Al Barrio arriva ‘A tutto battente’, la web radio che unisce Licata al mondo

atuttobattente

Cosa è ‘A tutto battente’ e soprattutto chi sono, autori e storie, cosa siete e fate nella vita? Ci spiegate il perché del nome?

‘A tutto battente’ è una palestra radiofonica, ma anche un programma in onda su una web radio. Abbiamo sempre sentito parlare di radio, ascoltato i racconti di chi ha fatto radio o addirittura avuto qualcuno in famiglia che vi si è cimentato. Per lavoro o per semplice divertimento. Adesso siamo noi a cercare di capire come si fa, perché si fa e a cosa serve. Ma soprattutto che aspettativa di crescita, di vita e di diffusione può avere una web radio che trasmette da una periferia come Licata. Beninteso Licata per noi è il centro del mondo, tuttavia è innegabile che, in quanto a mass media e progresso culturale, sia indietro anni luce rispetto al nord e all’estero.

Anche ‘A tutto Battente’, come altri progetti, nasce da una corposa dose di cazzeggio: questo ci rende tutti autori, non di un programma, ma di un salotto punk dei cui contenuti siamo artefici, ma anche fruitori. Le storie sono quelle della cronaca, della nostra quotidianità, dei personaggi con cui siamo più a contatto, fisico o intellettuale: queste storie arrivano indistintamente dalle latitudini più distanti, come da dietro l’angolo.

Nino Tarlato ha 25 anni ed laureando in Scienze della comunicazione a Torino. Ha all’attivo tre pubblicazioni, tra racconti e poesie, e la sceneggiatura di un corto: ‘Finding Apoteosi’. E’ stato proprio lui a proporci di iniziare questo percorso, dopo averlo sperimentato a Torino con la trasmissione il ‘Volgarotto’.

Calogero Tarlato ha 26 ed è il nostro fonico, tecnico, criptico. Studia architettura all’università di Agrigento, ha una gran passione per le tecnologie e applica i suoi studi alla realizzazione della nostra sede.

Giovanni ‘Sparda‘ Cicatello ha 31 anni ed è un musicista e cazzeggiatore D.O.C.: attualmente collabora con diverse band: Iricanti, Disìu, Madika.

Gino Pira ha 24 anni ed è laureando in Giurisprudenza alla Cattolica di Milano. Giornalista pubblicista dal 2007 e patentato dal 2006. Compagno di banco di Nino, è uno dei fondatori dell’associazione Variazioni.

Il titolo prende spunto da uno dei tanti momenti di ozio della compagnia; l’angolo del garage di Nanni da dove trasmettevamo all’inizio era delimitato da una parete in legno con una finestra che rimaneva chiusa. ‘Per aprirla – affermò una sera Calogero – serve una cerniera ‘a tutto battente’. La finestra si aprì e Calogero diventò il regista della trasmissione.

 Come nasce il progetto di una radio web e l’importanza del web in un paese come Licata.

Come dicevo è stato Nino a mettere sul tavolo delle ‘cose da fare assolutamente’ l’esperienza della radio. Lui era uno dei conduttori del ‘Volgarotto’ a Torino, programma che andava in onda su radio Musmea di Augusta. Quello che abbiamo fatto non è stato altro che chiedere a Musmea di continuare con un’altra trasmissione, ma da Licata.

Il web oggi è fondamentale, sono parole di mia nonna. Ciononostante a Licata le cose sono autocomunicanti: come in tutti i piccoli centri quello che si vuole sapere si sa, e viceversa. Il punto è: che tipo di conoscenza abbiamo delle cose che diciamo o comunichiamo? Beh io penso che sia assolutamente superficiale, e allora l’importanza del web si sostanzia nella possibilità di approfondire e informarsi bene. In ogni caso, ‘A tutto battente’ è ascoltato in tutta Italia: dai nostri amici, dagli universitari licatesi fuori sede, da persone che in qualche modo abbiamo raggiunto.

