Wed 19th March: Everything is Connected / Climate Revolution! (from Vivienne Westwood’s diary)

#climaterevolution #viviennewestwood #cookednews.

‘The fight against fracking is the most important battle the British people will ever fight! It is the 1st battle in the war against climate change’  (Posted on Tuesday, March 25th, 2014 by Vivienne)

Our Big Day! The Fracked Future Carnival. Climate Revolution and Friends of the Earth, Frack Off London, Ecocide, Fuel Poverty Action, Reclaim the Power, the rest were community groups (Frack free Somerset, Britain & Ireland Frack Free, Resident Action on Fylde Fracking, East Kent Against Fracking, Trillion Fund).

Scheduled for today so we can protest the conference of Conspirators, those business and government officials who are meeting to force fracking through against the public interest and before the public have been warned of the danger.

Officials who have their head in a box and are prepared to destroy the world for profit.

We know they have re-located their conference for fear of us and we know where it is.

We will stick to our original plan: meet at our Battersea studio, march over the bridge to the King’s Rd, join fellow protestors at Knightsbridge tube then move to the original location of the conference, a stone’s throw away at Jumeira Hotel. We will give our speeches outside and then go to the secret location.

Battersea. We were ready. I had given all our workmates the day off. Cindy the youngest member of Climate Revolution had done a great job mustering the troops and organizing our students to make plaquards. Others who joined us were in carnival mood, dressed as zombies and ghouls.

I hadn’t wanted a carnival. It’s a matter of life and death and I didn’t wear my warpaint. We want to attract “ordinary people” and by that we mean people who aren’t normally political. But our activist colleagues were right we needed the Carnival. We were only expecting up to 500 people and that’s how it turned out. It was a week day, also Budget Day. Did the conspirators plan that?- don’t underestimate their fear of the public. John Sauven, head of Greenpeace couldn’t come because he was dealing with press on the budget. And what about students? Simon, a student activist friend should have been organizing but he didn’t even show up: because he’s doing his exams. Come on !

We looked great. There was lots of press. I was asked to lead the procession. I bowed and put my hands together in prayer, as you would before a battle. Then off we were!

People in King’s Rd hailed us in support and Cindy shouted out, keeping us all together because of having to stop for traffic. I talked to some of my friends as we marched along. At the Jumeirah Hotel we met Rhythm of Resistance, a samba band and campaigner Nigel with his demo/disco bus. In front of the hotel was a little square where we gave our speeches and thanked the fighters in the anti-fracking camps. Vanessa Vine From Balcombe is an inspiring speaker and full of powerful information. She’s been fighting fracking for 3 years and is just back from America. The queen of it all was scientist Tisha who was responsible for much of the organization and acted as a master of ceremonies –the prettiest ghoule you ever saw but she stays anonymous so you can’t see a photo of her. Then some of us got on Nigel’s bus and went to the secret location near to Bunyon Fields near Old St.

When we got near I looked out the window and saw another demonstration walking down the main road and they looked really interesting, lots of them, then I read the plaquards and realized it was us, the others had come on the tube. (They had a good time explaining to people what we are about – life and death, yeah!) We met our mole who had been inside the conference so we are informed of the conspirator’s agenda. See their confidential presentation www.talkfracking.org.  The secret location was Armoury House on City Rd.

The samba band was really important – lots of drumming outside the gates. The press asked me,

“How do you feel that the pro-frackers have come here to escape you, protected by the army?”

You sometimes worry that you’re so small against the enormous power of the conspiracy to destroy – press, politics, business, banks – and what perhaps only seems to be the acquiescence of the general public. It is heartening to read those articles of mutual support in the fight, from journalists of the standard press, especially the Guardian and those on the Internet and of course the support of all the NGO’s and sometimes great groups of people. At our demo someone gave out flyers for the Green Party, a great group with whom I entirely agree. They start by condemning austerity. If all the world would put their financial programme into practise we could save the earth and economic collapse.

