Wed 19th March: Everything is Connected / Climate Revolution! (from Vivienne Westwood’s diary)

#climaterevolution #viviennewestwood #cookednews.

‘The fight against fracking is the most important battle the British people will ever fight! It is the 1st battle in the war against climate change’  (Posted on Tuesday, March 25th, 2014 by Vivienne)

Our Big Day! The Fracked Future Carnival. Climate Revolution and Friends of the Earth, Frack Off London, Ecocide, Fuel Poverty Action, Reclaim the Power, the rest were community groups (Frack free Somerset, Britain & Ireland Frack Free, Resident Action on Fylde Fracking, East Kent Against Fracking, Trillion Fund).

Scheduled for today so we can protest the conference of Conspirators, those business and government officials who are meeting to force fracking through against the public interest and before the public have been warned of the danger.

Officials who have their head in a box and are prepared to destroy the world for profit.

We know they have re-located their conference for fear of us and we know where it is.

We will stick to our original plan: meet at our Battersea studio, march over the bridge to the King’s Rd, join fellow protestors at Knightsbridge tube then move to the original location of the conference, a stone’s throw away at Jumeira Hotel. We will give our speeches outside and then go to the secret location.

Battersea. We were ready. I had given all our workmates the day off. Cindy the youngest member of Climate Revolution had done a great job mustering the troops and organizing our students to make plaquards. Others who joined us were in carnival mood, dressed as zombies and ghouls.

I hadn’t wanted a carnival. It’s a matter of life and death and I didn’t wear my warpaint. We want to attract “ordinary people” and by that we mean people who aren’t normally political. But our activist colleagues were right we needed the Carnival. We were only expecting up to 500 people and that’s how it turned out. It was a week day, also Budget Day. Did the conspirators plan that?- don’t underestimate their fear of the public. John Sauven, head of Greenpeace couldn’t come because he was dealing with press on the budget. And what about students? Simon, a student activist friend should have been organizing but he didn’t even show up: because he’s doing his exams. Come on !

We looked great. There was lots of press. I was asked to lead the procession. I bowed and put my hands together in prayer, as you would before a battle. Then off we were!

People in King’s Rd hailed us in support and Cindy shouted out, keeping us all together because of having to stop for traffic. I talked to some of my friends as we marched along. At the Jumeirah Hotel we met Rhythm of Resistance, a samba band and campaigner Nigel with his demo/disco bus. In front of the hotel was a little square where we gave our speeches and thanked the fighters in the anti-fracking camps. Vanessa Vine From Balcombe is an inspiring speaker and full of powerful information. She’s been fighting fracking for 3 years and is just back from America. The queen of it all was scientist Tisha who was responsible for much of the organization and acted as a master of ceremonies –the prettiest ghoule you ever saw but she stays anonymous so you can’t see a photo of her. Then some of us got on Nigel’s bus and went to the secret location near to Bunyon Fields near Old St.

When we got near I looked out the window and saw another demonstration walking down the main road and they looked really interesting, lots of them, then I read the plaquards and realized it was us, the others had come on the tube. (They had a good time explaining to people what we are about – life and death, yeah!) We met our mole who had been inside the conference so we are informed of the conspirator’s agenda. See their confidential presentation www.talkfracking.org.  The secret location was Armoury House on City Rd.

The samba band was really important – lots of drumming outside the gates. The press asked me,

“How do you feel that the pro-frackers have come here to escape you, protected by the army?”

You sometimes worry that you’re so small against the enormous power of the conspiracy to destroy – press, politics, business, banks – and what perhaps only seems to be the acquiescence of the general public. It is heartening to read those articles of mutual support in the fight, from journalists of the standard press, especially the Guardian and those on the Internet and of course the support of all the NGO’s and sometimes great groups of people. At our demo someone gave out flyers for the Green Party, a great group with whom I entirely agree. They start by condemning austerity. If all the world would put their financial programme into practise we could save the earth and economic collapse.

