MotoGp di San Marino: Valentino è secondo dopo Jorge Lorenzo. Terzo posto per Alvaro Bautista

‘È un grande risultato, lo voglio assolutamente dedicare al Sic e alla sua famiglia. Sicuramente lui mi ha dato una mano». Valentino Rossi dedica il secondo posto nel gran premio di San Marino a Marco Simoncelli mentre Jorge Lorenzo trionfa in solitaria nel Gp di San Marino . ‘È stata una gara molto bella, sono contento – ha detto Valentino ai microfoni subito dopo la gara. Devo ringraziare un sacco di persone, che comunque hanno sempre creduto di potercela fare anche nei momenti più difficili’ dice Rossi, mai così competitivo con la Ducatisu pista asciutta come a Misano. ‘Ce l’abbiamo fatta, sono contentissimo anche per tutti i ragazzi della Ducati. È un grande risultato, lo voglio dedicare al Sic e alla sua famiglia, sicuramente lui mi ha dato una mano. E poi alla Ducati: ci voleva, sono stati due anni difficili e un bel risultato anche sull’asciutto è importante», conclude il `dottore´.

Rossi 1441

Rossi 1441 (Photo credit: ImageNationPhotography)

Valentino Rossi torna sul podio, anche se da secondo. Il primo posto va allo spagnolo della Yamaha ufficiale, che domina dall’inizio alla fine la gara del Motomondiale di San Marino e ha approfittato nel migliore dei modi della caduta nel primo giro del connazionale Dani Pedrosa (Honda), suo rivale per il titolo. Rossi, scattato bene al semaforo verde, ha difeso senza problemi il secondo posto fino alla bandiera a scacchi: il `dottore´ eguaglia così il miglior risultato ottenuto con la Ducati a Le Mans su pista bagnata. Il podio è completato dallo spagnolo Alvaro Bautista, terzo in sella alla Honda del team Gresini. Grazie alla vittoria odierna Lorenzo sale a 270 punti e porta a 38 lunghezze il suo vantaggio in classifica su Pedrosa, fermo a quota 232.

Ai piedi del podio ha chiuso il forlivese Andrea Dovizioso, quarto in sella alla Yamaha del team privato Tech 3. Quinto il texano Ben Spies con l’altra Yamaha ufficiale davanti al tedesco Stefan Bradl (Honda) e allo statunitense Nicky Hayden con la seconda Ducati ufficiale. Ottavo il britannico Jonathan Rea (Honda), nono il francese Randy De Puniet (Art). Il podio è completato da Michele Pirro (Ftr).

Prossima gara ad Aragón, poi Giappone, Malesia, Australia e gran finale a Valencia l’11 novembre.

http://www.motogp.com/it/news/MotoGP
http://www.valentinorossi.com/

Related articles

Advertisements

MotoGp: Pole a Pedrosa superato nel Warm Up da Lorenzo nel Gran premio di San Marino

10 millesimal separano il tempo del leader del mondiale da quello del poleman Dani Pedrosa. Recupera Spies, lontano Rossi settimo.

Jorge Lorenzo risponde a Dani Pedrosa e nel warm up di rifinitura a Misano è lui a far segnare il miglior tempo anche se per appena 10 millesimi di secondo. Si preannuncia molto interessante la sfida di oggi tra il leader del mondiale targato Yamaha e l’uomo di punta di Repsol Honda.

Non è lontano nemmeno Ben Spies (+0.126) che dovrà però fare i conti con una qualifica sciagurata. Dietro di lui si piazzano le due Monster Tech3 di Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso con l’italiano in ritardo di meno di 3 decimi.

Bradl è sesto, mentre Valentino Rossi chiude appena dietro anche se a mezzo secondo netto dal tedesco e a nove dalla vetta. Alvaro Bautista (San Carlo Honda Gresini), Karel Abraham (Cardion ab) e Randy de Puniet (Power electronic Aspar) completano la top10.

Due cadute nella sessione, entrambe all’altezza della curva 15 ed entrambe senza conseguenze: i protagonisti sfortunati sono prima Hector Barberá su Pramac Racing e poi Stefan Bradl (LCR Honda) in uno dei rari errori commessi in questa stagione da rookie.