It’s so important to demonstrate for your beliefs.   We will win because we have to.

 www.talkfracking.org

#againstfrackingClimateRevolutionCookednews

Advertisements

WSJ: Cuba’s Role Behind the Turmoil in Venezuela

Marvinia Jimenez #Cookednews

The bloodshed in Caracas over the past 12 days brings to mind the 2009 Summit of the Americas in Port of Spain, where President Obama greeted Venezuelan dictator Hugo Chávez with a huge grin and a warm handshake. A couple of months later the State Department attempted to force Honduras to reinstall pro-Chávez president Manuel Zelaya, who had been deposed for violating the constitution.

Brows were knitted throughout the Americas. Why did the U.S. president favor the Venezuelan dictator, protégé of Fidel Castro, over Honduras, which still had a rule of law, press freedom and pluralism?

Fast forward to last Wednesday, after four peaceful student-protesters had been confirmed as having been killed by the government’s armed minions. Mr. Obama took notice, pronouncing the brutality “unacceptable.” That must have been comforting to hear amid the gun shots and pummeling on the streets of Caracas.

That same night the government of Nicolás Maduro —Chávez’s handpicked successor—unleashed a wave of terror across the country. According to Venezuelan blogs and Twitter posts, the National Guard and police went on a tear, firing their weapons indiscriminately, beating civilians, raiding suspected student hide-outs, destroying private property and launching tear-gas canisters. Civilian militia on motor bikes added to the mayhem. The reports came from Valencia, Mérida, San Cristóbal, Maracaibo, Puerto Ordaz and elsewhere, as well as the capital.

Venezuela has promised 100,000 barrels of oil per day to Cuba, and in exchange Cuban intelligence runs the Venezuelan state security apparatus. The Cubans clearly are worried about losing the oil if their man in Caracas falls. Opposition leader Leopoldo López, who heads the Popular Will political party, spent several years building a network of young recruits around the country. Last week’s unrest is a testament to that organization, and it is why the 42-year-old Mr. López is now behind bars.

In Ukraine, the European Union has pressured the government to reach a compromise with the opposition. Venezuelans are getting no such help from the neighbors. Only Colombia, Chile and Panama have objected to the crackdown. The rest of the hemisphere doesn’t have even a passing interest in human rights when the violations come from the left. The Organization of American States is supposed to defend civil liberties, but since Chilean Socialist José Miguel Insulza took the OAS helm in 2005, it has earned a disgraceful record as a shill for Cuba.

Venezuelans seeking change face daunting odds. The crowds in the streets of Caracas in recent days have not been significantly bigger than in many prior-year protests, including 2002, when a march in Caracas almost unseated Chávez.

This time the repression has been fierce. Besides injuries and death, hundreds have been detained and it would not be surprising if many are given long sentences. Mr. Maduro needs scapegoats for the violence he unleashed. Iván Simonovis, the former head of the Caracas Metropolitan Police, has been a political prisoner since 2004. Chávez made him take the fall for the 17 people killed in the April 2002 uprising even though video evidence points to chavista snipers. Photos of the once-fit policeman, frail and gravely ill from the inhuman circumstances of his long incarceration, are chilling.

Another problem is the division within the opposition. The governor of the state of Miranda, Henrique Capriles, represented a broad coalition of anti-chavista parties when he ran for president in 2013. But when he conceded to Mr. Maduro amid strong evidence that the election had been stolen, Mr. López and other members of the opposition broke with Capriles supporters.

Students have also been hamstrung by a communications blockade. The government controls all Venezuelan television and radio airwaves. When the violence broke out, it forced satellite providers to drop the Colombian NTN channel. Internet service has been cut in many places.

Getting the very poor on board for a regime change is a challenge. Some still see chavismo as their government, even if they have no love for Mr. Maduro and suffer from high inflation. Others don’t dare speak out, for fear of losing state jobs or their lives. The barrios are terrorized by the chavista militia.

Mr. Maduro says he will use every weapon to quell the unrest. On Friday afternoon the son of a Venezuelan friend sent me photos from Caracas of troops massing at the Francisco de Miranda air base in the middle of the city. The Cuban-backed Venezuelan high command, Cuban intelligence (the country is thick with agents) and plainclothes militia will play rough.

