Noma Bar e l’arte di illustrare osservando quello che ci circonda

Al prossimo Festival di Internazionale a Ferrara sarà ospite Noma Bar con un workshop di tre giorni il 5, 6 e 7 ottobre. Noma Bar è un illustratore autore di colorati ritratti e disegna persone che conosciamo attraverso le cose per cui le conosciamo.

E’ un designer israeliano, nato nel 1973. I suoi lavori sono stati pubblicati sull’Economist, The Observer, Bbc. Ha realizzato numerose copertine per Internazionale. Ha pubblicato Guess who: the many faces of Noma Bar (Mark Batty Publisher 2007) e Negative space (Mark Batty Publisher 2009).

I volti disegnati da Noma Bar rappresentano attraverso una sintesi iconografica molto efficace la storia di alcuni dei personaggi più importanti della cultura pop mondiale. La serie, che si intitola Guess Who?: The Many Faces of Noma Bar, è in realtà un libro uscito nel 2009, che si divide in quattro macro sezioni: icone culturali, teste di Hollywood, figure politiche, star britpop, musicisti.

L’illustratore ha cominciato a lavorare nel 2001 a Londra e da allora ha prodotto molti disegni che raccontano personaggi, fatti realmente accaduti, idee e concetti, sempre rappresentandoli con colori saturi, campiture piene, linee essenziali e sintesi perfetta. Bar ha lavorato per diversi giornali, tra cui EsquireInternazionaleThe ObserverThe EconomistWallpaper*Time Out London. La sua ricetta funziona quasi sempre. Indovinare i personaggi della serie Guess Who? non è difficile: una volta identificato un dettaglio si arriva subito al nome del personaggio.

Noma Bar sarà ospite al Festival di Internazionale a Ferrara, dove terrà un workshop per imparare a creare copertine illustrate sintetizzando attraverso il disegno quello che vediamo. Ed ecco qui come iscriversi (da Internazionale)

A cura di Noma Bar
Ferrara, 5-6-7 ottobre 2012
dalle 10 alle 13
Come iscriversi

Obiettivo del corso: i partecipanti faranno una passeggiata non turistica in città con Noma Bar, fotografando alcune facce e scorci di Ferrara. Poi torneranno in classe e a partire dalle loro foto elaboreranno un’illustrazione. Noma Bar racconterà la sua esperienza come illustratore, spiegherà la difficoltà di illustrare copertine di magazine e newsmagazine.

L’immaginazione è più importante della conoscenza. I partecipanti faranno un giro guidato per scoprire la parte più nascosta e surreale di Ferrara, attraverso l’architettura, le persone, i cartelli stradali, le auto, le insegne e tutti i tesori nascosti negli spazi ovvi della quotidianeità. Noma Bar accompagnerà il processo creativo e aiuterà i partecipanti a fare un salto di qualità. I lavori finali saranno pubblicati sul sito d’internazionale.

Materiali da portare: computer, macchina fotografica digitale (qualsiasi modello), cavo per scaricare le foto sul computer, carta e penna.

https://www.facebook.com/NomaBar
http://nomabar.com/

Venezia 69 Mostra Internazionale del Cinema: al debutto Ciprì di Ciprì e Maresco con ‘E’ stato il figlio’

Debutta sul grande schermo di Venezia per la 69 esima Mostra Internazionale del Cinema ‘E stato il figlio’ tratto dall’omonimo romanzo di Roberto Alajmo e cinematograficamente di Daniele Ciprì, orfano d’arte del vivissimo Franco Maresco, con il quale hanno firmato l’amaro stil nuovo siciliano e soprattutto palermitano.

Scegliendo la Puglia, piuttosto che la Sicilia (dove a quanto pare c’erano delle difficoltà a finanziare il film), per similitudine paesaggistiche e comodità di ripresa, unica eccezione di una Palermo surreale, Montepellegrino per devozione alla Santuzza ‘che sennò si arrabbia’ (Ciprì dixit) il primo lungometraggio del fotografo della coppia cinematografica più contestata degli ultimi tempi, vuoi il cinismo di Cinico Tv vuoi la cruda realtà di ‘Totò che visse due volte’, attracca a Venezia con una nave carica carica di umorismo che porta applausi e bis.

Non mancheranno né i primi e neppure i secondi. E non dimenticando il Gran Reality di Garrone a Cannes, i personaggi di questo canovaccio surreale con un Tony Servillo protagonista che la definisce ‘una storia di sangue che chiama denaro e viceversa’, mattatore insieme al resto della famiglia Ciraulo, maschere del teatro popolare panormita, con la città stampata addosso. E allora c’è la maddonuzza addolorata Giselda Volodi, il compare Giacomo Civiletti, il prete Gino Carista, Benedetto Raneli il nonno, e la nonna Rory Quattrocchi. E non mancano neppure quei segni che contraddistinguono in maniera elitaria anche la più bassa delle società popolane con lo spicciafaccende che diventa cuntastorie, il venditore ambulante di sfincione con il suo grido imbonitore, la panza del Civiletti, e l’abbuffata sotto l’ombrellone, la canzone di Rosa Balistreri e l’accenno di musical, e la scena più surreale del film: Servillo in volo con la Mercedes in un cielo di cannoli e fichidindia.

