One Billion Rising: 48 hours of global activism!

VDAY2014 #cookednews

As February 14th dawns across the world, ONE BILLION RISING FOR JUSTICE begins 48 hours of global activism designed to focus the world’s attention on the issue of justice for all survivors of gender violence, and ending the rampant impunity that prevails globally. This day of action is part of a two year long activist led campaign highlighting the work of thousands of groups on the ground, deepening the connection of injustices, escalating pressure on government and media through constant activity and invigorating local and national movements through global solidarity and dancing.

For 48 hours as 14 February rolls across the globe, one billion women, men, and youth from 200 countries will peacefully gather outside places where they are entitled to justice – court houses, police stations, government offices, school administration buildings, work places, sites of environmental injustice, military courts, embassies, places of worship, homes, or simply public gathering places where women deserve to feel safe but too often do not – to shine a spotlight on injustice and to demand an end to violence against women and girls.

FOLLOW THE GLOBAL CAMPAIGN

For months, activists planning One Billion Rising for Justice events have used media, social platforms and the Internet to connect to one another and on Friday, they will continue to do so on a global scale like never ensuring their personal visions of justice heard.

Details on following One Billion Rising online and the campaign’s Live Streams:

One Billion Rising Homepage (www.onebillionrising.org) The homepage of OneBillionRising.org has been transformed into a social media and digital activism platform, a one-stop location to follow the global campaign in real-time with updates from grassroots organizers, access to live stream events, links to coverage of the campaign, and statements of support, and of defiance, from across social media.

#rise4justice and #1billionrising Online activists are rising together on Facebook, Twitter, YouTube, Tumblr, Instagram, and Soundcloud, among others. This year, the campaign is using the hashtags #rise4justice and #1billionrising to connect a creative community of supporters and to highlight the thousands of photos, videos, and art, including original songs, videos, poems, and dance, that are being shared at rapid speed.

Around the Clock, from Around the World – Live Stream Schedule

Kicking off with a flash mob outside of the Presidential Place in the Philippines, One Billion Rising will live stream more than two-dozen events from around the world from Lima, Peru to Trafalgar Square in the heart of London.

One Billion Rising for Justice Live Stream Schedule (subject to change)

One Billion Rising for Justice Live Stream Schedule (subject to change)

Philippines

10:30am-12pm PHT / 9:30-11pm EST (2/13) / 2:30-4am GMT (2/14)

India (Ahmadabad, Gujarat)

11:30am – 12:30pm IST / 1-2am EST / 6-7am GMT

Bangladesh Time

TBD

Philippines

3-8pm PHT / 2-7am EST / 7am – 12pm GMT

Congo

12pm CAT / 5am EST / 10am GMT

London

12pm – 1pm GMT / 7am – 8am EST

Cape Town

2:30pm SAST / 7:30am EST / 12:30pm GMT

Hungary

2pm – 3pm CET / 8am – 9am EST / 1-2pm GMT

Italy

2:15pm CET / 8:15am EST / 1:15 GMT

Pakistan

6:30pm PKT / 8:30am EST / 1:30pm GMT

Italy

4pm CET / 10am EST / 3pm GMT

NYC: JustLove

10am – 6pm EST (break 2-3) / 3pm – 11pm GMT (break 7-8)

Atlanta

10am-2pm (break 11:30-12:30) CT / 11am – 3pm (break 12:30-1:30) EST / 4-8pm (break 5:30 – 6:30) GMT

Guatemala

11am – 12pm CST / 12-1pm EST / 5-6pm GMT

Los Angeles (West Hollywood)

10-11am PST / 1-2pm EST / 6-7pm GMT

Santa Fe

12PM MT / 2pm EST / 7pm GMT

Guyana

4pm – 5:30pm GYT / 3-4:30pm EST / 8-9:30 GMT

Los Angeles (Downtown LA)

4-5pm EST / 9-10pm GMT

Miami

5-7pm EST / 10pm – 12am GMT

Peru

6pm PET / 6pm EST / 11pm GMT

San Francisco

4-6pm PT / 7-9pm EST / 12-2am GMT

NYC: RISE NYC

8pm – 11:30pm EST / 1am – 4:30am GMT

Mexico City (2/15/14)

11am CST / 12pm EST / 5pm GMT

Disclaimer: As with any live-streaming event, there are technical considerations that may be beyond our control. V-Day will do its best to make sure that the events listed are streamed in their entirety; however, we cannot make any guarantee of 100 percent uptime.

On this day, 14 February, 2014, V-activists will shine a spotlight on the darkness of injustice and make the connections between their visions of justice and the ultimate goal of eliminating all forms of violence against women and girls by RISING, RELEASING and DANCING in the light.

