Will Wave Of Action Become Nightmare For The 1%?

 

#RESIST! #ACTIVISM #OCCUPY #WORLDWIDE #WAVEOFACTION #Cookednews

 

Note: We don’t view te #WaveOfAction as a potential last gasp of Occupy.  It is one more series of protests and resistance efforts that will continue no matter how large the #WaveOfAction protests are.  It is up to the people how large the protests are, how creative and how effective.  This is part of the process of building a mass movement — a movement that is much more than the occupy encampments were. 

What will prove to be either the last gasp of the Occupy Movement, or its Renaissance as a social powerhouse, will lie in the success and its embrace of a highly-publicized #WaveOfAction which launches a major 90-day program of protest and resistance on April 4.

The Wave begins, symbolically, on the date of the assassination of Martin Luther King and ends, symbolically, on July the 4th.  It will run from the date of the death of a dream that will not die to the date of the birth of a vision which has yet to be fulfilled.

So, what is the purpose of this ambitious campaign, who is behind it, and what can we expect of it – and of ourselves?  The purpose is stated on its website and is quite clear.

We are a Movement of Movements

“The Worldwide #WaveOfAction begins April 4th and runs through July 4th.

During this three-month cycle, people throughout the world will be protesting corruption, rallying around solutions and taking part in alternative systems. The new paradigm will be on full display.

Studies have proven that it only takes 3.5% of the population taking nonviolent action to create meaningful and positive change. The #WaveOfAction gives all of us who want change a powerful opportunity to #EvolveSociety.

Change-makers all over the world will be engaged at the same time in an unprecedented wave of transformation.”

OK, that sounds acceptable (to most of the 99%, and certainly not the 1%).  Now, who is behind this?

I confess that I can’t say that I have figured that out.  It appears to be nobody.  Or, perhaps everybody.  Or, a coterie of patriots/anarchists/misfits who – such as when Zuccotti Park came to be occupied – are taking it upon themselves to rekindle that Occupy fire.

Word has it that #OWS #Anon and its allies put out a call to action for a World Wide Wave of creative community coordination and collaboration this winter.  There were two organizing conference calls prior to April 4.  One on March 25, and the other on April 2.  (David Degrawis one of the facilitators)

For an organizing call, it attracted verifiable luminaries:  Barbara Max HubbardMarianne WilliamsonRussell BrandKevin ZeesePatricia EllsbergDylan RattiganJohn Perry Barlow, and Lee Camp.  If “you are known by the company you keep,” #WaveOfAction is keeping good company.

Whoever started it, it can be said that occupiers around the world are standing with it, and many called in to declare that support and to announce events they were planning locally.

But, they are coming up against a very familiar foe – themselves.

The Naysayers…and worse

Anyone familiar with Occupy knows that it is rife with the usual suspects:  gripers, snipers and full-blown trolls whose only purpose seems to be that of making sure that “solidarity” will never be had.  “How dare (someone/something) do/be (provide the offense).”  Everything is suspect, and anyone taking a lead roll is to be suspected.

Whether or not this will affect the success of #WaveOfAction will not be known for some time, but the offenders are being put on notice.  Activist and creater of Occu-Evolve,Sumumba Sobukwe, had this to say:

“The Irony of those complaining about this ‘Wave of Action’ is that it will only be a failure if they continue to find fault with EVERYTHING that ‘reeks’ of coordination that might make people move beyond facebook, twitter and other social media ‘activism’ as well as their own silos of causes and interests to actually go out and organize with others in the streets.”

He continues, “When did an ‘occupy’ action ever draw more than a few hundred people that didn’t have unions, grassroots or other groups involved? Who are we fooling here? Occupy has ALWAYS been made up of different groups and individuals, and that’s where the concept of the ’99%’ came closest to being real or at least unifying in theory.”

So, in addition to proving Pogo’s theorem, “We have met the enemy, and they are us,” what other odds militate against the campaign having any major effect?  Let me count the ways:

1. A largely indifferent press.  Activists deride the “MainStream Media” for not paying attention to even the largest of its protests and greatest of its triumphs.  Occupy is hardly alone.  Last year’s March Against Monsanto which attracted a half-million marchers or more worldwide did not find its way into print or broadcast in any meaningful way. (P.S.  Occupy folk helped make that march happen, as well).

