The Day We Fight Back Against Mass Surveillance

thedaywefightback.org

TODAY, FEBRUARY 11TH, 2014 IS THE DAY WE FIGHT BACK AGAINST MASS SURVEILLANCE

The NSA ‘has secretly broken into the main communications links that connect Yahoo and Google data centers around the world.’ (The New York Times)

The NSA is collecting the content and metadata of emails, web activity, chats, social networks, and everything else as part of what it calls ‘upstream’ collection. (The Washington Post)

The NSA collected ‘almost 3 billion pieces of intelligence from US computer networks’ in one month in 2013. (The Guardian)

Governments worldwide need to know that mass surveillance, like that conducted by the NSA, is always a violation of our inalienable human rights.

Over the past year, more than 360 organizations in over 70 countries have come together to support the International Principles on the Application of Human Rights to Communications Surveillance.

These thirteen Principles establish the human rights obligations of any government conducting surveillance. They are the core of an international movement to compel all states to stop the mass spying of the innocent. The Principles are already being used in national campaigns and international pressure to reign in spies including the NSA.

On Anniversary of Aaron Swartz’s Tragic Passing, Leading Internet Groups and Online Platforms Announce Day of Activism Against NSA Surveillance

Mobilization, dubbed “The Day We Fight Back” to Honor Swartz & Celebrate Anniversary of SOPA Blackout

A broad coalition of activist groups, companies, and online platforms will hold a worldwide day of activism in opposition to the NSA’s mass spying regime on February 11th. Dubbed ‘The Day We Fight Back‘, the day of activism was announced on the eve of the anniversary of the tragic passing of activist and technologist Aaron Swartz. The protest is both in his honor and in celebration of the victory over the Stop Online Piracy Act two years ago this month, which he helped spur.

Participants including Access, Demand Progress, the Electronic Frontier Foundation, Fight for the Future, Free Press, BoingBoing, Reddit, Mozilla, ThoughtWorks, and more to come, will join potentially millions of Internet users to pressure lawmakers to end mass surveillance — of both Americans and the citizens of the whole world.

On January 11, 2013, Aaron Swartz took his own life. Aaron had a brilliant, inquisitive mind that he employed towards the ends of technology, writing, research, art, and so much more. Near the end of his life, his focus was political activism, in support of civil liberties, democracy, and economic justice.

Aaron sparked and helped guide the movement that would eventually defeat the Stop Online Piracy Act in January 2012. That bill would have destroyed the Internet as we know it, by blocking access to sites that allowed for user-generated content — the very thing that makes the Internet so dynamic.

David Segal, executive director of Demand Progress, which he co-founded with Swartz, said: ‘Today the greatest threat to a free Internet, and broader free society, is the National Security Agency’s mass spying regime. If Aaron were alive he’d be on the front lines, fighting back against these practices that undermine our ability to engage with each other as genuinely free human beings.’ According to Roy Singham, Chairman of the global technology company ThoughtWorks, where Aaron was working up until the time of his passing:

‘Aaron showed us that being a technologist in the 21st century means taking action to prevent technology from being turned against the public interest. The time is now for the global tribe of technologists to rise up together and defeat mass surveillance.’

According to Josh Levy of Free Press:

‘Since the first revelations last summer, hundreds of thousands of Internet users have come together online and offline to protest the NSA’s unconstitutional surveillance programs. These programs attack our basic rights to connect and communicate in private, and strike at the foundations of democracy itself. Only a broad movement of activists, organizations and companies can convince Washington to restore these rights.’

Brett Solomon, Executive Director, Access, added:

‘Aaron thought in systems. He knew that a free and open internet is a critical prerequisite to preserving our free and open societies. His spirit lives in our belief that where there are threats to this freedom, we will rise to overcome them. On February 11th, we’ll rise against mass surveillance.’

On the day of action, the coalition and the activists it represents make calls and drive emails to lawmakers. Owners of websites will install banners to encourage their visitors to fight back against surveillance, and employees of technology companies will demand that their organizations do the same. Internet users are being asked to develop memes and change their social media avatars to reflect their demands.

Websites and Internet users who want to talk part can visit TheDayWeFightBack.org to sign up for email updates and to register websites to participate. Regular updates will be posted to the site between now and the February 11th day of action.

WHO: Access, Demand Progress, Electronic Frontier Foundation, Fight for the Future, Free Press, The Other 98%, BoingBoing, Mozilla, Reddit, ThoughtWorks — and many more to come

WHAT: Day of Action in Opposition to Mass Spying, Honoring Aaron Swartz and SOPA Blackout Anniversary

WHEN: February 11, 2014

HOW INTERNET USERS CAN HELP:

  1. Visit TheDayWeFightBack.org
  2. Sign up to indicate that you’ll participate and receive updates.
  3. Sign up to install widgets on websites encouraging its visitors to fight back against surveillance. (These are being finalized in coming days.)
  4. Use the social media tools on the site to announce your participation.
  5. Develop memes, tools, websites, and do whatever else you can to participate — and encourage others to do the same.

