Forti incendi devastano l’Australia, caldo record oltre i 40 gradi

incendi australiaGli incendi devastano l’Australia. I Forti venti e temperature record, oltre i 40 gradi, hanno favorito i roghi nel sud-est del Paese, dove le autorità hanno riferito di condizioni ‘catastrofiche’.

Le fiamme in molti casi fuori controllo, si propagano molto rapidamente e per questo le autorità hanno deciso di far allontanare la popolazione come unica opzione per salvarsi. Il premier australiano Julia Gillard ha lanciato un appello alla vigilanza: ‘La parola catastrofico è usata per validi motivi. Per questo è molto importante che le persone si salvaguardino e ascoltino le raccomandazioni delle autorità locali. Questo è un giorno molto pericoloso’.

Sono cinque gli Stati colpiti anche se la situazione peggiore si registra nel Nuovo Galles del sud, lo Stato più popoloso, dove si contano circa 100 incendi, di cui 20 fuori controllo, anche nelle vicinanze di Sydney. L’ondata di caldo estremo, iniziata in Australia occidentale poco dopo Natale e durata otto giorni, è stata la più violenta in oltre di 80 anni, le temperature roventi rendono molto difficili le operazioni di soccorso e di spegnimento dei roghi.

Advertisements

Del Piero: ‘non so se resto’ al Sidney. La squadra, ultima in classifica, ‘deve guadagnare una buona posizione’

449684_Del PieroHa firmato per un anno con opzione per il secondo. Ma ci sono parecchi dubbi sulla possibilità che Alessandro Del Piero resti in Australia anche il prossimo anno. Il Sydney occupa l’ultima posizione in classifica (in condominio con il Brisbane) e ha già subito un cambio di allenatore.

Pare che nel corso dell’ultimo allenamento l’ex bandiera juventina si sia lasciata scappare un ‘non so se resto’, poi maggiormente argomentato. ‘Stiamo parlando, abbiamo un buon rapporto ma al momento dobbiamo pensare giorno per giorno. Prima la squadra deve guadagnare una buona posizione, poi ne parleremo con calma’ ha dichiarato Del Piero.

Tony Pignata, chief executive del Sydney, ovvero l’uomo che ha portato Del Piero nella A-League ha aggiunto: ‘Abbiamo avuto dei colloqui preliminari qualche settimana fa – ha spiegato – e tutto lascia supporre che Alex voglia rimanere. Nelle prossime settimane risolveremo la questione’.

Attualmente il Sydney è ultimo in classifica con 10 punti e questo potrebbe spingere Del Piero – autore di 5 reti e ora ai box per un infortunio – ad abbandonare il club australiano.

Calcio: Del Piero in Australia ‘ Tanta voglia di fare bene, non vedo l’ora. E’ tutta la vita che gioco per vincere’

E’ ufficialmente iniziata l’avventura australiana di Alessandro Del Piero. L’ex capitano della Juventus ha preso il volo per Sydney, dove è atterrato domenica per entrare a far parte della sua nuova squadra, accolto a gran festa dalla sua nuova città. Insieme a lui la moglie, i figli e il fratello-manager: ‘In Australia c’è molta attesa, entusiasmo e aspettativa. C’è tanta voglia di fare bene da parte mia, non vedo l’ora di giocare’, ha detto Del Piero ai microfoni di Sky Sport.

L’ex numero 10 bianconero, prima di imbarcarsi, ha avuto modo di dedicare ancora un pensiero ai tifosi juventini: ‘Il rapporto con loro rimane sempre, per molti aspetti il mio è un arrivederci. La maglia numero 10 non è stata assegnata dalla Juve? Sarà a Sydney sulle mie spalle. Se sarò capitano? Vedremo, il gesto del capitano del Sydney mi ha molto colpito, ne parlerò con lui’.

