Who is an American Cool. From Madonna to Shakur. The meaning of ‘J’

#AmericanCool #Cookednews

Defining who’s ‘cool’ is a slippery enterprise, but that’s never stopped anyone from trying. Bogart? Hendrix? Anita O’Day? Of course. Madonna? Hmmm.

‘Bogart was cool: no one used the word then, but it’s the term everyone reaches for now,’ writes the literary scholar Joel Dinerstein in American Cool, which he co-authored with photographic scholar and curator Frank H. Goodyear

Besides Bogie, the reach of those who make cut in this sleek book of photographs interspersed with essays includes Johnny Depp, civil rights protestors, Miles Davis as he appeared on the cover of Ebony, Elvis, Robert Mitchum, Jack Kerouac, Amiri Baraka, Bob Dylan, Anita O’Day, Madonna, Tupac Shakur, Susan Sontag, Selena, and sundry others.

For years, cool fell into the gray zone of semantics like that on which a Supreme Court justice meditated in consideration of pornography: he admitted that he could not define it, but he knew it when he saw it.

We should hope that the Supremes will attend the American Cool exhibition at the National Portrait Gallery of the Smithsonian Institution in Washington, D.C. (American Cool is the catalog for that exhibition.) This show is an impressive exercise in semantics and a grand slice of national history; the photographs are thoughtfully orchestrated, the ideas behind the concept argued with intelligence and flash.

We can picture the quickening pulse of political and news celebrities in the pagan city on the Potomac, milling about the gallery, wondering why the photographs show none of them. (The Obamas are only mentioned in the text.) But in a city where politics has degenerated into a tawdry suburb of celebrity, the edgy outsider nature of cool doesn’t sync with democracy as reduced to a muddy floor show on the nightly news.

‘Cool figures are the successful rebels of American culture,’ writes Dinerstein, the James H. Clark Endowed Chair in American Civilization at Tulane University. ‘To be cool is to have an original aesthetic approach or artistic vision—as an actor, musician, athlete, writer, activist or designer—that either becomes a permanent legacy or stands as a singular achievement.’

That explains Brando, Duke Ellington, Greta Garbo, Muhammad Ali and of course James Dean. Obama seems to have edged into the text by virtue of being dubbed ‘Mr. Cool’ in a magazine article. The president’s charisma lands him, at least in passing prose, on the same page with an image of Walt Whitman and the front page of Leaves of Grass.

Men far outnumber women in American Cool. ‘It is rare to find an article, website, or blog post declaring anyone ‘Ms. Cool,’” writes Dinerstein, “despite the plethora of cool women in this book, from Georgia O’Keefe, Bessie Smith, and Dorothy Parker to Patti Smith, Chrissie Hynde, and Missy Elliot.’

Walt Whitman ‘first carved out a space for cool by valuing personal experience and bearing over education and experience.’

The gender tilt lies in “the presumed association between cool and American masculinity,” he notes, and “the persistence of a double standard where independent, sexually confident women are concerned.”

Double standards, of course, are made to be exposed.

American Cool does have curious omissions. Bill Clinton, who played saxophone with sunglasses in 1992 while campaigning on the talk show hosted by Arsenio Hall (who is absolutely cool) and went on to an impeachment drama for his sexual rebellion, did not make the cut. The book does not explain Clinton’s absence, which seems, like, un-cool.

John Wayne had a macho, bravura image that sizzled hot, but he’s in this parade as ‘the stoic tough guy’ who once said, ‘Mine is a rebellion against the monotony of life.’ Cool enough.

But the scandal of this book and exhibition is that Marilyn Monroe is nowhere depicted. One of the sexiest movie stars of all time, the woman who married Joe DiMaggio and Arthur Miller, is not cool? Says who? And Audrey Hepburn is? And Susan Sarandon, too. No offense to them, but stiff-arming Marilyn Monroe is grounds for—well, not a congressional investigation, we don’t want to get them near this. Let’s settle on a televised debate at NEH.

Hemingway is shown on p. 89, pensive with rifle at a pheasant shoot in Idaho. ‘He wrote in a terse, clipped style that featured stripped-down dialogue and characters unanchored from society. While he portrayed man as essentially alone, he admired ‘grace under pressure,’ a phrase often considered synonymous withcool,’ writes Frank H. Goodyear III, co-director of the Bowdoin College Museum of Art, who shows a wise hand and keen eye in arrangement of the images in book and exhibit.