    TAKE ACTION NOW, #CookedNews,#stopspying, #stopspying

    https://thedaywefightback.org/

Advertisements

AMAZING news/Antagonismo e Attivismo/Arte/Blogs/controcultura/Cooked News/Free Software/I Post più letti/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/New Media/Newspapers/Politica/Rete sociale/Web News/world news/Worpress.Com

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Philip Seymour Hoffman is died at 46

Philip Seymour #Hoffman como Truman #CapotePhilip Seymour Hoffman : 1967-2014

Philip Seymour Hoffman, one of the leading actors of his generation, who won an Academy Award for his title role in the film Capote, was found dead in his Manhattan apartment on Sunday in what a New York police source described as an apparent drug overdose.

‘U.S. actor Philip Seymour Hoffman attends the press conference for ‘Capote’ at the 30th International Film Festival in Toronto, September 11, 2005. ‘Capote’ is a portrait into the life of American writer Truman Capote, said Mike Cassese, REUTERS.

Hoffman, 46, was found unresponsive on the bathroom floor of his Greenwich Village apartment by police responding to a 911 call, and Emergency Medical Service workers declared him dead on the scene, New York City police said in a statement. An investigation was ongoing.

Film and stage actor and theater director Philip Seymour Hoffman was born in the Rochester, New York, suburb of Fairport on July 23, 1967. After becoming involved in high school theatrics, he attended New York University’s Tisch School of the Arts, graduating with a B.F.A. degree in Drama in 1989. He made his feature film debut in the indie production Triple Bogey on a Par Five Hole (1991) as Phil Hoffman, and his first role in a major release came the next year in My New Gun (1992). While he had supporting roles in some other major productions, his breakthrough role came in Paul Thomas Anderson‘s Boogie Nights – L’altra Hollywood (1997). He quickly became an icon of indie cinema, establishing a reputation as one of the screen’s finest actors, in a variety of supporting and second leads in indie and major features, including Todd Solondz‘sHappiness (1998), Flawless – Senza difetti (1999), Il talento di Mr. Ripley (1999), Paul Thomas Anderson‘s Magnolia (1999), Quasi famosi (2000) and Hollywood, Vermont(2000). He also appeared in supporting roles in such mainstream, big-budget features asRed Dragon (2002), Ritorno a Cold Mountain (2003) and the upcoming Mission: Impossible III (2006).

Hoffman is also quite active on the stage. On Broadway, he has earned two Tony nominations, as Best Actor (Play) in 2000 for a revival of Sam Shepard‘s “True West” and as Best Actor (Featured Role – Play) in 2003 for a revival of Eugene O’Neill (I)’s “Long Day’s Journey into Night”. His other acting credits in the New York theater include “The Seagull” (directed by Mike Nichols for The New York Shakespeare Festival), “Defying Gravity”, “The Merchant of Venice” (directed by Peter Sellars), “Shopping and F*@%ing” and “The Author’s Voice” (Drama Desk nomination). He is the Co-Artistic Director of the LAByrinth Theater Company in New York, for which he directed “Our Lady of 121st Street” by Stephen Adly Guirgis. He also has directed “In Arabia, We’d All Be Kings” and “Jesus Hopped the A Train” by Guirgis for LAByrinth, and “The Glory of Living” by Rebecca Gilman at the Manhattan Class Company.

Hoffman consolidated his reputation as one of the finest actors under the age of 40 with his turn in the title role of Truman Capote – A sangue freddo (2005), for which he won the Los Angeles Film Critics Award as Best Actor. In 2006, he was awarded the Best Actor Oscar for the same role.

Philip Seymour Hoffman ‘Actors are responsible to the people we play. My passion to develop as an actor didn’t have anything to do with people knowing me. I had no idea that would happen. To become famous, to become a celebrity is something that I thought happened to other people.’

[on Truman Capote – A sangue freddo (2005)] I knew that it would be great, but I still took the role kicking and screaming. Playing Capote took a lot of concentration. I prepared for four and a half months. I read and listened to his voice and watched videos of him on TV. Sometimes being an actor is like being some kind of detective where you’re on the search for a secret that will unlock the character. With Capote, the part required me to be a little unbalanced, and that wasn’t really good for my mental health. It was also a technically difficult part. Because I was holding my body in a way it doesn’t want to be held and because I was speaking in a voice that my vocal cords did not want to do, I had to stay in character all day. Otherwise, I would give my body the chance to bail on me.

[on ‘The Master’] L. Ron Hubbard is the reference, but it isn’t L. Ron Hubbard. There are things he does that are referenced in Hubbard’s life, but ultimately there is no adherence to that fact. We took liberties because he is a fictional character.

(On quitting drinking at age 22) I think I would have drank myself to death, literally, if I didn’t just stop, once and for all when I did. I am not ever going to preach to anyone about drugs or drinking. But, for me, when they were around, I had no self control.

In May 2013, Hoffman announced that he checked into substance abuse treatment center because he had recently started snorting heroin.

Hoffman’s family has issued a statement: ‘We are devastated by the loss of our beloved Phil and appreciate the outpouring of love and support we have received from everyone. This is a tragic and sudden loss and we ask that you respect our privacy during this time of grieving. Please keep Phil in your thoughts and prayers.’

New York Mayor Bill de Blasio said via Twitter: ‘Saddened by Philip Seymour Hoffman‘s tragic and untimely passing. Today New York mourns the loss of one of stage and screen’s greats.’

Philip Seymour Hoffman is died on February 22014 (age 46) in Greenwich Village, New York, USA


http://www.imdb.com/

#CookedNews

Marissa Mayer è il nuovo CEO di Yahoo!

