Who is an American Cool. From Madonna to Shakur. The meaning of ‘J’

#AmericanCool #Cookednews

Defining who’s ‘cool’ is a slippery enterprise, but that’s never stopped anyone from trying. Bogart? Hendrix? Anita O’Day? Of course. Madonna? Hmmm.

‘Bogart was cool: no one used the word then, but it’s the term everyone reaches for now,’ writes the literary scholar Joel Dinerstein in American Cool, which he co-authored with photographic scholar and curator Frank H. Goodyear

Besides Bogie, the reach of those who make cut in this sleek book of photographs interspersed with essays includes Johnny Depp, civil rights protestors, Miles Davis as he appeared on the cover of Ebony, Elvis, Robert Mitchum, Jack Kerouac, Amiri Baraka, Bob Dylan, Anita O’Day, Madonna, Tupac Shakur, Susan Sontag, Selena, and sundry others.

For years, cool fell into the gray zone of semantics like that on which a Supreme Court justice meditated in consideration of pornography: he admitted that he could not define it, but he knew it when he saw it.

We should hope that the Supremes will attend the American Cool exhibition at the National Portrait Gallery of the Smithsonian Institution in Washington, D.C. (American Cool is the catalog for that exhibition.) This show is an impressive exercise in semantics and a grand slice of national history; the photographs are thoughtfully orchestrated, the ideas behind the concept argued with intelligence and flash.

We can picture the quickening pulse of political and news celebrities in the pagan city on the Potomac, milling about the gallery, wondering why the photographs show none of them. (The Obamas are only mentioned in the text.) But in a city where politics has degenerated into a tawdry suburb of celebrity, the edgy outsider nature of cool doesn’t sync with democracy as reduced to a muddy floor show on the nightly news.

‘Cool figures are the successful rebels of American culture,’ writes Dinerstein, the James H. Clark Endowed Chair in American Civilization at Tulane University. ‘To be cool is to have an original aesthetic approach or artistic vision—as an actor, musician, athlete, writer, activist or designer—that either becomes a permanent legacy or stands as a singular achievement.’

That explains Brando, Duke Ellington, Greta Garbo, Muhammad Ali and of course James Dean. Obama seems to have edged into the text by virtue of being dubbed ‘Mr. Cool’ in a magazine article. The president’s charisma lands him, at least in passing prose, on the same page with an image of Walt Whitman and the front page of Leaves of Grass.

Men far outnumber women in American Cool. ‘It is rare to find an article, website, or blog post declaring anyone ‘Ms. Cool,’” writes Dinerstein, “despite the plethora of cool women in this book, from Georgia O’Keefe, Bessie Smith, and Dorothy Parker to Patti Smith, Chrissie Hynde, and Missy Elliot.’

Walt Whitman ‘first carved out a space for cool by valuing personal experience and bearing over education and experience.’

The gender tilt lies in “the presumed association between cool and American masculinity,” he notes, and “the persistence of a double standard where independent, sexually confident women are concerned.”

Double standards, of course, are made to be exposed.

American Cool does have curious omissions. Bill Clinton, who played saxophone with sunglasses in 1992 while campaigning on the talk show hosted by Arsenio Hall (who is absolutely cool) and went on to an impeachment drama for his sexual rebellion, did not make the cut. The book does not explain Clinton’s absence, which seems, like, un-cool.

John Wayne had a macho, bravura image that sizzled hot, but he’s in this parade as ‘the stoic tough guy’ who once said, ‘Mine is a rebellion against the monotony of life.’ Cool enough.

But the scandal of this book and exhibition is that Marilyn Monroe is nowhere depicted. One of the sexiest movie stars of all time, the woman who married Joe DiMaggio and Arthur Miller, is not cool? Says who? And Audrey Hepburn is? And Susan Sarandon, too. No offense to them, but stiff-arming Marilyn Monroe is grounds for—well, not a congressional investigation, we don’t want to get them near this. Let’s settle on a televised debate at NEH.

Hemingway is shown on p. 89, pensive with rifle at a pheasant shoot in Idaho. ‘He wrote in a terse, clipped style that featured stripped-down dialogue and characters unanchored from society. While he portrayed man as essentially alone, he admired ‘grace under pressure,’ a phrase often considered synonymous withcool,’ writes Frank H. Goodyear III, co-director of the Bowdoin College Museum of Art, who shows a wise hand and keen eye in arrangement of the images in book and exhibit.