Cool as persona and trait arose in the movies and music of the early and middle decades of the last century; it had a strong African-American stamp. Jazz was outsider music that moved mainstream, and then with bebop moved back on the edges. Musicians such as Charlie Parker, Count Basie, and Lester Young exuded the aura of outsider-as-insider. Zora Neale Hurston occupies a page in a photograph as threshold-breaker, justly so. But Wynton Marsalis is nowhere in American Cool. Maybe he’s too inside to go back outside. He’s still a study in cool.

As sports photographers gave an icon like Ali his heft in the popular culture, the oceanic coverage of rock and roll put stars like Jimi Hendrix on the cover ofRolling Stone, which is always cool.

But there are no pictures here of Scarlett Johansson or Halle Berry. The editors chose ‘a certain triangulation of factors aligned in mysterious balance’ on the selection process, which includes a ten-year period of probation or candidacy consideration for a potential Coolite, a time in which status can crash in scandal or somnolently diminish.

 ‘In the next generation it is likely that women will outnumber men for lasting iconic effect and innovative artistic impact,’ Dinerstein writes. Those who make the potential list include Esperanza Spalding, Janelle Monáe, Pink, Jennifer Lawrence, Tina Fey, Ani DiFranco, Connie Britton—and (drum roll) Michelle Obama and Rachel Maddow. The First Lady will presumably achieve a plateau of cool once she is out of the White House, no longer bound by media expectations of decorum, and free to speak her piece. Michelle and Barack may be the ultimate cool in politics.

But Rachel Maddow is already cool, many times over, by treating political hypocrisy as a form of farce with intellectual agility you don’t find among other anchorpersons. If anyone in the media stands in the front line of cool, it’s Rachel.

Jon Stewart is in American Cool because he is Jon Stewart. But there is no presence for Steven Colbert. Another mystery. Was it something he said?

‘Of the actresses who emerged in the early 1990s with the moxie to walk the line of regular gal and badness,’ continues Dinerstein, ‘there was a cohort including Winona Ryder, Jennifer Lopez, Cameron Diaz, Lucy Liu, Drew Barrymore, Halle Berry, and Uma Thurman. Each of these actresses let the industry shape their careers or cuddled up with the media, became cover girls, or self-destructed.’

There you have it. Media-cuddling can be a kiss-of-anomie for women on the cusp of cool. Men who are cool, or wanna be, can’t be seen as cuddling with the media though they need all the media they can get to stay in the magazines. Goodyear writes learnedly of the role magazines played in capturing those who became cool. Influential photographers who covered jazz, sports, rock, and the movie world were pivotal to this cultural process. Magazine exposure makes a difference, even today as ‘the paparazzi continue to provide largely unscripted images’ that put the cool person in a moment of drama, off-script, in the life s/he enacts.

‘Those who convey this magnetic attraction often feel as though they are living in two bodies—one that belongs to the world and another that is their own and often hides in plain sight,’ writes Goodyear. His analysis also applies to any number of garden-variety celebrities, even Chris Christie, at least the part about two bodies, or let us say “selves,” one hiding in plain sight.

With smaller photographs arranged through the text, more than half of the book is given over to full or half-page pictures of the anointed cool, with short biographical commentary. You might call this the Hot 100 but Top 100 is probably more appropriate. The range of choices is intriguing.

Number 1 is Walt Whitman, ‘who first carved out a space for cool by valuing personal experience and bearing over education and experience.’ The author of the classic Leaves of Grass was also ‘a proto-hippie and sensualist who celebrated the dignity of work, a gay man who wrote lyrically of the male body.’ Cool then, cool now, cool forever, Mighty Walt.

Fredrick Douglass the great abolitionist, heavyweight boxer Jack Johnson, Georgia O’Keefe, H.L. Mencken, Michael Jordan, Joan Didion, Bill Murray, Angela Davis, Hunter Thompson, Johnny Cash, and Billie Holliday, among others in this sweet romp all stood or stand for life, liberty, and the pursuit of rebellion in American Cool.

Jason Berry’s books include a novelLast of the Red Hot Poppas.