It’s so important to demonstrate for your beliefs.   We will win because we have to.

 www.talkfracking.org

#againstfrackingClimateRevolutionCookednews

Advertisements

Globe Sun, la bolla gigante che raccoglie energia dal Sole e dalla Luna

Sembra un enorme gigante di vetro. Ma non serve a giocare. E’ un sun-tracking, un generatore di solar energy o energia solare, creato da un architetto, André Broessel nato in Germania e con sede a Barcellona, Rawlemon: secondo i progettisti, è in grado di generare non solo la luce solare, ma anche quella del chiaro di  luna. Di produrre energia naturale sfruttando i massimi pianeti a disposizione.

La sfera è progettata per ruotare e seguire il sole nel cielo. E ‘così sensibile alla luce che di notte, si può anche raccogliere il chiaro di luna e convertirlo in energia elettrica.

Broessel l’architetto e designer tedesco che ha inventato il globo di vetro, sostiene che la sua sfera solare è capace di produrre energia e  in grado di concentrare la luce solare e  il chiaro di luna fino a 10.000 volte.  Inoltre, a quanto pare, il sistema è per il 35 per cento più efficiente rispetto ai modelli fotovoltaici che seguono il sole. Una delle idee di Rawlemon dal nome del sito specifico,  è quella di costruire questi globi nelle pareti esterne di edifici e usarli per generare elettricità.

Il progetto del generatore di energia solare in vetro utilizza la strategia vantaggiosa di attuare una lente a palla dalla specifica struttura  geometrica per migliorare l’efficienza energetica del 35%. In contrasto con le tradizionali controparti del fotovoltaico ‘biassiali’, il congegno è dotato di un dispositivo completamente impermeabile a rotazione naturale e tracciamento ottico, sufficiente per il funzionamento su superfici inclinate e facciate continue, che abilita qualsiasi superficie dell’edificio.

Il nuovo concetto di generazione solare ha funzionalità che concentrano la luce del giorno diffusa o luce della luna per una applicazione più efficace al contesto.

http://www.rawlemon.com/

Alcoa: slitta a novembre la chiusura. Gli operai in protesta ‘Noi da qui non ce ne andiamo’

Slitta al primo novembre la procedura di spegnimento dell’impianto Alcoa di Portovesme. Lo comunica l’azienda al termine dell’incontro al Ministero dello Sviluppo economico, sottolineando in una nota che l’impianto sarà ‘definitivamente chiuso entro il 30 novembre’. Nel comunicato, Alcoa afferma che la fabbrica sarda sarà comunque mantenuta in ‘condizioni tali da poter essere riavviata da un altro operatore per un anno’.

Inoltre, conferma che ‘continuerà a essere disponibile a discutere la vendita della fabbrica’, ma aggiunge che ‘finora non ha ricevuto alcuna manifestazione di interesse percorribile o differente rispetto a quelle considerate durante l’intero processo di vendita’. Nel comunicato si legge anche che ‘è essenziale che il processo di spegnimento sia condotto in modo ordinato e tempestivo’ per ‘mantenere le operazioni sotto controllo e garantire la sicurezza dei dipendenti, della comunità locale e dell’ambiente’. Dopo una giornata di scontri, di tensione e di feriti, c’e’ dunque una schiarita per Alcoa.

Slitterà infatti la procedura di spegnimento dello stabilimento Alcoa di Portovesme, e la fonderia resterà operativa per tutto il mese di novembre, invece che fino al 15 ottobre. Il ministero ha sollecitato i soggetti imprenditoriali che ‘hanno manifestato interesse per l’acquisizione dell’impianto Alcoa di Portovesme ad avviare in tempi brevi le negoziazioni’ con la multinazionale produttrice di alluminio.

