One Billion Rising: 48 hours of global activism!

VDAY2014 #cookednews

As February 14th dawns across the world, ONE BILLION RISING FOR JUSTICE begins 48 hours of global activism designed to focus the world’s attention on the issue of justice for all survivors of gender violence, and ending the rampant impunity that prevails globally. This day of action is part of a two year long activist led campaign highlighting the work of thousands of groups on the ground, deepening the connection of injustices, escalating pressure on government and media through constant activity and invigorating local and national movements through global solidarity and dancing.

For 48 hours as 14 February rolls across the globe, one billion women, men, and youth from 200 countries will peacefully gather outside places where they are entitled to justice – court houses, police stations, government offices, school administration buildings, work places, sites of environmental injustice, military courts, embassies, places of worship, homes, or simply public gathering places where women deserve to feel safe but too often do not – to shine a spotlight on injustice and to demand an end to violence against women and girls.

FOLLOW THE GLOBAL CAMPAIGN

For months, activists planning One Billion Rising for Justice events have used media, social platforms and the Internet to connect to one another and on Friday, they will continue to do so on a global scale like never ensuring their personal visions of justice heard.

Details on following One Billion Rising online and the campaign’s Live Streams:

One Billion Rising Homepage (www.onebillionrising.org) The homepage of OneBillionRising.org has been transformed into a social media and digital activism platform, a one-stop location to follow the global campaign in real-time with updates from grassroots organizers, access to live stream events, links to coverage of the campaign, and statements of support, and of defiance, from across social media.

#rise4justice and #1billionrising Online activists are rising together on Facebook, Twitter, YouTube, Tumblr, Instagram, and Soundcloud, among others. This year, the campaign is using the hashtags #rise4justice and #1billionrising to connect a creative community of supporters and to highlight the thousands of photos, videos, and art, including original songs, videos, poems, and dance, that are being shared at rapid speed.

Around the Clock, from Around the World – Live Stream Schedule

Kicking off with a flash mob outside of the Presidential Place in the Philippines, One Billion Rising will live stream more than two-dozen events from around the world from Lima, Peru to Trafalgar Square in the heart of London.

One Billion Rising for Justice Live Stream Schedule (subject to change)

One Billion Rising for Justice Live Stream Schedule (subject to change)

Philippines

10:30am-12pm PHT / 9:30-11pm EST (2/13) / 2:30-4am GMT (2/14)

India (Ahmadabad, Gujarat)

11:30am – 12:30pm IST / 1-2am EST / 6-7am GMT

Bangladesh Time

TBD

Philippines

3-8pm PHT / 2-7am EST / 7am – 12pm GMT

Congo

12pm CAT / 5am EST / 10am GMT

London

12pm – 1pm GMT / 7am – 8am EST

Cape Town

2:30pm SAST / 7:30am EST / 12:30pm GMT

Hungary

2pm – 3pm CET / 8am – 9am EST / 1-2pm GMT

Italy

2:15pm CET / 8:15am EST / 1:15 GMT

Pakistan

6:30pm PKT / 8:30am EST / 1:30pm GMT

Italy

4pm CET / 10am EST / 3pm GMT

NYC: JustLove

10am – 6pm EST (break 2-3) / 3pm – 11pm GMT (break 7-8)

Atlanta

10am-2pm (break 11:30-12:30) CT / 11am – 3pm (break 12:30-1:30) EST / 4-8pm (break 5:30 – 6:30) GMT

Guatemala

11am – 12pm CST / 12-1pm EST / 5-6pm GMT

Los Angeles (West Hollywood)

10-11am PST / 1-2pm EST / 6-7pm GMT

Santa Fe

12PM MT / 2pm EST / 7pm GMT

Guyana

4pm – 5:30pm GYT / 3-4:30pm EST / 8-9:30 GMT

Los Angeles (Downtown LA)

4-5pm EST / 9-10pm GMT

Miami

5-7pm EST / 10pm – 12am GMT

Peru

6pm PET / 6pm EST / 11pm GMT

San Francisco

4-6pm PT / 7-9pm EST / 12-2am GMT

NYC: RISE NYC

8pm – 11:30pm EST / 1am – 4:30am GMT

Mexico City (2/15/14)

11am CST / 12pm EST / 5pm GMT

Disclaimer: As with any live-streaming event, there are technical considerations that may be beyond our control. V-Day will do its best to make sure that the events listed are streamed in their entirety; however, we cannot make any guarantee of 100 percent uptime.

