The prisoners of conscience of Sochi2014

Russian activist Yevgeny Vitishko

The re-arrest today of yet another environmental activist in Russia’s Krasnodar region where the Sochi Winter Olympic Games will open on 7 February, as well as his brief detention along with five colleagues last night, are more evidence of growing efforts to clamp down on civil society ahead of the Games, Amnesty International said.

 Igor Kharchenko of the Russian NGO Environmental Watch for North Caucasus (Ecologicheskaya Vakhta po Severnomu Kavkazu) is currently being held by police in Krasnodar, the regional capital, where they had arrived ahead of the Olympic torch relay. He was arrested today under the pretext that his car had been ‘involved in a crime’, shortly after three masked men had smashed in the front and back windows of the vehicle.

‘Just days away from the official opening of the Sochi Winter Olympics, the Russian authorities are using every trick in the book to muzzle freedom of expression and silence dissenting voices,’ said Sergei Nikitin, Director of Amnesty International’s Moscow Office.

Kharchenko is one of six activists from Environmental Watch who were also detained last night for several hours in Krasnodar before being released. They felt compelled to scrap plans for a Sochi launch of their report exposing environmental damage caused by the construction ahead of the Games.

Their detention came the same day that their fellow environmentalist Yevgeny Vitishko was arrested in the Krasnodar Region city of Tuapse and sentenced to 15 days of administrative detention, purportedly for swearing in public.

‘This spate of harassment of civil society activists bodes ill for the coming weeks, and raises fears that the Sochi Games will be a human rights-free zone. Even more troubling is what will happen to Russian activists after the Olympic medals are handed out and the international attention fades,’ said Sergei Nikitin.

‘Silencing civil society does nothing to increase security around the Sochi Games and instead broadcasts to the world how the Russian authorities are failing spectacularly to uphold and protect international human rights standards.

As the start of the Sochi Winter Olympics comes closer, harassment against civil society activists has intensified, Amnesty International said today after the arrest of an environmentalist for allegedly swearing in public.

Yevgeny Vitishko was arrested today in Tuapse, part of the Sochi area where the Games will take place. He has been reportedly charged with ‘petty hooliganism‘, allegedly for swearing previously at a bus stop. At a court hearing today he was sentenced to 15 days of administrative detention.

‘Vitishko’s name has now become synonymous with harassment of civil society activists in the run-up to Sochi Games. Vitishko and his friends have been trying to expose environmental violations during the preparation of the Sochi Olympics. For this they are being punished. By trying to lock him up as a ‘petty hooligan’ the authorities are trying to gag him,’ said Denis Krivosheev, Europe and Central Asia Deputy Programme Director.

‘The concern is what will happen to civil society after the closure of the Olympics after the international focus moves away.’

Yevgeny Vitishko and his fellow activists have been actively involved in protests regarding the deforestation and illegal construction and fencing in areas of protected forest around Sochi.

In 2012, he received a suspended sentence in connection with an environmental protest. Last December, a court in Tuapse ruled that he should serve three years in prison for violating a curfew associated with the suspended sentence. His appeal hearing was reportedly scheduled for 22 February 2014, but now all information regarding it has been conspicuously removed from the court’s website.

Amnesty International has already raised concern about his unfair trial which resulted in a court decision to send him to prison colony for three years. His arrest comes as he is awaiting his appeal hearing.

Vitishko’s supporters fear that he will be held in custody until the day of his appeal under administrative charges, and then be sent to a prison colony.

Rights groups have accused Russian officials of harassing activists and journalists in the Sochi area, detaining them on trumped-up charges.

The Olympics are projected to cost $51 billion, or more than every other Winter Olympics combined. The high price tag is being blamed on Sochi being extremely ill-suited to host an Olympics and rampant corruption.