Una prima schiarita si era avuta, ieri, qualche ora prima, quando il ministro dello Sviluppo, Corrado Passera, aveva rivelato di ‘non aver mai pensato che Alcoa fosse un caso impossibile. Faremo molta pressione sui due gruppi che hanno manifestato interesse le svizzere GlencoreKlesch, ma lavoriamo in parallelo su tutto quello che può dare sviluppo al Sulcis‘, ha poi aggiunto il ministro, mentre i sindacati in mediazione con il governo, stavano ragionando sul rallentamento di una settimana della procedura di spegnimento dell’impianto Alcoa.

A Roma ieri si è registrata alta tensione durante il corteo degli operai, e almeno un manifestante e 14 agenti sono rimasti feriti. Petardi e fumogeni esplosi, slogan contro il governo, contestazioni pesanti all’esponente del Pd Fassina nonché tentativi di sfondare il cordone delle forze dell’ordine hanno scandito la manifestazione partita da piazza della Repubblica per scongiurare la chiusura dello stabilimento siderurgico. L’operaio ha riportato un trauma al ginocchio: medicato sul posto dai sanitari del 118 ha rifiutato il trasporto in ospedale. Quattordici i feriti registrati tra le forze dell’ordine: tre carabinieri, un uomo della Gdf e 10 poliziotti.

Dopo il corteo tutti i lavoratori, circa 500, hanno svolto un sit-in all’ingresso del ministero dello Sviluppo economico in via Molise. In via di San Basilio, adiacente alla sede del ministero, c’è stato un tentativo di sfondamento da parte degli operai del cordone della polizia. La protesta dei lavoratori è ripresa in serata nelle strade di Roma dopo la comunicazione dell’esito dell’incontro al ministero. ‘Noi da qui non ce ne andiamo’, hanno urlato in direzione del ministero dove le forze dell’ordine in tenuta antisomossa sono tornate a rafforzare la barriera all’ingresso al dicastero.

Intanto a Olbia in centinaia dalla Alcoa stanno occupando un traghetto in segno di protesta. ‘Per ora non scendiamo dalla nave, non ci fermeremo e faremo tutte le azioni necessarie per evitare la chiusura degli impianti di Portovesme’. Con queste parole d’ordine 350 lavoratori dell’Alcoa hanno occupato il traghetto Tirrenia che li trasportava da Civitavecchia ad Olbia.

Gli operai, reduci dalla manifestazione di ieri a Roma, si sono rifiutati di scendere dalla nave e protestano rumorosamente battendo in terra gli elmetti. I rappresentanti sindacali confermano che la protesta odierna degli operai è causata dal risultato negativo del vertice di ieri a Roma, al Ministero dello Sviluppo Economico. Secondo i sindacati, visto il ritmo delle procedure di spegnimento delle celle produttive, da qui al prossimo primo novembre l’impianto di Portovesme per la produzione di alluminio, sarà fermo. Gli operai dicono ‘Pronti a una manifestazione al giorno‘.

https://cookednews.wordpress.com/2012/09/10/alcoa-gli-operai-manifestano-a-roma-atteso-incontro-con-il-ministro-dello-sviluppo/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/27/vertenza-sulcis-prima-notte-di-lotta-e-assemblea-per-gli-operai-del-carbone-dobbiamo-tenere-la-miniera-viva/

Moleskine passa al digitale e diventa Smart Notebook

Evernote e Moleskine insieme. La popolare applicazione per prendere appunti e condividerli su vari dispositivi diventa digitale e capace di interagire con le famose agendine dalla evergreen cover nero pelle.

Si chiama Smart Notebook e attraverso delle speciali formattazioni dalla carta, l’app di Evernote passa a importare le note scritte a mano, analizzarle e indicizzarle nell’applicazione, proprio come abbiamo tutti fatto nero su bianco, con carta e inchiostro. Chi del resto non ha mai avuto o desiderato scrivere o annotare qualcosa di estremamente imperdibile alla memoria, sulla mitica agendina da portare sempre con sé e pubblicizzata fino a ricordare i più grandi dell’arte pittorica e di quella scritta?