 #cookednews #Cookednews 

Advertisements

AMAZING news/Antagonismo e Attivismo/Arte/Attualità/Blogs/cinema/Cinema/Clubbing/Contemporary Art/Cooked News/Cultura/Design/Electronic Music Essays/entertainment/Eventi/fashion/I Post più letti/in Italia/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/Musica/New Media/Newspapers/notizie e politica/Politica/Rete sociale/Spettacolo/Sport/Web News/world news/Worpress.Com

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Fabri Fibra: ‘Niente di personale’

#dissing #fibra #vacca #cookednews

Disrespecting, beef, dissing. Non rispettare. E’ la risposta di Fabri Fibra al rastaman Vacca, dopo un alterco niente male. Proprio come al Rolling Stone

Fabri Fibra. Niente Di Personale. Prod. Shablo.
Testo: http://fabrifibra.it/nientedipersonale

Oh mi fai… Mi fai la metrica come il pezzo suo…
Tu non hai le rime, lo stile, hai testi flosci /
vali tanto quanto un giornaletto di gossip /
questa qui è la prova che non sei un vero artista /
in Italia, in Giamaica, sei solo un turista /
resti intrappolato in mezzo a questi due mondi /
in entrambi i casi stai a secco, non sfondi /
c’è chi ti difende anche se poi zitto zitto /
sogna di rappare sul palco col sottoscritto /
scappi dall’Italia per problemi col fisco /
pure Baby K ti ha scartato dal suo disco /
tutti che commentano ogni singola parola /
litigo con mio fratello, ok, e allora? /
e questa tua metrica che uso mi fa schifo /
quindi basta /
Scarica gratis e vaffanculo, scarica gratis e vaffanculo /
Fabri Fibra! Ha!
Io non capisco perché dici tante cazzate /
se mi passi il microfono ti gonfio di mazzate /
lo so che avevi un sogno, ora puoi dirgli addio /
Milano è cambiata da quando sono arrivato io /
mi ricordo, sembra ieri /
primo posto in classifica, i soldi quelli veri /
volevano conoscermi in tutti i quartieri /
e tu muto, mentre scattavo foto /
sentivo il tuo sguardo addosso /
ogni cazzo di minuto /
hai detto “faccio il disco” /
io ho pensato “aiuto!” /
nessuno che si è accorto tipo al lupo al lupo /
non ce l’hai fatta, non hai venduto /
mi rispondi perché sai che è vero quello che ho scritto su Zombie /
sfigato, cosa ti sei inventato? /
Fritz ha fatto il disco ma tu non sei invitato /
Del ha fatto il disco ma tu non sei invitato /
siamo un altro Stato /
altro che fan all’asilo /
fatti i cazzi tuoi, tu sei Craxi in esilio /
molla il rap e resta in mezzo ai pesci /
coi soldi in Italia a fine mese non ci arrivi /
tu non ci riesci nemmeno di striscio /
potremmo organizzarti un Vacca Extreme Makeover Home Edition /
Sposta quel bus! Sposta quel bus! /
Sposta quel bus! Sposta quel bus! /
In arrivo l’album, Squallor /
Il nuovo album di Fabri Fibra /
dalla scena per la scena /
Universal, Tempi Duri! /
Basta, basta ‘sta roba, mettimi una base mia…
ha! Prima di iniziare hai qualcosa da dirmi?
Vaffanculo! Haaa! Ha!
Chi c’è nel disco di Gue’ ? /
Bravo Ragazzo /
c’è Vacca!? No! C’è Fibra testa di cazzo! /
rime malate, il flow ti fotte, entra ed esce /
ti resta poco come chi c’ha l’AIDS /
rapper falliti vi vedo, state ascoltando /
sono sempre nei vostri incubi più profondi /
senza casa, senza soldi /
non vorrei vivere la vostra vita nemmeno per due secondi /
solo chi è stupido non ha paura /
la gente prima fa il mio nome e poi si autocensura /
le regole fondamentali, uno vendere i dischi /
due suonare in giro e tre mandare fattura /
chi non ce l’ha fatta con il rap? Fuori i nomi /
il tuo sicuramente è il primo della lista /
disperati mc, disperati i produttori /
forse Internet vi ha offuscato la vista /
non ti ricordi? Ho detto, se vedi che sto zitto e non chiamo /
è perché sto contando i soldi /
rapper invidiosi di me ma non lo dite /
non rifate ciò che ho fatto io nemmeno in quattro vite /
Gangsta! Gangsta! Sempre collegato /
altro che gangsta, sei un hacker /
a casa ho quattro cessi, sai dove abito /
se ti presenti ficco la tua faccia nel water /
mando questa gente in coma cerebrale /
dalle Marche al nord il sapore è acre /
tu sulla strumentale cadi e sbatti la testa /
il flow è macabro tipo bum! Shumacher /
Manda un’altra base…
Entra nell’amplesso /
succhiami ‘sto testo /
Vacca dice “vienimi in bocca” /
rispondo “è presto” /
la gente vuole il sangue, eccolo /
viene da Vacca, perché? /
Perché c’ha il mestruo /
in famiglia/
non mi rispettavano, ora vivo in una villa /
e tu stacca la lingua dal culo di Emis Killa /
non vendi più un disco e per disperazione /
posti le tue foto a pesca insieme a tua figlia /
