The prisoners of conscience of Sochi2014

Russian activist Yevgeny Vitishko

The re-arrest today of yet another environmental activist in Russia’s Krasnodar region where the Sochi Winter Olympic Games will open on 7 February, as well as his brief detention along with five colleagues last night, are more evidence of growing efforts to clamp down on civil society ahead of the Games, Amnesty International said.

 Igor Kharchenko of the Russian NGO Environmental Watch for North Caucasus (Ecologicheskaya Vakhta po Severnomu Kavkazu) is currently being held by police in Krasnodar, the regional capital, where they had arrived ahead of the Olympic torch relay. He was arrested today under the pretext that his car had been ‘involved in a crime’, shortly after three masked men had smashed in the front and back windows of the vehicle.

‘Just days away from the official opening of the Sochi Winter Olympics, the Russian authorities are using every trick in the book to muzzle freedom of expression and silence dissenting voices,’ said Sergei Nikitin, Director of Amnesty International’s Moscow Office.

Kharchenko is one of six activists from Environmental Watch who were also detained last night for several hours in Krasnodar before being released. They felt compelled to scrap plans for a Sochi launch of their report exposing environmental damage caused by the construction ahead of the Games.

Their detention came the same day that their fellow environmentalist Yevgeny Vitishko was arrested in the Krasnodar Region city of Tuapse and sentenced to 15 days of administrative detention, purportedly for swearing in public.

‘This spate of harassment of civil society activists bodes ill for the coming weeks, and raises fears that the Sochi Games will be a human rights-free zone. Even more troubling is what will happen to Russian activists after the Olympic medals are handed out and the international attention fades,’ said Sergei Nikitin.

‘Silencing civil society does nothing to increase security around the Sochi Games and instead broadcasts to the world how the Russian authorities are failing spectacularly to uphold and protect international human rights standards.

As the start of the Sochi Winter Olympics comes closer, harassment against civil society activists has intensified, Amnesty International said today after the arrest of an environmentalist for allegedly swearing in public.

Yevgeny Vitishko was arrested today in Tuapse, part of the Sochi area where the Games will take place. He has been reportedly charged with ‘petty hooliganism‘, allegedly for swearing previously at a bus stop. At a court hearing today he was sentenced to 15 days of administrative detention.

‘Vitishko’s name has now become synonymous with harassment of civil society activists in the run-up to Sochi Games. Vitishko and his friends have been trying to expose environmental violations during the preparation of the Sochi Olympics. For this they are being punished. By trying to lock him up as a ‘petty hooligan’ the authorities are trying to gag him,’ said Denis Krivosheev, Europe and Central Asia Deputy Programme Director.

‘The concern is what will happen to civil society after the closure of the Olympics after the international focus moves away.’

Yevgeny Vitishko and his fellow activists have been actively involved in protests regarding the deforestation and illegal construction and fencing in areas of protected forest around Sochi.

In 2012, he received a suspended sentence in connection with an environmental protest. Last December, a court in Tuapse ruled that he should serve three years in prison for violating a curfew associated with the suspended sentence. His appeal hearing was reportedly scheduled for 22 February 2014, but now all information regarding it has been conspicuously removed from the court’s website.

Amnesty International has already raised concern about his unfair trial which resulted in a court decision to send him to prison colony for three years. His arrest comes as he is awaiting his appeal hearing.

Vitishko’s supporters fear that he will be held in custody until the day of his appeal under administrative charges, and then be sent to a prison colony.

Rights groups have accused Russian officials of harassing activists and journalists in the Sochi area, detaining them on trumped-up charges.

The Olympics are projected to cost $51 billion, or more than every other Winter Olympics combined. The high price tag is being blamed on Sochi being extremely ill-suited to host an Olympics and rampant corruption.

On Wednesday, Pussy Riot’s Nadezhda Tolokonnikova and Maria Alekhina were set to make their first public appearance in the United States after being released from a Russian prison (23dec.). They were scheduled to speak at a Brooklyn concert organized by the human rights advocacy group and featuring stars such as Madonna.

Alekhina said she wants Americans to look beyond the grandeur of the projects and buildings of the games.

‘They are foreign objects in Russia,’ she said. ‘The only thing that connects Russia to these objects is taxpayers’ money, which has been stolen and has been used to build these Olympic objects.’

