The prisoners of conscience of Sochi2014

Russian activist Yevgeny Vitishko

The re-arrest today of yet another environmental activist in Russia’s Krasnodar region where the Sochi Winter Olympic Games will open on 7 February, as well as his brief detention along with five colleagues last night, are more evidence of growing efforts to clamp down on civil society ahead of the Games, Amnesty International said.

 Igor Kharchenko of the Russian NGO Environmental Watch for North Caucasus (Ecologicheskaya Vakhta po Severnomu Kavkazu) is currently being held by police in Krasnodar, the regional capital, where they had arrived ahead of the Olympic torch relay. He was arrested today under the pretext that his car had been ‘involved in a crime’, shortly after three masked men had smashed in the front and back windows of the vehicle.

‘Just days away from the official opening of the Sochi Winter Olympics, the Russian authorities are using every trick in the book to muzzle freedom of expression and silence dissenting voices,’ said Sergei Nikitin, Director of Amnesty International’s Moscow Office.

Kharchenko is one of six activists from Environmental Watch who were also detained last night for several hours in Krasnodar before being released. They felt compelled to scrap plans for a Sochi launch of their report exposing environmental damage caused by the construction ahead of the Games.

Their detention came the same day that their fellow environmentalist Yevgeny Vitishko was arrested in the Krasnodar Region city of Tuapse and sentenced to 15 days of administrative detention, purportedly for swearing in public.

‘This spate of harassment of civil society activists bodes ill for the coming weeks, and raises fears that the Sochi Games will be a human rights-free zone. Even more troubling is what will happen to Russian activists after the Olympic medals are handed out and the international attention fades,’ said Sergei Nikitin.

‘Silencing civil society does nothing to increase security around the Sochi Games and instead broadcasts to the world how the Russian authorities are failing spectacularly to uphold and protect international human rights standards.

As the start of the Sochi Winter Olympics comes closer, harassment against civil society activists has intensified, Amnesty International said today after the arrest of an environmentalist for allegedly swearing in public.

Yevgeny Vitishko was arrested today in Tuapse, part of the Sochi area where the Games will take place. He has been reportedly charged with ‘petty hooliganism‘, allegedly for swearing previously at a bus stop. At a court hearing today he was sentenced to 15 days of administrative detention.

‘Vitishko’s name has now become synonymous with harassment of civil society activists in the run-up to Sochi Games. Vitishko and his friends have been trying to expose environmental violations during the preparation of the Sochi Olympics. For this they are being punished. By trying to lock him up as a ‘petty hooligan’ the authorities are trying to gag him,’ said Denis Krivosheev, Europe and Central Asia Deputy Programme Director.

‘The concern is what will happen to civil society after the closure of the Olympics after the international focus moves away.’

Yevgeny Vitishko and his fellow activists have been actively involved in protests regarding the deforestation and illegal construction and fencing in areas of protected forest around Sochi.

In 2012, he received a suspended sentence in connection with an environmental protest. Last December, a court in Tuapse ruled that he should serve three years in prison for violating a curfew associated with the suspended sentence. His appeal hearing was reportedly scheduled for 22 February 2014, but now all information regarding it has been conspicuously removed from the court’s website.

Amnesty International has already raised concern about his unfair trial which resulted in a court decision to send him to prison colony for three years. His arrest comes as he is awaiting his appeal hearing.

Vitishko’s supporters fear that he will be held in custody until the day of his appeal under administrative charges, and then be sent to a prison colony.

Rights groups have accused Russian officials of harassing activists and journalists in the Sochi area, detaining them on trumped-up charges.

The Olympics are projected to cost $51 billion, or more than every other Winter Olympics combined. The high price tag is being blamed on Sochi being extremely ill-suited to host an Olympics and rampant corruption.

On Wednesday, Pussy Riot’s Nadezhda Tolokonnikova and Maria Alekhina were set to make their first public appearance in the United States after being released from a Russian prison (23dec.). They were scheduled to speak at a Brooklyn concert organized by the human rights advocacy group and featuring stars such as Madonna.

Alekhina said she wants Americans to look beyond the grandeur of the projects and buildings of the games.

‘They are foreign objects in Russia,’ she said. ‘The only thing that connects Russia to these objects is taxpayers’ money, which has been stolen and has been used to build these Olympic objects.’

Alekhina called on President Barack Obama to increase pressure on Russia over alleged human rights abuses, and said she and Tolokonnikova are handing over a petition to Putin to help ‘end this bullshit.’

‘Aren’t you sick of it all, Putin?’ Tolokonnikova asked.

