WSJ: Cuba’s Role Behind the Turmoil in Venezuela

Marvinia Jimenez #Cookednews

The bloodshed in Caracas over the past 12 days brings to mind the 2009 Summit of the Americas in Port of Spain, where President Obama greeted Venezuelan dictator Hugo Chávez with a huge grin and a warm handshake. A couple of months later the State Department attempted to force Honduras to reinstall pro-Chávez president Manuel Zelaya, who had been deposed for violating the constitution.

Brows were knitted throughout the Americas. Why did the U.S. president favor the Venezuelan dictator, protégé of Fidel Castro, over Honduras, which still had a rule of law, press freedom and pluralism?

Fast forward to last Wednesday, after four peaceful student-protesters had been confirmed as having been killed by the government’s armed minions. Mr. Obama took notice, pronouncing the brutality “unacceptable.” That must have been comforting to hear amid the gun shots and pummeling on the streets of Caracas.

That same night the government of Nicolás Maduro —Chávez’s handpicked successor—unleashed a wave of terror across the country. According to Venezuelan blogs and Twitter posts, the National Guard and police went on a tear, firing their weapons indiscriminately, beating civilians, raiding suspected student hide-outs, destroying private property and launching tear-gas canisters. Civilian militia on motor bikes added to the mayhem. The reports came from Valencia, Mérida, San Cristóbal, Maracaibo, Puerto Ordaz and elsewhere, as well as the capital.

Venezuela has promised 100,000 barrels of oil per day to Cuba, and in exchange Cuban intelligence runs the Venezuelan state security apparatus. The Cubans clearly are worried about losing the oil if their man in Caracas falls. Opposition leader Leopoldo López, who heads the Popular Will political party, spent several years building a network of young recruits around the country. Last week’s unrest is a testament to that organization, and it is why the 42-year-old Mr. López is now behind bars.

In Ukraine, the European Union has pressured the government to reach a compromise with the opposition. Venezuelans are getting no such help from the neighbors. Only Colombia, Chile and Panama have objected to the crackdown. The rest of the hemisphere doesn’t have even a passing interest in human rights when the violations come from the left. The Organization of American States is supposed to defend civil liberties, but since Chilean Socialist José Miguel Insulza took the OAS helm in 2005, it has earned a disgraceful record as a shill for Cuba.

Venezuelans seeking change face daunting odds. The crowds in the streets of Caracas in recent days have not been significantly bigger than in many prior-year protests, including 2002, when a march in Caracas almost unseated Chávez.

This time the repression has been fierce. Besides injuries and death, hundreds have been detained and it would not be surprising if many are given long sentences. Mr. Maduro needs scapegoats for the violence he unleashed. Iván Simonovis, the former head of the Caracas Metropolitan Police, has been a political prisoner since 2004. Chávez made him take the fall for the 17 people killed in the April 2002 uprising even though video evidence points to chavista snipers. Photos of the once-fit policeman, frail and gravely ill from the inhuman circumstances of his long incarceration, are chilling.

Another problem is the division within the opposition. The governor of the state of Miranda, Henrique Capriles, represented a broad coalition of anti-chavista parties when he ran for president in 2013. But when he conceded to Mr. Maduro amid strong evidence that the election had been stolen, Mr. López and other members of the opposition broke with Capriles supporters.

Students have also been hamstrung by a communications blockade. The government controls all Venezuelan television and radio airwaves. When the violence broke out, it forced satellite providers to drop the Colombian NTN channel. Internet service has been cut in many places.

Getting the very poor on board for a regime change is a challenge. Some still see chavismo as their government, even if they have no love for Mr. Maduro and suffer from high inflation. Others don’t dare speak out, for fear of losing state jobs or their lives. The barrios are terrorized by the chavista militia.

Mr. Maduro says he will use every weapon to quell the unrest. On Friday afternoon the son of a Venezuelan friend sent me photos from Caracas of troops massing at the Francisco de Miranda air base in the middle of the city. The Cuban-backed Venezuelan high command, Cuban intelligence (the country is thick with agents) and plainclothes militia will play rough.