On Wednesday, Pussy Riot’s Nadezhda Tolokonnikova and Maria Alekhina were set to make their first public appearance in the United States after being released from a Russian prison (23dec.). They were scheduled to speak at a Brooklyn concert organized by the human rights advocacy group and featuring stars such as Madonna.

Alekhina said she wants Americans to look beyond the grandeur of the projects and buildings of the games.

‘They are foreign objects in Russia,’ she said. ‘The only thing that connects Russia to these objects is taxpayers’ money, which has been stolen and has been used to build these Olympic objects.’

Alekhina called on President Barack Obama to increase pressure on Russia over alleged human rights abuses, and said she and Tolokonnikova are handing over a petition to Putin to help ‘end this bullshit.’

‘Aren’t you sick of it all, Putin?’ Tolokonnikova asked.

International response to prior calls to boycott the games has garnered some largely symbolic gestures. Obama included three openly gay athletes in the official U.S. delegation to the Sochi Winter Olympics in a rebuke of Putin’s anti-gay laws. And Norwegian Health Minister Bent Høie said he is taking his male spouse to the opening ceremony. But twelve peaceful protesters remain incarcerated after police arrested them at the anti-Putin demonstrations in Moscow two years ago, the pair from Pussy Riot said.

Now that the band is an icon for the struggle against human rights abuses in Putin’s Russia, the two women said it will also act for the rights of prisoners in the United States.

Tolokonnikova and Alekhina said they plan to visit prisons and meet with nonprofit organizations to learn about the issue of solitary confinement in the U.S. ‘We’re very interested in the fact of how NGOs (nongovernmental organizations) in the U.S. work and collaborate with penitentiary institutions,’ Alekhina said. ‘One of our main goals is to exchange experience.’

‘Pussy Riot inspired a new generation of activists around the world, Samir Goswami, managing director of the Amnesty International USA program Individuals and Communities at Risk said, adding that their supporters followed in the footsteps of those who helped Amnesty International obtain the release of some 44,000 prisoners since its international inception in 1961.

‘Pussy Riot were street performers,’ he said. At the subway, on the streets, they would call on people to take their rights seriously. ‘There are street performers in the U.S. whom we pass every day, but we don’t realize that they can help elevate human rights to the global conversation.’

‘They found a lot of support from folks in the U.S., especially from Russia’s diaspora community in Brooklyn, who called passionately for their release,’ Goswami said. ‘But they’re also learning about the prison conditions in the U.S. and plan on doing some research here.’

Kremlin Suspends Questioned Reform of Wildlife Reserves. Russian President Vladimir Putin ordered to amend recent environmental legislation that critics said could allow for real estate development in Russia’s protected territories. A law passed in December allows for the downgrading of any of the 102 Russian wildlife reserves to natural parks, where construction is permitted under certain conditions.

The law, which passed quickly through parliament, caused outcry from eco-activists, who said it could be exploited to build commercial real estate in wildlife reserves.

Krasnodar is a city located in the Southern Russia based on the Kuban River situated 80 kilometers away to the North East of the Black sea port. The prevailing political stability and the numerous administrative efforts taken by the regional administration has made the Krasnodar region one of the most favorable investment destinations in Russia.

More than 60 countries have investment cooperation in this region and 773 companies having foreign capital are already part of the regions economy. Majority of the FDI coming in this region is mainly concentrated on food industries, woodworking and fuel.

To finance venues and apartments in the Caucasus Mountains and along Sochi’s coast, state-owned Vnesheconombank, known as VEB, lent $7.4 billion to a who’s who of Russia’s elite. Among the biggest loan recipients are companies controlled byVladimir Potanin, chief executive of OAO GMK Norilsk Nickel, the world’s largest nickel producer. Joining him are Oleg Deripaska, chief executive of United Co. Rusal, the No. 1 aluminum company; Alexey Miller, chief of state-controlled gas provider OAO Gazprom; and German Gref, chief of state-controlled OAO Sberbank, Russia’s largest bank.