  1. A police force dedicated to crushing public dissent.  Naaaah, that can’t be happening here in America, right?  That’s what you find in Russia, or Egypt, or China.  Thank God that “to serve and protect” applies to citizens in the street and peaceful protestors, yes?  Here’s a retired cop who has a word or two on that, Captain Ray Harris. Oh, and not to forget Cecily McMillan’s experience with the Boys in Blue which finds her at risk of jail time for resisting their abuse.
  2. Elected officials.  One would think that people who are elected to represent us willactually represent us, and that they will be at the front of any parade or protest demanding justice and protecting civil liberties.  Think again.  If you ain’t got the money (and few occupiers/activists do), they ain’t got the time. And, if their party can’t co-opt your movement for their betterment, they’ll be the first to applaud authorities who arrest you. Hell, they will demand that force be used.
  3. The 1%.  You can be certain that the #WaveOfAction will be countered by a #FloodOfMoney spent to discredit its work and mission.  Did I mention Fox?  CNN?  Stay tuned and see how money talks.

So, I leave it to you, the reader.  Will this be a “Wave,” or a “Wave Goodbye” on the part of Occupy and its brother and sister causes?  Will you listen to the detractors within and the enemies without and surrender to the impossible forces against you?

Or, will you take comfort in your own, amazing numbers and brilliance and continue to fight the good fight as so many have before you in America’s history. You are the dream that Martin referred to, and the nightmare that the 1% are waking up to.

When you realize that, the others in the 3.5% of the population will as well.  Won’t that be exciting.

     

Advertisements

Un wikipediano in residenza al Mart

#MART #ROVERETO #cookednews

Il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto istituisce una residenza aperta non solo ad artisti, ma anche ai professionisti emergenti che applicano vecchie e nuove tecnologie alla cultura. Periodi di sei mesi, retribuiti, per sperimentare, mettersi alla prova, proporre nuove soluzioni a vecchi problemi e coinvolgere visitatori e residenti in modo attivo nella programmazione delle diverse attività che si svolgono al Museo.

La prima residenza, prevista tra maggio e ottobre 2014, è per un wikipediano. Le successive saranno comunicate nei prossimi mesi. Aderendo al Progetto GLAM di Wikipedia, il Mart ospiterà un wikipediano, selezionato direttamente da Wikimedia Italia, la corrispondente italiana ufficiale di Wikimedia Foundation, Inc.

Al Mart il wikipediano lavorerà fianco a fianco con i curatori, gli archivisti, i bibliotecari e i comunicatori di un museo d’arte. Il suo lavoro consisterà nel portare su Wikipedia i contenuti di qualità sviluppati dal Museo, per rendere liberamente accessibili a un pubblico molto vasto un patrimonio di dati su argomenti come le avanguardie futuriste, le ricerche verbovisuali, la poesia sonora o gli archivi di architettura; sugli artisti trentini dell’ADAC; su autori italiani e internazionali di cui il Museo conserva opere d’arte, materiale archivistico e librario. La residenza sarà anche l’occasione per immettere in rete, eventualmente modificandone lo status giuridico in base alle esigenze del Museo, materiale iconografico e documentario di interesse per le comunità di studiosi e per il grande pubblico.
Infine, la residenza darà l’occasione al wikipediano di acquisire nuove conoscenze professionali e di confrontarsi con gli standard e le pratiche museali.

Come candidarsi
Per candidarsi basta inviare entro domenica 13 aprile 2014 il proprio curriculum vitæ in formato PDF e una lettera di accompagnamento all’indirizzo wir@wikimedia.it indicando nell’oggetto ‘Candidatura WIKIPEDIANO IN RESIDENZA – MART’.

La call è aperta a candidati di ogni nazionalità, età e genere.

Il testo completo della call è disponibile al link:
http://bit.ly/wikipedianoalmart
also available in English at:
http://bit.ly/wikipedianatmart

#Mart  #Rovereto #cookednews #wikimedia #Wiki #rovereto

#www #WaveOfAction Worldwide Wave Launch Gatherings – The People REVOLT

#WaveOfAction 4-4-14 ~ 7-4-14 #Cookednews

Now that you’ve seen The People REVOLT in Tunisia, Turkey, Spain, Egypt, Brazil and the Ukraine, tell me what will happen on the streets

On April 4th, we will launch the first phase of the Worldwide Wave of Action by gathering at Zuccotti Park and former occupation sites throughout the world to honor the legacy of Dr. Martin Luther King, Jr.  At 6:05pm CT, the time of his assassination, we will host vigil ceremonies and resurrect his spirit of nonviolent direct action.