On the other hand, the government is bankrupt, and food and other shortages will get worse. Mr. Maduro may pacify Caracas, but food is harder to find in the interior of the country than in the capital. It is there that the fires of rebellion, burning for the first time under chavismo, might race out of control. Many army officers come from lower-middle-class families, and it is not clear that they will stand by and watch large numbers of civilians being slaughtered. Many resent the Cuban occupation.

What comes next is hard to predict. But no one should underestimate Cuba‘s comparative advantage: repression.

#Venezuela #Cuba #Cookednews

The Day We Fight Back Against Mass Surveillance

thedaywefightback.org

TODAY, FEBRUARY 11TH, 2014 IS THE DAY WE FIGHT BACK AGAINST MASS SURVEILLANCE

The NSA ‘has secretly broken into the main communications links that connect Yahoo and Google data centers around the world.’ (The New York Times)

The NSA is collecting the content and metadata of emails, web activity, chats, social networks, and everything else as part of what it calls ‘upstream’ collection. (The Washington Post)

The NSA collected ‘almost 3 billion pieces of intelligence from US computer networks’ in one month in 2013. (The Guardian)

Governments worldwide need to know that mass surveillance, like that conducted by the NSA, is always a violation of our inalienable human rights.

Over the past year, more than 360 organizations in over 70 countries have come together to support the International Principles on the Application of Human Rights to Communications Surveillance.

These thirteen Principles establish the human rights obligations of any government conducting surveillance. They are the core of an international movement to compel all states to stop the mass spying of the innocent. The Principles are already being used in national campaigns and international pressure to reign in spies including the NSA.

On Anniversary of Aaron Swartz’s Tragic Passing, Leading Internet Groups and Online Platforms Announce Day of Activism Against NSA Surveillance

Mobilization, dubbed “The Day We Fight Back” to Honor Swartz & Celebrate Anniversary of SOPA Blackout

A broad coalition of activist groups, companies, and online platforms will hold a worldwide day of activism in opposition to the NSA’s mass spying regime on February 11th. Dubbed ‘The Day We Fight Back‘, the day of activism was announced on the eve of the anniversary of the tragic passing of activist and technologist Aaron Swartz. The protest is both in his honor and in celebration of the victory over the Stop Online Piracy Act two years ago this month, which he helped spur.

Participants including Access, Demand Progress, the Electronic Frontier Foundation, Fight for the Future, Free Press, BoingBoing, Reddit, Mozilla, ThoughtWorks, and more to come, will join potentially millions of Internet users to pressure lawmakers to end mass surveillance — of both Americans and the citizens of the whole world.

On January 11, 2013, Aaron Swartz took his own life. Aaron had a brilliant, inquisitive mind that he employed towards the ends of technology, writing, research, art, and so much more. Near the end of his life, his focus was political activism, in support of civil liberties, democracy, and economic justice.

Aaron sparked and helped guide the movement that would eventually defeat the Stop Online Piracy Act in January 2012. That bill would have destroyed the Internet as we know it, by blocking access to sites that allowed for user-generated content — the very thing that makes the Internet so dynamic.

David Segal, executive director of Demand Progress, which he co-founded with Swartz, said: ‘Today the greatest threat to a free Internet, and broader free society, is the National Security Agency’s mass spying regime. If Aaron were alive he’d be on the front lines, fighting back against these practices that undermine our ability to engage with each other as genuinely free human beings.’ According to Roy Singham, Chairman of the global technology company ThoughtWorks, where Aaron was working up until the time of his passing:

‘Aaron showed us that being a technologist in the 21st century means taking action to prevent technology from being turned against the public interest. The time is now for the global tribe of technologists to rise up together and defeat mass surveillance.’

According to Josh Levy of Free Press:

‘Since the first revelations last summer, hundreds of thousands of Internet users have come together online and offline to protest the NSA’s unconstitutional surveillance programs. These programs attack our basic rights to connect and communicate in private, and strike at the foundations of democracy itself. Only a broad movement of activists, organizations and companies can convince Washington to restore these rights.’