On the other hand, the government is bankrupt, and food and other shortages will get worse. Mr. Maduro may pacify Caracas, but food is harder to find in the interior of the country than in the capital. It is there that the fires of rebellion, burning for the first time under chavismo, might race out of control. Many army officers come from lower-middle-class families, and it is not clear that they will stand by and watch large numbers of civilians being slaughtered. Many resent the Cuban occupation.

What comes next is hard to predict. But no one should underestimate Cuba‘s comparative advantage: repression.

#Venezuela #Cuba #Cookednews

Advertisements

Vogue Fashion’s Night Out di settembre, dal 6 al 18, a Milano, Roma e Firenze anche il caffè è di moda

Per la Vogue Fashion’s Night Out di settembre, il 6 a Milano, il 13 a Roma e il 18 a Firenze, anche il cibo si unisce alla moda. E a darne prova il caffè Lavazza. Che per l’occasione realizza una Limited Edition di lattine di caffè ¡Tierra!

Fondata a Torino nel 1895 – e ancora di proprietà della famiglia stessa – Lavazza è l’azienda italiana produttrice di caffè tostato che è da sempre attenta alla qualità e alla tradizione per il gusto oltre che all’innovazione del prodotto e alla salvaguardia delle risorse naturali:un’azienda responsabile, per uno sviluppo sostenibile.

Proprio seguendo il cammino verso la sostenibilità nel 2002 viene sviluppato il progetto ¡Tierra! con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita e di lavoro nelle comunità dei paesi produttori di caffè attraverso assistenza tecnica e sociale. Dopo i primi interventi di successo in HondurasPerùColombia, e con il lancio sul mercato della miscela ¡Tierra!, Lavazza ha coinvolto per la seconda fase BrasileIndia eTanzania. Proprio in Tanzania nasce l’idea di creare una edizione limitata per l’Africa di Lavazza ¡Tierra!.

Lavazza e Fashion 4 Development – partner operativo dell’ONU che attraverso la moda vuole incrementare la crescita di un’economia sostenibile – hanno chiesto a sei stilisti italiani di fama internazionale di rivestire a proprio gusto la lattina e la miscela di ¡Tierra!MarniRoberto CavalliMissoniEtroVersace e Moschino hanno dato così vita a una speciale limited edition che sarà venduta esclusivamente durante la Vogue Fashion’s Night Out nelle serate di MilanoRoma e Firenze.

Vogue Fashion’s Night Out è un’iniziativa globale nata nel 2009 ed organizzata daVogue. La manifestazione, ormai al suo quarto anniversario, vuole avvicinare il mondo della moda al grande pubblico coinvolgendo tutti i cittadini di diverse città del mondo in una serie di eventi poliedrici che si tengono in una notte prefissata di settembre.

Per l’edizione 2012 l’evento internazionale dedicato allo shopping e alla moda sarà ospitato – oltre che dall’Italia – da diciannove Paesi nel mondo che hanno confermato la partecipazione a settembre dando così il loro sostegno al mondo dello stile: 6 settembre (InghilterraFrancia,Stati UnitiGermaniaSpagnaRussia,MessicoAustralia e Korea), 7 settembre(CinaIndiaGermania e Russia), 8 settembre(Taiwan e Giappone), 10 e 12 settembre(Brasile), 13 settembre (PortogalloTurchia,Olanda e Messico),  20 e 25 settembre(Grecia).

Gli omini ‘fluo’ di Alienatio animano le notti italiane firmate Vogue

#Occupy Montenapoleone

Vogue Fashion’s Night Out

Milano: giovedì 6 settembre
Roma: giovedì 13 settembre
Firenze: martedì 18 settembre

vfno-2012-video
http://vfno2012.vogue.it/
https://www.facebook.com/Lavazza
https://twitter.com/vogue_italia

London2012: arrivano le bici più veloci del mondo. Ecco la tre giorni di competizione in BMX

Il Day12, o dodicesimo giorno di gare alle Olimpiadi di London2012 segna l’inizio delle competizioni su BMX. La disciplina diventata olimpica per la prima volta nel 2008 a Pechino avrà le sue finali inglesi, domani 10 agosto. Ecco alcuni risultati delle prime qualificazioni di semifinale, maschili e femminili in vista del BMX contest.

