F1: Vettel vince il Korean Gran Prix, terzo posto per la Ferrari di Alonso

A Sebastian Vettel il podio più alto, in questa ultima gara corsa a Yeongam, in Corea per il Gran premio di Formula Uno. Il pilota della Red Bull va in doppietta insieme al suo compagno di squadra Webber risalendo di sei punti nella classifica mondiale dei drivers il suo avversario Fernando Alonso e in quella dei costruttori.

Le Ferrari si accontentano di un terzo posto sul podio, con Alonso che, partito quarto, arriva dietro alle RedBull grazie a un Hamilton finito in decima posizione. Massa è quarto, ma non basta perché Vettel si mette davanti a tutti e diventa leader del mondiale con l’aiuto del compagno di squadra Webber.

In quinta posizione  Raikkonen, mentre completano la zona punti  Hulkenberg, Grosjean, Vergne, Ricciardo e Hamilton, decimo per l’appunto.

Per Vettel si tratta della terza vittoria consecutiva, che gli garantisce il ruolo di leader del Mondiale con 215 punti, mentre Alonso passa in seconda posizione con 209 punti.

‘Sono 6 punti dietro Vettel? Dobbiamo essere felici della performance di oggi, sono arrivato terzo e Massa quarto, dietro alle Red Bull che sono difficili da superare, è un buon risultato per me e Massa’. Fernando Alonso guarda alla buona prestazione e al secondo posto in classifica costruttori per la Ferrari. ‘Abbiamo anche superato la McLaren nella classifica a squadre e non ce lo aspettavamo due o tre gare fa, ma per vincere il titolo ci vuole qualcosa di più. Serve un ultimo step per essere competitivi come le Red Bull e allora potremo vedere quattro belle gare finali’, conclude Alonso dal podio, dopo il terzo posto nel Gp di Corea.

Prossimo giro il 28 ottobre sul circuito indiano del Buddh International Circuit, con Vettel Lap record nel 2011.

in foto –  Race winner Sebastian Vettel (GER) Red Bull Racing celebrates on the podium. Formula One World Championship, Rd16, Korean Grand Prix, Race, Korea International Circuit, Yeongam, South Korea, Sunday, 14 October 2012

Advertisements

F1: una donna guiderà la Sauber. Si chiama Monisha Kaltenborn

In attesa di avere una donna alla guida di una monoposto, ce n’è una nominata nel team principal. Si tratta di Monisha Kaltenborn, australiana, che, per la prima volta nella storia della Formula 1, guiderà la squadra Sauber. Ad annunciarlo è stato il fondatore della compagnia Peter Sauber che già nei mesi scorsi aveva espresso la volontà di lasciare.

‘La decisione è stata presa già da tempo ma abbiamo preferito attendere, questo è il momento giusto per passare il testimone – precisa Sauber in una nota -. Dopo tutto c’è stata una serie di gare in cui non sono stato in grado di partecipare, tra le più recenti il Gp del Giappone, e la squadra ha fatto una prestazione eccellente. Non ho dubbi sulle capacità di Monisha’.

La Kaltenborn, 41 anni, è co-proprietaria di un terzo della società, in cui è entrata nel 2000. Sauber rimarrà presidente del consiglio di amministrazione ma Monisha sarà il ‘boss’ sui circuiti. ‘Sono consapevole della grande responsabilità che ho nei confronti della scuderia di Peter Sauber.

Sauber ha fondato il team più di 40 anni fa, e in primavera saranno 20 anni da quando ha esordito in F1. ‘Siamo la quarta squadra più antica del circus. Aver costruito un progetto come questo e tenerlo in vita in un ambiente difficile, è un risultato straordinario. Il mio obiettivo è prendere in mano la squadra e portarla al successo’, ha commentato la Kaltenborn.

Intanto Sebastian Vettel e Fernando Alonso cominciano il loro personale sprint finale vero il titolo dal circuito di Yeongam. Un tracciato che sorride particolarmente alla Red Bull, ma che nel 2010 ha visto vittorioso proprio il ferrarista, grazie anche e soprattutto al ritiro di Sebastian Vettel.

