Nuovo spot 2014: The World of Red Bull, freestyle roba da Red Bull

danny-macaskill

Watch a preview of the newamazing spot by Red Bull for 2014, which has as protagonists the athletes of his team, featuring Danny MacAskill, Blake Griffin, Sebastian Vettel, Ryan Sheckler


For more biking, check out http://win.gs/1graAL1

‘Way Back Home’ is the incredible new riding clip from Danny MacAskill, it follows him on a journey from Edinburgh back to his hometown Dunvegan, in the Isle of Skye.

You can read about it and watch the interviews with Danny athttp://www.redbull.co.uk/waybackhome

The music is Loch Lomond ‘Wax and Wire’ and The Jezabels ‘A Little Piece’.
http://www.myspace.com/lochlomondmusic |http://www.thejezabels.com

The World of Red Bull: nuovo spot 2014

#TIMETTELEALI http://www.redbull.com/it/it
http://givesyouwings.redbull.com/it-it/video
http://givesyouwings.redbull.com/it-it/stories

http://www.redbull.com/it/it/stories/1331627777487/video-spot-world-of-red-bull-2014-commercial

#CookedNews

Advertisements

Contro il traffico di New York, Apple sceglie Martin Scorsese per iPhone

Dopo Samuel L. Jackson, John Malkovich e Zooey Deschanel, Apple decide di rivolgersi al filmmaker Martin Scorsese per il nuovo spot a New York. Questa volta, per dimostrare alcune caratteristiche e capacità di Siri, l’azienda di Cupertino ha deciso di inscenare lo spot sulla East Coast.

Nella sequenza di appena 32 secondi, Scorsese viene visto a bordo di un taxi sulle strade di New York mentre fa appello alla voce elettronica di Apple per portare a termine alcuni compiti, così da mostrare al pubblico le potenzialità dell’assistente vocale presente sull’iPhone 4S. Tratto distintivo di questo spot è il modo in cui Scorsese al telefono con Siri, le rivolge domande in rapida successione, chiedendo informazioni sugli appuntamenti, sul traffico e sul dove trovare i propri amici.

E’ il quarto spot di Apple che ha per  protagonista una celebrità del mondo del cinema. Pubblicato anche su YouTube.

http://www.apple.com/iphone/videos/#tv-ads-busyday
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/25/apple-in-aggiornamento-al-debutto-mountain-lion/

G8 Genova 2001: cinque condanne definitive e un nuovo processo

Ridotte dalla Cassazione le pene alla maggior parte dei no global imputati per le devastazioni del G8 di Genova 2001. La sentenza di condanna è ora diventata definitiva per cinque dei dieci imputati accusati di vandalismo. La Corte suprema ha annullato con rinvio ad altra sezione della Corte d’Appello di Genova, la pena inflitta a cinque no global, perché ci sia una nuova valutazione sul diniego dell’attenuante di ‘aver agito per suggestione di una folla in tumulto‘.

Carlo Arculeo, Antonino Valguarnera, Luca Finotti, Dario Ursino e Carlo Cuccomarino sono i cinque attivisti per i quali la Cassazione ha deciso il rinvio. La loro posizione dovrà dunque essere riesaminata. Annullata senza rinvio invece la condanna per Marina Cugnaschi, Vincenzo Vecchi, Luca Finotti e Francesco Puglisi per il solo reato di detenzione di molotov, con sconto di pena compreso tra un anno e nove mesi. Le uniche condanne confermate sono quelle di Ines Morasca (6 anni e 6 mesi) e Alberto Funaro (10 anni).

L’accusa di devastazione – Anche se alcune delle pene inflitte ai dieci no global saranno ridotte, la Cassazione ha confermato in sostanza l’accusa di devastazione e saccheggio formulata dalla magistratura genovese per i danneggiamenti provocati durante il vertice genovese del G8 2001.

‘Ho sempre sostenuto che le condanne comminate in appello per quei 10 ragazzi erano aberranti. Adesso voglio capire se è caduta l’accusa di associazione finalizzata alla devastazione e saccheggio’. Così Giuliano Giuliani, padre di Carlo Giuliani, il ragazzo ucciso a Genova durante il G8 del 2001, ha commentato la decisione della Cassazione.