Ha 37 anni, aspetta un bambino e fino ad ora ha lavorato per Google. Marissa Mayer è la nuova amministratrice delegata di Yahoo, l’azienda  di San Francisco conosciuta in tutto il mondo per i suoi servizi mail e di navigazione Internet, recentemente attaccata dagli hacker su Yahoo! Voice. La Mayer, ex dirigente Google di nuova nomina, avrà un bel da fare.

Il nuovo presidente e amministratore delegato (CEO) di Yahoo avrà il compito di risollevare le sorti della società, in affanno da anni a causa di scelte commerciali poco efficaci, soprattutto di fronte al ruolo di Google sempre più competitivo, e di problemi interni che hanno portato a frequenti sostituzioni dei propri manager e della carica di CEO. Yahoo ha scelto Marissa Mayer per la sua esperienza nel settore delle ricerche online e dei servizi per i singoli utenti, ambiti in cui la società ha faticato a innovare e a mantenere il passo rispetto alla concorrenza di Google.

Marissa Ann Mayer, 37 anni, si è laureata alla Stanford University in scienze. Dopo un master in informatica, si è specializzata nella ricerca sull’intelligenza artificiale. Nel 1999 è stata la ventesima persona a essere assunta da Google e la prima donna a lavorare per la società.

Google non era ancora il Gigante di Mountain View e Yahoo era invece uno dei motori di ricerca più usati e popolari. Nella sua lunga carriera all’interno della società, circa 13 anni, la nuova ad di casa Yahoo! ha contribuito a progettare e rifinire molti dei prodotti che oggi usano centinaia di milioni di persone in tutto il mondo come Gmail, Google News e Google Immagini, iGoogle Google Doodle.  Importante il suo contributo nel definire la classica ed essenziale pagina iniziale del motore di ricerca di Big G.,  quella completamente bianca con il logo di Google e il  searcher in cui inserire la propria ricerca online.

Tre anni fa, Mayer è stata inserita dalla rivista Fortune nella classifica annuale delle 50 donne più potenti e influenti del mondo. Nello stesso anno la rivista Glamour l’ha scelta come donna dell’anno. Ancora nel 2009, Mayer si è sposata con il consulente finanziario Zachary Bogue.

L’annuncio del so nuovo incarico da ieri sta facendo il giro della Rete con Hot Topic su Twitter che riportano il nome di Marissa Mayer e la nomina di CEO di Yahoo subito dopo l’hashtag #Cambiaitalia e prima di Pil.

Dopo la diffusione della notizia da parte di Yahoo e il giro su internet, la nuova CEO ha aggiunto in un tweet di essere incinta. La coppia aspetta un bambino, che dovrebbe nascere a metà ottobre, e probabilmente la Mayer ha deciso di farlo sapere immediatamente per evitare voci e indiscrezioni che avrebbero potuto condizionare ulteriormente l’andamento in borsa di Yahoo. Il nuovo Ceo ha voluto così rivelare al mondo il caso di un colosso Usa che affida parte del suo destino a una donna in dolce attesa.

Il nuovo amministratore delegato di Yahoo! Marissa Mayer, nominata nella notte è diventata la donna più giovane in posizione apicale in una società web.

Laurea a Stanford, in Google nel 1999, diventando subito la prima donna ingegnere del colosso di Mountain View, ‘E’ stata scelta per i suoi trascorsi incomparabili nella tecnologia, design e realizzazione del prodotto’, ha spiegato il presidente di Yahoo! Fred Amoroso. Competenze che la Mayer dovrà sfruttare a pieno, visto il malessere finanziario e le turbolenze interne che attraversano Yahoo!, governata nei cinque anni precedenti da altrettanti ad. La dirigente che avrà un figlio a ottobre ha spiegato di voler prendere una breve maternità. Il sito rimane comunque tra quelli più popolari su internet (700 milioni di visitatori mensili), ma l’azienda ha lottato per monetizzare questo successo di pubblico, sempre più insidiato da Google e Facebook.

Il 2008 è stato un pessimo anno per Yahoo, già in cattive acque. Fu allora che Microsoft si offrì di rilevare la società con una offerta d’acquisto senza precedenti: 44,6 miliardi di dollari per acquisire tutti i diritti della società di San Francisco. L’intenzione di Microsoft era quella di rinforzare la propria posizione nel settore del search engine online, dominato da Google. Il CEO di Yahoo era allora il cofondatore Jerry Yang.

Rifiutata l’offerta, la situazione per Yahoo non migliorò. Iniziarono a esserci grandi contrasti e divisioni nel consiglio di amministrazione, fatto che costrinse Yang alle dimissioni. Al suo posto fu nominata Carol Bartz, CEO determinato non in grado di accrescere la competitività di un’azienda come Yahoo.

Bartz è rimasto in carica fino a settembre dello scorso anno, dopodichè  a gennaio 2012 è stato nominato al suo posto Scott Thompson. Anche in questo caso, nessuno piano di rinnovo per Yahoo a partire dai sevizi. Il nuovo Ceo ha preferito combattere contro Facebook, mettendo in piedi una vera e propria guerra dei brevetti. E’ il periodo dei duemila licenziamenti e di una riorganizzazione interna dell’azienda di San Francisco. Attualmente si è in fase di accordo.