International response to prior calls to boycott the games has garnered some largely symbolic gestures. Obama included three openly gay athletes in the official U.S. delegation to the Sochi Winter Olympics in a rebuke of Putin’s anti-gay laws. And Norwegian Health Minister Bent Høie said he is taking his male spouse to the opening ceremony. But twelve peaceful protesters remain incarcerated after police arrested them at the anti-Putin demonstrations in Moscow two years ago, the pair from Pussy Riot said.

Now that the band is an icon for the struggle against human rights abuses in Putin’s Russia, the two women said it will also act for the rights of prisoners in the United States.

Tolokonnikova and Alekhina said they plan to visit prisons and meet with nonprofit organizations to learn about the issue of solitary confinement in the U.S. ‘We’re very interested in the fact of how NGOs (nongovernmental organizations) in the U.S. work and collaborate with penitentiary institutions,’ Alekhina said. ‘One of our main goals is to exchange experience.’

‘Pussy Riot inspired a new generation of activists around the world, Samir Goswami, managing director of the Amnesty International USA program Individuals and Communities at Risk said, adding that their supporters followed in the footsteps of those who helped Amnesty International obtain the release of some 44,000 prisoners since its international inception in 1961.

‘Pussy Riot were street performers,’ he said. At the subway, on the streets, they would call on people to take their rights seriously. ‘There are street performers in the U.S. whom we pass every day, but we don’t realize that they can help elevate human rights to the global conversation.’

‘They found a lot of support from folks in the U.S., especially from Russia’s diaspora community in Brooklyn, who called passionately for their release,’ Goswami said. ‘But they’re also learning about the prison conditions in the U.S. and plan on doing some research here.’

Kremlin Suspends Questioned Reform of Wildlife Reserves. Russian President Vladimir Putin ordered to amend recent environmental legislation that critics said could allow for real estate development in Russia’s protected territories. A law passed in December allows for the downgrading of any of the 102 Russian wildlife reserves to natural parks, where construction is permitted under certain conditions.

The law, which passed quickly through parliament, caused outcry from eco-activists, who said it could be exploited to build commercial real estate in wildlife reserves.

Krasnodar is a city located in the Southern Russia based on the Kuban River situated 80 kilometers away to the North East of the Black sea port. The prevailing political stability and the numerous administrative efforts taken by the regional administration has made the Krasnodar region one of the most favorable investment destinations in Russia.

More than 60 countries have investment cooperation in this region and 773 companies having foreign capital are already part of the regions economy. Majority of the FDI coming in this region is mainly concentrated on food industries, woodworking and fuel.

To finance venues and apartments in the Caucasus Mountains and along Sochi’s coast, state-owned Vnesheconombank, known as VEB, lent $7.4 billion to a who’s who of Russia’s elite. Among the biggest loan recipients are companies controlled byVladimir Potanin, chief executive of OAO GMK Norilsk Nickel, the world’s largest nickel producer. Joining him are Oleg Deripaska, chief executive of United Co. Rusal, the No. 1 aluminum company; Alexey Miller, chief of state-controlled gas provider OAO Gazprom; and German Gref, chief of state-controlled OAO Sberbank, Russia’s largest bank.


http://www.amnesty.org/

#CookedNews

Advertisements

Antagonismo e Attivismo/Attualità/Blogs/calcio/controcultura/Cooked News/Cultura/entertainment/Esteri/fashion/I Post più letti/in Italia/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/Newspapers/notizie e politica/Politica/Rete sociale/Spettacolo/Sport/Web News/world news/Worpress.Com

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Greenpeace: sei attivisti occupano la piattaforma Gazprom nel Mar Artico

 

Nuova campagna di Greenpeace contro le estrazioni di petrolio da parte della multinazional Gazprom, nel mar Artico, proprio a nord dell’Ex Unione Sovietica. A lanciare l’allarme con sottoscrizione da parte di chiunque risulti sensibile al tema è il movimento ambientalista contro ogni sfruttamento dell’ecosistema e a favore delle energia rinnovabili. No alle trivellazioni in mare, si quindi al solare, all’eolico, alla forza del mare, alla geotermia e a ogni altro tipo di risorsa naturale ed energia alternativa e rinnovabile.

