Philip Seymour Hoffman is died at 46

Philip Seymour #Hoffman como Truman #CapotePhilip Seymour Hoffman : 1967-2014

Philip Seymour Hoffman, one of the leading actors of his generation, who won an Academy Award for his title role in the film Capote, was found dead in his Manhattan apartment on Sunday in what a New York police source described as an apparent drug overdose.

‘U.S. actor Philip Seymour Hoffman attends the press conference for ‘Capote’ at the 30th International Film Festival in Toronto, September 11, 2005. ‘Capote’ is a portrait into the life of American writer Truman Capote, said Mike Cassese, REUTERS.

Hoffman, 46, was found unresponsive on the bathroom floor of his Greenwich Village apartment by police responding to a 911 call, and Emergency Medical Service workers declared him dead on the scene, New York City police said in a statement. An investigation was ongoing.

Film and stage actor and theater director Philip Seymour Hoffman was born in the Rochester, New York, suburb of Fairport on July 23, 1967. After becoming involved in high school theatrics, he attended New York University’s Tisch School of the Arts, graduating with a B.F.A. degree in Drama in 1989. He made his feature film debut in the indie production Triple Bogey on a Par Five Hole (1991) as Phil Hoffman, and his first role in a major release came the next year in My New Gun (1992). While he had supporting roles in some other major productions, his breakthrough role came in Paul Thomas Anderson‘s Boogie Nights – L’altra Hollywood (1997). He quickly became an icon of indie cinema, establishing a reputation as one of the screen’s finest actors, in a variety of supporting and second leads in indie and major features, including Todd Solondz‘sHappiness (1998), Flawless – Senza difetti (1999), Il talento di Mr. Ripley (1999), Paul Thomas Anderson‘s Magnolia (1999), Quasi famosi (2000) and Hollywood, Vermont(2000). He also appeared in supporting roles in such mainstream, big-budget features asRed Dragon (2002), Ritorno a Cold Mountain (2003) and the upcoming Mission: Impossible III (2006).

Hoffman is also quite active on the stage. On Broadway, he has earned two Tony nominations, as Best Actor (Play) in 2000 for a revival of Sam Shepard‘s “True West” and as Best Actor (Featured Role – Play) in 2003 for a revival of Eugene O’Neill (I)’s “Long Day’s Journey into Night”. His other acting credits in the New York theater include “The Seagull” (directed by Mike Nichols for The New York Shakespeare Festival), “Defying Gravity”, “The Merchant of Venice” (directed by Peter Sellars), “Shopping and F*@%ing” and “The Author’s Voice” (Drama Desk nomination). He is the Co-Artistic Director of the LAByrinth Theater Company in New York, for which he directed “Our Lady of 121st Street” by Stephen Adly Guirgis. He also has directed “In Arabia, We’d All Be Kings” and “Jesus Hopped the A Train” by Guirgis for LAByrinth, and “The Glory of Living” by Rebecca Gilman at the Manhattan Class Company.

Hoffman consolidated his reputation as one of the finest actors under the age of 40 with his turn in the title role of Truman Capote – A sangue freddo (2005), for which he won the Los Angeles Film Critics Award as Best Actor. In 2006, he was awarded the Best Actor Oscar for the same role.

Philip Seymour Hoffman ‘Actors are responsible to the people we play. My passion to develop as an actor didn’t have anything to do with people knowing me. I had no idea that would happen. To become famous, to become a celebrity is something that I thought happened to other people.’

[on Truman Capote – A sangue freddo (2005)] I knew that it would be great, but I still took the role kicking and screaming. Playing Capote took a lot of concentration. I prepared for four and a half months. I read and listened to his voice and watched videos of him on TV. Sometimes being an actor is like being some kind of detective where you’re on the search for a secret that will unlock the character. With Capote, the part required me to be a little unbalanced, and that wasn’t really good for my mental health. It was also a technically difficult part. Because I was holding my body in a way it doesn’t want to be held and because I was speaking in a voice that my vocal cords did not want to do, I had to stay in character all day. Otherwise, I would give my body the chance to bail on me.

[on ‘The Master’] L. Ron Hubbard is the reference, but it isn’t L. Ron Hubbard. There are things he does that are referenced in Hubbard’s life, but ultimately there is no adherence to that fact. We took liberties because he is a fictional character.

(On quitting drinking at age 22) I think I would have drank myself to death, literally, if I didn’t just stop, once and for all when I did. I am not ever going to preach to anyone about drugs or drinking. But, for me, when they were around, I had no self control.

