Birmania: no censura ai giornalisti, abolita la pratica del silenzio


L’annuncio del ministero dell’Informazione. I giornalisti non dovranno più sottoporre il proprio lavoro, prima della pubblicazione, al vaglio delle autorità. I rigidi controlli sulla stampa furono introdotti nell’agosto del 1964.  La decisione del governo di Myanmar arriva in piena estate con l’abolizione della censura sui media. Lo annuncia il ministero dell’Informazione, secondo quanto riferito dalla Bbc. In base alle nuove disposizioni emanate dal Dipartimento per il controllo e la registrazione dei mezzi di informazione, i giornalisti potranno pubblicare liberamente, senza previo controllo da parte delle autorità e sulla base della propria esperienza professionale.

Lo scorso anno la censura era stata revocata per le pubblicazioni ideologicamente meno sensibili, per esempio i testi delle canzoni o delle fiabe. Era però rimasta in piedi per la maggior parte dei libri e per giornali, televisioni e radio, specie se di forte connotazione politica o religiosa.

Prosegue così il percorso di riforme del nuovo governo birmano, formalmente civile sebbene guidato da un generale a riposo, Thein Sein. Aperture che hanno raggiunto il culmine con la scarcerazione di centinaia di prigionieri politici a partire dalla leader dell’opposizione non violenta, Aung San Suu Kyi, insignita nel 1991 del premio Nobel per la Pace.

Advertisements

Stalker on Facebook: la saltatrice Friedrich intercetta il molestatore e lo denuncia sul social network

La campionessa di salto in alto Ariane Friedrich ha denunciato il suo stalker su Facebook. Dopo ripetute molestie attraverso il social network l’atleta tedesca, che sarà alle Olimpiadi di Londra a luglio 2012, ha subito pubblicato i dati del fastidioso fan, ricevendo la solidarietà di molti, ma scatenando anche diverse polemiche sulla violazione della legge sulla privacy.

La ginnasta non si è limitata a denunciare il suo stalker, che le aveva anche inviato sul suo profilo una foto delle parti intime, ma ha rivelato su Facebook nome e luogo di residenza del molestatore. In molti hanno difeso l’atleta che parteciperà ai prossimi Giochi Olimpici di Londra e che ha ricevuto numerose critiche per essersi fatta giustizia da sola.

Pareri controversi dalle prime pagine dei giornali sulla possibilità da parte di Ariane Friedrich di aver commesso un reato ed essere per questo citata in giudizio. Per il quotidiano tedesco Der Spiegel ‘in uno stato di diritto è compito della giustizia decidere’, mentre la Süddeutsche Zeitung scrive che la Friedrich ‘ha messo l’uomo alla gogna’.

La polizia cerca di limitare l’ingerenza dell’opinione pubblica e fa parlare un portavoce che rassicura: ‘Stiamo stanno facendo tutti gli accertamenti necessario a capire cosa è successo’.

Cosa è Cooked News?

Iniziamo col dire cosa non è Cooked News. Non è un sito di ricette. Non si cucina se non i fatti del giorno e gli ingredienti non si comprano al mercato, se non quello editoriale.

Newspaper, magazines, blogs, ma anche il web in generale, dalla radio alla tv, gli altri giornali, tutti e le agenzie di stampa saranno un aiuto, amici o nemici, nel fare informazione.

Una rassegna stampa? No neppure, sicuramente ci teniamo a dare le notizie del giorno e quelle di qualche giorno prima. E ad anticipare la concorrenza, quando questa arriva in in ritardo su temi scottanti sociali e non.

La nostra ricerca comprenderà l’analisi e l’approfondimento, le breaking news e le cooked news, quelle cucinate. Cuochi prodigio del giornalismo rampante nuoteremo in acque talvolta malsane, in cerca di argomenti da discernere e ripulire per arrivare al cuore della notizia, da consegnare integra a lettori proficuamente insidiosi e speriamo, intellettualmente stimolanti.  

Cercando di scansare attentamente l’ingordigia e la bulimia mediatica, scarpe consunte ai piedi, taccuino e penna alla mano, non perderemo un solo ingrediente per cucinare ogni giorno le più salienti Cooked News di questo nuovo sito d’informazione

Ad accompagnarci un vivace spirito al cui orecchio bisbiglia una sana curiosità

Blog at WordPress.com.