WSJ: Cuba’s Role Behind the Turmoil in Venezuela

Marvinia Jimenez #Cookednews

The bloodshed in Caracas over the past 12 days brings to mind the 2009 Summit of the Americas in Port of Spain, where President Obama greeted Venezuelan dictator Hugo Chávez with a huge grin and a warm handshake. A couple of months later the State Department attempted to force Honduras to reinstall pro-Chávez president Manuel Zelaya, who had been deposed for violating the constitution.

Brows were knitted throughout the Americas. Why did the U.S. president favor the Venezuelan dictator, protégé of Fidel Castro, over Honduras, which still had a rule of law, press freedom and pluralism?

Fast forward to last Wednesday, after four peaceful student-protesters had been confirmed as having been killed by the government’s armed minions. Mr. Obama took notice, pronouncing the brutality “unacceptable.” That must have been comforting to hear amid the gun shots and pummeling on the streets of Caracas.

That same night the government of Nicolás Maduro —Chávez’s handpicked successor—unleashed a wave of terror across the country. According to Venezuelan blogs and Twitter posts, the National Guard and police went on a tear, firing their weapons indiscriminately, beating civilians, raiding suspected student hide-outs, destroying private property and launching tear-gas canisters. Civilian militia on motor bikes added to the mayhem. The reports came from Valencia, Mérida, San Cristóbal, Maracaibo, Puerto Ordaz and elsewhere, as well as the capital.

Venezuela has promised 100,000 barrels of oil per day to Cuba, and in exchange Cuban intelligence runs the Venezuelan state security apparatus. The Cubans clearly are worried about losing the oil if their man in Caracas falls. Opposition leader Leopoldo López, who heads the Popular Will political party, spent several years building a network of young recruits around the country. Last week’s unrest is a testament to that organization, and it is why the 42-year-old Mr. López is now behind bars.

In Ukraine, the European Union has pressured the government to reach a compromise with the opposition. Venezuelans are getting no such help from the neighbors. Only Colombia, Chile and Panama have objected to the crackdown. The rest of the hemisphere doesn’t have even a passing interest in human rights when the violations come from the left. The Organization of American States is supposed to defend civil liberties, but since Chilean Socialist José Miguel Insulza took the OAS helm in 2005, it has earned a disgraceful record as a shill for Cuba.

Venezuelans seeking change face daunting odds. The crowds in the streets of Caracas in recent days have not been significantly bigger than in many prior-year protests, including 2002, when a march in Caracas almost unseated Chávez.

This time the repression has been fierce. Besides injuries and death, hundreds have been detained and it would not be surprising if many are given long sentences. Mr. Maduro needs scapegoats for the violence he unleashed. Iván Simonovis, the former head of the Caracas Metropolitan Police, has been a political prisoner since 2004. Chávez made him take the fall for the 17 people killed in the April 2002 uprising even though video evidence points to chavista snipers. Photos of the once-fit policeman, frail and gravely ill from the inhuman circumstances of his long incarceration, are chilling.

Another problem is the division within the opposition. The governor of the state of Miranda, Henrique Capriles, represented a broad coalition of anti-chavista parties when he ran for president in 2013. But when he conceded to Mr. Maduro amid strong evidence that the election had been stolen, Mr. López and other members of the opposition broke with Capriles supporters.

Students have also been hamstrung by a communications blockade. The government controls all Venezuelan television and radio airwaves. When the violence broke out, it forced satellite providers to drop the Colombian NTN channel. Internet service has been cut in many places.

Getting the very poor on board for a regime change is a challenge. Some still see chavismo as their government, even if they have no love for Mr. Maduro and suffer from high inflation. Others don’t dare speak out, for fear of losing state jobs or their lives. The barrios are terrorized by the chavista militia.

Mr. Maduro says he will use every weapon to quell the unrest. On Friday afternoon the son of a Venezuelan friend sent me photos from Caracas of troops massing at the Francisco de Miranda air base in the middle of the city. The Cuban-backed Venezuelan high command, Cuban intelligence (the country is thick with agents) and plainclothes militia will play rough.

On the other hand, the government is bankrupt, and food and other shortages will get worse. Mr. Maduro may pacify Caracas, but food is harder to find in the interior of the country than in the capital. It is there that the fires of rebellion, burning for the first time under chavismo, might race out of control. Many army officers come from lower-middle-class families, and it is not clear that they will stand by and watch large numbers of civilians being slaughtered. Many resent the Cuban occupation.

