Justin Timberlake e il nuovo Myspace

Giorni contati per Twitter, Facebook, Pinterest o qualsiasi sociale network di più o meno recente acquisizione? I responsabili di MySpace hanno annunciato il nuovo rilancio del social network, in profonda crisi da anni e incapace fino a ora di reggere alla concorrenza di altri servizi come Facebook e Twitter.

La nuova versione è ancora in fase di rodaggio, ma un video mostra quali sono le sue principali funzionalità. Come era stato annunciato a fine giugno dello scorso anno, quando fu venduto da News Corp. di  Rupert Murdoch (che l’aveva comprato sette anni fa per 580 milioni di dollari) per 35 milioni di dollari  a Specific Media di Justin Timberlake, l’edizione rivista di MySpace servirà soprattutto per condividere foto e video con i propri amici, e per ascoltare la musica.

Il design ricorda molto quello di Pinterest e di alcuni servizi per ascoltare le canzoni in streaming. Al progetto partecipa anche naturalmente Justin Timberlake, che ha investito nell’iniziativa e che punta a un rilancio molto accattivante.

The new Myspace from Myspace on Vimeo.

Su Twitter: 

http://it.myspace.com/

Advertisements

DJ Double S // Al Centro Della Scena – Mixtape

Chi è il dj Al centro della Scena? Direttamente dalla Tempi Duri Records, l’etichetta indipendente di Fabrizio Tarducci, meglio noto come Fabri Fibra (mentre il boss è impegnato con il nuovo disco e intanto ne sforna uno con o contro i Crookers – L’Italiano Balla), Dj Double S passa alle macchine un mixtape torrido e rancido – dolce forse per un paio di tracce – dal titolo inconfondibile.

Al Centro della Scena’ chiama dentro tutti, freestyler, rapper, crew, solisti del genere a un hoster Amir (Red Carpet Music) che si è occupato di ‘invitare’ gli artisti a festeggiare i 20 anni di carriera del Dj al centro della scena. Con ringraziamenti direttamente in cover. Immancabili i nomi del  rap italiano sotto contratto Universal Fabri Fibra, Marracash, Dogo, Emis Killa, Clementino Iena White e Rocco Hunt, ENSI, Turi, Killa, Nays, Ghemon, i Tasters Stokka e Mad Buddy, Rancore, Lefty, Primo, Rapstar, Street fighters, MixUp, Baby K, Raige, Il Turco, LowLow, Nayt, Parix, E Green, Raise BeatBox, MauryB, Er Costa, per 31 tracce ‘e strofe inedite’ che fanno sudare.

‘Un mixtape che celebra i vent’anni di carriera di DJ Double S – spiegano da Muvimo Studio che ha fatto le presentazioni su Vimeo. Vent’anni di musica, tra serate e mixtapes, sempre al centro della scena. Un mixtape che celebra chi fa Rap da molti anni, coloro che si sono affermati con dedizione e tenacia ma anche chi è arrivato dopo e che si sta guadagnando del meritato spazio al centro della scena. Un mixtape che celebra lo stato attuale del Rap Italiano, oramai non più solo per pochi ma riconosciuto come un vero genere al centro della scena musicale. Un mixtape che celebra chi la musica la produce, economicamente si intende, cioè le major e le tantissime etichette indipendenti che hanno spinto e continuano a spingere i loro artisti al centro della scena’

‎Selezionato, mixato e scratchato da: DJ Double S Hostato da: Amir  in Free Download su www.tempidurirecords.it


Contiene strofe inedite di: Fabri Fibra (Tempi Duri) Amir (Red Carpet Music) Rancore Lefty (B.M. Records) Primo (Cor Veleno) Rapstar (Fibra + Clementino) Street Fighters MixUp Rocco Hunt LowLow Nayt Parix E-Green (Unlimited Struggle) Baby K Il Turco (Gente De Borgata) Er Costa (Gente De Borgata) Ensi (OneMic) Maury B (B.M. Records) Raige (OneMic) Rise Beatbox (Blocco Recordz)