Alekhina called on President Barack Obama to increase pressure on Russia over alleged human rights abuses, and said she and Tolokonnikova are handing over a petition to Putin to help ‘end this bullshit.’

‘Aren’t you sick of it all, Putin?’ Tolokonnikova asked.

International response to prior calls to boycott the games has garnered some largely symbolic gestures. Obama included three openly gay athletes in the official U.S. delegation to the Sochi Winter Olympics in a rebuke of Putin’s anti-gay laws. And Norwegian Health Minister Bent Høie said he is taking his male spouse to the opening ceremony. But twelve peaceful protesters remain incarcerated after police arrested them at the anti-Putin demonstrations in Moscow two years ago, the pair from Pussy Riot said.

Now that the band is an icon for the struggle against human rights abuses in Putin’s Russia, the two women said it will also act for the rights of prisoners in the United States.

Tolokonnikova and Alekhina said they plan to visit prisons and meet with nonprofit organizations to learn about the issue of solitary confinement in the U.S. ‘We’re very interested in the fact of how NGOs (nongovernmental organizations) in the U.S. work and collaborate with penitentiary institutions,’ Alekhina said. ‘One of our main goals is to exchange experience.’

‘Pussy Riot inspired a new generation of activists around the world, Samir Goswami, managing director of the Amnesty International USA program Individuals and Communities at Risk said, adding that their supporters followed in the footsteps of those who helped Amnesty International obtain the release of some 44,000 prisoners since its international inception in 1961.

‘Pussy Riot were street performers,’ he said. At the subway, on the streets, they would call on people to take their rights seriously. ‘There are street performers in the U.S. whom we pass every day, but we don’t realize that they can help elevate human rights to the global conversation.’

‘They found a lot of support from folks in the U.S., especially from Russia’s diaspora community in Brooklyn, who called passionately for their release,’ Goswami said. ‘But they’re also learning about the prison conditions in the U.S. and plan on doing some research here.’

Kremlin Suspends Questioned Reform of Wildlife Reserves. Russian President Vladimir Putin ordered to amend recent environmental legislation that critics said could allow for real estate development in Russia’s protected territories. A law passed in December allows for the downgrading of any of the 102 Russian wildlife reserves to natural parks, where construction is permitted under certain conditions.

The law, which passed quickly through parliament, caused outcry from eco-activists, who said it could be exploited to build commercial real estate in wildlife reserves.

Krasnodar is a city located in the Southern Russia based on the Kuban River situated 80 kilometers away to the North East of the Black sea port. The prevailing political stability and the numerous administrative efforts taken by the regional administration has made the Krasnodar region one of the most favorable investment destinations in Russia.

More than 60 countries have investment cooperation in this region and 773 companies having foreign capital are already part of the regions economy. Majority of the FDI coming in this region is mainly concentrated on food industries, woodworking and fuel.

To finance venues and apartments in the Caucasus Mountains and along Sochi’s coast, state-owned Vnesheconombank, known as VEB, lent $7.4 billion to a who’s who of Russia’s elite. Among the biggest loan recipients are companies controlled byVladimir Potanin, chief executive of OAO GMK Norilsk Nickel, the world’s largest nickel producer. Joining him are Oleg Deripaska, chief executive of United Co. Rusal, the No. 1 aluminum company; Alexey Miller, chief of state-controlled gas provider OAO Gazprom; and German Gref, chief of state-controlled OAO Sberbank, Russia’s largest bank.


http://www.amnesty.org/

#CookedNews

Advertisements

Antagonismo e Attivismo/Attualità/Blogs/calcio/controcultura/Cooked News/Cultura/entertainment/Esteri/fashion/I Post più letti/in Italia/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/Newspapers/notizie e politica/Politica/Rete sociale/Spettacolo/Sport/Web News/world news/Worpress.Com

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

#secretprojectrevolution a 17-minute film directed by Madonna and Steven Klein

#SECRETPROJECTREVOLUTION on #CookedNews

#Secretprojectrevolution is a 17-minute film directed by Madonna and Steven Klein. The film launches Art For Freedom, a global initiative to further freedom of expression, created by Madonna, curated by VICE, and distributed by BitTorrent.