 In seguito a uno scandalo legato a un falso curriculum presentato al momento dell’assunzione, Thompson fu costretto alle dimissioni a maggio, lasciando il posto di CEO vacante fino all’arrivo di Marissa Mayer.

La nomina di Mayer è stata accolta positivamente dagli investitori, con il titolo di Yahoo che nella seduta di ieri a Wall Street ha guadagnato il 2 per cento circa dopo mesi molto difficili. La notizia, spiegano sul Wall Street Journal, ha comunque sorpreso diversi analisti e dirigenti Yahoo, che ora temono l’ennesimo periodo di riordino interno alla dirigenza e la nascita di nuovi attriti.

Con la scelta di Marissa Mayer, la Web society ha comunque voluto dimostrare di tornare alle origini, alla realizzazione di prodotti per i singoli utenti, molti dei quali se non la maggior parte usano la posta elettronica, apprezzandone molto il servizio antivirus e antispam e lasciando in secondo piano le altre attività.

Ed ecco il press release della compagnia

 ‘Yahoo! (NASDAQ:YHOO) today announced that it has appointed Marissa Mayer as President and Chief Executive Officer and Member of the Board of Directors effective July 17, 2012. The appointment of Ms. Mayer, a leading consumer internet executive, signals a renewed focus on product innovation to drive user experience and advertising revenue for one of the world’s largest consumer internet brands, whose leading properties include Yahoo! Finance, Yahoo! Sports, Yahoo! Mobile, Yahoo! Mail, and Yahoo! Search.

Mayer said, ‘I am honored and delighted to lead Yahoo!, one of the internet’s premier destinations for more than 700 million users. I look forward to working with the Company’s dedicated employees to bring innovative products, content, and personalized experiences to users and advertisers all around the world.’

marissamayer @marissamayer
@ Yahoo!
San Francisco, CA · http://www.google.com/profiles/marissamayer

Yahoo! Voice hacked: passwords ed email pubblici per più di 450mila utenti

Yahoo! e la porcata dell’attacco hacker in advice alla nuovo servizio di calling in rete. (Ragionamento: se non possiamo essere Skype, allora proviamo a sembrare Skype) .

‘Se sei un utente di  Yahoo! Voice fai in fretta a cambiare password‘, attaccano in americano sputato quelli Mashable. Notizia già ripresa e rimpastata dalla rete, tutta, e in ogni dove del mondo nelle rispettive lingue (Google translate no?). Tecnonico l’ha da in italiano e dice: è di alcune ore fa, 7, la notizia di uno dei più imponenti attacchi informatici degli ultimi tempi, di sicuro uno dei più pesanti nei confronti del colosso Yahoo!, arrembato durante un attacco cyber. E noi ipotizziamo, probabilmente mirato soltanto a pubblicizzare il nuovo servizio che tanto vuole somigliare a Skype. Ti pare?

A quanto pare fantasmagorici pirati informatici, stanchi di hackerare siti istituzionali di forze dell’ordine, Vaticano, partiti politici e rappresentanze diplomatiche nel resto del mondo, interessati a problematiche inerenti la politica e le decisioni economiche internazionali e interne, hanno ben pensato di accedere a dati sensibili, password ed email address per oltre 400.000 utenze iscritte al servizio Yahoo! Voice. Sarà vero?

‘Ma il particolare più grave – dice Tecnocino – sottolineato dalla società di sicurezza informatica Trusted Sec. è che queste informazioni riservate erano archiviate in un modo totalmente non adeguato, senza essere criptate e dunque facilmente rubabili in blocco per poi essere diffuse (come è successo) in chiaro. Si tratta di un attacco che segue quello subito di recente da LinkedIn.

L’annuncio del service compromesso è apparso in rete martedì scorso e fa riferimento a una lista ‘Owned and Exposed’ da cui è possibile accedere a un servizio di rilevazione degli indirizzi, con le email  in dettaglio e le passwords di più di 450 mila utenti di Yahoo! Voice.

‘Brought to you by the D33Ds Company revealing a number of details for the service including all of the email addresses and passwords for Yahoo Voice’s 450k users’ dice l’articolo originale.

Insomma, andando sul site hosting, il sito d’appoggio, è possibile verificare se fra gli utenti hackerati ci siete anche voi.

Ed ecco cosa è successo a Yahoo! secondo Reuters.

Il sito web di news technology Ars Technica ha riportato che ad aver hackerato Yahoo! è stato proprio D33DS Company. Il gruppo è entrato in un non definito sotto dominio del website Yahoo, trovando tutti gli account details non criptati, pubblicandoli.

Un portavoce di Yahoo!da Singapore ha declinato ogni commento.

Image representing Jajah as depicted in CrunchBase

Image via CrunchBase

Gli accounts interessati sono quelli degli utenti del voice-over-Internet-protocol, o VOIP service Yahoo! Voices, il servizio di calling di Yahoo appunto. Lo si trova su Yahoo instant messenger. Il servizio Voices è stato potenziato da Jajah, una VOIP platform acquisita da Telefonica Europe BV nel 2010.

Non è stato possibile accedere al sito degli hacker d33ds.co con l’originale rivendicazione dell’attacco fino a giovedì. d33ds.co è stato registrato a febbraio. Secondo il sito web CNET gli hackers hanno giustificato l’attacco dicendo che è stato più un ‘wake-up call and not as a threat’ un modo per richiamare all’attenzione e non una minaccia, rivolgendo a Yahoo l’accusa di avere un sistema di sicurezza un po’ troppo alla buona.