Cool as persona and trait arose in the movies and music of the early and middle decades of the last century; it had a strong African-American stamp. Jazz was outsider music that moved mainstream, and then with bebop moved back on the edges. Musicians such as Charlie Parker, Count Basie, and Lester Young exuded the aura of outsider-as-insider. Zora Neale Hurston occupies a page in a photograph as threshold-breaker, justly so. But Wynton Marsalis is nowhere in American Cool. Maybe he’s too inside to go back outside. He’s still a study in cool.

As sports photographers gave an icon like Ali his heft in the popular culture, the oceanic coverage of rock and roll put stars like Jimi Hendrix on the cover ofRolling Stone, which is always cool.

But there are no pictures here of Scarlett Johansson or Halle Berry. The editors chose ‘a certain triangulation of factors aligned in mysterious balance’ on the selection process, which includes a ten-year period of probation or candidacy consideration for a potential Coolite, a time in which status can crash in scandal or somnolently diminish.

 ‘In the next generation it is likely that women will outnumber men for lasting iconic effect and innovative artistic impact,’ Dinerstein writes. Those who make the potential list include Esperanza Spalding, Janelle Monáe, Pink, Jennifer Lawrence, Tina Fey, Ani DiFranco, Connie Britton—and (drum roll) Michelle Obama and Rachel Maddow. The First Lady will presumably achieve a plateau of cool once she is out of the White House, no longer bound by media expectations of decorum, and free to speak her piece. Michelle and Barack may be the ultimate cool in politics.

But Rachel Maddow is already cool, many times over, by treating political hypocrisy as a form of farce with intellectual agility you don’t find among other anchorpersons. If anyone in the media stands in the front line of cool, it’s Rachel.

Jon Stewart is in American Cool because he is Jon Stewart. But there is no presence for Steven Colbert. Another mystery. Was it something he said?

‘Of the actresses who emerged in the early 1990s with the moxie to walk the line of regular gal and badness,’ continues Dinerstein, ‘there was a cohort including Winona Ryder, Jennifer Lopez, Cameron Diaz, Lucy Liu, Drew Barrymore, Halle Berry, and Uma Thurman. Each of these actresses let the industry shape their careers or cuddled up with the media, became cover girls, or self-destructed.’

There you have it. Media-cuddling can be a kiss-of-anomie for women on the cusp of cool. Men who are cool, or wanna be, can’t be seen as cuddling with the media though they need all the media they can get to stay in the magazines. Goodyear writes learnedly of the role magazines played in capturing those who became cool. Influential photographers who covered jazz, sports, rock, and the movie world were pivotal to this cultural process. Magazine exposure makes a difference, even today as ‘the paparazzi continue to provide largely unscripted images’ that put the cool person in a moment of drama, off-script, in the life s/he enacts.

‘Those who convey this magnetic attraction often feel as though they are living in two bodies—one that belongs to the world and another that is their own and often hides in plain sight,’ writes Goodyear. His analysis also applies to any number of garden-variety celebrities, even Chris Christie, at least the part about two bodies, or let us say “selves,” one hiding in plain sight.

With smaller photographs arranged through the text, more than half of the book is given over to full or half-page pictures of the anointed cool, with short biographical commentary. You might call this the Hot 100 but Top 100 is probably more appropriate. The range of choices is intriguing.

Number 1 is Walt Whitman, ‘who first carved out a space for cool by valuing personal experience and bearing over education and experience.’ The author of the classic Leaves of Grass was also ‘a proto-hippie and sensualist who celebrated the dignity of work, a gay man who wrote lyrically of the male body.’ Cool then, cool now, cool forever, Mighty Walt.

Fredrick Douglass the great abolitionist, heavyweight boxer Jack Johnson, Georgia O’Keefe, H.L. Mencken, Michael Jordan, Joan Didion, Bill Murray, Angela Davis, Hunter Thompson, Johnny Cash, and Billie Holliday, among others in this sweet romp all stood or stand for life, liberty, and the pursuit of rebellion in American Cool.