People with opinions across the political spectrum are invited to unite and find common ground against corruption. We will overcome divide and conquer propaganda by forming communities of support and compassion. Together we will fight for freedom and begin engaging in a relentless campaign of nonviolent civil disobedience. People will pledge to take part in whatever tactics they are interested in throughout a sustained three-month cycle.  Here’s a basic list of tactics…

> Mass gatherings, demonstrations;
> Marches, parades;
> Flash mobs, swarms;
> Shutdown harmful corporate and governmental operations;
> Worker Strikes;
> Hunger strikes;
> Sit-ins;
> Strategic defaults, debt strikes;
> Foreclosure prevention;
> Boycotting corrupt corporations;
> Move your money out of the big banks and the stock market;
> Use alternative currencies and economic systems;
> Cancel your cable television and support independent media;
> Use independent online tools that don’t sell your info / protect privacy;
> Online civil disobedience, Anonymous operations;
> Leak information on corruption;
> Use alternative energy;
> Build urban and hydroponic farms, or get your food from them;
> Support local businesses;
> Join local community organizations;
> Take part in food banks and help develop community support systems;
> Start or join intentional and autonomous communities;
> Experiment with new governing systems, Liquid Democracy;
> Host teach-ins;
> Organize socially conscious events;
> Make conscious media;
> Guerrilla postering, messages on money;
> Help inspiring groups and organizations spread their message;
> Random acts of kindness and compassion;
> Mass meditations, prayer sessions and spiritual actions.

You know what you can do to play a part. Do whatever you feel inspired to do. Amplify what you are already doing. Think about what you are willing to do to be the change we urgently need to see in the world, and then do it.

We look forward to seeing you in action!

Organize a Worldwide Wave launch gathering in your hometown and post the details here

#WaveOfAction #WakeUp #cookednews #www #WaveOfAction #privacy

AMAZING news/Antagonismo e Attivismo/Arte/Articoli/Artscience/Attualità/Audiovisual Art/AV/Bio Art/Blogs/calcio/cinema/Cinema/Clubbing/Computer Animation & Graphics/Contemporary Art/controcultura/Cooked News/Cronaca/Cultura/Design/Design Do It Yourself/Economia/Electronic Music Essays/entertainment/Esteri/Eventi/fashion/Free Software/Gossip&VIP/I Post più letti/in Italia/Internazionale/Internet/Interni/Latest news/Lavoro/Magazines/Musica/New Media/News dallo Spazio/Newspapers/notizie e politica/Politica/Rete sociale/Spettacolo/Sport/Uncategorized/VJ/Web News/world news/Worpress.Com

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

In pictures: Global Day of Action – In Pictures – Al Jazeera English

#salvArte: Salviamo l’insegnamento della storia dell’arte e della Geografia

#salvArte #Cookednews

L’Italia, paese di straordinaria bellezza geografica, è scrigno della maggior parte del patrimonio culturale e artistico del mondo ed è dunque un paese con straordinarie potenzialità di crescita occupazionale nel turismo culturale e naturalistico.

Eppure la riforma Gelmini ha ridotto drasticamente le ore di insegnamento della geografia e della storia dell’arte al punto da provocarne la sostanziale abolizione.

Un vero scandalo a cui il nuovo Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini può e deve porre rimedio, nell’interesse del nostro Paese e delle future generazioni.

Da cinque anni insegno presso l’Università Bicocca per il corso di laurea magistrale ‘Turismo, territorio e sviluppo locale’ e da due anni presso l’Università di Tor Vergata per il corso di laurea in ‘Progettazione e Gestione dei sistemi turistici’. Ho incontrato tantissimi docenti, studenti, imprenditori ed operatori turistici che ribadiscono la necessità di ripristinare e potenziare l’insegnamento della Geografia e della Storia dell’Arte nelle scuole italiane, proprio perché siamo un paese di turismo culturale.

Chiedo al nuovo Ministro dell’Istruzione e al Presidente del Consiglio, che già si è pronunciato sull’importanza dell’istruzione e della scuola, di dichiarare pubblicamente la volontà di riparare ai danni causati dalla riforma Gelmini e garantire già a partire dal prossimo anno scolastico, una chiara svolta in tal senso.

Salvare la storia dell’arte e la Geografia #salvArte. Questa petizione sarà consegnata a: Stefania Giannini, Ministro dell’Istruzione Matteo Renzi, Presidente del Consiglio.

Lanciata da Alfonso Pecoraro Scanio Italy

#salvArte#CookedNews#CookedNews,

 

Tutti gli uomini di Matteo Renzi

Renzi pigliatutto: segretario del Pd #Cookednews

Una magistrale inchiesta di Franco Fracassi svela l’intreccio dei nomi che svernano all’ombra di Renzi. E c’è poco da stare allegri perchè, tra questi, ve ne sono di terribilmente inquietanti.

