Philip Seymour Hoffman is died at 46

Philip Seymour #Hoffman como Truman #CapotePhilip Seymour Hoffman : 1967-2014

Philip Seymour Hoffman, one of the leading actors of his generation, who won an Academy Award for his title role in the film Capote, was found dead in his Manhattan apartment on Sunday in what a New York police source described as an apparent drug overdose.

‘U.S. actor Philip Seymour Hoffman attends the press conference for ‘Capote’ at the 30th International Film Festival in Toronto, September 11, 2005. ‘Capote’ is a portrait into the life of American writer Truman Capote, said Mike Cassese, REUTERS.

Hoffman, 46, was found unresponsive on the bathroom floor of his Greenwich Village apartment by police responding to a 911 call, and Emergency Medical Service workers declared him dead on the scene, New York City police said in a statement. An investigation was ongoing.

Film and stage actor and theater director Philip Seymour Hoffman was born in the Rochester, New York, suburb of Fairport on July 23, 1967. After becoming involved in high school theatrics, he attended New York University’s Tisch School of the Arts, graduating with a B.F.A. degree in Drama in 1989. He made his feature film debut in the indie production Triple Bogey on a Par Five Hole (1991) as Phil Hoffman, and his first role in a major release came the next year in My New Gun (1992). While he had supporting roles in some other major productions, his breakthrough role came in Paul Thomas Anderson‘s Boogie Nights – L’altra Hollywood (1997). He quickly became an icon of indie cinema, establishing a reputation as one of the screen’s finest actors, in a variety of supporting and second leads in indie and major features, including Todd Solondz‘sHappiness (1998), Flawless – Senza difetti (1999), Il talento di Mr. Ripley (1999), Paul Thomas Anderson‘s Magnolia (1999), Quasi famosi (2000) and Hollywood, Vermont(2000). He also appeared in supporting roles in such mainstream, big-budget features asRed Dragon (2002), Ritorno a Cold Mountain (2003) and the upcoming Mission: Impossible III (2006).

Hoffman is also quite active on the stage. On Broadway, he has earned two Tony nominations, as Best Actor (Play) in 2000 for a revival of Sam Shepard‘s “True West” and as Best Actor (Featured Role – Play) in 2003 for a revival of Eugene O’Neill (I)’s “Long Day’s Journey into Night”. His other acting credits in the New York theater include “The Seagull” (directed by Mike Nichols for The New York Shakespeare Festival), “Defying Gravity”, “The Merchant of Venice” (directed by Peter Sellars), “Shopping and F*@%ing” and “The Author’s Voice” (Drama Desk nomination). He is the Co-Artistic Director of the LAByrinth Theater Company in New York, for which he directed “Our Lady of 121st Street” by Stephen Adly Guirgis. He also has directed “In Arabia, We’d All Be Kings” and “Jesus Hopped the A Train” by Guirgis for LAByrinth, and “The Glory of Living” by Rebecca Gilman at the Manhattan Class Company.

Hoffman consolidated his reputation as one of the finest actors under the age of 40 with his turn in the title role of Truman Capote – A sangue freddo (2005), for which he won the Los Angeles Film Critics Award as Best Actor. In 2006, he was awarded the Best Actor Oscar for the same role.

Philip Seymour Hoffman ‘Actors are responsible to the people we play. My passion to develop as an actor didn’t have anything to do with people knowing me. I had no idea that would happen. To become famous, to become a celebrity is something that I thought happened to other people.’

[on Truman Capote – A sangue freddo (2005)] I knew that it would be great, but I still took the role kicking and screaming. Playing Capote took a lot of concentration. I prepared for four and a half months. I read and listened to his voice and watched videos of him on TV. Sometimes being an actor is like being some kind of detective where you’re on the search for a secret that will unlock the character. With Capote, the part required me to be a little unbalanced, and that wasn’t really good for my mental health. It was also a technically difficult part. Because I was holding my body in a way it doesn’t want to be held and because I was speaking in a voice that my vocal cords did not want to do, I had to stay in character all day. Otherwise, I would give my body the chance to bail on me.

[on ‘The Master’] L. Ron Hubbard is the reference, but it isn’t L. Ron Hubbard. There are things he does that are referenced in Hubbard’s life, but ultimately there is no adherence to that fact. We took liberties because he is a fictional character.

