A Maranello la nuova Ferrari F-138

ferrari-f138-tutti-i-dettagliSvelata a Maranello la nuova Ferrari F-138, la nuova vettura di Maranello che sarà guidata da Fernando Alonso e Felipe Massa nel mondiale di Formula 1 del 2013.

Il nome della cinquantanovesima monoposto costruita a Maranello deriva dalla combinazione fra l’anno di attività, il 2013 e il numero di cilindri del motore, 8, il cui utilizzo è giunto al termine. Dal 2014, infatti, con l’obiettivo di ridurre i costi, si tornerà al Turbo con motori a 6 cilindri.

I test della nuova vettura, che è un’evoluzione di quella utilizzata nello scorso campionato, verranno svolti dal 5 all’8 febbraio 2013 a Jerez de la Frontera, in Spagna.

Advertisements

F1, Gran Premio di Abu Dhabi: vince Raikkonen, secondo Alonso, terzo sul podio Vettel

Primo posto a Kimi Raikkonen alla guida della Renault Lotus per la gara del Gran Premio di Formula Uno di Abu Dhabi sul circuito di Yas Marina, Fernando Alonso è secondo con la Ferrari, mentre applausi per la rimonta di Sebastian Vettel.

La Red Bull ha sostituto il cambio della vettura di Vettel, escluso dalle qualifiche per non aver avuto nel serbatoio il quantitativo minimo di carburante stabilito dal regolamento: questo è servito alla scuderia per cambiare i rapporti delle marce, con l’evidente intento di guadagnare velocità massima in rettifilo. In qualifica Vettel e Webber erano in coda nella lista delle velocità massime con Vettel che raggiungeva appena 311,4 km/h contro i 325,8 di Pastor Maldonado e i 319,7 di Alonso.

Inoltre è stato modificato anche l’assetto delle sospensioni forse per gestire meglio le gomme sulla distanza. Non è stato invece sostituito il motore (il campione del mondo avrebbe potuto montare un nono esemplare senza penalità). Per questa ragione Vettel anziché dal fondo dello schieramento è partito dai box, come appunto anticipato dal team sabato sera. Fernando Alonso, che parte sesto, può azzerare il distacco in classifica dal rivale.

Lotta aperta per il mondiale di Formula 1: Alonso sul podio nel Gp di Abu Dhabi, ma subito dopo di lui c’è Vettel a +10. Incidente spettacolare, senza conseguenze, fra la Mercedes di Nico Rosberg e la Hrt di Narain Karthikeyan nel nono giro.

Ancora più competizione che mai quindi dopo il Gp di Abu Dhabi. Vince il finnico Kimi Raikkonen (Lotus) davanti al ferrarista Fernando Alonso che accorcia in classifica sul tedesco Sebastian Vettel (Red Bull), ora a +10, grazie al 3° posto in extremis. Il tedesco, vincitore degli ultimi due Mondiali, guida la classifica piloti con 240 punti davanti a Fernando Alonso, secondo a quota 227.

Hamilton (McLaren) brucia Webber (Red Bull) in partenza, ma abbandona al 20° giro quando era in testa. Raikkonen prende il comando e non lo molla più. Due interventi della safety car per incidenti (9° e 39° giro) stabilizzano la gara. Il ferrarista Felipe Massa in testacoda, arriva solo 7°.

Pauroso incidente per la Mercedes di Nico Rosberg, che al giro numero 9 del Gran Premio di Abu Dhabi tampona la Hrt del pilota indiano Karthikeyan, spicca il volo per un istante e va a sbattere violentemente contro le barriere. Nessuna conseguenza per entrambi i piloti e safety car subito in pista per permettere la pulizia della pista piena di detriti.

La safety car avvantaggia il tedesco dato che annulla le distanze fra le varie vetture.

Prossima gara fra due settimane negli United States sulla pista di Austin in Texas, prima della finale in Brasile.

http://www.formula1.com/default.html

F1, Gp Singapore: Hamilton in pole, seconda posizione Maldonado, terzo Vettel. Alonso quinto

 Lewis Hamilton ha ottenuto la pole position per il Gp di Singapore, in programma domani sul circuito di Marina Bay. Con il tempo di 1’46″362, il britannico della McLaren ha preceduto la Williams di Pastor Maldonado di circa mezzo secondo (a 0”442). Terza posizione per Sebastian Vettel su Red Bull (a 0”543), che era stato il più veloce in tutte e tre le sessioni di prove libere.