Ieri è andata Dani Pedrosa la pole position del Gran Premio di San Marino, prova valida per il Motomondiale sul circuito Marco Simoncelli di Misano Adriatico. Lo spagnolo della Honda ha conquistato il miglior tempo girando in 1’33″857, solo 18 millesimi di secondo in meno della Yamaha di Jorge Lorenzo che partirà dalla seconda posizione. Completa la prima fila il britannico Cal Crutchlow, che con la Yamaha del team Tech 3 ha conquistato il terzo miglior tempo.

Seconda fila per Valentino Rossi che, in sella alla sua Ducati, ha ottenuto il sesto miglior tempo confermando le buone indicazioni che erano arrivate dall’ultima sessione di prove libere, durante le quali il pilota pesarese era stato preceduto solo da Bautista. Rossi è il migliore tra gli italiani: Andrea Dovizioso (Yamaha Tech 3) partirà dalla settima posizione.

Il MotoGp di oggi si corre alle 14.

http://www.motogp.com/it

MotoGp Indianapolis: vince Pedrosa, Valentino solo settimo

L’undicesima gara MotoGP a Indianapolis eè stata vinta dallo spagnolo Dani Pedrosa (Honda), con 11 secondi di vantaggio su Jorge Lorenzo (Yamaha), terzo Andrea Dovizioso (Yamaha) che conquista il 4/o podio consecutivo della stagione. Ben Spies (Yamaha) ha rotto il motore mentre era in lotta con Pedrosa.

Gara deludente per l’unica Ducati di Valentino Rossi, settimo con un distacco di quasi un minuto, con Nicky Hayden fuori dalla gara per l’infortunio nelle prove ufficiali di sabato.

E’ stata una gara difficilissima, soprattutto all’inizio, perché tutti spingevano fortissimo – ha commentato Dani Pedroa. Sapevo di poter andare bene, sono rimasto tranquillo, poi ho imposto il mio ritmo. Una volta al comando, ho avuto solo un piccolo problema a una curva, ma sono riuscito a rimanere in pista. il finale è stato relativamente tranquillo’. Per Lorenzo ‘E’ stato invece un fine settimana complicato: Pedrosa è stato più costante in prova e in gara’. Ad Andrea Dovizioso giova l’aver conquistato ‘Un altro podio. Un altro risultato importante per noi, in una gara dura per come è fatto il circuito e per la temperatura, ha detto il pilota Yamaha. Purtroppo ho fatto una gara di alti e bassi, non sono stato perfetto come in altre occasioni e quando Spies ha rotto il motore mi sono un po’ contratto, perché non sapevo se avevo olio sulle gomme’.

Prossimo circuito Brno, il 26 agosto per il bwin Grand Prix Ceské republiky.

http://www.motogp.com/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/18/motogp-di-indianapolis-fondamentali-le-gomme-pedrosa-in-testa-su-casey-stoner-nel-day-1/

MotoGp di Indianapolis: ‘fondamentali le gomme’, Pedrosa in testa su Casey Stoner nel Day 1

INDIANAPOLIS Day 1. Il team Repsol Honda ha dominato la prima giornata di libere sul circuito di Indianapolis, dove domani è in programma la gara numero11 della MotoGp 2012. Dani Pedrosa ha chiuso in testa alla classifica tempi della prima giornata e Casey Stoner ha terminato in quinta posizione, dopo aver dominato le libere della mattina.

Come successo anche agli altri piloti, Pedrosa ha notato un netto miglioramento delle condizioni della pista nelle ore subito dopo il pranzo. ‘Al pomeriggio le condizioni della pista erano migliori e questo ci ha permesso di abbassare molto i tempi e di girare con le gomme dure, che hanno funzionato meglio delle morbide del mattino, ha spiegato lo spagnolo. I tempi continueranno ad abbassarsi durante il fine settimana, così dovremo continuare a lavorare sulla messa a punto della moto. Oggi abbiamo trovato una buona base, ma possiamo fare dei progressi in ogni area. Comunque la scelta delle gomme sarà fondamentale perché fa molto caldo’.

