Obama-Romney a confronto: a Denver il primo dibattito pre Election Day

In vista delle elezioni del 6 novembre, mercoledì notte ci sarà il primo dibattito fra Barack Obama e Mitt Romney. In questi giorni, il presidente degli Stati Uniti si sta allenando a ‘parlare meglio e di meno’, come gli hanno suggerito dal suo team in un resort nel deserto del Nevada, alle porte di Las Vegas. Romney è invece nel Massachusetts, per prepararsi a una missione difficile.

Questa sera Mitt Romney e Barack Obama si scontreranno all’università di Denver nel primo, dopo cinque anni, dei tre dibattiti pre elettorali che saranno trasmessi in diretta da tutte le televisioni degli Stati Uniti. In Italia su Rai News 24 in diretta dalle 2:45 della notte fra il 3 e il 4 ottobre. Un’ora e mezza di discussioni sulla politica interna. Ma il presidente in carica ci arriva con un sondaggio incoraggiante: secondo una rilevazione del Wall Street Journal, il 57% degli intervistati ritiene che l’economia Usa – tema cruciale per la vittoria nel voto del 6 novembre – sia in ripresa.

La corsa presidenziale resta incerta perché i sondaggi a livello nazionale – l’ultimo del Washington Post-Abc – danno Obama attorno al 49% delle intenzioni di voto e il rivale repubblicano attorno al 47%. Ma il presidente democratico è in testa nella maggioranza degli Stati in bilico, che saranno decisivi per il risultato finale. Dunque lo scontro di questa sera si presenta cruciale: per Romney è l’occasione di far dimenticare alcune delle sue ultime gaffes, di mostrarsi ‘presidenziale’, di convincere gli indecisi della bontà delle sue ricette economiche. Per Obama è invece il momento, se ci riuscirà, di consolidare il suo vantaggio.

Ma il presidente ha un asso nella manica: il piano salva-auto, che garantendogli la vittoria in Michigan e in Ohio potrebbe rendere le cose impossibili a Romney. Anche se a livello nazionale i sondaggi li danno in sostanziale parità, a contare sarebbe il numero di grandi elettori messi a disposizione per la vittoria da ogni Stato. E senza l’Ohio, la vittoria per Romney è quasi impossibile.

Senza l’Ohio, per conquistare i 270 punti necessari a diventare presidente, Romney dovrebbe vincere in tutti gli Stati incerti: Colorado, Florida, Virginia, North Carolina, Iowa, Nevada, New Hampshire. Benché continui a restringere le distanza con Obama, anche secondo gli analisti repubblicani sarà molto difficile che li conquisti tutti e sette. Negli Stati notoriamente di destra, invece, Mitt Romney ha consolidato un buon vantaggio su Obama, per questo risulta in pareggio a livello nazionale. Secondo il Washington Post sarà molto difficile per Romney, che era contrario al piano salva-auto di Obama (a differenza del suo vice Paul Ryan), convincere uno Stato dove un cittadino su otto lavora per l’industria automobilistica.

Per tutti i telegiornali americani e per le prime pagine di questa mattina il dibattito di Denver è la notizia del giorno. I collaboratori di Romney starebbero addestrando il candidato repubblicano a non farsi irritare dalle punzecchiature di Obama; il presidente in carica invece si prepara ad essere aggressivo, nella speranza di far saltare i nervi a Romney, ma non tanto da risultare arrogante. Sulla carta, Romney è più allenato poiché viene dalla campagna delle primarie, ma non potrà usare con Obama le stesse tecniche che ha usato con i rivali repubblicani.

A prescindere dai programmi economici e politici, un dibattito televisivo nelle campagne elettorali statunitensi è – storicamente – il momento cruciale in cui si mettono a confronto l’arte oratoria e la capacità di trasmettere autorevolezza. Secondo lo stratega repubblicano Brett O’Donnell, i primi trenta minuti di questo primo dibattito saranno decisivi. ‘Riuscirà Romney a convincere gli elettori che Obama ha la colpa delle condizioni economiche attuali? Riuscirà Obama a convincere la gente che il paese è orientato nella direzione giusta e che cambiare rotta metterebbe a rischio una ripresa ancora fragile?’.