Poi Jenson Button su McLaren mentre Fernando Alonso ha chiuso al quinto posto a circa 8 decimi da Hamilton davanti a Paul Di Resta su Force India. Settimo posto per Mark Webber che è sotto investigazione da parte degli steward e potrebbe perdere qualche posizione. Alle sue spalle la Lotus del francese Romain Grosjean seguito dalle due Mercedes di Michael Schumacher e Nico Rosberg che non hanno effettuato giri in Q3 per preservare le gomme in vista della gara di domani.

L’altra Ferrari di Felipe Massa è stata eliminata nella Q2. Il brasiliano, dunque, partirà dalla 13/a posizione. Il francese Charles Pic della Marussia, invece, dovrà scontare una penalizzazione di 20 secondi per un sorpasso in regime di bandiere rosse durante le ultime prove libere. La gara, che si svolgerà in notturna, è in programma domani alle 14 ora italiana.

http://www.formula1.com/

F1: Alonso è il nuovo uomo della pioggia, in pole sul circuito di Hockenheim

Si disputerà esattamente fra 3 ore e una ventina di minuti la prossima gara di Formula 1 sul circuito di Hockenheim. L’headline di quest’oggi è tenuta dall’uomo della pioggia, l’asturiano Fernando Alonso, al suo secondo pole bagnato.  Per l’hombre de la lluvia come lo hanno chiamato i suoi tifosi, per l’abilità a posizionarsi ai primi posti anche sotto la pioggia battente, ‘la pole è la strategia perfetta’. Il pilota della Ferrari è al suo secondo miglior tempo sul bagnato dopo Silverstone. L’umore è alto sul circuito tedesco di Formula1, tanto da scherzare e accennare allo spread, che dicono essere ‘calato.

‘Guidare una Formula 1 sotto la pioggia non è come viaggiare a 300 chilometri l’ora a occhi chiusi: il pilota non vede le curve, ma sa dove sono e dove portano, non ha bisogno di una mappa anche se riesce a scorgere appena un metro di asfalto davanti al muso della sua monoposto. Ci sono rivoli d’acqua ovunque e solo due tracce, una per le ruote di destra e una per le ruote di sinistra. Se si trova su quelle due tracce è più o meno a posto, se si sposta appena finisce in un grosso guaio: la macchina scivola sull’asfalto, fa aquaplaning e il pilota diventa un passeggero’. E’ Sebastian Vettel a descrivere cosa può accadere sul bagnato.

Il campione del mondo, campione anche nella guida sotto la pioggia, con una gara, la prima, vinta nel 2008 a Monza con la Toro Rosso sotto un acquazzone torrenziale e un collezionista di pole position, con 33 qualifiche.  Solo Schumacher e Senna ne hanno di più. Eppure, per la seconda volta consecutiva è Fernando Alonso che conquista il miglior posizionamento.

Hockenheimring ha piovuto forte. La terza sessione di qualifica si è disputata con le gomme ‘extreme’, con il battistrada più ‘grind’. Alonso ha rifilato 4 decimi a Vettel e 8 a Webber, penalizzato di cinque posizioni per aver sostituito il cambio, gli unici entro un secondo di distacco. Il segreto? ‘Una strategia perfetta. Sono stati momenti cruciali – dice l’asturiano di casa Ferrari. In quelle condizioni è facile finire nella sabbia, sull’erba o contro un muro. Ho cercato di completare il giro senza problemi e poi, prima di sapere il mio piazzamento, ero felice perché sapevo di aver dato il massimo’.

La competizione più difficile con il pilota in seconda del Cavallino rampante, Felipe Massa, 13° nella seconda manche. Alonso se lo è trovato davanti durante il giro veloce, mentre la pioggia cresceva di intensità. ‘Felipe era in difficoltà alla curva 6 e alla 8. Siamo stati vicinissimi, ma per fortuna è andata bene’.