 

To get involved with V-Day and ONE BILLION RISING FOR JUSTICE:

·SIGN UP at www.onebillionrising.org

·LIKE US on Facebook at Facebook.com/vday

·FOLLOW on Twitter @VDay and #rise4justice

·RECEIVE text message updates, text BILLION to 50555 (US only)

·REGISTER your event on the One Billion Rising For Justice map

·SHARE “What Justice Looks Like” to you, via video, words, song, art, poetry…

·READ blog content from Global Coordinators and activists

·WATCH the new One Billion Rising For Justice short film

·MEET Global Coordinators

For more information, visit http://www.onebillionrising.org.

# # 

About V-Day

V-Day is a global activist movement to end violence against women and girls that raises funds and awareness through benefit productions of Playwright/Founder Eve Ensler’s award winning play ‘The Vagina Monologues’ and other artistic works. The V-Day movement has raised over $100 million; educated millions about the issue of violence against women and the efforts to end it; crafted international educational, media and PSA campaigns; reopened shelters; and funded over 13,000 community-based anti-violence programs and safe houses in Democratic Republic of Congo, Haiti, Kenya, and Iraq. V-Day has received numerous acknowledgements and awards and is, one of the Top-Rated organizations on both Charity Navigator and Guidestar.  V-Day’s most recent global campaign, ONE BILLION RISING, galvanized over one billion women and men on a global day of action towards ending violence against women and girls. www.vday.org

#1BillionRising#CookedNews#Rise4Justice

Advertisements

Marchionne, Matteo Renzi e la piccola, povera Firenze

Italiano: Sergio Marchionne, amministratore de...

Italiano: Sergio Marchionne, amministratore delegato del Gruppo FIAT. (Photo credit: Wikipedia)

Con una nota arrivata nella tarda serata di ieri, l’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, chiarisce le parole dette ieri a Bruxelles a proposito di Firenze in reazione a quanto affermato dal sindaco Matteo Renzi, che avevano sollevato un vespaio di polemiche.

‘Due agenzie di stampa – spiega Marchionne – hanno riportato alcuni commenti che avrei fatto a Bruxelles con un gruppo di giovani durante un pranzo privato. L’incontro era un evento organizzato tra i dirigenti del settore automobilistico e alcuni giovani al termine dei loro studi che si stanno affacciando nel mondo del lavoro. Tema era la mobilità futura e le sue implicazioni sull’industria automobilistica. Un giornalista free-lance, fingendo di essere un invitato all’evento, e’ entrato all’interno della sala mentre stavo parlando con alcuni studenti. I miei commenti su Firenze sono stati, a mia conoscenza, estratti fuori dal contesto.

La città di Firenze e la sua economia erano prese da me come riferimento per paragonarle alla complessità, al peso e alla dimensione di un Paese come gli Stati Uniti. Ho usato queste considerazioni per confrontare le responsabilità e le capacità del Presidente Obama con quelle di Matteo Renzi. La differenza mi sembra evidente.

I miei presunti commenti non devono essere interpretati come un mio giudizio sul valore di Firenze, che è una città per arte, cultura e scienze apprezzata e rispettata a livello mondiale, una valutazione che condivido pienamente. Le mie valutazioni su Matteo Renzi restano invariate e sono personali e non attribuibili alla Fiat. Penso infatti che per la sua eta’ e per l’esperienza limitata sia, almeno per il momento, non adeguato ad assumere una posizione di leader in un contesto economico e sociale complesso come è oggi quello italiano. A mio parere, una maggiore esperienza, che può solo accumularsi nel tempo, lo renderà più maturo e di conseguenza gli eviterà di esprimere opinioni senza logica contro la Fiat e la sua posizione industriale nel Paese, soprattutto in questo periodo di grave crisi economica a livello europeo.

Tutto questo senza valutare minimamente l’impatto negativo, permanente e che comporterebbe gravissimi rischi, rispetto alle scelte industriali che abbiamo fatto. Ho ribadito in varie occasioni la nostra logica e le ragioni delle nostre scelte – aggiunge l’Ad della Fiat -. Ho anche avuto l’opportunità, un paio di settimane fa, di illustrare personalmente la posizione della nostra azienda al Presidente Monti e ad alcuni ministri del suo Governo. Sto cercando di ottenere la registrazione dei commenti che mi sono stati attribuiti e poi impropriamente raccolti, e sulla base del suo contenuto deciderò se rinnovare e ampliare le mie scuse alla città di Firenze e ai suoi cittadini per commenti estratti fuori dal loro contesto’. 

Il sindaco di Firenze e candidato alle primarie del PD, Matteo Renzi aveva risposto alle critiche rivolte dall’ad Fiat alla città toscana definita ‘povera e piccola’, suscitando non poche polemiche.