Per il presidente poi c’è un incentivo tutto personale a festeggiare: oggi è il ventesimo anniversario delle sue nozze. E a Denver ci saranno anche la moglieMichelle Obama e la compagna del repubblicano, Ann Romney.

http://www.barackobama.com/
http://www.mittromney.com/
http://www.rainews24.rai.it/it/

Advertisements

Vintage Vegas: Rare Photos of a Desert Boomtown da un articolo su LIFE

LIFE pubblica oggi Vintage Vegas: Rare Photos of a Desert Boomtown, una carrellata di immagini Vin su una delle destinazioni più importanti e in voga degli States, Las Vegas. Le foto sono rigorosamente ’50s e Not published in LIFE. Las Vegas, 1955

Succedeva nei ’50, negli anni Cinquanta.

Di tutte le città degli Stati Uniti la destinazione più importante, quella perfetta, potrebbe essere Las Vegas, spudoratamente trasparente. Nessun altra città in Nord America, – e dopotutto forse nessuna altra città al mondo – per così tanto tempo è stata  identificata con una sola chiave ricerca: vale a dire, il batticuore, quello pulsante, the heart-pounding più-spesso-che-non-inutile caccia all’improbabile, vicino mitico Big Score.

E il fatto è che Las Vegas assomiglia a uno sgargiante neon, un miraggio nel deserto. Beh, certo, nessuna immagine potrebbe essere più adatta a un luogo dove i sogni – di ricchezza, i rischi, il romanticismo, spesso vanno a morire.

Ma Las Vegas è anche un luogo dove i sogni, grandi e piccoli, sono altrettanto frequentemente nati. I proprietari di Hotel e Casino hanno fatto del loro sogno la fondazione dei loro imperi finanziari, o quantomeno sono serviti a favorirli. Cantanti, ballerini, comici e maghi hanno inseguito il loro sogno, notte dopo notte, prima di essere rapiti dalla folla. I disoccupati provenienti da tutti gli Stati Uniti hanno tentato di fare del proprio sogno il proprio lavoro. Dopo tutto, nel primo decennio del 21 ° secolo, solo una o due città americane sono cresciute ad un ritmo più veloce di Las Vegas. E mentre la crisi immobiliare degli anni scorsi ha martellato la più grande città del Nevada, le luci e (apparentemente) il flusso infinito di cash denaro contante sono ancora uguali, potenti esche per i visitatori e aspiranti Las Vegans.

Nel 1955, 50 anni dopo che Las Vegas è stata fondata, Life Magazine ha un aspetto piuttosto scettico di fronte alla fiorente città e le sue prospettive di crescita con una cover story, una storia di copertina dal titolo ‘Gambling Town Pushes Its Luck – La città del gioco d’azzardo spinge la sua fortuna.’ Nel frattempo le immagini in questa galleria di Dean Loomis, – molte delle quali non sono mai state pubblicate da LIFE – forniscono alcuni richiami visivi di quel luogo meraviglioso che è stato Las Vegas a metà degli anni ’50, prima che il Rat Pack rendesse la città la sua casa lontano da casa e decenni prima di cominciare a reinventarsi come una family-friendly mecca.

Alcune delle immagini sono apparse il 20 giugno 1955, issue of LIFE, in un articolo che descriveva la città come ‘set per il suo più grande boom’, con alcune avvertenze:

A Las Vegas la scorsa settimana la temperatura è stata torrida fino a 110 gradi e la gente del paese che lavora nell’unico grande centro di gioco d’azzardo della città ha accolto con favore il clima stagionale. Con questo ci si aspettava un raccolto abbondante e la solita estate di turisti venuti a cercar fortuna e lasciare i debiti alle spalle. Il segno dei tempi buoni sembra coinvolgere tutto il mondo … Ma con tutta questa ombra di dubbio è arrivata anche a  Las Vegas la preoccupazione che il boom imposto ha iniziato ad appassire.

Nel mese scorso, hanno aperto due nuovi top-notch hotel. Uno era il Dunes da 5 milioni di dollari, che trascinato con sé 120 slot machine in previsione della corsa. L’altro era il Moulin Rouge, il primo hotel interrazziale a Las Vegas, che ha accolto di nuovo i bianchi e i  Negroes, i negri per i suoi alloggi e tavoli da gioco. Aveva Joe Louis come con proprietario e ospite, e un vivace, bello coro per il suo floor show.

