Will Wave Of Action Become Nightmare For The 1%?

 

#RESIST! #ACTIVISM #OCCUPY #WORLDWIDE #WAVEOFACTION #Cookednews

 

Note: We don’t view te #WaveOfAction as a potential last gasp of Occupy.  It is one more series of protests and resistance efforts that will continue no matter how large the #WaveOfAction protests are.  It is up to the people how large the protests are, how creative and how effective.  This is part of the process of building a mass movement — a movement that is much more than the occupy encampments were. 

What will prove to be either the last gasp of the Occupy Movement, or its Renaissance as a social powerhouse, will lie in the success and its embrace of a highly-publicized #WaveOfAction which launches a major 90-day program of protest and resistance on April 4.

The Wave begins, symbolically, on the date of the assassination of Martin Luther King and ends, symbolically, on July the 4th.  It will run from the date of the death of a dream that will not die to the date of the birth of a vision which has yet to be fulfilled.

So, what is the purpose of this ambitious campaign, who is behind it, and what can we expect of it – and of ourselves?  The purpose is stated on its website and is quite clear.

We are a Movement of Movements

“The Worldwide #WaveOfAction begins April 4th and runs through July 4th.

During this three-month cycle, people throughout the world will be protesting corruption, rallying around solutions and taking part in alternative systems. The new paradigm will be on full display.

Studies have proven that it only takes 3.5% of the population taking nonviolent action to create meaningful and positive change. The #WaveOfAction gives all of us who want change a powerful opportunity to #EvolveSociety.

Change-makers all over the world will be engaged at the same time in an unprecedented wave of transformation.”

OK, that sounds acceptable (to most of the 99%, and certainly not the 1%).  Now, who is behind this?

I confess that I can’t say that I have figured that out.  It appears to be nobody.  Or, perhaps everybody.  Or, a coterie of patriots/anarchists/misfits who – such as when Zuccotti Park came to be occupied – are taking it upon themselves to rekindle that Occupy fire.

Word has it that #OWS #Anon and its allies put out a call to action for a World Wide Wave of creative community coordination and collaboration this winter.  There were two organizing conference calls prior to April 4.  One on March 25, and the other on April 2.  (David Degrawis one of the facilitators)

For an organizing call, it attracted verifiable luminaries:  Barbara Max HubbardMarianne WilliamsonRussell BrandKevin ZeesePatricia EllsbergDylan RattiganJohn Perry Barlow, and Lee Camp.  If “you are known by the company you keep,” #WaveOfAction is keeping good company.

Whoever started it, it can be said that occupiers around the world are standing with it, and many called in to declare that support and to announce events they were planning locally.

But, they are coming up against a very familiar foe – themselves.

The Naysayers…and worse

Anyone familiar with Occupy knows that it is rife with the usual suspects:  gripers, snipers and full-blown trolls whose only purpose seems to be that of making sure that “solidarity” will never be had.  “How dare (someone/something) do/be (provide the offense).”  Everything is suspect, and anyone taking a lead roll is to be suspected.

Whether or not this will affect the success of #WaveOfAction will not be known for some time, but the offenders are being put on notice.  Activist and creater of Occu-Evolve,Sumumba Sobukwe, had this to say:

“The Irony of those complaining about this ‘Wave of Action’ is that it will only be a failure if they continue to find fault with EVERYTHING that ‘reeks’ of coordination that might make people move beyond facebook, twitter and other social media ‘activism’ as well as their own silos of causes and interests to actually go out and organize with others in the streets.”

He continues, “When did an ‘occupy’ action ever draw more than a few hundred people that didn’t have unions, grassroots or other groups involved? Who are we fooling here? Occupy has ALWAYS been made up of different groups and individuals, and that’s where the concept of the ’99%’ came closest to being real or at least unifying in theory.”

So, in addition to proving Pogo’s theorem, “We have met the enemy, and they are us,” what other odds militate against the campaign having any major effect?  Let me count the ways:

1. A largely indifferent press.  Activists deride the “MainStream Media” for not paying attention to even the largest of its protests and greatest of its triumphs.  Occupy is hardly alone.  Last year’s March Against Monsanto which attracted a half-million marchers or more worldwide did not find its way into print or broadcast in any meaningful way. (P.S.  Occupy folk helped make that march happen, as well).