Nel pomeriggio sapevamo già quale direzione seguire, ma purtroppo siamo stati rallentati da alcuni inconvenienti alla moto – è il commento di Stoner – Sono uscito con la seconda moto, con la quale ho effettuato solo pochi giri. È stato un turno un po’ deludente, ma sappiamo quale lavoro dobbiamo svolgere’.

Indianapolis Motor Speedway:  Informazioni sul Circuito

Lunghezza: 4.216 m. / 2,620 miles, Larghezza: 16m. Curve a sinistra: 10. Curve a destra: 6. Il rettilineo più lungo: 872 m. / 0,542 miles

Costruito: 1909 e Modificato: 2007

La prima corsa motociclistica su questo tracciato è datata 14 agosto 1909, nel circuito ovale di circa 5 km, e nonostante i suoi 100 anni di storia, la MotoGP è giunta qui solo nel 2008.

Per celebrare questo evento sono state apportate varie modifiche, ma senza intaccare la leggenda dell’ovale. Il layout della pista, che si estende per 4.168km e che conta 16 curve, incorpora nel rettilineo principale anche parte dell’ovale, incluso il Brickyard.

Aggiornamento prove libere

Sono ancora le Honda le moto migliori sul circuito di Indianapolis. Nel terzo turno di prove libere della classe MotoGp Casey Stoner e Dani Pedrosa chiudono davanti a tutti. L’australiano ha fatto segnare 1’39”182, lo spagnolo 1’39”369. Terzo tempo per lo statunitense Ben Spies, seguito da Stefan Bradl e Andrea Dovizioso. Ottavo Valentino Rossi che ha fatto segnare 1.40.578 ed e’ 1,166″ da Stoner. Il campione del mondo ha preceduto di 187 millesimi l’altra Repsol Honda HRC di Dani Pedrosa. Ottimo terzo tempo per Ben Spies con la Yamaha Factory racing a due decimi, quindi il tedesco Stefan Bradl con la Honda LCR a mezzo secondo. Andrea Dovizioso con la Yamaha Tech 3 è quinto a 836 millesimi. Alvaro Bautista con la San Carlo Gresini Honda è sesto, ma con un ritardo di un secondo. In difficoltà è apparso Jorge Lorenzo con la seconda Yamaha ufficiale a 1″157 da Stoner. Dietro al maiorchino per soli 9 millesimi Valentino Rossi con la Ducati, quindi Cal Crutchlow con l’altra Tech 3 e Nicky Hayden con la Ducati.

Warm Up – Si corre questa sera alle 20:02 local time

Il migliore nel turno pre gara della classe MotoGp a Indianapolis è stato Ben Spies. Il pilota texano della Yamaha, che ieri era caduto procurandosi numerose contusioni, ha beffato nel finale il poleman Dani Pedrosa (Honda) col tempo di 1’39”275, mentre lo spagnolo si è fermato a 1’39”582. Terzo Jorge Lorenzo (Yamaha). Quinto Andrea Dovizioso, 9° Valentino Rossi a 1”275 da Spies. Casey Stoner, caduto ieri, ha preso regolarmente parte al warm up finendo sesto.

http://www.motogp.com/it
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/10/motogp-valentino-rossi-e-ducati-al-divorzio-il-pilota-torna-a-correre-con-yamaha/

MotoGp: Valentino Rossi e Ducati al divorzio. Il pilota torna a correre con Yamaha

Español: Valentino Rossi en el Gran Premio de ...

Español: Valentino Rossi en el Gran Premio de España de Montmeló de 2007. (Photo credit: Wikipedia)

Ducati e Valentino Rossi al divorzio. Si concluderà alla fine del campionato del mondo di MotoGp del 2012 il rapporto tra il pilota e la casa bolognese, che conferma in un comunicato.

Contestualmente Yamaha fa sapere che nelle prossime due stagioni Valentino Rossi tornerà a correre per la casa giapponese. ‘E’ con grande piacere che Yamaha Motor Co. Ltd conferma la firma di Valentino Rossi per il Team Yamaha Factory Racing MotoGP per le stagioni 2013 e 2014′, suggerisce una nota.

