In viaggio con Lady Ghigliottina Boldrini

La Boldrini nel suo ruolo è inadeguata, impropria, miracolata. Lo sa lei, lo sanno tutti. Ha due meriti, piace a Napolitano e ubbidisce agli ordini e, per questo Regime, due medaglie così bastano e avanzano. La Boldrini deve andarsene e in fretta dalla Camera. Il presidente della Camera è un ruolo di garanzia del dibattito parlamentare. Lei ha tradito il suo mandato.

Il decreto legge IMU-Bankitalia ha regalato 7,5 miliardi alle banche sottratti agli italiani (e Renzie predica da un mese che vuole far risparmiare un miliardo agli italiani…) con un sotterfugio da magliari di terz’ordine, associare l’abolizione della seconda rata dell’IMU alla sottrazione di valore di Bankitalia. Si potevano scorporare i due decreti, il M5S avrebbe immediatamente votato per l’abolizione dell’IMU, non è stato fatto. Il M5S ha sollevato delle eccezioni a norma di regolamento, ha fatto “opposizione” da non confondere con il termine “ostruzionismo” caro ai telegiornali e alla carta igienica quotidiana che sono diventati quasi tutti i giornali.

Non siete abituati all’opposizione dopo decenni di inciuci? Beh, dovrete farvene una ragione. A termini di regolamento giovedì erano previsti numerosi interventi che avrebbero, per la loro durata, fatto decadere il decreto. La cosiddetta “tagliola“, la procedura che consente di interrompere la discussione e andare immediatamente al voto è presente nel regolamento del Senato, ma NON in quello della Camera. La Boldrini ha interrotto ogni discussione senza neppure l’appiglio del regolamento. Ha agito motu proprio, con un abuso di potere, fatto votare in un minuto per scappare dalla porta di servizio. Non era mai successo nella storia della Repubblica, neppure ai tempi di Pajetta che scavalcava i banchi per colloquiare con i colleghi democristiani o ai tempi di Tambroni. Mai è stata messa a tacere l’opposizione con un atto di imperio di natura strettamente personale. Giovedì 29 gennaio la democrazia è morta. Si è accettato il principio che le opposizioni, quando disturbano il Potere, devono essere messe a tacere ad ogni costo. Prima le banche, poi i cittadini.

I politici sono i camerieri dei banchieri e 7,5 miliardi valgono le messe di un’intera legislatura e la fine del confronto parlamentare. Boldrini a casa.

Il viral video di oggi. Pubblicato de giorni fa da FreedomChannelG su youtube, è stato ripreso da tutta la stampa nazionale e internazionale e fatto il giro (dell’Oca) della Rete. Visualizzazioni 5.676, all’orario in cui scriviamo, (19.01 ora italiana), su un canale youtube da 823 iscritti.

FreedomChannelG – YouTube

#CookedNews

Advertisements

Front End Summit – 27 Settembre: un engineering Tech Talk event su Twitter

Front End Summit – 27 Settembre

Twitter Front End Summit

Tuesday, September 27th

Martedì 27 settembre

Primo piano Speaker: Andreas Gal di Mozilla

I file PDF sono tradizionalmente eseguiti utilizzando i plugin di codice nativo. Molto spesso, i viewers di native code  si trasformano in piattaforme di esecuzione di codice nativo non intenzionali. Andreas Gal parlerà di PDF.js Mozilla, un puro JavaScript PDF renderer.

Demo appariscente a parte, il discorso si concentrerà sui trucchi delle prestazioni del team di Mozilla usati per rendere veloce il rendering PDF (siamo sul just-in-time dei contenuti di compilazione PDF!), sul rapporto dei limiti delle tele API, e di alcuni importanti dettagli come l’intenzione di risolvere comodamente alcuni problemi in cui rischiamo di incorrere quando abbiamo a che fare anche con un popolare browser come Firefox.

Andreas Gal è un ricercatore di Mozilla, che lavora su JavaScript e la ricerca web (Web research). In precedenza ha lavorato come scienziato del progetto presso la University of California, Irvine, lavorando sui Secure Systems and Languages Laboratory del professor Michael Franz. Il background di Gal è nei secure systems,  i sistemi sicuri, i type-safe languages, la compilazione dinamica, e le macchine virtuali.

Twitter Speaker: Mark Otto (@mdo) su Bootstrap

A proposito di Bootstrap: Bootstrap è un toolkit progettato da Twitter per kickstart front-end  e lo sviluppo di applicazioni web e siti. Si tratta di una biblioteca solida e in costante crescita che comprende tutti i requisiti essenziali e well-designed HTML, CSS e javascript, necessaria per qualsiasi progetto.

Bio: Mark è stato un designer di prodotto su Twitter dai primi mesi del 2010, lavorando principalmente con altri designer e ingegneri sul Twitter Web e Revenue Teams. Bootstrap rappresenta oltre 8 anni di esperienza nella progettazione e codifica con i CSS e HTML per aiutare a costruire grandi prodotti online.

Slides: Bootstrap slides (PDF) 

Twitter Speaker: Jacob Thornton (@fat) on Ender

A proposito di Ender: Ender è un gestore di pacchetto completo di funzionalità per il browser. Permette di cercare, installare, gestire e compilare front-end di pacchetti javascript e le loro dipendenze per il web. Ender non è una libreria javascript. Non è una sostituzione jQuery. Non è nemmeno un  static asset, un bene statico. E’ uno strumento per rendere il consumo di front-end dei pacchetti javascript morti semplice e incredibilmente potente.

Bio: Jacob lavora a Twitter. Scrive javascript e ha lavorato nel team mootools, Ender, e più recentemente bootstrap. Lui ti può insegnare ‘how to dougie’.  

Slides: Ender slides (PDF)

@TwitterEng Events
https://dev.twitter.com/engineering/tech-talks/front-end-summit

Create a free website or blog at WordPress.com.