On this day, 14 February, 2014, V-activists will shine a spotlight on the darkness of injustice and make the connections between their visions of justice and the ultimate goal of eliminating all forms of violence against women and girls by RISING, RELEASING and DANCING in the light.

 

To get involved with V-Day and ONE BILLION RISING FOR JUSTICE:

·SIGN UP at www.onebillionrising.org

·LIKE US on Facebook at Facebook.com/vday

·FOLLOW on Twitter @VDay and #rise4justice

·RECEIVE text message updates, text BILLION to 50555 (US only)

·REGISTER your event on the One Billion Rising For Justice map

·SHARE “What Justice Looks Like” to you, via video, words, song, art, poetry…

·READ blog content from Global Coordinators and activists

·WATCH the new One Billion Rising For Justice short film

·MEET Global Coordinators

For more information, visit http://www.onebillionrising.org.

# # 

About V-Day

V-Day is a global activist movement to end violence against women and girls that raises funds and awareness through benefit productions of Playwright/Founder Eve Ensler’s award winning play ‘The Vagina Monologues’ and other artistic works. The V-Day movement has raised over $100 million; educated millions about the issue of violence against women and the efforts to end it; crafted international educational, media and PSA campaigns; reopened shelters; and funded over 13,000 community-based anti-violence programs and safe houses in Democratic Republic of Congo, Haiti, Kenya, and Iraq. V-Day has received numerous acknowledgements and awards and is, one of the Top-Rated organizations on both Charity Navigator and Guidestar.  V-Day’s most recent global campaign, ONE BILLION RISING, galvanized over one billion women and men on a global day of action towards ending violence against women and girls. www.vday.org

#1BillionRising#CookedNews#Rise4Justice

Advertisements

Sentenza storica, nessun pregiudizio per l’affidamento alle coppie gay

sentenza storica sulle coppie gayUn bambino o una bambina possono crescere bene in una famiglia con genitori dello stesso sesso. La riflessione non arriva da uno psicologo, né da un sociologo e neanche da un rappresentante di una delle associazioni che rappresentano i diritti dei gay, ma dai supremi giudici della Cassazione nelle motivazioni di una sentenza che conferma l’affido a una madre che vive con una donna. Gli ermellini così dicono no ai pregiudizi sull’affidamento di bambini a coppie omosessuali: un minore può crescere in modo equilibrato anche in una famiglia gay.

I magistrati della Corte Suprema hanno confermato l’affidamento esclusivo di un bimbo a una donna, la madre, che vive con un’altra donna, nonostante la richiesta del padre naturale, musulmano. Il tribunale di Brescia aveva già deciso a favore della coppia gay per un atteggiamento violento da parte dell’uomo nei confronti della donna, ex tossicodipendente che ha conosciuto l’attuale compagna in comunità, dove la donna lavora come assistente sociale.

I giudici, secondo il ricorrente, non avevano approfondito se tale tipo di famiglia potesse ‘garantire l’equilibrato sviluppo del bambino’, proprio in relazione ‘ai diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio di cui all’articolo 29 della Costituzione, all’equiparazione dei figli nati fuori dal matrimonio con i figli legittimi di cui all’articolo 30 della Costituzione e al diritto fondamentale del minore di essere educato secondo i principi educativi e religiosi di entrambi i genitori’. Fatto questo, si rilevava nel ricorso, ‘che non poteva prescindere dal contesto religioso e culturale del padre, di religione musulmana’.

 La Cassazione, con la sentenza n.601 hanno bocciato il ricorso, sottolineando che ‘alla base della doglianza del ricorrente non sono poste certezze scientifiche o dati di esperienza’, ma solo ‘il mero pregiudizio che sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale’. In tal modo, osservano i giudici di ‘Palazzaccio’, ‘si dà per scontato ciò che invece è da dimostrare, ossia la dannosità di quel contesto familiare per il bambino’.

Esultano le associazioni omosessuali, che da Arcigay, a Gay Center al Circolo Mario Mieli, parlano di ‘sentenza storica’ e chiedono alla futura maggioranza di legiferare. Soddisfatta anche Equality, anche se “rimane irrisolto, in assenza di una legge, il problema della tutela dei bambini delle famiglie omosessuali, che hanno utilizzato tecniche di fecondazione assistita all’estero’. Per Ignazio Marino, senatore Pd, ‘la Corte ha sancito un principio di civiltà’: ‘la capacità di crescere un figlio non è prerogativa esclusiva della coppia eterosessuale, ma riguarda anche le coppie omosessuali e i single. E’ un dato confermato dalla scienza. L’importante è che l’adozione venga disposta nell’esclusivo interesse del minore’.

