Palermo: scontri nella notte, carabiniere spara in aria

Scontri-carabinieri-Gesip-2-400x215Tensione e scontri questa notte a Palermo tra un gruppo di ex Pip e operai Gesip, che hanno rovesciato alcuni cassonetti per strada, e i carabinieri.

Davanti all’Assemblea regionale siciliana, dove c’è un presidio dei precari, una ventina di operai hanno iniziato ad inveire contro i militari e lanciare pietre. Uno dei carabinieri, per sedare gli animi, ha esploso otto colpi di pistola in aria. Un pregiudicato di 43 anni,  V. S., è stato fermato e denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le generalità. Una ventina le persone identificate. L’uomo fermato, che ha accusato un malore, è stato subito soccorso e trasportato in ambulanza all’ospedale Civico, dove i medici lo hanno dimesso con sei giorni di prognosi.

Questo il bilancio della notte di protesta a Palermo. Protagonisti lavoratoti precari che presidiavano l’Assemblea regionale impegnata in queste ore nel complesso varo della finanziaria. Nel corso della notte anche una sassaiola all’indirizzo dei carabinieri che poco prima avevano bloccato un uomo. Un militare per dissuadere i manifestati aveva anche sparato alcuni colpi di pistola in aria.

La scintilla dei tafferugli il rovesciamento di un paio di cassonetti in corso Alberto Amedeo, all’incrocio con piazza Indipendenza, con l’effetto di ostruire la carreggiata. Uno dei vandali era stato bloccato subito dai carabinieri mentre altri due erano fuggiti verso piazza del Parlamento chiedendo man forte ai lavoratori che stazionavano per la loro manifestazione. A seguire una sorta di marcia verso la caserma. I manifestati sono stati dispersi dopo l’arrivo dei rinforzi dei carabinieri.

Advertisements

Front End Summit – 27 Settembre: un engineering Tech Talk event su Twitter

Front End Summit – 27 Settembre

Twitter Front End Summit

Tuesday, September 27th

Martedì 27 settembre

Primo piano Speaker: Andreas Gal di Mozilla

I file PDF sono tradizionalmente eseguiti utilizzando i plugin di codice nativo. Molto spesso, i viewers di native code  si trasformano in piattaforme di esecuzione di codice nativo non intenzionali. Andreas Gal parlerà di PDF.js Mozilla, un puro JavaScript PDF renderer.

Demo appariscente a parte, il discorso si concentrerà sui trucchi delle prestazioni del team di Mozilla usati per rendere veloce il rendering PDF (siamo sul just-in-time dei contenuti di compilazione PDF!), sul rapporto dei limiti delle tele API, e di alcuni importanti dettagli come l’intenzione di risolvere comodamente alcuni problemi in cui rischiamo di incorrere quando abbiamo a che fare anche con un popolare browser come Firefox.

Andreas Gal è un ricercatore di Mozilla, che lavora su JavaScript e la ricerca web (Web research). In precedenza ha lavorato come scienziato del progetto presso la University of California, Irvine, lavorando sui Secure Systems and Languages Laboratory del professor Michael Franz. Il background di Gal è nei secure systems,  i sistemi sicuri, i type-safe languages, la compilazione dinamica, e le macchine virtuali.

Twitter Speaker: Mark Otto (@mdo) su Bootstrap

A proposito di Bootstrap: Bootstrap è un toolkit progettato da Twitter per kickstart front-end  e lo sviluppo di applicazioni web e siti. Si tratta di una biblioteca solida e in costante crescita che comprende tutti i requisiti essenziali e well-designed HTML, CSS e javascript, necessaria per qualsiasi progetto.

Bio: Mark è stato un designer di prodotto su Twitter dai primi mesi del 2010, lavorando principalmente con altri designer e ingegneri sul Twitter Web e Revenue Teams. Bootstrap rappresenta oltre 8 anni di esperienza nella progettazione e codifica con i CSS e HTML per aiutare a costruire grandi prodotti online.

Slides: Bootstrap slides (PDF) 

Twitter Speaker: Jacob Thornton (@fat) on Ender

A proposito di Ender: Ender è un gestore di pacchetto completo di funzionalità per il browser. Permette di cercare, installare, gestire e compilare front-end di pacchetti javascript e le loro dipendenze per il web. Ender non è una libreria javascript. Non è una sostituzione jQuery. Non è nemmeno un  static asset, un bene statico. E’ uno strumento per rendere il consumo di front-end dei pacchetti javascript morti semplice e incredibilmente potente.

Bio: Jacob lavora a Twitter. Scrive javascript e ha lavorato nel team mootools, Ender, e più recentemente bootstrap. Lui ti può insegnare ‘how to dougie’.  

Slides: Ender slides (PDF)

@TwitterEng Events
https://dev.twitter.com/engineering/tech-talks/front-end-summit

Create a free website or blog at WordPress.com.