  1. A police force dedicated to crushing public dissent.  Naaaah, that can’t be happening here in America, right?  That’s what you find in Russia, or Egypt, or China.  Thank God that “to serve and protect” applies to citizens in the street and peaceful protestors, yes?  Here’s a retired cop who has a word or two on that, Captain Ray Harris. Oh, and not to forget Cecily McMillan’s experience with the Boys in Blue which finds her at risk of jail time for resisting their abuse.
  2. Elected officials.  One would think that people who are elected to represent us willactually represent us, and that they will be at the front of any parade or protest demanding justice and protecting civil liberties.  Think again.  If you ain’t got the money (and few occupiers/activists do), they ain’t got the time. And, if their party can’t co-opt your movement for their betterment, they’ll be the first to applaud authorities who arrest you. Hell, they will demand that force be used.
  3. The 1%.  You can be certain that the #WaveOfAction will be countered by a #FloodOfMoney spent to discredit its work and mission.  Did I mention Fox?  CNN?  Stay tuned and see how money talks.

So, I leave it to you, the reader.  Will this be a “Wave,” or a “Wave Goodbye” on the part of Occupy and its brother and sister causes?  Will you listen to the detractors within and the enemies without and surrender to the impossible forces against you?

Or, will you take comfort in your own, amazing numbers and brilliance and continue to fight the good fight as so many have before you in America’s history. You are the dream that Martin referred to, and the nightmare that the 1% are waking up to.

When you realize that, the others in the 3.5% of the population will as well.  Won’t that be exciting.

     

Advertisements

Wed 19th March: Everything is Connected / Climate Revolution! (from Vivienne Westwood’s diary)

#climaterevolution #viviennewestwood #cookednews.

‘The fight against fracking is the most important battle the British people will ever fight! It is the 1st battle in the war against climate change’  (Posted on Tuesday, March 25th, 2014 by Vivienne)

Our Big Day! The Fracked Future Carnival. Climate Revolution and Friends of the Earth, Frack Off London, Ecocide, Fuel Poverty Action, Reclaim the Power, the rest were community groups (Frack free Somerset, Britain & Ireland Frack Free, Resident Action on Fylde Fracking, East Kent Against Fracking, Trillion Fund).

Scheduled for today so we can protest the conference of Conspirators, those business and government officials who are meeting to force fracking through against the public interest and before the public have been warned of the danger.

Officials who have their head in a box and are prepared to destroy the world for profit.

We know they have re-located their conference for fear of us and we know where it is.

We will stick to our original plan: meet at our Battersea studio, march over the bridge to the King’s Rd, join fellow protestors at Knightsbridge tube then move to the original location of the conference, a stone’s throw away at Jumeira Hotel. We will give our speeches outside and then go to the secret location.

Battersea. We were ready. I had given all our workmates the day off. Cindy the youngest member of Climate Revolution had done a great job mustering the troops and organizing our students to make plaquards. Others who joined us were in carnival mood, dressed as zombies and ghouls.

I hadn’t wanted a carnival. It’s a matter of life and death and I didn’t wear my warpaint. We want to attract “ordinary people” and by that we mean people who aren’t normally political. But our activist colleagues were right we needed the Carnival. We were only expecting up to 500 people and that’s how it turned out. It was a week day, also Budget Day. Did the conspirators plan that?- don’t underestimate their fear of the public. John Sauven, head of Greenpeace couldn’t come because he was dealing with press on the budget. And what about students? Simon, a student activist friend should have been organizing but he didn’t even show up: because he’s doing his exams. Come on !

We looked great. There was lots of press. I was asked to lead the procession. I bowed and put my hands together in prayer, as you would before a battle. Then off we were!

People in King’s Rd hailed us in support and Cindy shouted out, keeping us all together because of having to stop for traffic. I talked to some of my friends as we marched along. At the Jumeirah Hotel we met Rhythm of Resistance, a samba band and campaigner Nigel with his demo/disco bus. In front of the hotel was a little square where we gave our speeches and thanked the fighters in the anti-fracking camps. Vanessa Vine From Balcombe is an inspiring speaker and full of powerful information. She’s been fighting fracking for 3 years and is just back from America. The queen of it all was scientist Tisha who was responsible for much of the organization and acted as a master of ceremonies –the prettiest ghoule you ever saw but she stays anonymous so you can’t see a photo of her. Then some of us got on Nigel’s bus and went to the secret location near to Bunyon Fields near Old St.

When we got near I looked out the window and saw another demonstration walking down the main road and they looked really interesting, lots of them, then I read the plaquards and realized it was us, the others had come on the tube. (They had a good time explaining to people what we are about – life and death, yeah!) We met our mole who had been inside the conference so we are informed of the conspirator’s agenda. See their confidential presentation www.talkfracking.org.  The secret location was Armoury House on City Rd.

The samba band was really important – lots of drumming outside the gates. The press asked me,

“How do you feel that the pro-frackers have come here to escape you, protected by the army?”