ma dai! Come sei messo? /
non hai mai fatto un cazzo di successo /
come questi rapper che stanno ancora ascoltando questo pezzo /
mentre commentano su facebook /
il mio show un’ora e venti, Alcatraz, tutto esaurito /
cosa inventi? Bla bla bla /
il tuo show mi ricorda una canzone della Sindrome /
Gratta e Gratta /
vai sul personale, tipo, scopa poco /
dovrei preoccuparmi? Il tuo rap è innocuo /
è tutta una finta, sorrido mentre in camera /
mi faccio questa pornostar lesbica incinta /
da oggi la tua misera carriera è finita /
prendo il Viagra e vengo a fotterti la vita /
io in copertina su Rolling Stone /
tu il mantenuto disoccupato a Kingston /
frate’ questi rapper dopano le vendite /
facendo quattrocentocinquanta mila instore /
vivo a Milano ma mi sento uno straniero /
perché sono cresciuto ascoltando Sangue Misto /
mai avuto debiti, pago le tasse e lavoro /
come fa un vero uomo /
ho solo creditori, gente come te /
che mi nomina da sempre per farsi la promo /
Vado bene? Vaffanculo!
Cena di Natale, Vacca è preso male /
mi siedo a tavola, famiglia ospitale /
la madre mi domanda perché sono sempre solo /
poi dice “grazie a te oggi lui ha un lavoro” /
rispondo “sa signora, io ce la metto tutta /
è un ambiente complicato /
molta gente che ti sfrutta e che ti assilla /
la madre mi interrompe e dice a Vacca /
“Ale guarda, in tv c’è il cantante che ti assomiglia” /
mi giro e su MTV appare Lil Wayne /
Vacca salta sul divano e parte a dire /
“Young Money! Voodoo Smokers Familia! /
Racket! Jamaica! Rap! Mamma! Ha…” /
cazzo dice questo qui? /
anzi, cazzo faccio qui? /
tu non sei nel mio cd, a dirti la verità /
per me sei morto, quando sento la tua voce è come se /
venisse dall’aldilà, ha! /
tipo seduta spiritica /
gente che non ha concluso un cazzo nella vita /
e poi ti critica /
Waccaleaks la rivista scandalistica /
la vita del perdente è pesantissima /
specie per un tossico /
da sette anni /
nascondo una ragazza morta nell’armadio e tu sei il prossimo /
Fabrizio si è fatto con le sue mani /
ti polverizzo e ti pippano i giamaicani /
“Pfffff… Yeah!”
Il rap è uguale al cinem a, ciak, sei pronto? /
pistola in mano, carico e sparo, bang! Sepolto /
preghiamo per questo ragazzo che c’ha lasciati /
“vaffanculo!” Amen /
definiscimi un dissing /
fune al collo, tirare /
questo qui non è un dissing /
questo è il tuo funerale /
e questa sotto è la messa /
sono tutti all’ascolto /
parenti e amici che pregano /
tu che domandi “chi è morto?” /
ma nessuno ti sente /
ti specchi e non ci sei riflesso /
corri verso il microfono /
ma ci passi attraverso /
la vita è un film, bella Slimer /
Ghostbusters /
la tua non interessa, chiudi /
Blockbuster /
Ritornello: Attiro così tante facce /
così tanti nemici /
lo so che stai parlando di me /
e chissà cosa dici /
hai fame, e chissà cosa dici /
infame, e chissà cosa dici /
parli di me? Tu non sai cosa dici /
Zzzzza! Tosatrici! /
Ammazza! Ammazza! Uccidi! Uccidi! /
Ammazza! Ammazza! Uccidi! Uccidi! /
Appena scesi dal palco /
cominciano a sparlare di me /
ingrati, io li guardo dall’alto /
a lui e a quell’altro /
ingrati /
a lui e a quell’altro /
via dieci grammi e uccido anche te /
ogni dieci anni a cicli di tre /
muoviti a tempo la rima è una lama /
zac! Sangue rosso bandana /
lo bevo tipo rito satanico /
mentre le radio passano Panico /
questo mondo è esoterico /
esplode il rap, dai, di chi è il merito? /
il mio disco, Italia /
il tuo disco imita /
vieni in tour in Italia, sì ma il fisco /
ti limita /
e alla gente che mi scrive /
“quello è un incapace” /
io rispondo /
“era, al passato, riposa in pace” /
Ritornello.
Il titolo del mio quarto disco è come te, Bugiardo /
un mare di merda, tu che affoghi /
io sto qui e ti guardo /
blublublublublublu… /
addio, annega, sparisci /
R.I.P. coglione /
il nome d’arte, arte nel nome /
prova di stile, il tuo è il cognome /
che cazzo pensavi si facesse l’appello? /
la scena rap è a gambe larghe /
io mi scappello /
poi entro, è un bordello /
hai firmato con la major grazie a chi? /
questo è il bello, dai fammi le doppie /
canta il ritornello /
attiro così tante facce, così tanti nemici…
va bene così Fabri? Sì, va bene, sei bravo a cantare…
sì però su Rolling Stone…
sì lo so, su Rolling Stone quando mi hanno chiesto se mi piace la tua musica,
ho detto che sono più tuo amico che tuo fan e tu ti sei offeso,
però non è che puoi andare in giro a parlare male di me in ogni intervista,
a farmi i dissing, hai il mio numero, chiamami,
basta promo col mio nome.
Ritornello.