Brett Solomon, Executive Director, Access, added:

‘Aaron thought in systems. He knew that a free and open internet is a critical prerequisite to preserving our free and open societies. His spirit lives in our belief that where there are threats to this freedom, we will rise to overcome them. On February 11th, we’ll rise against mass surveillance.’

On the day of action, the coalition and the activists it represents make calls and drive emails to lawmakers. Owners of websites will install banners to encourage their visitors to fight back against surveillance, and employees of technology companies will demand that their organizations do the same. Internet users are being asked to develop memes and change their social media avatars to reflect their demands.

Websites and Internet users who want to talk part can visit TheDayWeFightBack.org to sign up for email updates and to register websites to participate. Regular updates will be posted to the site between now and the February 11th day of action.

WHO: Access, Demand Progress, Electronic Frontier Foundation, Fight for the Future, Free Press, The Other 98%, BoingBoing, Mozilla, Reddit, ThoughtWorks — and many more to come

WHAT: Day of Action in Opposition to Mass Spying, Honoring Aaron Swartz and SOPA Blackout Anniversary

WHEN: February 11, 2014

HOW INTERNET USERS CAN HELP:

  1. Visit TheDayWeFightBack.org
  2. Sign up to indicate that you’ll participate and receive updates.
  3. Sign up to install widgets on websites encouraging its visitors to fight back against surveillance. (These are being finalized in coming days.)
  4. Use the social media tools on the site to announce your participation.
  5. Develop memes, tools, websites, and do whatever else you can to participate — and encourage others to do the same.

    TAKE ACTION NOW, #CookedNews,#stopspying, #stopspying

    https://thedaywefightback.org/

AMAZING news/Antagonismo e Attivismo/Arte/Blogs/controcultura/Cooked News/Free Software/I Post più letti/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/New Media/Newspapers/Politica/Rete sociale/Web News/world news/Worpress.Com

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Wikipedia e il caso degli editor ‘comprati’

English: Jimbo Wales, the founder of Wikipedia...

English: Jimbo Wales, the founder of Wikipedia, in İstanbul Türkçe: Wikipedia’nın kurucusu Jimbo Wales İstanbul’da bir röportaj esnasında (Photo credit: Wikipedia)

E’ di qualche ora fa la diffusione della notizia che Wikipedia abbia pubblicato delle pagine soltanto perché qualcuno le ha pagate. Cioè di editor comprati per poter avere uno spazio sull’Enciclopedia free common della Rete.

‘Lo scandalo è scoppiato all’interno di una discussione sulla pagina Did You Know(DYK) di Wikipedia – dice il giornalista di Punto Informatico – scatenando la furia del founder Jimmy Jimbo Wales. Più di un’ombra sulle attuali policy della popolare enciclopedia libera, che avrebbero permesso a uomini di fiducia di piazzare numerosi articoli a pagamento, aggiornamenti alle voci in lingua inglese per soddisfare le esigenze dei signori delle public relation’.

‘Nel mirino due tra i cosiddetti wikipediani residenti (Wikipedian In Residence), ruolo ricoperto da editor come intermediari tra istituzioni culturali – in particolare, quelle del progetto GLAM– e la comunità dei contributor della stessa Wikipedia. Da policy interne all’enciclopedia online, i wikipediani residenti non possono risultare in conflitto d’interessi, non abilitati alla modifica degli articoli relativi alle istituzioni curate’, assicura il portale online.

‘Roger Bamkin, uno dei trustee della divisione britannica della Wikimedia Foundation, avrebbe sfruttato la feature DYK e le stesse risorse del GLAM Project per piazzare ripetuti aggiornamenti prezzolati. Tra i ‘clienti’ dello stesso Bamkin – che sul suo profilo LinkedIn si descrive come un proficuo consulente PR – il governo di Gibilterra, comparso per ben 17 volte in un solo mese tra le modifiche agli articoli dell’enciclopedia.’

‘Il secondo personaggio coinvolto è Max Klein, primo gestore di una società di consulenza chiamata UntrikiWiki. Sul sito web della stessa azienda si legge: Un articolo positivo su Wikipedia rappresenta una strategia SEO di indubbio valore: è quasi garantita una posizione tra i primi tre risultati sul motore di ricerca Google. Il conflitto d’interessi appare qui nella sua lampante evidenza’ si legge nell’articolo.