Quando negli anni Ottanta Michael Ledeen varcava l’ingresso del dipartimento di Stato, al numero 2401 di E Street, chiunque avesse dimestichezza con il potere di Washington sapeva che si trattava di una finta. Quello, per lo storico di Los Angeles, rappresentava solo un impiego di facciata, per nascondere il suo reale lavoro: consulente strategico per la Cia e per la Casa Bianca. Ledeen è stato la mente della strategia aggressiva nella Guerra Fredda di Ronald Reagan, è stato la mente degli squadroni della morte in Nicaragua, è stato consulente del Sismi negli anni della Strategia della tensione, è stato una delle menti della guerra al terrore promossa dall’Amministrazione Bush, oltre che teorico della guerra all’Iraq e della potenziale guerra all’Iran, è stato uno dei consulenti del ministero degli Esteri israeliano.

Oggi Michael Ledeen è una delle menti della politica estera del segretario del Partito democratico Matteo Renzi. Forse è stato anche per garantirsi la futura collaborazione di Ledeen che l’allora presidente della Provincia di Firenze si è recato nel 2007 al dipartimento di Stato Usa per un inspiegabile tour. Non è un caso che il segretario di Stato Usa John Kerry abbia più volte espresso giudizi favorevoli nei confronti di Renzi. Ma sono principalmente i neocon ad appoggiare Renzi dagli Stati Uniti. Secondo il ‘New York Post’, ammiratori del sindaco di Firenze sarebbero gli ambienti della destra repubblicana, legati alle lobby pro Israele e pro Arabia Saudita. In questa direzione vanno anche il guru economico di Renzi, Yoram Gutgeld, e il suo principale consulente politico, Marco Carrai, entrambi molti vicini a Israele. Carrai ha addirittura propri interessi in Israele, dove si occupa di venture capital e nuove tecnologie. Infine, anche il suppoter renziano Marco Bernabè ha forti legami con Tel Aviv, attraverso il fondo speculativo Wadi Ventures e, il cui padre, Franco, fino a pochi anni fa è stato arcigno custode delle dorsali telefoniche mediterranee che collegano l’Italia a Israele.

Forse aveva ragione l’ultimo cassiere dei Ds, Ugo Sposetti, quando disse: «Dietro i finanziamenti milionari a Renzi c’è Israele e la destra americana». O perfino Massimo D’Alema, che definì Renzi il terminale di «quei poteri forti che vogliono liquidare la sinistra». Dietro Renzi ci sono anche i poteri forti economici, a partire dalla Morgan Stanley, una delle banche d’affari responsabile della crisi mondiale. Davide Serra entrò in Morgan Stanley nel 2001, e fece subito carriera, scalando posizioni su posizioni, in un quinquennio che lo condusse a diventare direttore generale e capo degli analisti bancari.
La carriera del giovane broker italiano venne punteggiata di premi e riconoscimenti per le sue abilità di valutazione dei mercati. In quegli anni trascorsi dentro il gruppo statunitense, Serra iniziò a frequentare anche i grandi nomi del mondo bancario italiano, da Matteo Arpe (che ancora era in Capitalia) ad Alessandro Profumo (Unicredit), passando per l’allora gran capo di Intesa-San Paolo Corrado Passera. Nel 2006 Serra decise tuttavia che era il momento di spiccare il volo. E con il francese Eric Halet lanciò Algebris Investments.
Già nel primo anno Algebris passò da circa settecento milioni a quasi due miliardi di dollari gestiti.
 L’anno successivo Serra, con il suo hedge fund, lanciò l’attacco al colosso bancario olandese Abn Amro, compiendo la più importante scalata bancaria d’ogni tempo. Poi fu il turno del banchiere francese Antoine Bernheim a essere fatto fuori da Serra dalla presidenza di Generali, permettendo al rampante finanziere di mettere un piede in Mediobanca.

Definito dall’ex segretario Pd Pier Luigi Bersani «il bandito delle Cayman», Serra oggi ha quarantatré anni, vive nel più lussuoso quartiere di Londra (Mayfair), fa miliardi a palate scommettendo sui ribassi in Borsa (ovvero sulla crisi) ed è il principale consulente finanziario di Renzi, nonché suo grande raccoglitore di denaro, attraverso cene organizzate da Algebris e dalla sua fondazione Metropolis. E così, nell’ultimo anno il gotha dell’industria e della finanza italiane si sono schierati uno a uno dalla parte di Renzi. A cominciare da Fedele Confalonieri che, riferendosi al sindaco di Firenze, disse: «Non saranno i Fini, i Casini e gli altri leader già presenti sulla scena politica a succedere a Berlusconi, sarà un giovane». Poi venne Carlo De Benedetti, con il suo potentissimo gruppo editoriale Espresso-Repubblica («I partiti hanno perduto il contatto con la gente, lui invece quel contatto ce l’ha»). E ancora, Diego Della Valle, il numero uno di Vodafone Vittorio Colao, il fondatore di Luxottica Leonardo Del Vecchio e l’amministratore delegato Andrea Guerra, il presidente di Pirelli Marco Tronchetti Provera con la moglie Afef, l’ex direttore di Canale 5 Giorgio Gori, il patron di Eataly Oscar Farinetti, Francesco Gaetano Caltagirone, Cesare Romiti, Martina Mondadori, Barbara Berlusconi, i banchieri Fabrizio Palenzona e Claudio Costamagna, il numero uno di Assolombarda Gianfelice Rocca, il patron di Lega Coop Giuliano Poletti, Patrizio Bertelli di Prada, Fabrizio Palenzona di Unicredit, Il Monte dei Paschi di Siena, attraverso il controllo della Fondazione Montepaschi gestita dal renziano sindaco di Siena Bruno Valentini, e, soprattutto, l’amministratore delegato di Mediobanca Albert Nagel, erede di Cuccia nell’istituto di credito.