L’hackeraggio a Yahoo! Voice non è stato l’unico degli ultimi mesi. Il servizio di business networking LinkedIn (LNKD.N) ha ammesso lo scorso mese che qualcosa come 6.4 milioni di passwords sono andate perdute dal loro website.

@yahoonews
https://www.facebook.com/yahoonews
http://d33ds.co/
http://in.reuters.com/article/2012/07/12/yahoo-hackers-idINDEE86B09B20120712 

Wikipedia strike: in Russia per 24 ore, la libera enciclopedia manifesta contro la restrizione dei contenuti

Russia: Wikipedia strike per 24 ore, la libera enciclopedia manifesta contro la restrizione dei contenuti. Sciopero di 24 ore per la sezione sovietica di Wikipedia contro un progetto di legge che vuole creare una lista nera di tutti i siti con contenuti vietati.

Bannati, out, fuori dunque dalla grande enciclopedia del web ogni materiale pedo pornografico o vicino soltanto all’estremismo politico.

La versione in cirillico della più grande enciclopedia online sospenderà la sua attività per 24 ore contro una  legge sostenuta da tutti e quattro i partiti che siedono in Cremlino.

Una proposta, la Stop Online Piracy Act (SOPA) per gli americani, che ha però suscitato le critiche dei difensori dei diritti umani e dei provider Internet, secondo i quali si tratta di un tentativo di censura del web russo.

Tra gli oppositori alla proposta si trovano anche AmazonMicrosoftGoogleYahoo!FacebookTwitterAOLLinkedIn, la Blender FoundationeBay, la Mozilla Foundation, la Wikimedia Foundation, la Free Software Foundation di Richard Stallman, la Creative CommonsSpartz Media e varie organizzazioni per i diritti umani come Reporter Senza Frontiere, l’Electronic Frontier Foundation, l’American Civil Liberties UnionAvaaz.org e Human Rights Watch.

Qualche giorno fa, come succede per qualsiasi notizia o fatto di cui si torna ciclicamente a parlare e discutere, Wikipedia è stata nuovamente al centro del ciclone parlando di copyright relativo alle pellicole hollywoodiane. Jimbo Wales in persona, fondatore di Wikipedia, si è esposto per il caso di Richard O’Dwyer, ventiquattrenne inglese a rischio estradizione negli USA ( un po’ come l’ideatore della condivisione in streaming su Megaupload tutt’ora sottoprocesso) per rispondere a un’accusa di violazione del copyright.

O’Dwyer è uno studente della Sheffield Hallam University, ma è anche il creatore di TVShack, un sito pensato, prima ancora che venisse  sequestrato secondo volere dello US Immigration and Customs Enforcement – per vedere film e telefilm completi (anche prodotti in America). Una specie di motore di ricerca dei link a cui andare per poter vedere un film gratis.

Storia e curiosità di Wikipedia

Jimmy Donal Wales, detto Jimbo (Huntsville8 agosto 1966), è un imprenditore statunitense, noto per essere uno dei fondatori del progettoWikipediaWikipedia è un’enciclopedia online a contenuto libero nata il 15 gennaio 2001. Tra i suoi principi ci sono il punto di vista neutrale e il rispetto del copyright

L’anno del creative commons è il 2009. Il 15 giugno, dopo una consultazione aperta a tutte le comunità dei progetti gestiti dalla Wikimedia Foundation, il Board of Trustees approva la risoluzione e aggiunge la licenza libera Creative Commons Attribution-ShareAlike[25] (CC-BY-SA) alla GNU Free Documentation License. Questo permette un più agevole interscambio di contenuti con le innumerevoli realtà della rete, grazie anche a una più assidura diffusione delle licenze CC.

La versione più ricca è quella inglese. Il 17 agosto  2009 Wikipedia in inglese supera i 3 milioni di voci. Tra tutte le edizioni le voci sono circa 13 milioni. Il 28 agosto Wikipedia in italiano supera le 600.000 voci (sesta edizione per numero di voci)

Nel mese di marzo di quest’anno, Wikipedia in italiano supera le 900.000 voci. Il 20 aprile 2012 l’utente Koavf ha raggiunto quota un milione di modifiche è il primo e finora l’unico a riuscirci in tutta la storia di wikipedia.

Da sesto più cliccato al mondo ai palazzi del potere

A marzo scorso su Twitter, Tim Kelsey, direttore esecutivo del governo inglese per la trasparenza e l’open data  annuncia che si affiderà a Jimmy Donal Wales. L’imprenditore americano, 45 anni, da quest’anno farà da consulente, non retribuito e senza una scadenza temporale, per tutte le questioni che riguardano l’accesso alle informazioni, la comunicazione delle decisioni del governo e la partecipazione dei cittadini.

Obiettivo dichiarato di Downing Street è trasformare le comunicazioni governative da statiche a dinamiche e partecipative. Con un  risparmio previsto di 50 milioni di sterline all’anno, una comunicazione più efficace e un ritorno di immagine enorme per Cameron e i suoi aiutanti.