Alonso giura di non essersi divertito. Appena sceso dalla macchina aveva il volto tirato e poca voglia di esultare: ‘Non sai mai in che condizioni guidi. Stai fermo 5 minuti ai box, torni in pista ed è cambiato tutto, la tenuta di strada è diversa, ci sono pozzanghere ovunque. Il segreto? Memorizzare i punti in cui l’acqua si è accumulata e quelli in cui si può spingere. Poi ci provi, ma ogni curva è una sorpresa». Un’ora dopo, abbracciata la sua nuova fiamma Dasha Kapustina, ha ritrovato il buonumore e lo spirito della battuta: ‘Uno spagnolo in pole in Germania con un’auto italiana? Non mi intendo di politica, ma sicuramente è una circostanza curiosa?. La Ferrari gli fa eco: ‘A Hockenheim è calato lo spread, Fernando cammina sulle acque’.

Il dg Stefano Domenicali del team Ferrari abbraccia il suo pilota: ‘Straordinario’. Poi spiega le incognite della gara di oggi. ‘Non sappiamo come si comporteranno le gomme sulla lunga distanza. Stiamo attenti, la concorrenza è fortissima’. I rivali più temuti sono i due della Red Bull, Vettel soprattutto. Chiunque preferirebbe un Gran premio asciutto, come da meteo, ‘andiamo forte in tutte le condizioni’. I suoi risultati, al di là del talento, riflettono anche il miglioramento della Ferrari, che da oggetto misterioso sta tornando un modello di riferimento con le sue innovazioni tecniche.

Per la gara si aspettano fino a  centomila spettatori. Manca quello d’eccezione. Bernie Ecclestone, coinvolto in un caso di corruzione con un banchiere tedesco, l’ottantunenne patron della F1 rischia un’incriminazione in Germania. E quindi l’arresto. Secondo una fonte a lui vicina, è in un Paese vicino.

http://www.formula1.com/

F1: a Silverstone vince Webber. Seconda la Ferrari di Alonso, primo fra i piloti

La Red Bull conquista la nona prova del Mondiale di Formula 1, sul circuito di Silverstone in Gran Bretagna. Fernando resta in testa nella classifica piloti con 129 punti. L’australiano va a 116.

Mark Webber su Red Bull ha vinto il Gran prix di Gran Bretagna. Al secondo posto la Ferrari di Fernando Alonso, che ha condotto per gran parte della gara.

Il podio, al terzo posto, va ancora alla Red Bull del tedesco Sebastian Vettel, che ha preceduto la Ferrari di Felipe Massa. Nella classifica mondiale piloti Alonso resta in testa con 129 punti, mentre Webber sale a quota 116.

E’ il quart’ultimo giro quello decisivo per Fernando Alonso e la Ferrari di vincere il Gp di Silverstone, quando l’australiano Mark Webber, su Red Bull-Renault, completa la rimonta, superando l’asturiano in testa dalla partenza e va a cogliere la vittoria. Seconda piazza per Alonso, terzo posto per il campione iridato in carica Sebastian Vettel (su Red Bull).

Ottimo quarto posto per Felipe Massa, su Ferrari, migliore prestazione stagionale per il paulista. Per Webber è la nona vittoria,  per la  scuderia Red Bull è la trentesima e questa volta ottenuta pressochè in casa: lo stabilimento è a pochi chilometri di distanza dal circuito di Silverstone.

Prossima gara a Hockenheim, in Germania, il 22 luglio. Poi tocca a Ungheria, Belgio e Italia il 9 settembre all’autodromo di Monza per il Formula 1 Gran Premio Santander d’Italia 2012, dove il lap record è fermo al 2004 con i 1:21.046 di  Barrichello.

http://www.formula1.com

 

F1, Gran prix di Silverstone: Alonso in pole sotto la pioggia

Davanti a Webber e a Schumi, poi Vettel e Massa. Fernando Alonso porta la Ferrari davanti a tutti e scatterà dalla pole position nel Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1 di domani, il 2012 Formula 1 Santander British Grand Prix, sul circuito anglosassone di Silverstone. A pochi minuti dal termine del Q2, la pioggia ha bloccato le qualifiche poi ripartite dopo circa un’ora di pausa per permettere ai piloti di gareggiare con una certa sicurezza.

Alonso, che ha rischiato di restare fuori dal Q3, ha fermato il cronometro sull’1’51″744 precedendo l’australiano della Red Bull Mark Webber (a quasi 5 centesimi) e il tedesco della Mercedes Michael Schumacher. Quarto il due volte campione del mondo Sebastian Vettel, anche lui a rischio taglio nel Q2, che ha chiuso davanti alla Ferrari di Felipe Massa. Al fianco del brasiliano scatterà la Lotus di Kimi Raikkonen.

