Christian Bale in visita ai feriti di Denver. La star di Batman al Medical Center e sul luogo della strage

Un atto dovuto, o quasi. Christian Bale, l’attore protagonista di Batman The Dark Knight Rises è andato a trovare i feriti della sparatoria di Aurora. Il Batman di ‘Il cavaliere oscuro – Il ritorno’ è apparso a sorpresa sulla gallery di Twitter, accanto ai letti di alcune delle persone presenti al Century 16 Movie Theaters dell’Aurora Town Center, il centro commerciale del sobborgo di Denver, in Colorado, per la prima dell’ultimo capitolo della saga dell’uomo pipistrello, dove pochi minuti dopo la mezzanotte James Holmes ha aperto il fuoco lo scorso venerdì 20 luglio.

 Al Medical Center di Aurora, sono ricoverati una ventina dei 58 feriti. E sono stati stati alcuni di loro a twittare gli scatti con l’ospite famoso. Carey Rottman, raggiunto alle gambe, si è detto onorato della visita speciale. Bale, che ha interpretato Batman negli ultimi tre lungometraggi diretti da Christopher Nolan, prima di far visita ai feriti ha voluto commemorare le dodici vittime della sparatoria di Denver insieme alla moglie, portando dei fiori sul luogo della strage. L’attore, la produzione e tutto il cast del film sono rimasti sconvolti dalla tragedia.

‘Bale è venuto a rappresentare se stesso – ha scritto il Denver Post – e non a nome della Warner Bros‘, che ha distribuito il film. ‘Non ci sono parole che possano esprimere l’orrore che sento. Non posso nemmeno immaginare il dolore e lo strazio delle vittime e dei loro cari, il mio cuore è con loro’.

‘Credo che i film siano una delle grandi forme d’arte americane – è invece il messaggio di apertura del regista Nolan a chi accede al sito di The Dark Knight Rises – e che l’esperienza condivisa di vedere una storia svilupparsi sullo schermo sia un passatempo importante e gioiosoIl cinema è la mia casa, e l’idea che qualcuno violi quel luogo innocente e ricco di speranza in maniera così profondamente selvaggia è devastante. Nulla di ciò che potremmo dire potrebbe esprimere adeguatamente i nostri sentimenti nei confronti delle vittime innocenti di questo gravissimo crimine, ma i nostri pensieri sono con loro e con le loro famiglie’.

In Italia, vedremo ‘il Cavaliere oscuro – il ritorno’ sul grande schermo il prossimo 31 agosto. Nonostante l’esordio cinematografico shock, l’ultimo Batman di Nolan, considerato ‘maledetto’ ha superato i 170 milioni di dollari di incassi.

#Batman#christianbale#Aurora#TheaterShooting#ColoradoShooting

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/23/denver-dal-giudice-james-holmes-il-pazzo-che-ha-sparato-sulla-folla-alla-prima-di-batman/

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/20/dark-knight-rises-e-record-di-incassi-la-sparatoria-di-denver-non-delude-il-botteghino/

Advertisements

Dark Knight Rises è record di incassi: la sparatoria di Denver non delude il botteghino

(Street art a Madrid)

Show must go on,  dicono gli americani. Anche dopo una sparatoria da 14 morti e decine di feriti, forse 50. Va al super eroe dei fumetti il ‘the second-best’, il secondo miglior film di mezzanotte di tutti i tempi, un premio della giuria fuori da quanto accaduto al Century di Aurora, in Colorado e all’impatto che la tragedia di Denver avrà sul botteghino.

Christopher Nolan è soddisfatto del business record di mezzanotte realizzato con il suo ultimo capolavoro che ha l’uomo pipistrello protagonista. The Dark Knight Rises deve ora affrontare il difficile compito di confrontarsi con ciò che è avvenuto all’Aurora Town Center di Denver, delle persone uccise e di quelle ferite dall’uomo mascherato e piuttosto reale, James Holmes.

Finora, la Warner Bros. non ha comunicato alcuna intenzione di cambiare il piano di distribuzione del film. The Dark Knight Rises ha aperto alle 12:01 am di venerdì (le 8, secondo l’ora italiana) in oltre 3.700 sedi in tutti gli Stati Uniti, incassando un record da 30,6 milioni dollari (più di 250mila euro). Questo è il secondo miglior numero – the second best – di tutti i tempi, eccetto l’ultimo Harry Potter (43,5 milioni dollari).

Da mezzogiorno di venerdì – dodici ore dopo la sparatoria in Colorado – The Dark Knight Rises sarà in più di 4.400 sale in Nord America.

Gli addetti ai lavori non hanno sentito parlare di alcuna chiusura da parte dei theatres, ma stanno osservando che impatto sta avendo la sparatoria sugli incassi al botteghino.

‘La società è sconvolta, ma tutto sta procedendo come previsto’, ha detto un dirigente Warner.

Dalla Warners riferiscono che la sparatoria è stato un incidente isolato e che The Dark Knight Rises sta andando forte anche con gli spettacoli del mattino e dopo la première di mezzanotte. Il film ha battuto l’incasso da 30,2 milioni dollari di The Twilight Saga: Breaking Dawn – Parte 1 , che ha anche avuto il vantaggio di essere distribuito in 3D.

Warner, insieme con i proprietari del teatro la Cinemark e alla Motion Picture Association of America, ha offerto le sue condoglianze alle famiglie delle vittime in una dichiarazione ufficiale.

La National Association of Theater Owners ha rilasciato una dichiarazione, dicendo che sta lavorando a stretto contatto con le agenzie locali di polizia e per la revisione delle procedure di sicurezza.

‘A nome di tutti i membri e il personale della National Association of Theater Owners, l’associazione nazionale dei proprietari dei teatri, i nostri cuori e le preghiere vanno alle vittime di questo atto spregevole e alle loro famiglie. Siamo grati per la risposta rapida ed efficace da parte del personale di polizia e di quello di emergenza’ ha detto la NATO. ‘La sicurezza degli ospiti è, e continuerà ad essere una priorità per i proprietari dei teatri. Membri della NATO stanno lavorando a stretto contatto con le agenzie locali di polizia e per la revisione delle procedure di sicurezza’.

Nel 1999, gli incassi di The Matrix non hanno risentito di una sparatoria all’interno di un teatro, che ha fatto tre vittime.

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/20/batman-premiere-in-14-muoiono-a-denver-dove-un-pazzo-spara-sulla-folla/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/20/il-killer-di-denver-ha-un-nome-e-un-volto-james-holmes-24-anni-e-un-ex-studente-di-medicina/

Blog at WordPress.com.