Blocco di Wikipedia

In Cina

Wikipedia è stata bloccata dalla Repubblica Popolare Cinese più volte. I blocchi più importanti sono stati effettuati nel giugno 2004, quando l’accesso agli utenti cinesi di Wikipedia residenti a Pechino è stato bloccato per il quindicesimo anniversario della manifestazione di piazza Tiana nmen. Il blocco è durato un giorno esatto. Nel settembre 2004: blocco per qualche giorno nella Cina continentale a causa dell’isolamento geografico della regione. E ancora nell’ottobre 2005, fino all’ottobre 2006, alcuni utenti possono effettuare l’accesso a Wikipedia in cinese, mentre en.wikipedia è bloccata. Vi sono periodi di ripresa e poi di nuovo di blocco.

In Iran

L’accesso alla Wikipedia persiana è stato bloccato dal governo per due o tre giorni nel 2005 a causa di voci considerate diffamatorie nei confronti dello stato.

In Tunisia

Wikipedia e tutti i siti della Wikimedia foundation sono stati bloccati in Tunisia il 23 e il 27 novembre 2006, per cause ancora da chiarire.

Sostegno alla protesta di Wikipedia in lingua russa

Image representing Wikimedia Foundation as dep...

Image via CrunchBase

Wikipedia in lingua italiana approva ed esprime solidarietà verso la protesta dei colleghi dell’edizione in lingua russa contro una proposta di legge in discussione alla Duma di Stato. Tale proposta di legge, se approvata, permetterebbe al governo russo di creare una blacklist per impedire l’accesso a determinati siti internet, al pari del Great Firewall cinese.

Il 10 luglio l’edizione in lingua russa di Wikipedia rimarrà oscurata, a seguito della decisione della comunità di protestare contro le modifiche proposte alla legge ‘On Information‘, attualmente in discussione alla Duma di Stato della Federazione russa.

Tale legge, se approvata, può costituire la base per realizzare una vera e propria censura su Internet, mediante la creazione di liste e il conseguente filtraggio di indirizzi IP e siti vietati. I lobbisti e gli attivisti che supportano il decreto sostengono che esso sia diretto solamente a colpire contenuti quali la pornografia infantile e simili, ma l’arbitrarietà nella determinazione di tali contenuti prevista da questa legge porterà alla creazione dell’equivalente russo del Great Firewall cinese. Sarebbe quindi altamente probabile il realizzarsi dello scenario peggiore, in cui l’accesso a Wikipedia sarebbe reso impossibile in tutto il paese.

L’11 luglio verrà discussa alla Duma la seconda lettura di questa legge, mentre l’entrata in vigore è prevista dopo la terza lettura, per la quale non è stata ancora definita una data.

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/05/acta-no-del-parlamento-europeo-al-trattato-sulla-contraffazione-e-la-proprieta-intellettuale-su-internet/

Il New York Times scritto in cinese: online la nuova edizione del quotidiano statunitense

   

Più che domandarsi come faranno i cinesi, viene da chiedersi chi leggerà (negli Stati Uniti, per esempio) la nuova versione online del New York Times. Il quotidiano americano ha annunciato ieri il lancio di un’edizione in cinese del suo sito internet, con la speranza di penetrare ‘la grande muraglia’ informatica messa a punto da Pechino per censurare il Web.

In un comunicato, il grande quotidiano americano ha annunciato il lancio a partire da oggi del suo sito in cinese all’indirizzo http://cn.nytimes.com, e fornire ‘una copertura di qualità di eventi politici, economici e culturali mondiali‘.

A tale scopo, il quotidiano ha reclutato una trentina di traduttori e di giornalisti: il sito, i cui contenuti saranno scelti esclusivamente dal giornale senza alcun ‘accordo’ con le autorità locali, offrirà traduzione di articoli scritti in inglese e pezzi originali redatti da collaboratori cinesi a Pechino, Shanghai e Hong Kong. Il server del sito è stato posto fuori dai confini territoriali della Cina.

Il New York Times è già stato sottoposto a censura dal governo cinese insieme a BBC e altri famosissimi portali d’informazione sono  resi inaccessibili alla popolazione del Sol Levante.

Il blocco è stato scardinato soltanto durante gli ultimi Giochi olimpici, poi si è tornati alla normalità. Che in Cina vuol dire siti chiusi grazie a tecnologie sviluppate attraverso Yahoo!, Microsoft e Google. I grandi colossi della tecnologia applicata al Web hanno subito attacchi da parte del regine cinese, che ha più volte tentato di arginarne le potenzialità rivolgendosi al governo americano.

Sono almeno 54 gli utenti Internet, tra cui giornalisti e attivisti per i diritti umani, che in Cina sono attualmente in carcere soltanto per aver utilizzato la Rete.

http://wikileaks.org/
http://wikileaks.org/wiki/Wikileaks/it

Glancee, la startup italiana che fa paura a Facebook

Manca poco e Facebook entra in borsa. E che ti fa uno dei più riusciti social media al mondo poco prima della grande impresa? Acquista  una start-up cresciuta nella Silicon Valley, perfettamente compatibile al proprio sistema Web 2.0. E italiana.  Un successo per i tre giovani inventori di Glancee, due italiani e un canadese, partiti da un’idea molto semplice: trovare persone con gusti analoghi ai propri e che si trovano nei paraggi, grazie ai dati disponibili su Facebook, Twitter, Wikipedia, LinkedIn, Google+, Pinterest e gli altri del giro social. Insomma un nuovo aggregatore ma con l’eccezionalità di essere italiano. O fatto da italiani.