Il messaggio è il seguente:  ‘Si può essere consapevoli che in questo momento, nelle acque remote del Mar Pechora nel nord della Russia, una piattaforma petrolifera gigante sta per iniziare a distruggere l’Artico grazie a una gru a benna avido per l’ultima goccia di petrolio artico. L’appello è rivolto a tutti coloro che vogliono fermare questa devastazione e far parte del nostro movimento per salvare l’Artico.
Questa tragedia moderna rappresenta l’industrializzazione permanente dell’Artico – uno degli ultimi ambienti incontaminati del Pianeta Terra, che porta con sé una serie di rischi ambientali, sociali ed economici. E’ una tragedia perché sappiamo e abbiamo visto quali valide alternative di energia rinnovabile esistono in questo momento, che si tratti di onde, energia solare, geotermica o eolica.

Oggi stiamo prendendo posizione. Insieme con 5 altri attivisti, stiamo affrontando il processo di distruzione incontro al quale sta andando la piattaforma petrolifera di Gazprom Prirazlomnaya nel Mar Pechora. Stiamo cercando un modo non violento e mostrando un impegno pacifico con lo skipper della piattaforma, così da da poter mettere in evidenza le nostre preoccupazioni. Vogliamo mostrare al mondo cosa succede sulla piattaforma.

Sto prendendo questa posizione – dice  Kumi Naidoo Executive Director, Greenpeace International – con il sostegno di oltre 1,4 milioni di persone provenienti da tutto il mondo, che hanno firmato la nostra petizione. Staimo insieme per dire basta.

Vorrei invitarvi a unirvi a noi anche per dichiarare l’Artico bene dell’Umanità, e fare un passo verso un futuro più verde, pulito e all’insegna delle energie rinnovabili. Io stesso – continua l’executive director di Greenpeace International – sono un grande sostenitore del potere della gente per cambiare il corso della storia: è stato fatto innumerevoli volte in passato e so che possiamo farlo di nuovo insieme,  ora.

Al motto di ‘Sì! Chiediamo un santuario globale nell’Artico, Sostienici ora nella domanda di salvaguardia 

Su Twitter: r #SavetheArctic #stopgazprom #savethearctic

http://www.savethearctic.org/
http://www.greenpeace.org/international/en/getinvolved/

Related articles

Ilva: sigilli a Taranto, è disastro ambientale. In 8mila a difendere il posto di lavoro

Ottomila operai hanno lasciato la sede di lavoro e alle 14 sono usciti dai cancelli dello stabilimento Ilva di Taranto per protestare contro il provvedimento di sequestro ordinato dalla Procura della Repubblica nell’inchiesta per disastro ambientale a carico dei vertici della fabbrica in cui si lavora l’acciaio. Il serpentone degli ottomila si è diretto verso il centro città per raggiungere la prefettura. Alcuni presidi sono rimasti fuori e dentro lo stabilimento. La Procura sta eseguendo le misure cautelari previste da un’ordinanza del gip Patrizia Todisco nei confronti di 8 indagati fra dirigenti ed ex dell’Ilva, per i quali sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Cinque di questi erano già indagati e avevano nominato propri consulenti nell’ambito dell’incidente probatorio. I provvedimenti sono stati firmati ma non ancora notificati. Gli arresti riguardano il patron Emilio Riva, presidente dell’Ilva Spa fino al maggio 2010, il figlio Nicola Riva, che gli è succeduto nella carica e si è dimesso un paio di settimane fa, l’ex direttore dello stabilimento di Taranto, Luigi Capogrosso, il dirigente capo dell’area del reparto cokerie, Ivan Di Maggio, il responsabile dell’area agglomerato, Angelo Cavallo. La misura cautelare però, riguarderebbe anche altri tre dirigenti.

Il gip di Taranto Patrizia Todisco ha firmato il provvedimento di sequestro senza facoltà d’uso dell’intera area a caldo dello stabilimento siderurgico Ilva. I sigilli sono previsti per i parchi minerali, le cokerie, l’area agglomerazione, l’area altiforni, le acciaierie e la gestione materiali ferrosi. Individuate anche tre figure tecniche (due funzionari dell’Arpa Puglia e uno dei Dipartimenti di prevenzione dell’Asl di Bari) che dovranno sovrintendere alle operazioni e garantire il rispetto delle norme di sicurezza. Della gestione delle fasi che attengono al personale si occuperà un commercialista e revisore contabile.

Intanto i sindacati Fim, Fiom e Uilm hanno proclamato uno sciopero selvaggio all’Ilva di Taranto. Restano i presidi all’esterno dello stabilimento e il blocco del ponte girevole. Durante una riunione azienda-sindacati in fabbrica, è stata indetta per le 7 di giorno 27 luglio un’assemblea dei lavoratori all’interno dell’acciaieria.