Art For Freedom encourages the world to express their personal meaning of freedom and revolution in the form of video, music, poetry, and photography. Join the revolution by uploading original artwork to ArtForFreedom.com or tagging original posts #artforfreedom.

secretprojectrevolution, plus bonus content including VICE‘s interview with Madonna (http://youtu.be/4U93frWrToI) and a handwritten message from Madonna and Steven Klein, is available to the public for free download exclusively at BitTorrent Bundle.

Join The Revolution here: http://www.ArtForFreedom.com
Download BitTorrent Bundle here: http://bit.ly/1e3TrVH
Subscribe to VICE: http://bit.ly/Subscribe-to-VICE

#CookedNews

Primo giorno di libertà per l’atleta Pistorius

pistorius_oscar640_640‘Grazie a tutti coloro che hanno pregato per entrambe le famiglie, Oscar’. Questo messaggio, postato su Twitter attraverso l’account del fratello Carl, è la prima uscita pubblica di Oscar Pistorius, accusato dell’omicidio della fidanzata, Reeva Steenkamp, uscito di prigione dopo aver pagato una cauzione da un milione di rand, circa 85mila euro. Finora Pistorius non aveva mai parlato in pubblico e anche la sua testimonianza sull’accaduto era stata consegnata in un affidavit ai giudici.

Dopo quella terribile notte di San Valentino, in cui esplose quattro colpi di pistola contro la fidanzata chiusa in bagno, credendo – è la sua versione – che si trattasse di un ladro, Oscar ha trascorso otto giorni in cella e affrontato quattro udienze cariche di tensione. Udienze durante le quali la sua difesa, sfruttando l’imperizia negli accertamenti dell’accusa, è riuscita a smontare le certezze su un omicidio premeditato e a far accettare l’idea che l’imputato non possa fuggire perché si tratta di Pistorius, l’uomo che tutto il mondo ha imparato a conoscere perché in grado di volare sulle piste di atletica nonostante le protesi alle gambe.

Secondo quanto disposto dal giudice, Pistorius non può lasciare il Paese, ha dovuto consegnare il passaporto, dovrà presentarsi due volte a settimana nel commissariato di Brooklyn, a Pretoria, non dovrà assumere alcol né alcun tipo di sostanza proibita. Inoltre, Pistorius non potrà tornare nella villa di Silver Lake, teatro della tragedia, nel lussuosissimo quartiere residenziale di Pretoria.

Ecco perché il giovane ha trascorso la sua prima notte fuori del carcere a casa dello zio Arnold, che per primo affrontò la stampa il giorno dopo la tragedia e che ancora una volta si frappone tra Oscar e i media. ‘Voglio che Oscar si riprenda e trascorra un giorno normale. Cercheremo di non aver nessun contatto con i media, di prendere un giorno di riposo – spiega alla sudafricana Radio 702 -. La famiglia vuole soltanto trascorrere un po’ di tempo insieme’.

Oscar Pistorius tornerà in aula a partire dal 4 giugno, per affrontare il processo in cui, per bene che gli vada, potrà ottenere una condanna per omicidio preterintenzionale. Lo stesso suo team legale ha ammesso che non riuscirà a salvare ‘Blade Runner‘ dalla prigione perché non potrà invocare la legittima difesa. Ma adesso – scrivono i media sudafricani – Oscar vorrebbe incontrare la famiglia della ‘sua’ Reeva. Secondo indiscrezioni della stampa sudafricana, gli Steenkamp hanno ricevuto un biglietto e un mazzo di fiori da parte di Pistorius. ‘Ma che significa?’, si sarebbe chiesta la mamma della modella, June.

Il padre, Barry Steenkamp: ‘Non importa quanti soldi ha o quanto siano bravi i suoi avvocati – dichiara alla stampa sudafricana -, dovrà fare i conti con la sua coscienza se permetterà alla squadra legale di mentire per lui. Se sta dicendo la verità, forse un giorno potrò perdonarlo. Ma se invece non è andata come dice lui, deve soffrire e soffrirà… Solo lui sa…’.