In May 2013, Hoffman announced that he checked into substance abuse treatment center because he had recently started snorting heroin.

Hoffman’s family has issued a statement: ‘We are devastated by the loss of our beloved Phil and appreciate the outpouring of love and support we have received from everyone. This is a tragic and sudden loss and we ask that you respect our privacy during this time of grieving. Please keep Phil in your thoughts and prayers.’

New York Mayor Bill de Blasio said via Twitter: ‘Saddened by Philip Seymour Hoffman‘s tragic and untimely passing. Today New York mourns the loss of one of stage and screen’s greats.’

Philip Seymour Hoffman is died on February 22014 (age 46) in Greenwich Village, New York, USA


http://www.imdb.com/

#CookedNews

Advertisements

Fichi d’India: Bruno Arena colto sul palco di Zelig da emorragia cerebrale

bruno-arena-e-massimiliano-cavallariL’artista Bruno Arena, noto al pubblico televisivo come uno dei Fichi d’India, ha accusato un malore nella serata di giovedì, al termine del suo intervento durante la registrazione della seconda puntata di Zelig. E’ stato immediatamente trasportato all’ospedale San Raffaele di Milano, dove gli è stata riscontrata un’emorragia cerebrale.

Arena è stato operato e l’intervento è riuscito. Attualmente rimane in rianimazione post operatoria con prognosi riservata. Gli autori di Zelig e la produzione dello show augurano all’attore un pronto recupero: ‘Tutta la squadra di Italia 1 è vicina alla famiglia di Arena e manda un abbraccio e un in bocca al lupo a Bruno, sicuri di rivederlo al più presto sul palco’.

Maratona di New York cancellata dopo l’uragano Sandy, Bloomberg: ‘Niente ombre’

(Dal Sole 24 ore). La maratona di New York è stata cancellata per la prima volta in oltre quarant’anni. Lo hanno deciso il sindaco di New York Michael Bloomberg e gli organizzatori dell’evento cedendo alle crescenti pressioni dalla città ancora alle prese con le drammatiche conseguenze dell’uragano Sandy. La tempesta tropicale ha investito la costa orientale degli Stati Uniti la notte di lunedì lasciando danni enormi e facendo almeno cento vittime. La maratona si è corsa ogni anno dal 1970, persino nel 2001, a meno di due mesi dagli attentati terroristici dell’11 settembre.

In un primo momento l’evento era stato confermato anche questa volta: al momento dell’annuncio era in corso l’allestimento del traguardo a Central Park. Il sindaco Bloomberg lo considerava come un’occasione di unità e riscatto per la città dopo l’alluvione. Ma con molte zone ancora senza elettricità, compresa mezza isola di Manhattan, e il progressivo peggioramento della situazione sull’isola di Staten Island, gli organizzatori hanno fatto retromarcia.

‘La maratona è stata parte della vita di New York per quarant’anni. Partecipano decine di migliaia di newyorchesi e milioni lo seguono. La corsa non avrebbe sottratto risorse all’emergenza uragano ma la questione era diventata una fonte di controversie e divisioni. La maratona è sempre stata un momento di unità per la città, un’occasione per storie di coraggio e determinazione. Non vogliamo esporre l’evento o i suoi partecipanti alle polemiche e abbiamo deciso di annullarla’.

La manifestazione, che per tradizione tocca tutti e cinque i quartieri di New York e alla quale erano iscritti in 50 mila, si sarebbe corsa sullo sfondo di una città ancora devastata. Un contrasto troppo forte per i presidenti dei quartieri di Manhattan e Staten Island e per molti maratoneti. Alcuni avevano già in programma di disertare la corsa per distribuire cibo e vestiti agli sfollati di Staten Island.

Altri si sarebbero presentati alla partenza, sul ponte di Verrazzano che separa Brooklyn da Staten Island, ma per correre nella direzione opposta al tracciato ed aiutare i volontari nelle zone colpite da Sandy. Non è ancora chiaro se la maratona sia stata cancellata in via definitiva o solo rimandata.