Jason Berry’s books include a novelLast of the Red Hot Poppas.

 #cookednews #Cookednews 

Advertisements

AMAZING news/Antagonismo e Attivismo/Arte/Attualità/Blogs/cinema/Cinema/Clubbing/Contemporary Art/Cooked News/Cultura/Design/Electronic Music Essays/entertainment/Eventi/fashion/I Post più letti/in Italia/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/Musica/New Media/Newspapers/notizie e politica/Politica/Rete sociale/Spettacolo/Sport/Web News/world news/Worpress.Com

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Oscar 2013: vince Argo proclamato da Michelle Obama

Oscar-2013-tutti-i-vincitori-Argo-miglior-film_h_partbE’ andato al capolavoro di Ben Affleck ‘Argo’ il premio Oscar come miglior film per il 2013. A proclamarlo, a sorpresa, all’85ma cerimonia degli Academy Awards in diretta live dalla Casa Bianca è stata la first lady, Michelle Obama fasciata in un elegante ambito da sera color argento.

‘Ringrazio tutti quelli che hanno lavorato a questo film e partecipato alla sua realizzazione – ha detto visibilmente commosso l’attore e regista americano. Grazie anche al Canada e soprattutto ai nostri amici dell’Iran che vivono in condizioni davvero terribili’.

‘Argo’ si è aggiudicato anche la statuetta per la miglior sceneggiatura non originale e per il miglior montaggio ma la vera rivelazione della serata è stato il film di Ang Lee ‘Vita di Pi’ che ha portato a casa ben 4 Oscar, compreso quello per la miglior regia, già incoronato nel 2005 per ‘Brokeback Mountain‘.

A Daniel Day-Lewis per ‘Lincoln’, nell’omonimo film di Spielberg, e a Jennifer Lawrence per ‘Il lato positivo’  dove si è calata nei panni tragicomici di una vedova psicologicamente turbata, invece, gli Oscar come miglior attore e miglior attrice protagonisti. La bella Lawrence, in principesco abito bianco di Dior è stata anche protagonista di un piccolo incidente quando, salendo sul palco è inciampata e caduta sulle scale.

L’artista inglese protagonista di ‘Lincoln’ ha così stabilito un record, perché è l’unico interprete maschile ad aver ottenuto tre riconoscimenti come protagonista. Katharine Hepburn ne vinse quattro ma come attrice protagonista, mentre Jack Nicholson, Meryl Streep, Ingrid Bergman e Walter Brennan hanno tutti collezionato tre statuette, però con un mix di interpretazioni da protagonisti e non protagonisti. A ‘Lincoln’ anche l’Oscar per la migliore scenografia.

Il miglior film straniero, invece, è ‘Ampur’ di Michael Haneke mentre l’Italia è rimasta a bocca asciutta: l’unico in nomination era Dario Marianelli, compositore che dal 1990 vive a Londra e autore delle musiche del film ‘Anna Karenina’.

Migliori attori non protagonisti, rispettivamente, in campo maschile Christoph Waltz per ‘Django Unchained’ di Quentin Tarantino, il quale è stato insignito del premio per la migliore sceneggiatura originale; e, tra le donne, Anne Hathaway per ‘Les Miserables’. Oscar al migliore film straniero per l’austriaco ‘Amour’, mentre per la migliore canzone è stata premiata Adele con ‘Skyfall’, dalla pellicola che porta il medesimo titolo.

Barack Obama giura all’Inauguration Day

barack-obama-giura-alla-casa-bianca-20-gennaio-2013-inauguration-day-010Il secondo mandato di Barack Obama alla Casa Bianca è ufficialmente iniziato: in una cerimonia brevissima, celebrata in forma privata nella Blue Room, il presidente ha prestato giuramento davanti al giudice della Corte Suprema John Roberts, lo stesso di fronte al quale giurò nel 2009. Pochi minuti prima delle 12 – le 18 in Italia – ha pronunciato la formula con a fianco la first lady Michelle e le figlie Malia e Sasha. Al termine, Obama le ha abbracciate e alla più piccola ha sussurrato: ‘ce l’ho fatta’.