#ops #Nientedipersonale  #Squallor #NienteDiPersonale #FabriFibra  #cookednews #Fibra #Vacca#Shablo

Bob Dylan on Rolling Stone: ‘Lavoro nel rispetto delle regole. Fate tutto ciò che potete. E’ il songwriting’

(Photo Credit: Sam Jones, sul prossimo numero del Rolling Stone Music: Bob Dylan Strikes Back at Critics)

Abbiamo anticipato Rick Ross, il rapper of love di Miami,  in copertina sulla scorsa edizione del Rolling Stone e anticipiamo il prossimo, in uscita il 14 settembre.

Bob Dylan si rivela come non mai sul nuovo numero di  Rolling Stone, in edicola VENERDÌ 14 SETTEMBRE. Nell’intervista con Mikal Gilmore, Dylan si estende su una incredibile gamma di argomenti: John Lennon e  Bruce Springsteen, quello che ha veramente ha pensato del film  I’m Not There  e Masked and Anonymous, quando è stato preso dalla polizia nel  New Jersey nel 2009; e – in un tratto particolarmente importato e toccante – la sua convinzione di essere stato ‘trasfigurato’, nel periodo del suo incidente con la moto nel 1966. Dylan per la prima volta, si mette alla mercé dei critici che lo hanno accusato di prendere troppo dal lavoro altrui. Ecco un estratto dell’intervista:

Vorrei aprire un dibattito sulle critiche alle citazioni nelle tue canzoni di altri scrittori e autori, come Junichi Saga l’autore giapponese di  Confessions of a Yakuza, e la poesia di guerra civile di Henry Timrod, autore del 1800. Nel folk e nel jazz, la citazione è una tradizione ricca e che arricchisce, ma alcuni critici dicono che non sai citare le fonti in modo chiaro. Qual è la tua risposta a questo tipo di accuse?