L’annuncio dal sito istituzionale della maratona

‘La città di New York e New York Road Runners annunciano che la ING New York Marathon 2012 è stata annullata. ‘Anche se la maratona non avrebbe distolto risorse dagli sforzi di soccorso, è chiaro che è diventata fonte di controversia e divisione’ afferma Bloomberg. ‘La maratona ha sempre unito la città e ci ha ispirato con storie di coraggio e determinazione. Non vogliamo che siano gettate ombre sull’evento e sui suoi partecipanti e per questo abbiamo deciso di cancellarla’. L’Expo rimarrà aperto sabato dalle  9:00 a.m. alle 5:00 p.m.

http://www.ingnycmarathon.org/

Occupy Wall Street un anno dopo: a Zuccotti Park tornano gli Indignati

Occupy Wall Street compie un anno. Gli indignati tornano a Zuccotti Park, il loro quartier generale newyorkese, e si preparano a celebrare un anno di proteste e manifestazioni contro il potere economico. L’anniversario cade il 17 settembre e per l’occasione, cercheranno, a detta degli organizzatori, di circondare il New York Stock Exchange, rallentando l’accesso.

‘Vogliamo offrire alla gente la possibilità di riflettere, uscire e celebrare’ afferma Ravi Ahmad, che lavora nel movimento di Occupy assistendo i manifestanti arrestati.

Già oggi circa 300 persone hanno marciato a Manhattan. I manifestanti sono partiti da Washington Square Park e poi, passando per Broadway, sono arrivati fino a Zuccotti Park, luogo di nascita del gruppo usato per mesi come headquarter. La polizia ha arrestato una decina di persone, soprattutto per disturbo della quiete pubblica, ma non è stata in grado di fornire una stima esatta dei fermati. Il corteo ha inaugurato la prima di tre giornate di eventi organizzati in vista dell’anniversario.

Un anno fa fu organizzata la prima marcia di protesta, terminata con una riunione di massa a Zuccotti Park, poi divenuto per mesi il quartier generale del movimento. Il parco fu sgomberato il 15 novembre. Proprio da New York partì un’onda che arrivò ad abbracciare tutto il mondo, dando vita a movimenti simili in diversi Paesi.

Circa trecento persone hanno invece manifestato a New York alla vigilia del primo anniversario della nascita del movimento Occupy Wall Street. Senza fornire il numero preciso degli arrestati, i poliziotti hanno detto che si è trattato in gran parte di ‘comportamenti mirati al disordine’. Ieri il corteo era partito da Washington Square e attraversando Broadway, era arrivato a Zuccotti Park scandendo slogan e canti. E’ il primo di tre giorni di eventi programmati dal movimento per celebrare l’anniversario.

http://occupywallst.org/

Basquiat 24 anni dopo: il 12 agosto l’anniversario della morte dell’artista sposato alla street art

(Born: 22 December 1960; Brooklyn, New York City, United States Died: 12 August 1988; Manhattan, New York City, United States)

Il 12 agosto è stato l’anniversario della sua morte. Cooked News riporta come da Wikipaintings, ma in italiano, alcune informazioni su questo straordinario artista.

Nella sua breve vita, Jean-Michel Basquiat è stato un icona pop, figura culturale, artista di graffiti, musicista, e pittore neo-espressionista. La Street art e il neo espressionismo diventano forme d’arte proprio grazie al suo lavoro di artista.

Era un bambino precoce, e all’età di quattro anni poteva leggere e scrivere. Con il tempo, a undici anni, parlava già in inglese, francese e spagnolo in maniera fluente. E quando aveva quindici anni, è scappato di casa, vivendo per meno di una settimana a Washington Square Park, dopo di che è stato arrestato e mandato a casa da suo padre. Ha abbandonato la scuola, dopo di che il padre lo ha cacciato fuori di casa, lasciando il giovane artista a vivere con gli amici, garantendosi un minimo con la vendita di T-shirt e cartoline fatte a mano.

Nel 1970 Basquiat iniziò edifici di verniciatura a Lower Manhattan, con il pseudonimo di SAMO, guadagnandosi notorietà e una certa quantità di fama. E’ apparso in televisione nel 1979 su ‘TV Party‘, e nello stesso anno forma un gruppo rock chiamato ‘Gray’, che si è esibito in tutta New York. Durante questo periodo, è anche apparso nel video musicale ‘Rapture’ di Blondie.

E’ del 1982 la sua prima esibizione durante la quale mette in mostra il suo lavoro: in quel periodo aveva molti amici di alto profilo, tra cui una breve relazione con Madonna, un coinvolgimento breve con il musicista David Bowie, e una lunga collaborazione con l’artista Andy Warhol. Ha lavorato sui suoi dipinti in giacca e cravatta da migliaia di dollari (1.000 quella firmata Armani), in cui appare in pubblico, schizzato di vernice. E ‘apparso anche sulla copertina del New York Times Magazine nel 1986.

