F1 Gran premio di Germania: ad Hockenheim vince Alonso. Seguono Vettel e Button

Vince Alonso e vince la Ferrari. Il pilota di Oviedo convince e allunga in classifica generale. Ottenuta la pole position – la seconda consecutiva – sotto la pioggia torrenziale di Hockenheim, controlla la gara, passa indenne dai due pit stop per il cambio gomme e resiste a Vettel e dopo di Button, portando la monoposto del Cavallino rampante di nuovo sul podio e al posto più alto.

Festeggiato anche dai compagni.

Fernando Alonso, pilota della Ferrari e leader della classifica del Mondiale di F1, ha chiuso al primo posto il Gp di Germania sul circuito di Hockenheim. Terza prova vinta in questa stagione dallo spagnolo, che ha resistito agli attacchi di Sebastian Vettel (Red Bull) prima e Jenson Button (McLaren) poi. Quarta piazza per Kimi Raikkonen (Lotus), che ha invece preceduto Kamui Kobayashi (Sauber) e di Sergio Perez. Settimo Michael Schumacher (Mercedes) davanti a Mark Webber (Red Bull) ed a Nico Hulkenberg (Force India). Ha chiuso in zona punti Nico Rosberg (Mercedes).

La classifica

Fernando Alonso allunga in testa alla classifica del Mondiale piloti a quota 154 punti: dietro di lui l’australiano della Mark Webber (120 punti) e il campione del mondo Sebastian Vettel (118 punti).

La gara

Un successo, il terzo in questa stagione giunta già alla decima gara, che gli permette di allungare decisamente in classifica generale, portandosi a 34 punti di vantaggio su Mark Webber, oggi solo ottavo e a 36 su Sebastian Vettel, finito secondo sorpassando all’ultimo giro Jenson Button, uscendo oltre il limite della pista, tanto da finire sotto inchiesta da parte dei commissari di gara. Il campione del mondo della Red Bull sarà ascoltato dagli steward e potrebbe essere sansionato.

Vettel è apparso molto nervoso e con un errore di guida nel finale e la difficoltà di superare la McLaren di Lewis Hamilton (in lotta con Alonso per il primo posto), riesce ancora una volta a rimanere secondo nel Gran Premio di casa. I tre giorni di gara  meno allegri del campionato per il team iridato, con un Webber mai stato in gara e finito ottavo, dopo essere stato sospettato di avere usato una mappatura del motore diversa rispetto alle gare precedenti, con il rischio di essere penalizzato.

Un sospetto che rimane anche dopo la decisione degli steward di farli correre. La Red Bull, comunque, mantiene la leadership tra i Costruttori con 238 punti contro i 177 della Ferrari che dopo la buona prestazione di Silverstone, non può contare nuovamente sull’apporto di Felipe Massa. Il brasiliano tampona in partenza la Toro Rosso di Ricciardo, distruggendo l’alettone anteriore.

Fermo ai box per la sostituzione, conclude la gara fuori dai punti, al dodicesimo posto. Kimi Raikkonen, quarto con la Lotus che lo proietta nell’identica posizione anche nella classifica iridata, scavalcando Hamilton, unico ritirato della corsa per problemi meccanici.

Buona gara anche per la Sauber a motore Ferrari di Kamui Kobayashi, quinto davanti al compagno di squadra Sergio Perez. Settimo posto per Michael Schumacher che con la sua Mercedes ha optato per le tre soste. Ottavo Webber, a chiudere la top ten Nico Hulkenberg con la Force India, e Nico Rosberg con la seconda Mercedes.

Il Circus della massima Formula 1 ora si rimette immediatamente in marcia per raggiungere Budapest, dove domenica prossima si correrà il GP di Ungheria, l’ultimo prima della lunga pausa estiva. Si tornerà in pista a fine agosto con il week end belga (2 settembre) prima della gara italiana il 9 settembre a Monza.

http://www.formula1.com/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/22/f1-alonso-e-il-nuovo-uomo-della-pioggia-in-pole-sul-circuito-di-hockenheim/

 

Advertisements

Gran Premio di Formula 1 in Bahrain: un morto e decine di feriti negli scontri a un giorno dalla corsa

E’ di un morto e diversi feriti il bilancio di questi ultimi scontri nei giorni che stanno precedendo il Gran Premio di Formula 1 sul circuito di Sakhri, nei pressi di Manama nel Bahrain. Nonostante le continue manifestazioni il principe ereditario, Salmane Ben Hamad al Khalifa, ha respinto ogni richiesta di cancellare la corsa, come avvenuto invece lo scorso anno a causa dei disordini.

L’opposizione sciita in Bahrain ha annunciato la scoperta del cadavere di un uomo sul luogo di una manifestazione notturna anti-regime in un villaggio sciita vicino la capitale del regno. Si tratta della prima vittima annunciata dall’opposizione a margine della corsa in programma domenica.

‘Il cadavere del martire Salah Abbas è stato scoperto a Shakhura, un villaggio vicino a Manama, dove una manifestazione ostile al regime è stata selvaggiamente repressa dalle forze di sicurezza’. Ad annunciarlo Wefaq, portavoce del Movimento del 14 febbraio, nato in opposizione alle scelte politiche dell’attuale regime che muove ricchezza in una direzione opposta al resto della società.

Sono decine le persone morte nella repressione del movimento di contestazione iniziato nel febbraio 2011 sotto l’egida degli sciiti, in maggioranza nella popolazione, contro la dinastia sunnita che dirige il Paese.

Qualche giorno fa, durante i primi scontri a ridosso del Gran Premio, è stato coinvolto anche il team di meccanici della Force India. Uno di loro è stato raggiunto, sembrerebbe involontariamente, dai lacrimogeni della polizia.

Decine di persone hanno manifestato all’entrata di Karzakan, Al-Malikiyah, Dumistan e Sada, ad alcuni chilometri dal circuito. Il collettivo radicale ha indetto tre giorni di collera in concomitanza con il Gran Premio di domenica, sotto lo slogan ‘No alla formula di sangue’.

Create a free website or blog at WordPress.com.