue freddo (2005), for which he won the Los Angeles Film Critics Award as Best Actor. In 2006, he was awarded the Best Actor Oscar for the same role.

Philip Seymour Hoffman ‘Actors are responsible to the people we play. My passion to develop as an actor didn’t have anything to do with people knowing me. I had no idea that would happen. To become famous, to become a celebrity is something that I thought happened to other people.’

[on Truman Capote – A sangue freddo (2005)] I knew that it would be great, but I still took the role kicking and screaming. Playing Capote took a lot of concentration. I prepared for four and a half months. I read and listened to his voice and watched videos of him on TV. Sometimes being an actor is like being some kind of detective where you’re on the search for a secret that will unlock the character. With Capote, the part required me to be a little unbalanced, and that wasn’t really good for my mental health. It was also a technically difficult part. Because I was holding my body in a way it doesn’t want to be held and because I was speaking in a voice that my vocal cords did not want to do, I had to stay in character all day. Otherwise, I would give my body the chance to bail on me.

[on ‘The Master’] L. Ron Hubbard is the reference, but it isn’t L. Ron Hubbard. There are things he does that are referenced in Hubbard’s life, but ultimately there is no adherence to that fact. We took liberties because he is a fictional character.

(On quitting drinking at age 22) I think I would have drank myself to death, literally, if I didn’t just stop, once and for all when I did. I am not ever going to preach to anyone about drugs or drinking. But, for me, when they were around, I had no self control.

In May 2013, Hoffman announced that he checked into substance abuse treatment center because he had recently started snorting heroin.

Hoffman’s family has issued a statement: ‘We are devastated by the loss of our beloved Phil and appreciate the outpouring of love and support we have received from everyone. This is a tragic and sudden loss and we ask that you respect our privacy during this time of grieving. Please keep Phil in your thoughts and prayers.’

New York Mayor Bill de Blasio said via Twitter: ‘Saddened by Philip Seymour Hoffman‘s tragic and untimely passing. Today New York mourns the loss of one of stage and screen’s greats.’

Philip Seymour Hoffman is died on February 22014 (age 46) in Greenwich Village, New York, USA


http://www.imdb.com/

#CookedNews

Advertisements

Corea del Sud: attacco hacker a reti tv e banche

attacco-hacker.corea-epsonLe autorità della Corea del Sud stanno indagando su un attacco di pirati informatici che oggi ha mandato in tilt i server di tre emittenti e due importanti banche, mentre le forze armate hanno alzato il livello di allerta a causa dei timori sul possibile ruolo nella vicenda della Corea del Nord.

L’attacco ha colpito i server delle reti tv Ytn, Mbc e Kbs, oltre a quelli delle banche Shinhan e NongHyup Bank, hanno reso noto la polizia e rappresentanti del governo. In alcuni casi, sono stati cancellati anche file da alcuni computer, hanno riferito le autorità. Uno dei network che fornisce connettività ai gruppi, LG UPlus Corp, afferma che la home page del proprio sito web è stata sostituita con una pagina di rivendicazione dell’attacco da parte del ‘Whois Team‘, che mostra tre teschi e il messaggio ‘è l’inizio del nostro movimento’.

Le operazioni delle banche colpite sono riprese, ma le emittenti tv non sono ancora in grado di dire quando potranno riprendere le trasmissioni.

Sia la polizia che il governo non si sono ancora espressi sulla possibilità che l’attacco informatico possa essere legato alla Corea del Nord, che ha già minacciato di attaccare sia gli Stati Uniti che la Corea del Nord dopo che l’Onu ha varato una serie di sanzioni per il test nucleare condotto a febbraio da Pyongyang. La scorsa settimana, ha denunciato Pyongyang, anche molti siti ufficiali nordcoreani, tra i quali quello dell’agenzia ufficiale Kcna, hanno subito un attacco informatico ‘prolungato e intenso’. Pyongyang ha accusato Seul e Washington. I servizi segreti sudcoreani stimano siano almeno 3.000 i cyber warrior nordcoreani mobilitati per la guerra informatica.

In passato i nordcoreani hanno colpito le reti di alcuni giornali conservatori, di banche e istituzioni governative sudcoreane.

L’esercito della Corea del Sud non è stato coinvolto nell’attacco hacker, ma ha elevato il livello di allerta.

Intanto oggi il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato che Pechino è disponibile per ‘promuovere il dialogo’ tra le due Coree. Secondo il ministero degli esteri cinese Xi ha espresso la sua disponibilità parlando al telefono con la presidente sudcoreana Park Geun-hye. ‘La pace e la stabilità nella penisola coreana sono un interesse vitale per il popolo coreano e anche per il popolo cinese’, ha detto Xi, secondo il comunicato diffuso dal ministero degli Esteri. Il presidente ha aggiunto che la Cina ‘è impegnata a mantenere la pace e la stabilità della penisola e a realizzare la denuclearizzazione della penisola‘.

