Will Wave Of Action Become Nightmare For The 1%?

 

#RESIST! #ACTIVISM #OCCUPY #WORLDWIDE #WAVEOFACTION #Cookednews

 

Note: We don’t view te #WaveOfAction as a potential last gasp of Occupy.  It is one more series of protests and resistance efforts that will continue no matter how large the #WaveOfAction protests are.  It is up to the people how large the protests are, how creative and how effective.  This is part of the process of building a mass movement — a movement that is much more than the occupy encampments were. 

What will prove to be either the last gasp of the Occupy Movement, or its Renaissance as a social powerhouse, will lie in the success and its embrace of a highly-publicized #WaveOfAction which launches a major 90-day program of protest and resistance on April 4.

The Wave begins, symbolically, on the date of the assassination of Martin Luther King and ends, symbolically, on July the 4th.  It will run from the date of the death of a dream that will not die to the date of the birth of a vision which has yet to be fulfilled.

So, what is the purpose of this ambitious campaign, who is behind it, and what can we expect of it – and of ourselves?  The purpose is stated on its website and is quite clear.

We are a Movement of Movements

“The Worldwide #WaveOfAction begins April 4th and runs through July 4th.

During this three-month cycle, people throughout the world will be protesting corruption, rallying around solutions and taking part in alternative systems. The new paradigm will be on full display.

Studies have proven that it only takes 3.5% of the population taking nonviolent action to create meaningful and positive change. The #WaveOfAction gives all of us who want change a powerful opportunity to #EvolveSociety.

Change-makers all over the world will be engaged at the same time in an unprecedented wave of transformation.”

OK, that sounds acceptable (to most of the 99%, and certainly not the 1%).  Now, who is behind this?

I confess that I can’t say that I have figured that out.  It appears to be nobody.  Or, perhaps everybody.  Or, a coterie of patriots/anarchists/misfits who – such as when Zuccotti Park came to be occupied – are taking it upon themselves to rekindle that Occupy fire.

Word has it that #OWS #Anon and its allies put out a call to action for a World Wide Wave of creative community coordination and collaboration this winter.  There were two organizing conference calls prior to April 4.  One on March 25, and the other on April 2.  (David Degrawis one of the facilitators)

For an organizing call, it attracted verifiable luminaries:  Barbara Max HubbardMarianne WilliamsonRussell BrandKevin ZeesePatricia EllsbergDylan RattiganJohn Perry Barlow, and Lee Camp.  If “you are known by the company you keep,” #WaveOfAction is keeping good company.

Whoever started it, it can be said that occupiers around the world are standing with it, and many called in to declare that support and to announce events they were planning locally.

But, they are coming up against a very familiar foe – themselves.

The Naysayers…and worse

Anyone familiar with Occupy knows that it is rife with the usual suspects:  gripers, snipers and full-blown trolls whose only purpose seems to be that of making sure that “solidarity” will never be had.  “How dare (someone/something) do/be (provide the offense).”  Everything is suspect, and anyone taking a lead roll is to be suspected.

Whether or not this will affect the success of #WaveOfAction will not be known for some time, but the offenders are being put on notice.  Activist and creater of Occu-Evolve,Sumumba Sobukwe, had this to say:

“The Irony of those complaining about this ‘Wave of Action’ is that it will only be a failure if they continue to find fault with EVERYTHING that ‘reeks’ of coordination that might make people move beyond facebook, twitter and other social media ‘activism’ as well as their own silos of causes and interests to actually go out and organize with others in the streets.”

He continues, “When did an ‘occupy’ action ever draw more than a few hundred people that didn’t have unions, grassroots or other groups involved? Who are we fooling here? Occupy has ALWAYS been made up of different groups and individuals, and that’s where the concept of the ’99%’ came closest to being real or at least unifying in theory.”

So, in addition to proving Pogo’s theorem, “We have met the enemy, and they are us,” what other odds militate against the campaign having any major effect?  Let me count the ways:

1. A largely indifferent press.  Activists deride the “MainStream Media” for not paying attention to even the largest of its protests and greatest of its triumphs.  Occupy is hardly alone.  Last year’s March Against Monsanto which attracted a half-million marchers or more worldwide did not find its way into print or broadcast in any meaningful way. (P.S.  Occupy folk helped make that march happen, as well).