Da quanto tempo esistete e da dove trasmettete?

Abbiamo iniziato il 17 marzo dal garage di Giovanni. Dopo, da maggio, ci siamo spostati in via Carducci (o Cianu Billingheri, per intenderci): è casa nostra: estiva, invernale, spaziosa, luminosa.

In cosa consiste la trasmissione, minuti e ‘screenplay‘? Come pensate al programma, lavorate insieme o ciascuno singolarmente?

Come dicevamo la trasmissione è una sorta di salotto, magari non inelegante ma sicuramente non ingessato, nel quale ognuno mette in campo la propria idea e ne parla: riproponiamo in maniera molto meno nobile e molto più leggera quello che succedeva a radio Alice.

Ognuno ha la propria rubrica: Punto Gino, la musica disgraziata di Giovanni, Cinemusica di Nino e la amatissima Posta del cuore del maestro Cilia.

All’interno delle rubriche e al loro esterno, lungo la scaletta, interagiamo e lavoriamo in sinergia: è ovvio, altrimenti fare radio sarebbe come masturbarsi nello stesso spazio-tempo.

Che musica ‘passate’?

Tutta. Ognuno di noi ha gusti diversi e ci piace intrecciarli e farli scontrare: da Buzzurro agli Alt-j, dai classici agli emergenti, dal vecchio al nuovo. Dall‘ufficiale all’underground.

Come vi definireste?

Oziosi.

Paure, indecisioni, certezze, punti fermi. Su quali ‘onde’ viaggia ‘A tutto battente’?

L’onda perfetta esiste, il problema è che c’è impazienza nell’attesa. noi viaggiamo su un trenino: ci hanno detto che c’è il cambio, ma ancora non abbiamo capito esattamente dove.

Passato, presente e futuro. Cosa c’è da attendersi dagli autori di una radio locale? Progetti futuri

Il progetto futuro è poter rimanere a Licata, dopo essere stati qualche anno fuori. Dobbiamo creare le condizioni per poterci permettere questo lusso. Anche tu.

Musica o parole? L’importanza dell’una e dell’altra

Si scrive in modo melodioso, si parla con toni armonici. Si cugliunia a ritmo. La musica è ovunque: se la ascolti hai qualcosa da dire. Se conosci, approfondisci, ti coltivi, ricerchi, maturi una qualche competenza, anche manuale, hai qualcosa da dire. E sai che musica ascoltare e far ascoltare.

Cosa ascolteremo nelle due ore al Barrio?

Lo decidiamo assieme! Vi ringraziamo per questo spazio e vi diamo appuntamento al Barrio, ma anche a ‘Variazioni per le Piazze’ il prossimo 9 Agosto a Licata.

Un Calore Saluto a tutti!

I ragazzi di ‘A tutto battente’ saranno in onda al Barrio di via Sant’Andrea 33, a Licata, domenica 4 agosto, a partire dalle 21.30

Advertisements

Birmania: no censura ai giornalisti, abolita la pratica del silenzio


L’annuncio del ministero dell’Informazione. I giornalisti non dovranno più sottoporre il proprio lavoro, prima della pubblicazione, al vaglio delle autorità. I rigidi controlli sulla stampa furono introdotti nell’agosto del 1964.  La decisione del governo di Myanmar arriva in piena estate con l’abolizione della censura sui media. Lo annuncia il ministero dell’Informazione, secondo quanto riferito dalla Bbc. In base alle nuove disposizioni emanate dal Dipartimento per il controllo e la registrazione dei mezzi di informazione, i giornalisti potranno pubblicare liberamente, senza previo controllo da parte delle autorità e sulla base della propria esperienza professionale.

Lo scorso anno la censura era stata revocata per le pubblicazioni ideologicamente meno sensibili, per esempio i testi delle canzoni o delle fiabe. Era però rimasta in piedi per la maggior parte dei libri e per giornali, televisioni e radio, specie se di forte connotazione politica o religiosa.

