WSJ: Cuba’s Role Behind the Turmoil in Venezuela

Marvinia Jimenez #Cookednews

The bloodshed in Caracas over the past 12 days brings to mind the 2009 Summit of the Americas in Port of Spain, where President Obama greeted Venezuelan dictator Hugo Chávez with a huge grin and a warm handshake. A couple of months later the State Department attempted to force Honduras to reinstall pro-Chávez president Manuel Zelaya, who had been deposed for violating the constitution.

Brows were knitted throughout the Americas. Why did the U.S. president favor the Venezuelan dictator, protégé of Fidel Castro, over Honduras, which still had a rule of law, press freedom and pluralism?

Fast forward to last Wednesday, after four peaceful student-protesters had been confirmed as having been killed by the government’s armed minions. Mr. Obama took notice, pronouncing the brutality “unacceptable.” That must have been comforting to hear amid the gun shots and pummeling on the streets of Caracas.

That same night the government of Nicolás Maduro —Chávez’s handpicked successor—unleashed a wave of terror across the country. According to Venezuelan blogs and Twitter posts, the National Guard and police went on a tear, firing their weapons indiscriminately, beating civilians, raiding suspected student hide-outs, destroying private property and launching tear-gas canisters. Civilian militia on motor bikes added to the mayhem. The reports came from Valencia, Mérida, San Cristóbal, Maracaibo, Puerto Ordaz and elsewhere, as well as the capital.

Venezuela has promised 100,000 barrels of oil per day to Cuba, and in exchange Cuban intelligence runs the Venezuelan state security apparatus. The Cubans clearly are worried about losing the oil if their man in Caracas falls. Opposition leader Leopoldo López, who heads the Popular Will political party, spent several years building a network of young recruits around the country. Last week’s unrest is a testament to that organization, and it is why the 42-year-old Mr. López is now behind bars.

In Ukraine, the European Union has pressured the government to reach a compromise with the opposition. Venezuelans are getting no such help from the neighbors. Only Colombia, Chile and Panama have objected to the crackdown. The rest of the hemisphere doesn’t have even a passing interest in human rights when the violations come from the left. The Organization of American States is supposed to defend civil liberties, but since Chilean Socialist José Miguel Insulza took the OAS helm in 2005, it has earned a disgraceful record as a shill for Cuba.

Venezuelans seeking change face daunting odds. The crowds in the streets of Caracas in recent days have not been significantly bigger than in many prior-year protests, including 2002, when a march in Caracas almost unseated Chávez.

This time the repression has been fierce. Besides injuries and death, hundreds have been detained and it would not be surprising if many are given long sentences. Mr. Maduro needs scapegoats for the violence he unleashed. Iván Simonovis, the former head of the Caracas Metropolitan Police, has been a political prisoner since 2004. Chávez made him take the fall for the 17 people killed in the April 2002 uprising even though video evidence points to chavista snipers. Photos of the once-fit policeman, frail and gravely ill from the inhuman circumstances of his long incarceration, are chilling.

Another problem is the division within the opposition. The governor of the state of Miranda, Henrique Capriles, represented a broad coalition of anti-chavista parties when he ran for president in 2013. But when he conceded to Mr. Maduro amid strong evidence that the election had been stolen, Mr. López and other members of the opposition broke with Capriles supporters.

Students have also been hamstrung by a communications blockade. The government controls all Venezuelan television and radio airwaves. When the violence broke out, it forced satellite providers to drop the Colombian NTN channel. Internet service has been cut in many places.

Getting the very poor on board for a regime change is a challenge. Some still see chavismo as their government, even if they have no love for Mr. Maduro and suffer from high inflation. Others don’t dare speak out, for fear of losing state jobs or their lives. The barrios are terrorized by the chavista militia.

Mr. Maduro says he will use every weapon to quell the unrest. On Friday afternoon the son of a Venezuelan friend sent me photos from Caracas of troops massing at the Francisco de Miranda air base in the middle of the city. The Cuban-backed Venezuelan high command, Cuban intelligence (the country is thick with agents) and plainclothes militia will play rough.