What comes next is hard to predict. But no one should underestimate Cuba‘s comparative advantage: repression.

#Venezuela #Cuba #Cookednews

A dark day in Europe Statement of Foreign Policy 2014, on Ukraine

#Kiev #Sochi2014 #Ukraine

It is a dark day in Europe. On the streets of one of our capitals, people are being killed. Their demands were simple and natural: democracy, reforms and European cooperation. Their desire was, for a long time, the desire expressed by the entire Ukrainian nation. And this was why we in the European Union, through the Eastern Partnership, opened the door to cooperation, trade, reforms and integration.

We did so because we too were convinced that this was in the interests not only of Ukraine, but of the whole of Europe. But let us be clear about what happened. Last summer, Russia launched a single-minded pressure offensive to make Ukraine deviate from its chosen course. Brutal trade barriers were combined with open threats. And a wavering leadership in Ukraine gave in.

But when they gave in, it was seen as a betrayal by all those people who had hoped for a better future. The European flag flew in Maidan Square as a symbol of the desire for a better future. People wanted to move forwards alongside the rest of Europe – not backwards towards the all too well-known. Without those threats from Moscow and the wavering in Kiev, Ukraine could today have been clearly on its way to a better future.

The International Monetary Fund, with support from us all, was prepared to offer an economic assistance and reform programme. And the door to European political cooperation, and the political solidarity that goes along with it, had been opened.

Not all of the problems had been resolved. But Ukraine was, with broad European and international support, clearly on a path to a better future. But this future of European cooperation was a future that powerful forces did not want to see. And that is where the responsibility for the killings on the streets of Kiev clearly and ultimately lies.

Today, President Yanukovych has blood on his hands. And I am afraid that the path he has now taken will lead to even more suffering and violence. He was the only one who could have prevented the killing – by extending a hand of genuine cooperation to the democratic opposition.

Instead they were shown a fist. People have been shot dead with live ammunition. Peaceful demonstrators. But police officers and others have also been harmed in the violence that broke out. I am afraid that Ukraine is now heading for dark times. The crisis in the country will become deeper and longer. I am deeply concerned.

But the outcome of the violence will be precarious and short-lived. It will die away like a storm on the steppes. What has happened, and is happening, in Ukraine also demonstrates the power of the European dream. A Europe of peace and freedom and cooperation.

And sooner or later, it will triumph in Ukraine too.

Statement
Ministry for Foreign Affairs 19 February 2014
Carl Bildt, Minister for Foreign Affairs Sweden

Contact
Erik Zsiga
Press Secretary to Carl Bildt
+46 72 573 91 30
email to Erik Zsiga

#Ukraine #euromaidan#Kiev,  #CookedNews

Ecofin: raggiunto accordo su meccanismo unico di vigilanza bancaria

English: Commission President José Manuel Barr...

English: Commission President José Manuel Barroso at the EEP summit in October 2010. (Photo credit: Wikipedia)

Dopo un lungo negoziato di oltre 14 ore, nelle prime ore di oggi i 27 ministri delle Finanze dell’Unione europea hanno trovato un accordo sul meccanismo unico di vigilanza bancaria, che sarà affidato alla Bce a partire dal primo marzo del 2014. Il Commissario Ue per i servizi finanziari Michel Barnier l’ha definito un ‘accordo storico’ e il presidente di turno cipriota Vassos Shiarly, che conclude con questo successo la sua esperienza come leader dell’Ecofin, ‘un regalo di Natale per noi e per tutta l’Europa’.

L’accordo all’Ecofin è ‘di importanza eccezionale’ secondo il presidente della Commissione Ue José Manuel Barroso. ‘Basato sulla proposta messa sul tavolo dalla Commissione il 12 settembre – ricorda Barroso – è un passo avanti cruciale e molto sostanziale verso il completamento dell’Unione bancaria e una tappa tempestiva verso l’integrazione della vigilanza finanziaria per l’Eurozona e per gli altri Stati che la Commissione spera parteciperanno’. Barroso sottolinea infine che ‘in quattro mesi siamo passati da una proposta della Commissione a un accordo politico del Consiglio, che dimostra una volta di più che l’Unione europea ha la volontà politica e la capacità di agire in fretta sui temi pressanti’.