 ‘In attesa che il motomondiale si rimetta in azione per il Gran Premio di Indianapolis del 19 agosto – si legge nella nota diffusa dalla casa di Borgo Panigale – Ducati comunica che alla fine del Campionato del Mondo MotoGP 2012 si concluderà il rapporto di collaborazione con Valentino Rossi. Ducati fa gli auguri al pilota italiano per le nuove sfide che andrà ad affrontare, continuando nel frattempo a mettere in campo tutte le sue energie per condividere un finale di stagione in crescita’.

‘Le corse  fanno parte del Dna Ducati da sempre – prosegue il comunicato – e, mai come in questo momento, sono parte integrante dello sviluppo del prodotto e del brand di Borgo Panigale. Tutto questo in completo accordo con Audi che condivide la linea strategica dell’azienda legata ad un impegno sempre più concreto e importante nelle competizioni’.

Ducati, dopo aver recentemente rinnovato l’accordo con il pilota americano Nicky Hayden, ‘sta completando la definizione della squadra che gareggerà nel Campionato del Mondo 2013, certi di poter contare su team e moto in grado di competere e misurarsi ai massimi livelli’.

E intanto che Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa e Casey Stoner si giocano il titolo 2012 in questa seconda parte di stagione di MotoGp, resta da chiedersi chi andrà al posto del pluripremiato Valentino Rossi?

http://www.ducati.it/
http://www.yamaha-racing.com/Racing/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/15/motomondiale-del-mugello-vince-jorge-lorenzo-secondo-sul-podio-pedrosa-terzo-dovizioso/
http://www.motogp.com/it
https://twitter.com/ValeYellow46

Olimpiade2012: Jessica Rossi è il nuovo record mondiale, qualificata nel trap come prima italiana, è oro nel tiro a volo

E’ Jessica Rossi la nuova record woman italiana. La ventenne tiratrice emiliana ha dominato la qualificazione del trap in queste Olimpiadi di Londra 2012, siglando il nuovo record olimpico con un 75 su 75 che non sarà mai più migliorabile e vincendo l’oro.

L’azzurra s’è messa dietro la slovacca Stefecekova (73 piattelli), la francese Reau, l’australiana Balogh (72 per entrambe) e la sammarinese Alessandra Perelli (71).

Per il sesto posto nella finale da 25 piattelli in programma alle 16 italiane spareggiano in tre a quota 70.

Jessica Rossi è medaglia d’oro nel double trap: 99-100. Ha stabilito il nuovo primato del mondo per una eliminatoria, il precedente di 74/75, era dell’ucraina Chuyko e resisteva dal 1998. Seconda la sanmarinese Perilli.

Tweet del giorno

Federica Pellegrini: ‘Sposterò i miei obiettivi’. Jessica Rossi: ‘I miei obbiettivi si spostano da soli ma io gli sparo’.

#Londra2012#Olimpiadi#oro

http://www.london2012.com/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/03/london2012-ottava-giornata-di-gara-speranza-paltrinieri-nel-nuoto-in-pista-bolt/https://cookednews.wordpress.com/2012/08/03/london2012-tocca-al-tiro-a-volo-jessica-rossi-in-pedana-per-il-trap-domenica-pellielo-e-fabbri/
https://twitter.com/#!/search/%22Jessica%20Rossi%22

Motomondiale del Mugello: vince Jorge Lorenzo, secondo sul podio Pedrosa, terzo Dovizioso

Jorge Lorenzo conferma con la vittoria il posto più alto sul podio del Gran Premio d’Italia del Mugello, seguito dall’asturiano Pedrosa e al terzo posto da Andrea Dovizioso. Lorenzo si era già assicurato la pole durante le prove di Warm up di questa mattina.

23 Laps sul circuito italiano, dove la MotoGp torna a correre per la prima volta dopo un anno. Grande tributo a Marco Simoncelli, con il padre Paolo che scopre la nuova Honda regalata ai genitori del pilota italiano morto durante un incidente in corsa sul circuito di Sepang nel 2011.

La Honda ha deciso di offrire due moto alla famiglia e alla Fondazione Marco Simoncelli: quella che il ‘Sic’ usava in gara e che verrà esposta all’interno del museo in via di ultimazione a Coriano, paese di Marco, e una CBR1000 RR con una carena unica al mondo appositamente ornata dal disegnatore dei caschi di Valentino Rossi, Aldo Drudi, all’asta su e-Bay per una settimana. Il ricavato andrà alla fondazione. ‘Siamo felici di essere qui’, le uniche parole di Paolo Simoncelli, emozionato. Il papà di Marco commosso ha detto: ‘E’ emozionante da matti trovare tutta questa gente che ha Marco nel cuore. Non ho più guardato le gare, non sono più entrato in un circuito, ma attraverso la fondazione e le lettere che ci sono arrivate ho sempre avvertito l’affetto per mio figlio’.