Nella classifica dei piloti Fernando Alonso è primo a Sebastian Vettel di quattro punti nel Gran Premio di Corea che si disputerà domenica prossima.

http://www.formula1.com/

Fiat dice stop a Fabbrica Italia, Ministro dello Sviluppo: ‘Bisogna fare chiarezza’

Auto: Fiat dice stop alla ‘Fabbrica Italia’. ‘Le cose sono profondamente cambiate’. Il gruppo automobilistico annuncia l’idea di abbandonare il progetto: ‘Impossibile farci riferimento. Il mercato dell’auto in Europa è entrato in una grave crisi e quello italiano è crollato ai livelli degli anni Settanta’. E precisa: ‘Non era un impegno assoluto, ma un’iniziativa del tutto autonoma che non prevedeva incentivi pubblici’. Le cose, da quando Fiat ha annunciato il progetto Fabbrica Italia, sono ‘profondamente cambiate’, quindi ‘è impossibile’ farvi riferimento. Lo precisa il gruppo automobilistico, dopo dichiarazioni di ‘alcuni esponenti del mondo politico e sindacale’, preoccupati per il futuro del progetto.

‘Da quando Fabbrica Italia è stata annunciata nell’aprile 2010 – afferma Fiat – le cose sono profondamente cambiate. Il mercato dell’auto in Europa è entrato in una grave crisi e quello italiano è crollato ai livelli degli anni Settanta. E’ quindi impossibile fare riferimento ad un progetto nato due anni e mezzo fa. E’ necessario che il piano prodotti e i relativi investimenti siano oggetto di costante revisione per adeguarli all’andamento dei mercati’.

Fiat ricorda che ‘con un comunicato emesso il 27 ottobre 2011 aveva annunciato che non avrebbe più utilizzato la dizione Fabbrica Italia, perché molti l’avevano interpretata come un impegno assoluto dell’azienda, mentre invece si trattava di una iniziativa del tutto autonoma che non prevedeva tra l’altro alcun incentivo pubblico’.

‘È urgente fare chiarezza al più presto al mercato e agli italiani’. Lo ha sottolineato il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, a margine di un convegno parlando del caso Fiat.’È chiaro – ha aggiunto Passera – che non è pensabile che la politica possa sostituirsi alle scelte del mercato’, tuttavia, ha spiegato il ministro, ‘vogliamo capire fino in fondo le implicazioni di una serie di annunci che si sono susseguiti e che non permettono di capire la strategia che l’azienda ha sull’Italia’.

Il ministro dello Sviluppo economico ha messo in evidenza come comunque da parte del governo sul caso ci sia ‘massima attenzione che non significa una telecronaca dei contatti e degli incontri perché parliamo di un’azienda quotata’.

Dopo le precisazioni del Lingotto su ‘Fabbrica Italia, c’è apprensione per il destino degli stabilimenti. Il governo chiede chiarimenti. E il patron della Tod’s Diego Della Valle attacca l’ad: ‘Il problema di Fiat sono i suoi azionisti di riferimento e il suo amministratore delegato. Da loro scelte sbagliate’. Replica il presidente della Ferrari: ‘Parole inaccettabili’. Per Romiti: ‘Azienda che interrompe la progettazione è destinata a morire’.

‘Fabbrica Italia’ era considerato un marchio garanzia. E ora che Fiat l’ha archiviato ufficialmente, insieme alle polemiche sulle scelte industriali del Lingotto, torna a salire la preoccupazione per il destino degli stabilimenti italiani. I sindacati alzano la voce e chiedono un intervento del governo. Il patron della Tod’s, Diego Della Valle, attacca: ‘il vero problema di Fiat sono i suoi azionisti di riferimento e il suo amministratore delegato. Sono loro che stanno facendo le scelte sbagliate o, peggio ancora, le scelte più convenienti per loro e i loro obiettivi, senza minimamente curarsi degli interessi e delle necessità del Paese‘.