Prosegue così il percorso di riforme del nuovo governo birmano, formalmente civile sebbene guidato da un generale a riposo, Thein Sein. Aperture che hanno raggiunto il culmine con la scarcerazione di centinaia di prigionieri politici a partire dalla leader dell’opposizione non violenta, Aung San Suu Kyi, insignita nel 1991 del premio Nobel per la Pace.

Lavoro: 2mila euro per la morte di Matteo Armellini, l’operaio deceduto sotto il palco della Pausini

Duemila euro e neppure. E’ la cifra, il compenso, il rimborso ricevuto in questi giorni dalla mamma di Matteo Armellini, il ragazzo operaio deceduto sul lavoro mentre da rigger stava montando il palco sul quale la sera stessa si sarebbe esibita Laura Pausini. Una morte sul lavoro. Che all’Inail, l’Istituto nazionale contro gli infortuni sul lavoro, costa per l’esattezza 1936,80 euro.

La qualifica di Matteo era quella di rigger. Che in inglese vuol dire montatore. Attrezzava le strutture impalcate dagli scaff, ancora una figura professionale a quanto pare non riconosciuta per il lavoro di quota insieme ai tecnici del suono e delle luci, fino ai facchini, i trasportisti, quelli che fanno il lavoro pesante. Semmai ci fosse differenza. Quando si muore, intendiamo.

Matteo Armellini è deceduto il 5 marzo scorso a Reggio Calabria. Oggi i soldi, che arrivano con la ‘pratica di infortunio o malattia professionale’ il rimborso per la madre di Matteo, che non lascia moglie o figli, inviato direttamente dall’Inail.  Una cifra che a quanto pare non basta neppure a pagare il trasporto della salma. Per il resto, a parte il burocratese indispensabile, non si fa cenno al decesso, né alle motivazioni per la somma riconosciuta.

‘I soldi non mi interessano – dice la mamma di Matteo. Per le mie idee gli oboli non esistono o mi è dovuto qualcosa o no. L’Inail riconosce un indennità solo a moglie o figli e Matteo non ne aveva. Se questa è la legge mi va bene. Qualora questi soldi fossero un’offerta, è bene sapere che non pago neanche il trasporto della salma da Reggio a Roma. Se non possono permettersi di pagare il funerale a mio figlio abbiano almeno il coraggio di ammetterlo’. Parole amare e crude di chi vuole conoscere e sapere, capire come è andata.

‘Perché quel giorno, prima ancora di iniziare il turno, la struttura è finita addosso a Matteo’ si chiede Paola. E ancora interrogativi su che tipo di tutela o garanzia avesse il figlio sul lavoro. La donna sta cercando tutto quello che può aiutarla a capire. A cominciare dalle buste paga di Matteo, che fanno luce su un lavoro tutt’altro che ben retribuito, il suo e quello di mille altri operai in tutta Italia. Non un contratto collettivo nazionale che ne riconosca le professionalità, gli orari, i turni, le retribuzioni fino ai contributi, quelli per la pensione. A detta della madre di Matteo, era il figlio a doversi preoccupare dell’assicurazione, da pagare, e dell’imbracatura e di ogni altra attrezzatura necessaria a svolgere il proprio lavoro. Come i corsi per la certificazione del lavoro in quota e l’abbigliamento antinfortunistico.

Il mestiere del rigger, termine anglosassone che vuol dire allestire, era uno di quei tanti lavori in nero venuti alla ribalta della cronaca al primo incidente sul lavoro del dicembre scorso, quello che ha preceduto di qualche mese la morte di Matteo Armellini. Sotto il crollo del palco questa volta di Lorenzo Jovanotti, prossimo ad esibirsi a Trieste è morto Francesco Pinna, studente operaio.

Ne è nato anche un collettivo di lavoratori autonomi che dal nero cercano di emergere, studiando la legislatura e le norme che regolamentano il lavoro di altezza. Sono i ragazzi del collettivo auto organizzato degli operai dello spettacolo di Roma. Che hanno individuato due tipologie di lavoro o per meglio dire, ‘escamotage contrattuali’.