Il Gran premio d’Italia di oggi è stato dominato dallo spagnolo in sella alla Yamaha ufficiale, che ha preso il comando al primo giro, arrivando primo nella gara fino alla bandiera a scacchi.

Jorge Lorenzo trionfa in solitaria nel Gp d’Italia al Mugello, nono appuntamento del Motomondiale, classe MotoGp. Alle sue spalle ha chiuso lo spagnolo Dani Pedrosa con la Honda ufficiale. Il podio è completato da Andrea Dovizioso, terzo con la Yamaha del team privato Tech 3.

Il forlivese si è lasciato alle spalle il tedesco Stefan Bradl (Honda). Buona la gara di Valentino Rossi, che dopo essere scattato dalla decima posizione in griglia ha rimontato fino alla quinta piazza finale. 

Alle spalle di Rossi hanno chiuso il britannico Cal Crutchlow con l’altra Yamaha Tech 3 e il compagno di squadra Nicky Hayden. Lontano Casey Stoner, che in sella alla seconda Honda ufficiale non è andato oltre l’ottavo posto: l’australiano, partito quinto, ha detto definitivamente addio alle chance di rimonta dopo un dritto a metà gara e ha usato le maniere forti per difendere la posizione dagli attacchi di Hector Barbera (Ducati), nono.

La top ten è chiusa da Alvaro Bautista con la Honda del team Gresini. Delude il texano Ben Spies, solo undicesimo con la seconda Yamaha ufficiale. Per Lorenzo quella di oggi al Mugello è la quinta vittoria stagionale, la ventiduesima nella classe regina del Motomondiale e la 43 in carriera.

Il maiorchino Black Mamba guadagna altri cinque punti preziosi su Pedrosa, che visti i problemi di Stoner rafforza la propria candidatura come il principale rivale per il titolo del connazionale della Yamaha. Nella classifica iridata Lorenzo sale a quota 185 punti, a +19 su Pedrosa. Stoner è terzo con 148 punti.

25 punti in una gara perfetta per Jorge Lorenzo al Mugello. Lo spagnolo lascia Pedrosa in seconda posizione e Stoner in ottava. Ancora podio per Dovizioso che completa una giornata importante per l’Italia sul circuito di casa.

Prossimo giro al Red Bull U.S. Grand Prix il 29 luglio, al circuito californiano Mazda di Laguna Seca per il Campionato del Mondo di MotoGP negli Stati Uniti.

| 29 Jul | Mazda Raceway | United States

Campionato del Mondo
GRAN PREMIO D’ITALIA TIM

MotoGP

Pos.              Nome                                Moto                       Pts.
1                Jorge LORENZO                Yamaha                 185
2                Dani PEDROSA                   Honda                    166
3                Casey STONER                   Honda                    148
4                Andrea DOVIZIOSO        Yamaha                 108
5                Cal CRUTCHLOW              Yamaha                  95
6                Valentino ROSSI               Ducati                     82
7                Stefan BRADL                    Honda                    75
8                Nicky HAYDEN                 Ducati                     74
9                Alvaro BAUTISTA           Honda                     73
10              Ben SPIES                           Yamaha                  66

http://www.valentinorossi.com/
http://www.motogp.com/it
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/14/motogp-al-mugello-valentino-e-decimo-miglior-quarto-tempo-ad-hayden-in-pole-pedrosa/ 

MotoGp al Mugello: Valentino è decimo, miglior quarto tempo ad Hayden, in pole Pedrosa

Nicky Hayden ha ottenuto il quarto miglior tempo nelle qualifiche del Gran Premio d’Italia al Mugello. Il pilota americano ha provato due giri lanciati nel finale della sessione e in entrambi i casi è sceso sotto il minuto e 48, arrivando ad un decimo dalla prima fila e a meno di quattro dalla pole.