Domani si terrà la cerimonia pubblica, una grande festa dinanzi alla facciata del Campidoglio alla presenza di 800mila persone, durante la quale il presidente terrà anche il discorso inaugurale agli americani e al mondo.

‘Io, Barack Obama, giuro solennemente di adempiere fedelmente alle funzioni di presidente degli Stati Uniti e di salvaguardare, proteggere e difendere la Costituzione degli Stati Uniti’, ha detto, giurando su una Bibbia di famiglia: il padre della first lady l’aveva regalata alla propria madre per la festa della mamma nel 1958 e da allora è stata sempre conservata nella famiglia di Michelle.

Anche il suo vice Joe Biden ha scelto una Bibbia di famiglia per pronunciare il suo giuramento, celebrato in mattinata in una cerimonia separata al Naval Observatory. Il vicepresidente ha recitato la formula davanti al giudice della Corte Suprema Sonia Sotomayor, alla presenza di 120 invitati e qualche cronista.

Domani, dopo il giuramento davanti al Campidoglio, Obama percorrerà Pennsylvania Avenue, in parte a piedi, fino alla Casa Bianca. L’Inauguration day si concluderà poi con due balli: e a uno di questi, riservato allo staff della Casa Bianca, parteciperà anche Lady Gaga.

A dare il via al weekend di festa è stata ieri il National Day of Service, la giornata nazionale del volontariato. La first family per l’occasione ha tinteggiato la biblioteca in una scuola elementare non lontano dalla Casa Bianca e ha invitato i cittadini a impegnarsi in attività per la comunità per onorare Martin Luther King.

Michelle Obama, con le figlie Sasha e Malia, sono state ospiti d’onore al Kids Inaugural Concert, il concerto per i bambini che ieri sera ha aperto la lunga lista di feste, manifestazioni e balli per festeggiare il nuovo insediamento di Barack Obama alla Casa Bianca. Un pubblico di centinaia di ragazzi figli di militari ha assistito al concerto, che ha visto la partecipazione di Katy Perry, Usher, Mindless Behavior e gli attori del cast di ‘Glee’. Sono stati proprio gli Obama nel 2009 i primi ad organizzare questo evento dedicato alle famiglie dei militari.

Obama four more years: la famiglia e la vittoria condivise anche su Twitter

Il primo pensiero pubblico di Barack Obama dopo il trionfo è andato per la sua famiglia: ‘Non sarei l’uomo che sono oggi senza la donna che vent’anni fa ha accettato di sposarmi, lasciate che lo dica pubblicamente: Michelle, non ti ho mai amato tanto’. Così il presidente degli Stati Uniti, appena confermato per un secondo mandato dopo la vittoria sullo sfidante repubblicano Mitt Romney, si è rivolto agli oltre 10.000 presenti al palazzetto del McCormick Place di Chicago.

‘Non sono mai stato più orgoglioso di vedere il resto della Nazione innamorarsi di te come first lady del nostro Paese‘, ha detto ancora Obama, che si è poi rivolto alle figlie, Sasha e Malia, 11 e 14 anni rispettivamente. ‘State crescendo e diventate due giovani donne, forti, intelligenti e bellissime, come vostra madre, e io sono orgoglioso di voi’, ha detto Obama, aggiungendo con un sorriso ‘ve lo dico subito, direi che un cane solo basta’. Quattro anni fa aveva promesso alle figlie che se fosse stato eletto avrebbe regalato loro un cane: promessa mantenuta con l’arrivo di Bo.

Obama ha anche ringraziato ‘l’amico e partner degli ultimi quattro anni’, il vicepresidente Joe Biden, definendolo ‘il guerriero felice dell’America e il miglior vicepresidente che chiunque potrebbe sperare di avere’.

Il suo sfidante Mitt Romney ha ammesso la sconfitta elettorale dicendo, tra le altre cose: ‘Auguro il meglio a Obama, vi invito a pregare per il presidente eletto’. Tra le prime parole di Obama davanti alla folla di sostenitori a Chicago: ‘Questa notte, voi, gli americani, avete ricordato al mondo che la strada è dura e il viaggio è lungo, ma avete mostrato la consapevolezza, nei vostri cuori, che ora ci aspettano solo giorni migliori’.