Proprio sul giornale controllato da Mediobanca, ‘Il Corriere della Sera’, da sempre schierato dalla parte dei poteri forti, è arrivato lo scoop su Monti e Napolitano, sui governi tecnici. Il Corriere ha ripreso alcuni passaggi dell’ultimo libro di Alan Friedman, altro uomo Rcs. Lo scoop ha colpito a fondo il governo Letta e aperto la strada di Palazzo Chigi a Renzi. Il defunto segretario del Psi Bettino Craxi diceva: «Guarda come si muove il Corriere e capirai dove si va a parare nella politica». Gad Lerner ha, più recentemente, detto: «Non troverete alla Leopolda i portavoce del movimento degli sfrattati, né le mille voci del Quinto Stato dei precari all’italiana. Lui (Renzi) vuole impersonare una storia di successo. Gli sfigati non fanno audience».

#CookedNewshttps://www.facebook.com/CookedNews 

Antagonismo e Attivismo/Articoli/Attualità/Blogs/controcultura/Cooked News/Cronaca/Cultura/Economia/Esteri/I Post più letti/in Italia/Internazionale/Interni/Latest news/Magazines/Newspapers/notizie e politica/Politica/Rete sociale/Web News/world news/Worpress.Com

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

One Billion Rising: 48 hours of global activism!

VDAY2014 #cookednews

As February 14th dawns across the world, ONE BILLION RISING FOR JUSTICE begins 48 hours of global activism designed to focus the world’s attention on the issue of justice for all survivors of gender violence, and ending the rampant impunity that prevails globally. This day of action is part of a two year long activist led campaign highlighting the work of thousands of groups on the ground, deepening the connection of injustices, escalating pressure on government and media through constant activity and invigorating local and national movements through global solidarity and dancing.

For 48 hours as 14 February rolls across the globe, one billion women, men, and youth from 200 countries will peacefully gather outside places where they are entitled to justice – court houses, police stations, government offices, school administration buildings, work places, sites of environmental injustice, military courts, embassies, places of worship, homes, or simply public gathering places where women deserve to feel safe but too often do not – to shine a spotlight on injustice and to demand an end to violence against women and girls.

FOLLOW THE GLOBAL CAMPAIGN

For months, activists planning One Billion Rising for Justice events have used media, social platforms and the Internet to connect to one another and on Friday, they will continue to do so on a global scale like never ensuring their personal visions of justice heard.

Details on following One Billion Rising online and the campaign’s Live Streams:

One Billion Rising Homepage (www.onebillionrising.org) The homepage of OneBillionRising.org has been transformed into a social media and digital activism platform, a one-stop location to follow the global campaign in real-time with updates from grassroots organizers, access to live stream events, links to coverage of the campaign, and statements of support, and of defiance, from across social media.

#rise4justice and #1billionrising Online activists are rising together on Facebook, Twitter, YouTube, Tumblr, Instagram, and Soundcloud, among others. This year, the campaign is using the hashtags #rise4justice and #1billionrising to connect a creative community of supporters and to highlight the thousands of photos, videos, and art, including original songs, videos, poems, and dance, that are being shared at rapid speed.

Around the Clock, from Around the World – Live Stream Schedule

Kicking off with a flash mob outside of the Presidential Place in the Philippines, One Billion Rising will live stream more than two-dozen events from around the world from Lima, Peru to Trafalgar Square in the heart of London.