A prendere il via del Gran Premio dalla pole position sarà invece il pilota Repsol Honda Dani Pedrosa, con il compagno di squadra Casey Stoner che scatterà dalla quinta posizione.

Valentino Rossi invece non ha avuto la possibilità di sfruttare il potenziale della gomma morbida ed il suo tempo, il decimo assoluto, è frutto del suo miglior giro con la gomma dura.

‘E’ stata una qualifica molto eccitante – dice Nicky Hayden – penso che oggi tutti abbiano dato tutto quello che avevano. I nostri obiettivi erano arrivare a girare in 1’47 e qualificarsi nei primi cinque, ed abbiamo ottenuto entrambi. D’altro canto l’essere arrivato solo ‘vicino’ al top qui al Mugello, mi ha lasciato con il piccolo rimpianto di non aver fatto ancora di più. In ogni caso, quarto non è male. Abbiamo trovato un paio di cose oggi che hanno funzionato bene e, in generale, abbiamo lavorato in progressione per tutto il fine settimana. Rispetto a ieri, oggi pomeriggio sono riuscito ad essere un po’ più veloce con la gomma dura. Domani la gara sarà tosta perché queste temperature potrebbero accelerare il degrado delle gomme. Però non vedo l’ora che arrivi: spero di riuscire ad ottenere un risultato di cui questa squadra e questi tifosi possano essere orgogliosi. E mi aspetto una battaglia accesa’.

Per Valentino Rossi, inveceE’ andata piuttosto male, peccato. Il problema più grande è stato che, con la gomma morbida, non ho migliorato per nulla mentre gli altri hanno abbassato tanto i loro tempi. Peccato perché – dice – come passo, con la gomma dura non siamo messi malissimo, non siamo troppo lontani. Con la morbida avevo molto ‘chattering’ e praticamente non ho potuto sfruttarla. Comunque la gara si farà con la dura quindi potremo andare un po’ meglio. Certo, dovrò partire decimo, in quarta fila, e quindi dovrò recuperare. Siamo abbastanza veloci nella prima parte della pista mentre perdiamo molto nel T4. Vedremo cosa si potrà fare.’

Dani Pedrosa ha frantumato il miglior giro del circuito, stabilito lo scorso anno da Stoner (1’48.034), di quasi 8 decimi con un crono di 1’47.284 nel suo giro finale che gli è valso la pole position, la seconda stagionale dopo Le Mans. Adesso Pedrosa è il pilota spagnolo con il maggior numero di pole nella classe regina (21), il settimo nella classifica generale. Adesso conta di fare una buona partenza e ripetere la gara del 2010 che lo aveva visto dominare durante tutto il fine settimana, prendere la partenza dalla pole position e guidare la testa della corsa dal primo all’ultimo giro, aggiudicandosi la vittoria, dopo aver stabilito il nuovo record della pista.

‘Domani la gara si preannuncia molto impegnativa – annuncia il pilota di Sabadell – farà caldo e guardando i tempi di questo pomeriggio, credo che il ritmo sarà molto elevato. Sono abbastanza contento della messa a punto della moto, oggi avevamo più grip e sono fiducioso per domani. Dobbiamo comunque restare concentrati e spingere al massimo perché Lorenzo ha un passo incredibile’.

Per Stoner 5º ‘Abbiamo ancora il warm up domani mattina per migliorare il set up e trovare delle soluzioni per i nostri punti deboli, se ce la facciamo, allora potremmo giocarcela in gara’.

MotoGPWUP  09:40 – 10:00

MotoGPRAC        14:00

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/08/motogp-dani-pedrosa-vince-il-gran-premio-di-germania-e-lottava-prova-del-motomondiale/
http://www.motogp.com/it
Valentino Rossi @ValeYellow46
https://www.facebook.com/MotoGP?sk=wall 

MotoGp: Dani Pedrosa vince il Gran Premio di Germania, è l’ottava prova del motomondiale

Lo spagnolo Dani Pedrosa, su Honda, ha vinto il Gran premio di Germania, valido come ottava prova del motomondiale della classe Motogp. Il pilota vince per la seconda volta, a un anno di distanza, sullo stesso circuito, a lui fortunato.

