F1, Gran Premio di Abu Dhabi: vince Raikkonen, secondo Alonso, terzo sul podio Vettel

Primo posto a Kimi Raikkonen alla guida della Renault Lotus per la gara del Gran Premio di Formula Uno di Abu Dhabi sul circuito di Yas Marina, Fernando Alonso è secondo con la Ferrari, mentre applausi per la rimonta di Sebastian Vettel.

La Red Bull ha sostituto il cambio della vettura di Vettel, escluso dalle qualifiche per non aver avuto nel serbatoio il quantitativo minimo di carburante stabilito dal regolamento: questo è servito alla scuderia per cambiare i rapporti delle marce, con l’evidente intento di guadagnare velocità massima in rettifilo. In qualifica Vettel e Webber erano in coda nella lista delle velocità massime con Vettel che raggiungeva appena 311,4 km/h contro i 325,8 di Pastor Maldonado e i 319,7 di Alonso.

Inoltre è stato modificato anche l’assetto delle sospensioni forse per gestire meglio le gomme sulla distanza. Non è stato invece sostituito il motore (il campione del mondo avrebbe potuto montare un nono esemplare senza penalità). Per questa ragione Vettel anziché dal fondo dello schieramento è partito dai box, come appunto anticipato dal team sabato sera. Fernando Alonso, che parte sesto, può azzerare il distacco in classifica dal rivale.

Lotta aperta per il mondiale di Formula 1: Alonso sul podio nel Gp di Abu Dhabi, ma subito dopo di lui c’è Vettel a +10. Incidente spettacolare, senza conseguenze, fra la Mercedes di Nico Rosberg e la Hrt di Narain Karthikeyan nel nono giro.

Ancora più competizione che mai quindi dopo il Gp di Abu Dhabi. Vince il finnico Kimi Raikkonen (Lotus) davanti al ferrarista Fernando Alonso che accorcia in classifica sul tedesco Sebastian Vettel (Red Bull), ora a +10, grazie al 3° posto in extremis. Il tedesco, vincitore degli ultimi due Mondiali, guida la classifica piloti con 240 punti davanti a Fernando Alonso, secondo a quota 227.

Hamilton (McLaren) brucia Webber (Red Bull) in partenza, ma abbandona al 20° giro quando era in testa. Raikkonen prende il comando e non lo molla più. Due interventi della safety car per incidenti (9° e 39° giro) stabilizzano la gara. Il ferrarista Felipe Massa in testacoda, arriva solo 7°.

Pauroso incidente per la Mercedes di Nico Rosberg, che al giro numero 9 del Gran Premio di Abu Dhabi tampona la Hrt del pilota indiano Karthikeyan, spicca il volo per un istante e va a sbattere violentemente contro le barriere. Nessuna conseguenza per entrambi i piloti e safety car subito in pista per permettere la pulizia della pista piena di detriti.

La safety car avvantaggia il tedesco dato che annulla le distanze fra le varie vetture.

Prossima gara fra due settimane negli United States sulla pista di Austin in Texas, prima della finale in Brasile.

http://www.formula1.com/default.html

Advertisements

F1 Gp Singapore: podio per Vettel, secondo Button terzo posto per la Ferrari di Alonso

  Vettel vince il Gp di Singapore. Secondo Button, terzo Alonso a 15 secondi. Sebastian Vettel si aggiudica il Gp in notturna di Singapore. Il pilota della Red Bull, campione del mondo in carica e vincitore nel 2011 sul circuito di Marina Bay, ha preceduto sul traguardo la McLaren di James Button e la Ferrari di Fernando Alonso. La safety car è entrata in pista per due volte e la gara si è conclusa prima dei 61 giri previsti. Per Vettel è la 23esima vittoria in carriera e per Alonso è l’81esimo podio in carriera e supera Ayrton Senna.

Le prime fasi del Gp di Singapore. Alonso attacca e passa Perez: ora è settimo. I sorpassi qui sono sempre complicatissimi perché si esce dalla zona pulita della pista e si sfiorano i muretti. Vettel con i suoi giri veloci sta mettendo sotto pressione Hamilton. Lewis Hamilton dopo 15 giri continua a mantenere il primo posto sul Gp di Singapore di Formula Uno con la sua McLaren Mercedes. Secondo per la Red Bull di Sebastian Vettel a + 1,5 secondi, terzo Jenson Button (McLaren Mercedes) + 5,8, quarto Pastor Maldonado (Williams), seguito da Nico Hulkenberg (Force India).

Si ferma la McLaren di Hamilton. Lewis torna ai box. Dal team gli chiedono scusa. Non si capisce quale sia stato il guasto tecnico, sembra un problema al cambio, mentre nel frattempo Alonso guadagna ancora terreno su Maldonado che a questo punto è sul podio. Alonso è quarto e si sta avvicinando a Maldonado. Il pit stop mischia ancora una volta le carte: Alonso torna in pista settimo, sempre dietro a Maldonado (sesto). Quando anche gli altri hanno effettuato il pit, Alonso è terzo.

Sulla griglia di oggi anche la cantante Katy Perry. La singer statunitense si è esibita sul palco del Marina Bay Street Circuit insieme ai Marron 5, gli High Flying Birds, i Pretenders e molti altri.