Il 37enne ex attaccante della Juve, dopo l’accoglienza trionfale all’aeroporto australiano dove lo hanno accolto in più di 500 fra tifosi sostenitori e fan sarà l’osservato speciale della A-League. Gli Sky Blues, così si chiamano i tifosi australiani, hanno salutato il 37enne attaccante al Sydney International Airport, dove Del Piero ha toccato terra alle 10.28 locali. Ai giornalisti: ‘So che c’è grande attesa. Adoro la pressione’. Alessandro Del Piero si presenta ai media australiani nella conferenza tenuta a Sydney. Alessandro Del Piero si appresta a cominciare l’avventura con la maglia del Sydney FC, il club con cui ha firmato un contratto biennale da circa 1,6 milioni di euro a stagione. L’ex attaccante bianconero sa che sarà l’osservato speciale della A-League, il campionato australiano.

Il ruolo di superstar e icona non lo spaventa affatto. ‘Ho giocato per 19 anni nella Juventus, con la Juve bisogna vincere ogni partita in ogni singola stagione. Per fortuna, mi è capitato tante volte. E’ da tutta la vita che gioco per vincere’, ha detto l’ex capitano bianconero evidenziando quali obiettivi lo hanno spinto a volare da una parte all’altra del pianeta con la sua famiglia, entusiasta per la svolta radicale. ‘Prima di tutto – ha ripetuto Del Piero – sono qui per il Sydney FC e per competere con questa maglia. Poi, speriamo di favorire la crescita di tutta la A-League con il duro lavoro, giorno dopo giorno’.

Domenica prossima, all’Allianz Stadium, è in programma la presentazione ufficiale della squadra: nell’occasione, Del Piero riceverà la maglia numero 10. Il nuovo acquisto sarà sicuramente in grado di elevare il livello del Sydney FC, oggi travolto 5-1 in un test dal Brisbane Roar. L’obiettivo è arrivare in forma all’appuntamento del 6 ottobre, quando l’avventura nella A-League comincerà con la sfida a Wellington, in Nuova Zelanda, contro il Phoenix. Per l’esordio casalingo in un match ufficiale bisogna aspettare il 13 ottobre, quando il Sydney FC riceverà il Newcastle: facile prevedere il tutto esaurito sugli spalti dell’Allianz Stadium.

‘I tifosi hanno accolto Alessandro in maniera fantastica’, ha detto Tony Pignata, Ceo del Sydney FC e regista della più importante operazione di mercato nella storia del calcio australiano. ‘E’ stato qualcosa di incredibile – ha aggiunto commentando lo sbarco della nuova star . Sono sicuro che lui se ne ricorderà per tanto tempo’.

http://www.alessandrodelpiero.com/
http://www.footballaustralia.com.au/sydneyfc/

London2012: il Dream Team del fioretto torna a regalare un oro all’Italia. E’ il secondo

 Il Dream Team di fioretto femminile – Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e Valentina Vezzali – torna a regalare una vittoria con il secondo oro nella prova a squadre della scherma.  La medaglia d’oro olimpica arriva in finale contro la Russia col punteggio di 45-31. Di Francisca, Errigo e Vezzali avevano occupato l’intero podio anche nella prova individuale di fioretto nella quale avevano conquistato, rispettivamente, l’oro, l’argento e il bronzo.

Nella finalissima c’è stato spazio anche per la riserva Ilaria Salvatori, che ha sofferto contro la Shanaeva ma ha firmato la stoccata del 35-21. Valentina Vezzali, l’eterna, firma la stoccata decisiva e diventa la donna italiana più medagliata di sempre alle Olimpiadi con sei ori, un argento e un bronzo.

Per la spedizione italiana si tratta della quarta medaglia d’oro ai Giochi olimpici di Londra 2012. Altro record per la Vezzali, la 38enne jesina conquista l’oro per la quarta olimpiade consecutiva, dopo avere vinto le prove individuali di fioretto a Sydney 2000, Atene 2004 e Pechino 2008.

Primo oro olimpico in carriera per Arianna Errigo e Ilaria Salvatori, secondo per Elisa Di Francisca che a Londra aveva già trionfato nella prova individuale.

Alla sesta giornata di Olimpiade, l’Italia è settima nel medagliere.

 ‎27 luglio – 12 agosto
http://www.london2012.com
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/28/london2012-primo-oro-per-litalia-nel-tiro-con-larco-podio-azzurro-nel-fioretto-al-femminile/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/02/london2012-italia-a-quota-10-medaglie-battisti-e-sartori-argento-nel-canottaggio/

Blog at WordPress.com.