Ha solo un anno e mezzo di vita, nessun dipendente o finanziamenti da venture capital – come riferiscono alcune fonti su Yahoo e a fatturato zero, ma il progetto degli startupper italiani sembra proprio destinato a contribuire e implementare nuove funzionalità e servizi all’interno del social network più grande al mondo. E i suoi creatori, tra cui il Ceo Andrea Vaccari, possono già iniziare a coccolare l’idea di aggiudicarsi un mazzetto di stock option Facebook a cui avranno diritto come effetto dell’operazione di acquisto.

Andrea Vaccari, 28 enne veronese, ha venduto la sua applicazione per mettere in contatto tra loro persone con interessi simili. ‘Mark Zuckerberg mi ha portato a passeggio per il campus. Le nostre idee sul social discovering erano molto allineate e mi ha convinto che Facebook fosse il posto giusto dove svilupparle’.

Il prezzo non è stato ancora comunicato, l’intero team del progetto italo – canadese diventerà parte integrante della squadra Facebook. Andrea Vaccari, co-fondatore e CEO Glancee e Alberto Tretti, co-fondatore e COO, sono tra gli italiani che si trasferiranno nella Silicon Valley. La loro idea ha trovato in Facebook una naturale destinazione e sublima lo sviluppo di un progetto partito dal basso in un chiaro successo. Che per una volta parla italiano.

La start up made in Italy, sviluppata nella Silicon Valley, è solo una piccola realtà che basa la socialità sulla geolocalizzazione. Ma evidentemente Facebook ci ha visto grandi potenzialità. Con questa operazione Zuckerberg porta valore aggiunto al proprio social network perché sarà in grado di esplicitarne con maggior forza le dinamiche, le connessioni e le opportunità di coinvolgimento.

A cosa serve Glancee? Il video dimostra come funziona il social network italiano, o quasi, e a cosa serve Glancee: tutto ciò sarà presto integrato profondamente in Facebook, rendendo ancor più evidenti e preziose le connessioni fra 900 milioni di persone.

http://www.glancee.com/
http://apps.facebook.com/glancee/ 
https://www.facebook.com/glanceeapp 

E una breve intervista rilasciata da Andrea Vaccari a laRepubblica


WordAds on Cooked News, an italian WordPress web site working progress

Bene. Nell’epoca in cui Samsung scalza Nokia e perfino Apple sulla vendita degli smartphone, WordPress da un colpetto di anca al gigante del search engine californiano Google e oltre a fornire spazio gratuito in Rete per scrivere e pubblicare, fa anche un tentativo con l’Ads.

Da qualche mese, cercando di mantenere alta la qualità dei contenuti, sta invitando admin, editor, author e publisher in generale a valutare la possibilità di inserire dei propri annunci pubblicitari sulla base dei contenuti pubblicati. I criteri di selezione da parte della Federate Media, una delle più importanti aziende di adv online sono facilmente deducibili: il nostro sito internet su WordPress.com deve avere un map domain (18 dollari che secondo conventitore Yahoo corrispondono ‘a circa 13 dei nostri euro per un anno di dominio, a cui vanno aggiunti 8 dollari per un totale di 26 e quindi quasi 20 euro, da quando decidiamo di mettere un block e chiudere al pubblico l’accesso ai nostri dati personali). Bisogna anche valutare il numero di utenti, visits e Unique, che il nostro blog ha fatto in un dato periodo di tempo, la qualità dei contenuti e il linguaggio utilizzato per scrivere e pubblicare. Sulla base di tutti questi criteri, Automattic e FM selezioneranno il nostro sito e ci diranno se possiamo iniziare a fare un po’ di business con quello che pubblichiamo.

A questo punto, informiamoci. Conviene, funziona come Google Adsense che promette percentuali minime di guadagno con entrare in centesimi sul medio lungo periodo? Ma poi WordPress chiede un pagamento pari a 99 dollari a chi non vuole che il proprio sito Internet venga inficiato da pubblicità. Conviene dunque pensare di poter guadagnare con il proprio blog?

Dopo aver rimuginato, masticato, pensato, essercene letteralmente andati e poi tornati a rimuginare ancora sulla convenienza della scelta, eccoci a fronteggiare il lato tecnico della faccenda. Come si impara dai colleghi veterani nelle redazioni di giornali che ancora stampano a inchiostro e corrono la sera per non sforare gli orari di chiusura, siamo andati subito alla fonte.

Sito di Federate Media e mail di domanda. Aspettiamo ancora una risposta, ma non ci lamentiamo, arriverà. Nel frattempo  abbiamo continuato a cercare e fra i  numerosi articoli che negli ultimi mesi dello scorso anno hanno dato notizia dell’apertura ad WordAds. Qualcuno ha ben pensato di sottolineare che la lingua italiana non è contemplata fra i requisiti di scelta. Ma era appena il primo dicembre 2011. Quindi ci siamo rivolti – e non rivoltati – direttamente al gruppo di sviluppatori di WordPress che nel form di dialogo sono stati chiarissimi: ‘Non usate questa sezione per richieste di Help, piuttosto diteci voi qualcosa’.

E allora, anche qui abbiamo qualcosa. Vediamo. Cercando di rendere il nostro sito più appetibile per i severi selezionatori della Rete di Federate Media, abbiamo pensato che qualcosa come 600 BlogHits in circa una decina di giorni, contando feste nazionali e ore di lavoro non proprio da contratto nazionale di lavoro (CCNL), possono bastare, ma è sempre bene fare meglio e di più.