‘Dovrò abituarmi a vivere senza di lei’, aggiunge la madre June, ‘e ora che tutto le è stato portato via in un modo così violento, vogliamo solo sapere la verità’. Particolarmente duro, il giorno dopo, il commento dello zio di Reeva, Mike Steenkamp, sulla reazione del clan Pistorius all’annuncio in aula della rimessa in libertà su cauzione di Oscar: ‘Tutti volevano saltare dalla gioia. Penso che l’abbiano fatto nel contesto sbagliato, completamente’.

Un altro incontro importante attende Pistorius. Secondo una fonte vicina alla sua famiglia, nel fine settimana Oscar potrebbe rivedere il suo allenatore, Ampie Louw, che nei giorni scorsi aveva evidenziato quanto fosse importante per l’atleta riprendere il training, per poter mantenere corpo e mente sgomberi dai pensieri e dunque affrontare al meglio non solo il tempo che lo separa dal processo, ma la sua nuova vita, inevitabilmente diversa dalla favola che lo ha fatto conoscere al mondo.

(fonte laRepubblica)

Maratona di New York cancellata dopo l’uragano Sandy, Bloomberg: ‘Niente ombre’

(Dal Sole 24 ore). La maratona di New York è stata cancellata per la prima volta in oltre quarant’anni. Lo hanno deciso il sindaco di New York Michael Bloomberg e gli organizzatori dell’evento cedendo alle crescenti pressioni dalla città ancora alle prese con le drammatiche conseguenze dell’uragano Sandy. La tempesta tropicale ha investito la costa orientale degli Stati Uniti la notte di lunedì lasciando danni enormi e facendo almeno cento vittime. La maratona si è corsa ogni anno dal 1970, persino nel 2001, a meno di due mesi dagli attentati terroristici dell’11 settembre.

In un primo momento l’evento era stato confermato anche questa volta: al momento dell’annuncio era in corso l’allestimento del traguardo a Central Park. Il sindaco Bloomberg lo considerava come un’occasione di unità e riscatto per la città dopo l’alluvione. Ma con molte zone ancora senza elettricità, compresa mezza isola di Manhattan, e il progressivo peggioramento della situazione sull’isola di Staten Island, gli organizzatori hanno fatto retromarcia.

‘La maratona è stata parte della vita di New York per quarant’anni. Partecipano decine di migliaia di newyorchesi e milioni lo seguono. La corsa non avrebbe sottratto risorse all’emergenza uragano ma la questione era diventata una fonte di controversie e divisioni. La maratona è sempre stata un momento di unità per la città, un’occasione per storie di coraggio e determinazione. Non vogliamo esporre l’evento o i suoi partecipanti alle polemiche e abbiamo deciso di annullarla’.

La manifestazione, che per tradizione tocca tutti e cinque i quartieri di New York e alla quale erano iscritti in 50 mila, si sarebbe corsa sullo sfondo di una città ancora devastata. Un contrasto troppo forte per i presidenti dei quartieri di Manhattan e Staten Island e per molti maratoneti. Alcuni avevano già in programma di disertare la corsa per distribuire cibo e vestiti agli sfollati di Staten Island.

Altri si sarebbero presentati alla partenza, sul ponte di Verrazzano che separa Brooklyn da Staten Island, ma per correre nella direzione opposta al tracciato ed aiutare i volontari nelle zone colpite da Sandy. Non è ancora chiaro se la maratona sia stata cancellata in via definitiva o solo rimandata.

L’annuncio dal sito istituzionale della maratona

‘La città di New York e New York Road Runners annunciano che la ING New York Marathon 2012 è stata annullata. ‘Anche se la maratona non avrebbe distolto risorse dagli sforzi di soccorso, è chiaro che è diventata fonte di controversia e divisione’ afferma Bloomberg. ‘La maratona ha sempre unito la città e ci ha ispirato con storie di coraggio e determinazione. Non vogliamo che siano gettate ombre sull’evento e sui suoi partecipanti e per questo abbiamo deciso di cancellarla’. L’Expo rimarrà aperto sabato dalle  9:00 a.m. alle 5:00 p.m.

http://www.ingnycmarathon.org/

Andrea Bocelli: per il China Daily ‘la sua voce supera le barriere culturali’

‘Supera le barriere culturali con la potenza della sua voce’. Parole del ‘China Daily‘, autorevole quotidiano a diffusione mondiale che dedica ad Andrea Bocelli la prestigiosa pagina ‘People‘. Una conferma che il tenore italiano, già popolarissimo in Americae in altri Paesi occidentali, sfonda ora anche nel mercato asiatico esaltato in un’intervista-ritratto dal quotidiano del Sol Levante.

