Cuccioli di Green Hill cercano casa

I BEAGLE AFFIDABILI A FAMIGLIE DAI PROSSIMI GIORNI

I 2500 beagle dell’allevamento di Green Hill potranno essere affidati dai prossimi giorni. La Procura della Repubblica di Brescia ha dato alle associazioni denuncianti LAV e Legambiente la custodia giudiziaria dei cani che man mano potranno uscire dall’allevamento per la vivisezione. Il Corpo Forestale dello Stato è stato incaricato della redazione dei verbali di affidamento con i microchip dei singoli animali che saranno consegnati.

Da venerdì prossimo via agli affidi presso il Corpo Forestale dello Stato di Brescia. Si tratta dei 2.500 beagles d’allevamento nell’azienda Green Hill di Montichiari, nel Bresciano. Sequestrata la scorsa settimana dal Corpo Forestale dello Stato a causa della  vivisezione praticata nei laboratori su esemplari cuccioli di cani Beagle, Green Hill ha inizialmente potuto tenere gli animali, allevati in condizioni non idonee e che ora sono in cerca di una famiglia: le richieste di affido si potranno inviare on line compilando il modulo sul sito di Legambiente, Lav e delle associazioni che hanno aderito all’operazione ‘Sos Green Hill‘.

 La procedura da seguire per fare richiesta di affidamento è semplice: chi è interessato devono compilare un modulo on line che si trova sull’home page del sito della Lav, di Legambiente o dalle altre associazioni di ‘Sos Green Hill’ che sono: Apnec – Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili, Avcpp – Associazione Volontari Canile Porta Portese, Comitato ‘Montichiari contro Green Hill’, Coordinamento ‘Fermare Green Hill’, Enpa, Lav, Leidaa, Legambiente, Lega Nazionale per la Difesa del Cane, Libertas, Occupy Green Hill, Oipa, Vita da Cani.

Le candidature raccolte da quest’ultime saranno poi inoltrate a Legambiente e Lav, alle quali la Procura della Repubblica di Brescia ha affidato la custodia giudiziaria dei cani e che si occuperanno in un secondo step della selezione delle persone idonee all’affido temporaneo dei cani. Le associazioni ricordano che i beagle verranno dati in affido temporaneo fino a altre disposizioni della Magistratura.

I Beagles di Green Hill in cerca di una casa sono davvero tanti: circa il 50% dei cani sequestrati sono cuccioli dai tre agli otto mesi, ci sono poi cani adulti (al massimo di tre anni) e fattrici, molte delle quali gravide. L’obiettivo di Lav e Legambiente è quello di trovare per ogni beagle, a seconda dell’età, del sesso e delle condizioni dell’animale, la famiglia o le persone più adatte a loro. Al momento viene chiesta anche la possibilità di affidare più cani alla stessa famiglia. E per limitare al massimo lo stress del trasporto viene richiesta la residenza nel centro-nord o comunque di un’area geografica non troppo distante dall’allevamento bresciano. Ciò non esclude da parte dei residenti di altre parti d’Italia di inviare la propria candidatura.

Infine per chi avesse a casa già altri animali, si ricorda che debbono essere vaccinati, sterilizzati e docili con gli altri cani.

Per affrontare l’emergenza – l’Autorità Giudiziaria ha posto sotto sequestro anche il mangime, disponibile per soli 60 giorni – e sostenere il più grande atto giudiziario in tema di diritti degli animali in Italia, le Associazioni hanno intenzione di coinvolgere tutto il mondo animalista e ambientalista e già da oggi riuniranno a Roma il Coordinamento Fermare Green Hill con ‘Vita da cani‘, Occupy Green Hill, il Comitato Montichiari contro Green Hilll e le sigle della Federazione Italiana Diritti Animali e Ambiente (Enpa, Leidaa, Lega nazionale difesa del cane, Oipa).

Sulle homepage e nelle sedi nazionali delle Associazioni e dei Comitati elencati sarà quindi possibile ora e ufficialmente candidarsi ad adottare un beagle liberato da Green Hill: cuccioli, fattrici, cani adulti e i cani che erano già pronti e in partenza per essere oggetto di sperimentazione. L’operazione ribattezzata ‘SOS Green Hill‘ è molto gravosa: la Procura ha dato l’affidamento a titolo gratuito, e costerà alle Associazioni e ai Comitati che conteranno sul sostegno di iscritti, sostenitori e cittadini.

La Procura della Repubblica di Brescia mantiene il sequestro probatorio dell’allevamento e dei cani nella struttura affidato per le responsabilità giuridiche a Comune di Montichiari, Asl, e società Green Hill.

http://www.lav.it/
www.legambiente.it
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/18/green-hill-sottosequestro-lallevamento-di-montichiari-con-2-500-beagles/
https://cookednews.wordpress.com/2012/04/29/blitz-anti-green-hill-in-manette-12-attivisti-hanno-liberato-alcuni-beagle/

Advertisements

Il baritono Nitikin ha una svastica sul petto, via da Bayreuth

Il baritono russo Evgeny Nikitin – atteso come protagonista della nuova produzione del ‘Vascello fantasma’ al Festival di Bayreuth (Bayreuther Festspiele), in Baviera (Germania)dedicato esclusivamente alla rappresentazione dei drammi del compositore tedesco Richard Wagner,  – ha annullato la sua partecipazione dopo la rivelazione, da parte della tv tedesca Zdf, di avere un tatuaggio nazista sul corpo.

Ieri il programma culturale Aspekte ha mostrato il tatuaggio: sul petto del cantante, una svastica alla quale è stato aggiunto anche un ulteriore motivo. ‘Mi sono tatuato da ragazzo. E’ stato un grande errore’, ha detto Nitikin.

http://www.bayreuther-festspiele.de/

Blog at WordPress.com.