  1. A police force dedicated to crushing public dissent.  Naaaah, that can’t be happening here in America, right?  That’s what you find in Russia, or Egypt, or China.  Thank God that “to serve and protect” applies to citizens in the street and peaceful protestors, yes?  Here’s a retired cop who has a word or two on that, Captain Ray Harris. Oh, and not to forget Cecily McMillan’s experience with the Boys in Blue which finds her at risk of jail time for resisting their abuse.
  2. Elected officials.  One would think that people who are elected to represent us willactually represent us, and that they will be at the front of any parade or protest demanding justice and protecting civil liberties.  Think again.  If you ain’t got the money (and few occupiers/activists do), they ain’t got the time. And, if their party can’t co-opt your movement for their betterment, they’ll be the first to applaud authorities who arrest you. Hell, they will demand that force be used.
  3. The 1%.  You can be certain that the #WaveOfAction will be countered by a #FloodOfMoney spent to discredit its work and mission.  Did I mention Fox?  CNN?  Stay tuned and see how money talks.

So, I leave it to you, the reader.  Will this be a “Wave,” or a “Wave Goodbye” on the part of Occupy and its brother and sister causes?  Will you listen to the detractors within and the enemies without and surrender to the impossible forces against you?

Or, will you take comfort in your own, amazing numbers and brilliance and continue to fight the good fight as so many have before you in America’s history. You are the dream that Martin referred to, and the nightmare that the 1% are waking up to.

When you realize that, the others in the 3.5% of the population will as well.  Won’t that be exciting.

     

Advertisements

‘Sto morendo’, l’ultimo tweet di Olesya e la protesta in #Venezuela

Olesya Zhukovskaya è l’infermiera di 21 anni, Ukraina, colpita oggi al collo, durante le manifestazioni antigovernative di Kiev. Imprecisato il numero di morti negli scontri con le forze di polizia e i riot polices, gli estremisti che lottano per la caduta del governo Ukraino.

Secondo gli ultimi aggiornamenti, la ragazza, una libera volontaria nella croce rossa, sarebbe in condizioni gravi in un ospedale del centro della capitale Ukraina.

Ieri il consiglio dei ministri europeo si è riunito per discutere sulle possibili sanzioni da attribuire al governo del vicino Est europeo. Intanto dall’altro capo del mondo, si unisce alla protesta anche il popolo Venezuelano. Il leader d’opposizione Leopoldo Lopez, di Volontà popolare, si è consegnato alla polizia.

#Venezuela#euromaidan#ukraine #kiev #ukraineprotest#kiev #ukraine#kiev#CookedNews

Milena Gabanelli rinuncia alla presidenza della Repubblica

gabanelliMilena Gabanelli rinuncia, in una lettera al Corriere della Sera, alla candidatura del Movimento 5 stelle alla presidenza della repubblica.

Mi rivolgo ai tanti cittadini che hanno visto in me una professionista sopra le parti e quindi adeguata a rappresentare l’inizio di un cambiamento nel Paese. Sono giornalista da 30 anni e ho cercato sempre, in buona fede, di fare il mio mestiere al meglio; il riconoscimento che in questi giorni ho ricevuto mi commuove, e mi imbarazza.

Certamente non mi sono mai trovata in una situazione dove sottrarsi è un tradimento e dichiararsi disponibile un segno di vanità. Forse non si sta parlando di me, ma dell’urgenza di dare un volto a un’aspettativa troppo a lungo tradita.

Che io non avessi le competenze per aspirare alla Presidenza della Repubblica mi era chiaro sin da ieri, ma ho comunque ritenuto che la questione meritasse qualche ora di riflessione. E non è stata una riflessione serena.

Quello che mi ha messo più in difficoltà in questa scelta è stato il timore di sembrare una che volta le spalle, che spinge gli altri a cambiare le cose ma che poi quando tocca a lei se ne lava le mani. Il mio mestiere è quello di presentare i fatti, far riflettere i cittadini e spronarli anche ad agire in prima persona. Ma quell’agire in prima persona è tanto più efficace quanto più si realizza attraverso le cose che ognuno di noi sa fare al meglio.

Io sono una giornalista, e solo attraverso il mio lavoro – che amo profondamente – provo a cambiare le cose, ad agire in prima persona, appunto.

