Bernardo Bertolucci presidente della giuria della prossima Mostra del Cinema di Venezia

65th Cannes Film Festival - Io e Te Press ConferenceSarà Bernardo Bertolucci il presidente della giuria della prossima Mostra del Cinema di Venezia, l’edizione numero 70 che si terrà dal 28 agosto al 7 settembre. Lo ha deciso oggi il Cda della Biennale presieduto da Paolo Baratta, su proposta del direttore della Mostra Alberto Barbera.

Bertolucci aveva già presieduto la giuria della mostra veneziana nel 1983, quando il Leone d’oro andò a ‘Prenom Carmen‘ di Jean-Luc Godard. Parlando della scelta fatta dal cda, il direttore Barbera ha sottolineato come per la lunga esperienza, l’inesausta curiosità e il fatto di ‘vivere un presente cinematografico in cui il regista agisce con le proprie opere’, Bertolucci sia ‘il presidente ideale per il ruolo importante e delicato che ha generosamente accettato di ricoprire’.

Ho accettato con allegria di presiedere la giuria della 70/a Mostra di Venezia‘, dice Bernardo Bertolucci, scelto oggi dal cda della Biennale. ‘In una manciata di giorni mi si regala la possibilità di vedere quanto di più interessante sta accadendo nelle cinematografie di tutto il mondo’.

‘Il mio amico cinefilo Alberto Barbera – continua Bertolucci – riesce a infilarsi nelle nicchie cinematografiche più misteriose dei più misteriosi paesi del mondo’. L’artista ricorda quindi il suo ‘precedente’ al Lido, quando fu presidente della giuria che assegnò il Leone d’oro a ‘Prenom Carmen’ di Jean-Luc Godard: ‘E’ la mia seconda volta. Nel 1983 la Mostra celebrava la sua 40/a edizione. La mia giuria, composta quasi tutta (tutta) di registi non poteva che premiare Jean-Luc Godard, a cui tutti noi dovevamo tanto e che non aveva mai avuto un premio importante nella sua vita. Allora ai film chiedevo sorpresa e piacere. Non sono molto cambiato’.

 (fonte Ansa)

Morto a 67 anni Bigas Luna, il regista di ‘Le età di Lulù’

Spanish Film maker Bigas Luna

Spanish Film maker Bigas Luna (Photo credit: Wikipedia)

Il regista de ‘Le età di Lulù‘, dell’eros, scandaloso e distruttivo, raffinato e visionario con sconfinamenti talvolta nel comico-grottesco Bigas Luna è morto a 67 anni dopo una lunga lotta contro il cancro.

Fino a domenica scorsa il cineasta catalano ha lavorato all’adattamento cinematografico del romanzo di fantascienza ‘Mecanoscrito del segundo origen‘, molto amato in Spagna dove è diventato anche una serie tv. E, il suo ultimo desiderio, come riporta oggi El Pais – citando anche un comunicato secondo il quale il decesso, reso noto oggi, sarebbe avvenuto venerdì nella sua casa di Riera de Gaia, vicino a Terragona, con accanto la moglie e le tre figlie – era che la pellicola fosse finita e dedicata al suo unico nipote, Quim Lu. Sempre per volontà di Bigas Luna, espressa davanti a un notaio, non ci saranno celebrazioni postume.

Il suo capolavoro, ‘Le eta’ di Lulù‘, dal bestseller di Almudena Grandes, ha lanciato nel 1990 la giovane Francesca Neri ma Bigas Luna è stato anche, con il porno soft ‘Bambola’ del 1996, il pigmalione di Valeria Marini che nel film, accompagnato da polemiche e fischiato a Venezia, si strusciava a un’anguilla in una scena rimasta famosa. A livello internazionale si è imposto nel 1992 con il film sul potere distruttivo della gelosia ‘Prosciutto Prosciutto‘ che vedeva nel cast Stefania Sandrelli accanto a una diciottenne Penelope Cruz e a un quasi esordiente Javier Bardem e con cui vinse il Leone d’Argento alla Mostra del Cinema di Venezia. Il film fa parte della cosiddetta trilogia iberica con ‘Uova d’oro’ con Alessandro Gassman e ‘La teta y la luna‘.

Alla Mostra del Cinema di Venezia, Luna tornò nel 2006 come giurato del festival. Nato nel 1946 a Barcellona, cresciuto nella Spagna della dittatura franchista, Bigas Luna ha lavorato nel campo del design e alla fine degli anni ’60 ha fondato lo studio Gris con Carles Riart. Appassionato di pittura e fotografia e’ attraverso questo sguardo da artista che è approdato al cinema in un dialogo incrociato tra immagini e arte visiva, nella tradizione di Salvador Dalì e Luis Bunuel, testimoniato da antologiche e mostre fra cui ‘Ninots’, realizzata anni fa a Torino alla Marena Rooms Gallery. Il suo primo lungometraggio del 1976 è ‘Tatuaje‘ tratto dall’omonimo racconto poliziesco di Manuel Vazquez Montalban. Le sue tematiche, dal fetiscismo all’erotismo si ritrovano in ‘La chiamavano Bilbao’ del 1978 con cui esordisce al Festival di Cannes, sull’ossessione per una donna che viene violentata e uccisa e Caniche del 1979. Nel 1987 ha realizzato anche una sorta di psico-thriller alla Dario Argento, ‘Angoscia’. Tra i suoi numerosi film ‘Volaverunt‘, tra intrighi di corte e conflitti passionali e nel 2001 l’irrisolta storia d’amore ‘Son de mar‘. Le sue vere passioni, come lo stesso Bigas Luna ha più volte raccontato, sono sempre state “le donne, il cibo e la spiritualità’.

(fonte Ansa)

Blog at WordPress.com.