‘Quella è una frase totalmente sbagliata, che non ha senso, che fa del male alla Fiat, perche’ se io fossi oggi un azionista della Fiat sarei arrabbiato con Marchionne’. Così il sindaco di Firenze e candidato alle primarie del Pd Matteo Renzi a margine della presentazione delle nuove guide enogastronomiche dell’Espresso, rispondendo ai giornalisti su quanto detto dall’ad della Fiat, Sergio Marchionne su Firenze.

Oggi Matteo Renzi, tornando alla giornata di ieri, ha detto, intervistato in Capital All News: ‘Mi ero svegliato facendo il fioretto: oggi non litigo con nessuno, a fine giornata mi mancava di litigare solo con la Nasa e le Giubbe rosse’. Poi ha affrontato i duelli con Sergio Marchionne e Massimo D’Alema.

‘Io sto diventando antipatico? Da questo punto di vista lo sono sempre stato, con i potenti ho sempre litigato’, ha assicurato il sindaco di Firenze. ‘D’Alema da presidente del comitato dei servizi segreti dice che mi farò del male. Una frase che è brutta per lui’, ha ribadito. Quanto a Marchionne, ‘ha tradito non solo i lavoratori, ma anche chi aveva dato fiducia al progetto Fabbrica Italia’, ha sottolineato.

Su Twitter #AttaccaRenzi#SparateAllaMarchionne

http://www.matteorenzi.it/

Vogue Fashion’s Night Out di settembre, dal 6 al 18, a Milano, Roma e Firenze anche il caffè è di moda

Per la Vogue Fashion’s Night Out di settembre, il 6 a Milano, il 13 a Roma e il 18 a Firenze, anche il cibo si unisce alla moda. E a darne prova il caffè Lavazza. Che per l’occasione realizza una Limited Edition di lattine di caffè ¡Tierra!

Fondata a Torino nel 1895 – e ancora di proprietà della famiglia stessa – Lavazza è l’azienda italiana produttrice di caffè tostato che è da sempre attenta alla qualità e alla tradizione per il gusto oltre che all’innovazione del prodotto e alla salvaguardia delle risorse naturali:un’azienda responsabile, per uno sviluppo sostenibile.

Proprio seguendo il cammino verso la sostenibilità nel 2002 viene sviluppato il progetto ¡Tierra! con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita e di lavoro nelle comunità dei paesi produttori di caffè attraverso assistenza tecnica e sociale. Dopo i primi interventi di successo in HondurasPerùColombia, e con il lancio sul mercato della miscela ¡Tierra!, Lavazza ha coinvolto per la seconda fase BrasileIndia eTanzania. Proprio in Tanzania nasce l’idea di creare una edizione limitata per l’Africa di Lavazza ¡Tierra!.

Lavazza e Fashion 4 Development – partner operativo dell’ONU che attraverso la moda vuole incrementare la crescita di un’economia sostenibile – hanno chiesto a sei stilisti italiani di fama internazionale di rivestire a proprio gusto la lattina e la miscela di ¡Tierra!MarniRoberto CavalliMissoniEtroVersace e Moschino hanno dato così vita a una speciale limited edition che sarà venduta esclusivamente durante la Vogue Fashion’s Night Out nelle serate di MilanoRoma e Firenze.

Vogue Fashion’s Night Out è un’iniziativa globale nata nel 2009 ed organizzata daVogue. La manifestazione, ormai al suo quarto anniversario, vuole avvicinare il mondo della moda al grande pubblico coinvolgendo tutti i cittadini di diverse città del mondo in una serie di eventi poliedrici che si tengono in una notte prefissata di settembre.

Per l’edizione 2012 l’evento internazionale dedicato allo shopping e alla moda sarà ospitato – oltre che dall’Italia – da diciannove Paesi nel mondo che hanno confermato la partecipazione a settembre dando così il loro sostegno al mondo dello stile: 6 settembre (InghilterraFrancia,Stati UnitiGermaniaSpagnaRussia,MessicoAustralia e Korea), 7 settembre(CinaIndiaGermania e Russia), 8 settembre(Taiwan e Giappone), 10 e 12 settembre(Brasile), 13 settembre (PortogalloTurchia,Olanda e Messico),  20 e 25 settembre(Grecia).

Gli omini ‘fluo’ di Alienatio animano le notti italiane firmate Vogue

#Occupy Montenapoleone

Vogue Fashion’s Night Out

Milano: giovedì 6 settembre
Roma: giovedì 13 settembre
Firenze: martedì 18 settembre

vfno-2012-video
http://vfno2012.vogue.it/
https://www.facebook.com/Lavazza
https://twitter.com/vogue_italia

G8 Genova 2001: cinque condanne definitive e un nuovo processo

Ridotte dalla Cassazione le pene alla maggior parte dei no global imputati per le devastazioni del G8 di Genova 2001. La sentenza di condanna è ora diventata definitiva per cinque dei dieci imputati accusati di vandalismo. La Corte suprema ha annullato con rinvio ad altra sezione della Corte d’Appello di Genova, la pena inflitta a cinque no global, perché ci sia una nuova valutazione sul diniego dell’attenuante di ‘aver agito per suggestione di una folla in tumulto‘.