(On quitting drinking at age 22) I think I would have drank myself to death, literally, if I didn’t just stop, once and for all when I did. I am not ever going to preach to anyone about drugs or drinking. But, for me, when they were around, I had no self control.

In May 2013, Hoffman announced that he checked into substance abuse treatment center because he had recently started snorting heroin.

Hoffman’s family has issued a statement: ‘We are devastated by the loss of our beloved Phil and appreciate the outpouring of love and support we have received from everyone. This is a tragic and sudden loss and we ask that you respect our privacy during this time of grieving. Please keep Phil in your thoughts and prayers.’

New York Mayor Bill de Blasio said via Twitter: ‘Saddened by Philip Seymour Hoffman‘s tragic and untimely passing. Today New York mourns the loss of one of stage and screen’s greats.’

Philip Seymour Hoffman is died on February 22014 (age 46) in Greenwich Village, New York, USA


http://www.imdb.com/

#CookedNews

Oscar 2013: vince Argo proclamato da Michelle Obama

Oscar-2013-tutti-i-vincitori-Argo-miglior-film_h_partbE’ andato al capolavoro di Ben Affleck ‘Argo’ il premio Oscar come miglior film per il 2013. A proclamarlo, a sorpresa, all’85ma cerimonia degli Academy Awards in diretta live dalla Casa Bianca è stata la first lady, Michelle Obama fasciata in un elegante ambito da sera color argento.

‘Ringrazio tutti quelli che hanno lavorato a questo film e partecipato alla sua realizzazione – ha detto visibilmente commosso l’attore e regista americano. Grazie anche al Canada e soprattutto ai nostri amici dell’Iran che vivono in condizioni davvero terribili’.

‘Argo’ si è aggiudicato anche la statuetta per la miglior sceneggiatura non originale e per il miglior montaggio ma la vera rivelazione della serata è stato il film di Ang Lee ‘Vita di Pi’ che ha portato a casa ben 4 Oscar, compreso quello per la miglior regia, già incoronato nel 2005 per ‘Brokeback Mountain‘.

A Daniel Day-Lewis per ‘Lincoln’, nell’omonimo film di Spielberg, e a Jennifer Lawrence per ‘Il lato positivo’  dove si è calata nei panni tragicomici di una vedova psicologicamente turbata, invece, gli Oscar come miglior attore e miglior attrice protagonisti. La bella Lawrence, in principesco abito bianco di Dior è stata anche protagonista di un piccolo incidente quando, salendo sul palco è inciampata e caduta sulle scale.

L’artista inglese protagonista di ‘Lincoln’ ha così stabilito un record, perché è l’unico interprete maschile ad aver ottenuto tre riconoscimenti come protagonista. Katharine Hepburn ne vinse quattro ma come attrice protagonista, mentre Jack Nicholson, Meryl Streep, Ingrid Bergman e Walter Brennan hanno tutti collezionato tre statuette, però con un mix di interpretazioni da protagonisti e non protagonisti. A ‘Lincoln’ anche l’Oscar per la migliore scenografia.

Il miglior film straniero, invece, è ‘Ampur’ di Michael Haneke mentre l’Italia è rimasta a bocca asciutta: l’unico in nomination era Dario Marianelli, compositore che dal 1990 vive a Londra e autore delle musiche del film ‘Anna Karenina’.

Migliori attori non protagonisti, rispettivamente, in campo maschile Christoph Waltz per ‘Django Unchained’ di Quentin Tarantino, il quale è stato insignito del premio per la migliore sceneggiatura originale; e, tra le donne, Anne Hathaway per ‘Les Miserables’. Oscar al migliore film straniero per l’austriaco ‘Amour’, mentre per la migliore canzone è stata premiata Adele con ‘Skyfall’, dalla pellicola che porta il medesimo titolo.