Twitter sotto attacco hacker: reimpostate 250 mila password

tweetDopo il New York Times e il Washington Post un’altra vittima illustre sarebbe caduta sotto i colpi di hacker cinesi: Twitter. Ne ha dato notizia il social network con un post sul suo blog in cui si spiega come nell’ultima settimana siano state osservate una serie di attività ‘inusuali’  e come sia stato arrestato un attacco in corso.

Secondo il team di sicurezza di Twitter gli hacker (o sarebbe meglio dire cracker) sarebbero riusciti a compromettere ‘soltanto’ 250.000 account in tutto il mondo, entrando in possesso di informazioni limitate riguardo agli utenti: username, email, password criptate (dunque difficili da decifrare).

 A tutti gli utenti colpiti dall’attacco, Twitter ha reimpostato la password e inviato una mail, con mittente ‘@postmaster.twitter.com’ in cui si richiede la scelta di una nuova parola chiave. L’oggetto del messaggio è il seguente: ‘Twitter ha reimpostato la password del tuo account”.  L’email inviata da Twitter prosegue così: “Twitter pensa che il tuo account sia stato compromesso da un sito internet o un servizio non associato a Twitter. Abbiamo reimpostato la tua password per evitare altri tentativi di accesso al tuo account da parte di questi servizi. Dovrai creare una nuova password per il tuo account Twitter. Puoi farlo cliccando su questo link’.

A divulgare la notizia un portavoce del social network, Jim Prosser, il quale ha avvertito che, sebbene almeno uno degli attacchi sia stato bloccato proprio mentre era in corso, i pirati informatici potrebbero comunque essere riusciti ad avere accesso a identità, password, indirizzi e-mail e altri dati relativi agli utenti, 250.000 dei quali come minimo sono pertanto a rischio. A titolo di ‘misura precauzionale’, le password interessate sono state così criptate o direttamente annullate, e messaggi di avvertimento sono in corso di notifica ai diversi interessati. ‘Gli assalitori erano estremamente sofisticati’, ha sottolineato il direttore della sicurezza della società titolare, Bob Lord. ‘Non è stata opera di dilettanti né riteniamo si sia trattato di un incidente isolato’, ha aggiunto. ‘Crediamo anzi che altre compagnie e organizzazioni siano state attaccate in tempi recenti con modalità analoghe’.

Ma l’allarme resta alto anche per i recenti cyber-attacchi contro il New York Times e il Wall Street Journal. Ma a differenza dei due organi di informazione, Twitter non ha fornito alcun dettaglio sull’origine o la metodologia degli attacchi. ‘Questo attacco – è stato spiegato – non è stato il lavoro di dilettanti, e non riteniamo sia un incidente isolato. Gli aggressori sono estremamente sofisticati’. A Twitter non si danno per vinti dunque e spiegano che stavano già lavorando in collaborazione con le autorità Usa proprio per rintracciare gli aggressori.

Non è la prima volta comunque in cui Twitter, che il mese scorso annunciò di aver raggiunto un numero globale di non meno di 200 milioni di utenti attivi dei propri servizi, finisce nel mirino degli hacker: nel 2010 dovette infatti acconsentire con il governo degli Stati Uniti a sottoporsi per dieci anni a sistematiche revisioni dei suoi sistemi di tutela della privacy, proprio per non aver saputo salvaguardare le informazioni personali degli iscritti.

Hacker cinesi attaccano la redazione del New York Times

English: Wen Jiabao at WEF Annual Meeting in D...

English: Wen Jiabao at WEF Annual Meeting in Davos 2009 (Photo credit: Wikipedia)

Un gruppo di hacker, che le autorità americane sospettano essere legati al governo cinese, ha ripetutamente attaccato il New York Times negli ultimi quattro mesi, violandone il sistema informatico e rubando numerose password. Questi attacchi, ha riferito lo stesso quotidiano, hanno avuto inizio nel periodo immediatamente successivo al 25 ottobre, giorno in cui il giornale ha pubblicato un articolo sulle indagini riguardanti il primo ministro Wen Jiabao e la fortuna fatta da alcuni suoi parenti.

Il New York Times ha fatto sapere di essere riuscito a sventare la minaccia e di avere richiesto l’aiuto di esperti informatici per evitare nuovi, futuri, attacchi.