Quindi il presidente ha voluto sottolineare l’importanza di unire le forze per il bene degli Stati Uniti: ‘Nelle prossime settimane – ha detto – ho intenzione di sedermi al tavolo con il governatore Romney per vedere come possiamo lavorare insieme per far progredire il Paese’. Poi, rivolto al popolo americano, ha ricordato che ‘il lavoro non è ancora finito’, aggiungendo: ‘Vi ho ascoltati, ho capito i vostri problemi, tornerò alla Casa Bianca più ispirato e determinato che mai’.

L’ondata dei voti degli Stati dell’ovest ai democratici e poi l’assegnazione dell’Ohio, cruciale fra gli swing States: alcuni Stati dell’Unione non sono ancora stati assegnati ufficialmente, ma Obama ha superato 274 voti elettorali, andando oltre la soglia dei 270 necessari per la Casa Bianca. Lo staff del presidente ha subito condiviso sui social network: ‘Four more years’, cioè ‘Altri 4 anni’, allegando la foto di un abbraccio con la moglie Michelle.

Da Times Square al quartiere generale di Barack Obama a Chicago, da Los Angeles a Boston la scena è la stessa: urla (‘4 more years‘), pianti, canti, esplosioni di gioia senza freno. Così gli Stati Uniti stanno festeggiando la rielezione del presidente. Anche la cima dell’Empire State Building, il grattacielo simbolo di Manhattan, è ora blu, il colore dei democratici. Per tutta la serata, due colonne luminose (una rossa e una blu) avevano dato l’andamento del voto.

twitter.com/#election2012

Obama-Romney a confronto: a Denver il primo dibattito pre Election Day

In vista delle elezioni del 6 novembre, mercoledì notte ci sarà il primo dibattito fra Barack Obama e Mitt Romney. In questi giorni, il presidente degli Stati Uniti si sta allenando a ‘parlare meglio e di meno’, come gli hanno suggerito dal suo team in un resort nel deserto del Nevada, alle porte di Las Vegas. Romney è invece nel Massachusetts, per prepararsi a una missione difficile.

Questa sera Mitt Romney e Barack Obama si scontreranno all’università di Denver nel primo, dopo cinque anni, dei tre dibattiti pre elettorali che saranno trasmessi in diretta da tutte le televisioni degli Stati Uniti. In Italia su Rai News 24 in diretta dalle 2:45 della notte fra il 3 e il 4 ottobre. Un’ora e mezza di discussioni sulla politica interna. Ma il presidente in carica ci arriva con un sondaggio incoraggiante: secondo una rilevazione del Wall Street Journal, il 57% degli intervistati ritiene che l’economia Usa – tema cruciale per la vittoria nel voto del 6 novembre – sia in ripresa.

La corsa presidenziale resta incerta perché i sondaggi a livello nazionale – l’ultimo del Washington Post-Abc – danno Obama attorno al 49% delle intenzioni di voto e il rivale repubblicano attorno al 47%. Ma il presidente democratico è in testa nella maggioranza degli Stati in bilico, che saranno decisivi per il risultato finale. Dunque lo scontro di questa sera si presenta cruciale: per Romney è l’occasione di far dimenticare alcune delle sue ultime gaffes, di mostrarsi ‘presidenziale’, di convincere gli indecisi della bontà delle sue ricette economiche. Per Obama è invece il momento, se ci riuscirà, di consolidare il suo vantaggio.

Ma il presidente ha un asso nella manica: il piano salva-auto, che garantendogli la vittoria in Michigan e in Ohio potrebbe rendere le cose impossibili a Romney. Anche se a livello nazionale i sondaggi li danno in sostanziale parità, a contare sarebbe il numero di grandi elettori messi a disposizione per la vittoria da ogni Stato. E senza l’Ohio, la vittoria per Romney è quasi impossibile.