Un Paese, continua Della Valle, che ‘alla Fiat ha dato tanto, tantissimo, sicuramente troppo. Pertanto non cerchino nessun capro espiatorio, perché sarà solo loro la responsabilità di quello che faranno e di tutte le conseguenze che ne deriveranno’. Per il patron di Tod’s ‘è bene comunque che questi ‘furbetti cosmopoliti’ sappiano che gli imprenditori italiani seri, che vivono veramente di concorrenza e competitività, che rispettano i propri lavoratori e sono orgogliosi di essere italiani, non vogliono in nessun modo essere accomunati a persone come loro’.

A replicare alle parole di Della Valle ci pensa Luca Cordero di Montezemolo, presidente della Ferrari e membro del Cda di Fiat. ‘Espressioni come quelle usate da Diego sono assolutamente inaccettabili e non dovrebbero mai far parte di una dialettica tra imprenditori. Di tutto abbiamo bisogno in questo momento – aggiunge Montezemolo -, ma non di polemiche che non appartengono alla cultura imprenditoriale e che fanno male al Paese’.

Secondo Cesare Romiti, ex presidente e ad di Fiat ‘quando un’azienda automobilistica interrompe la progettazione vuol dire che è destinata a morire’. Commentando le dichiarazioni di Della Valle, Romiti dice all’Adnkronos: ‘Uno dei principali colpevoli è il sindacato assente che, tranne la Fiom, non hanno fatto nulla’ per contrastare le scelte del management.

Il fantasma che aleggia è l’ipotesi che Fiat possa scegliere la strada di un progressivo ma inesorabile disimpegno dal mercato europeo e, quindi, da Torino e dal resto d’Italia.

F1 Gran premio di Germania: ad Hockenheim vince Alonso. Seguono Vettel e Button

Vince Alonso e vince la Ferrari. Il pilota di Oviedo convince e allunga in classifica generale. Ottenuta la pole position – la seconda consecutiva – sotto la pioggia torrenziale di Hockenheim, controlla la gara, passa indenne dai due pit stop per il cambio gomme e resiste a Vettel e dopo di Button, portando la monoposto del Cavallino rampante di nuovo sul podio e al posto più alto.

Festeggiato anche dai compagni.

Fernando Alonso, pilota della Ferrari e leader della classifica del Mondiale di F1, ha chiuso al primo posto il Gp di Germania sul circuito di Hockenheim. Terza prova vinta in questa stagione dallo spagnolo, che ha resistito agli attacchi di Sebastian Vettel (Red Bull) prima e Jenson Button (McLaren) poi. Quarta piazza per Kimi Raikkonen (Lotus), che ha invece preceduto Kamui Kobayashi (Sauber) e di Sergio Perez. Settimo Michael Schumacher (Mercedes) davanti a Mark Webber (Red Bull) ed a Nico Hulkenberg (Force India). Ha chiuso in zona punti Nico Rosberg (Mercedes).

La classifica

Fernando Alonso allunga in testa alla classifica del Mondiale piloti a quota 154 punti: dietro di lui l’australiano della Mark Webber (120 punti) e il campione del mondo Sebastian Vettel (118 punti).

La gara

Un successo, il terzo in questa stagione giunta già alla decima gara, che gli permette di allungare decisamente in classifica generale, portandosi a 34 punti di vantaggio su Mark Webber, oggi solo ottavo e a 36 su Sebastian Vettel, finito secondo sorpassando all’ultimo giro Jenson Button, uscendo oltre il limite della pista, tanto da finire sotto inchiesta da parte dei commissari di gara. Il campione del mondo della Red Bull sarà ascoltato dagli steward e potrebbe essere sansionato.

