Monte Bianco: valanga sul versante francese, morti e feriti

L’incidente è avvenuto vicino a Chamonix, a oltre 4mila metri, sulla terza vetta più alta del massiccio montuoso. Almeno nove persone hanno perso la vita. Non ci sarebbero italiani. Si cercano 2 dispersi.

Nove alpinisti sono morti e altrettanti sono rimasti feriti a causa di una valanga abbattutasi sul versante francese del Monte Bianco, che ha travolto diverse cordate di scalatori. Sono in corso le ricerche dei dispersi, al momento se ne contano due. Delle vittime, sei sono state identificate: si tratta di due scalatori tedeschi, due svizzeri e due spagnoli.

L’incidente, secondo quanto reso noto dalla Gendarmeria di alta montagna di Chamonix, si è verificato sul Monte Maudit (4.465 metri), la terza vetta più alta del massiccio. Un intinerario molto frequentato che conduce al Monte Bianco. L’allarme è scattato stamattina poco prima delle 6 di giovedì 12 luglio.


http://www.cai.it/

La Strada dell’Atlantico è l’Atlantic Ocean Road ed è la più bella al mondo

Si trova in Norvegia ed l’autostrada più amata dai ciclisti, oltre ad essere la più amata e basta, dicono sia anche la più bella. E’ l’Atlantic Ocean Road e corre fra fiordi, isolotti e i villaggi di Averøy, per un numero imprecisato di chilometri fra cielo e mare. In trenta minuti, dalla città di Kristiansund, permette di attraversare l’Atlantic Ocean Tunnel.

Questa strada che serpeggia nella natura selvaggia è considerata dal giornale inglese ‘The Guardian‘ la strada turistica più bella al mondo.

Nonostante la forte competizione con altri itinerari automobilistici famosi in tutto il mondo, come la strada costiera di Antrim nell’Irlanda del Nord, il tratto di strada himalayano che collega Manali a Leh e la strada lungo il fiume Gibb in Australia, la Strada dell’Atlantico, sulla costa occidentale della Norvegia, si trova al primo posto della lista.

Nel 2005 è stata nominata ‘costruzione norvegese del secolo’ e i suoi 8,72 chilometri di lunghezza collegano tra loro i piccoli paesini della costa.

Dalla città di Kristiansund, la Strada dell’Atlantico si percorre in soli 30 minuti, attraversando il Tunnel dell’Oceano Atlantico. Passato il tunnel, attraverserete la bellissima isola di Averøy, con la chiesa in legno di Kvernes, lo splendido versante occidentale dell’isola e l’incantevole costa verso Hustavika.

La Strada dell’Atlantico è stata inaugurata nel 1989 ed è percorribile senza pagare pedaggio.

‘Questo tratto di strada serpeggia tra ponti che si sporgono sul mare, collegando tra loro le isole e isolotti tra la città di Molde (famosa per il suo festival annuale di musica jazz) e Kristiansund, situata tra i fiordi occidentali. Hustadvika è il famoso tratto di oceano, straordinariamente impressionate durante le tempeste. Quando il mare è calmo si possono ammirare foche e balene’ scrive il Guardian’.

Sebbene le balene siano difficili da avvistare, lungo la Strada dell’Atlantico avrete la possibilità di ammirare una ricca fauna e in qualche punto anche qualche foca. Questo emozionante tratto in auto va di isola in isola attraversando otto ponti. Quello più alto è il ponte Storseisundet, che con la sua impressionante curva rappresenta una vera propria opera d’arte di ingegneria moderna.

Stupendi luoghi per la pesca sono raggiungibili in barca dal mare oppure accessibili dal litorale roccioso. Lungo la strada troverete numerose aree di sosta che vi consentiranno di lasciare l’auto per pochi minuti oppure per alcune ore. Il paesaggio, l’aria fresca con il suo profumo di acqua salata, il tramonto o il mare in burrasca: è tutto a portata di mano.

Durante la stagione estiva, vengono organizzate battute di pesca.  Sia il Centro Sportivo di Strømsholmen che l’isola di Håholmen offrono la possibilità di partecipare a gite giornaliere. Le acque sono ideali per le immersioni. L’acqua cristallina e la forte corrente di marea attirano molti appassionati.

Lungo la strada, nella baia di Hustadvika si trova l’isola di Håholmen. Agli inizi del ‘700 a Håholmen viveva un’attiva comunità di pescatori di merluzzo. Oggi i suoi bellissimi edifici restaurati vi consentiranno di prendere una pausa dalla frenesia della vita moderna.

Potete pernottare per qualche giorno in accoglienti alloggi sul mare. Oppure semplicemente trascorrere la giornata, visitando il luogo e assaporando gustosi pranzi, entrando in contatto con la storia di un tipico villaggio di pescatori e con la cultura vichinga.

C’è la possibilità di organizzare gite di gruppo su navi vichinghe ricostruite, dove poter veleggiare e remare. L’avventuriero norvegese Ragnar Torseth ha dato il suo contributo all’isola, allestendo una mostra riguardante le sue spedizioni a bordo.

Secondo l’ufficio informazioni della regione molti turisti scelgono di viaggiare lungo la Strada dell’Atlantico proprio durante la stagione autunnale per vivere le piogge torrenziali che inondano la carreggiata. Gli operai al lavoro per la costruzione della strada dichiararono di aver visto passare ben 12 tempeste prima della sua apertura nel 1989.

Arrivare e muoversi lungo la Strada dell’Atlantico

Da Kristiansund:
Il Tunnel dell’Oceano Atlantico collega Kristiansund con l’isola di Averøy e la Strada dell’Atlantico. Dal centro cittadino di Kristiansund, seguite la Rv. 70 fino alla rotonda che segna l’inizio della Rv. 64 (seguite i cartelli per Molde). Il tunnel è lungo circa 5 km e non è consentito il transito alle biciclette.

Il Tunnel dell’Oceano Atlantico è una strada a pedaggio.

Da Molde:
Seguite la Rv. 64 per Eide e poi per Averøy.

Blog at WordPress.com.