M5S, Lombardi capogruppo alla Camera: ‘In tv solo per imbrogli’

Lombardi M5SRoberta Lombardi è il capogruppo del M5S alla Camera. Già designata in una precedente assemblea, oggi il gruppo riunito l’ha investita formalmente e ha salutato la nomina con un applauso.

Nel corso dell’assemblea dei deputati del M5S, Lombardi ha poi reso noto che ‘il senatore Zanda ha chiesto per domani un incontro con i nostri capigruppo’.

Questa mattina c’è stata anche una conferenza del M5S a Montecitorio con Lombardi accompagnata dai tre candidati ai ruoli di questore, vicepresidente e segretario, ovvero Laura Castelli, Luigi Di Maio e Riccardo Fraccaro. Dopo la comunicazione delle scelte fatte dal gruppo, i tre giovani candidati si sono presentati alla stampa.

Per i cronisti in sala nulla di nuovo. Si attendeva il momento delle domande. Ma finita la presentazione, tutti insieme si sono alzati e hanno lasciato la sala, inseguiti dai giornalisti ‘silenziati’ che hanno lamentato la loro inutile presenza.

Sempre in mattinata, il capogruppo dei 5S alla Camera, con un post sul blog di Grillo, aveva scritto: ‘E’ arrivato il momento di dare dimensione alle preoccupazioni di Lamberto Dini e Beppe Pisanu. E’ giunta l’ora di ‘rendicontare le caramelle’ e, dunque, di portare le istanze di quel 25 e passa per cento di elettori che ha votato il Movimento 5 stelle’.

Lombardi faceva riferimento a una presunta conversazione tra Dini e Pisanu, riportata il 14 marzo da ‘la Repubblica’, nella quale i due esprimevano preoccupazione sulla presenza dei parlamentari grillini all’Antimafia o al Copasir. ‘Ora che siamo stati eletti al Parlamento vogliamo essere presenti nelle Commissioni bicamerali, nelle giunte e negli uffici di presidenza di Camera e Senato’. E ancora: ‘Vogliamo partecipare alle decisioni che si prendono al chiuso delle stanze dei bottoni, per rispetto della volontà popolare che ci ha scelto’.

Inoltre, ha scritto Lombardi, ‘il web è, e rimarrà, il nostro strumento privilegiato di contatto e di relazione con gli elettori per tutta la durata del nostro mandato. Confermiamo il nostro rifiuto a partecipare ai talk show televisivi‘.

‘In tivù – spiega l’esponente grillina – ci andremo solo se avremo la possibilità di parlare di idee e programmi o se avremo bisogno di spiegare ai cittadini gli imbrogli perpetrati ai loro danni’.

Telecom mette in vendita La 7 e Mediaset si propone

Mentana: Mediaset compra La7? Se così fosse lascerei il tg Il direttore su Twitter: nessuna intenzione di proseguire con l’azienda con la quale ho lavorato 18 anni. Lo ha spiegato lui stesso su Twitter, rispondendo ai follower che gli hanno chiesto cosa ne pensasse della manifestazione d’interesse del gruppo di Cologno Monzese per la tv di Telecom Italia.

Mentana è convinto che sia ‘solo un’offerta di disturbo, ma quando cambia l’editore è inutile gridare al lupo’, ha spiegato ancora nel suo tweet. In ogni caso, ‘fosse Mediaset lascerei: ne bis in idem‘, ha anticipato il direttore del tg La7, facendo sapere che non avrebbe alcuna intenzione di proseguire nell’azienda con la quale ha lavorato 18 anni.

Tutto intanto va come ampiamente previsto, per il futuro del canale televisivo di casa Telecom. Ieri il Consiglio di amministrazione di Telecom Italia ha deciso di ‘dare avvio al processo di dismissione delle attività di settore media che fanno capo a Ti Media-Telecom Italia Media‘. Una nota di Telecom Italia precisa che ‘nell’ambito del processo di focalizzazione sulle attività core ribadito nel piano industriale 2012-2014′ il Consiglio ha deciso ‘l’avvio del processo di dismissione delle attività nel settore media’. ‘Focalizzare sul core business’ significa concentrarsi sull’attività principale di Telecom Italia, ovvero la telefonia. Quindi, addio tv, addio a La7. La dismissione, cioè la vendita, conclude la nota ‘contribuirà al conseguimento dei target di riduzione dell’indebitamento già annunciati’.