‘Non ero a conoscenza di questo caso, e non ho avuto ancora il tempo per approfondire. È disgustoso’, ha tuonato Jimbo Wales. Secondo il founder di Wikipedia, il piazzamento di un articolo su commissione rappresenta una pratica vietata dalle policy interne al sito. È però vero che non esiste, almeno attualmente, una specifica policy che vieti l’editing a pagamento. Si tratta di una questione etica spinosa, che andrà senz’altro chiarita al più presto’ .

La notizia ha già seguito il tam tam della rete, raggiungendo in pochi minuti anche l’Italia. Resta da vedere quanto ci sia di attendibile e quale decisione ha intenzione di prendere il fondatore della libera Enciclopedia della Rete, Wikipedia appunto, per mantenere la propria credibilità a proposito di etica di pubblicazioni fuori lucro.

Wikipedia strike: in Russia per 24 ore, la libera enciclopedia manifesta contro la restrizione dei contenuti

Russia: Wikipedia strike per 24 ore, la libera enciclopedia manifesta contro la restrizione dei contenuti. Sciopero di 24 ore per la sezione sovietica di Wikipedia contro un progetto di legge che vuole creare una lista nera di tutti i siti con contenuti vietati.

Bannati, out, fuori dunque dalla grande enciclopedia del web ogni materiale pedo pornografico o vicino soltanto all’estremismo politico.

La versione in cirillico della più grande enciclopedia online sospenderà la sua attività per 24 ore contro una  legge sostenuta da tutti e quattro i partiti che siedono in Cremlino.

Una proposta, la Stop Online Piracy Act (SOPA) per gli americani, che ha però suscitato le critiche dei difensori dei diritti umani e dei provider Internet, secondo i quali si tratta di un tentativo di censura del web russo.

Tra gli oppositori alla proposta si trovano anche AmazonMicrosoftGoogleYahoo!FacebookTwitterAOLLinkedIn, la Blender FoundationeBay, la Mozilla Foundation, la Wikimedia Foundation, la Free Software Foundation di Richard Stallman, la Creative CommonsSpartz Media e varie organizzazioni per i diritti umani come Reporter Senza Frontiere, l’Electronic Frontier Foundation, l’American Civil Liberties UnionAvaaz.org e Human Rights Watch.

Qualche giorno fa, come succede per qualsiasi notizia o fatto di cui si torna ciclicamente a parlare e discutere, Wikipedia è stata nuovamente al centro del ciclone parlando di copyright relativo alle pellicole hollywoodiane. Jimbo Wales in persona, fondatore di Wikipedia, si è esposto per il caso di Richard O’Dwyer, ventiquattrenne inglese a rischio estradizione negli USA ( un po’ come l’ideatore della condivisione in streaming su Megaupload tutt’ora sottoprocesso) per rispondere a un’accusa di violazione del copyright.

O’Dwyer è uno studente della Sheffield Hallam University, ma è anche il creatore di TVShack, un sito pensato, prima ancora che venisse  sequestrato secondo volere dello US Immigration and Customs Enforcement – per vedere film e telefilm completi (anche prodotti in America). Una specie di motore di ricerca dei link a cui andare per poter vedere un film gratis.

Storia e curiosità di Wikipedia

Jimmy Donal Wales, detto Jimbo (Huntsville8 agosto 1966), è un imprenditore statunitense, noto per essere uno dei fondatori del progettoWikipediaWikipedia è un’enciclopedia online a contenuto libero nata il 15 gennaio 2001. Tra i suoi principi ci sono il punto di vista neutrale e il rispetto del copyright

L’anno del creative commons è il 2009. Il 15 giugno, dopo una consultazione aperta a tutte le comunità dei progetti gestiti dalla Wikimedia Foundation, il Board of Trustees approva la risoluzione e aggiunge la licenza libera Creative Commons Attribution-ShareAlike[25] (CC-BY-SA) alla GNU Free Documentation License. Questo permette un più agevole interscambio di contenuti con le innumerevoli realtà della rete, grazie anche a una più assidura diffusione delle licenze CC.