Un’idea interessante che potrebbe risentire del prezzo: 25 dollari per una Smart-Moleskine di medio formato e 30 per un blocco grande, che può scoraggiare i nostalgici della penna e calamaio ma permette ancora una volta di sfidare l’immortalità del tempo e quella della ragione, confrontandoci con i più avanzati traguardi tecnologici.

Available for pre-order in:

Europe on Moleskine Store
US on MoleskineUs
Japan on Moleskine Japan
Asia on Moleskine Asia
Australia and New Zealand on Notemaker

http://www.moleskine.com/web/en/

‘From Love to Bingo’, la vita in 873 immagini: dall’archivio Getty Images

Tra famiglia e bambini, business, energia e salute, natura, ufficio, cibo e medicina e le collezioni in primo piano di digital vision, comstock images, photodisc e stockbyte, Entertainment e Royalty-free ad alta risoluzione, Famiglie reali e Sport, foto editoriali, vettoriali, videoclip e licenze per musica stock raccolte nelle macro sezioni immagini, filmati, musica e risorse anche per iPad e iPhoneGetty Images ha un archivio di più di 38 milioni di foto. Quanto basta per raccontare una vita intera.

La Getty Images, Inc. è un’agenzia fotografica con sede a Seattle, negli Stati Uniti. È leader nella fornitura di immagini per il commercio ed i consumatori con un database di 70 milioni di immagini e illustrazioni e più di 50.000 ore di filmati. Si focalizza su 3 settori: creativi professionali, i media (stampa e pubblicazioni in rete) e i dipartimenti di comunicazioni per altre attività imprenditoriali.

Nasce nel 1993 da Mark Getty e Jonathan Klein.

Nel febbraio 2008 è stato annunciato che la società sta per essere acquistata da Hellman & Friedman in una transizione valutata in 2,5 miliardi di dollari.

Nel 2006 Getty acquista iStockphoto, il primo fornitore on-line di fotografie royalty-free.

Circa sei mesi fa, un minuzioso ed estenuante lavoro di ricerca su più di 5 mila fotografie ha prodotto il film di 1 minuto che la AlmapBBDO ha creato per la Getty Images, il più grande database e distributore di immagini e visual contents al mondo. Il film ‘From Love to Bingo’ è una sorprendente raccolta di 873 immagini, 15 al secondo, montate a una velocità tale da trasformare la sequenza in un video capace di raccontare una bellissima storia senza testo. Uno splendido spot per qualcuno, un meraviglioso Ad in snapshots sulla vita, lo ha definito qualcun altro. Tutte le foto, senza alcuna eccezione, provengono dagli archivi Getty Images. Copywriter Sophie Schoenburg e art director Marcos Kotlhar, il film è stato diretto da Cisma, via Paranoid BR, insieme a Marcos Kotlhar,  art director anche in agenzia.

http://www.gettyimages.it/
http://www.gettyimages.com/

Online il nuovo video della Dogo Gang ‘Noi siamo il Club’ feat. Marracash

E’ online da oggi il singolo dei Club DogoNoi Siamo il Club‘ feat Marracash, regia di Calu Montesano.

Pubblicato su DogoTVOfficial, il canale sharing della crew hip hop della Barona, Milano, è l’official del nuovo, omonimo album ‘Noi siamo il club’.

Previsto per il 29 maggio, dopo il posticipo deciso in rispetto delle vittime del terremoto che ha colpito il Nord Italia,  il brano è la title-track del disco della Dogo Gang degli Mc Gue Pequeno, Jake la Furia e del beatmaker Don Joe, in uscita martedì 5 giugno.

Il pezzo ha una featuring di tutto rispetto, Marracash. Il conduttore e speaker di MTV Spit, il ‘King del Rap‘ appare nel video in un elegantissimo smoking, alla guida di un’auto di lusso. Incluso di strofe.

I Club Dogo saranno performer degli MTV Days 2012 a Torino il 29 e 30 giugno.

http://www.clubdogo.org/
http://www.guepequeno.it/
http://it.wikipedia.org/wiki/Club_Dogo 

Blog at WordPress.com.