69 Mostra del Cinema di Venezia: Ciprì, Bellocchio e Comencini gli italiani in concorso

69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Direttore: Alberto Barbera

29 agosto > 8 settembre 2012

Per l’edizione numero 69 della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dal 29 agosto all’8 settembre al Lido di Venezia saranno tre i film italiani in concorso: ‘È stato il figlio’ di Daniele Ciprì, una famiglia sconvolta da un delitto di mafia allo Zen di Palermo, la ‘Bella addormentata’ di Marco Bellocchio, morte ed eutanasia raccontati attraverso la storia di Eluana Englaro e ‘Un giorno speciale’ di Francesca Comencini su due giovani precari alla ricerca di lavoro e invece trovano l’amore. I primi due lungometraggi hanno come protagonista Toni Servillo, mentre il terzo è interpretato da due giovani attori, Filippo Scicchitano e Giulia Valentini.

I tre italiani in gara per il Leone d’oro dovranno vedersela con i fuoriclasse Terrence Malick, con il suo ‘To the Wonder’, storia d’amore con Ben Affleck e Rachel McAdams, ‘Passion’ di Brian de Palma, ancora con Rachel Adams e Noomi Rapace, Takeshi Kitano con ‘Outrage beyond’ e Kim Ki-duk con ‘Pietà’. In concorso anche il francese Olivier Assayas con ‘Après mai’, Ramin Bahrani con ‘At any price’, con Zac Efron e Dannis Quaid, ‘La cinquième saison’ di Peter Brosens e Jessica Woodworth, l’israeliano Rama Burshtein con ‘Fill the Void’, il belga Xavier Giannoli con ‘Superstar’, l’americano ‘Spring breakers’ di Harmony Korine, con James Franco, il film filippino di Brillante Mendoza ‘Thy Womb’, il portoghese ‘Linhas de Wellington’ di Valeria Sarmiento, l’austriaco ‘Paradies: Glaube’, di Ulrich Seidl, il russo ‘Izmena’ di Kirill Serebrennikov. Il diciottesimo film verrà svelato nei prossimi giorni.

Sarà la giuria presieduta dal regista americano Michael Mann, che comprende fra gli altri Matteo Garrone e Laetitia Casta, ad assegnare quest’anno il Leone d’oro e gli altri premi. Il film d’apertura sarà ‘The Reluctant Fundamentalist’, diretto dalla regista indiana Mira Nair, con Kate Hudson, Kiefer Sutherland, Liev Schreiber.

L’attrice Kasia Smutniak sarà la madrina delle serate di apertura e chiusura della 69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

http://www.labiennale.org/it/cinema/mostra-69/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/26/69-mostra-internazionale-darte-cinematografica-di-venezia-sigla-di-opening-sequence-by-simone-massi/

Festival di Cannes 65esima edizione: i vincitori

L’austriaco Michael Haneke con il suo ‘Amour’ ha vinto al Palma d’Oro al Festival di Cannes. La giuria presieduta da Nanni Moretti ha premiato anche Matteo Garrone, con il suo ‘Reality‘, a cui è stato assegnato il prestigioso Grand Prix. Per entrambi i registi si tratta di uno storico bis. Haneke aveva già vinto la Palma d’Oro nel 2009 con ‘Il nastro bianco’. Il regista romano invece, era stato già premiato con lo stesso riconoscimento nel 2008 con Gomorra.

Amour‘, interpretato da un vero e proprio mostro sacro del cinema francese come Jean-Louis Trintignant, è la storia straziante di un devoto marito di Parigi che si prende cura della moglie morente.’Reality‘, invece, ha per protagonista l’attore detenuto Aniello Arena e racconta la storia di Luciano, un pescivendolo napoletano che viene selezionato per partecipare al ‘Grande Fratello’, un evento che gli cambierà la vita. 

Il premio della giuria è andato invece a Ken Loach per la sua commedia ‘The Angel’s Share’. Ma il vincitore morale è stato certamente il rumeno Christian Mungiu che ha ottenuto il premio per la migliore sceneggiatura per ‘Beyond the Hills‘, mentre le sue due principali interpreti Cosmina Stratan e Cristina Flutur hanno vinto ex equo il premio come migliori attrici.

Il titolo di miglior regista è andato al messicano Carlos Reygadas per ‘Post tenebras lux‘, mentre come miglior attore maschile è stato premiato Mads Mikkelsen, per la sua interpretazione in ‘The Hunt‘ del danese Thomas Vinterberg.

A Cannes, a rappresentare l’Italia, ‘Reality’ il nuovo film di Matteo Garrone

Un’edizione tutta italiana per il 65esimo Festival di Cannes, dal 16 al 27 maggio. In concorso con ‘Reality’, un film – documentario sul mondo della tv, Matteo Garrone, regista di Gomorra, mentre è fuoriconcorso ‘Io e te’ di Bernardo Bertolucci, tratto dall’omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti. L’edizione di quest’anno avrà come presidente di giuria Nanni Moretti. Brad Pitt e Angelina Jolie, Robert Pattinson, l’Edward di Twilight e Nicole Kidman sono soltanto alcune delle stelle dello show business che concorreranno per la Palma D’Oro.

Dopo ‘Gomorra’, il romanzo di Roberto Saviano da cui Garrone ha tratto il film di successo internazionale, per la sua nuova creazione cinematografica il regista ha scelto gli esordienti Aniello Arena e Loredana Simioli che insieme a  Claudia Gerini, rappresenteranno il made in Italy al prossimo Festival internazionale del Cinema di Cannes.  Molti i big in concorso a partire da ‘Cosmopolis’ di David Cronenberg con il vampiro Pattinson e ‘On The Road’ di Walter Salles con Kristen Stewart, mentre Brad Pitt tornerà sulla Croisette con ‘Kill Them Softly’ di Andrew Dominik.

Ci saranno anche ‘Amour’ di Michael Haneke, ‘Rust and Bone’ di Jacques Audiard, ‘The Angel’s Share’ di Ken Loach, ‘Lawless’ di John Hillcoat, ‘Like Someone in Love’ di Abbas Kiarostami, ‘Beyond the Hills’ di Cristian Mungio, ‘Holy Motors’ di Leos Carax, l’atteso ‘The Paperboy’ di Lee Daniels con Nicole Kidman, ‘Vous N’Avez Encore Rien Vu’ di Alain Resnais, ‘Apres La Bataille’ di Yousry Nasrallah, ‘Dans La Brume’ di Sergei Loznitsa, ‘The Hunt’ di Thomas Vinterberg, ‘Paradise: Amour’ di Ulrich Seidl, ‘Taste of Money’ di Im Sang-Soo e ‘In Another Country’ di Hong SangSoo, ‘Post Tenebras Lux’ di Carlos Reygadas e ‘Mud’ di Jeff Nichols.

Fuori Concorso per l’Italia sarà presentato ‘Io e Te’ di Bernardo Bertolucci che segna il ritorno del regista un anno dopo la Palma d’Oro alla carriera con il nuovo film tratto dal romanzo omonimo di Niccolò Ammaniti, mentre ‘Dracula 3D’ di Dario Argento ci sarà come Evento di Mezzanotte.

Il film d’apertura in concorso è quello di Wes Anderson ‘Moonrise Kingdom’. Chiude ‘Therese D’, l’ultima opera di Claude Miller, il regista francese scomparso il 4 aprile scorso con Audrey Tautou.

Create a free website or blog at WordPress.com.