One Billion Rising for Justice Live Stream Schedule (subject to change)

One Billion Rising for Justice Live Stream Schedule (subject to change)

Philippines

10:30am-12pm PHT / 9:30-11pm EST (2/13) / 2:30-4am GMT (2/14)

India (Ahmadabad, Gujarat)

11:30am – 12:30pm IST / 1-2am EST / 6-7am GMT

Bangladesh Time

TBD

Philippines

3-8pm PHT / 2-7am EST / 7am – 12pm GMT

Congo

12pm CAT / 5am EST / 10am GMT

London

12pm – 1pm GMT / 7am – 8am EST

Cape Town

2:30pm SAST / 7:30am EST / 12:30pm GMT

Hungary

2pm – 3pm CET / 8am – 9am EST / 1-2pm GMT

Italy

2:15pm CET / 8:15am EST / 1:15 GMT

Pakistan

6:30pm PKT / 8:30am EST / 1:30pm GMT

Italy

4pm CET / 10am EST / 3pm GMT

NYC: JustLove

10am – 6pm EST (break 2-3) / 3pm – 11pm GMT (break 7-8)

Atlanta

10am-2pm (break 11:30-12:30) CT / 11am – 3pm (break 12:30-1:30) EST / 4-8pm (break 5:30 – 6:30) GMT

Guatemala

11am – 12pm CST / 12-1pm EST / 5-6pm GMT

Los Angeles (West Hollywood)

10-11am PST / 1-2pm EST / 6-7pm GMT

Santa Fe

12PM MT / 2pm EST / 7pm GMT

Guyana

4pm – 5:30pm GYT / 3-4:30pm EST / 8-9:30 GMT

Los Angeles (Downtown LA)

4-5pm EST / 9-10pm GMT

Miami

5-7pm EST / 10pm – 12am GMT

Peru

6pm PET / 6pm EST / 11pm GMT

San Francisco

4-6pm PT / 7-9pm EST / 12-2am GMT

NYC: RISE NYC

8pm – 11:30pm EST / 1am – 4:30am GMT

Mexico City (2/15/14)

11am CST / 12pm EST / 5pm GMT

Disclaimer: As with any live-streaming event, there are technical considerations that may be beyond our control. V-Day will do its best to make sure that the events listed are streamed in their entirety; however, we cannot make any guarantee of 100 percent uptime.

On this day, 14 February, 2014, V-activists will shine a spotlight on the darkness of injustice and make the connections between their visions of justice and the ultimate goal of eliminating all forms of violence against women and girls by RISING, RELEASING and DANCING in the light.

 

To get involved with V-Day and ONE BILLION RISING FOR JUSTICE:

·SIGN UP at www.onebillionrising.org

·LIKE US on Facebook at Facebook.com/vday

·FOLLOW on Twitter @VDay and #rise4justice

·RECEIVE text message updates, text BILLION to 50555 (US only)

·REGISTER your event on the One Billion Rising For Justice map

·SHARE “What Justice Looks Like” to you, via video, words, song, art, poetry…

·READ blog content from Global Coordinators and activists

·WATCH the new One Billion Rising For Justice short film

·MEET Global Coordinators

For more information, visit http://www.onebillionrising.org.

# # 

About V-Day

V-Day is a global activist movement to end violence against women and girls that raises funds and awareness through benefit productions of Playwright/Founder Eve Ensler’s award winning play ‘The Vagina Monologues’ and other artistic works. The V-Day movement has raised over $100 million; educated millions about the issue of violence against women and the efforts to end it; crafted international educational, media and PSA campaigns; reopened shelters; and funded over 13,000 community-based anti-violence programs and safe houses in Democratic Republic of Congo, Haiti, Kenya, and Iraq. V-Day has received numerous acknowledgements and awards and is, one of the Top-Rated organizations on both Charity Navigator and Guidestar.  V-Day’s most recent global campaign, ONE BILLION RISING, galvanized over one billion women and men on a global day of action towards ending violence against women and girls. www.vday.org

#1BillionRising#CookedNews#Rise4Justice

In viaggio con Lady Ghigliottina Boldrini

La Boldrini nel suo ruolo è inadeguata, impropria, miracolata. Lo sa lei, lo sanno tutti. Ha due meriti, piace a Napolitano e ubbidisce agli ordini e, per questo Regime, due medaglie così bastano e avanzano. La Boldrini deve andarsene e in fretta dalla Camera. Il presidente della Camera è un ruolo di garanzia del dibattito parlamentare. Lei ha tradito il suo mandato.

Il decreto legge IMU-Bankitalia ha regalato 7,5 miliardi alle banche sottratti agli italiani (e Renzie predica da un mese che vuole far risparmiare un miliardo agli italiani…) con un sotterfugio da magliari di terz’ordine, associare l’abolizione della seconda rata dell’IMU alla sottrazione di valore di Bankitalia. Si potevano scorporare i due decreti, il M5S avrebbe immediatamente votato per l’abolizione dell’IMU, non è stato fatto. Il M5S ha sollevato delle eccezioni a norma di regolamento, ha fatto “opposizione” da non confondere con il termine “ostruzionismo” caro ai telegiornali e alla carta igienica quotidiana che sono diventati quasi tutti i giornali.