‘Oh, si , nel folk e jazz, la citazione è una tradizione ricca e che arricchisce. Questo è certamente vero. E’ vero per tutti, tranne che per me. Ci sono regole diverse per me. E per quanto riguarda Henry Timrod è interessante, hai mai sentito parlare di lui? Qualcuno lo ha letto di recente? E chi lo ha spinto alla ribalta? Quello che sta facendo oggi lo leggi? E ancora, provate a chiedere ai suoi discendenti che cosa pensano del caos. E se pensi che sia così facile da citarlo e che può aiutare il vostro lavoro, fai da te e cerca di vedere quanto lontano si può ottenere.

I fans non si lamentano di queste cose. E’ qualcosa di vecchio che è entrato a far parte della tradizione. Sulla via del ritorno. Queste sono le stesse persone che hanno cercato di chiamarmi Giuda. Sono delle femminucce che si lamentano. Giuda poi, è il nome più odiato nella storia umana! Se pensi di essere stato chiamato con un cattivo nome, cerca sempre di capirne il senso, ma senza rompicapi. Non ci sarebbe motivo, a che serve agitarsi fino a rompersi la testa? Per suonare una chitarra elettrica, forse? Come se questo è in qualche modo uguale a tradire il Signore o consegnarsi a lui  per essere crocifisso. Tutti quei figli di puttana malvagi possono marcire all’inferno’.

Sul serio?
Sto lavorando all’interno della mia forma d’arte. E’ così semplice. Io lavoro nel rispetto delle regole e dei limiti di esso. Ci sono figure autoritarie che possono spiegare questo tipo di forma d’arte meglio di me. Si chiama songwriting. Ha a che fare con la melodia e il ritmo, dopodiché, va bene tutto. Fate tutto quello che potete. Lo facciamo tutti.

Per non tradire l’originale, riportiamo la stessa intervista, o meglio, una parte di essa (il resto lo si legge sul Rolling Stone) in inglese.

Bob Dylan opens up like never before in the new issue of Rolling Stone, on newsstands Friday, September 14th. In the interview with Mikal Gilmore, Dylan covers an incredible range of topics: John Lennon and Bruce Springsteen; what he really thought about the movies I’m Not There and Masked and Anonymous; being picked up by the police in New Jersey in 2009; and – in a remarkable stretch – his belief that he was “transfigured” around the time of his 1966 motorcycle accident. Dylan also, for the first time, strikes back at critics who have accused him of drawing too much from the work of others. Here’s an excerpt:

I want to ask about the controversy over your quotations in your songs from the works of other writers, such as Japanese author Junichi Saga’s Confessions of a Yakuza, and the Civil War poetry of Henry Timrod. In folk and jazz, quotation is a rich and enriching tradition, but some critics say that you didn’t cite your sources clearly. What’s your response to those kinds of charges?
Oh, yeah, in folk and jazz, quotation is a rich and enriching tradition. That certainly is true. It’s true for everybody, but me. There are different rules for me. And as far as Henry Timrod is concerned, have you even heard of him? Who’s been reading him lately? And who’s pushed him to the forefront? Who’s been making you read him? And ask his descendants what they think of the hoopla. And if you think it’s so easy to quote him and it can help your work, do it yourself and see how far you can get. Wussies and pussies complain about that stuff. It’s an old thing – it’s part of the tradition. It goes way back. These are the same people that tried to pin the name Judas on me. Judas, the most hated name in human history! If you think you’ve been called a bad name, try to work your way out from under that. Yeah, and for what? For playing an electric guitar? As if that is in some kind of way equitable to betraying our Lord and delivering him up to be crucified. All those evil motherfuckers can rot in hell.

Seriously?
I’m working within my art form. It’s that simple. I work within the rules and limitations of it. There are authoritarian figures that can explain that kind of art form better to you than I can. It’s called songwriting. It has to do with melody and rhythm, and then after that, anything goes. You make everything yours. We all do it.