‘Gli hacker cinesi hanno utilizzato dei metodi che i nostri consulenti hanno associato a quelli utilizzati dai militari cinesi, in passato, per penetrare nella rete del Times’, ha riferito il quotidiano citando delle prove raccolte dagli esperti della sicurezza informatica contattati.

Nel settembre 2012, a pochi giorni dall’apertura del XVIII Congresso del PCC, un’inchiesta pubblicata sul New York Times a firma di David Barboza, accusa Wen di aver accumulato un patrimonio immenso e di aver favorito familismi e clientele a spese dello stato negli anni ai vertici del partito e del paese.

All’Unione Europea il premio Nobel per la Pace

Lo avrebbe comunicato l’emittente norvegese NRK sulla base di diverse fonti ‘di fiducia’: all’Unione europea sarà assegnato il Nobel per la pace 2012, che sarà annunciato alle 5 di venerdì mattina EDT , sempre secondo la tv norvegese.

La decisione dei cinque membri del panel, guidato dal Consiglio d’Europa e dal segretario generale Thorbjoern Jagland, è stata unanime. ‘L’Ue ha contribuito all’avanzamento della pace e della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani’ si legge nella motivazione. Barroso: ‘Grande onore per tutti i 500 milioni di cittadini’.

 Lo ha annunciato il comitato norvegese che assegna il premio. L’Ue ‘ha contribuito all’avanzamento della pace e della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani in Europa –  si legge nel comunicato – Oggi una guerra tra Germania e Francia sarebbe impensabile, ciò dimostra che con la reciproca fiducia nemici storici possono diventare partner. La Caduta del Muro ha reso possibile l’ingresso dei Paesi dell’Europa centrale e orientale, così come la riconciliazione nei Balcani e il possibile ingresso della Turchia rappresentano un passo verso la democrazia’.  E ancora: ‘Il più importante risultato dell’Ue è l’impegno per la pace, la riconciliazione e per la democrazia e i diritti umani. Il ruolo di stabilità giocato dall’Unione ha aiutato a trasformare la gran parte d’Europa da un continente di guerra a un continente di pace’.

Il presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulzha detto su Twitter di essere ‘profondamente commosso e onorato’ per l’attribuzione del Nobel per la pace all’Unione europea.

Intanto il Nobel per la Letteratura, il cinese, Mo Yan fa appello per la liberazione ‘il più presto possibile’ del premio Nobel per la pace 2010, il connazionale Liu Xiaobo.

‘Spero che possa riacquistare presto, quanto prima possibile, la sua libertà’, ha detto Mo Yan, insignito ieri del Nobel. Liu Xiaobo, Nobel per la pace nel 2010, è in carcere in Cina dopo una condanna a 11 anni di carcere per ‘sovversione’, per aver scritto un testo in favore dell’instaurazione della democrazia in Cina.

Liu Xiaobo è il primo cinese a ricevere un premio Nobel mentre risiede in Cina, ed è la terza persona a ricevere il riconoscimento per la Pace mentre si trova in prigione, dopo Carl von Ossietzky (1935) e Aung San Suu Kyi (1991)

Su Twitter Unione Europea#nobelaeuropaMo Yan

http://www.nobelprize.org

Olimpiadi di Londra 2012: il meglio di oggi

The DAY 10. Siamo soltanto al decimo giorno di Olimpiadi. Vediamo che succede

Timo BollGermany, sta combattendo per arrivare alle semifinali di Table Tennis, il tennis da tavolo. Il match a squadre si gioca contro la China.

No, non è arrabbiato. Karam Mohamed Gaber Ebrahim, Egypt, egiziano, sta celebrando la vittoria nella Lotta Greco Romana nelle semi finali degli 84kg  contro il polacco Damian Janikowski #Day 10.

E’ l’ora del Basket per i Giochi di squadra alle Olimpiadi 2012. Kevin Seraphin (4) e Ronny Turiaf (14), France,  festeggiano dopo aver vinto 79-73 contro la Nigeria durante i Men’s Basketball Preliminary Round match del #Day 10.

Olympics Day 10 – Synchronised Swimming Nayara Figueira e Lara Teixeira, Brazil, competono nel Women’s Duets Synchronised Swimming Free Routine Preliminary- E’  il  #Day 10 dei London 2012 Olympic Games.