Anche se era un artista di successo, Basquiat è diventato dipendente da eroina, e dopo la morte del suo amico Andy Warhol nel 1987, la sua dipendenza si è aggravata. Sempre più isolato, morì di overdose di eroina nel 1988. Postumi molte delle mostre dedicate a lui e alle sue opere, film biografici, libri, raccolte di poesie e film ispirati dal suo lavoro e dalla vita.

Wikipedia article http://en.wikipedia.org/wiki/Jean-Michel_Basquiat
http://cultura.panorama.it/street-art-factory/Arte-Jean-Michel-Basquiat-The-radiand-child

The Mountain comes to Manhattan: il nuovo grattacielo più alto di New York

E’ il World Trade Center. Lo stesso tirato su negli anni ’70, in quella che drammaticamente verrà ridefinita Ground Zero, dopo l’attacco estremista comandato da Binb Laden, riproposto in chiave moderna. Qualche modifica e gli stessi pannelli a specchio a copertura della struttura più alta di tutta New York, dopo l’Empire State Builinding, il palazzo noto per l’arrampicata più epica della storia del cinema, quella di King Kong innamorato.

Non è ancora fra i 100 grattacieli più alti del mondo, ma presto lo sarà. A struttura ultimata e inaugurazione effettuata, il nuovo Wtc potrà essere annoverato fra gli edifici più maestosi e alti dell’intero pianeta.

Doo il primo pilasrto posato il 30 aprile scorso, la costruzione del Worl trade center  h previsto la realizzazione di 100 piani, con 387,4 metri, circa 6,4 metri in più dello storico Empire State Building.

Il nuovo edificio ha richiesto anni di discussioni per la definitiva approvazione dei progetti, rallentandone la messa in cantiere. I lavori sono poi proceduti speditamente, fino ad arrivare alla costruzione di un nuovo piano costruito ogni settimana. 1 WTC è affiorato tra gli altri grattacieli di Lower Manhattan, cambiando lo skyline della città. A più di due mesi dalla posa di quel fatidico primo pilastro, la collocazione dell’ultimo piano porta ad un’altezza di 417 metri. Il prossimo anno sulla sommità sarà poi installata una grande antenna che porterà a complessivi 541, 3 metri, ovvero 1776 piedi per ricordare l’anno della dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d’America.

La città di New York sta quindi per riavere un grattacielo più alto dell’Empire State Building e chiamato nello stesso modo della Torre Nord del World Trade Center, una delle due torri gemelle che furono distrutte da al Qaida circa undici anni fa. Con la costruzione del vecchio WTC, l’altezza dell’Empire fu superata il 19 ottobre del 1970 di circa 1,2 metri con la posa di una delle strutture di acciaio che costituivano lo scheletro dell’edificio. Come spiegano sul New York Times, all’epoca la costruzione del World Trade Center fu fortemente osteggiata da proprietari di immobili e costruttori, preoccupati dalla possibilità che i due grandi grattacieli potessero rompere gli equilibri del mercato immobiliare.

The Mountain comes to Manhattan‘ è il titolo della pagina pubblicitaria acquistata sul New York Times da Lawrence A. Wien, che tra gli anni Sessanta e Settanta era parte della holding dell’Empire State Building. Wien comprò il 2 maggio del 1968 una intera pagina del New York Times per mettere in guardia sui pericoli costituiti dal nuovo WTC.

L’annuncio comprendeva il disegno di un aeroplano di linea diretto verso l’ultimo piano del WTC. All’epoca, si riteneva che un palazzo così alto potesse costituire un pericolo per il traffico aereo, o almeno lo pensava Wien. L’accoglienza ai giorni nostri del nuovo 1 WTC da parte di chi controlla l’Empire State Building è stata più all’insegna della cortesia e dell’amicizia.

La società ha diffuso un breve comunicato rivendicando di essere ‘l’antenato di tutti i grattacieli’ e salutando il ‘nuovo cugino più alto nello skyline’ della città.

L’Empire State Building con i suoi 381 metri rimarrà il secondo edificio più alto di New York, seguito dalla torre della Bank of America che misura 366 metri, completata nel 2008. Al terzo posto c’è un altro storico edificio della città, il Chrysler Building con 320 metri, mentre al quarto il palazzo del New York Times, con 319 metri.

http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_dei_grattacieli_più_alti_del_mondo
http://en.wikipedia.org/wiki/Lawrence_Wien
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/27/obama-for-america-101-giorni-al-voto/

Blog at WordPress.com.