Non sono soltanto gli oltre 75 milioni di album venduti nel mondo ma anche i riconoscimenti raccolti in giro per il pianeta (come la stella sulla Walk of Fame e da ultimo il premio ai Classic Brit Awards di Londra quale ‘Miglior artista dell’anno’) a colpire l’attenzione del giornale.

‘Considero questi primi 20 anni di carriera come un importante punto di partenza – ha detto nell’intervista – da quest’anno la mia vita ha avuto una svolta importante anche con l’arrivo di mia figlia Virginia‘. Sul rapporto con la Cina: ‘Ho sentito il calore, l’entusiasmo del popolo cinese. La Cina è una fonte di ispirazione per tutto il mondo’.

E in attesa del nuovo lavoro discografico, alle porte ci sono due nuove tournèe internazionali in cui Bocelli si esibirà prima in Gran Bretagna (tra le tappe, il 6 novembre, la O2 Arena di Dublino, già sold out, e a seguire Birmingham, Liverpool e doppia data a Londra) e poi in America (San Jose, Las Vegas, Houston, Dallas, Chicago, Brooklyn).

Basquiat 24 anni dopo: il 12 agosto l’anniversario della morte dell’artista sposato alla street art

(Born: 22 December 1960; Brooklyn, New York City, United States Died: 12 August 1988; Manhattan, New York City, United States)

Il 12 agosto è stato l’anniversario della sua morte. Cooked News riporta come da Wikipaintings, ma in italiano, alcune informazioni su questo straordinario artista.

Nella sua breve vita, Jean-Michel Basquiat è stato un icona pop, figura culturale, artista di graffiti, musicista, e pittore neo-espressionista. La Street art e il neo espressionismo diventano forme d’arte proprio grazie al suo lavoro di artista.

Era un bambino precoce, e all’età di quattro anni poteva leggere e scrivere. Con il tempo, a undici anni, parlava già in inglese, francese e spagnolo in maniera fluente. E quando aveva quindici anni, è scappato di casa, vivendo per meno di una settimana a Washington Square Park, dopo di che è stato arrestato e mandato a casa da suo padre. Ha abbandonato la scuola, dopo di che il padre lo ha cacciato fuori di casa, lasciando il giovane artista a vivere con gli amici, garantendosi un minimo con la vendita di T-shirt e cartoline fatte a mano.

Nel 1970 Basquiat iniziò edifici di verniciatura a Lower Manhattan, con il pseudonimo di SAMO, guadagnandosi notorietà e una certa quantità di fama. E’ apparso in televisione nel 1979 su ‘TV Party‘, e nello stesso anno forma un gruppo rock chiamato ‘Gray’, che si è esibito in tutta New York. Durante questo periodo, è anche apparso nel video musicale ‘Rapture’ di Blondie.

E’ del 1982 la sua prima esibizione durante la quale mette in mostra il suo lavoro: in quel periodo aveva molti amici di alto profilo, tra cui una breve relazione con Madonna, un coinvolgimento breve con il musicista David Bowie, e una lunga collaborazione con l’artista Andy Warhol. Ha lavorato sui suoi dipinti in giacca e cravatta da migliaia di dollari (1.000 quella firmata Armani), in cui appare in pubblico, schizzato di vernice. E ‘apparso anche sulla copertina del New York Times Magazine nel 1986.

Anche se era un artista di successo, Basquiat è diventato dipendente da eroina, e dopo la morte del suo amico Andy Warhol nel 1987, la sua dipendenza si è aggravata. Sempre più isolato, morì di overdose di eroina nel 1988. Postumi molte delle mostre dedicate a lui e alle sue opere, film biografici, libri, raccolte di poesie e film ispirati dal suo lavoro e dalla vita.

Wikipedia article http://en.wikipedia.org/wiki/Jean-Michel_Basquiat
http://cultura.panorama.it/street-art-factory/Arte-Jean-Michel-Basquiat-The-radiand-child

Blog at WordPress.com.