In Italia il Gruppo Riva Fire che fa capo alle acciaierie Ilva conta sedi aziendali a Taranto, Genova, Novi Ligure (Al), Racconigi (Cn), Varzi (Pv) Patrica (Fr) Marghera (Ve). Soltanto lo stabilimento di Taranto, quello interessato dal sequestro ha 11.454 operai speciali, 1.386 impiegati quadri e in 19 sono dirigenti. Per un totale di 12.859. Più della metà del numero di dipendenti complessivo pari a 21.711 unità.

Oggi il Gruppo possiede 36 siti produttivi, di cui 19 in Italia (dove viene prodotta la parte prevalente dell’acciaio – oltre il 62% – e dove l’azienda realizza il 67% del proprio fatturato) ed altri in Germania, Francia, Belgio, Spagna, Grecia, Tunisia e Canada.

http://www.ilvataranto.com/
http://www.fiomnetwork.it/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/16/economia-trivellazioni-sicilia-meglio-loro-blu-di-quello-nero-greenpeace-si-rivolge-a-santa-rosalia/

Economia, trivellazioni Sicilia: meglio l’oro blu di quello nero. Greenpeace si rivolge a Santa Rosalia

Lo ha fatto approfittando di una fra le celebrazioni più attese dai siciliani, soprattutto quelli di Palermo. Nel giorno in cui la città festeggia la liberazione dalla peste e ringrazia di questo la Santuzza, Santa RosaliaGreenpeace dirama l’appello contro le trivellazioni in mare per la ricerca dell’oro nero. ‘Meglio quello blu – l’acqua, bene di tutti – che quello nero – dicono gli attivisti del gruppo ambientalista attivo in tutto il mondo. Continua così la sua azione di sensibilizzazione contro le trivelle nei mari della Sicilia Greenpeace. Questa volta con un blitz di apertura durante il Festino di Santa Rosalia, una delle manifestazioni storiche e tradizionali più importanti dell’isola: il movimento in lotta per la difesa del Pianeta ha esposto al passaggio del carro trionfale sul quale la Santuzza saluta ogni anno tutta la cittadinanza, uno striscione con su scritto ‘Santa Rosalia proteggi il mare dalle trivelle’.

L’iniziativa di Greenpeace rientra nel più generale tour ‘U mari nun si spirtusa’, interamente dedicato alla lotta contro le trivellazioni nei mari siciliani alla ricerca di petrolio. Gli attivisti saranno per settimane in viaggio toccando con la loro imbarcazione a vela vari porti della Sicilia, al fine di sensibilizzare i cittadini sull’importanza del proprio patrimonio ambientale e sul pericolo che le concessioni petrolifere possono rappresentare.

 ‘Da 388 anni, in questo giorno, la città di Palermo celebra la liberazione dalla peste del 1624. Dopo quasi quattro secoli, la peste che oggi minaccia la Sicilia e il suo mare è la febbre dell’oro nero, ovvero le perforazioni petrolifere nel Canale di Sicilia che, come abbiamo dimostrato nel rapporto ‘Meglio l’oro blu dell’oro nero’, potrebbero trasformare la nostra bellissima isola, ricca di biodiversità in un nuovo Golfo del Messico.’ A lanciare l’allarme, più volte riportato dalle prime pagine dei giornali nazionali nel 2010 e nel 2011, anche per le mobilitazioni di associazioni locali e attivisti direttamente interessati dalle trivellazioni è questa volta Greenpeace Italia, che torna a rivolgere, facendolo suo, un appello a tutti i sindaci siciliani.

L’appello alla mobilitazione già accolto da numerosi sindaci dei comuni dell’isola a tre punte  e che  Greenpeace ha intenzione di estendere a tutta l’isola con veleggiate quotidiane nelle acque antistanti la costa siciliana, è che ‘Sono già 17 i comuni ad aver aderito al nostro appello e torniamo a chiedere a tutti gli altri sindaci siciliani di fare altrettanto. Palermo è la prima tappa del tour – dice – se oggi ci rivolgiamo alla Santa più amata dell’isola è perché vogliamo ricordare alle persone che i miracoli, anche nelle situazioni più difficili, sono possibili per chi ci crede veramente. Trapani, Agrigento, San Vito e Sciacca alcuni degli altri comuni interessati.


http://www.greenpeace.org/italy/notrivelletour/
http://www.ilmanifesto.it/archivi/fuoripagina/anno/2010/mese/08/articolo/3178/
http://www.dirittiglobali.it/index.php?view=article&catid=12:ambiente-territorio-e-beni-comuni&id=12952:loro-nero-di-sicilia&format=pdf&ml=2&mlt=yoo_explorer&tmpl=component

Enel contro Greenpeace: il Golia dell’energia elettrica porta in tribunale il Davide dell’attivismo ecologico

Il carbone dell’Enel fa male, Greenpeace si attiva con una campagna conoscitiva e la compagnia che fornisce energia elettrica  a tutto il paese italiano, occupandosi anche di greggio e delle principali risorse energetiche economiche dell’Italia, lo querela.