Pedrosa ha preceduto il connazionale Jorge Lorenzo, su Yamaha, e l’italiano Andrea Dovizioso, anche lui Yamaha. Sesto posto per Valentino Rossi e la sua Ducati.

L’australiano Casey Stoner (Honda) è caduto a una curva dall’arrivo, dopo essere riuscito a conquistare il secondo posto e avere insidiato il primato di Pedrosa.

I nuvoloni sul cielo di Sachsenring non aiutano chi, sull’asciutto, fa una fatica tremenda. E così in Germania le Honda dominano. In testa dal primo all’ultimo giro. Pedrosa combattente va in testa e alla fine induce all’errore Stoner che nel tentativo di scavalcarlo, all’ultimo giro, finisce a terra e poi fuori pista. Via così 20 punti e regalandone 4 a Lorenzo, perde il podio della classifica del Mondiale. Tutto in pochissimi secondi.

Per gli italiani è una gara da giro di boa. Pirro subito fuori per un problema tecnico, Pasini cade e  punta il dito contro Hernandez accusandolo di averlo centrato in pieno. Valentino Rossi costretto alla solita gara faticosa, di rincorsa sembra volersi accontentare di un posto fra l’ottava e la decima posizione: vince contro Hayden e Barbera, salendo poi al sesto posto.

Più avvincente Dovizioso, che in gara contende il quarto posto a Crutchlow e Spies finché a 5 giri dalla stoccata di bandiera, il britannico esce fuori pista, indotto all’errore dalla strenua resistenza di Andrea. La caduta di Stoner gli regala un meritatissimo podio, mentre Spies è quarto davanti al tedesco Bradl.

Prossimo appuntamento al Mugello, la prossima settimana per il Gran Premio d’Italia TIM  il 15 luglio.

http://www.motogp.com/

MotoGp bagnato in Germania: pole di Stoner, nono Valentino Rossi


Casey Stoner vola sul bagnato del Sachsenring e trova la 4ª pole stagionale. Ben figura anche Bradl con la Honda satellite, mentre deludono le Ducati di Hayden e Rossi, lontane dai primi anche con la pioggia.

E’ di Casey Stoner la pole position dell’ottava prova del Motomondiale classe MotoGp, in scena questo fine settimana nel circuito tedesco del Sachsenring, in Germania. Sotto una pioggia battente, che concede qualche tregua soltanto negli ultimi minuti delle qualifiche, l’australiano della Honda vince la sfida con il cronometro e si piazza davanti a tutti con il tempo di 1’31”796. Insieme a Stoner, partiranno dalla prima fila anche l’americano Ben Spies (Yamaha) e il compagno di scuderia Dani Pedrosa, staccati rispettivamente di 193 e 285 millesimi di secondo.

Solo il quinto tempo per Jorge Lorenzo, primo del mondiale insieme a Stoner (140 punti), in ritardo per più di mezzo secondo. La    Yamaha di Cal Cruchlow precede il maiorchino di poco meno di un decimo e si inserisce tra la Honda del connazionale Pedrosa e la Yamaha numero 99 di Lorenzo.

Sesto tempo per il tedesco Stefan Bradl, che più volte ha fatto segnare il miglior giro provvisorio nel corso delle qualifiche sul circuito di casa. Alle sue spalle la prima Ducati, quella di Nicky Hayden, autore di una serie di ottimi giri che lo hanno visto in testa per buona parte delle prove. Per l’americano il sogno della pole è sfumato soltanto nelle ultime due tornate, con sei piloti che hanno migliorato il suo 1’32”795.

Bisogna spostarsi in terza fila per vedere i primi italiani sulla griglia di partenza: Dovizioso, ottavo, paga ancora qualche sbavatura con la sua Yamaha Tech 3 e conferma le difficoltà sul bagnato. Valentino Rossi è nono, staccato di quasi un secondo e mezzo dalla pole di Stoner ma a soli 12 millesimi da Dovizioso, e sulla pista tedesca non riesce a sfruttare come in passato l’asfalto bagnato, tra i pochi fattori che mantengono vive le speranze di podio del campione di Tavullia.