You sometimes worry that you’re so small against the enormous power of the conspiracy to destroy – press, politics, business, banks – and what perhaps only seems to be the acquiescence of the general public. It is heartening to read those articles of mutual support in the fight, from journalists of the standard press, especially the Guardian and those on the Internet and of course the support of all the NGO’s and sometimes great groups of people. At our demo someone gave out flyers for the Green Party, a great group with whom I entirely agree. They start by condemning austerity. If all the world would put their financial programme into practise we could save the earth and economic collapse.

It’s so important to demonstrate for your beliefs.   We will win because we have to.

 www.talkfracking.org

#againstfrackingClimateRevolutionCookednews

Deleterio aka Del ft. Fabri Fibra – Zombie

 

#Deleterio a.k.a. Del #Dadaismo #Cookednews

 Storie di cessi a forma di pera e non è ‘Amore tossico’. Pisciatoi latrine firmati e stoicamente quotati, paradisi artificiali per vesciche puramente maschili. Baffi Gioconda, metronomi monoculari, Ulissi del rap di ritorno ad Itaca. Wheel di bici in sosta, aspettano una chiamata. Il ring suona ed ecco DADAISMO, il primo album di DELETERIO (Dogo Gang)

#Dadaismo  #Gioconda #DELETERIO #cookednews #dadaismo #waveofaction Deleterio a.k.a. Del CookedNews

Fabri Fibra: ‘Niente di personale’

#dissing #fibra #vacca #cookednews

Disrespecting, beef, dissing. Non rispettare. E’ la risposta di Fabri Fibra al rastaman Vacca, dopo un alterco niente male. Proprio come al Rolling Stone

Fabri Fibra. Niente Di Personale. Prod. Shablo.
Testo: http://fabrifibra.it/nientedipersonale