Le cooperative di facchinaggio e quelle di specializzati. Le prime lavorano avendo come unico referente il proprietario, che procaccia il lavoro e paga gli operai. La gestione è quella del caporalato. I tecnici costano di più. Sono freelance e specializzati, ingaggiarli ha il suo prezzo. Si procurano il lavoro da soli e le produzioni che li chiamano non li assumono perché costerebbe troppo, ma pretendono  una ricevuta. Il lavoro stagionale qui è a chiamata, si inizia a parlare di partita Iva e di commercialista. Si lavora per passaparola. Vengono fuori soci lavoratori con contratti di lavoro intermittente che trovano commesse grazie alla loro professionalità. Una credibilità acquisita nel tempo e a proprie spese, spesso con grande fatica.

Quando il lavoro arriva, la storia cambia. Si passa a subordinati e per poter continuare, si affrontano anche doppi turni. Non sono contemplati i festivi, gli straordinari e i notturni. ‘Non sappiamo a che ora cominciamo e quando stacchiamo. Veniamo chiamati all’ultimo momento quando gli eventi sono calendarizzati mesi prima. Vorremmo essere in rapporto diretto con il committente che invece non sappiamo neanche chi sia’.

Appaltato l’artista, lo si deve accontentare. Lui e tutta la sua organizzazione. Questo vuol dire montare e smontare il palco, ogni sera per tutto il tour, di tappa in tappa, garantendo tempo e orari e un’ottima riuscita dello show. E se rifiuti, ‘chiamano un altro’ racconta Paola e chiede: ‘Come si è potuto arrivare a una simile giungla, con sindacati e forze sociali praticamente assenti?’

Ancora silenzio dietro un artista che magari canta di lavoro nero e operai sacrificati.

‘Matteo – dice ancora Paola – ormai è solo un fascicolo che si sposta da un archivio all’altro. La mia volontà è che quello che gli è accaduto non succeda più’. Intanto che lo spettacolo continua.

Di seguito il link all’articolo dell’Unità, il quotidiano al quale Paola Armellini ha rilasciato le dichiarazioni da noi riportate insieme ad altri utili link

http://mercenarishowbizroma.noblogs.org/
http://www.unita.it/italia/mori-per-montare-palco-pausini-br-la-sua-vita-vale-solo-2mila-euro-1.432317https://cookednews.wordpress.com/2012/06/27/benigni-su-fornero-ma-quanti-dannati-ci-sono-allinferno/

Cosa è Cooked News?

Iniziamo col dire cosa non è Cooked News. Non è un sito di ricette. Non si cucina se non i fatti del giorno e gli ingredienti non si comprano al mercato, se non quello editoriale.

Newspaper, magazines, blogs, ma anche il web in generale, dalla radio alla tv, gli altri giornali, tutti e le agenzie di stampa saranno un aiuto, amici o nemici, nel fare informazione.

Una rassegna stampa? No neppure, sicuramente ci teniamo a dare le notizie del giorno e quelle di qualche giorno prima. E ad anticipare la concorrenza, quando questa arriva in in ritardo su temi scottanti sociali e non.

La nostra ricerca comprenderà l’analisi e l’approfondimento, le breaking news e le cooked news, quelle cucinate. Cuochi prodigio del giornalismo rampante nuoteremo in acque talvolta malsane, in cerca di argomenti da discernere e ripulire per arrivare al cuore della notizia, da consegnare integra a lettori proficuamente insidiosi e speriamo, intellettualmente stimolanti.  

Cercando di scansare attentamente l’ingordigia e la bulimia mediatica, scarpe consunte ai piedi, taccuino e penna alla mano, non perderemo un solo ingrediente per cucinare ogni giorno le più salienti Cooked News di questo nuovo sito d’informazione

Ad accompagnarci un vivace spirito al cui orecchio bisbiglia una sana curiosità

Blog at WordPress.com.