Birmania: no censura ai giornalisti, abolita la pratica del silenzio


L’annuncio del ministero dell’Informazione. I giornalisti non dovranno più sottoporre il proprio lavoro, prima della pubblicazione, al vaglio delle autorità. I rigidi controlli sulla stampa furono introdotti nell’agosto del 1964.  La decisione del governo di Myanmar arriva in piena estate con l’abolizione della censura sui media. Lo annuncia il ministero dell’Informazione, secondo quanto riferito dalla Bbc. In base alle nuove disposizioni emanate dal Dipartimento per il controllo e la registrazione dei mezzi di informazione, i giornalisti potranno pubblicare liberamente, senza previo controllo da parte delle autorità e sulla base della propria esperienza professionale.

Lo scorso anno la censura era stata revocata per le pubblicazioni ideologicamente meno sensibili, per esempio i testi delle canzoni o delle fiabe. Era però rimasta in piedi per la maggior parte dei libri e per giornali, televisioni e radio, specie se di forte connotazione politica o religiosa.

Prosegue così il percorso di riforme del nuovo governo birmano, formalmente civile sebbene guidato da un generale a riposo, Thein Sein. Aperture che hanno raggiunto il culmine con la scarcerazione di centinaia di prigionieri politici a partire dalla leader dell’opposizione non violenta, Aung San Suu Kyi, insignita nel 1991 del premio Nobel per la Pace.

Blog at WordPress.com.