Oh mi fai… Mi fai la metrica come il pezzo suo…
Tu non hai le rime, lo stile, hai testi flosci /
vali tanto quanto un giornaletto di gossip /
questa qui è la prova che non sei un vero artista /
in Italia, in Giamaica, sei solo un turista /
resti intrappolato in mezzo a questi due mondi /
in entrambi i casi stai a secco, non sfondi /
c’è chi ti difende anche se poi zitto zitto /
sogna di rappare sul palco col sottoscritto /
scappi dall’Italia per problemi col fisco /
pure Baby K ti ha scartato dal suo disco /
tutti che commentano ogni singola parola /
litigo con mio fratello, ok, e allora? /
e questa tua metrica che uso mi fa schifo /
quindi basta /
Scarica gratis e vaffanculo, scarica gratis e vaffanculo /
Fabri Fibra! Ha!
Io non capisco perché dici tante cazzate /
se mi passi il microfono ti gonfio di mazzate /
lo so che avevi un sogno, ora puoi dirgli addio /
Milano è cambiata da quando sono arrivato io /
mi ricordo, sembra ieri /
primo posto in classifica, i soldi quelli veri /
volevano conoscermi in tutti i quartieri /
e tu muto, mentre scattavo foto /
sentivo il tuo sguardo addosso /
ogni cazzo di minuto /
hai detto “faccio il disco” /
io ho pensato “aiuto!” /
nessuno che si è accorto tipo al lupo al lupo /
non ce l’hai fatta, non hai venduto /
mi rispondi perché sai che è vero quello che ho scritto su Zombie /
sfigato, cosa ti sei inventato? /
Fritz ha fatto il disco ma tu non sei invitato /
Del ha fatto il disco ma tu non sei invitato /
siamo un altro Stato /
altro che fan all’asilo /
fatti i cazzi tuoi, tu sei Craxi in esilio /
molla il rap e resta in mezzo ai pesci /
coi soldi in Italia a fine mese non ci arrivi /
tu non ci riesci nemmeno di striscio /
potremmo organizzarti un Vacca Extreme Makeover Home Edition /
Sposta quel bus! Sposta quel bus! /
Sposta quel bus! Sposta quel bus! /
In arrivo l’album, Squallor /
Il nuovo album di Fabri Fibra /
dalla scena per la scena /
Universal, Tempi Duri! /
Basta, basta ‘sta roba, mettimi una base mia…
ha! Prima di iniziare hai qualcosa da dirmi?
Vaffanculo! Haaa! Ha!
Chi c’è nel disco di Gue’ ? /
Bravo Ragazzo /
c’è Vacca!? No! C’è Fibra testa di cazzo! /
rime malate, il flow ti fotte, entra ed esce /
ti resta poco come chi c’ha l’AIDS /
rapper falliti vi vedo, state ascoltando /
sono sempre nei vostri incubi più profondi /
senza casa, senza soldi /
non vorrei vivere la vostra vita nemmeno per due secondi /
solo chi è stupido non ha paura /
la gente prima fa il mio nome e poi si autocensura /
le regole fondamentali, uno vendere i dischi /
due suonare in giro e tre mandare fattura /
chi non ce l’ha fatta con il rap? Fuori i nomi /
il tuo sicuramente è il primo della lista /
disperati mc, disperati i produttori /
forse Internet vi ha offuscato la vista /
non ti ricordi? Ho detto, se vedi che sto zitto e non chiamo /
è perché sto contando i soldi /
rapper invidiosi di me ma non lo dite /
non rifate ciò che ho fatto io nemmeno in quattro vite /
Gangsta! Gangsta! Sempre collegato /
altro che gangsta, sei un hacker /
a casa ho quattro cessi, sai dove abito /
se ti presenti ficco la tua faccia nel water /
mando questa gente in coma cerebrale /
dalle Marche al nord il sapore è acre /
tu sulla strumentale cadi e sbatti la testa /
il flow è macabro tipo bum! Shumacher /
Manda un’altra base…
Entra nell’amplesso /
succhiami ‘sto testo /
Vacca dice “vienimi in bocca” /
rispondo “è presto” /
la gente vuole il sangue, eccolo /
viene da Vacca, perché? /
Perché c’ha il mestruo /
in famiglia/
non mi rispettavano, ora vivo in una villa /
e tu stacca la lingua dal culo di Emis Killa /
non vendi più un disco e per disperazione /
posti le tue foto a pesca insieme a tua figlia /
ma dai! Come sei messo? /
non hai mai fatto un cazzo di successo /
come questi rapper che stanno ancora ascoltando questo pezzo /
mentre commentano su facebook /
il mio show un’ora e venti, Alcatraz, tutto esaurito /
cosa inventi? Bla bla bla /
il tuo show mi ricorda una canzone della Sindrome /
Gratta e Gratta /
vai sul personale, tipo, scopa poco /
dovrei preoccuparmi? Il tuo rap è innocuo /
è tutta una finta, sorrido mentre in camera /
mi faccio questa pornostar lesbica incinta /
da oggi la tua misera carriera è finita /
prendo il Viagra e vengo a fotterti la vita /
io in copertina su Rolling Stone /
tu il mantenuto disoccupato a Kingston /
frate’ questi rapper dopano le vendite /
facendo quattrocentocinquanta mila instore /
vivo a Milano ma mi sento uno straniero /
perché sono cresciuto ascoltando Sangue Misto /
mai avuto debiti, pago le tasse e lavoro /
come fa un vero uomo /
ho solo creditori, gente come te /
che mi nomina da sempre per farsi la promo /
Vado bene? Vaffanculo!
Cena di Natale, Vacca è preso male /
mi siedo a tavola, famiglia ospitale /
la madre mi domanda perché sono sempre solo /
poi dice “grazie a te oggi lui ha un lavoro” /
rispondo “sa signora, io ce la metto tutta /
è un ambiente complicato /
molta gente che ti sfrutta e che ti assilla /
la madre mi interrompe e dice a Vacca /
“Ale guarda, in tv c’è il cantante che ti assomiglia” /
mi giro e su MTV appare Lil Wayne /
Vacca salta sul divano e parte a dire /
“Young Money! Voodoo Smokers Familia! /
Racket! Jamaica! Rap! Mamma! Ha…” /
cazzo dice questo qui? /
anzi, cazzo faccio qui? /
tu non sei nel mio cd, a dirti la verità /
per me sei morto, quando sento la tua voce è come se /
venisse dall’aldilà, ha! /
tipo seduta spiritica /
gente che non ha concluso un cazzo nella vita /
e poi ti critica /
Waccaleaks la rivista scandalistica /
la vita del perdente è pesantissima /
specie per un tossico /
da sette anni /
nascondo una ragazza morta nell’armadio e tu sei il prossimo /
Fabrizio si è fatto con le sue mani /
ti polverizzo e ti pippano i giamaicani /
“Pfffff… Yeah!”
Il rap è uguale al cinem a, ciak, sei pronto? /
pistola in mano, carico e sparo, bang! Sepolto /
preghiamo per questo ragazzo che c’ha lasciati /
“vaffanculo!” Amen /
definiscimi un dissing /
fune al collo, tirare /
questo qui non è un dissing /
questo è il tuo funerale /
e questa sotto è la messa /
sono tutti all’ascolto /
parenti e amici che pregano /
tu che domandi “chi è morto?” /
ma nessuno ti sente /
ti specchi e non ci sei riflesso /
corri verso il microfono /
ma ci passi attraverso /
la vita è un film, bella Slimer /
Ghostbusters /
la tua non interessa, chiudi /
Blockbuster /
Ritornello: Attiro così tante facce /
così tanti nemici /
lo so che stai parlando di me /
e chissà cosa dici /
hai fame, e chissà cosa dici /
infame, e chissà cosa dici /
parli di me? Tu non sai cosa dici /
Zzzzza! Tosatrici! /
Ammazza! Ammazza! Uccidi! Uccidi! /
Ammazza! Ammazza! Uccidi! Uccidi! /
Appena scesi dal palco /
cominciano a sparlare di me /
ingrati, io li guardo dall’alto /
a lui e a quell’altro /
ingrati /
a lui e a quell’altro /
via dieci grammi e uccido anche te /
ogni dieci anni a cicli di tre /
muoviti a tempo la rima è una lama /
zac! Sangue rosso bandana /
lo bevo tipo rito satanico /
mentre le radio passano Panico /
questo mondo è esoterico /
esplode il rap, dai, di chi è il merito? /
il mio disco, Italia /
il tuo disco imita /
vieni in tour in Italia, sì ma il fisco /
ti limita /
e alla gente che mi scrive /
“quello è un incapace” /
io rispondo /
“era, al passato, riposa in pace” /
Ritornello.
Il titolo del mio quarto disco è come te, Bugiardo /
un mare di merda, tu che affoghi /
io sto qui e ti guardo /
blublublublublublu… /
addio, annega, sparisci /
R.I.P. coglione /
il nome d’arte, arte nel nome /
prova di stile, il tuo è il cognome /
che cazzo pensavi si facesse l’appello? /
la scena rap è a gambe larghe /
io mi scappello /
poi entro, è un bordello /
hai firmato con la major grazie a chi? /
questo è il bello, dai fammi le doppie /
canta il ritornello /
attiro così tante facce, così tanti nemici…
va bene così Fabri? Sì, va bene, sei bravo a cantare…
sì però su Rolling Stone…
sì lo so, su Rolling Stone quando mi hanno chiesto se mi piace la tua musica,
ho detto che sono più tuo amico che tuo fan e tu ti sei offeso,
però non è che puoi andare in giro a parlare male di me in ogni intervista,
a farmi i dissing, hai il mio numero, chiamami,
basta promo col mio nome.
Ritornello.