A seguire ci saranno la Williams di Pastor Maldonato, la McLaren di Lewis Hamilton, la Force India di Nico Hulkenberg e la Lotus di Romain Grosjean, rimasto fermo alle Q3 dopo essere finito sulla ghiaia al termine delle Q2.

Hulkenberg sarà penalizzato di cinque posizioni per aver sostituito il cambio. Per l’asturiano Alonso è la prima pole stagionale e la 21a della carriera: soprattutto è la prima pole position per la Ferrari, che rompe un digiuno che durava dal Gran Premio di Singapore 2010.

‘Sono felice, erano due anni che non ottenevo la pole, un’attesa così è un periodo molto lungo per la Ferrari’. Fernando Alonso esprime gratitudine e soddisfazione nella conferenza stampa subito dopo le qualifiche al Gp di Gran Bretagna. ‘E’ importante partire davanti, anche per la visibilità se dovesse piovere ancora – aggiunge lo spagnolo di Asturia. Ho fatto il giro giusto, non era facile. Le condizioni erano difficili per tutti, ma dopo lo stop era importante rimanere calmi. In Q2 eravamo 17/i…’.

Silverstone  Sun 08 July 2012 Race 13:00

Race Date: 08 Jul 2012
Number of Laps: 52
Circuit Length: 5.891 km
Race Distance: 306.198 km
Lap Record: 1:30.874 – F Alonso (2010)

http://www.formula1.com/
https://cookednews.wordpress.com/2012/06/24/formula-1-a-valencia-alonso-vince-il-gran-prix-deuropa/ 

Formula 1: a Valencia Alonso vince il Gran Prix d’Europa

Presente passato e futuro si incontrano sul podio del al Gp d’Europa, sul circuito di Valencia, dove è lo spagnolo idolo di casa Fernando Alonso a conquistare la vittoria nell’ottava prova del Mondiale di Formula Uno. Il ferrarista resiste ad un vero e proprio ‘giro della morte’, precedendo al traguardo Raikkonen e Schumacher (al primo podio dal suo ritorno nel circus).

Il poleman Vettel deve ritirarsi dopo 34 giri per un problema al motore della sua Red Bull quando era saldamente al comando della gara, mentre negli ultimi giri finiscono out anche Grosjean in coda allo spagnolo e Hamilton, avversario diretto nel Mondiale.

Ancora sfortuna per Felipe Massa, che chiude ritirandosi a due giri dal termine dopo un contatto che ne pregiudica la rimonta. Ora Alonso guida il Mondiale piloti con 111 punti, venti di vantaggio su Webber, a 91.

La gara comincia all’insegna di Sebastian Vettel. Il tedesco, che partiva dalla pole position, scatta al via e fa il vuoto dietro di sè; Grosjean ha un buono spunto e sorpassa Hamilton, mentre Alonso recupera nell’arco di venti giri dall’undicesima fino alla quarta posizione. Al 35esimo giro entra la Safety Car per un incidente tra Vergne e Kovalainen, che di fatto annulla i 20 secondi di vantaggio di Vettel sugli avversari: proprio nel pit stop di quel giro errore nel box McLaren per Hamilton, che rientra in pista in quarta posizione, dietro ad Alonso.

E’ un nuovo grande trionfo quello del ferrarista Fernando Alonso, vincitore nel Gran Premio d’Europa sul circuito semicittadino di Valencia. Sul gradino più alto del podio davanti alla Lotus di Raikkonen e al 43enne Michael Schumacher, alla guida della sua Mercedes. Solo quarta la Red Bull di Mark Webber, che ha precedito la Force India di Nico Hulkenberg e la Mercedes di Nico Rosberg.

Tra i classificati nella top ten, la Force India di Paul Di Resta che ha preceduto la McLaren di Jenson Button e la Sauber di Sergio Perez insieme alla Williams di Pastor Maldonado.

La vittoria porta Alonso in testa al mondiale con ben 111 punti, staccando Mark Webber, 91 punti, Lewis Hamilton e Sebasian Vettel, fermi a 88 e 85 punti.