La versione più ricca è quella inglese. Il 17 agosto  2009 Wikipedia in inglese supera i 3 milioni di voci. Tra tutte le edizioni le voci sono circa 13 milioni. Il 28 agosto Wikipedia in italiano supera le 600.000 voci (sesta edizione per numero di voci)

Nel mese di marzo di quest’anno, Wikipedia in italiano supera le 900.000 voci. Il 20 aprile 2012 l’utente Koavf ha raggiunto quota un milione di modifiche è il primo e finora l’unico a riuscirci in tutta la storia di wikipedia.

Da sesto più cliccato al mondo ai palazzi del potere

A marzo scorso su Twitter, Tim Kelsey, direttore esecutivo del governo inglese per la trasparenza e l’open data  annuncia che si affiderà a Jimmy Donal Wales. L’imprenditore americano, 45 anni, da quest’anno farà da consulente, non retribuito e senza una scadenza temporale, per tutte le questioni che riguardano l’accesso alle informazioni, la comunicazione delle decisioni del governo e la partecipazione dei cittadini.

Obiettivo dichiarato di Downing Street è trasformare le comunicazioni governative da statiche a dinamiche e partecipative. Con un  risparmio previsto di 50 milioni di sterline all’anno, una comunicazione più efficace e un ritorno di immagine enorme per Cameron e i suoi aiutanti.

Blocco di Wikipedia

In Cina

Wikipedia è stata bloccata dalla Repubblica Popolare Cinese più volte. I blocchi più importanti sono stati effettuati nel giugno 2004, quando l’accesso agli utenti cinesi di Wikipedia residenti a Pechino è stato bloccato per il quindicesimo anniversario della manifestazione di piazza Tiana nmen. Il blocco è durato un giorno esatto. Nel settembre 2004: blocco per qualche giorno nella Cina continentale a causa dell’isolamento geografico della regione. E ancora nell’ottobre 2005, fino all’ottobre 2006, alcuni utenti possono effettuare l’accesso a Wikipedia in cinese, mentre en.wikipedia è bloccata. Vi sono periodi di ripresa e poi di nuovo di blocco.

In Iran

L’accesso alla Wikipedia persiana è stato bloccato dal governo per due o tre giorni nel 2005 a causa di voci considerate diffamatorie nei confronti dello stato.

In Tunisia

Wikipedia e tutti i siti della Wikimedia foundation sono stati bloccati in Tunisia il 23 e il 27 novembre 2006, per cause ancora da chiarire.

Sostegno alla protesta di Wikipedia in lingua russa

Image representing Wikimedia Foundation as dep...

Image via CrunchBase

Wikipedia in lingua italiana approva ed esprime solidarietà verso la protesta dei colleghi dell’edizione in lingua russa contro una proposta di legge in discussione alla Duma di Stato. Tale proposta di legge, se approvata, permetterebbe al governo russo di creare una blacklist per impedire l’accesso a determinati siti internet, al pari del Great Firewall cinese.

Il 10 luglio l’edizione in lingua russa di Wikipedia rimarrà oscurata, a seguito della decisione della comunità di protestare contro le modifiche proposte alla legge ‘On Information‘, attualmente in discussione alla Duma di Stato della Federazione russa.

Tale legge, se approvata, può costituire la base per realizzare una vera e propria censura su Internet, mediante la creazione di liste e il conseguente filtraggio di indirizzi IP e siti vietati. I lobbisti e gli attivisti che supportano il decreto sostengono che esso sia diretto solamente a colpire contenuti quali la pornografia infantile e simili, ma l’arbitrarietà nella determinazione di tali contenuti prevista da questa legge porterà alla creazione dell’equivalente russo del Great Firewall cinese. Sarebbe quindi altamente probabile il realizzarsi dello scenario peggiore, in cui l’accesso a Wikipedia sarebbe reso impossibile in tutto il paese.

L’11 luglio verrà discussa alla Duma la seconda lettura di questa legge, mentre l’entrata in vigore è prevista dopo la terza lettura, per la quale non è stata ancora definita una data.