Senza l’Ohio, per conquistare i 270 punti necessari a diventare presidente, Romney dovrebbe vincere in tutti gli Stati incerti: Colorado, Florida, Virginia, North Carolina, Iowa, Nevada, New Hampshire. Benché continui a restringere le distanza con Obama, anche secondo gli analisti repubblicani sarà molto difficile che li conquisti tutti e sette. Negli Stati notoriamente di destra, invece, Mitt Romney ha consolidato un buon vantaggio su Obama, per questo risulta in pareggio a livello nazionale. Secondo il Washington Post sarà molto difficile per Romney, che era contrario al piano salva-auto di Obama (a differenza del suo vice Paul Ryan), convincere uno Stato dove un cittadino su otto lavora per l’industria automobilistica.

Per tutti i telegiornali americani e per le prime pagine di questa mattina il dibattito di Denver è la notizia del giorno. I collaboratori di Romney starebbero addestrando il candidato repubblicano a non farsi irritare dalle punzecchiature di Obama; il presidente in carica invece si prepara ad essere aggressivo, nella speranza di far saltare i nervi a Romney, ma non tanto da risultare arrogante. Sulla carta, Romney è più allenato poiché viene dalla campagna delle primarie, ma non potrà usare con Obama le stesse tecniche che ha usato con i rivali repubblicani.

A prescindere dai programmi economici e politici, un dibattito televisivo nelle campagne elettorali statunitensi è – storicamente – il momento cruciale in cui si mettono a confronto l’arte oratoria e la capacità di trasmettere autorevolezza. Secondo lo stratega repubblicano Brett O’Donnell, i primi trenta minuti di questo primo dibattito saranno decisivi. ‘Riuscirà Romney a convincere gli elettori che Obama ha la colpa delle condizioni economiche attuali? Riuscirà Obama a convincere la gente che il paese è orientato nella direzione giusta e che cambiare rotta metterebbe a rischio una ripresa ancora fragile?’.

Per il presidente poi c’è un incentivo tutto personale a festeggiare: oggi è il ventesimo anniversario delle sue nozze. E a Denver ci saranno anche la moglieMichelle Obama e la compagna del repubblicano, Ann Romney.

http://www.barackobama.com/
http://www.mittromney.com/
http://www.rainews24.rai.it/it/

11 settembre: al via le celebrazioni per l’undicesimo anniversario dagli attentati del 2001

 Celebrazioni sottotono negli Usa per l’undicesimo anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001. La principale cerimonia di commemorazione si terrà a Ground Zero, luogo in cui sorgevano le Torri gemelle, dove saranno letti i nome delle circa 3000 persone uccise a New York, a Washington e a Shanksville, in Pennsylvania.

A differenza degli anni scorsi, in ogni caso, nessun politico di rilievo, né il sindaco Michael Bloomberg né altri, prenderanno la parola a New York mentre il presidente Obama e la moglie Michelle si raccoglieranno in silenzio prima nei giardini della Casa Bianca poi al memoriale del Pentagono. Il vicepresidente Joe Biden andrà invece a Shanksville dove si schiantò il volo 93 della United Airlines.

Ieri, proprio a Shanksville, ha parlato il ministro della Difesa Leon Panetta che ha invitato gli americani a non dimenticare ‘i soldati che combattono e muoiono in Afghanistan‘. A segnare la differenza col passato anche l’andamento della campagna elettorale, che non si fermerà neanche per l’11 settembre. L’ex presidente Clinton sarà oggi a Miami, in Florida.

https://cookednews.wordpress.com/2012/09/04/a-charlotte-la-convention-democratica-per-linvestitura-di-obama-a-candidato-ufficiale-alle-presidenziali-del-6-nov/
https://cookednews.wordpress.com/2012/09/06/i-sette-titani-della-tech-industry-che-finanziano-le-campagne-elettorali/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/02/twindex-a-chi-preferisce-obama-a-romney-su-twitter-il-nuovo-sistema-di-elaborazione-dati-sullelection-day/

A Charlotte la Convention democratica per l’investitura di Obama a candidato ufficiale alle presidenziali del 6 nov.

Questa sera a Charlotte la Convention democratica che investirà il presidente Obama della candidatura ufficiale per le prossime elezioni. In programma per oggi l´intervento della first lady Michelle Obama.

In attesa dei momenti più politici dei prossimi due giorni, oggi l’intervento di primo piano è stato quello della First Lady, Michelle Obama, e del suo compito di mettere in ombra la performance della moglie del candidato repubblicano Mitt Romneydella settimana scorsa a Tampa.