Conseguenza immediata: La7 diventa una società a sé. Il Consiglio di amministrazione di Telecom Italia Media ‘ha avviato un’operazione di ristrutturazione societaria mediante separazione degli asset televisivi facendoli confluire in una società ad hoc’, come si legge in una nota della seconda società che, fino a oggi, è stata per il 77% di proprietà Telecom Italia. Come già si era capito nei giorni scorsi, accanto alla nuova società autonoma La7, sorgerà una seconda società con tutto ciò che riguarda gli asset tv: torri, sistemi di trasmissione, i tre mux, ovvero i multiplex, quei dispositivi che moltiplicano un unico collegamento in più canali trasmissivi. Quasi certamente qui interverrà un accordo societario di natura tecnico-operativa col gruppo l’Espresso che sarebbe pronto a riversare i suoi due mex accanto a quelli di Telecom Italia Media. In futuro si parlerà di cessione per La7 . Occorrerà prima una valutazione in base alle stime degli advisor. Secondo alcune valutazioni circolate ieri sera, il valore di mercato di Ti Media (Telecom Italia Media) che ha chiuso il 2011 con un una perdita da 83 milioni, in crescita dai 54,4 milioni del 2010, sarebbe stimabile intorno ai 160 milioni di euro.

In questi casi in genere si esprime preoccupazione, io non sono per nulla preoccupato  – dice Enrico Mentana – Trattandosi di una libera messa sul mercato di un asset così importante, il venditore sicuramente inserirà tra i criteri di scelta dell’acquirente la salvaguardia della qualità e delle prospettive del canale’. E poi, esprimendosi in termini calcistici: ‘Ci sentiamo come una squadra di calcio che ha fatto un campionato di vertice. L’identità della rete è netta, così come il tg ha un profilo ben chiaro. Servono investimenti e capacità imprenditoriale. Gente capace e obiettivi sfidanti, oltre a investimenti adeguati. La tv non si fa gratis, è fatta di idee ed investimenti, non si improvvisa’.

In quanto ai futuri, possibili acquirenti si è parlato insistentemente di Carlo De Benedetti. Il quale, di fatto, non ha smentito né confermato un suo possibile coinvolgimento attuale dopo il forte interesse manifestato un anno fa. Poi si è parlato di Urbano Cairo di Cairo Communication, che con La7 ha uno stretto legame come concessionaria di pubblicità. Sono circolati anche i nomi del finanziere franco-tunisino Tarak Ben Ammar, dell’emiro del Qatar, proprietario di Al Jazeera, del gruppo Bertelsmann e di Diego Della Valle.

Tra qualche settimana le offerte concrete.

https://twitter.com/ementana

Birmania: no censura ai giornalisti, abolita la pratica del silenzio


L’annuncio del ministero dell’Informazione. I giornalisti non dovranno più sottoporre il proprio lavoro, prima della pubblicazione, al vaglio delle autorità. I rigidi controlli sulla stampa furono introdotti nell’agosto del 1964.  La decisione del governo di Myanmar arriva in piena estate con l’abolizione della censura sui media. Lo annuncia il ministero dell’Informazione, secondo quanto riferito dalla Bbc. In base alle nuove disposizioni emanate dal Dipartimento per il controllo e la registrazione dei mezzi di informazione, i giornalisti potranno pubblicare liberamente, senza previo controllo da parte delle autorità e sulla base della propria esperienza professionale.

Lo scorso anno la censura era stata revocata per le pubblicazioni ideologicamente meno sensibili, per esempio i testi delle canzoni o delle fiabe. Era però rimasta in piedi per la maggior parte dei libri e per giornali, televisioni e radio, specie se di forte connotazione politica o religiosa.

Prosegue così il percorso di riforme del nuovo governo birmano, formalmente civile sebbene guidato da un generale a riposo, Thein Sein. Aperture che hanno raggiunto il culmine con la scarcerazione di centinaia di prigionieri politici a partire dalla leader dell’opposizione non violenta, Aung San Suu Kyi, insignita nel 1991 del premio Nobel per la Pace.

Inaugurata Tokyo Skytree, la torre tv più alta del mondo

Tokyo ha un nuovo simbolo alto 634 metri e visibile da ogni parte della città: la pioggia e il cielo nuvoloso non hanno scoraggiato la presenza di migliaia di persone all’inaugurazione della Tokyo Skytree, la torre tv più alta al mondo e gioiello dell’ingegneria anti-sismica.