Nuoto SincronizzatoNatalia Ischenko e Svetlana Romashina, Russia. Anche loro competono nel Women’s Duets Synchronised Swimming Free Routine Preliminary nel #Day 10

Ona Ballestero Carbonell e Andrea Fuentes Fache, Spain. Ancora una coppia per il duetto femminile nel Nuoto Sincronizzato. London 2012 Olympic Games, Aquatics Centre.

Ginnastica artisticaElizabeth Tweddle  compete alle parallele asimmetriche, esibendosi in finale

Tiro libero per il francese Boris Diaw  contro la Nigeria durante la partita di andata. Sono le semifinali di Basket al giorno 10 del 2012 Giochi Olimpici di Londra.

https://cookednews.wordpress.com/2012/08/06/london2012-seconda-settimana-di-giochi-20-sport-in-gara-18-le-medaglie-alla-decima-giornata/

London2012: Italia è oro anche nel fioretto maschile

Sesto oro per l’Italia al fioretto maschile. La squadra degli azzurri porta a casa ancora una medaglia, facendo guadagnare la salire alla sesta posizione sul medagliere. Subito dopo Cina, Stati Uniti, Regno Unito, Corea.

La squadra azzurra di fioretto maschile ha vinto la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra2012. Sulla pedana dell’ExCel, nell’ultima gara del programma a cinque cerchi della scherma, Andrea Baldini, Giorgio Avola e Andrea Cassarà (Valerio Aspromonte, impiegato ai quarti, riserva), guidati in panchina dal ct Stefano Cerioni, hanno superato in finale il Giappone per 45-39. Per l’Italscherma si tratta del terzo titolo conquistato, il settimo podio di questa edizione dei Giochi. Per i colori azzurri, invece, è la 14esima medaglia, la sesta d’oro.

Avola e Baldini hanno mantenuto a lungo il doppio la superiorità fino al settimo assalto quando il Giappone è tornato in parità (30-30). Il testa a testa è proseguito fino all’ultimo incontro iniziato sul 40 a 37. Baldini ha compiuto l’ultima fatica portando al trionfo gli azzurri.

La squadra azzurra ha superato negli ottavi la Gran Bretagna in un incontro, molto combattuto ed equilibrato, vinto per 45 a 40. In semifinale contro gli Stati Uniti, il Ct Cerioni ha messo in pedana Giorgio Avola, in sostituzione di Valerio Aspromonte. La gara si è conclusa con un netto 45-24 per gli azzurri.

Per la prima volta nella storia olimpica l’oro del fioretto a squadre è tutto italiano sia nel torneo maschile che femminile.

TUFFI, CAGNOTTO QUARTA

Sogno podio sfumato di pochissimo per Tania Cagnotto. Nella finale trampolino 3 metri, l’azzurra ha chiuso al quarto posto con il punteggio di 362,20, a soltanto venti centesimi di punto dal bronzo, conquistato dalla messicana Laura Sanchez Soto, medaglia di bronzo con 362.40 contro i 362.2o di tania. Medaglia d’oro per la cinese Wu Minxia con 414.00, davanti alla connazionale He Zi, argento con 379.20.

http://www.london2012.com/
http://www.londra2012.coni.it/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/05/alcune-foto-direttamente-dalle-olimpiadi-di-london2012/
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/28/london2012-primo-oro-per-litalia-nel-tiro-con-larco-podio-azzurro-nel-fioretto-al-femminile/

Il New York Times scritto in cinese: online la nuova edizione del quotidiano statunitense

   

Più che domandarsi come faranno i cinesi, viene da chiedersi chi leggerà (negli Stati Uniti, per esempio) la nuova versione online del New York Times. Il quotidiano americano ha annunciato ieri il lancio di un’edizione in cinese del suo sito internet, con la speranza di penetrare ‘la grande muraglia’ informatica messa a punto da Pechino per censurare il Web.

In un comunicato, il grande quotidiano americano ha annunciato il lancio a partire da oggi del suo sito in cinese all’indirizzo http://cn.nytimes.com, e fornire ‘una copertura di qualità di eventi politici, economici e culturali mondiali‘.