On the other hand, the government is bankrupt, and food and other shortages will get worse. Mr. Maduro may pacify Caracas, but food is harder to find in the interior of the country than in the capital. It is there that the fires of rebellion, burning for the first time under chavismo, might race out of control. Many army officers come from lower-middle-class families, and it is not clear that they will stand by and watch large numbers of civilians being slaughtered. Many resent the Cuban occupation.

What comes next is hard to predict. But no one should underestimate Cuba‘s comparative advantage: repression.

#Venezuela #Cuba #Cookednews

Advertisements

Assata Shakur, la prima donna fra i 25 terroristi più ricercati d’America

assata-shakurSi chiama Joanne Chesimard, ha 65 anni, ed è la prima donna a entrare nella black list dei 25 terroristi più ricercati dal Fbi.
Per tutti, però, è Assata Shakur, un passato nelle Black panther e nella Black liberation army, madrina di Tupac Shakur, uno dei rapper più famosi di sempre.

È accusata dell’omicidio a sangue freddo di un agente di polizia avvenuto il 2 maggio 1973, quando Assata si batteva con le armi per i diritti degli afroamericani.

Quel giorno la donna si trovava in auto con due compagni, Zayd Shakur e Sundiata Acoli, quando una pattuglia della polizia li fermò per un fanale posteriore rotto. A quel punto sarebbe iniziata la sparatoria che ha portato alla morte di Werner Foerster e al ferimento del collega James Harper.

Nel 1977 arrivò la condanna all’ergastolo, nel 1979 l’evasione di prigione con l’aiuto del fratello Mutulu Shakur (padre adottivo di Tupac) e dell’attivista italiana Silvia Baraldini (estradata e tornata in Italia solo nel 1999), finiti in carcere per quell’azione armata.

Cinque anni dopo Assata venne avvistata a Cuba, dove secondo l’Fbi avrebbe chiesto asilo politico. Nell’isola caraibica ha scritto un libro, ‘Assata: an autobiography’, e la sua storia è stata cantata da rapper che le hanno mostrato la propria solidarietà, come Mos Def e Common.

Lei si è sempre professata innocente, sostenendo di non aver mai sparato i quattro colpi, due dei quali da dietro, che hanno ucciso Werner Foerster dopo essere partiti dalla pistola dello stesso agente.

Il Bureau ne è sicuro: a Cuba Assata continua a essere attiva a fa propaganda anti americana.
Per lei ci sono due taglie da 1 milione di dollari l’una, offerte dall’Fbi e dallo Stato del New Jersey, e un posto tra i 25 America’s most wanted.

Il presidente del Venezuela Hugo Chàvez è morto

English: Hugo Chávez in Porto Alegre, Brazil. ...

English: Hugo Chávez in Porto Alegre, Brazil. Jan/26/2003. Português: Porto Alegre (RS), 26/01/2003 (Agência Brasil – ABr) – Ao lado do governador do Rio Grande do Sul, Germano Rigotto (esq.), o presidente da Venezuela, Hugo Chávez, acena para multidão na sacada do Palácio Piratini, sede do governo estadual. (Foto: Victor Soares/ABr – hor-61) (Photo credit: Wikipedia)

Il presidente del Venezuela Hugo Chávez, operato nei mesi scorsi per un cancro a Cuba, è morto a Caracas alle 16.25 ora locale, le 22.55 in Italia. Aveva 58 anni. Lo ha annunciato in tv il vice presidente e suo delfino designato, Nicolás Maduro: ‘È un momento di profondo dolore’, ha detto interrompendosi fra i singhiozzi. Maduro ha poi invitato il popolo a radunarsi in Plaza Bolívar e in Avenida Loyola, davanti all’Hospital Militar dove il presidente è morto.

Le forze armate ‘bolivariane’ del Venezuela sono state dispiegate in tutto il Paese per far rispettare la Costituzione. Lo ha annunciato il ministro della Difesa, Diego Molero. La figlia Maria Gabriela ha espresso il suo cordoglio, e il suo invito a lottare ancora, in un tweet: ‘Hasta siempre, papito mío!