La Skytree, ottima per il digitale terrestre, nel quartiere di Sumida accanto alla zona turistica di Asakusa, è destinata a sostituire la Tokyo Tower, 333 metri, costruita nel 1958 nel centro della capitale come esempio della rinascita del Paese dalle rovine della Seconda guerra mondiale. Con una spesa di 65 miliardi di yen (650 milioni di euro circa), un peso di 41.000 tonnellate di cemento e acciaio, tre anni e mezzo di lavori con 500, 1.200 operai ogni giorno, l’opera è stata completata il 29 febbraio scorso dopo aver superato il test del sisma dell’11 marzo 2011.

 L’auspicio è di 20.000 visitatori quotidiani, per complessivi 32 milioni nel primo anno grazie poi al vicino centro commerciale Tokyo Soramachi, con 312 ristoranti e negozi di ogni tipo, fattore molto apprezzato dai giapponesi. La prima piattaforma d’osservazione è stata costruita a 350 metri, raggiungibile in ascensore in appena 50 secondi, e la seconda è a quota 450 metri.

All’esterno l’illuminazione è assicurata da luci Led a basso consumo, mentre contro i rischi sismici è stato affinato il metodo del ‘pilastro centrale‘, tradizionalmente utilizzato nei templi e santuari a cinque colonne per attutire le vibrazioni, abbinato agli ammortizzatori idraulici montati in tutta la struttura per assorbire il movimento sismico.

Il completamento ‘manda un messaggio rassicurante al mondo sul Giappone‘, ha osservato il ministro alle Infrastrutture, Takeshi Maeda, menzionando il carattere antisismico della torre in un Paese che concentra il 20% dei terremoti che ogni anno a livello mondiale superano i 6 gradi di magnitudo.

Lo scorso novembre, la Tokyo Skytree ha strappato il Guinness dei primati come torre più alta, staccando i 600 metri della Canton Tower di Guangzhou, in Cina. Irraggiungibili, invece, i gli 828 metri del mega edificio Burj Khalifa di Dubai

I tablet al posto dei laptop e nel 2016 saranno 760 milioni

I tablet nel 2016 saranno 760 milioni.  Secondo l’ultimo rapporto diffuso da Forrester Research i nuovi apparecchi elettronici che hanno superato il palmare e integrato lo smartphone, conosceranno una crescita media esponenziale del 46 per centro. Un risultato da  guinness per un’invenzione che ha soli due anni di vita e introdotta sul mercato da Apple con l’iPad.

Gli analisti prevedono che i tablet finiranno per prendere il posto dei laptop a  larga diffusione, mentre i personal computer resisteranno e nel 2012 saranno due miliardi.

Alla base del successo dei tablet ci saranno i device che servono per amplificarne le funzionalità e collegarli ad altri dispositivi come la tv. Sempre secondo il rapporto Forrester, saranno i tablet il nuovo il dispositivo a impulso touchscreen prediletto dai consumatori e in molti casi  rappresenteranno il primo strumento di accesso a internet posseduto dalle famiglie.

Il mercato continuerà ad essere dominato da Apple e Microsoft andrà avanti con il sistema operativo Windows 8 e nuove quote di mercato: questo, però, secondo le previsioni degli economisti a scapito di Android, il sistema operativo di Google.

http://play.google.com/about
http://www.youtube.com/user/googleplay
http://it.wikipedia.org/wiki/Tablet_computer
http://www.apple.com/it/ipad/
http://www.android.com/
http://www.forrester.com/home 

Cosa è Cooked News?

Iniziamo col dire cosa non è Cooked News. Non è un sito di ricette. Non si cucina se non i fatti del giorno e gli ingredienti non si comprano al mercato, se non quello editoriale.

Newspaper, magazines, blogs, ma anche il web in generale, dalla radio alla tv, gli altri giornali, tutti e le agenzie di stampa saranno un aiuto, amici o nemici, nel fare informazione.

Una rassegna stampa? No neppure, sicuramente ci teniamo a dare le notizie del giorno e quelle di qualche giorno prima. E ad anticipare la concorrenza, quando questa arriva in in ritardo su temi scottanti sociali e non.

La nostra ricerca comprenderà l’analisi e l’approfondimento, le breaking news e le cooked news, quelle cucinate. Cuochi prodigio del giornalismo rampante nuoteremo in acque talvolta malsane, in cerca di argomenti da discernere e ripulire per arrivare al cuore della notizia, da consegnare integra a lettori proficuamente insidiosi e speriamo, intellettualmente stimolanti.  

Cercando di scansare attentamente l’ingordigia e la bulimia mediatica, scarpe consunte ai piedi, taccuino e penna alla mano, non perderemo un solo ingrediente per cucinare ogni giorno le più salienti Cooked News di questo nuovo sito d’informazione

Ad accompagnarci un vivace spirito al cui orecchio bisbiglia una sana curiosità

Create a free website or blog at WordPress.com.