Caroline Buchanan dell’Australia durante l’allenamento sulla pista di women’s BMX nel Parco Olimpico il giorno 11. Insieme a lei Brooke Crain degli Stati Uniti (R).

Buchanan ha fatto un tempo di 38,433, con 0,210 secondi di vantaggio sulla neo zelandese Sarah Walker (38,644), e Mariana Pajon della Colombia terza con 38,787.

La rider francese Laetitia Le Corguille è quarta al  tre volte campione del mondo Shanaze Reade: l’inglese si è posizionata quinta.

Il campione del mondo Magalie Pottier della Francia si è qualificata con un settimo posto dopo l’evento che ha determinato la classifica  di serie del venerdì per le semifinali.

Durante le prime qualificazioni per le semifinali di domani, i riders si sono precipitati giù per la rampa di partenza, uno alla volta, nel tentativo di rivendicare un posizionamento forte per le ultime fasi della gara, quando in otto si contenderanno i primi posti sul podio (oro, argento e bronzo) in lizza per la posizione su un percorso ondulato, ricco di salti e curve strette.

Reade era terza sui 16 – strong field su strada, percorso che è stato modificato dopo aver vinto il test event la scorsa estate, facendo della pilota la leader per qualche tempo. Reade è stata tre volte campione del mondo nella disciplina olimpica, che vede otto piloti lanciarsi giù per una rampa all’inizio ripida, che si contendono lo spazio sulla pista e gareggiano sui salti, trasformando la competizione in un tentativo di arrivare primi, il tutto in circa 30 secondi. Le prove di ieri sono servite a determinare i primi posti in vista delle gare ad eliminazione diretta.

La quinta pilota Walker ha migliorato il suo primato, qualificandosi penultima rispetto alla Buchanan andata ancora più veloce.

Il ‘fast and furious‘ sport della BMX quest’anno è alla sua seconda apparizione agli Olympic London 2012 Games, i Giochi Olimpici di Londra 2012. Ma la BMX, che sta per Bicycle Motocross, ha iniziato a decollare come attività agonistica alla fine del 1960 in California, nel periodo in cui il motocross è diventato popolare negli Stati Uniti. Lo sport a motore è stato l’ispirazione per la versione a pedali – uno spettacolo mozzafiato, che da allora è diventato famoso in tutto il mondo.

Nel Day12, per gli uomini si è qualificato l’olandese Van der Biezen. Per il pilota di BMX ‘E’ stata una corsa veloce, non mi aspettavo di fare un tempo di 37.779 – ha detto – per me molto buono. E’ un buon inizio del sogno olimpico. Mi dà fiducia. Sento che la mia forma è molto buona, ma so che tutti gli altri sono pure in gran forma. Del resto ognuno si è preparato per questo contest da quattro anni. ‘

Per l’Italia,  Manuel De Vecchi con il 18° posto nella prova preliminare, valida per determinare i gruppi di partenza dei quarti di finale, è stato inserito nella terza batteria nella gara di domani.

Le donne saranno in azione per due giorni, con un giorno di riposo il giovedì, quando gli uomini avranno invece un turno supplementare ai quarti di finale.

Luogo della competizione: Olympic Park – BMX Track

Numero di medaglie: due men’s e due women’s competition

Numero di riders: saranno in tutto 48 i piloti di BMX, 32 uomini e 16 donne a competere per l’oro.

Eventi di Ciclismo BMX

Date: ‎08 agosto – 10 agosto

Oggi 09/ago alle 16:00 BMX maschile – Quarti di finale (1/9

10 /agosto Finale – BMX maschile    17:40

10/ago BMX maschile – Semifinali (1/5)   16:08

10/ago Finale – BMX femminile 17:30

10/ago BMX femminile – Semifinali (#1) 16:00

10/ago BMX femminile – Semifinali (#2) 16:04

http://www.london2012.com/cycling-bmx/news/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/08/alcune-foto-dal-day12-di-london2012/

Create a free website or blog at WordPress.com.