#ops #Nientedipersonale  #Squallor #NienteDiPersonale #FabriFibra  #cookednews #Fibra #Vacca#Shablo

New this year at VIEW Conference!

#CinemaMassimo #Turin-Italy #cookednews

New this year at VIEW Conference!

It’s your chance to narrate our VIEW story through a comic. You can choose any of the following years on which to base your comic 2010, 2011, 2012 or 2013. Use our website to get the materials you need to weave your comic about VIEW Conference. (Deadline August 31, 2014)

VIEW Conference is the premiere international event in Italy on Computer Graphics, Interactive Techniques, Digital Cinema, 2D/3D Animation, Gaming and VFX.

VIEW 2014, from 15th to 18th October in Torino, will continue to focus on exploring the increasingly fluid boundary between real and digital worlds. Through lectures, meetings, tributes, exhibits, screenings and demo presentations VIEW will reveal the new digital frontier sweeping from cinema to architecture, from automotive design to advertisement, from medicine to videogames.

VIEW Conference è un importante evento italiano  sulla computer grafica che si tiene ogni anno a Torino, tra ottobre e novembre.

Nata nel 2000 come Virtuality Conference, cambia nome alla sua ottava edizione, nel 2007, e diventa VIEW: Virtual Interactive Emerging World. I contenuti si ampliano: pur mantenendo tutto quanto concerne la realtà virtuale, VIEW si apre alla tecnologia digitale di ultima generazione e alle sue applicazioni (dall’animazione agli effetti speciali, dall’architettura virtuale ai videogiochi, dal design al marketing territoriale e ai beni culturali).

Di anno in anno, VIEW si pone come obiettivo un’offerta all’avanguardia e aggiornata della realtà virtuale e delle tecniche interattive, riservando un’attenzione particolare alle applicazioni industriali, all’ambito della formazione e a quello del cinema.

A partire dall’edizione 2005 (VIEW indice), nasce il VIEW Award, un premio internazionale per cortometraggi con animazione 3D e VFX. Nel 2012 nasce un nuovo concorso, il VIEW SOCIAL CONTEST, rivolto ai creativi, ai designer e agli appassionati di grafica digitale, per introdurre temi legati all’attualità e al sociale.