Michelle Obama, official White House portrait.

Michelle Obama, official White House portrait. (Photo credit: Wikipedia)

Molta attesa anche per i discorsi di Antonio Villaraigosa, sindaco di Los Angeles e del sindaco di San Antonio (Texas), Julian Castro, 37 anni (il voto della comunità latina è molto corteggiato, soprattutto negli stati-chiave come la North Carolina).

Mercoledì 5 settembre, oggi, sarà la volta di Bill Clinton. Ex presidente, 66 anni, sempre molto popolare fra gli americani, è stato molto presente nella campagna grazie ad alcuni spot pubblicitari televisivi a sostegno di Obama. Sarà preceduto da Elizabeth Warren, 63 anni, candidata al Senato nel Massachusetts, professore ad Harvard e stimata economista.

Giovedì 6 settembre la Convention si sposterà allo stadio Bank of America per il discorso del presidente Obama che sarà preceduto dal vicepresidente Joe Biden. Lo stadio conta 73.000 posti e gli organizzatori puntano a riempirli tutti.


https://cookednews.wordpress.com/2012/07/27/obama-for-america-101-giorni-al-voto/

Olimpiade 2012 Mission impossible: opening ceremony firmata David Boyle, con Daniel Craig e Queen Elisabeth II

Per Lorenzo Jovanotti, ritwittato 444 volte, ‘è stato il più grande spettacolo dalle parti del Big Ben. Bravissimi! (dovevo dirla).Danny Boyle!’. Le Olimpiadi affascinano si sa, dal  776 a.C. a oggi. Anzi la Olimpiade, per essere corretti, quell’intervallo di quattro anni che segna la fine e l’inizio dei prossimi Giochi Olimpici. E comunque.

Il regista di Trainspotting e The Millionaire è stato apprezzatissimo, forse più di Guy Ritchie in The Snatch, l’ex marito di Madonna. Apprezzatissimo per non aver mancato una sola citazione dei vivi e dei morti inglesi, apprezzatissimi tutti per la letteratura, anche quella infantile, da Tolkien alla Rowling di Harry Potter, prima delle gare di oggi.

L’Opening Ceremony di ieri della Olimpiade di London 2012, la terza che si svolge nella città britannica, è stata una mission impossible al contrario per lo 007 David Craig, agente dei servizi di sicurezza ‘massima’ per l’occasione e la persona da tutelare: la regina Elisabetta II, fresca di Giubileo con i quali ha festeggiato i suoi 60 anni di regno, si è paracadutata protetta dalla bandiera inglese da un elicottero, direttamente sull’Olimpic Stadium, insieme al nuovo James Bond.

La regnate è poi comparsa insieme al marito e salutati i 60mila spettatori lo spettacolo è continuato. Con uno show da 27 milioni di sterline firmato da Danny Boyle, all’insegna ‘dell’orgoglio nazionale ma anche della modestia’ perché, ha spiegato il regista ‘dobbiamo capire il nostro posto nel mondo, insieme agli altri. Come togheter, dunque: da Shakespeare ai Beatles, la città dei Giochi si presenta al mondo. Presenti anche l’italiano Giorgio Napolitano, Michelle Obama in rappresentanza del marito Barak, il premier russo Dmitri Medvedev, più qualche testa coronata in rappresentanza dell’audience globale: un miliardo di telespettatori.

In mezzo allo stadio, un prato fiorito di 15 mila metri quadrati: la green ad pleasant land di Jerusalem, l’inno non ufficiale del Regno Unito da una poesia di William Blake diventato colonna sonora del medagliere passando per Momenti di Gloria, il film olimpico per eccellenza.Inghilterra targata Tolkien. La casetta col tetto di paglia di Winny the Pooh, un mulino ad acqua, giocatori di rugby. ‘Non temere, l’isola è piena di suoni e melodie che dilettano e non fanno male’, legge Sir Kenneth Branagh dalla Tempesta di Shakespeare. Ma poi la terra trema e si apre minacciosa. Il verde scompare e lascia il posto a otto ciminiere, i dark satanic mills di Blake, ma anche Pandemonium, la capitale dell’inferno nel Paradiso Perduto di Milton e la Gran Bretagna della Rivoluzione Industriale.