http://www.amnesty.org/

#CookedNews

Advertisements

Antagonismo e Attivismo/Attualità/Blogs/calcio/controcultura/Cooked News/Cultura/entertainment/Esteri/fashion/I Post più letti/in Italia/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/Newspapers/notizie e politica/Politica/Rete sociale/Spettacolo/Sport/Web News/world news/Worpress.Com

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Pussy Riot: una delle componenti del gruppo finisce in ospedale

pussy-riotUna delle Pussy Riot, Nadezhda Tolokonnikova, è in ospedale per un esame e sarà dimessa tra una settimana. Questa la versione ufficiale del capo del servizio stampa del penitenziario federale russo in Mordovia Marina Khanieva. ‘Si trova nell’ospedale centrale per detenuti, per delle visite, su richiesta del suo avvocato’ ha detto. Alla domanda sullo scopo delle visite, la Khanieva ha osservato che ‘si tratta di informazioni riservate’. Il presidente della Commissione di Vigilanza in Mordovia Gennady Morozov da parte sua ha detto Tolokonnikova resterà in ospedale ‘per una settimana’.

Nel frattempo, l’avvocato Irina Khrunova ha detto che la sua assistita è stata trasferita nell’ospedale del centro di detenzione speciale per un check up in seguito a persistente mal di testa. ‘Nella primavera del 2012 in carcere Nadezhda ha ripetutamente lamentato mal di testa’ secondo l’Associazione per i diritti umani Agora.

Nel dicembre 2012, è stata condotta una indagine forense: il medico legale ha concluso che la Tolokonnikova doveva superare un esame completo: neurologo, oculista, cardiologo, esami di laboratorio clinici e biochimici, così come lo studio strumentale. Ossia risonanza, radiografie, tomografia computerizzata o magnetica, Doppler, elettroencefalografia, se necessario, e angiografia del cervello. Sulla base di questa conclusione, al termine del mese di dicembre la Khrunova ha presentato al Capo della colonia numero 14 in Mordovia domanda per condurre appropriati esami medici.

Mosca: sfigurato con l’acido il direttore artistico del Bolshoi

sergei_filinL’aggressione al direttore artistico del balletto Bolshoi a Mosca e’ un attentato contro ‘tutta la cultura nazionale’. Così il viceministro della Cultura russo, Andrei Busighin – come riporta radio Eco di Mosca – ha condannato l’attacco subito ieri sera da Sergei Filin. Il direttore artistico del celebre teatro è stato aggredito da uno sconosciuto in maschera che gli ha versato dell’acido sul volto e negli occhi. Dal suo letto di ospedale, al canale russo Ren-Tv, Filin ha riferito di aver ricevuto minacce e intimidazioni fino a pochi giorni prima dell’attacco.

‘Ho pensato mi volesse sparare’, ha poi raccontato riferendosi all’uomo che lo ha assalito mentre di sera tornava a casa dopo un ricevimento. Filin, 42 anni, è nelle mani dei chirurghi che stanno cercando di salvargli la vista, fanno sapere dall’ufficio stampa del teatro. Un aereo è già pronto per trasferirlo in Belgio, dove verrà ricoverato in una clinica militare specializzata in ustioni. La polizia ha aperto un’indagine per dolo alla salute di una persona. Reato che prevede fino a otto anni di detenzione.

Secondo il direttore generale del Bolshoi, Anatoly Iksanov, il movente dell’attentato è legato ‘chiaramente alla professione’ di Filin. Si ipotizza una probabile lotta per l’assegnazione di ruoli all’interno del teatro, passato in pochi anni da tempio della più alta cultura russa a simbolo di corruzione, scandali e intrighi. Uno dei predecessori di Filin, Alexei Ratmanski, ora coreografo all’American Ballet Theatre, ha bollato l’attentato al collega come la conseguenza della ‘mancanza di etica’ all’interno del Bolshoi. ‘Quello che è successo ha scioccato tutti, ma non sorprende nessuno’, gli ha fatto eco lo storico del balletto russo Vadim Gayevsky parlando con Afp.