‘Hanno caricato su un manipolo di ragazzi la responsabilità totale di quello che successe allora – ha detto Giuliani – e il computo delle pene fu addirittura più alto di quelle comminate per i massacri della caserma Diaz. La cosa che mi preoccupa è l’accusa di associazione: una norma del codice Rocco recuperato in un’aula di tribunale dell’Italia democratica per giustificare una cosa assurda’.

http://www.10×100.it/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/06/diaz-11-anni-dopo-nuove-nomine-ai-vertici-manganelli-e-il-momento-delle-scuse/

Chanel N5, Brad Pitt è il nuovo testimonial

Lo ricordate sanguinante e sanguinolento, muscoli in vista e spietato decisionista nel film tratto dall’omonimo romanzo di Chuck Palahniuk Fight Club, alter ego di un Edward Norton dai dorsi delle mani corrosi dal soda caustica e dal sapone? Bene Brad Pitt, quello stesso che ha disegnato un anello unico al mondo per chiedere in moglie l’amata Jolie, protagonista di un languido e bellissimo bevitore di sangue in Intervista col vampiro, insomma lo stesso che picchia duro e a mani nude i suoi avversari come trasposizione filmo – pittorica di L’arte della Guerra di Sun Tzu sarà il primo testimonial maschile di un profumo che non ha bisogno di presentazioni.

Per la prima volta nella storia del mondo il mitico Chanel N 5 viene sottratto alla mitica figura della Monroe (già impegnata a rappresentare la prossima edizione del festival internazionale del Cinema di Cannes con un manifesto d’autore) che passa il testimone ma non lo slogan ‘Due gocce di N5 e nient altro’, per l’appunto all’attore americano alle prese con i preparativi per le nozze.

L’attore americano, 48 anni, futuro marito di Angelina Jolie, con la quale ha sei figli, tra biologici e adottati, avrà l’onore di essere il nuovo volto e il primo maschile a rappresentare il mitico profumo creato nel 1921 da Ernest Beaux per Coco Chanel, che miscelò per la prima volta essenze naturali e sintetiche (80 ingredienti differenti, tra i quali essenza artificiale di gelsomino).

Secondo il sito E!, Pitt si farà fotografare questa settimana a Londra per la campagna pubblicitaria, la cui uscita è programmata a fine anno. Per l’ingaggio avrebbe ricevuto una somma a sette cifre.

Il futuro sposo e star del cinema internazionale prende così il posto già ricoperto in passato da Marilyn Monroe, che nel 1952 lancia l’intramontabile ‘Due gocce e nient’altro’ con il film Quando la moglie in vacanza, di Carole Bouquet, Catherine Deneuve, Nicole Kidman, Estella Warren e Audrey Tautou.

Autori come Milo Manara per lo storyboard della moderna Cappuccetto Rosso ammansitrice del lupo con alle spalle la Tour Eiffel e Baz Luhrman, alla regia dello spot con una Nicole Kidman vestita da Karl Lagerfeld in abito nero scollato sulla schiena e sovrastato da un medaglione del logo dell’essenza, hanno contribuito a rendere unica la storia del profumo più famoso al mondo.

Lo spot del regista di Moulin Rouge e in cui la Kidman interpreta se stessa è andato in onda per la prima volta in Italia il 6 dicembre del 2004, dopo settimane di brevissimi spot di presentazione dell’originale.

Nel 2009 Audrey Tautou è la protagonista  in un nuovo spot ambientato sull’Orient Express. L’attrice è stata scelta dalla casa di moda anche per impersonificare Coco Chanel nel film Coco avant Chanel – L’amore prima del mito

http://www.chanel.com/it_IT/
http://www.chanel.com/it_IT/fragranze-cosmetici/Profumi-N%C2%B05-94206
http://it.eonline.com/news/brad_pitt_modeling_chanel_no_5/314627 

La Nutella fa male, multata la Ferrero negli States: dovrà pagare 4 dollari per ogni confezione venduta

Multa salata per la Ferrero negli Stati Uniti. La filiale a stelle e strisce dell’azienda italiana che produce la Nutella dovrà versare 4 dollari per ogni singola confezione venduta negli Stati Uniti tra il 2008 e il 2012 in seguito a una class action avviata da una madre californiana.

Secondo la donna, gli spot pubblicitari della Nutella diffusi negli States ‘non mettono in rilievo tutti gli elementi nutrizionali della crema spalmabile, in particolare i grassi’.

A febbraio scorso la mamma di un bambino di San Diego, tale Athena Hohenberg ha accusato la Ferrero di promuovere la Nutella come ‘un esempio di colazione equilibrata, gustosa e sana’. Al contrario, ha affermato la donna ‘la Nutella non è sana e nutriente come vogliono farci credere ed è simile a tanti dolci: contiene livelli pericolosi di grassi saturi’.

La Ferrero Usa, che ha raggiunto un accordo con i consumatori, si è impegnata a modificare alcuni spot pubblicitari sulla Nutella e a rendere più esplicita la tabella nutrizionale sulla confezione. Il gruppo dovrà sborsare in totale circa 3,05 milioni di dollari.

di seguito lo spot incriminato

Create a free website or blog at WordPress.com.