Secondo gli assessori Cirio, Coppola e Giordano, ‘View Conference si lega al nostro territorio proponendosi non solo come alto momento di studio e riflessione sui media digitali – attraverso lezioni, workshop, conferenze, incontri, mostre, proiezioni – ma anche come una concreta occasione per proporre e discutere progettualità innovative, puntando l’attenzione su settori strategici per il futuro e sulle opportunità di crescita, in particolare per le nuove generazioni’.

L’edizione 2014

VIEW Conference 2014 si svolgerà dal 15 al 18 ottobre 2014. Il bando di concorso per il VIEW Award 2014 è stato reso pubblico e tutti i dettagli sono disponibili all’i ndirizzo http://viewconference.it/awards-2014.

Le categorie sono le seguenti:

VIEW AWARD per cortometraggi animati;
VIEW SOCIAL CONTEST dedicato a film, cortometraggi, video musicali e pubblicità legati a temi sociali come la discriminazione, l’immigrazione o la violenza alle donne;
VIEW AWARD GAME dedicato ai videogiochi
ITALIANMIX per opere dedicate all’Italia, ai suoi simboli e alle sue eccellenze;
VIEW DOCUMENTARY AWARD dedicato ai documentari.

#VIEWconference #cookednews #Brainstorming #startups #AcademyAwards #VFX

#www #WaveOfAction Worldwide Wave Launch Gatherings – The People REVOLT

#WaveOfAction 4-4-14 ~ 7-4-14 #Cookednews

Now that you’ve seen The People REVOLT in Tunisia, Turkey, Spain, Egypt, Brazil and the Ukraine, tell me what will happen on the streets

On April 4th, we will launch the first phase of the Worldwide Wave of Action by gathering at Zuccotti Park and former occupation sites throughout the world to honor the legacy of Dr. Martin Luther King, Jr.  At 6:05pm CT, the time of his assassination, we will host vigil ceremonies and resurrect his spirit of nonviolent direct action.

People with opinions across the political spectrum are invited to unite and find common ground against corruption. We will overcome divide and conquer propaganda by forming communities of support and compassion. Together we will fight for freedom and begin engaging in a relentless campaign of nonviolent civil disobedience. People will pledge to take part in whatever tactics they are interested in throughout a sustained three-month cycle.  Here’s a basic list of tactics…

> Mass gatherings, demonstrations;
> Marches, parades;
> Flash mobs, swarms;
> Shutdown harmful corporate and governmental operations;
> Worker Strikes;
> Hunger strikes;
> Sit-ins;
> Strategic defaults, debt strikes;
> Foreclosure prevention;
> Boycotting corrupt corporations;
> Move your money out of the big banks and the stock market;
> Use alternative currencies and economic systems;
> Cancel your cable television and support independent media;
> Use independent online tools that don’t sell your info / protect privacy;
> Online civil disobedience, Anonymous operations;
> Leak information on corruption;
> Use alternative energy;
> Build urban and hydroponic farms, or get your food from them;
> Support local businesses;
> Join local community organizations;
> Take part in food banks and help develop community support systems;
> Start or join intentional and autonomous communities;
> Experiment with new governing systems, Liquid Democracy;
> Host teach-ins;
> Organize socially conscious events;
> Make conscious media;
> Guerrilla postering, messages on money;
> Help inspiring groups and organizations spread their message;
> Random acts of kindness and compassion;
> Mass meditations, prayer sessions and spiritual actions.

You know what you can do to play a part. Do whatever you feel inspired to do. Amplify what you are already doing. Think about what you are willing to do to be the change we urgently need to see in the world, and then do it.

We look forward to seeing you in action!

Organize a Worldwide Wave launch gathering in your hometown and post the details here

#WaveOfAction #WakeUp #cookednews #www #WaveOfAction #privacy

AMAZING news/Antagonismo e Attivismo/Arte/Articoli/Artscience/Attualità/Audiovisual Art/AV/Bio Art/Blogs/calcio/cinema/Cinema/Clubbing/Computer Animation & Graphics/Contemporary Art/controcultura/Cooked News/Cronaca/Cultura/Design/Design Do It Yourself/Economia/Electronic Music Essays/entertainment/Esteri/Eventi/fashion/Free Software/Gossip&VIP/I Post più letti/in Italia/Internazionale/Internet/Interni/Latest news/Lavoro/Magazines/Musica/New Media/News dallo Spazio/Newspapers/notizie e politica/Politica/Rete sociale/Spettacolo/Sport/Uncategorized/VJ/Web News/world news/Worpress.Com