Per la cancelliera tedesca, Angela Merkel l’accordo raggiunto a Bruxelles sulla vigilanza bancaria rassicura la Germania. ‘L’importanza dell’intesa – dice la Merkel – non si può pienamente valutare. Noi comunque siamo riusciti ad assicurare gli interessi della Germania’.

Mario Monti è intanto arrivato a Bruxelles, dove oggi parteciperà al vertice che dovrebbe licenziarne il testo definitivo. Nella capitale belga giunge anche Berlusconi, per un pre-vertice del Ppe. Prima dell’incontro tra i leader dei 27, Monti parteciperà a una riunione a porte chiuse del ‘Think-Thank Bruegel’, poi avrà un incontro con il presidente della Commissione europea Barroso.

Ue: sono cinque i Paesi contrari al fondo di solidarietà dopo il terremoto in Emilia

Cinque Paesi europei si sono oggi detti contrari allo stanziamento di una cifra supplementare di 670 milioni nel bilancio Ue di quest’anno per sostenere l’Italia negli interventi di ricostruzione dei territori colpiti dal terremoto dell’Emilia nel maggio scorso.

‘Fondo di solidarietà per l’Italia dopo il terremoto: tutti d’accordo sugli aiuti. Cinque Paesi non vogliono pagare’, dice Patrizio Fiorilli, portavoce del commissario Ue al Bilancio, Janusz Lewandowski.

Da quello che riferiscono fonti comunitarie, il blocco sarebbe dovuto soprattutto al fatto che i 5 Paesi in questione (Germania, Olanda, Finlandia, Svezia e Gran Bretagna) vorrebbero spalmare la spesa sul bilancio del 2013 e non su quello del 2012 come proposto dalla Commissione.

Studenti, precari e i ‘choosy’ della ministra Fornero

Il popolo degli studenti e dei precari si prepara ancora una volta a riprendersi la piazza e inizia con il dire no al voto e soprattutto no alla ministra Fornero che li ha definiti choosy, una classe di pignoli ed esigenti. Questa notte poi hanno sistemato degli striscioni di protesta davanti le sedi dei partiti.

‘Siamo  così choosy che non scegliamo di votarvi! 16 novembre studenti in piazza’ è il messaggio lasciato agli svariati gruppi politici e l’invito nel comunicato diramato questa mattina dal collettivo di studenti pronto a mobilitarsi.

‘Ecco la frase – continuano – presente negli striscioni lasciati nella notte tra il 24 e il 25 Ottobre dagli studenti dell’ateneo palermitano davanti le sedi dei partiti, PD, PDL, MPA e GRANDE SUD, per rimarcare ancora una volta il loro netto rifiuto dinanzi alla casta politica tutta, impegnata nell’ennesima snervante campagna elettorale autoreferenziale.

Tale quadro viene ampliato dall’ennesima provocazione giunta a studenti e precari da parte del ministro Elsa Fornero, con il suo definire potenziali ‘Choosy‘ i giovani studenti, sempre più oppressi da austerity e tagli violenti ad un mondo della formazione sempre più escludente, per un mondo del lavoro sempre più evanescente, in un paese in cui il tasso di disoccupazione giovanile raggiunge cifre esorbitanti.

In questo panorama di crisi, austerity e sprechi continui di una casta ladra e corrotta, gli studenti e le studentesse dell’ateneo palermitano si preparano a scendere in piazza il 16 novembre, giornata in cui gli studenti si preparano a bloccare tutto ancora una volta.

‘Contro crisi, sprechi e austerity del Governo Monti – concludono – il 16 novembre cacciamo la casta!

Xbox Music: Microsoft contro Apple anche nel campo della musica

In attesa del lancio del suo primo tablet, Microsoft dà battaglia ad Apple anche nel campo della musica. Sarà disponibile da domani Xbox Music, un servizio simile a iTunes per l’acquisto di canzoni.

Il catalogo da 30 milioni di canzoni, quattro in più del rivale targato Apple, sarà disponibile all’inizio solo per la Xbox, la console di casa Microsoft, mentre dal 26 ottobre, data in cui dovrebbe essere lanciato ufficialmente l’ultimo sistema operativo della casa che avrà il nome di Windows 8, il servizio verrà esteso a tutti i dispositivi che utilizzano i programmi della casa di Redmond.

Comprando l’abbonamento da 9,99 dollari (circa 8 euro) sarà possibile ascoltare le canzoni su tutti i dispositivi: ‘Questo servizio – spiega Yusuf Mehdi, vicepresidente della compagnia, in un comunicato sul sito – combina gli aspetti migliori delle radio via internet, dei servizi musicali in abbonamento e dell’acquisto di musica’.