Vettel è apparso molto nervoso e con un errore di guida nel finale e la difficoltà di superare la McLaren di Lewis Hamilton (in lotta con Alonso per il primo posto), riesce ancora una volta a rimanere secondo nel Gran Premio di casa. I tre giorni di gara  meno allegri del campionato per il team iridato, con un Webber mai stato in gara e finito ottavo, dopo essere stato sospettato di avere usato una mappatura del motore diversa rispetto alle gare precedenti, con il rischio di essere penalizzato.

Un sospetto che rimane anche dopo la decisione degli steward di farli correre. La Red Bull, comunque, mantiene la leadership tra i Costruttori con 238 punti contro i 177 della Ferrari che dopo la buona prestazione di Silverstone, non può contare nuovamente sull’apporto di Felipe Massa. Il brasiliano tampona in partenza la Toro Rosso di Ricciardo, distruggendo l’alettone anteriore.

Fermo ai box per la sostituzione, conclude la gara fuori dai punti, al dodicesimo posto. Kimi Raikkonen, quarto con la Lotus che lo proietta nell’identica posizione anche nella classifica iridata, scavalcando Hamilton, unico ritirato della corsa per problemi meccanici.

Buona gara anche per la Sauber a motore Ferrari di Kamui Kobayashi, quinto davanti al compagno di squadra Sergio Perez. Settimo posto per Michael Schumacher che con la sua Mercedes ha optato per le tre soste. Ottavo Webber, a chiudere la top ten Nico Hulkenberg con la Force India, e Nico Rosberg con la seconda Mercedes.

Il Circus della massima Formula 1 ora si rimette immediatamente in marcia per raggiungere Budapest, dove domenica prossima si correrà il GP di Ungheria, l’ultimo prima della lunga pausa estiva. Si tornerà in pista a fine agosto con il week end belga (2 settembre) prima della gara italiana il 9 settembre a Monza.

http://www.formula1.com/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/22/f1-alonso-e-il-nuovo-uomo-della-pioggia-in-pole-sul-circuito-di-hockenheim/

 

F1: Alonso è il nuovo uomo della pioggia, in pole sul circuito di Hockenheim

Si disputerà esattamente fra 3 ore e una ventina di minuti la prossima gara di Formula 1 sul circuito di Hockenheim. L’headline di quest’oggi è tenuta dall’uomo della pioggia, l’asturiano Fernando Alonso, al suo secondo pole bagnato.  Per l’hombre de la lluvia come lo hanno chiamato i suoi tifosi, per l’abilità a posizionarsi ai primi posti anche sotto la pioggia battente, ‘la pole è la strategia perfetta’. Il pilota della Ferrari è al suo secondo miglior tempo sul bagnato dopo Silverstone. L’umore è alto sul circuito tedesco di Formula1, tanto da scherzare e accennare allo spread, che dicono essere ‘calato.

‘Guidare una Formula 1 sotto la pioggia non è come viaggiare a 300 chilometri l’ora a occhi chiusi: il pilota non vede le curve, ma sa dove sono e dove portano, non ha bisogno di una mappa anche se riesce a scorgere appena un metro di asfalto davanti al muso della sua monoposto. Ci sono rivoli d’acqua ovunque e solo due tracce, una per le ruote di destra e una per le ruote di sinistra. Se si trova su quelle due tracce è più o meno a posto, se si sposta appena finisce in un grosso guaio: la macchina scivola sull’asfalto, fa aquaplaning e il pilota diventa un passeggero’. E’ Sebastian Vettel a descrivere cosa può accadere sul bagnato.

Il campione del mondo, campione anche nella guida sotto la pioggia, con una gara, la prima, vinta nel 2008 a Monza con la Toro Rosso sotto un acquazzone torrenziale e un collezionista di pole position, con 33 qualifiche.  Solo Schumacher e Senna ne hanno di più. Eppure, per la seconda volta consecutiva è Fernando Alonso che conquista il miglior posizionamento.