For the full interview, pick up the new issue of Rolling Stone.

http://www.rollingstone.com

Related Links

ALBUM REVIEW: BOB DYLAN, ‘TEMPEST’
Photos: Bob Dylan Through the Years
BOB DYLAN ON HIS DARK NEW ALBUM, ‘TEMPEST’
The 10 Greatest Bob Dylan Songs
BOB DYLAN IN 1969: ROLLING STONE’S FIRST INTERVIEW WITH THE ICON

Rick Ross, the Gangsta Love

(Terry Richardson for RollingStone.com)

CookedNews torna dalla pausa estiva con l’intervista copertina di Rolling Stone US dedicata al big nigger del rap d’oltreoceano, Rick Ross. Che per l’occasione è ritratto per la cover story ferragostiana dal popolare e selezionato fotografo Terry Richardson. Direttamente dalla Big Ross il ‘superbaked, supersized, la superstar: proprio come un husky, ruolo più importante di football player al liceo, è diventato il più amabile don dell’hip-hop’.

E’ il William Howard Taft del gioco del rap, T-Pain una volta lo ha chiamato ‘Boss’ 20 volte in 11 secondi, l’unico uomo al mondo con un medaglione tempestato di diamanti del proprio volto: stiamo parlando di Rick Ross, che con l’ultimo album, God Forgives, I Don’t, ha debuttato in cima alle classifiche per cementare il suo status di star. Per la storia di copertina del nuovo numero di Rolling Stone, in edicola da oggi, venerdì 17 agosto, lo scrittore Josh Eells ha incontrato Ross nel periodo in cui il rapper, fra interviste radiofoniche e strip-club,  sta spingendo al top l’uscita dell’album. Quali i trucchi del successo? Tra i punti salienti:

Ross suggerisce che gli attacchi che ha subito lo scorso anno erano probabilmente il risultato di fumare troppa erba: ‘Sono sicuramente un utente appassionato, un pothead, comunque la si voglia guardare io la chiamo Caviar Green, caviale verde. E’ come una… breve vacanza – mi ha aiutato a rilassarmi e alla gente piace quando sono particolarmente chill out, perché posso davvero essere una testa di cazzo’

Per la prima volta, Ross parla della sua vita passata come corrections officer – un’opportunità, dice, per ‘lavarsi le mani’ dopo che il suo migliore amico è stato condannato a 10 anni per traffico di cocaina ed eroina: ‘Questa era la mia migliore amica, ho mangiato burro di arachidi e panini con gelatina, e carne di maiale e fagioli con il mio amico, il mio compagno, il mio numero uno, il mio dude. Improvvisamente mi sono trovato a parlare con lui attraverso chiamate telefoniche federali. Quando ho sentito il modo in cui stava procedendo, sapevo che non potevo dare nulla per scontato, dice Ross. ‘Mio padre ha avuto una grande influenza sulla mia vita, anche se era quello che era, ‘Yo, vai a trovarti un lavoro da qualche parte, man. Prova a diventare un pompiere. Oppure diventa un cazzo di corrections officer. Basta che vai a sederti da qualche parte.’

Dopo essere stato sospeso dalla scuola elementare per aver scherzato troppo, Ross inizia a frequentare una piccola scuola cristiana: ‘Volevano imparare i Dieci Comandamenti. Ho detto loro che in realtà non ho tempo in questo momento’, ricorda Ross, che alla fine ha scelto di tornare alla scuola pubblica dove eccelleva come offensive lineman nel calcio, al liceo. ‘Ho fatto il liceo basando tutto sulla mia popolarità e, merda – dice Ross – i miei voti non sono mai stati buoni. Non sono mai stato bravo in matematica.’

Ross è rimasto disgustato da quanto è successo in Colorado riferendosi alla sparatoria alla première di Batman – The Dark Knight Rises (‘Infatti, un atto codardo’), ma lui non è a favore del controllo delle armi:  ‘Penso che tutti noi abbiamo il diritto di portare armi, qualunque emendamento sia’. Anche i fucili d’assalto? Scrolla le spalle. ‘Ne ho uno’.

Ross è a favore della libertà di parola – di tutti i tipi: ‘Chick-fil-A, ovviamente, hanno preso il loro spazio che è un loro diritto – allo stesso modo i pro-gay, stanno prendendo il loro stand. Credo che tutti hanno il diritto di vivere la propria vita, di percorrere la strada che vogliono.’ Quindi vuol dire sostenere un boicottaggio di Chick-fil-A? ‘Mi piace che il pollo sia piccante.’