A darne notizia oggi in prima pagina è il Fatto Quotidiano, primo in classifica anche  fra gli hot topic di Twitter.

La richiesta che la compagnia di energia elettrica, che da qualche anno a questa parte deve vedersela con le regole del libero mercato, competitori e competitive offerte, chiede in risarcimento ‘una montagna di soldi e la chiusura dei siti web’ che invitano a boicottare l’Enel. Risarcimento con il quale Enel ha portato Greenpeace Italia la settimana scorsa, davanti al Tribunale di Roma: l’accusa ha per oggetto la campagna contro l’inquinamento da carbone che ha messo nel mirino l’ex monopolio di Stato.

‘In una citazione depositata la scorsa settimana al Tribunale di Roma – si legge sul sito del quotidiano – Enel chiede al giudice di prendere provvedimenti urgenti per sospendere l’attivismo di Greenpeace che è andato degenerando oltre la legittima manifestazione del pensiero e concretandosi in una aggressione di inusitata, ingiustificata e intollerabile violenza diffamatoria.

‘Tali da offendere decoro e immagine della società – continuiamo a leggere. L’udienza è fissata per martedì mattina alle 11.30 alla prima sezione civile del tribunale di Roma. Ilfattoquotidiano.it anticipa la contro-relazione dei legali di Greenpeace.

Nella querela per diffamazione mossa da Enel il presidente Giovanni Mancini e il legale Salvatore Cardillo chiedono al giudice designato Damiana Colla di inibire a Greenpeace la diffusione dei messaggi della campagna mediatica di mobilitazione ‘Bollette sporche‘ che è partita a maggio per contestare a Enel le sue presunte responsabilità come ‘primo killer del clima’: stop al video del 28 maggio che spiega perché, stop al sito dedicato, alle t-shirt, ai volantini, ai fac-simile di bolletta spediti a 100mila cittadini per informarli e sensibilizzarli. Nella richiesta di censura finisce anche il videoclip della canzone ‘E’ nell’aria‘ di Adriano Bono & Torpedo Sound Macine e Meganoidi utilizzata come colonna sonora della campagna.

Pesanti le richieste economiche. Enel chiede al giudice di condannare Greenpeace al pagamento di 10mila euro per ogni giorno di inesecuzione delle eventuali disposizioni inibitorie emille euro per ciascun militante che dovesse proseguire sulla via della contestazione. L’importo della causa – scrivono gli stessi legali di Enel – resta indeterminato ma già nel 2009 era arrivata a Greenpeace Italia una lettera con richiesta di risarcimento da 1,6 milioni per le azioni contro le centrali a carbone del gruppo dal 2006 al 2009.

www.facciamolucesuenel.org

L’articolo continua con riferimento alla difesa politica da parte di alcuni senatori del Pd che mettono le mani avanti parlando di ‘inaccettabili limitazioni alla libertà di informazione di Greenpeace’ e che risolvono il problema con un basta ‘rivedere la strategie industriali smettendo di investire soldi pubblici in tecnologie dannose per la salute come il carbone’.

Come è giusto che sia e non sentire soltanto una parte, IlFattoquotidiano.it, oltre a pubblicare la querela in tribunale, inserisce nell’articolo un’intervista al direttore esecutivo di Greenpeace Italia, Giuseppe Onufrio che parla di scopo intimidatorio senza alcun seguito. Il riferimento è a una lettera spedita alla sede italiana del movimento attivo sul fronte ecologico il giorno prima della conferenza sul clima di Copenhagen, pubblicata sul Financial Times. Enel non si accontenta ed ecco la citazione in giudizio.

Greenpeace risponde: ‘Se pensano che ci faremo intimidire sbagliano – dice Onufrio – noi continuiamo aspettando ovviamente di sapere cosa dirà il giudice perché la causa inzia adesso, non finisce. Il giudice nel giro di qualche giorno prenderà misure di cautela, vedremo quali. Noi siamo pronti a continuare, magari usando altri canali e strumenti. Nel caso faremo una strategia di contro attacco dove i contenuti saranno riproposti in altri modi, forme e canali. Ma sarà ancora più pesante’.