 Il Paese tornerà al voto entro 30 giorni, e i poteri presidenziali ad interim saranno assunti dal vicepresidente Maduro: lo ha annunciato il ministro degli Esteri Elias Jaua. Le ultime lezioni si erano svolte nell’ottobre scorso, quando Chávez aveva ottenuto il suo quarto mandato.

Jaua ha annunciato anche che i funerali di Chávez si svolgeranno venerdì 8 marzo. Il ministro degli Esteri ha precisato che il Venezuela rispetterà sette giorni di lutto dopo la morte del presidente. Le scuole rimarranno chiuse tre giorni.

Hugo Rafael Chávez Frias era nato a Sabaneta, nelle pianure del centro del Paese, il 28 luglio del 1954. Dopo un fallito colpo di Stato nel 1992, salì al potere nel 1999 e vi sarebbe rimasto fino al 2019 dopo aver conquistato, in ottobre il quarto mandato. I suoi pilastri sono stati il petrolio, di cui il Venezuela è ricco, il militarismo, l’antiamericanismo e quel che resta del sogno marxista.

Le condizioni di salute del leader venezuelano si erano aggravate in mattinata: già tracheostomizzato nelle scorse settimane, era peggiorato a causa di una nuova, grave infezione. Il ministro dell’Informazione Ernesto Villegas aveva anticipato in qualche modo il decesso di Chávez parlando di condizioni ‘molto delicate’, e di una recente ‘chemioterapia il cui impatto è molto forte’. Nonostante ciò, ‘il comandante presidente continua ad essere aggrappato a Cristo e alla vita’, ha aggiunto il ministro, ricordando che stava comunque seguendo le indicazioni ordinate dall’équipe medica dell’Hospital Militar di Caracas.

Henrique Capriles, governatore dello stato della Miranda, e leader dell’opposizione antichavista, si è espresso tramite un tweet: ‘In questi momenti difficili dobbiamo dimostrare il nostro profondo amore e rispetto al Venezuela. Unità nella famiglia venezuelana’.

Da settimane si susseguivano le voci sulla salute di Chávez. Nei giorni scorsi, il quotidiano spagnolo Abc ha scritto che il rabdomiosarcoma di cui soffriva – il governo ha parlato finora di male ‘alla zona pelvica’ – era ormai in fase di metastasi, occupando un terzo di un polmone. Quella dell’11 dicembre all’Avana era stata la quarta operazione in un anno e mezzo.

(fonte Corsera)

Cuba: arriva l’uragano Sandy, due persone decedute

L’AVANA -L ‘uragano Sandy è salito a categoria 2, con venti fino a 165 km/h: il passaggio su Cuba e Giamaica ha causato almeno due morti. La tempesta ora si dirige verso le Bahamas, e ha fatto scattare l’allerta meteo sulla costa orientale della Florida.

La tempesta  si è rafforzata nel suo passaggio sulle tiepide acque dei Caraibi, colpendo la parte orientale dell’isola di Cuba con forti piogge e vento. Almeno 55 mila persone sono state evacuate – hanno riferito funzionari cubani – soprattutto per evitare che vengano travolte dalle attese alluvioni, che in alcune aree potrebbero raggiungere il mezzo metro di altezza.

Sulla costa sono attese forti mareggiate e onde alte fino a otto metri.

La tempesta, accompagnata da venti a 145 chilometri all’ora, si sta rafforzando e potrebbe passare dalla categoria 1 al secondo gradino della scala Saffir-Simpson, in tutto di cinque.

Ora Sandy si trova a 137 km a sudovest di Guantanamo e, secondo l’Osservatorio meteorologico cubano, si sta spostando verso nord, raggiungendo la massima intensità vicino a Santiago, seconda città dell’isola. Il governo cubano ha sospeso i voli da e per l’est, e anche i servizi ferroviari e stradali.

I 3.000 cubani che lavorano nelle piantagioni di caffé di Santiago sono stati mandati a casa.