Durata: 71 minuti

Etichetta: Tempi Duri / Big Picture

DJ DOUBLE S – Official Links:
djdoubles.com
facebook.com/djmais
twitter.com/djmaisappeal
youtube.com/djmaisappeal

L’Italiano Balla: Fabri Fibra vs Crookers

Come i carcerati ad Alcatraz, la storia della comunicazione italiana passa per strade strane, metafisiche, silenziose, rumorose del pensiero prima ancora che della musica. Metti Friedrich Nietzsche un giorno per caso, Schopenhauer, metti Fabri Fibra e il rap italiano ed ecco cosa viene fuori. Un singolo, che secondo le regole delle major, sembra voler parlare di sé senza per questo voler aprir bocca.

E’ un discorso scritto al popolo italiano, non per generosità, o per rimprovero, ma semplicemente per necessità. Si arriva a un punto in cui bisogna fare il punto. Per andare avanti o tornare indietro laddove occorre fare una correzione. Fermarsi, riflettere, guardare, leggere. O semplicemente passare a raccontare.

‘Spiego rime. L’Italiano Balla: le strofe dicono che l’italiano balla male – spiega il rapper di Senigallia – ma poi nel ritornello si sente ‘Balla!’, inteso come ‘Comincia a ballare!’ ma anche come ‘Bugia!’. Infatti noi balliamo bene, non tutti chiaramente. In un secondo aspetto, il concetto di ‘ballare male’ significa non tenere il ritmo degli altri paesi, è una critica leggerissima al pop(olo) italiano.’

Mettendo un giorno per caso Fabri Fibra, che piuttosto che far Festa Festa con i Crookers e Dargen D’amico, torna a suonarci insieme con L’Italiano Balla. In uscita sotto forma di mollica – singolo musicale (una critica leggerissima alla politica della major che danno un assaggino di quello che è il pezzo forte – dell’estate non si sa, forse è una coincidenza Maya) il prossimo 29 giugno, naturalmente su You Tube. Anche se forse c’è qualche possibilità di ascoltarlo online, da qualche parte, in rete. Per esempio su Radio Deejay dalla puntata del 22 giugno di ASGANAWAY a partire dal dodicesimo minuto.

Parte dei proventi del singolo verrà devoluta al progetto ‘ANCORA IN PIEDI – Hip Hop 4 Emilia’, impegnato per la ricostruzione della Scuola Media ‘Dante Alighieri‘ di Sant’Agostino (FE) e della Scuola Elementare Primaria di San Carlo (frazione di Sant’Agostino), che il sisma del 20/05/2012 ed in secondo luogo quello del 29/05/2012 hanno reso inagibili o distrutto.

‘L’Italiano Balla’ è la nuova hit di FABRI FIBRA vs CROOKERS. Qualcuno lo ha già definito divertentissimo e in pieno stile Fibra 2012. In tutte le radio da venerdì 29 giugno. 

Intanto da Facebook Fabri Fibra informa. ‘Sto registrando l’album nuovo. Uscita prevista: gennaio 2013. Confermo il titolo annunciato nell’intervista a Rolling Stone qualche mese fa. Guerra E Pace. E intanto… #Balla!’

Chi si decide a ballare e male, può mandare la clip a ballamale@deejay.it @asganaway

Dentro anche il nuovo video con i breakers, street deancers Marco ‘Cap’ Caputo, Gian Luca ‘Noccio’ Ceccarini, Marco ‘Kira’ Cristoferi, Xu Ruichi, Carlos Kamizele, Stefano ‘Rei’ Ferrari, Raimondo ‘Mommo’ Sacchetta, Enrico ‘Kikko’ Savorani, Mattia ‘Bubi’ Busco

directors / operators: HARDKORE79 – QPIX VIDEO
edit: HARDKORE79

Ancora in piedi per donazioni: Ancora In Piedi ASD Banca Credem AG. 1 Ferrara – Iban: IT 96Y03 03213 00101 00000 00927


https://www.facebook.com/FabriFibra
http://dargendamico.it/
http://www.crookers.net/
http://www.universalmusic.it/pop/?genere=3
http://www.hardkore79.com/