Opposta la posizione del capogruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, che vede nel pronunciamento ‘un precedente molto pericoloso’ che ‘di fatto apre ai figli nelle coppie gay, sostituendosi al legislatore giacché nel nostro paese non è possibile dare in affido un bambino a coppie dello stesso orientamento sessuale’. Per Carlo Giovanardi, senatore Pdl, se è ‘difficilmente sindacabile la convinzione della Cassazione che il bambino nel caso specifico debba rimanere con la mamma, totalmente inaccettabile è il vizio dei magistrati di sostituirsi ai legislatori trinciando giudizi temerari’ sulla equilibrata crescita di un bambino. Ma da un altro esponente Pdl, Giancarlo Galan, arriva una valutazione opposta: ‘E’ un passo avanti, lo Stato laico deve ascoltare i cittadini, nessun altro’. Contrario invece Massimo Polledri, esponente cattolico della Lega Nord, secondo il quale la sentenza è ‘un anticipo del governo Bersani’. ‘Non si può costruire una civiltà attraverso le sentenze dei Tribunali’, è la reazione di sconcerto di monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e presidente della Commissione Cei per il Laicato, che invita a considerare ‘i tanti studi fatti finora sulla famiglia’.

Cuccioli di Green Hill cercano casa

I BEAGLE AFFIDABILI A FAMIGLIE DAI PROSSIMI GIORNI

I 2500 beagle dell’allevamento di Green Hill potranno essere affidati dai prossimi giorni. La Procura della Repubblica di Brescia ha dato alle associazioni denuncianti LAV e Legambiente la custodia giudiziaria dei cani che man mano potranno uscire dall’allevamento per la vivisezione. Il Corpo Forestale dello Stato è stato incaricato della redazione dei verbali di affidamento con i microchip dei singoli animali che saranno consegnati.

Da venerdì prossimo via agli affidi presso il Corpo Forestale dello Stato di Brescia. Si tratta dei 2.500 beagles d’allevamento nell’azienda Green Hill di Montichiari, nel Bresciano. Sequestrata la scorsa settimana dal Corpo Forestale dello Stato a causa della  vivisezione praticata nei laboratori su esemplari cuccioli di cani Beagle, Green Hill ha inizialmente potuto tenere gli animali, allevati in condizioni non idonee e che ora sono in cerca di una famiglia: le richieste di affido si potranno inviare on line compilando il modulo sul sito di Legambiente, Lav e delle associazioni che hanno aderito all’operazione ‘Sos Green Hill‘.

 La procedura da seguire per fare richiesta di affidamento è semplice: chi è interessato devono compilare un modulo on line che si trova sull’home page del sito della Lav, di Legambiente o dalle altre associazioni di ‘Sos Green Hill’ che sono: Apnec – Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili, Avcpp – Associazione Volontari Canile Porta Portese, Comitato ‘Montichiari contro Green Hill’, Coordinamento ‘Fermare Green Hill’, Enpa, Lav, Leidaa, Legambiente, Lega Nazionale per la Difesa del Cane, Libertas, Occupy Green Hill, Oipa, Vita da Cani.

Le candidature raccolte da quest’ultime saranno poi inoltrate a Legambiente e Lav, alle quali la Procura della Repubblica di Brescia ha affidato la custodia giudiziaria dei cani e che si occuperanno in un secondo step della selezione delle persone idonee all’affido temporaneo dei cani. Le associazioni ricordano che i beagle verranno dati in affido temporaneo fino a altre disposizioni della Magistratura.

I Beagles di Green Hill in cerca di una casa sono davvero tanti: circa il 50% dei cani sequestrati sono cuccioli dai tre agli otto mesi, ci sono poi cani adulti (al massimo di tre anni) e fattrici, molte delle quali gravide. L’obiettivo di Lav e Legambiente è quello di trovare per ogni beagle, a seconda dell’età, del sesso e delle condizioni dell’animale, la famiglia o le persone più adatte a loro. Al momento viene chiesta anche la possibilità di affidare più cani alla stessa famiglia. E per limitare al massimo lo stress del trasporto viene richiesta la residenza nel centro-nord o comunque di un’area geografica non troppo distante dall’allevamento bresciano. Ciò non esclude da parte dei residenti di altre parti d’Italia di inviare la propria candidatura.