Hockenheimring ha piovuto forte. La terza sessione di qualifica si è disputata con le gomme ‘extreme’, con il battistrada più ‘grind’. Alonso ha rifilato 4 decimi a Vettel e 8 a Webber, penalizzato di cinque posizioni per aver sostituito il cambio, gli unici entro un secondo di distacco. Il segreto? ‘Una strategia perfetta. Sono stati momenti cruciali – dice l’asturiano di casa Ferrari. In quelle condizioni è facile finire nella sabbia, sull’erba o contro un muro. Ho cercato di completare il giro senza problemi e poi, prima di sapere il mio piazzamento, ero felice perché sapevo di aver dato il massimo’.

La competizione più difficile con il pilota in seconda del Cavallino rampante, Felipe Massa, 13° nella seconda manche. Alonso se lo è trovato davanti durante il giro veloce, mentre la pioggia cresceva di intensità. ‘Felipe era in difficoltà alla curva 6 e alla 8. Siamo stati vicinissimi, ma per fortuna è andata bene’.

Alonso giura di non essersi divertito. Appena sceso dalla macchina aveva il volto tirato e poca voglia di esultare: ‘Non sai mai in che condizioni guidi. Stai fermo 5 minuti ai box, torni in pista ed è cambiato tutto, la tenuta di strada è diversa, ci sono pozzanghere ovunque. Il segreto? Memorizzare i punti in cui l’acqua si è accumulata e quelli in cui si può spingere. Poi ci provi, ma ogni curva è una sorpresa». Un’ora dopo, abbracciata la sua nuova fiamma Dasha Kapustina, ha ritrovato il buonumore e lo spirito della battuta: ‘Uno spagnolo in pole in Germania con un’auto italiana? Non mi intendo di politica, ma sicuramente è una circostanza curiosa?. La Ferrari gli fa eco: ‘A Hockenheim è calato lo spread, Fernando cammina sulle acque’.

Il dg Stefano Domenicali del team Ferrari abbraccia il suo pilota: ‘Straordinario’. Poi spiega le incognite della gara di oggi. ‘Non sappiamo come si comporteranno le gomme sulla lunga distanza. Stiamo attenti, la concorrenza è fortissima’. I rivali più temuti sono i due della Red Bull, Vettel soprattutto. Chiunque preferirebbe un Gran premio asciutto, come da meteo, ‘andiamo forte in tutte le condizioni’. I suoi risultati, al di là del talento, riflettono anche il miglioramento della Ferrari, che da oggetto misterioso sta tornando un modello di riferimento con le sue innovazioni tecniche.

Per la gara si aspettano fino a  centomila spettatori. Manca quello d’eccezione. Bernie Ecclestone, coinvolto in un caso di corruzione con un banchiere tedesco, l’ottantunenne patron della F1 rischia un’incriminazione in Germania. E quindi l’arresto. Secondo una fonte a lui vicina, è in un Paese vicino.

http://www.formula1.com/

F1: a Silverstone vince Webber. Seconda la Ferrari di Alonso, primo fra i piloti

La Red Bull conquista la nona prova del Mondiale di Formula 1, sul circuito di Silverstone in Gran Bretagna. Fernando resta in testa nella classifica piloti con 129 punti. L’australiano va a 116.

Mark Webber su Red Bull ha vinto il Gran prix di Gran Bretagna. Al secondo posto la Ferrari di Fernando Alonso, che ha condotto per gran parte della gara.

Il podio, al terzo posto, va ancora alla Red Bull del tedesco Sebastian Vettel, che ha preceduto la Ferrari di Felipe Massa. Nella classifica mondiale piloti Alonso resta in testa con 129 punti, mentre Webber sale a quota 116.

E’ il quart’ultimo giro quello decisivo per Fernando Alonso e la Ferrari di vincere il Gp di Silverstone, quando l’australiano Mark Webber, su Red Bull-Renault, completa la rimonta, superando l’asturiano in testa dalla partenza e va a cogliere la vittoria. Seconda piazza per Alonso, terzo posto per il campione iridato in carica Sebastian Vettel (su Red Bull).