Attualità/Blogs/Cooked News/Magazines/Musica/Newspapers/Web News/world news/Worpress.Com

///////////////////////////////////////////////////////////////

News dallo spazio: passaggio di Venere sul Sole, nel 2117 il prossimo transito

Ha iniziato martedì sera il suo passaggio davanti al Sole. Che sia anche l’inizio della fine del mondo? Mettendo da parte per un attimo le profezie Maya, il transito di Venere è un evento spettacolare, che si ripeterà la prossima volta solo tra più di un secolo, nel dicembre 2117. Il passaggio della dea nera è iniziato poco dopo la mezzanotte nel cielo dell’America del Nord, poi di quella Centrale e di quello settentrionale del Sudamerica. Agli occhi degli osservatori Venere appare come un punto nero sulla superficie del Sole e può essere guardato solo attraverso dei filtri solari per non rimanerne accecati.

La Nasa sta inviando le immagini dell’allineamento tra Venere, Sole e Terra in diretta Tv via streaming attraverso il suo sito ufficiale. ‘Non si tratta di un’eclissi classica, quando il Sole è completamente coperto. Venere è grande un centesimo del Sole, quindi è come un punticino che si sovrappone sul Sole e si sposta’, ha spiegato Fred Watson, dell’Osservatorio astronomico australiano.

Venere è il secondo pianeta del sistema solare ed è il corpo celeste più luminoso nel cielo notturno. Il suo diametro è comparabile a quello della Terra (95%), così come la sua massa (80%).

Il transito di Venere davanti al sole dura circa sei ore e 40 minuti, ma in Italia il fenomeno si verificherà in piena notte impedendo di godere dello spettacolo. I primi a poterlo vedere nel nostro Paese saranno gli abitanti del nordest, che all’alba vedranno la parte finale del fenomeno.

Quando vederlo in Italia. Più fortunati saranno gli spettatori negli Stati Uniti, che potranno godere dello spettacolo astronomico a partire dalle 18 della costa est, mezzanotte fra oggi e domani in Italia. Le migliori possibilità per vedere il fenomeno le avranno gli abitanti delle Hawaii, dell’Alaska, dell’Australia orientale e del sudest asiatico. Il fenomeno sarà visibile oggi (orari locali) dalle 12.10 a Honolulu, dalle 15.06 a Los Angeles, dalle 17.06 a Città del Messico, dalle 18.04 a New York. Mercoledì invece il fenomeno sarà visibile (ore locali) a Londra dalle 5.37, a Pechino dalle 6.10, al Cairo dalle 6.38, a Tokyo dalle 7.10, a Sydney dalle 8.16 e a Auckland dalle 10.15.

Ishtar, Astarte, Afrodite, Freya: sono le divinità che gli antichi popoli collegavano a Venere, la Dea Nera. Il transito del pianeta davanti al Sole è così importante per le antiche culture, che si ritiene che la conclusione del Calendario Maya fosse in realtà programmata  e coincidesse con la conclusione del ‘Lungo Computo’.

 In molte culture Venere era associata all’amore e alla pace (come in Grecia), in altri casi invece, come per Maya e Babilonesi, all’aspetto erotico si associa quello bellico. In alcuni casi addirittura la Dea sarebbe portatrice di cataclismi e rivoluzioni. La babilonese Ishtar, ad esempio, identificata col pianeta, aveva sia l’aspetto di una dea benefica che di signora di guerra e tempeste. Stesse caratteristiche aveva la nordica Freya, da cui il nome Friday, venerdì, giorno di Venere. E non mancano in Rete le teorie alternative dei seguaci della New Age che sono pronti ad associare i recenti terremoti che hanno colpito la penisola con il rarissimo evento del passaggio della Stella del mattino.

Lanciato l’11 febbraio 2010, il Solar Dynamics Observatory o SDO, è il veicolo spaziale più avanzato mai progettato per studiare il Sole. Durante la sua missione quinquennale, esaminerà l’atmosfera e il campo magnetico della nostra stella anche per fornire una migliore comprensione del ruolo che il Sole gioca nella chimica dell’atmosfera e per il clima della Terra.