Non siete abituati all’opposizione dopo decenni di inciuci? Beh, dovrete farvene una ragione. A termini di regolamento giovedì erano previsti numerosi interventi che avrebbero, per la loro durata, fatto decadere il decreto. La cosiddetta “tagliola“, la procedura che consente di interrompere la discussione e andare immediatamente al voto è presente nel regolamento del Senato, ma NON in quello della Camera. La Boldrini ha interrotto ogni discussione senza neppure l’appiglio del regolamento. Ha agito motu proprio, con un abuso di potere, fatto votare in un minuto per scappare dalla porta di servizio. Non era mai successo nella storia della Repubblica, neppure ai tempi di Pajetta che scavalcava i banchi per colloquiare con i colleghi democristiani o ai tempi di Tambroni. Mai è stata messa a tacere l’opposizione con un atto di imperio di natura strettamente personale. Giovedì 29 gennaio la democrazia è morta. Si è accettato il principio che le opposizioni, quando disturbano il Potere, devono essere messe a tacere ad ogni costo. Prima le banche, poi i cittadini.

I politici sono i camerieri dei banchieri e 7,5 miliardi valgono le messe di un’intera legislatura e la fine del confronto parlamentare. Boldrini a casa.

Il viral video di oggi. Pubblicato de giorni fa da FreedomChannelG su youtube, è stato ripreso da tutta la stampa nazionale e internazionale e fatto il giro (dell’Oca) della Rete. Visualizzazioni 5.676, all’orario in cui scriviamo, (19.01 ora italiana), su un canale youtube da 823 iscritti.

FreedomChannelG – YouTube

#CookedNews

Il Csm lancia un appello al ministro Cancellieri: ‘sostenga la magistratura’

cancellieri-anna-maria-italyphotopress-258 (1)Il plenum del Consiglio superiore della magistratura ha approvato a maggioranza l’appello al ministro Cancellieri per un intervento del Guardasigilli nella sede dell’organo di autogoverno della magistratura. Il documento, presentato oggi con la corrente moderata dei magistrati Unicost, dopo una serie di modifiche in seguito a numerosi interventi dei consiglieri, è stato ‘faticosamente approvato’, come sottolinea il vicepresidente del Csm Michele Vietti, con 19 voti a favore, 3 contrari e 2 astenuti.

L’appello alla Guardasigilli
Il ministro della Giustizia faccia sentire il proprio sostegno alla magistratura intera senza incertezza alcuna’: è quanto chiedono i consiglieri di Unicost al Csm di fronte alla ‘ennesima puntata del ‘rituale’ conflitto tra giustizia e politica’. È ‘indispensabile che tra tutte le istituzioni vi sia il massimo rispetto’, dice il documento. Il documento dei consiglieri di Unicost è stato presentato stamattina al plenum del Csm con la richiesta di procedere ad una discussione in via d’urgenza. Al ministro il gruppo chiede anche di affrontare ‘subito i temi reali e le difficoltà che affliggono il sistema giudiziario italiano’, e di avviare ‘al più presto’ un dialogo con il Csm per ‘tracciare un’agenda di lavoro sulle priorità essenziali’. Unicost chiede infine al vicepresidente del Csm, Michele Vietti, di concordare con il ministro Cancellieri un incontro, che dovrà avvenire con tutta l’assemblea di Palazzo dei Marescialli.

Marina Berlusconi: processo Ruby ‘farsa che non doveva nemmeno cominciare’
A fare discutere, sul fronte della giustizia, anche le parole utilizzate in una intervista che uscirà sul numero di Panorama di domani dalla presidente di Fininvest e Mondadori, Marina Berlusconi, che ha definito il processo Ruby ‘una farsa che non doveva neppure cominciare. Le presunte vittime negano, o addirittura accusano l’accusa. I testimoni dei presunti misfatti non ne sanno nulla. Di prove neppure l’ombra’. Per la figlia dell’ex premier, i magistrati ‘Hanno lavorato per anni, hanno accumulato lo sproposito di 150 mila intercettazioni, hanno raccolto quintali di verbali, hanno vivisezionato in modo morboso e vergognoso la vita di mio padre e tutto per realizzare non un processo, ma una fiction agghiacciante ad uso e consumo di media molto compiacenti’.