Infine per chi avesse a casa già altri animali, si ricorda che debbono essere vaccinati, sterilizzati e docili con gli altri cani.

Per affrontare l’emergenza – l’Autorità Giudiziaria ha posto sotto sequestro anche il mangime, disponibile per soli 60 giorni – e sostenere il più grande atto giudiziario in tema di diritti degli animali in Italia, le Associazioni hanno intenzione di coinvolgere tutto il mondo animalista e ambientalista e già da oggi riuniranno a Roma il Coordinamento Fermare Green Hill con ‘Vita da cani‘, Occupy Green Hill, il Comitato Montichiari contro Green Hilll e le sigle della Federazione Italiana Diritti Animali e Ambiente (Enpa, Leidaa, Lega nazionale difesa del cane, Oipa).

Sulle homepage e nelle sedi nazionali delle Associazioni e dei Comitati elencati sarà quindi possibile ora e ufficialmente candidarsi ad adottare un beagle liberato da Green Hill: cuccioli, fattrici, cani adulti e i cani che erano già pronti e in partenza per essere oggetto di sperimentazione. L’operazione ribattezzata ‘SOS Green Hill‘ è molto gravosa: la Procura ha dato l’affidamento a titolo gratuito, e costerà alle Associazioni e ai Comitati che conteranno sul sostegno di iscritti, sostenitori e cittadini.

La Procura della Repubblica di Brescia mantiene il sequestro probatorio dell’allevamento e dei cani nella struttura affidato per le responsabilità giuridiche a Comune di Montichiari, Asl, e società Green Hill.

http://www.lav.it/
www.legambiente.it
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/18/green-hill-sottosequestro-lallevamento-di-montichiari-con-2-500-beagles/
https://cookednews.wordpress.com/2012/04/29/blitz-anti-green-hill-in-manette-12-attivisti-hanno-liberato-alcuni-beagle/

Green Hill: sottosequestro l’allevamento di Montichiari con 2.500 beagles

Un’ordine di sequestro preventivo campeggia da questa mattina sui cancelli dell’allevamento Green Hill di Montichiari, più volte contestato da partecipati cortei di animalisti, alcuni dei quali sono anche stati arrestati durante un blitz per la liberazione dei cani beagles. 2.500 quelli allevati a Montichiari, dove Green Hill è stata costretta a chiudere per ‘sequestro probatorio’, destinati alla sperimentazione.

Gli agenti del Corpo forestale dello stato e della Digos della Questura di Brescia hanno posto i sigilli su ordine del pm Ambrogio Cassiani: il reato ipotizzato è di maltrattamento di animali nei confronti di tre persone ai vertici di Green Hill.

Due i problemi che hanno fatto scattare il sequestro. La procura ipotizza che i beagle siano utilizzati non solo a fini scientifici, ma anche per ricerche connesse alla cosmesi e questo non risulta essere in linea con la legislazione italiana. Un’accusa che Green hill respinge con forza, definendola ‘infondata’. Sotto i riflettori della magistratura anche le condizioni in cui sono custoditi i cani. Il beagle è un segugio e necessita di vivere all’aria aperta, non in gabbie come nella struttura di Montechiari. Per capire la destinazione degli animali e le condizioni in cui vivevano sono al lavoro gli agenti della Digos, che hanno già sentito i dipendenti di Green Hill.

Sull’effettivo numero dei cani che si trovano all’interno dell’allevamento ancora qualche dubbio. I beagle restano nell’allevamento e non potranno essere portati fuori, gli stessi rappresentanti della Green Hill sono stati nominati custodi giudiziari insieme al sindaco della cittadina lombarda e all’Asl. D’obbligo la cura e l’alimentazione degli animali.

Il sequestro dell’azienda che fa capo alla danese ‘Great Divide Aps’ è stato accolto con gioia dalle associazioni animaliste, che da mesi seguono la vicenda, battendosi con forza per la chiusura definitiva.

Il 28 aprile davanti i laboratori di Montichiari posti di blocco, tafferugli e resistenza contro le forze dell’ordine da parte dei manifestanti dopo l’ennesimo annuncio di un trasporto di animali all’interno della struttura, portarono all’arresto di alcuni attivisti. Finirono in carcere per un paio di giorni tredici ambientalisti colpevoli di aver fatto irruzione nella Green Hill e liberato alcuni cuccioli.