Ottimo quarto posto per Felipe Massa, su Ferrari, migliore prestazione stagionale per il paulista. Per Webber è la nona vittoria,  per la  scuderia Red Bull è la trentesima e questa volta ottenuta pressochè in casa: lo stabilimento è a pochi chilometri di distanza dal circuito di Silverstone.

Prossima gara a Hockenheim, in Germania, il 22 luglio. Poi tocca a Ungheria, Belgio e Italia il 9 settembre all’autodromo di Monza per il Formula 1 Gran Premio Santander d’Italia 2012, dove il lap record è fermo al 2004 con i 1:21.046 di  Barrichello.

http://www.formula1.com

 

F1, Gran prix di Silverstone: Alonso in pole sotto la pioggia

Davanti a Webber e a Schumi, poi Vettel e Massa. Fernando Alonso porta la Ferrari davanti a tutti e scatterà dalla pole position nel Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1 di domani, il 2012 Formula 1 Santander British Grand Prix, sul circuito anglosassone di Silverstone. A pochi minuti dal termine del Q2, la pioggia ha bloccato le qualifiche poi ripartite dopo circa un’ora di pausa per permettere ai piloti di gareggiare con una certa sicurezza.

Alonso, che ha rischiato di restare fuori dal Q3, ha fermato il cronometro sull’1’51″744 precedendo l’australiano della Red Bull Mark Webber (a quasi 5 centesimi) e il tedesco della Mercedes Michael Schumacher. Quarto il due volte campione del mondo Sebastian Vettel, anche lui a rischio taglio nel Q2, che ha chiuso davanti alla Ferrari di Felipe Massa. Al fianco del brasiliano scatterà la Lotus di Kimi Raikkonen.

A seguire ci saranno la Williams di Pastor Maldonato, la McLaren di Lewis Hamilton, la Force India di Nico Hulkenberg e la Lotus di Romain Grosjean, rimasto fermo alle Q3 dopo essere finito sulla ghiaia al termine delle Q2.

Hulkenberg sarà penalizzato di cinque posizioni per aver sostituito il cambio. Per l’asturiano Alonso è la prima pole stagionale e la 21a della carriera: soprattutto è la prima pole position per la Ferrari, che rompe un digiuno che durava dal Gran Premio di Singapore 2010.

‘Sono felice, erano due anni che non ottenevo la pole, un’attesa così è un periodo molto lungo per la Ferrari’. Fernando Alonso esprime gratitudine e soddisfazione nella conferenza stampa subito dopo le qualifiche al Gp di Gran Bretagna. ‘E’ importante partire davanti, anche per la visibilità se dovesse piovere ancora – aggiunge lo spagnolo di Asturia. Ho fatto il giro giusto, non era facile. Le condizioni erano difficili per tutti, ma dopo lo stop era importante rimanere calmi. In Q2 eravamo 17/i…’.

Silverstone  Sun 08 July 2012 Race 13:00

Race Date: 08 Jul 2012
Number of Laps: 52
Circuit Length: 5.891 km
Race Distance: 306.198 km
Lap Record: 1:30.874 – F Alonso (2010)

http://www.formula1.com/
https://cookednews.wordpress.com/2012/06/24/formula-1-a-valencia-alonso-vince-il-gran-prix-deuropa/ 

Pininfarina addio: se ne va il simbolo del Made in Italy

 Sergio Pininfarina, presidente onorario del Gruppo Pininfarina, è morto la notte scorsa nella sua casa di Torino. Vicini al senatore a vita eletto da Ciampi, la moglie Giorgia e i figli Lorenza e Paolo. A 86 anni, era considerato il simbolo del Made in Italy.

Artista dell’auto, nasce a Torino l’8 settembre 1926. Laureato in Ingegneria Meccanica presso il Politecnico di Torino nel 1950, Pininfarina inizia la sua attività nell’industria paterna, la Carrozzeria Pinin Farina, di cui nel 1960 assume la carica di Direttore Generale, nel 1961 quella di amministratore delegato e nel 1966, alla morte del padre, quella di Presidente. Nel 2006 diventa Presidente d’Onore. Nel 1961 il presidente della Repubblica Italiana, Giovanni Gronchi cambia per decreto il cognome Farina in Pininfarina.