In queste ore i legali di Greenpeace Italia, Luca Gastini, Alessandro Gariglio e Giuseppe Rombolà, hanno chiuso una memoria difensiva che sarà presentata al giudice e che Il Fatto riporta anticipandone il contenuto. Il documento sovverte gli equilibri stessi della citazione di Enel. ‘Con la loro azione legale – sostiene Gariglio – i legali dell’azienda puntano il dito contro il linguaggio e i metodi degli attivisti e si guardano bene dall’entrare nel merito della vicenda. E’ un’occasione preziosa per rimettere in fila le cose perché il punto è e resta il danno che Enel produce all’ambiente e all’uomo e su questo impostiamo la nostra linea difensiva per far valere finalmente le nostre ragioni’.

L’accusa difesa di Greenpeace nei confronti di Enel continua facendo appello ai numeri. Onufrio dice: ‘Siamo piccoli e i piccoli devono gridare più forte per farsi sentire. Ma non abbiamo superato i limiti della continenza’ ma tradotto in termini verbali quello che è scritto nei numeri. Del resto non abbiamo i mezzi di Enel che per propagandare la sua ‘bolletta pulita’ può investire grandi risorse. E’ un’azienda con un budget da 70 miliardi, il suo capo da solo guadagna 4 milioni e mezzo di euro l’anno, una cifra che noi superiamo di poco avendo 58mila sostenitori’.

‘In effetti – sostiene il quotidiano – nel 2011 ad aumentare sono state le bollette e il compenso per il top mananger Fulvio Conti (salito del 40% a quota 4,37 milioni), i profitti sono andati in picchiata del 5%’. E quindi giù duro con l’accusa di Greenpeace, che coglie l’occasione per fare le pulci alla multinazionale ancora in parte di proprietà dello Stato.

Ma la guerra si poteva evitare? ‘No. Abbiamo tentato ogni strada per condizionare le strategie del gruppo che – va ricordato – per il 30% è ancora dello Stato e dovrebbe perseguire scopi di sviluppo sostenibile. Ma il Tesoro lascia fare come fosse una società privata. Abbiamo tentato tutte le strade. Attraverso Fondazione Banca Etica, che raccoglie l’azionariato critico dal 2007, abbiamo provato a portare all’ordine del giorno del Cda il tema del danno climatico e per la salute, niente da fare. Prima di avviare la campagna abbiamo mandato in antemprima ai vertici di Enel la documentazione che abbiamo raccolto per invitare la società ad un confronto. Niente’ dice Onufrio.

Cosa c’è allora in Enel che non va? 

IlFatto dice di voler andare al cuore della questione e si interroga sulla reale possibilità che Enel sia fra i primi killer climatici. Ancora un punto di forza per Greenpeace secondo cui ‘le emissioni dalle centrali a carbone Enel hanno un impatto sanitario dell’ordine di un morto al giorno, 366 l’anno per la precisione’.

Il giornale romano riporta uno studio sull’impatto ambientale degli impianti Enel, condotto dall’Agenzia Europea per l’Ambiente sulle emissioni in atmosfera delle 20 centrali più inquinanti d’Europa.

‘Il calcolo si basa sulla proiezione alle centrali Enel dei parametri usati negli studi sulla ‘mortalità in eccesso’ lo scorso novembre dall’Agenzia Europea per l’Ambiente sulle emissioni in atmosfera delle 20 centrali più inquinanti d’Europa. Ad adattare la metodologia dell’EA al parco termoelettrico di Enel è stato l’istituto oladnese Somo. Nel rapporto si legge che ‘le morti premature associabili alla produzione di energia da fonti fossili di Enel per l’anno 2009 in Italia sono 460.

I danni associati a queste stesse emissioni sono stimabili come prossimi ai 2,4 miliardi di euro. La produzione termoelettrica da carbone costituisce una percentuale preponderante di questi totali: a essa sono ascrivibili 366 morti premature, per quell’anno, e danni per oltre 1,7 miliardi di euro.

Sul suo primato c’è ormai poco da dire. Per dati di emissione di anidride carbonica è in assoluto la prima azienda in Italia, ma è perfino in controtendenza perché le emissioni italiane nel 2011 sono scese e quelle dell’Enel sono aumentate. E la stessa cosa succede in Europa dove Enel ha visto aumentare le sue emissioni di CO2 dal 2010 al 2011 da 68 a 78 milioni di tonnellate. Ora il fatto che abbiamo fatto una campagna, che è l’altra contestazione che ci muovono, è che Enel non solo ha la maggior parte delle centrali relativamente all’impatto sanitario che calcolato solo sulle centrali a carbone gli altri operatori Enel conta per circa il 64% quindi è di gran lunga l’operatore più importante, non solo Enel ha aumentato la sua produzione a carbone dal 34% al 41% contro una media nazionale del 13%. Ha in progetto due nuove strutture di conversione a carbone, quella di Porto Tolle vicino a Rovigo e quella di Rossano Calabro. Se le facesse la sua quota di produzione di carbone dal 41 andrebbe oltre il 50%’.