Eccitazione e paura. Guerre e prosperità, fino alla ricchezza. Sindacati e suffragette. Tra le ciminiere viene forgiato un gigantesco anello che si unisce a altri quattro e la forza delle fonderie li spinge in cielo. La Regina e Bond. Poi la sovrana in carne ed ossa arriva accompagnata dal marito Filippo e dal presidente del Comitato Olimpico Jacques Rogge: a precederla il filmato in cui Bond la scorta da Buckingham Palace, in elicottero fino allo stadio.

Il terzo atto è all’insegna di due rivoluzioni di cui la Gran Bretagna è orgogliosa: la sua letteratura per l’infanzia e il servizio sanitario nazionale. Un pizzico di politica nella Gran Bretagna dei tagli ma anche una fiaba: Mary Poppins cala dal cielo e scaccia Voldemord, Crudelia e gli altri cattivi. ‘Seconda a destra e poi dritto fino al mattino’ nelle parole di Peter Pan, legge J. K. Rowling.

Ogni giorno, dal  ‎27 luglio – 12 agosto, Google si farà ispirare per il proprio Doodle quotidiano dai Giochi Olimpici di London 2012.

 sir danny boyle@dannyboylefilmdaily mail,#olympicceremonyDanny Boyle#openingceremony #OlympicCeremony

http://www.london2012.com/
https://cookednews.wordpress.com/2012/06/25/la-tour-effeil-va-a-londra-o-quasi/
https://cookednews.wordpress.com/2012/06/30/london2012-per-le-olimpiadi-a-lavoro-in-bici-si-dorme-anche-in-ufficio/

Obama e il Dream Act: il presidente americano concede i permessi di lavoro ai figli degli immigrati

Il presidente Barack Obama dice che il suo piano per fermare deportazione giovani immigrati clandestini che sono venuti negli Stati Uniti da bambini renderà il sistema ‘più equo, più efficiente e più giusto’.

Venerdì scorso, giornata in cui è stata presentata l’iniziativa, il presidente ha spiegato che ‘non ha senso espellere giovani talenti’, che sono essenzialmente americani. Il decreto presidenziale arriva in assenza di una decisione da parte del Congresso ‘per risolvere il nostro sistema danneggiato’.

L’annuncio del presidente Obama arriva nel 30esimo anniversario della decisione della  Supreme Court, la Corte Suprema di concedere ai figli di genitori immigrati illegalmente, il diritto di accedere all’educazione pubblica negli States.

Nell’anno delle elezioni, che si terranno il prossimo 6 Nov., l’iniziativa di Obama alle prese con il Dream act, dovrebbe aiutarlo con gli elettori ispanici, il cui voto risulterà cruciale per la rielezione del 44esimo presidente degli Stati Uniti, il primo di etnia afro (e primo in una serie di altre cose, fra cui l’aver dichiarato di ascoltare la musica rap, è stato il primo a essere contestato in piazza – da una destra conservatrice – per aver convertito parte del sistema sanitario statunitense da privato in pubblico ed è anche il primo presidente americano ad aver parlato di nozze gay, dicendosi affatto contrario. Del resto il presidente, eletto nel 2008 come primo rappresentante del partito democratico ha avuto due figlie dalla first lady Michelle Obama). Con la concessione dei permessi di lavoro ai giovani immigrati, in ben 800.000 che hanno finora vissuto nel terrore della deportazione, saranno preservati da questa per i prossimi due anni.

Un giornalista nel Rose Garden, il giardino delle rose, Neil Munro reporter del giornale online The Daily Caller di stampo ultra conservatore ha chiesto al presidente americano, mentre stava parlando, ‘Perché si favoriscono gli stranieri sui lavoratori americani? E Obama infastidito dall’interruzione, ha comunque risposto dicendo ‘this is the right thing to do’ – che ‘questa è la cosa giusta da fare.’

Il presidente degli Stati Uniti ha anche aggiunto rivolgendosi al cronista – ‘la prossima volta preferisco che lei mi lasci finire il mio discorso prima di parlare’.

http://www.lfpress.com/news/world/2012/06/16/19885366.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Barack_Obama 

Create a free website or blog at WordPress.com.