Vogue Fashion’s Night Out di settembre, dal 6 al 18, a Milano, Roma e Firenze anche il caffè è di moda

Per la Vogue Fashion’s Night Out di settembre, il 6 a Milano, il 13 a Roma e il 18 a Firenze, anche il cibo si unisce alla moda. E a darne prova il caffè Lavazza. Che per l’occasione realizza una Limited Edition di lattine di caffè ¡Tierra!

Fondata a Torino nel 1895 – e ancora di proprietà della famiglia stessa – Lavazza è l’azienda italiana produttrice di caffè tostato che è da sempre attenta alla qualità e alla tradizione per il gusto oltre che all’innovazione del prodotto e alla salvaguardia delle risorse naturali:un’azienda responsabile, per uno sviluppo sostenibile.

Proprio seguendo il cammino verso la sostenibilità nel 2002 viene sviluppato il progetto ¡Tierra! con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita e di lavoro nelle comunità dei paesi produttori di caffè attraverso assistenza tecnica e sociale. Dopo i primi interventi di successo in HondurasPerùColombia, e con il lancio sul mercato della miscela ¡Tierra!, Lavazza ha coinvolto per la seconda fase BrasileIndia eTanzania. Proprio in Tanzania nasce l’idea di creare una edizione limitata per l’Africa di Lavazza ¡Tierra!.

Lavazza e Fashion 4 Development – partner operativo dell’ONU che attraverso la moda vuole incrementare la crescita di un’economia sostenibile – hanno chiesto a sei stilisti italiani di fama internazionale di rivestire a proprio gusto la lattina e la miscela di ¡Tierra!MarniRoberto CavalliMissoniEtroVersace e Moschino hanno dato così vita a una speciale limited edition che sarà venduta esclusivamente durante la Vogue Fashion’s Night Out nelle serate di MilanoRoma e Firenze.

Vogue Fashion’s Night Out è un’iniziativa globale nata nel 2009 ed organizzata daVogue. La manifestazione, ormai al suo quarto anniversario, vuole avvicinare il mondo della moda al grande pubblico coinvolgendo tutti i cittadini di diverse città del mondo in una serie di eventi poliedrici che si tengono in una notte prefissata di settembre.

Per l’edizione 2012 l’evento internazionale dedicato allo shopping e alla moda sarà ospitato – oltre che dall’Italia – da diciannove Paesi nel mondo che hanno confermato la partecipazione a settembre dando così il loro sostegno al mondo dello stile: 6 settembre (InghilterraFrancia,Stati UnitiGermaniaSpagnaRussia,MessicoAustralia e Korea), 7 settembre(CinaIndiaGermania e Russia), 8 settembre(Taiwan e Giappone), 10 e 12 settembre(Brasile), 13 settembre (PortogalloTurchia,Olanda e Messico),  20 e 25 settembre(Grecia).

Gli omini ‘fluo’ di Alienatio animano le notti italiane firmate Vogue

#Occupy Montenapoleone

Vogue Fashion’s Night Out

Milano: giovedì 6 settembre
Roma: giovedì 13 settembre
Firenze: martedì 18 settembre

vfno-2012-video
http://vfno2012.vogue.it/
https://www.facebook.com/Lavazza
https://twitter.com/vogue_italia

Advertisements

The 2012 Met Gala: Scenes from the Red Carpet. Papermag pubblica gli shoots

Direttamente dagli spalti del Met Gala 2012, la cerimonia che celebra il mondo del fashion e dell’alta moda couturier, ecco gli scatti che il sito Papermag ha pubblicato del Red Carpet.

Le fotografie sono di CAROLINE TOREM CRAIG e in questa Marc Jacobs in pizzo e mutande e Milla Jovovich in un Prada da collezione

‘Il nostro website – spiega la redazione americana  – ha scelto questo giorno (8 maggio) come giornata fra tutte per fare un breve break dal lavoro, pubblicando, anche se un po’ in ritardo, le foto del Met Gala.

Ma it’s fun guardare le foto delle celebrità nei loro vestiti indossati esclusivamente in quel giorno – dice la breve didascalia che accompagna la carrellata di immagini – così ne abbiamo pubblicate il più possibile.

Guardatele tutte – ci invitano dal magazine online – da BeyonceRooney Donatella Versace impettite sul tappeto rosso del Costume Institute Gala, annuale al Metropolitan Museum of Art di New York. 

Personaggio la cui presenza sembra essere inaspettata fra i name of famous, una delicata Kristen  Stewart in un abito pachtwork Balenciaga dal décolleté pitonato e a punta di pipistrello e con inserti in latex. La Bella Swan di Twilight, per intenderci. Ha portato l’Astrattismo al Met Ball 2012, dicono, e si è fatta fotografare abbondantemente anche vicino a una seducente Gwyneth Paltrow, in uno splendido abito di seta grigio perla Prada.

E in occasione del Met Gala verrà inaugurata domani Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations, Schiaparelli e Prada: Conversazioni impossibili, una mostra interamente dedicata a Miuccia Prada considerata da Vogue regina del prêt-à-porter e alla rivoluzionaria couturier Elsa Schiaparelli che nei ’30 e ’40 collaborò con i surrealisti.

La mostra, organizzata dal Costume Institute, sarà aperta al grande pubblico dal 10 maggio al 19 agosto e analizzerà come le due signore abbiano usato la moda ‘per provocare e sovvertire le nozioni convenzionali legate al gusto, alla bellezza, al glamour e alla femminilità’, precisa Andrew Bolton, curatore della rassegna insieme ad Harold Koda.

Il video è stato prodotto in collaborazione con Amazon e Livestream

http://www.papermag.com/2012/05/met_gala_red_carpet_celebrity_photos.php
http://www.metmuseum.org/
http://www.metmuseum.org/exhibitions/listings/2012/impossible-conversations
http://www.metmuseum.org/exhibitions/listings/2012/impossible-conversations/audio-and-video
http://www.vogue.it/f#people-are-talking-about/vogue-arts/2012/04/schiaparelli-e-prada-al-met

Boom editoriale per Ala, il magazine turco dedicato alle donne con il velo

In Turchia, il magazineAla, dedicato alle donne con il velo, ha quasi raggiunto le cifre di Elle, Cosmopolitan, Vanity Fair e Vogue e scoppia il caso editoriale. Il successo lo devono alle vendite raggiunte in pochissimi mesi.

Nato dall’intuizione di due manager uomini che hanno creduto nell’unione tra fattore religioso e il desiderio di restituire un’immagine patinata di sé. Una garanzia per il successo dell’impresa, con una redazione che lavora al progetto insieme al direttore Hulya Aslam.

‘Pensiamo e dichiariamo apertamente con il nostro lavoro – spiega la direttrice – che le donne musulmane e dal capo coperto possono essere e spesso lo sono, di moda. Ricorrendo a prodotti diversi e senza rimanere ferme a uno stile o a un idioma stilistico, ma variando in un paradigma declinabile in tutte le sue forme, possono essere fashion e rientrare nei canoni del gossip internazionale senza per questo subire razzismo sociale’.

La rivista nata a giugno scorso si è conquistata una consistente fetta di pubblico femminile e sembra proprio destinata a crescere considerando che in Turchia almeno 6 donne su 10 indossano il velo.

Blog at WordPress.com.