Per Enel invece si tratta di numeri non attendibili. E respinge. ‘Anche nell’atto di citazione sono solo sfiorati e poi sbrigativamente archiviati. In una nota la società ha ribadito che ritiene la campagna di Greenpeace gravemente denigratoria e priva di fondamento.

‘Le attività dell’aziende sono sottoposte alle norme e ai controlli delle istituzioni locali, nazionali e internazionali. Circa la metà della energia elettrica che il Gruppo produce è priva di qualunque tipo di emissione, compresa l’anidride carbonica: una percentuale tra le più alte rispetto a tutte le altre grandi utilities al mondo. Inoltre attraverso la controllata Enel Green Power, Enel ha in programma ‘investimenti nelle fonti rinnovabili per oltre sei miliardi di euro nei prossimi cinque anni’, un impegno che ha ben pochi paragoni a livello globale. Infine Enel ricorda che solo il 12% dell’energia elettrica italiana è prodotta con il carbone contro una media europea di circa il doppio’.

In fondo Enel fa soltanto il proprio lavoro. Sarà forse allora colpa del nucleare messo al bando?

‘Anche nel testo scritto al giudice, insieme alle contestazioni – scrive ilFatto – Enel enumera le sue certificazioni, rimarca le ottemperanze ai livelli di legge e in un passaggio spiega come le scelte energetiche legate al carbone siano dettate soprattutto dalla scelta di mettere al bando il nucleare. ‘Sul fatto che il referendum abbia costretto Enel a optare per uno sviluppo del carbone, come si legge, è ridicolo perché si sa benissimo che anche se si fosse iniziato a costruire una centrale nucleare ci vogliono 10 anni per vederla in funzione. La quota da nuove rinnovabili di Enel in Italia è un misero 8%, è questa la sostenibilità?’, è la domanda retorica di Onufrio.

Che guerra sia allora, quella del carbone. Come finirà?

‘A volte si perde e a volte si vince ma come attivisti non ci spaventiamo. L’insegnamento di Gandhi è la nostra guida: ‘Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci‘. Ultimamente abbiamo avuto diversi decreti penali di condanna – che convertono in sanzione pecuniaria pene detentive – e ovviamente ci opponiamo ogni volta e andiamo a processo anche per affermare un principio: gli attivisti di Greenpeace non sono dei criminali’. E i primi a muoversi in difesa di Greenpeace sono i senatori ecodem del Pd Roberto Della Seta e Francesco Ferrante: ‘L’Italia è un paese libero dove nessuno può mettersi al di sopra delle regole democratiche con censure fuori dal tempo.” Domani in tribunale, alle 11.30, si saprà se è davvero così.

http://www.eea.europa.eu/it
https://cookednews.wordpress.com/2012/05/24/kfc-no-so-good-for-rainforest-la-nuova-campagna-di-greenpeace-contro-il-packaging-no-ecoglobal/

KFC No So Good for rainforest: la nuova campagna di GreenPeace contro il packaging No Ecoglobal

Secondo Greenpeace, il colonnello Kfc è tornato a sporcare il mondo. E in particolare la foresta pluviale. Con cosa? I suoi deliziosi packging per il take away. Ed ecco che gli attivisti – no profit di Copenaghen hanno lanciato la sua nuova campagna di informazione per la difesa delle tigri di Sumatra e del loro habitat naturale. Ma cosa succede?

Il messaggio originale di invito a partecipare

At last the Colonel’s secret recipe is out of the bucket

The Colonel’s been keeping his chicken fresh with packaging made from rainforests. Despite the impact on Sumatran tigers KFC have been using rainforest packaging made by Asia Pulp and Paper, a company also exposed for using illegal timber. KFC thinks turning the tigers’ home into trash is timber rippin’ good – but rainforest makes revolting packaging.

We need thousands of people to join the revolt to change the Colonel’s secret recipe for destruction. Sign up by creating your own revolting packaging. Pick a character, fill in your details and watch them come to life. Then share with your friends and build up the biggest revolt. GET revolting! 