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Meteorite sui monti Urali: 500 feriti, Mednev ‘pianeta vulnerabile’

pioggia di meteoritiAlmeno 500 persone sono rimaste ferite, tre in modo grave, in Russia in seguito all’esplosione nell’atmosfera di un meteorite sopra la regione di Chelyabinsk, sui monti Urali. Lo ha riferito il ministero dell’Interno russo. Secondo le prime informazioni, i feriti che hanno fatto ricorso all’assistenza medica, hanno riportato tagli causati dai vetri andati in frantumi per l’intesa onda d’urto seguente alla disintegrazione del bolide del diametro massimo di dieci metri, che secondo gli esperti è avvenuta a pochi chilometri d’altezza. Inizialmente si era pensato a uno sciame meteoritico, ma è stato subito escluso dopo aver osservato i numerosi filmati che sono stati registrati. Fonti ufficiali russe hanno spiegato che si è trattato di un meteorite ‘sporadico e non associato a una pioggia di meteoriti che si è disintegrato nella parte bassa dell’atmosfera’. Il fenomeno si è verificato a circa 80 chilometri dalla città di Satka, non lontano da Chelyabinsk, alle 9,22 ora locale (le 4,22 ora italiana) ed è stato registrato anche a Tyumen, Kurgan, nella regione di Sverdlovsk e nel Kazakistan settentrionale.

L’onda d’urto ha investito un’ampia zona, che è stata solcata da una scia di fumo bianco lasciata dal bolide. I vetri di numerosi edifici si sono infranti, ferendo centinaia di persone, per fortuna solo due-tre in modo grave. Polizia e vigili del fuoco sono subito intervenuti per ispezionare gli edifici danneggiati. Tutte le scuole e gli asili della regione sono stati chiusi. Secondo i servizi di emergenza russi il fenomeno non ha causato un innalzamento dei livelli di radiazioni, che sono rimasti nei parametri abituali per la regione. L’agenzia russa per l’energia atomica Rosatom ha riferito che le installazioni negli Urali non hanno subito danni.

Il primo ministro russo Dmitri Medvedev, intervenuto al Forum economico a Krasnoyarsk, ha detto che quanto avvenuto Chelyabinsk ‘è la prova che non solo l’economia è vulnerabile, ma l’intero pianeta’.

(fonte Corsera)

L’asteroide di San Valentino in orbita vicino alla Terra

asteroide-popVenerdì 15 febbraio alle 20.26, ore italiane, un asteroide di 45 metri (circa due campi da tennis) battezzato ‘2012 DA 14’, o anche l’Asteroide di San Valentino e passerà ad appena 27 mila chilometri di distanza dalla Terra, praticamente sarà 13 volte più vicino della Luna e sfiorerà la Terra forse anche meno, 24 mila.

Per quanto se ne sappia mai un corpo celeste di queste dimensioni è transitato tanto vicino al nostro pianeta. Per altri minori era già accaduto e qualcuno, tra i più piccoli, ci era pure caduto addosso sbriciolandosi nell’impatto con l’atmosfera. Quello che il 30 giugno 1908 incendiò il cielo di Tunguska nella Siberia centrale distruggendo 60 milioni di alberi su un territorio di 2.150 chilometri quadrati aveva solo 30 metri di diametro. Con il «2012 DA 14» non si corre questo pericolo anche se qualcuno subito dopo la sua scoperta un anno fa, il 22 febbraio dall’Osservatorio astronomico di La Sagra nei pressi di Granada in Spagna, aveva ipotizzato un potenziale scontro. I rilevamenti della sua orbita cancellavano in fretta l’infausta probabilità lasciando però la prospettiva di un record da non dimenticare. Anche perché nel suo transito veloce sfreccerà più in basso rispetto l’anello, a 36 mila chilometri d’altezza, dove stazionano 432 satelliti attivi per le telecomunicazioni e la meteorologia sia civili che militari. Ma arrivando da sud non lo attraverserà escludendo quindi ogni pericolo.

Il nuovo arrivato vola su un’orbita quasi uguale a quella della Terra tanto che impiega soltanto un giorno in più (366 giorni) per compiere un giro intorno al Sole. Ma il suo piano orbitale è inclinato rispetto al nostro e quindi lo taglia due volte all’anno con qualche differenza. Il prossimo passaggio ravvicinato è previsto nel 2020. Ma il Jet Propulsion Laboratory della Nasa che segue e censisce questi corpi vaganti non è ancora in grado di precisare quanto vicino.

Tuttavia anche per quella data diffonde tranquillità calcolando che la probabilità dell’impatto con la Terra sarà una su centomila, cioè minore di quella di essere colpiti da un fulmine nell’arco della nostra vita. Se ciò accadesse finirebbe probabilmente in Antartide. Questo non ci consola perché, data la sua massa di 130 mila tonnellate, nell’impatto svilupperebbe un’energia di 2,5 megaton, cioè 160 volte più elevata della bomba che distrusse Hiroshima.