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/05/acta-no-del-parlamento-europeo-al-trattato-sulla-contraffazione-e-la-proprieta-intellettuale-su-internet/

La prima del Bild scritta a penna ‘per non far morire un pezzo di cultura’

Rigorosamente in tedesco, ma il concetto è sempre lo stesso. Scripta volant verba manent: dunque per evitare di trappassare all’oblio, i germanici, che domani incontreremo sul campo di calcio polacco di  Donetsk, questa volta però della categoria giornalisti e in particolare quelli di Bild hanno avuto un’idea. Hanno pensato di scrivere a penna la prima pagina pubblica oggi per lanciare l’allarme. Il messaggio è ‘Non facciamo morire la scrittura‘.

Non si tratta proprio di penna e calamaio, quanto di un bisogno visivo di inchiostro. Sapere con certezza ferma che il foglio è solcato dalla biro. In lettere e sillabe che formano parole e frasi di senso compiuto. Rime? Non è il caso del linguaggio giornalistico, spesso asciutto e di sintesi, spesso aggressivo e urlato, meglio quando raccontato.

E’  allora ecco la trovata di Bild, che manda in stampa il menabò, ovvero la prima del giornale disegnato e scritto con i pennarelli. Lo spunto arriva da uno studio made in GB, secondo il quale un adulto su tre ha dimenticato o sta dimenticando come si tiene in mano una  biro non scrivendo più niente di proprio pugno da circa un anno e mezzo.

La media è di 41 giorni che è il tempo in cui gli intervistati non hanno visto una penna. O meglio, magari l’hanno anche vista, ma non se ne sono fatti niente, preferendo sms, email insiste il giornale di Springer. E come ogni medicina con foglio illustrativo ecco indicazioni    e controindicazioni: secondo gli esperti l’85% delle aziende in Germania lavora con le calcolatrici, il 79% delle famiglie ha in casa un personal computer e connessione Internet (banda larga, wi fi) a cui si aggiungono i cellulari, con 12 milioni di smartphone venduti nel solo 2011 (più 31%).

Insomma se non torniamo a prendere carta e penna il rischio è – dicono – di rallentare la memoria, utilizzando meno quella parte della mente addetta alla scrittura. Che lo studio degli inglesi sia poco attendibile e scrivere utilizzando i tasti non sia la stessa cosa? E poi la retina assimila.

‘Boom del movimento Cinque Stelle? Conosco solo quello degli anni Sessanta’ dice Napolitano all’indomani delle elezioni e scatta il botta e risposta

‘Boom del Movimento Cinque Stelle? Di boom conosco solo quello degli anni Sessanta’, ha detto oggi il capo dello Stato Giorgio Napolitano rivolgendosi a Beppe Grillo all’indomani del successo elettorale, fomentando un botta e risposta a distanza con il leader del movimento. Secca e pronta dal suo blog la replica di Grillo, che ha augurato a Napolitano il ‘meritato riposo’ dal prossimo anno quando scadrà il suo settennato.

Dalla sua pagina web Grillo si è rivolto al Quirinale: ‘Il boom del Movimento cinque stelle non si vede, ma si sente. Boom, boom, Napolitano! Il Presidente della Repubblica è il capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale (articolo 87 della Costituzione). Rappresenta anche il Movimento Stelle e anche, dopo queste elezioni, i suoi circa 250 consiglieri comunali e regionali scelti dai cittadini.

Sono rimasto a bocca aperta, spalancata, come un’otaria. Ho le mascelle – ha scritto Grillo sulle ironie del Presidente della Repubblica sull’affermazione grillina nelle urne – che mi fanno ancora male. Là dove non hanno osato neppure i Gasparri e i Bersani ha volato (basso) Napolitano‘.