Primo giorno di libertà per l’atleta Pistorius

pistorius_oscar640_640‘Grazie a tutti coloro che hanno pregato per entrambe le famiglie, Oscar’. Questo messaggio, postato su Twitter attraverso l’account del fratello Carl, è la prima uscita pubblica di Oscar Pistorius, accusato dell’omicidio della fidanzata, Reeva Steenkamp, uscito di prigione dopo aver pagato una cauzione da un milione di rand, circa 85mila euro. Finora Pistorius non aveva mai parlato in pubblico e anche la sua testimonianza sull’accaduto era stata consegnata in un affidavit ai giudici.

Dopo quella terribile notte di San Valentino, in cui esplose quattro colpi di pistola contro la fidanzata chiusa in bagno, credendo – è la sua versione – che si trattasse di un ladro, Oscar ha trascorso otto giorni in cella e affrontato quattro udienze cariche di tensione. Udienze durante le quali la sua difesa, sfruttando l’imperizia negli accertamenti dell’accusa, è riuscita a smontare le certezze su un omicidio premeditato e a far accettare l’idea che l’imputato non possa fuggire perché si tratta di Pistorius, l’uomo che tutto il mondo ha imparato a conoscere perché in grado di volare sulle piste di atletica nonostante le protesi alle gambe.

Secondo quanto disposto dal giudice, Pistorius non può lasciare il Paese, ha dovuto consegnare il passaporto, dovrà presentarsi due volte a settimana nel commissariato di Brooklyn, a Pretoria, non dovrà assumere alcol né alcun tipo di sostanza proibita. Inoltre, Pistorius non potrà tornare nella villa di Silver Lake, teatro della tragedia, nel lussuosissimo quartiere residenziale di Pretoria.

Ecco perché il giovane ha trascorso la sua prima notte fuori del carcere a casa dello zio Arnold, che per primo affrontò la stampa il giorno dopo la tragedia e che ancora una volta si frappone tra Oscar e i media. ‘Voglio che Oscar si riprenda e trascorra un giorno normale. Cercheremo di non aver nessun contatto con i media, di prendere un giorno di riposo – spiega alla sudafricana Radio 702 -. La famiglia vuole soltanto trascorrere un po’ di tempo insieme’.

Oscar Pistorius tornerà in aula a partire dal 4 giugno, per affrontare il processo in cui, per bene che gli vada, potrà ottenere una condanna per omicidio preterintenzionale. Lo stesso suo team legale ha ammesso che non riuscirà a salvare ‘Blade Runner‘ dalla prigione perché non potrà invocare la legittima difesa. Ma adesso – scrivono i media sudafricani – Oscar vorrebbe incontrare la famiglia della ‘sua’ Reeva. Secondo indiscrezioni della stampa sudafricana, gli Steenkamp hanno ricevuto un biglietto e un mazzo di fiori da parte di Pistorius. ‘Ma che significa?’, si sarebbe chiesta la mamma della modella, June.

Il padre, Barry Steenkamp: ‘Non importa quanti soldi ha o quanto siano bravi i suoi avvocati – dichiara alla stampa sudafricana -, dovrà fare i conti con la sua coscienza se permetterà alla squadra legale di mentire per lui. Se sta dicendo la verità, forse un giorno potrò perdonarlo. Ma se invece non è andata come dice lui, deve soffrire e soffrirà… Solo lui sa…’.

‘Dovrò abituarmi a vivere senza di lei’, aggiunge la madre June, ‘e ora che tutto le è stato portato via in un modo così violento, vogliamo solo sapere la verità’. Particolarmente duro, il giorno dopo, il commento dello zio di Reeva, Mike Steenkamp, sulla reazione del clan Pistorius all’annuncio in aula della rimessa in libertà su cauzione di Oscar: ‘Tutti volevano saltare dalla gioia. Penso che l’abbiano fatto nel contesto sbagliato, completamente’.

Un altro incontro importante attende Pistorius. Secondo una fonte vicina alla sua famiglia, nel fine settimana Oscar potrebbe rivedere il suo allenatore, Ampie Louw, che nei giorni scorsi aveva evidenziato quanto fosse importante per l’atleta riprendere il training, per poter mantenere corpo e mente sgomberi dai pensieri e dunque affrontare al meglio non solo il tempo che lo separa dal processo, ma la sua nuova vita, inevitabilmente diversa dalla favola che lo ha fatto conoscere al mondo.

(fonte laRepubblica)

Create a free website or blog at WordPress.com.