Come un gioco d’azzardo su una lunga striscia vincente, Las Vegas ha avuto la sensazione che la sua corsa e la sua fortuna non potevano finire. Per più di un decennio, ha pronosticato di anno in anno tempi sempre più prosperi fino ad entrare in una maggiore espansione, secondo uno spirito di intuizione e di  economia calcolati. L’apertura dei nuovi alberghi e di ciò che Las Vegas sperava sarebbe stata una nuova fonte per fare soldi era ricca e promettente … Ma quando l’emozione dell’apertura si spense, la città guardava i suoi luoghi, i nuovi clienti erano scarsi e il betting light e mi chiedevo:  che Vegas avesse spinto troppo in là la sua fortuna?

Tale questione, naturalmente, si è ripetuta nel corso degli anni, proprio come –  the desert city – la città del deserto è cresciuta da 100 acri (40 ettari) e da città della ferrovia (railroad town) nel 1905 è diventata la metropoli di quasi 2 milioni di persone di oggi. Ma non importa quante probabilità abbia, Las Vegas sembra avere sempre più di un asso nella manica, un asso nella manica per tenere le luci accese, il ronzio casinò ai piani e dei sognatori tornare ancora e ancora.

Read more: http://life.time.com/loomis-dean/vintage-vegas-rare-photos-of-a-desert-boom-town/#ixzz1vao4V0UM

Related articles

Google cerca un disegnatore full time per i suoi doodle

Deve avere uno spiccato senso dell’umorismo, amore per la storia, una forte e seducente immaginazione ed esperienza per almeno 4 anni. Di chi stiamo parlando? Del nuovo disegnatore full time che Google, il Gigante di Mountain View, sta cercando per i suoi ‘scarabocchi’, i Doodle celebrativi della sua homepage di eventi e pers

Ai candidati è richiesto senso dell’umorismo, amore per i fatti storici e capacità artistiche immaginative.onaggi storici.

‘Ogni giorno, centinaia di milioni di utenti visitano l’homepage di Google. Per le loro ricerche ma anche per essere rallegrati, informati e sorpresi. E forse anche per ridere un po’. Il doodle di Google lo rende possibile’, ha dichiarato il colosso di Mountain View, citato oggi dal Telegraph.

Il primo doodle venne creato il 30 agosto 1998 per celebrare il festival americano Burning Man, che si svolge ogni anno a Black Rock City, nel deserto del Nevada. Alla seconda O di Google venne aggiunto un omino stilizzato: una semplice aggiunta che fu accolta con entusiasmo dagli utenti.

Al candidato è richiesta un’esperienza professionale di almeno quattro anni, ma non vengono fornite informazioni sullo stipendio.

Il primo logo Google risale al 1997 ed è stato creato proprio da uno dei suoi fondatori, Sergey Brin (Larry Page è l’altro), con Gimp, un semplicissimo programma di fotoritocco. Un logo semplice e colorato, facilmente riconoscibile. Sicuramente uno dei più famosi al mondo. Dal 1999 il carattere utilizzato è il Catull.

All’inizio del 2011 è comparso l’attuale logo Google. Più fresco e più snello, è stata tolta l’ombreggiatura esterna che lo appesantiva e utilizzando il tono su tono, sono stati addolciti gli smussi interni.

I Doodle sono delle varianti grafiche al logo Google che vengono inserite sulla home page del motore di ricerca per festeggiare avvenimenti importanti – compleanni vip, scoperte scientifiche, festività, eventi, anniversari – che possono interessarci.

Sono molti i Doodle che hanno fatto storia, per esempio il recentissimo 50° anniversario del primo volo spaziale (12 aprile 1961) ad opera del cosmonauta russo Jurij Gagarin. Google ci ha regalato un bellissimo logo animato, in stile anni ’60 nei colori e nella grafica. L’animazione rappresenta un razzo in partenza.

Il 16 aprile scorso è comparso invece il primo Doodle Movie per festeggiare il 122esimo anniversario della nascita di Charlie Chaplin.  Un corto di circa 2 minuti e il backstage pubblicato sul Googleblog, Youtube e anche su CookedNews.

Da ricordare il primo Doodle giocabile. Il 21 maggio 2010, per festeggiare il 30° anniversario di Pac Man, il logo Google si è trasformato in un vero e proprio schema di gioco. Ciccando sul logo è possibile fare una partita a Pac Man, utilizzando la parola Google come base.

A questo link, i migliori Doodlewww.google.com/logos/

Blog at WordPress.com.