L’uragano Sandy ha colpito ieri sera Kingston, la capitale della Giamaica, dove centinaia di persone si sono rifugiate nei centri di alloggio per le emergenze. Lo ha riferito il Centro americano di sorveglianza degli uragani (Nhc), con sede a Miami.

Il primo ministro giamaicano Portia Simpson-Miller ha interrotto una visita in Canada per rientrare nel paese prima che chiudesse l’aeroporto internazionale. La polizia ha ordinato un coprifuoco di 48 ore nelle principali città dell’isola, per ragioni di sicurezza e per evitare eventuali atti di sciacallaggio.

http://www.nhc.noaa.gov/

Cuba: dopo 50 anni liberi di viaggiare, basterà visto e passaporto

Basterà un passaporto e il visto. Dopo 50 anni il regime annuncia l’eliminazione delle limitazioni agli spostamenti all’estero a partire dal 2013. Finora era necessario chiedere un permesso alle autorità, lettere d’invito e permanenze non superiori agli 11 mesi. Una riforma fortemente simbolica, molto attesa nell’isola.

Dal prossimo anno i cittadini cubani potranno viaggiare liberamente all’estero senza bisogno di richieste di permessi dalle autorità. Per uscire dal paese sarà sufficiente presentare un passaporto in corso di validità ed eventuali visti richiesti dai paesi a cui si è diretti. La misura entrerà in vigore dal 13 gennaio, ha reso noto il giornale del partito Granma. La restrizione ai viaggi all’estero, in vigore da 50 anni, è stata sempre uno dei punti più contrastati e combattuti dall’opposizione cubana, simbolo della mancanza di libertà per la popolazione sotto il regime di Castro.

Secondo il quotidiano laRepubblica – finora i cubani, per uscire dal Paese, dovevano richiedere un permesso speciale alle autorità, le quali potevano rilasciarlo a loro discrezione, senza necessità di giustificare un eventuale rifiuto. Dovevano anche presentare una lettera d’invito e non potevano restare all’estero più di undici mesi. In caso di violazione di questo termine rischiavano di vedere i loro beni confiscati e di essere considerati come espatriati definitivi, generalmente senza alcuna possibilità di tornare. Questa riforma della legge per i viaggi all’estero era la più attesa a Cuba, dopo l’adozione di una serie di riforme economiche che nel 2011 hanno introdotto una dose d’economia di mercato nel sistema centralizzato comunista.

I cubani che vanno all’estero per lavorare potranno fermarsi per 24 mesi, mentre per periodi superiori avranno bisogno di un permesso del Consolato cubano. Per la paura di una ‘fuga di cervelli’ verranno applicate invece restrizioni ad alcune categorie di professionisti come i medici, i militari e professionisti considerati ‘una parte importante della società’.

L’aggiornamento di queste misure , si legge sul sito di Granma, ‘risponde ala necessità dello Stato di difendersi dalla politica interventista del governo Usa e dei suoi alleati’Per questo determinate limitazioni alla circolazione delle persone rimarranno per ‘preservare il capitale umano creato dalla Rivoluzione a fronte del furto di talenti applicato dai potenti’.

Yoani Sanchez: ‘liberata dopo 30 ore di detenzione’ la blogger di El Pais

Yoani Sánchez on Flickr.

Yoani Sánchez on Flickr. (Photo credit: Wikipedia)

La blogger cubana Yoani Sanchez ha annunciato su Twitter di essere stata ‘liberata dopo 30 ore di detenzione’, e ha ringraziato ‘tutti coloro che hanno levato la loro voce e i loro tweets che ci hanno permesso di ritornare a casa’. La nota blogger cubana era stata arrestata l’altro ieri insieme al marito, il giornalista dissidente Reinaldo Escobar, a Bayamo, a 750 chilometri a sud-est dell’Avana, dove intendeva assistere al processo di un giovane politico spagnolo, Angel Carromero, accusato di omicidio dopo la morte in un incidente stradale dei dissidenti Oswaldo Paya e Harold Cepero.