(fonte il Sole24ore)

Processo Ruby: 6 anni e interdizione perpetua dai pubblici uffici per l’ex premier Berlusconi

ilda_boccassini-jpg-crop_displayIl pm Ilda Boccassini, al termine della requisitoria, ha chiesto 6 anni di reclusione per l’ex premier Silvio Berlusconi, imputato di concussione e prostituzione minorile nel processo Ruby. Il pm ha inoltre chiesto l’interdizione perpetua dai pubblici uffici per l’ex premier.

Ruby nipote di Mubarak? ‘Fu una balla colossale’. Questo un passaggio della requisitoria dl pm Ilda Boccassini. ‘Silvio Berlusconi temeva che Ruby, rimanendo in Questura, potesse disvelare di avere fatto sesso con il Presidente del Consiglio ad Arcore. Perché sapeva che era minorenne: lo sapeva Emilio Fede, lo sapeva la Minetti, la De Coinceicao, la Pasquino, lo sapeva Mora’.

Poco prima delle conclusioni, il pm del processo Ilda Boccassini, aveva tirato i suoi colpi finali. È un contesto ‘prostitutivo’, di interessi economici, di arrembaggio per una particina in tivù, di mancanza di valori culturali, quello in cui arriva la minorenne Ruby Rubacuori il giorno in cui mette piede ad Arcore per la prima volta: 14 febbraio 2010. Così accusa Ilda Boccassini nel giorno della sua requisitoria finale in un’aula stracolma di giornalisti. Ricorda, il magistrato, che l’inasprimento delle leggi sulla prostituzione minorile furono volute proprio dal governo Berlusconi, il pm Ilda Boccassini, nell’introduzione della sua attesissima requisitoria.

Una premessa necessaria per spiegare anche perché di questa vicenda si è occupata lei stessa, responsabile della Procura distrettuale antimafia, proprio grazie alle competenze attribuite da queste nuove leggi. Quindi, il pm è passata ad illustrare la storia del processo e di Karima El Mahroug, in arte Ruby Rubacuori. ‘Il collega Sangermano vi ha dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio, che presso l’abitazione di Arcore del presidente del consiglio, le ragazze invitate facevano parte di un sistema prostitutivo organizzato per compiacere il piacere di Silvio Berlusconi’.

Un ‘piacere’ che, nonostante l’assenza di inchieste, era noto già a tutti in quell’epoca, maggio 2010, quando Ruby venne fermata e portata in Questura. ‘Anche i funzionari della questura erano consapevoli del pericolo che poteva rappresentare l’emergere delle frequentazioni di una minorenne con l’allora premier, che temeva lo scandalo’.

Ruby, spiega il pm, non ha una casa, vive di espedienti e si prostituisce: ‘E in questo contesto che arriva ad Arcore, ovvero in quel sistema prostitutivo organizzato per compiacere Silvio Berlusconi e organizzato da Fede, Minetti e Mora. È quando Ruby il 14 febbraio 2010 arriva ad Arcore, queste tre persone ci sono. E quando viene portata alla villa da Emilio Fede, il direttore del Tg4 è consapevole della sua minore età, avendo partecipato come presidente di giuria al concorso di bellezza svoltosi appena qualche mese prima a Taormina‘.

‘Possiamo veramente immaginare che in quel contesto una persona che ha quel rapporto di amicizia e fedeltà assoluta con il premier non abbia avvertito il presidente che stava introducendo nella serata di Arcore anche una minorenne?’. Il pm è poi passata ad illustrare il reato di concussione, relativo alla ‘liberazione’di Ruby dalla questura la sera del 28 maggio 2010. Dopo aver ripercorso le conversazioni della funzionaria in servizio Giorgia Iafrate con il pm dei minori Fiorillo e ricostruito minuziosamente le telefonate di Silvio Berlusconi al capo di Gabinetto della Questura Pietro Ostuni da mezzanotte in avanti (le chiamate, attraverso il cellulare del capo scorta furono almeno 7), ha definito una ‘scusa grossolana’ aver definito Ruby ‘nipote di Mubarak’, meglio, ‘una balla colossale’.

‘Ora mi sembra evidente di aver potuto dimostrare ogni oltre ragionevole dubbio che quella notte i vertici della Questura di Milano, a seguito dell’interferenza del presidente del Consiglio rilasciarono la minore e la consegnarono a una prostituta tramite la Minetti’. Tutti sapevano, ha detto Boccassini, che Karima era una minorenne, ‘lo dimostra il semplice fatto che subito ne venne chiesto l’affido e l’affido si può chiedere solo per i minori’.

La sentenza è attesa per il prossimo 24 giugno.

Su Twitter#Boccassini#Ruby#laguerradeiventanniMubarakArcore

Blog at WordPress.com.