L’8 maggio scorso nuove proteste in una settantina di città, molte delle quali estere.

Entusiasta anche Brigitte Bardot, convinta animalista: ‘E’ la prima buona notizia dell’anno e sono contenta che arrivi dall’Italia, il mio Paese del cuore. Questo allevamento vergognoso deve chiudere definitivamente i battenti, perché non abbiamo il diritto di abbandonare migliaia di cani all’inferno, povere cavie sacrificate per una scienza senza coscienza’.

Alla soddisfazione degli animalisti che chiedono l’approvazione della legge comunitaria per una ricerca pulita, scientifica ed eticamente accettabile, risponde l’azienda: ‘Siamo sconcertati dal clima di persecuzione a cui stiamo assistendo, arrivato al punto di bloccare un’attività che dà lavoro a decine di dipendenti per cercare di dimostrare la validità di accuse pretestuose respinte nei fatti da innumerevoli ispezioni’.

https://cookednews.wordpress.com/2012/04/29/blitz-anti-green-hill-in-manette-12-attivisti-hanno-liberato-alcuni-beagle/

‘Giusto un giro’ making of: Marracash ed Emis Killa a lavoro sul video

C’è un regista, qualche mini fluo, una voce fuori campo, un paio di berretti al contrario, molti sunglasses e loro, quasi impercettibili. Divi, uno un po’ più dell’altro, Marracash ed Emis Killa sono a lavoro sul nuovo video di ‘Giusto un giro’, online dal prossimo 22 giugno.

Mentre aspettiamo le ore di fool merchandising, ma per conto altri (gioielli, orologi, oro/gold etc etc.) del favoloso Marracash Fabio Rizzo siciliano, in un flagship store di Milano centro, in cui a chi è bravo e compra uno di quei G – Shock Casio da immersione che fa tanto street sarà regalata una maglietta del rapper e il rapper, intanto, presta volto e mani per firmare quella che sarà una valanga di autografi a fan e spudorate groupies,  andiamo a spulciare la Rete e alcuni personal profiles in cerca di materiale buono o quasi da pubblicare.

Lo spitter della Barona, già conosciuto al pubblico per i molteplici dischi, più quello d’oro con l’ultimo ‘King del Rap’, in minitour estivo da quando ha concluso con le rap battles su Mtv Italia, è attualmente a lavoro con le riprese del video di ‘Giusto un giro’ che darà anche il nome al prossimo tour 2012, cominciando da Brescia il 20 ottobre. Per dieci date consecutive, Marracash sarà in concerto insieme a Deleterio ai raddoppi e di Dj Tayone ai piatti. Tra queste ci sarà la tappa all’Orion di Roma il 9 Novembre, mentre il 20 si torna all’Alcatraz di Milano.

 Durante l’estate Marracash terrà cinque concerti del ‘Giusto un giro Tour 2012′: 27 Maggio al Festival Poiseis a Fabriano (AN), l’1 Giugno al Fuori Orario di Reggio Emilia (dibattito + showcase), il 10 Luglio a Udin&Jazz presso il Castello della città, il 29 Luglio a Salerno per il Playsummer 2012 e il 2 Agosto al Parco Gondar di Gallipoli.

Per il figlioccio della periferia a sud di Milano, Emis Killa, già disco d’oro come J-Ax e Fabri Fibra si parla invece di ‘Erba Cattiva’ e ‘Parole di ghiaccio’, album e singolo di cui sono in uscita i nuovi video. Anche Killa è in tour estivo fino al 31 luglio.

E nel frattempo, ecco quello che abbiamo trovato sul Web http://yfrog.com/n4uxgpz. Ricordate A Scanner Darkly – Un oscuro scrutare (2006) di Richard Linklater uno dei capolavori dello scrittore statunitense Philip K. Dick? A Verona, si gira!

Per gradire, un brevissimo assaggio di ‘A Scanner Darkly’

Linklater ripropone la stessa sperimentazione estetica del suo film Waking life (USA, 2001), usata ancor prima nella versione animata de Il Signore degli Anelli (1978) di Ralph Bakshi, girando in normale live action per poi ritoccare con animazione grafica digitale (in un processo conosciuto come Interpolated rotoscoping) per un totale di 18 mesi di post-produzione e quasi un anno di dettagli in acquerello sui fotogrammi stessi.

https://www.facebook.com/Marracash
twitter.com/marracash
https://twitter.com/RealEmisKilla
 

Blog at WordPress.com.