Obama for America: 101 giorni al voto

President Barack Obama addresses the House Dem...

President Barack Obama addresses the House Democratic Caucus Issues Conference in Williamsburg, Virginia. (Photo credit: Wikipedia)

Piena campagna elettorale per le prossime presidenziali del 6 novembre negli Stati Uniti. Il presidente Barack Obama invita chiunque fosse desideroso di contribuire, a visitare il sito Obama Biden (Presidente e Vicepresidente). Il 4 agosto sarà il suo compleanno, ‘forse l’ultimo da Presidente, non sta a lui decidere’, dice Obama in un messaggio pubblicato ieri dal titolo ‘My Birthday’ e indirizzato ai volunteers e ai supporters. L’invito è aperto a chiunque volesse partecipare. Obama scrive:

‘My upcoming birthday next week could be the last one I celebrate as President of the United States, but that’s not up to me—it’s up to you.

This July deadline is our most urgent yet, coming after two consecutive months of being significantly outraised by Romney and the Republicans.

And if you pitch in whatever you can before midnight tonight, you and a guest will be automatically entered to join me at my birthday get-together next month.

Thanks. Hope I’ll see you soon.’

Barack

L’Election Day è più vicino di quanto pensi. ‘Sostenere il Presidente e costruire questa campagna è più importante che mai, dona oggi – dice la nota sul sito. Quando lo fai, entro il 31 luglio, sarai inserito automaticamente fra gli invitati al 51esimo compleanno di Barack per festeggiare con lui nella sua casa di Chicago‘. E buon compleanno.


http://www.barackobama.com
http://www.barackobama.com/calendar
https://cookednews.wordpress.com/2012/06/16/obama-e-il-dream-act-il-presidente-americano-concede-i-permessi-di-lavoro-ai-figli-degli-immigrati/
https://cookednews.wordpress.com/2012/06/28/obamacare-ok-della-corte-suprema-alla-riforma-sanitaria-voluta-dal-presidente-barack/
http://www.youtube.com/barackobama?source=primary-nav

Advertisements

Obama e il Dream Act: il presidente americano concede i permessi di lavoro ai figli degli immigrati

Il presidente Barack Obama dice che il suo piano per fermare deportazione giovani immigrati clandestini che sono venuti negli Stati Uniti da bambini renderà il sistema ‘più equo, più efficiente e più giusto’.

Venerdì scorso, giornata in cui è stata presentata l’iniziativa, il presidente ha spiegato che ‘non ha senso espellere giovani talenti’, che sono essenzialmente americani. Il decreto presidenziale arriva in assenza di una decisione da parte del Congresso ‘per risolvere il nostro sistema danneggiato’.

L’annuncio del presidente Obama arriva nel 30esimo anniversario della decisione della  Supreme Court, la Corte Suprema di concedere ai figli di genitori immigrati illegalmente, il diritto di accedere all’educazione pubblica negli States.

Nell’anno delle elezioni, che si terranno il prossimo 6 Nov., l’iniziativa di Obama alle prese con il Dream act, dovrebbe aiutarlo con gli elettori ispanici, il cui voto risulterà cruciale per la rielezione del 44esimo presidente degli Stati Uniti, il primo di etnia afro (e primo in una serie di altre cose, fra cui l’aver dichiarato di ascoltare la musica rap, è stato il primo a essere contestato in piazza – da una destra conservatrice – per aver convertito parte del sistema sanitario statunitense da privato in pubblico ed è anche il primo presidente americano ad aver parlato di nozze gay, dicendosi affatto contrario. Del resto il presidente, eletto nel 2008 come primo rappresentante del partito democratico ha avuto due figlie dalla first lady Michelle Obama). Con la concessione dei permessi di lavoro ai giovani immigrati, in ben 800.000 che hanno finora vissuto nel terrore della deportazione, saranno preservati da questa per i prossimi due anni.

Un giornalista nel Rose Garden, il giardino delle rose, Neil Munro reporter del giornale online The Daily Caller di stampo ultra conservatore ha chiesto al presidente americano, mentre stava parlando, ‘Perché si favoriscono gli stranieri sui lavoratori americani? E Obama infastidito dall’interruzione, ha comunque risposto dicendo ‘this is the right thing to do’ – che ‘questa è la cosa giusta da fare.’

Il presidente degli Stati Uniti ha anche aggiunto rivolgendosi al cronista – ‘la prossima volta preferisco che lei mi lasci finire il mio discorso prima di parlare’.

http://www.lfpress.com/news/world/2012/06/16/19885366.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Barack_Obama 

Blog at WordPress.com.