‘Siamo stati appena liberati! 30 ore di detenzione e molti aneddoti da raccontare’, ha twittato la filologa di 37 anni, che ha vinto molti premi internazionali per il suo blog www.desdecuba.com/generaciony. ‘Durante la mia detenzione ho rifiutato di mangiare e di bere ogni liquido, primo bicchiere d’acqua che ho preso al rientro a casa come fuoco nell’esofago’, ha poi scritto la Sanchez, figura di punta dell’opposizione cubana su internet.

In successivi tweets, la blogger ha scritto che ‘ancora è in stato d’arresto Henry Constantin a Rio Cauto’. Il giornalista ‘è stato arrestato all’ingresso del tribunale di Bayamo’. Sanchez riferisce inoltre che ‘un’altra prova’ del fatto che il giornale Granma – organo ufficiale del Partito comunista cubano – mente, è che aveva detto che il processo a Angel Carromero era pubblico…Ma non lo era’, motivo per cui è stata arrestata.

‘La mia intenzione era totalmente giornalistica’, ha scritto, per ‘riportare da Bayamo attraverso il mio account twitter’. Sanchez riferisce che non può ancora ricevere chiamate sul suo cellulare, ma può comunque inviare sms e tweets.

Intanto si è chiuso il processo contro il giovane politico spagnolo Angel Carromero e ora bisognerà aspettare la sentenza da parte del tribunale locale entro i prossimi dieci giorni. Al termine di una udienza durata undici ore, riportano i media spagnoli, i magistrati dell’accusa hanno mantenuto la loro richiesta di una condanna a sette anni per l’uomo, accusato di ‘omicidio per guida imprudente’.

La difesa del giovane spagnolo ha chiesto invece l’assoluzione per ‘mancanza di prove’, sostenendo che l’incidente è stato provocato dalle condizioni della strada, sottoposta a lavori, e dalla mancanza di adeguate segnalazioni dei lavori in corso nel tratto dove è avvenuto l’incidente. (dal Sole24ore)

yoani.sanchez@gmail.com
http://www.desdecuba.com/generaciony/

Cuba: per la prima volta dopo 50 anni cargo Usa attracca a l’Avana

Per la prima volta dopo 50 anni, una nave da carico proveniente dagli Stati Uniti ha attraccato al porto dell’Avana, a Cuba. La Ana Cecilia, il cargo proveniente da Miami, trasporta aiuti di carattere umanitario spediti dalla popolazione cubana residente in Florida e destinati ai parenti che vivono sull’isola caraibica.

Dal 1962, Cuba (mappa) è sottoposta a un embargo commerciale decretato dall’allora presidente americano, John Kennedy, che non è mai più stato tolto. La nave arrivata nel porto della capitale cubana, ha avuto una dispensa speciale dell’amministrazione statunitense per trasportare gli aiuti umanitari nell’isola. 

Il piccolo cargo Ana Cecilia, che ha una capacità di 16 container, è entrato nella baia della capitale cubana poco dopo le 7 locali, con 24 ore di ritardo per problemi amministrativi prima di gettare l’ancora.

Salpato mercoledì pomeriggio da Miami, il cargo trasporta materiali destinati a organizzazioni umanitarie o religiose, ma ‘anche a delle famiglie che vivono a Cuba’, secondo un portavoce dell’International Port Corp, la compagnia americana che ha organizzato il trasporto.

International Port Corp ha annunciato che il collegamento sarà ormai settimanale con una nave in partenza da Miami tutti i mercoledì. ‘Una volta là, l’equipaggio scarica tutto senza sbarcare e la nave riparte per Miami’, ha sottolineato il portavoce Leonardo Sanchez-Adega.

La società, che deve rispettare l’embargo totale decretato contro Cuba nel febbraio 1962 dal presidente americano John F. Kennedy, ha precisato di aver ottenuto un permesso speciale dalle autorità americane. Dal 1992 l’embargo Usa contro Cuba viene condannato regolarmente ogni anno dall’Assemblea generale dell’Onu a schiacciante maggioranza: nel settembre 2011, 186 Paesi lo hanno condannato, contro due voti a favore (Stati Uniti e Israele) e tre astensioni (Isole Marshall, Micronesia e Palau).

http://www.un.org/

Blog at WordPress.com.