Finalmente la ricetta segreta del colonnello è fuori dal secchio

Per mantenere il suo pollo fresco, il colonnello utilizza del packaging con materiale proveniente da foreste pluviali. Nonostante l’impatto sulle tigri di Sumatra, tutti i recipienti di KFC, i famosi secchielli, sono stati creati utilizzando imballaggi ricavati dalla foresta e  realizzati da Asia Pulp and Paper, una società esposta anche per l’utilizzo di legname illegale. KFC pensa che riempiendo la casa delle tigri casa di spazzatura, il legno da rubare diventi più buono per il proprio packaging. Ma la foresta pluviale si sta ribellando, questa politica è  rivoltante.

Abbiamo bisogno di migliaia di persone che vogliono unirsi alla rivolta per poter cambiare la ricetta segreta del colonnello per la distruzione. Iscrivetevi per creare la propria confezione rivoltante. Scegli un personaggio, inserisci i tuoi dati per vederli prendere vita. Poi condividi con i tuoi amici e costruisci la più grande rivolta. GET revolting!

 KFC è l’acronimo di Kentucky Fried Chicken (in italiano: Pollo Fritto del Kentucky), una catena statunitense di fast food.

La ricetta della sua specialità, il pollo fritto, è tenuta segreta sin dalla sua creazione. Dovrebbe essere costituita da 11 erbe e aromi. La sola cosa che viene indicata dal creatore della catena e della ricetta è l’aver utilizzato ‘una pala per scavare un tunnel nella farina ed avere precedentemente mescolato le erbe e gli aromi’. Venne acquistata negli anni settanta dalla Pepsi Cola e attualmente fa parte del gruppo Yum! come anche Pizza Hut.

Il colonnello Sanders è un personaggio del romanzo ‘Kafka sulla spiaggia‘ (2002) dell’autore giapponese Haruki Murakami.

Un ristorante KFC era aperto a Napoli nel quartiere Vomero nella centralissima via Luca Giordano tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70.

Nel video Disco Lies di Moby ci sono netti riferimenti alla catena di fast food e alle critiche ad essa rivolte.

Gruppi di difesa dei diritti degli animali hanno dichiarato guerra a KFC in molte parti del mondo, per le sospette crudeltà nel trattamento nei confronti dei polli prima della loro macellazione. Alcune organizzazioni internazionali, tra le quali PETA, hanno sollevato richieste all’azienda affinché modifichi le modalità di allevamento e macellazione passando ad una politica di rispetto nei confronti del pollame. Anche la famosa attrice Pamela Anderson ha partecipato a questa campagna di sensibilizzazione realizzando uno spot.

http://www.corriere.it/solferino/severgnini/08-01-24/10.spm
http://www.youtube.com/user/greenpeaceupdate
http://kfc-secretrecipe.com/revolts/12216?locale=en&show=1
http://kfc-secretrecipe.com/en/nogood 

Clean up the dirtiest thing on the Internet: la nuova campagna di Greenpeace per ripulire la Rete

Il Lowdown sul carbone e la Nuvola

Apple, Amazon e Microsoft sono stati invitati a chiarire la situazione in materia di energia e  alimentazione IT. Attivisti di Greenpeace hanno portato all’attenzione siti chiave, con striscioni, banner e balloon, sollecitandoli a intervenire sulle energie rinnovabili e una maggiore efficienza per i data center. L’obiettivo è raggiungere le 200 mila firme e chiedere ai Ceo, i chief executive office, di Apple Amazon e Microsoft di pulire la propria nuvola. Greenpeace si è data 48 ore di tempo. La speranza è: ispirare l’innovazione IT, senza l’inquinamento ambientale!

‘Ottenere che il carbone esca fuori da Internet – dice Greenpeace –  è un grosso problema. Ma ecco perché ce la possiamo fare. E’ innovativo:  Microsoft, Amazon e Apple sono le più avanzate aziende del mondo e non vogliono che i loro clienti associno il proprio marchio a una fonte di energia del diciannovesimo secolo che sta avvelenando l’aria e distruggendo il nostro clima. È pratico: la tecnologia che utilizza fonti di energia pulita e illimitata come il sole e il vento sono disponibili oggi su larga scala’.

In questo momento Greenpeace sta già lavorando con Facebook alla creazione dell’apposito interruttore e ‘saremo lieti – dicono – di lavorare con altre grandi aziende hi-tech. E’ giusto: queste non sono aziende malvagie. I loro dirigenti sono preoccupati del mondo che i loro figli erediteranno, proprio come facciamo noi’.

In diretta gli aggiornamenti
http://www.greenpeace.org/international/en/campaigns/climate-change/cleanourcloud/

Guarda il video e take action!

Blog at WordPress.com.