Pininfarina ricopre inoltre numerose cariche nel corso della sua carriera. Professore di ‘Progettazione di Carrozzeria’ al Politecnico di Torino dal 1974 al 1977. Presidente dell’Unione Industriale di Torino (1978-1984). Deputato al Parlamento Europeo (1979-1988). Presidente della Federazione delle Associazioni Industriali del Piemonte (1983-1988). Presidente dell’OICA – Organisation Internationale des Constructeurs d’Automobiles (1987-1989). Presidente di Confindustria (1988-1992). Amministratore dell’AUME – Association pour l’Union Monétaire de l’Europe (1989-1997). Presidente del Comitato Leonardo – Italian Quality Committee (1993-1996). Co-Presidente del Comitato Promotore della Direttrice Ferroviaria Europea Transpadana ad Alta Capacità Merci e Passeggeri (1991-2001). Presidente Banca CRT (2001-2002) e Capo della Delegazione italiana in seno alla Commissione Intergovernativa Italo-Francese per il nuovo collegamento ferroviario ad Alta Velocità fra Lione e Torino (2001-2005). Presidente FIDIA S.p.A. (1996-2006). Co-Presidente Italy-Japan Business Group (2004-2007) e Presidente Editrice La Stampa S.p.A. (2004-2008). Consigliere d’Amministrazione della Ferrari S.p.A. dal 1969 al 2011.

Gli vengono conferite quattro lauree honoris causa: nel 1993 quella in Economia e Commercio dall’Università Luiss di Roma, nel 2002 quella del Royal College of Art di Londra e quella in Disegno Industriale dal Politecnico di Milano e  nel 2004 quella in Belle Arti dal College for Creative Studies (CCS) di Detroit.

E’ sua la e MTB verde, la bicicletta  in raccolta nei distributori Esso qualche anno fa.

Ferrari: asta online per le vittime del terremoto

 Asta online per la Ferrari. L’azienda di Maranello ha deciso di aiutare le famiglie vittime del terremoto e indice una raccolta fondi in aiuto delle popolazioni colpite.

Giusto il tempo di sistemare alcuni aspetti tecnici, e sul sito del cavallino rampante  www.ferraristore.com sarà possibile vedere la sezione dedicata all’iniziativa. L’intento è di raccogliere una significativa somma da destinare alle famiglie colpite dal sisma.

All’asta pezzi unici, tra cui una 599XX Evo, berlinetta sportiva estrema dedicata alla pista del valore di 1,3 milioni di euro. La vettura è equipaggiata con il meglio della tecnologia Ferrari e un pacchetto che aumenti le prestazioni per il  biennio 2012-2013.

Tanti gli oggetti provenienti dal mondo della Formula 1, ad iniziare da un motore V8, nonché caschi e tute da gara di Fernando Alonso e Felipe Massa insieme a numerosi memorabilia, derivati dalle monoposto della Scuderia Ferrari degli ultimi anni. Completeranno la raccolta fondi anche alcuni oggetti del Ferrari Store tra cui gli orologi da polso del Cavallino Rampante.

Secondo quanto riportato dal comunicato diffuso dall’azienda di Maranello, ‘Non appena diffuse le notizie del sisma, clienti e collezionisti Ferrari da tutto il mondo si sono immediatamente messi in contatto per offrire spontaneamente il proprio contributo. Ancora una volta – continua – la generosità degli appassionati della Casa di Maranello permetterà di raccogliere significative risorse da destinare a chi più è stato colpito da eventi tragici. Una gara di solidarietà che in tempi recenti ha contribuito alla ricostruzione dopo il terremoto in Abruzzo e in tempi recentissimi anche con l’intervento a favore di due strutture doposcuola a Ishinomaki, in Giappone, per un contributo di 80 milioni di yen’.

Create a free website or blog at WordPress.com.