Tutti vicini gli altri italiani delle ‘tre P’ Pasini, Petrucci e Pirro: quindicesimo tempo per il primo, subito dietro gli altri due. Ultima posizione per il collaudatore Ducati Franco Battaini, che sostituisce l’infortunato Karel Abraham.

La MotoGP ha dovuto fare i conti con il maltempo anche oggi nel secondo giorno di prove al Sachsenring con una pioggia torrenziale nelle libere del mattino e condizioni simili anche nelle qualifiche del pomeriggio con Stefan Bradl che ottiene la seconda fila in vista del GP di domani.

Il portacolori del Team LCR Honda ha dominato la maggior parte del turno nonostante le pessime condizioni dell’asfalto migliorando il suo passo in sella alla RC213V giro dopo giro e regalando ai suo i fan uno spettacolo esaltante chiudendo con la sesta piazza (1’32.510).

Stefan Bradl: ‘Non ci aspettavamo un turno di qualifiche bagnato anche oggi ma alla fine ha piovuto molto. Noi però ci siamo comportati molto bene anche sul bagnato. Abbiamo fatto un buon lavoro di messa a punto e per tutta la sessione siamo stati veloci e precisi: questo è un segno positivo. Grazie alle modifiche mi sono adattato facilmente e velocemente sul bagnato e giravo con un ritmo buonissimo. Alla fine la pista ha iniziato ad asciugarsi e tutti hanno spinto per fare meglio compreso il sottoscritto. Purtroppo ho trovato qualche pilota più lento nel mio ultimo giro e la prima fila è sfumata. È un peccato ma possiamo essere contenti del lavoro che abbiamo fatto e del risultato’.

Nicky Hayden e Valentino Rossi domani partiranno dalla terza fila dello schieramento di partenza del Gran Premio di Germania dopo aver ottenuto rispettivamente il settimo e il nono tempo in qualifica sotto una pioggia battente.

Il pilota americano a cinque minuti dalla fine del turno era in pole provvisoria ma nelle ultime concitate fasi della sessione è rimasto intrappolato nel traffico e non ha potuto migliorare come gli altri.

Valentino Rossi era molto veloce nel primo e nell’ultimo ‘split’ del giro ma nella sezione centrale non riusciva ad essere altrettanto efficace. In caso di gara bagnata è tuttavia fiducioso di poter perfezionare l’assetto anche nei due settori centrali.

Nicky Hayden ‘Questa mattina la pista era umida e, per risparmiare le gomme da pioggia, non abbiamo girato molto anche se la moto andava davvero bene. All’inizio delle qualifiche la pioggia torrenziale aveva allagato la pista e le condizioni erano così difficili che abbiamo deciso di fermarci ed aspettare un po’. Nelle curve lunghe avevamo un po’ di problemi di ‘grip’ in piega mentre, raddrizzando la moto, la trazione risultava molto buona. Le cose sono via via migliorate e, a cinque minuti dalla fine avevo il miglior tempo. Poi, negli ultimi due giri sono rimasto imbottigliato nel traffico. So che a volte questa è un po’ una scusa ma oggi mi è successo davvero altrimenti un paio di posizioni avrei potuto guadagnarle. E’ un po’ frustrante dover partire dalla terza fila ma in gara domani daremo il massimo.’

Valentino Rossi ‘Ci aspettavamo di più da una sessione bagnata perché di solito siamo davvero molto veloci ma sfortunatamente abbiamo fatto un piccolo errore nell’assetto della parte posteriore della moto che, con così tanta acqua in pista, mi creava qualche difficoltà nel ‘T2’ e nel ‘T3’. Purtroppo, perdendo diversi decimi in quella parte, anche se nel primo e nell’ultimo settore ero molto veloce, alla fine ho fatto solo la terza fila. Di positivo c’è che risulta chiaro dai dati dove abbiamo sbagliato e in caso di gara bagnata, sistemando quel particolare dovremmo essere comunque competitivi. Se invece la gara fosse asciutta, spero lo sia anche il warm-up perché in tutto il fine settimana abbiamo avuto solo 45 minuti dry.’

eni Motorrad Grand Prix Deutschland

8 luglio 2012                              Showing race local time (GMT +2)

MotoGPWUP                                 MotoGPRAC

09:30 – 09:50                                           13:00

http://www.motogp.com/it/

Blog at WordPress.com.