L’asteroide «2012 DA 14» non sarà visibile ad occhio nudo. Comunque con un binocolo e un po’ di fortuna si potrebbe anche inseguire. Il corposo oggetto è uno dei tanti che si avvicinano pericolosamente alla Terra. La Nasa nei mesi scorsi utilizzando le osservazioni del satellite Wise aveva stimato che i corpi (asteroidi e comete) potenzialmente a rischio per noi con un diametro di almeno cento metri sarebbero circa 4.700. Il guaio è che soltanto il 30 per cento è stato finora identificato. Infatti talvolta accade che la loro scoperta avvenga quando siano già abbastanza vicini.

Per fortuna anche i più minacciosi sulla carta talvolta perdono la loro cattiva immagine. Il 9 gennaio scorso era transitato a 15 milioni di chilometri l’asteroide Apophis di 300 metri di diametro per il quale si ipotizzava una possibilità di scontro con la Terra nel 2036, sia pure minima nelle statistiche. Nell’occasione, scrutandolo con attenzione, gli astronomi rivedevano i conti. «Ora possiamo escludere un impatto con il nostro pianeta anche nel 2036» ha sottolineato Don Yeomans, direttore del Near-Earth Object Program Office al Jet Propulsion Laboratory della Nasa.

Tuttavia il problema rimane e finora è stato sottovalutato. Per questo si cerca di recuperare e vari sono i progetti in corso per spedire sonde in grado di studiarli da vicino, consentendo di valutare meglio il rischio oppure per deviarne la traiettoria. Pellicole come Deep Impact e Armageddon hanno lasciato il segno. «Intanto – dice Detlef Koschny, responsabile all’agenzia spaziale europea Esa della Space Situational Awareness – stiamo sviluppando un sistema automatico con telescopi in grado di scoprirne l’esistenza almeno tre settimane prima dell’arrivo nelle nostre vicinanze». Sarebbe già un passo avanti.

(fonte Corsera, news-24h.it)

Meteorite a Palermo: giallo sul ritrovamento di una bambina

meteoriteÈ giallo in Sicilia sul ritrovamento di una pietra nera che ieri notte sarebbe caduta dal cielo sulquartiere di Brancaccio a Palermo. A vedere la scia rossa una bambina dal balcone di casa, in largo Cammareri Scurto. La piccola questa mattina è andata a cercare il masso e l’ha trovato in un campo. L’ha raccolto e portato a casa.

Dopo il ritrovamento ha provato ad avvolgere la pietra in un giornale, ma a contatto con la carta questa ha iniziato a emettere fumo. Impauriti i genitori hanno chiamato la polizia.

Gli agenti sono andati a prendere la pietra che ha l’aspetto di un pezzo di roccia vulcanica, lunga quindici centimetri e del peso di mezzo chilo. Hanno chiamato i vigili del fuoco che hanno verificato se fosse radioattivo. L’esito dai primi esami è stato negativo.

Adesso quello che sembrerebbe un piccolo meteorite, forse staccatosi dall’asteroide Toutatis che è passato nei giorni scorsi vicino alla Terra, sarà consegnato all’istituto di Vulcanologia e già c’è chi collega senza motivo il ritrovamento del meteorite alle profezie dei Maya sulla fine del mondo che impazzano in queste settimane.

Il paracadutista Felix Baumgartner in caduta libera dallo Spazio

Felix-Baumgartner Ready-Set-Go

Felix-Baumgartner Ready-Set-Go (Photo credit: My Private Geek)

Un lancio da tre record e capace di infrangere il muro del suono. Il paracadutista austriaco Felix Baumgartner è salito fino ai limiti dell’atmosfera terrestre a bordo di una capsula sollevata da un pallone gonfiato a elio da 200 metri di diametro. Raggiunti i 39 mila metri da terra dopo due ore e mezzo, è saltato nel cielo del Nuovo Messico, trasformandosi in un proiettile umano in grado di superare di 1,24 volte la barriera del suono.

Baumgartner in caduta libera per 4 minuti e 20 secondi ha raggiunto la velocità di 1.341,9 chilometri orari, battendo il record di velocità in caduta libera, il record d’altezza raggiunto da un uomo sollevato da un pallone aerostatico e il record per il salto più alto mai realizzato in caduta libera.

9 minuti e 3 secondi in tutto per un lancio da 39 mila metri, cominciato con un passo nel vuoto ai limiti dallo spazio. Il momento più emozionante: quando il portellone della capsula si è aperto. ‘Lassù ti rendi conto di quanto sei piccolo’, racconta il paracadutista, che ha ammesso: ‘Ho sperato solo di uscirne vivo’.

Blog at WordPress.com.