Filin, spiegano alcuni commentatori, è un professionista molto apprezzato dal corpo di ballo, il quale però rimane fortemente influenzato dal grande veterano del balletto, prima sovietico e poi russo, Yuri Grigorovich. Conflitti e rivalità sono sempre stati all’ordine del giorno al Bolshoi – fa notare Gayevsky – vetri rotti dentro le scarpette o lettere minatorie erano state ricevute anche dalla leggendaria prima ballerina Galina Ulanova.

Russia: Putin firma la legge ‘anti Magnitsky’

vladimir-putin-polar-bearsIl presidente russo, Vladimir Putin, ha firmato la cosiddetta ‘legge anti-Magnitsky’ o legge Dima Yakovlev che vieta, tra l’altro, le adozioni di orfani russi da parte di cittadini statunitensi. Lo ha reso noto il Cremlino. Passata sia alla camera bassa del Parlamento russo, la Duma di Stato, che al Senato. La legge rende il nome di Dima, un bambino russo che è morto per un colpo di calore nel 2008 in America, dopo che il padre adottivo statunitense lo aveva dimenticato in macchina nella calura estiva. Il padre è stato assolto dall’accusa di omicidio colposo.

Approvata a larga maggioranza da entrambe le camere del Parlamento russo, entrerà in vigore il 1 gennaio 2013.

La decisione rappresenta una risposta all’adozione, negli Stati Uniti, delle misure restrittive contro i funzionari russi coinvolti nel caso di Sergei Magnitsky, l’avvocato societario che aveva denunciato un clamoroso caso di corruzione morto in carcere nel 2009 in attesa di processo.

Sono 52 le procedure di adozione di orfani russi in corso da parte di cittadini americani, ma dopo la promulgazione della legge che vieta le adozioni agli americani, i bambini coinvolti saranno adottati in Russia. Lo riferisce il delegato del Cremlino all’infanzia Pavel Astakhov. ‘Cinquantadue bambini sono coinvolti. Penso che debbano essere adottati in Russia sotto la responsabilità dei governanti’, ha dichiarato Astakhov.

E’ stato assolto da un tribunale di Mosca l’unico imputato per la morte dell’avvocato Serghei Magnitsky. Ex vicedirettore del famigerato carcere Butyrka, dove il giovane legale morì nel 2009 per una pancreatite non curata, Dmitri Kratov era accusato di negligenze che avrebbero causato il decesso di Magnitsky.

I giudici della corte di Tverskoi hanno detto di non aver riscontrato prove che dimostrassero la colpevolezza del funzionario che al contrario fece tutto il possibile per aiutare il detenuto. ‘Continuerò a lavorare nel sistema penitenziario’, ha annunciato Kratov dopo la sentenza.

Poco prima di essere arrestato, Magnitsky aveva denunciato una frode fiscale da 5,4 miliardi di rubli (235 milioni di dollari), orchestrata da alcuni dipendenti del ministero dell’Interno russo ai danni del fondo d’investimento Hermitage Capital, presso il quale lavorava, il cui amministratore delegato è William Browder.

Il legale è, però, stato accusato di aver ideato lui stesso lo schema che sottostava alla frode e subito posto in detenzione preventiva, nel 2008.

Dopo quasi un anno di carcere, in cui secondo i legali difensori gli sono state negate le cure necessarie alla sua grave pancreatite, è morto all’età di 37 anni. Sul suo corpo sarebbero state rinvenuti segni di tortura.

Chiuso dopo la sua morte, il processo per frode contro Magnitsky è stato riaperto di recente da un tribunale moscovita, tra le critiche della società civile e dei famigliari. Giovedì, in seguito all’assenza dei legali della difesa intenzionati a ‘non partecipare a un processo contro un uomo morto’, l’udienza preliminare è stata spostata al 28 gennaio.