La classifica piloti sorride ancora al ferrarista Alonso che grazie ai suoi 194 punti mantiene un cospicuo vantaggio su Vettel (+29), ora secondo a 165 a causa del KO tecnico di Lewis Hamilton. Resta invece in terza posizione la Scuderia Ferrari nella classifica costruttori.

Il GP di Singapore è la prima di 7 tappe extraeuropee che chiuderanno il mondiale. Entrata a far parte del calendario nel 2008, la corsa è stata la prima della storia ad essersi disputata di notte ed è l’unica gara del campionato ad essere considerata come ‘nigth race’.

http://www.formula1.com/

Formula 1: a Valencia Alonso vince il Gran Prix d’Europa

Presente passato e futuro si incontrano sul podio del al Gp d’Europa, sul circuito di Valencia, dove è lo spagnolo idolo di casa Fernando Alonso a conquistare la vittoria nell’ottava prova del Mondiale di Formula Uno. Il ferrarista resiste ad un vero e proprio ‘giro della morte’, precedendo al traguardo Raikkonen e Schumacher (al primo podio dal suo ritorno nel circus).

Il poleman Vettel deve ritirarsi dopo 34 giri per un problema al motore della sua Red Bull quando era saldamente al comando della gara, mentre negli ultimi giri finiscono out anche Grosjean in coda allo spagnolo e Hamilton, avversario diretto nel Mondiale.

Ancora sfortuna per Felipe Massa, che chiude ritirandosi a due giri dal termine dopo un contatto che ne pregiudica la rimonta. Ora Alonso guida il Mondiale piloti con 111 punti, venti di vantaggio su Webber, a 91.

La gara comincia all’insegna di Sebastian Vettel. Il tedesco, che partiva dalla pole position, scatta al via e fa il vuoto dietro di sè; Grosjean ha un buono spunto e sorpassa Hamilton, mentre Alonso recupera nell’arco di venti giri dall’undicesima fino alla quarta posizione. Al 35esimo giro entra la Safety Car per un incidente tra Vergne e Kovalainen, che di fatto annulla i 20 secondi di vantaggio di Vettel sugli avversari: proprio nel pit stop di quel giro errore nel box McLaren per Hamilton, che rientra in pista in quarta posizione, dietro ad Alonso.

E’ un nuovo grande trionfo quello del ferrarista Fernando Alonso, vincitore nel Gran Premio d’Europa sul circuito semicittadino di Valencia. Sul gradino più alto del podio davanti alla Lotus di Raikkonen e al 43enne Michael Schumacher, alla guida della sua Mercedes. Solo quarta la Red Bull di Mark Webber, che ha precedito la Force India di Nico Hulkenberg e la Mercedes di Nico Rosberg.

Tra i classificati nella top ten, la Force India di Paul Di Resta che ha preceduto la McLaren di Jenson Button e la Sauber di Sergio Perez insieme alla Williams di Pastor Maldonado.

La vittoria porta Alonso in testa al mondiale con ben 111 punti, staccando Mark Webber, 91 punti, Lewis Hamilton e Sebasian Vettel, fermi a 88 e 85 punti.

Due i ritiri in gara, il primo per Sebastian vette al 33esimo giro a causa di un guasto tecnico, mentre era in testa alla gara, dopo essere partito in pole position. ‘Pessimo risultato, è stata propria una merda ma non posso fare ormai più niente’, ha commentato il campione del mondo della Red Bull ai microfoni della Rai.

Un’uscita che ha permesso ad Alonso di portarsi in testa, dopo aver recuperato ben undici posizioni.

Ancora un indicente è avvenuto all’ultimo giro ed è costato l’uscita di gara di Lewis Hamilton, dopo un contatto con Maldonado. Visibilmente arrabbiato, Hamilton ha più volte colpito il volante, per poi scagliarlo lontano dalla sua vettura.

 Per Fernando Alonso ‘E’ difficile esprimere con le parole quello che sento ora. Vincere a casa – spiega lo spagnolo – è qualche cosa di speciale’.

Nella sua carriera, il pilota di Maranello ha vinto solo una volta in terra spagnola: ‘Ho avuto l’opportunità di vincere in casa a Barcellona con la Renault nel 2006 e ricordo con piacere quella vittoria. Questa è la migliore vittoria ottenuta e nulla la può pareggiare’.

Il ferrarista ha fermato la monoposto in pista al termine della gara, ma nessun caso: ‘Abbiamo avuto un problema con la macchina e mi sono fermato in pista nel posto giusto, vicino alle tribune più grandi –  ha detto il pilota durante l’incontro con la stampa subito dopo la vittoria – è una sensazione molto forte e lo hanno apprezzato tutti’.

Lo spagnolo è l’unico pilota ad avere vinto due gare in stagione: ‘La Formula Uno è così, i risultati sono sempre imprevedibili ed è lo sport che è così, significa avere alti e bassi. Ieri in qualifica è stato un momento difficile, ma oggi è stata una corsa veramente incredibile. Mi sono anche toccato con Grosjean, sono quei casi in cui tutto può andare per il verso sbagliato o portarti a vincere come è successo oggi’.

Fra due settimane il prossimo circuito: il 6, 7 e l’8 luglio si correrà a Silverstone, in Inghilterra, il Santander British Grand Prix. Dopo Germania, Ungheria e Belgio, tocca all’Italia il 7, 8 e 9 settembre nel circuito di Monza.

http://www.formula1.com/

Blog at WordPress.com.