Il servizio sarà preinstallato nel sistema operativo Windows 8, dove sarà il lettore musicale di default, e permetterà anche l’ascolto gratuito dell’intero catalogo a patto di accettare alcune inserzioni pubblicitarie.

Gli utilizzatori potranno anche preparare playlist e decidere se comprare la musica scelta scaricandola sul supporto fisso invece di ascoltarla in streaming.

http://www.microsoft.com/

All’Unione Europea il premio Nobel per la Pace

Lo avrebbe comunicato l’emittente norvegese NRK sulla base di diverse fonti ‘di fiducia’: all’Unione europea sarà assegnato il Nobel per la pace 2012, che sarà annunciato alle 5 di venerdì mattina EDT , sempre secondo la tv norvegese.

La decisione dei cinque membri del panel, guidato dal Consiglio d’Europa e dal segretario generale Thorbjoern Jagland, è stata unanime. ‘L’Ue ha contribuito all’avanzamento della pace e della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani’ si legge nella motivazione. Barroso: ‘Grande onore per tutti i 500 milioni di cittadini’.

 Lo ha annunciato il comitato norvegese che assegna il premio. L’Ue ‘ha contribuito all’avanzamento della pace e della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani in Europa –  si legge nel comunicato – Oggi una guerra tra Germania e Francia sarebbe impensabile, ciò dimostra che con la reciproca fiducia nemici storici possono diventare partner. La Caduta del Muro ha reso possibile l’ingresso dei Paesi dell’Europa centrale e orientale, così come la riconciliazione nei Balcani e il possibile ingresso della Turchia rappresentano un passo verso la democrazia’.  E ancora: ‘Il più importante risultato dell’Ue è l’impegno per la pace, la riconciliazione e per la democrazia e i diritti umani. Il ruolo di stabilità giocato dall’Unione ha aiutato a trasformare la gran parte d’Europa da un continente di guerra a un continente di pace’.

Il presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulzha detto su Twitter di essere ‘profondamente commosso e onorato’ per l’attribuzione del Nobel per la pace all’Unione europea.

Intanto il Nobel per la Letteratura, il cinese, Mo Yan fa appello per la liberazione ‘il più presto possibile’ del premio Nobel per la pace 2010, il connazionale Liu Xiaobo.

‘Spero che possa riacquistare presto, quanto prima possibile, la sua libertà’, ha detto Mo Yan, insignito ieri del Nobel. Liu Xiaobo, Nobel per la pace nel 2010, è in carcere in Cina dopo una condanna a 11 anni di carcere per ‘sovversione’, per aver scritto un testo in favore dell’instaurazione della democrazia in Cina.

Liu Xiaobo è il primo cinese a ricevere un premio Nobel mentre risiede in Cina, ed è la terza persona a ricevere il riconoscimento per la Pace mentre si trova in prigione, dopo Carl von Ossietzky (1935) e Aung San Suu Kyi (1991)

Su Twitter Unione Europea#nobelaeuropaMo Yan

http://www.nobelprize.org

Bce sottopressione: Moody’s cambia l’outlook sul rating Aaa per Germania, Francia, Regno Unito e Paesi Bassi

Moody's Jewelry Neon Sign

Moody’s Jewelry Neon Sign (Photo credit: Lost Tulsa)

Moody’s ha modificato l’outlook sul rating ‘Aaa’ dell’Unione europea a negativo, avvertendo che potrebbe declassare il blocco dei paesi della zona se deciderà di tagliare il rating sui quattro maggiori paesi della Ue: Germania, Francia , Regno Unito e Paesi Bassi.

Il pressing esercitato sulla Banca centrale europea, dopo la riunione del board di giovedì, serve a fornire i dettagli del nuovo programma di acquisto di titoli di stato per aiutare gli stati della Eurozone profondamente indebitati.

Già nel mese di luglio, Moody’s aveva cambiato l’outlook per il rating di Germania, Olanda e Lussemburgo a negativo a causa delle continue ricadute dalla crisi del debito in Europa e dell’ombra che queste hanno gettato anche sui paesi migliori. Anche l’outlook per Francia e Regno Unito è negativo.