Seguendo il suggerimento di WordPress, siamo andati su Users e tentato di accreditarci nuovi followers. Sono necessari il nome e l’indirizzo mail della persona o delle persone da invitare. Ed ecco un ulteriore quesito.

Ma perché mai WordPress – free platform blogging non ha ancora pensato a un buttom, un pulsante che importi i contatti dagli altri network, proprio come ha già fatto Yahoo? Un semplicissimo click e tutti gli indirizzi Gmail, Facebook, Msn, vengono caricati in rubrica.

Slide – ovvero la svolta

Basterà forse istruirsi un po’ di più e imparare a dialogare in Html per bypassare ogni imprevisto su Worpress.com e approdare al sistema .Org dove è possibile inserire la pubblicità e ogni altro plug in e widjetWordAds – Is it Time to Make Money from WordPress.com Blogs?

Post più letti di oggi sonoThe best of 485.521 bloggers,797.294 new posts, 1.277.003comments, & 165.000.419 words posted today on WordPress.com.

http://wordpress.com/#!/fresh/
http://en.blog.wordpress.com/2011/11/29/wordads/
http://it.wordpress.com/#!/fresh/
http://www.federatedmedia.net/
http://automattic.com/ 

Anonymous: ‘la musica deve cambiare’. Il collettivo di hacker mette in piedi una piattaforma pirata

Cambia il modo di ascoltare musica. Ad aiutarci è un gruppo di hacker di Anonymous che con Anontune ha aperto la caccia grossa sul web, dove è permesso pescare i propri brani preferiti creando e condividendo playlist. Basta selezionare il nome della song che si vuole ascoltare e rimanere anonimi all’industria discografica. Il messaggio del gruppo è: la musica deve cambiare.

Inserisci il brano dell’artista nel browser che inizia a cercare finché non trova. Uno due, tre oppure un numero infinito di pezzi del musicista preferito fino a farne una playlist da condividere. Chi resta anonimo non rischia di essere scoperto dalle etichette che vogliono battere cassa.

 La storia di Anontune 2 (esiste una seconda versione del progetto) comincia all’incirca 6 anni fa, dopo l’incontro di alcuni Anon su un sito di hacker, che iniziarono a pensare a un progetto per scalzare l’attuale modello di business discografico. Le idee però hanno preso corpo solo lo scorso dicembre, quando è stato postato un link al sito. In un giorno si è formato il team e il 23 febbraio sono cominciati i lavori.

Lo streaming music service di Anonymous per ora conta un migliaio di utenti e l’idea che muove il progetto è raccontata in un video dal titolo esplicativo ‘la musica deve cambiare’.

‘YouTube è un buon music player, ma non puoi sentire una canzone se qualcun altro non l’ha caricata – hanno spiegato gli Anon. Cosa succederebbe se si potesse combinare musica da più siti come per esempio da Myspace, Yahoo, YouTube e altri?’. I brani possono essere caricati da qualsiasi sito come The Hype Machine. Tutto è in una fase ancora progettuale e per ora il primo obiettivo rimane  quello di migliorare il modo in cui ascoltiamo musica online.

La guerra di Anonymous contro l’industria discografica è iniziata da un bel po’. Quando lo scorso gennaio è stato chiuso Megaupload, il gruppo ha attaccato i siti Riaa, la Recording Industry Association of America, la stessa che assegna dischi d’oro e di platino in base al numero di copie vendute, e del Dipartimento di Giustizia Americano. In Italia è la Fimi – Federazione Industria Musicale Italiana – ad assegnarlo, qualche giorno fa al rapper di origini siciliane Marracash per l’album ‘King del rap’.

Secondo un avvocato della  Electronic Frontier Foundation, Corynne McSherry, il progetto Anontune sembra essere legale.

La piattaforma è ancora primitiva, ma ecco come funziona. Bisogna creare un account e poi si può stilare una playlist digitando i titoli delle canzoni che si vogliono ascoltare. Si può anche collegare l’iPod e importare nel proprio profilo i brani caricati. Il motore di ricerca di Anontune comincerà allora a cercare i titoli sul Web. Al momento, la maggior parte delle canzoni si trovano su  YouTube e SoundCloud ai quali si aggiungeranno BandcampYahoo Music e Myspace Music.

La piattaforma funziona, ma in minima parte. ‘Abbiamo molti progetti, come lo sviluppo di software per aiutare gli utenti a raggiungere il massimo dell’esperienza musicale – ha detto un cofondatore di Anontune – È già tutto lì e questa è la parte più interessante del progetto’.

Anontune non è tuttavia l’unica novità relativa al mondo di Anonymous. È nato anche Anonpaste, un sito per pubblicare i propri comunicati alternativo all’ormai noto Pastebin – la cui dirigenza a quanto pare non digeriva benissimo il fatto di essere uno strumento di Anonymous.

E sempre al gruppo sembrano essere riconducibili le azioni degli hacktivisti che hanno generato i disservizi in Cina di qualche giorno fa. Una conseguenza diretta della campagna che vuole liberare la Rete nel paese asiatico, abbattendo ciò che è noto come il Grande Firewall Cinese.

Non ci resta che aspettare e ascoltare.

Create a free website or blog at WordPress.com.