La morte di Magnitsky è diventata in pochi anni un caso internazionale e motivo di tensioni tra Mosca e le cancellerie occidentali. Di recente Washington ha approvato il ‘Magnitsky Act‘, una legge che bandisce dal territorio americano i funzionari russi coinvolti nel caso. Dal canto suo Mosca ha risposto con la cosiddetta ‘Legge anti-Magnitsky’, che prevede il divieto delle adozioni di orfani russi da parte di cittadini statunitensi.

Pussy Riot, confermata in appello la pena a due anni

Confermata in un processo d’appello lampo la pena a due anni di galera per le tre musiciste della punk band Pussy Riot accusate di una dissacrante preghiera anti Putin nella cattedrale di Mosca. Ma a sorpresa, e in modo controverso, la corte ha concesso la condizionale e liberato in aula Yekaterina Samutsevich, 30 anni, la più  anziana del gruppo.

Nessuna dissociazione, né riconoscimento di colpa di fronte ad accuse che vanno dal teppismo all’istigazione dell’odio religioso: i giudici hanno semplicemente accolto la tesi del suo nuovo difensore, Irina Khrunova, la quale ha sottolineato come Katia non abbia partecipato alla performance perché era stata fermata dalle guardie prima che prendesse in mano la chitarra. Ma in tal caso non si vedono attenuanti e semmai sarebbe stata più plausibile un’assoluzione per non aver commesso il fatto. I giudici invece, secondo alcuni osservatori, sembrano aver voluto dividere il gruppo o dare l’impressione di una frattura nel trio.

Venne fermata prima di raggiungere l’altare e partecipare all’esibizione con le altre Pussy Riot nella cattedrale di Mosca. Per questo Yekaterina Samutsevich può lasciare il tribunale e riabbracciare il padre, critico nei confronti di una sentenza che definisce ingiusta. ‘Per me questa è una vittoria perché questa lunga separazione da mia figlia ha avuto un terribile impatto su di me. Sarà libera ma sconterà comunque questa condanna di due anni, che anche se sospesa è assolutamente sproporzionata rispetto a ciò che ha fatto’.

Sconteranno, invece, la loro pena a due anni di reclusione per ‘teppismo motivato da odio religioso’ le altre due ragazze, Maria Aliokhina, 24 anni, e Nadia Tolokonnikova, 22 anni, destinate a una colonia penale fuori Mosca.

Secondo il sondaggio di un istituto indipendente il 43% dei russi giudica questa pena insufficiente e secondo la maggioranza degli intervistati lo scopo delle Pussy Riot era insultare i credenti. La ‘Giustizia russa divide le Pussy Riot’, hanno titolato agenzie e giornali e, secondo alcuni avvocati della difesa, come Mark Feigin, era proprio questo l’obiettivo delle autorità russe.

‘Nessuna divisione tra le ragazze e tra noi avvocati, Katia non riconosce la colpa’, ha tagliato corto a fine processo l’avvocato di Yekaterina Samutsevich. ‘Devo rispondere di quello che ho fatto personalmente’, aveva insistito in aula anche la Pussy Riot, trovando un’inattesa sponda in un avvocato di parte civile, che aveva invitato i giudici ad esaminare la responsabilità individuale delle tre giovani. Katia, come la chiamano gli amici, ha esultato alla lettura della sentenza, alzando il pugno.

Nadezhda Tolokonnikova, 22 anni, considerata la leader del trio, e Maria Aliokhina (24), si sono felicitate con lei nella gabbia di vetro e l’hanno abbracciata ma hanno tradito una malcelata stizza quando si sono sentite confermare la pena. I loro avvocati hanno già preannunciato ricorso, dicendosi pronti a rivolgersi anche alla corte europea dei diritti dell’uomo.

Create a free website or blog at WordPress.com.