Carlo Arculeo, Antonino Valguarnera, Luca Finotti, Dario Ursino e Carlo Cuccomarino sono i cinque attivisti per i quali la Cassazione ha deciso il rinvio. La loro posizione dovrà dunque essere riesaminata. Annullata senza rinvio invece la condanna per Marina Cugnaschi, Vincenzo Vecchi, Luca Finotti e Francesco Puglisi per il solo reato di detenzione di molotov, con sconto di pena compreso tra un anno e nove mesi. Le uniche condanne confermate sono quelle di Ines Morasca (6 anni e 6 mesi) e Alberto Funaro (10 anni).

L’accusa di devastazione – Anche se alcune delle pene inflitte ai dieci no global saranno ridotte, la Cassazione ha confermato in sostanza l’accusa di devastazione e saccheggio formulata dalla magistratura genovese per i danneggiamenti provocati durante il vertice genovese del G8 2001.

‘Ho sempre sostenuto che le condanne comminate in appello per quei 10 ragazzi erano aberranti. Adesso voglio capire se è caduta l’accusa di associazione finalizzata alla devastazione e saccheggio’. Così Giuliano Giuliani, padre di Carlo Giuliani, il ragazzo ucciso a Genova durante il G8 del 2001, ha commentato la decisione della Cassazione.

‘Hanno caricato su un manipolo di ragazzi la responsabilità totale di quello che successe allora – ha detto Giuliani – e il computo delle pene fu addirittura più alto di quelle comminate per i massacri della caserma Diaz. La cosa che mi preoccupa è l’accusa di associazione: una norma del codice Rocco recuperato in un’aula di tribunale dell’Italia democratica per giustificare una cosa assurda’.

http://www.10×100.it/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/06/diaz-11-anni-dopo-nuove-nomine-ai-vertici-manganelli-e-il-momento-delle-scuse/

Terremoto: nuove scosse in Romagna, non si contano le vittime

Non si contano le vittime dopo le ultime scosse di terremoto che hanno investito il territorio del Modenese con epicentro  tra i comuni di Cavezzo, Finale Emilia e Medolla. I terremoti hanno causato almeno una ventina i morti.

Dopo la forte scossa di terremoto di questa mattina alle 9, la quarta vittima, secondo dati provvisori, è un dipendente della ditta Aries di Mirandola a lavoro in un capannone al polo industriale. Crollato anche il Duomo di Mirandola con degli operai al lavoro all’interno.

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita a Milano e Bologna alle 9 di questa mattina e un’altra a metà mattina. I comuni prossimi all’epicentro sono Medolla, Mirandola e Cavezzo. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia il primo evento sismico è stato registrato alle ore 9 con magnitudo 5,8.

La scossa è stata avvertita in tutto il Nord Italia e fino alla Toscana e l’Umbria. Tante le repliche, due delle quali, intorno alle 13. I danni più rilevanti, spiega la Regione Emilia Romagna, sono nei Comuni vicini all’epicentro, dove si sono verificati numerosi crolli

La scossa ha coinvolto anche il vicino Comune di San Possidonio, dove si è sbriciolato il campanile della chiesa locale. Gravissimi danni al centro storico di Cavezzo nel modenese e alle fabbriche alimentari del territorio dopo la scossa sismica di questa mattina.

A San Felice sul Panaro ‘ci sono vittime e la situazione è molto grave’, ha detto il sindaco della cittadina Alberto Silvestri a Sky Tg24.

Scuole e uffici evacuati a Modena città e nella bassa. A Bologna, numerosi istituti scolastici della città hanno deciso di rimandare a casa gli studenti a un’ora dall’inizio delle lezioni. Circolazione ferroviaria rallentata fra Milano-BolognaFirenze: a causa della scossa, per precauzione si è ridotta la velocità. Sospesa  la circolazione delle linee Padova-Bologna, Verona-Bologna, Milano-Bologna, Verona-Mantova-Modena.

A Firenze, chi si è trovato a casa o a lavoro durante la scossa, per paura è uscito in strada. Alla scuola media ‘Pieraccini’ di viale Spartaco Lavagnini, studenti e professori sono andati ai ‘punti di raccolta’, come da protocollo. Così il personale e gli alunni di altri istituti.

Create a free website or blog at WordPress.com.