The Day We Fight Back Against Mass Surveillance

thedaywefightback.org

TODAY, FEBRUARY 11TH, 2014 IS THE DAY WE FIGHT BACK AGAINST MASS SURVEILLANCE

The NSA ‘has secretly broken into the main communications links that connect Yahoo and Google data centers around the world.’ (The New York Times)

The NSA is collecting the content and metadata of emails, web activity, chats, social networks, and everything else as part of what it calls ‘upstream’ collection. (The Washington Post)

The NSA collected ‘almost 3 billion pieces of intelligence from US computer networks’ in one month in 2013. (The Guardian)

Governments worldwide need to know that mass surveillance, like that conducted by the NSA, is always a violation of our inalienable human rights.

Over the past year, more than 360 organizations in over 70 countries have come together to support the International Principles on the Application of Human Rights to Communications Surveillance.

These thirteen Principles establish the human rights obligations of any government conducting surveillance. They are the core of an international movement to compel all states to stop the mass spying of the innocent. The Principles are already being used in national campaigns and international pressure to reign in spies including the NSA.

On Anniversary of Aaron Swartz’s Tragic Passing, Leading Internet Groups and Online Platforms Announce Day of Activism Against NSA Surveillance

Mobilization, dubbed “The Day We Fight Back” to Honor Swartz & Celebrate Anniversary of SOPA Blackout

A broad coalition of activist groups, companies, and online platforms will hold a worldwide day of activism in opposition to the NSA’s mass spying regime on February 11th. Dubbed ‘The Day We Fight Back‘, the day of activism was announced on the eve of the anniversary of the tragic passing of activist and technologist Aaron Swartz. The protest is both in his honor and in celebration of the victory over the Stop Online Piracy Act two years ago this month, which he helped spur.

Participants including Access, Demand Progress, the Electronic Frontier Foundation, Fight for the Future, Free Press, BoingBoing, Reddit, Mozilla, ThoughtWorks, and more to come, will join potentially millions of Internet users to pressure lawmakers to end mass surveillance — of both Americans and the citizens of the whole world.

On January 11, 2013, Aaron Swartz took his own life. Aaron had a brilliant, inquisitive mind that he employed towards the ends of technology, writing, research, art, and so much more. Near the end of his life, his focus was political activism, in support of civil liberties, democracy, and economic justice.

Aaron sparked and helped guide the movement that would eventually defeat the Stop Online Piracy Act in January 2012. That bill would have destroyed the Internet as we know it, by blocking access to sites that allowed for user-generated content — the very thing that makes the Internet so dynamic.

David Segal, executive director of Demand Progress, which he co-founded with Swartz, said: ‘Today the greatest threat to a free Internet, and broader free society, is the National Security Agency’s mass spying regime. If Aaron were alive he’d be on the front lines, fighting back against these practices that undermine our ability to engage with each other as genuinely free human beings.’ According to Roy Singham, Chairman of the global technology company ThoughtWorks, where Aaron was working up until the time of his passing:

‘Aaron showed us that being a technologist in the 21st century means taking action to prevent technology from being turned against the public interest. The time is now for the global tribe of technologists to rise up together and defeat mass surveillance.’

According to Josh Levy of Free Press:

‘Since the first revelations last summer, hundreds of thousands of Internet users have come together online and offline to protest the NSA’s unconstitutional surveillance programs. These programs attack our basic rights to connect and communicate in private, and strike at the foundations of democracy itself. Only a broad movement of activists, organizations and companies can convince Washington to restore these rights.’

Brett Solomon, Executive Director, Access, added:

‘Aaron thought in systems. He knew that a free and open internet is a critical prerequisite to preserving our free and open societies. His spirit lives in our belief that where there are threats to this freedom, we will rise to overcome them. On February 11th, we’ll rise against mass surveillance.’

On the day of action, the coalition and the activists it represents make calls and drive emails to lawmakers. Owners of websites will install banners to encourage their visitors to fight back against surveillance, and employees of technology companies will demand that their organizations do the same. Internet users are being asked to develop memes and change their social media avatars to reflect their demands.

Websites and Internet users who want to talk part can visit TheDayWeFightBack.org to sign up for email updates and to register websites to participate. Regular updates will be posted to the site between now and the February 11th day of action.

