69 Mostra del Cinema di Venezia: Ciprì, Bellocchio e Comencini gli italiani in concorso

69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Direttore: Alberto Barbera

29 agosto > 8 settembre 2012

Per l’edizione numero 69 della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dal 29 agosto all’8 settembre al Lido di Venezia saranno tre i film italiani in concorso: ‘È stato il figlio’ di Daniele Ciprì, una famiglia sconvolta da un delitto di mafia allo Zen di Palermo, la ‘Bella addormentata’ di Marco Bellocchio, morte ed eutanasia raccontati attraverso la storia di Eluana Englaro e ‘Un giorno speciale’ di Francesca Comencini su due giovani precari alla ricerca di lavoro e invece trovano l’amore. I primi due lungometraggi hanno come protagonista Toni Servillo, mentre il terzo è interpretato da due giovani attori, Filippo Scicchitano e Giulia Valentini.

I tre italiani in gara per il Leone d’oro dovranno vedersela con i fuoriclasse Terrence Malick, con il suo ‘To the Wonder’, storia d’amore con Ben Affleck e Rachel McAdams, ‘Passion’ di Brian de Palma, ancora con Rachel Adams e Noomi Rapace, Takeshi Kitano con ‘Outrage beyond’ e Kim Ki-duk con ‘Pietà’. In concorso anche il francese Olivier Assayas con ‘Après mai’, Ramin Bahrani con ‘At any price’, con Zac Efron e Dannis Quaid, ‘La cinquième saison’ di Peter Brosens e Jessica Woodworth, l’israeliano Rama Burshtein con ‘Fill the Void’, il belga Xavier Giannoli con ‘Superstar’, l’americano ‘Spring breakers’ di Harmony Korine, con James Franco, il film filippino di Brillante Mendoza ‘Thy Womb’, il portoghese ‘Linhas de Wellington’ di Valeria Sarmiento, l’austriaco ‘Paradies: Glaube’, di Ulrich Seidl, il russo ‘Izmena’ di Kirill Serebrennikov. Il diciottesimo film verrà svelato nei prossimi giorni.

Sarà la giuria presieduta dal regista americano Michael Mann, che comprende fra gli altri Matteo Garrone e Laetitia Casta, ad assegnare quest’anno il Leone d’oro e gli altri premi. Il film d’apertura sarà ‘The Reluctant Fundamentalist’, diretto dalla regista indiana Mira Nair, con Kate Hudson, Kiefer Sutherland, Liev Schreiber.

L’attrice Kasia Smutniak sarà la madrina delle serate di apertura e chiusura della 69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

http://www.labiennale.org/it/cinema/mostra-69/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/26/69-mostra-internazionale-darte-cinematografica-di-venezia-sigla-di-opening-sequence-by-simone-massi/

Torre Galfa sgomberata. Macao, macao! Il Nobel Dario Fo sostiene l’occupazione

Sgomberata Torre Galfa a Milano, l’edificio di Ligresti nel centro del capoluogo meneghino, occupato dai lavoratori dell’arte e dello spettacolo e ribattezzato Macao. Sul posto anche Dario Fo, protagonista della protesta su Twitter con un hashtag che richiama all’occupazione. Un’assemblea con il sindaco Pisapia deciderà le sorti della protesta. E a quanto pare, l’intenzione è di continuare.

Agenti in tenuta antisommossa sono intervenuti questa mattina, intorno alle 6, identificando una ventina di occupanti. Il proprietario dell’edificio ha inviato un container per gli effetti personali.

Torre Galfa, grattacielo in zona Garibaldi, è stato occupato una decina di giorni. Trentadue piani di proprietà del gruppo Ligresti, vuoto da anni, all’interno del quale sono entrati gli operatori della cultura per ribadire la necessità di propri spazi, proprio come il TeatroValleOccupato a Roma, il teatro Coppola a Catania, il movimento i Cantieri che vogliamo per la riapertura dei Cantieri culturali della Zisa a Palermo e il TeatroGaribaldiAperto, sempre nel capoluogo siciliano.

All’interno dell’edificio di Ligresti ci sono ancora alcuni occupanti. ‘Nessuna intenzione a creare problemi – hanno detto – la resistenza è stata sempre passiva’.

Nel frattempo alla base del grattacielo si sono radunate centinaia di persone, grazie agli appelli lanciati attraverso i social network, che hanno dato vita a una assemblea pubblica contro lo sgombero alla quale stanno partecipando il premio Nobel Dario Fo e il presidente del Consiglio comunale Basilio Rizzo.

Il sindaco, Giuliano Pisapia, ha convocato per le 12:30 una riunione informale con gli assessori ‘che possono contribuire ad affrontare positivamente questo tema. Ho sempre pensato – ha detto il sindaco – che alla domanda di innovazione, cultura e partecipazione si risponde con il dialogo e il confronto. Gli sgomberi non danno una soluzione ma pongono ulteriori problemi. Oggi ancora di più sento il dovere di dare una risposta positiva, nel rispetto delle regole, alla domanda che nasce dalla città di spazi per la cultura, la creatività e l’aggregazione giovanile’.

Occupy Torre Galfa ovvero Macao invade Milano

Il 5 maggio la scritta ‘Si potrebbe anche pensare di volare’, viene srotolata dal 31° piano della Torre Galfa, un grattacielo nel centro direzionale della città, ma ormai in disuso da più di 15 anni. All’urlo di ‘Macao, macao!‘ artisti, musicisti, attori, danzatori, grafici e video maker occupano. Il sogno del Collettivo Macao è di farne un centro per le arti, un posto da adibire a spazio sociale, per la libera espressione della creatività, in pieno centro a Milano. Un po’ come il Leoncavallo eloggiata da Sgarbi prima che diventasse sindaco a Salemi, in Sicilia, attirando l’attenzione di Oliviero Toscani, assessore alla cultura, e di Bill Gates che ha acquistate un enorme patrimonio immobiliare nel centro storico del paese nell’entroterra siciliano, da riqualificare.

Durante i giorni di occupazione è stata avviata una petizione e raccolte migliaia di firme, per strappare Torre Galfa al grigiore e all’abbandono e trasformarla in un uno spazio libero e aperto alle molteplici forme dell’arte.  Alla notizia dello sgombero è arrivato subito Dario Fo schierato dalla parte di Macao insieme a Francesca Comencini, Lella Costa, Valerio Mastrandrea, Elio Germano e altri dello spettacolo e della cultura.

Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha spiegato che l’amministrazione locale non poteva in alcun modo intervenire per fermare lo sgombero. Sulla torre di proprietà Fonsai Ligresti, vuota da 15 anni, il comune non può proferire parola. E semmai è da attribuire ad altre istituzioni, come la questura e la prefettura, la volontà di far tornare vuota l’immensa struttura occupata.

Intanto i giovani dei collettivi lanciano catene di commenti e proteste su Twitter da questa mattina. L’hashtag: #Macao è uno dei più seguiti sul social network, specie per dire che per liberare Torre Galfa, può essere fatto molto di più, da parte di tutti.

‘In via Galvani a Milano, dopo il pirellone, cè un grattacielo aperto a tutti belli e brutti’


LA CULTURA NON SI SGOMBERA!

http://www.macao.mi.it/
https://www.facebook.com/macaomi
http://portale.macao.mi.it/stream/stream.html
https://www.tumblr.com/register/follow/wmacao
http://www.youtube.com/user/wmacao 

Su Macao Meravigliao tutti i video e le interviste di Macao

Create a free website or blog at WordPress.com.