Il 5 giugno 2012SDO ha raccolto immagini del transito di Venere davanti al Sole, evento prevedibile ma raro. Il passaggio visto dalla Terra è durato circa 6 ore e avviene un paio di volte a otto anni di distanza, per poi ripetersi solo dopo altri 105 o 121 anni. L’ultimo transito è avvenuto nel 2004 e il successivo sarà visibile nel lontano 2117.

I video e le immagini mostrate qui sono costruiti ottenute a diverse lunghezze d’onda dall’ultravioletto estremo fino ad una parte dello spettro visibile. Il Sole di colore rosso è ripreso nell’ultravioletto a 304 angstrom, il sole dorato a 171 angstrom, il sole magenta a 1700 angstrom, e il sole arancione in luce filtrata nel visibile. A 304 e 171 angstrom è possibile studiare l’atmosfera del sole, che non appare nella parte visibile dello spettro.

Mentre il video di Alberto Fanelli, fotografo e videomaker riprende il transito di Venere sul Sole all’alba dai tetti di Milano, con uno speciale teleobiettivo.


06.06.2012
The transit of Venus in front of the Sun, filmed in Milano, Italy, at 5:45 AM

Shot with a Canon 70-200 f4L and a Rubinar 1000mm + two Canon 5D MK II

SoKrispyMedia ovvero urban guerrilla a colpi di gessetto e creatività

Li conoscete? Si chiamano Sam e Eric e su Youtube stanno facendo furore con i loro video guerrilla a suon di gessetto.  Chalk Warfare è il titolo del video da 2:01 che già conta qualcosa come 60.539 visualizzazioni in due giorni.

Da quando è stato postato sullo streaming video più conosciuto al mondo (insieme a Vimeo e LiveStream) da SoKrispyMedia, un collettivo di giovani creativi che ha deciso di farsi spazio sul Web giocando a una urban guerrilla dove potentissime armi da attacco nascono dalla fantasia di un gessetto colorato.

Disegnate sull’asfalto, mitra o revolver che sia, prendono forma e che la guerra abbia inizio.

a short film by Sam Wickert and Eric Leigh

http://www.youtube.com/user/SoKrispyMedia?feature=watch
Sam & Eric (@sokrispymedia) on Twitter e su
https://www.facebook.com/sokrispymediapage alla voce Comico


 

Spike Lee/The Dolly Shot: il regista afro raccontato nello shortcut da 3 minuti di un filmmaker newyorkese

A montage of unique dolly shots from the films of Spike Lee.
Music: Bra by Cymande

Sta facendo il giro della rete l’opera ultima di un giovane e praticamente sconosciuto filmmaker newyorkese, Richardl Cruz (proprio come Penelope) che rende omaggio al fantastico Spike Lee con uno shortcut di 3 minuti. Se Kubrick è considerato l’inventore della steadycam, l’occhio del regista montato sulla spalla, utilizzata per la prima volta in Shine (la scena è quella del bambino che corre in corridoio a bordo di un triciclo) Shelton Jackson ‘Spike’ Lee è da sempre apprezzato per l’uso del montaggio in Dolly. Quale maniera più azzeccata allora, se non quella di rendergli omaggio con un video dal titolo Spike Lee/The Dolly Shot?

La casa di produzione del regista di Do the right thing/Fa la cosa giusta, la 40 Acres & A Mule Filmworks, ha prodotto più di 35 pellicole dal 1983.

Da ‘La 25^ ora’ con uno splendido Edward Norton a ‘Summer of Sam’, da ‘Mo’ better blues’ a ‘Crooklyn’, in uno short cut di 3 minuti tutto il cinema di Spike Lee, film director, producer, writer e actor, raccontato attraverso le sue storiche carrellate, diventate film dopo film una cifra stilistica inconfondibile.

 The Dolly Shot di Richard Cruz lo possiamo vedere in rete anche su Vimeo, Youtube e sull’official site dell’autore insieme ad altri suoi lavori.

http://richardlcruz.com/
http://richardlcruz.com/#a2c/vimeo
http://www.40acres.com/

Blog at WordPress.com.