WHO: Access, Demand Progress, Electronic Frontier Foundation, Fight for the Future, Free Press, The Other 98%, BoingBoing, Mozilla, Reddit, ThoughtWorks — and many more to come

WHAT: Day of Action in Opposition to Mass Spying, Honoring Aaron Swartz and SOPA Blackout Anniversary

WHEN: February 11, 2014

HOW INTERNET USERS CAN HELP:

  1. Visit TheDayWeFightBack.org
  2. Sign up to indicate that you’ll participate and receive updates.
  3. Sign up to install widgets on websites encouraging its visitors to fight back against surveillance. (These are being finalized in coming days.)
  4. Use the social media tools on the site to announce your participation.
  5. Develop memes, tools, websites, and do whatever else you can to participate — and encourage others to do the same.

    TAKE ACTION NOW, #CookedNews,#stopspying, #stopspying

    https://thedaywefightback.org/

AMAZING news/Antagonismo e Attivismo/Arte/Blogs/controcultura/Cooked News/Free Software/I Post più letti/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/New Media/Newspapers/Politica/Rete sociale/Web News/world news/Worpress.Com

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Wikipedia strike: in Russia per 24 ore, la libera enciclopedia manifesta contro la restrizione dei contenuti

Russia: Wikipedia strike per 24 ore, la libera enciclopedia manifesta contro la restrizione dei contenuti. Sciopero di 24 ore per la sezione sovietica di Wikipedia contro un progetto di legge che vuole creare una lista nera di tutti i siti con contenuti vietati.

Bannati, out, fuori dunque dalla grande enciclopedia del web ogni materiale pedo pornografico o vicino soltanto all’estremismo politico.

La versione in cirillico della più grande enciclopedia online sospenderà la sua attività per 24 ore contro una  legge sostenuta da tutti e quattro i partiti che siedono in Cremlino.

Una proposta, la Stop Online Piracy Act (SOPA) per gli americani, che ha però suscitato le critiche dei difensori dei diritti umani e dei provider Internet, secondo i quali si tratta di un tentativo di censura del web russo.

Tra gli oppositori alla proposta si trovano anche AmazonMicrosoftGoogleYahoo!FacebookTwitterAOLLinkedIn, la Blender FoundationeBay, la Mozilla Foundation, la Wikimedia Foundation, la Free Software Foundation di Richard Stallman, la Creative CommonsSpartz Media e varie organizzazioni per i diritti umani come Reporter Senza Frontiere, l’Electronic Frontier Foundation, l’American Civil Liberties UnionAvaaz.org e Human Rights Watch.

Qualche giorno fa, come succede per qualsiasi notizia o fatto di cui si torna ciclicamente a parlare e discutere, Wikipedia è stata nuovamente al centro del ciclone parlando di copyright relativo alle pellicole hollywoodiane. Jimbo Wales in persona, fondatore di Wikipedia, si è esposto per il caso di Richard O’Dwyer, ventiquattrenne inglese a rischio estradizione negli USA ( un po’ come l’ideatore della condivisione in streaming su Megaupload tutt’ora sottoprocesso) per rispondere a un’accusa di violazione del copyright.

O’Dwyer è uno studente della Sheffield Hallam University, ma è anche il creatore di TVShack, un sito pensato, prima ancora che venisse  sequestrato secondo volere dello US Immigration and Customs Enforcement – per vedere film e telefilm completi (anche prodotti in America). Una specie di motore di ricerca dei link a cui andare per poter vedere un film gratis.

Storia e curiosità di Wikipedia

Jimmy Donal Wales, detto Jimbo (Huntsville8 agosto 1966), è un imprenditore statunitense, noto per essere uno dei fondatori del progettoWikipediaWikipedia è un’enciclopedia online a contenuto libero nata il 15 gennaio 2001. Tra i suoi principi ci sono il punto di vista neutrale e il rispetto del copyright

L’anno del creative commons è il 2009. Il 15 giugno, dopo una consultazione aperta a tutte le comunità dei progetti gestiti dalla Wikimedia Foundation, il Board of Trustees approva la risoluzione e aggiunge la licenza libera Creative Commons Attribution-ShareAlike[25] (CC-BY-SA) alla GNU Free Documentation License. Questo permette un più agevole interscambio di contenuti con le innumerevoli realtà della rete, grazie anche a una più assidura diffusione delle licenze CC.