A tale scopo, il quotidiano ha reclutato una trentina di traduttori e di giornalisti: il sito, i cui contenuti saranno scelti esclusivamente dal giornale senza alcun ‘accordo’ con le autorità locali, offrirà traduzione di articoli scritti in inglese e pezzi originali redatti da collaboratori cinesi a Pechino, Shanghai e Hong Kong. Il server del sito è stato posto fuori dai confini territoriali della Cina.

Il New York Times è già stato sottoposto a censura dal governo cinese insieme a BBC e altri famosissimi portali d’informazione sono  resi inaccessibili alla popolazione del Sol Levante.

Il blocco è stato scardinato soltanto durante gli ultimi Giochi olimpici, poi si è tornati alla normalità. Che in Cina vuol dire siti chiusi grazie a tecnologie sviluppate attraverso Yahoo!, Microsoft e Google. I grandi colossi della tecnologia applicata al Web hanno subito attacchi da parte del regine cinese, che ha più volte tentato di arginarne le potenzialità rivolgendosi al governo americano.

Sono almeno 54 gli utenti Internet, tra cui giornalisti e attivisti per i diritti umani, che in Cina sono attualmente in carcere soltanto per aver utilizzato la Rete.

http://wikileaks.org/
http://wikileaks.org/wiki/Wikileaks/it

Fan cinese muore esausto guardando Euro 2012, non dormiva da 11 notti

Durante Euro2012, il mondo ha dovuto imparare una dura lezione: il tifo accanito può avere un costo altissimo.

Un fan di nazionalità cinese è morto dopo non aver dormito per 11 notti consecutive: era impegnato a seguire ogni singolo match del Campionato Europeo. Sanxiang Metropolis della provincia di Hunan ha riportato che un uomo è deceduto lo scorso 19 giugno e per proteggere la privacy della famiglia, ha chiamato il fan con lo pseudonimo di Jiang Xiaoshan. Xiaoshan, supporter di Inghilterra e Francia, è tornato a casa dopo aver visto l’incontro di calcio Italia Irlanda, conclusosi con un 2 a 0 e la vittoria degli Azzurri. Ha fatto una doccia ed è andato a dormire intorno alle 5 del mattino. Xiaoshan è morto mentre dormiva.

La casa di Xiaoshan è in Changsha, nel centro sud della Cina, a sei ore da Varsavia, in Polonia e 5 dal match site in Ucraina. Per i fans in Cina, molti degli incontri iniziano fra l’una e le tre del mattino. Dopo essere stati svegli tutta la notte, si arriva finalmente al calcio di inizio ed è possibile guarda il match. Gli amici di Xiaoshan hanno raccontato che era sua intenzione prendere alcuni giorni di pausa prima di tornare a lavoro.

Secondo il  Daily Telegraph, gli effetti combinati di alcohol, tabacco, e la privazione dal sonno hanno causato la morte del giovane tifoso di 26 anni. I suoi amici sono ancora sotto shock e non credono a quanto accaduto, anche perché il ragazzo ha sempre condotto una vita relativamente sana. Fino a due anni fa, Xiaoshan ha giocato per la squadra di calcio dell’Università che frequentava.

La dottoressa Liu Zhiling, del pronto soccorso del locale People’s Hospital, ha detto al Sanxiang Metropolis cheJiang era in buona salute, ma lo stare troppe ore svegli ha reso il suo sistema immunitario più debole, sottoponendolo a stress ogni volta che ha bevuto e fumato durante ogni incontro di calcio, rendendo precaria le sue condizioni. E’ sempre meglio bere acqua piuttosto che birra’ ha aggiunto il medico dell’emergency room del People Hospital di Changsha in Hunan.

I tifosi di calcio cinesi sforzano se stessi a sopportare lunghe ore senza dormire. Molta gente è finita in ospedale in Cina durante i World Cups, i Mondiali del 2006 in Germania e nel 2010 in Sud Africa. Il motivo? Stanchezza cronica.

in foto: Fans react as they watch the quarter-final match England vs Italy on giant screen in Kiev on June 24, 2012 during Euro 2012 football championships.

http://keepingscore.blogs.time.com/2012/06/26/euro-2012-superfan-dies-from-sleep-deprivation/
https://cookednews.wordpress.com/2012/06/25/euro-2012-inizia-la-battaglia-per-un-posto-in-finale/

Create a free website or blog at WordPress.com.