Read more:

http://www.rickrossdeeperthanrap.com/#!all
http://www.rollingstone.com/music/news/on-the-cover-rick-ross-gangster-of-love-20120815
https://cookednews.wordpress.com/tag/14-killed-in-mass-shooting-at-batman-premiere-in-colorado/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/02/kanye-west-e-il-nuovo-album-cruel-summer-dal-4-sept/

L’Italiano Balla: Fabri Fibra vs Crookers

Come i carcerati ad Alcatraz, la storia della comunicazione italiana passa per strade strane, metafisiche, silenziose, rumorose del pensiero prima ancora che della musica. Metti Friedrich Nietzsche un giorno per caso, Schopenhauer, metti Fabri Fibra e il rap italiano ed ecco cosa viene fuori. Un singolo, che secondo le regole delle major, sembra voler parlare di sé senza per questo voler aprir bocca.

E’ un discorso scritto al popolo italiano, non per generosità, o per rimprovero, ma semplicemente per necessità. Si arriva a un punto in cui bisogna fare il punto. Per andare avanti o tornare indietro laddove occorre fare una correzione. Fermarsi, riflettere, guardare, leggere. O semplicemente passare a raccontare.

‘Spiego rime. L’Italiano Balla: le strofe dicono che l’italiano balla male – spiega il rapper di Senigallia – ma poi nel ritornello si sente ‘Balla!’, inteso come ‘Comincia a ballare!’ ma anche come ‘Bugia!’. Infatti noi balliamo bene, non tutti chiaramente. In un secondo aspetto, il concetto di ‘ballare male’ significa non tenere il ritmo degli altri paesi, è una critica leggerissima al pop(olo) italiano.’

Mettendo un giorno per caso Fabri Fibra, che piuttosto che far Festa Festa con i Crookers e Dargen D’amico, torna a suonarci insieme con L’Italiano Balla. In uscita sotto forma di mollica – singolo musicale (una critica leggerissima alla politica della major che danno un assaggino di quello che è il pezzo forte – dell’estate non si sa, forse è una coincidenza Maya) il prossimo 29 giugno, naturalmente su You Tube. Anche se forse c’è qualche possibilità di ascoltarlo online, da qualche parte, in rete. Per esempio su Radio Deejay dalla puntata del 22 giugno di ASGANAWAY a partire dal dodicesimo minuto.

Parte dei proventi del singolo verrà devoluta al progetto ‘ANCORA IN PIEDI – Hip Hop 4 Emilia’, impegnato per la ricostruzione della Scuola Media ‘Dante Alighieri‘ di Sant’Agostino (FE) e della Scuola Elementare Primaria di San Carlo (frazione di Sant’Agostino), che il sisma del 20/05/2012 ed in secondo luogo quello del 29/05/2012 hanno reso inagibili o distrutto.

‘L’Italiano Balla’ è la nuova hit di FABRI FIBRA vs CROOKERS. Qualcuno lo ha già definito divertentissimo e in pieno stile Fibra 2012. In tutte le radio da venerdì 29 giugno. 

Intanto da Facebook Fabri Fibra informa. ‘Sto registrando l’album nuovo. Uscita prevista: gennaio 2013. Confermo il titolo annunciato nell’intervista a Rolling Stone qualche mese fa. Guerra E Pace. E intanto… #Balla!’

Chi si decide a ballare e male, può mandare la clip a ballamale@deejay.it @asganaway

Dentro anche il nuovo video con i breakers, street deancers Marco ‘Cap’ Caputo, Gian Luca ‘Noccio’ Ceccarini, Marco ‘Kira’ Cristoferi, Xu Ruichi, Carlos Kamizele, Stefano ‘Rei’ Ferrari, Raimondo ‘Mommo’ Sacchetta, Enrico ‘Kikko’ Savorani, Mattia ‘Bubi’ Busco

directors / operators: HARDKORE79 – QPIX VIDEO
edit: HARDKORE79

Ancora in piedi per donazioni: Ancora In Piedi ASD Banca Credem AG. 1 Ferrara – Iban: IT 96Y03 03213 00101 00000 00927


https://www.facebook.com/FabriFibra
http://dargendamico.it/
http://www.crookers.net/
http://www.universalmusic.it/pop/?genere=3
http://www.hardkore79.com/

Attualità/Blogs/Cooked News/Magazines/Musica/Newspapers/Web News/world news/Worpress.Com

///////////////////////////////////////////////////////////////

Blog at WordPress.com.