Il Presidente della Repubblica, la massima carica dello Stato, a domanda sul Movimento cinque Stelle ha risposto ‘Grillo, non vedo nessun boom…’ Un linguaggio giovane arricchito da memorabilia storiche, ha rammentato ‘Ricordo quello degli anni ’60, altri boom non ne vedo’. E’ vero – gli ha ribattuto Grillo – il nostro movimento è solo terzo ed è nato solo due anni e mezzo fa e non ha fatto boom. Forse ha fatto bim bum bam? O Sim sala bin?…’

L’anno prossimo – ha continuato Grillo – si terranno le elezioni politiche e, subito dopo, sarà nominato il successore di Napolitano, che potrà godersi il meritato riposo. Se il Movimento 5 Stelle farà boom (come quello dei favolosi anni ’60), il prossimo presidente non sarà un’emanazione dei partiti, come la Bonino, e neppure delle banche, come Rigor Montis. I giochi per il Quirinale sono in corso da tempo. Si sono già venduti la pelle degli italiani…’

Il MoVimento 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle è una libera associazione di cittadini. Non è un partito politico nè si intende che lo diventi in futuro. Non ideologie di sinistra o di destra, ma idee. Vuole realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità dei cittadini il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi.

Il Programma del Movimento 5 stelle contempla anche una riforma risolutiva del sistema dell’istruzione. Questi i punti all’ordine del giorno

  • Abolizione della legge Gelmini
  • Diffusione obbligatoria di Internet nelle scuole con l’accesso per gli studenti
  • Graduale abolizione dei libri di scuola stampati, e quindi la loro gratuità, con l’accessibilità  via Internet in formato digitale
  • Insegnamento obbligatorio della lingua inglese dall’asilo
  • Abolizione del valore legale dei titoli di studio
  • Risorse finanziarie dello Stato erogate solo alla scuola pubblica
  • Valutazione dei docenti universitari da parte degli studenti
  • Insegnamento gratuito della lingua italiana per gli stranieri(obbligatorio in caso di richiesta di cittadinanza)
  • Accesso pubblico via Internet alle lezioni universitarie
  • Investimenti nella ricerca universitaria
  • Insegnamento a distanza via Internet
  • Integrazione Università/Aziende
  • Sviluppo strutture di accoglienza degli studenti

http://www.quirinale.it/
http://www.beppegrillo.it/ 
http://www.beppegrillo.it/movimento/
http://www.beppegrillo.it/movimento/2010/08/istruzione.html
http://www.beppegrillo.it/iniziative/movimentocinquestelle/Programma-Movimento-5-Stelle.pdf

Clean up the dirtiest thing on the Internet: la nuova campagna di Greenpeace per ripulire la Rete

Il Lowdown sul carbone e la Nuvola

Apple, Amazon e Microsoft sono stati invitati a chiarire la situazione in materia di energia e  alimentazione IT. Attivisti di Greenpeace hanno portato all’attenzione siti chiave, con striscioni, banner e balloon, sollecitandoli a intervenire sulle energie rinnovabili e una maggiore efficienza per i data center. L’obiettivo è raggiungere le 200 mila firme e chiedere ai Ceo, i chief executive office, di Apple Amazon e Microsoft di pulire la propria nuvola. Greenpeace si è data 48 ore di tempo. La speranza è: ispirare l’innovazione IT, senza l’inquinamento ambientale!

‘Ottenere che il carbone esca fuori da Internet – dice Greenpeace –  è un grosso problema. Ma ecco perché ce la possiamo fare. E’ innovativo:  Microsoft, Amazon e Apple sono le più avanzate aziende del mondo e non vogliono che i loro clienti associno il proprio marchio a una fonte di energia del diciannovesimo secolo che sta avvelenando l’aria e distruggendo il nostro clima. È pratico: la tecnologia che utilizza fonti di energia pulita e illimitata come il sole e il vento sono disponibili oggi su larga scala’.

In questo momento Greenpeace sta già lavorando con Facebook alla creazione dell’apposito interruttore e ‘saremo lieti – dicono – di lavorare con altre grandi aziende hi-tech. E’ giusto: queste non sono aziende malvagie. I loro dirigenti sono preoccupati del mondo che i loro figli erediteranno, proprio come facciamo noi’.

In diretta gli aggiornamenti
http://www.greenpeace.org/international/en/campaigns/climate-change/cleanourcloud/

Guarda il video e take action!

Create a free website or blog at WordPress.com.