‘L’outlook negativo a lungo termine sul rating della Ue riflette l’outlook negativo sul rating Aaa degli Stati membri con grandi contributi al bilancio della Ue: Germania, Francia, Regno Unito e Olanda, che insieme rappresentano circa il 45% delle entrate di bilancio dell’Unione europea’, ha detto l’agenzia di rating.

Secondo Moody’s il rating della Ue sarà particolarmente sensibile alle eventuali variazioni dei rating di questi quattro Stati membri ‘Aaa’, il che implica che la declassazione di uno di questi quattro paesi membri potrebbe avere effetti sul rating di tutta l’Unione europea.

Allo stesso modo, Moody’s ha detto che le prospettive per la Ue potrebbero tornare stabili se anche i quattro principali paesi Aaa dovessero tornare stabili.

Su Twitter#Occupy Moodys, #Europe #Bruxelles#Moodys,  #Ue e Mario Draghi ‏@mariodragi già ritwettato 11 volte: #Hangover. I am not in a #good #mood for #Moody‘s!

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/13/moody-moodys-e-litalia-bocciata-dal-rating/
https://twitter.com/MoodysRatings
http://www.ecb.europa.eu

I Jefferson: gli States e il mondo salutano Sherman Hemsley, l’attore di George

 Una grande casa dalla cui finestra salgono i rumori del traffico newyorkese, la porta della cucina a elastico, il sofà al centro della scena principale, l’unica, quella in cui si girano tutte le puntate della serie.

Chi non li ricorda? I mitici Jefferson, quelli della Black America, borghese, in ascesa, simpatici e divertenti – 70’s represent con la possibilità economica di potersi permettere anche la donna delle pulizie. Che poi è un’amica, lo diventa, una di casa. Quella che spolvera continuamente e anche se non spolvera, ha sempre con sé lo strumento adatto a farlo.

Hemsley, with Isabel Sanford, on The Jeffersons.

Hemsley, with Isabel Sanford, on The Jeffersons. (Photo credit: Wikipedia)

Molto fumo, quello dei sigari (anche loro simbolo di un potere in ascesa), la moquette e gli ombretti pastello, i capelli cotonati (quelli si portano anche quest’anno). L’improponibile manicure da tatto zero, ma smalto molto di Isabel Sanford, la signora J della sitcom ‘all black’, Louise, ancora un po’ Mami di ‘Via col Vento’ per non essere troppo di rottura, aiuta nelle faccende domestiche, meter della società contemporanea. Il figlio Lionel, praticamente invisibile nella serie comica in tv dal 1975-1985.

La zampa dei pantaloni, il gilet abbinato al vestito. Anche lui capelli cotonati attorno a un inizio di pelata o una pelata già arrivata. E’ mister Jefferson in persona, Sherman Hemsley, George per intenderci. Ricco e benestante proprietario di un lavaggio a secco, se ricordate. Ruolo che nel ’84 gli valse anche un Emmy Award.

L’attore che lo ha impersonato, 74 anni, di  Philadelphia, veterano della US Air Force, guest star in ‘Willy, il principe di Bel-Air’ e un ruolo ne ‘I Griffin’, non c’è più. Da El Paso, Texas, oggi gli Stati Uniti lo salutano e tutto il mondo, con articoli sulla stampa estera e su quella nazionale.

Emilia live: raccolti 2,5 mln al concerto post terremoto

Nello stadio di Bologna sul palco gli artisti emiliani, tranne Vasco

Due milioni e mezzo di euro per i terremotati emiliani sono stati raccolti lunedì sera al grande ‘Concerto per l’Emilia’ allo stadio Dall’Ara di Bologna. In diretta su Rai Uno si sono esibiti praticamente tutti i cantanti emiliani, salvo Vasco Rossi che non ha aderito: Zucchero, Guccini, Caterina Caselli, Ligabue, Bersani, Morandi, Gaetano Curreri, Raffaella Carra‘, I Nomadi (il loro cantante, Beppe Carletti, ha promosso il concerto), Pausini, Cremonini, Nek, Paolo Belli.

Previsto per il 15 (0 22 è ancora da confermare) settembre al Campo Volo (Reggio Emilia) un nuovo concerto con artisti italiani.

https://cookednews.wordpress.com/2012/06/06/terremoto-il-25-giugno-concerto-a-bologna-con-emilia-live-e-il-15-settembre-a-reggio-vasco-dice no/
https://cookednews.wordpress.com/2012/06/02/terremoto-romagna-il-numero-per-aiutare/ 

Create a free website or blog at WordPress.com.