Due i ritiri in gara, il primo per Sebastian vette al 33esimo giro a causa di un guasto tecnico, mentre era in testa alla gara, dopo essere partito in pole position. ‘Pessimo risultato, è stata propria una merda ma non posso fare ormai più niente’, ha commentato il campione del mondo della Red Bull ai microfoni della Rai.

Un’uscita che ha permesso ad Alonso di portarsi in testa, dopo aver recuperato ben undici posizioni.

Ancora un indicente è avvenuto all’ultimo giro ed è costato l’uscita di gara di Lewis Hamilton, dopo un contatto con Maldonado. Visibilmente arrabbiato, Hamilton ha più volte colpito il volante, per poi scagliarlo lontano dalla sua vettura.

 Per Fernando Alonso ‘E’ difficile esprimere con le parole quello che sento ora. Vincere a casa – spiega lo spagnolo – è qualche cosa di speciale’.

Nella sua carriera, il pilota di Maranello ha vinto solo una volta in terra spagnola: ‘Ho avuto l’opportunità di vincere in casa a Barcellona con la Renault nel 2006 e ricordo con piacere quella vittoria. Questa è la migliore vittoria ottenuta e nulla la può pareggiare’.

Il ferrarista ha fermato la monoposto in pista al termine della gara, ma nessun caso: ‘Abbiamo avuto un problema con la macchina e mi sono fermato in pista nel posto giusto, vicino alle tribune più grandi –  ha detto il pilota durante l’incontro con la stampa subito dopo la vittoria – è una sensazione molto forte e lo hanno apprezzato tutti’.

Lo spagnolo è l’unico pilota ad avere vinto due gare in stagione: ‘La Formula Uno è così, i risultati sono sempre imprevedibili ed è lo sport che è così, significa avere alti e bassi. Ieri in qualifica è stato un momento difficile, ma oggi è stata una corsa veramente incredibile. Mi sono anche toccato con Grosjean, sono quei casi in cui tutto può andare per il verso sbagliato o portarti a vincere come è successo oggi’.

Fra due settimane il prossimo circuito: il 6, 7 e l’8 luglio si correrà a Silverstone, in Inghilterra, il Santander British Grand Prix. Dopo Germania, Ungheria e Belgio, tocca all’Italia il 7, 8 e 9 settembre nel circuito di Monza.

http://www.formula1.com/

Ferrari: asta online per le vittime del terremoto

 Asta online per la Ferrari. L’azienda di Maranello ha deciso di aiutare le famiglie vittime del terremoto e indice una raccolta fondi in aiuto delle popolazioni colpite.

Giusto il tempo di sistemare alcuni aspetti tecnici, e sul sito del cavallino rampante  www.ferraristore.com sarà possibile vedere la sezione dedicata all’iniziativa. L’intento è di raccogliere una significativa somma da destinare alle famiglie colpite dal sisma.

All’asta pezzi unici, tra cui una 599XX Evo, berlinetta sportiva estrema dedicata alla pista del valore di 1,3 milioni di euro. La vettura è equipaggiata con il meglio della tecnologia Ferrari e un pacchetto che aumenti le prestazioni per il  biennio 2012-2013.

Tanti gli oggetti provenienti dal mondo della Formula 1, ad iniziare da un motore V8, nonché caschi e tute da gara di Fernando Alonso e Felipe Massa insieme a numerosi memorabilia, derivati dalle monoposto della Scuderia Ferrari degli ultimi anni. Completeranno la raccolta fondi anche alcuni oggetti del Ferrari Store tra cui gli orologi da polso del Cavallino Rampante.

Secondo quanto riportato dal comunicato diffuso dall’azienda di Maranello, ‘Non appena diffuse le notizie del sisma, clienti e collezionisti Ferrari da tutto il mondo si sono immediatamente messi in contatto per offrire spontaneamente il proprio contributo. Ancora una volta – continua – la generosità degli appassionati della Casa di Maranello permetterà di raccogliere significative risorse da destinare a chi più è stato colpito da eventi tragici. Una gara di solidarietà che in tempi recenti ha contribuito alla ricostruzione dopo il terremoto in Abruzzo e in tempi recentissimi anche con l’intervento a favore di due strutture doposcuola a Ishinomaki, in Giappone, per un contributo di 80 milioni di yen’.

Create a free website or blog at WordPress.com.