La versione più ricca è quella inglese. Il 17 agosto  2009 Wikipedia in inglese supera i 3 milioni di voci. Tra tutte le edizioni le voci sono circa 13 milioni. Il 28 agosto Wikipedia in italiano supera le 600.000 voci (sesta edizione per numero di voci)

Nel mese di marzo di quest’anno, Wikipedia in italiano supera le 900.000 voci. Il 20 aprile 2012 l’utente Koavf ha raggiunto quota un milione di modifiche è il primo e finora l’unico a riuscirci in tutta la storia di wikipedia.

Da sesto più cliccato al mondo ai palazzi del potere

A marzo scorso su Twitter, Tim Kelsey, direttore esecutivo del governo inglese per la trasparenza e l’open data  annuncia che si affiderà a Jimmy Donal Wales. L’imprenditore americano, 45 anni, da quest’anno farà da consulente, non retribuito e senza una scadenza temporale, per tutte le questioni che riguardano l’accesso alle informazioni, la comunicazione delle decisioni del governo e la partecipazione dei cittadini.

Obiettivo dichiarato di Downing Street è trasformare le comunicazioni governative da statiche a dinamiche e partecipative. Con un  risparmio previsto di 50 milioni di sterline all’anno, una comunicazione più efficace e un ritorno di immagine enorme per Cameron e i suoi aiutanti.

Blocco di Wikipedia

In Cina

Wikipedia è stata bloccata dalla Repubblica Popolare Cinese più volte. I blocchi più importanti sono stati effettuati nel giugno 2004, quando l’accesso agli utenti cinesi di Wikipedia residenti a Pechino è stato bloccato per il quindicesimo anniversario della manifestazione di piazza Tiana nmen. Il blocco è durato un giorno esatto. Nel settembre 2004: blocco per qualche giorno nella Cina continentale a causa dell’isolamento geografico della regione. E ancora nell’ottobre 2005, fino all’ottobre 2006, alcuni utenti possono effettuare l’accesso a Wikipedia in cinese, mentre en.wikipedia è bloccata. Vi sono periodi di ripresa e poi di nuovo di blocco.

In Iran

L’accesso alla Wikipedia persiana è stato bloccato dal governo per due o tre giorni nel 2005 a causa di voci considerate diffamatorie nei confronti dello stato.

In Tunisia

Wikipedia e tutti i siti della Wikimedia foundation sono stati bloccati in Tunisia il 23 e il 27 novembre 2006, per cause ancora da chiarire.

Sostegno alla protesta di Wikipedia in lingua russa

Image representing Wikimedia Foundation as dep...

Image via CrunchBase

Wikipedia in lingua italiana approva ed esprime solidarietà verso la protesta dei colleghi dell’edizione in lingua russa contro una proposta di legge in discussione alla Duma di Stato. Tale proposta di legge, se approvata, permetterebbe al governo russo di creare una blacklist per impedire l’accesso a determinati siti internet, al pari del Great Firewall cinese.

Il 10 luglio l’edizione in lingua russa di Wikipedia rimarrà oscurata, a seguito della decisione della comunità di protestare contro le modifiche proposte alla legge ‘On Information‘, attualmente in discussione alla Duma di Stato della Federazione russa.

Tale legge, se approvata, può costituire la base per realizzare una vera e propria censura su Internet, mediante la creazione di liste e il conseguente filtraggio di indirizzi IP e siti vietati. I lobbisti e gli attivisti che supportano il decreto sostengono che esso sia diretto solamente a colpire contenuti quali la pornografia infantile e simili, ma l’arbitrarietà nella determinazione di tali contenuti prevista da questa legge porterà alla creazione dell’equivalente russo del Great Firewall cinese. Sarebbe quindi altamente probabile il realizzarsi dello scenario peggiore, in cui l’accesso a Wikipedia sarebbe reso impossibile in tutto il paese.

L’11 luglio verrà discussa alla Duma la seconda lettura di questa legge, mentre l’entrata in vigore è prevista dopo la terza lettura, per la quale non è stata ancora definita una data.

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/05/acta-no-del-parlamento-europeo-al-trattato-sulla-contraffazione-e-la-proprieta-intellettuale-su-internet/

Create a free website or blog at WordPress.com.