CINEMA

29 agosto > 8 settembre 2012

69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

http://www.labiennale.org/it/cinema/

Venezia, Giardini della Biennale: dal 27 agosto la 13. Mostra Internazionale di Architettura

Venezia, Giardini della Biennale

mostra: 13. Mostra Internazionale di Architettura
Dal 27 agosto 2012 al 25 novembre 2012 

Sarà aperta al pubblico da mercoledì 29 agosto a domenica 25 novembre 2012, ai Giardini della Biennale e all’Arsenale, la 13. Mostra Internazionale di Architettura dal titolo Common Ground, diretta da David Chipperfield e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. La vernice avrà luogo nei giorni 27 e 28 agosto, la cerimonia di premiazione e di inaugurazione si svolgerà mercoledì 29 agosto 2012.

La Mostra sarà affiancata, come di consueto, negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia, da 55 Partecipazioni nazionali. Le nazioni presenti per la prima volta saranno 4: Angola, Repubblica del Kosovo, Kuwait, Perù. Il Padiglione Italia all’Arsenale è organizzato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con la PaBAAC – Direzione Generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee. Gli Eventi collaterali ufficiali della 13. Mostra Internazionale di Architettura saranno proposti da enti e istituzioni internazionali che allestiranno le loro mostre e le loro iniziative in vari luoghi della città.

Common Ground formerà un unico percorso espositivo dal Padiglione Centrale ai Giardini all’Arsenale: David Chipperfield presenterà una Mostra con 65 progetti realizzati da architetti, fotografi, artisti, critici e studiosi. Molti di loro hanno risposto al suo invito presentando proposte originali e installazioni create espressamente per questa Biennale e coinvolgendo nel proprio progetto altri colleghi con i quali condividono un Common Ground. I nominativi presenti sono in totale 112.

Anche per il 2012 è prevista l’attività Educational, che si rivolge a singoli e gruppi di studenti delle scuole di ogni ordine e grado, delle università e scuole di architettura, professionisti, aziende, esperti, appassionati e famiglie. Le iniziative, condotte da operatori selezionati e formati dalla Biennale di Venezia, mirano ad un coinvolgimento attivo dei partecipanti e si suddividono in Percorsi Guidati e Attività di Laboratorio.

Inaugurazione e premiazione della 13. Mostra mercoledì 29 agosto ai Giardini, con consegna dei premi ufficiali assegnati dalla giuria internazionale composta da Wiel Arets (Olanda), Kristin Feireiss (Germania), Robert A.M. Stern (USA), Benedetta Tagliabue (Italia), Alan Yentob (Gran Bretagna).

Sono due i concorsi online lanciati attraverso il sito relazionale www.labiennalechannel.orgCommon Ground Fotografiala miglior foto della Mostra (concorso aperto esclusivamente ai fotografi accreditati); Common Ground Saggioil miglior testo critico sulla Mostra.

Il catalogo ufficiale in italiano e in inglese – realizzato da Marsilio Editori –  è un unico volume di 348 pagine dedicato all’Esposizione Internazionale, alle Partecipazioni nazionali e agli Eventi collaterali. Il volume sarà per la prima volta disponibile anche in versione e-book, permettendo così anche una lettura interattiva e ipertestuale del catalogo, con contenuti iconografici inediti. Vi si aggiunge la Guida breve, corredata di mappe e informazioni pratiche, strumento utile per la visita della Mostra, e Common Ground In Photographs, uno speciale magazine di vernice con il reportage di Mostra di Juergen Teller (scelto da David Chipperfield) che fotografa gli ultimi giorni di istallazione e i primi giorni di vernice (disponibile dal secondo weekend di settembre).

Common Ground Critical reader è un elegante volume cartonato con 31 saggi illustrati di autori che riflettono sul tema Common Ground su invito di David Chipperfield (solo in lingua inglese). La produzione editoriale si avvale di un progetto grafico disegnato da John Morgan Studio.

iBiennale è l’applicazione ufficiale della Biennale di Venezia disponibile per iPad e iPhone. Realizzata in partnership con LOG607 e Marsilio Editori, aggiorna quest’anno la propria grafica e diventa uno strumento utile per orientarsi rapidamente e cogliere il meglio della Mostra.

Ultrafragola Channels documenta le giornate di vernice e gli appuntamenti organizzati nel corso della 13. Mostra. Il ricco palinsesto, composto da reportage e video-interviste, sarà visibile su www.labiennale.org.

La 13. Mostra Internazionale di Architettura è realizzata anche con il sostegno di  Foscarini, Telecom Italia, Golden Goose Deluxe Brand, Japan Tobacco International, Happy Business to You, EGI-Gruppo Poste Italiane, Vela-Hello Venezia, Rolex, Moroso, Volume, Ferrovie dello Stato Italiane, Charta e Best Union Company, e Gi Group.

Su Twitter #labiennale e Facebook

http://www.labiennale.org/it/architettura/mostra/13mia/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/26/69-mostra-internazionale-darte-cinematografica-di-venezia-sigla-di-opening-sequence-by-simone-massi/
https://twitter.com/laBiennaleOff

Create a free website or blog at WordPress.com.