Globe Sun, la bolla gigante che raccoglie energia dal Sole e dalla Luna

Sembra un enorme gigante di vetro. Ma non serve a giocare. E’ un sun-tracking, un generatore di solar energy o energia solare, creato da un architetto, André Broessel nato in Germania e con sede a Barcellona, Rawlemon: secondo i progettisti, è in grado di generare non solo la luce solare, ma anche quella del chiaro di  luna. Di produrre energia naturale sfruttando i massimi pianeti a disposizione.

La sfera è progettata per ruotare e seguire il sole nel cielo. E ‘così sensibile alla luce che di notte, si può anche raccogliere il chiaro di luna e convertirlo in energia elettrica.

Broessel l’architetto e designer tedesco che ha inventato il globo di vetro, sostiene che la sua sfera solare è capace di produrre energia e  in grado di concentrare la luce solare e  il chiaro di luna fino a 10.000 volte.  Inoltre, a quanto pare, il sistema è per il 35 per cento più efficiente rispetto ai modelli fotovoltaici che seguono il sole. Una delle idee di Rawlemon dal nome del sito specifico,  è quella di costruire questi globi nelle pareti esterne di edifici e usarli per generare elettricità.

Il progetto del generatore di energia solare in vetro utilizza la strategia vantaggiosa di attuare una lente a palla dalla specifica struttura  geometrica per migliorare l’efficienza energetica del 35%. In contrasto con le tradizionali controparti del fotovoltaico ‘biassiali’, il congegno è dotato di un dispositivo completamente impermeabile a rotazione naturale e tracciamento ottico, sufficiente per il funzionamento su superfici inclinate e facciate continue, che abilita qualsiasi superficie dell’edificio.

Il nuovo concetto di generazione solare ha funzionalità che concentrano la luce del giorno diffusa o luce della luna per una applicazione più efficace al contesto.

http://www.rawlemon.com/

Advertisements

Tweet delle 16.30, Londra-8: Mamma portami a sparar

Appena twittato e pubblicato sulla Gazzetta di ieri. Mario Salvini, giornalista, è autore di chepalleblog e di questa storia. Il tweet dice: ‘LONDRA-8 #gds Johnny Pellielo, da miniballerino tricolore alla sesta Olimpiade (già 3 medaglie). Per merito di mamma’.

Johnny è un giovane figlio di mamma. Mamma Santina. Parteciperà alle Olimpiadi per la sesta volta da tiratore scelto. Da chi? Verrebbe da chiedersi. Dalla mamma, no? E’ una di quelle storie in cui a giocare un ruolo preponderante sembra essere il caso piuttosto che la fortuna.

Dalla Gazzetta di ieri, dicevamo

di Mario Salvini, dicevamo

Vostra mamma vi avrà accompagnati a ginnastica, a nuoto, forse a judo o a basket. La signora Santina no, il suo Giovanni lo ha portato a ballare. Per un sacco di anni. In balera e ai campionati per miniballerini: polke, valzer, latinoamericani. Poi, un bel giorno del 1987, deve aver deciso che era venuto il momento di fargli provare anche l’altra sua grande passione. Lui aveva 17 anni.

Un po’ tardi, rispetto agli standard dei tiratori. E poi di solito sono i papà a decidere che il piccolo di casa sta diventando adulto. Danno loro il primo fucile, ed è una specie di rito di iniziazione. A casa Pellielo invece ha pensato a tutto lei, mamma Santina. E quel giorno di 25 anni fa è cominciata la leggenda di Johnny Pellielo. Che dopodomani partirà per la sua sesta Olimpiade e che nelle ultime tre è sempre salito sul podio.

‘Lei è il grande amore della mia vita’, sorride Giovanni. E comincia a raccontare. Che ancora oggi lui e la mamma vivono insieme, per esempio. A Vercelli. Del divorzio dal papà: ‘Avvenuto nel 1976, probabilmente uno dei primi dopo che era passato il referendum’. Dei sacrifici che lei ha fatto fin da ragazza, quando era mondina e a 11 anni è stata persino sfondo di Silvana Mangano. Ha fatto la comparsa in Riso Amaro. ‘Ma non credo che il suo nome, Santina Bertolone, sia nei titoli coda’, probabilmente non usava, ai tempi.

Johnny ricorda della balera La Strella, nella omonima località tra Vercelli e Santhià, dove tutta la famiglia andava a divertirsi, ‘ed era una festa, perché mamma aveva 10 tra fratelli e sorelle’. E’ così che lui e sua cugina Donatella hanno cominciato a fare le gare. ‘Siamo stati tre volte campioni d’Italia: di liscio, latinoamericano e standard’. Tutto fino al giorno in cui mamma gli ha messo in mano il fucile. Da lì in poi niente più danze, solo piattelli rotti. ‘In effetti no, nemmeno per divertimento. Il problema – ride Johnny – è che mi manca la ballerina’.

Per capire cos’è scattato quel giorno famoso del 1987, allora, è utile un dato che Pellielo riporta con una certa fierezza. ‘Mamma ha il porto d’armi da 56 anni, dal 1956. E va ancora a caccia, col suo fuoristrada. Di nascosto però, perché becca meno di una volta e non vuol farlo sapere’. Del tutto logico allora che abbia voluto portare il figlio al Campo di Tiro. Lo stesso impianto che nel 2006 la curia di Vercelli ha dato loro in gestione, e adesso la signora Santina ne è presidentessa. Allora invece era solo una prova.

Giovanni andò con mamma, sparò. Si innamorò. Le madri le capiscono certe cose. Così qualche mese dopo, il regalo più simbolico e importante, quello per i 18 anni, fu un fucile. ‘Costava un milione. Mamma era operaia, per pagarlo fece dieci cambiali‘. Con quello Pellielo nel settembre 1988 partecipò alla prima gara. ‘La Rana d’oro, si chiamava. Era al nostro solito campo’. Fece 49 su 50, e poi 25 su 25 in finale. Gli altri restarono sbigottiti.

Un anno dopo Giovannino era ai Grand prix nazionali. Due anni dopo è stato campione d’Italia, campione d’Europa ecampione del Mondo Juniores. Tre anni dopo era all’Olimpiade di Barcellona. La signora Santina non è mai andata a vederlo sparare. Né allora né mai più.

‘Mai. E’ una regola. Non scritta ma tassativa’, conferma Johnny. ‘Mamma mi ha sempre detto che devo cavarmela da solo. Io so che lei c’è, sempre. Ed è quanto basta. Non c’è bisogno che venga a vedermi. Che poi potrebbe anche essere controproducente. Durante una gara, tra une serie e l’altra, o peggio prima di una finale, una parola detta male, un sguardo che non ti convince, se vengono da una persona a cui tieni possono cambiare il tuo stato emotivo. Meglio evitare. E credo che questa sia una delle ragioni della mia longevità in pedana’.

‘Le uniche cose che mi ha sempre detto sono: ‘Dai tutto te stesso. Impegnati’. Nessun altro consiglio o commento. Credo voglia farmi capire che del risultato le importa poco. Quello che conta è se io sono soddisfatto o meno. Così mi aspetta a casa. Magari a preparare la festa, se torno dopo aver vinto. In ogni caso per dirmi che sono stato bravo. Quello me lo dice sempre. Anche quando va male’.

https://cookednews.wordpress.com/2012/06/30/london2012-per-le-olimpiadi-a-lavoro-in-bici-si-dorme-anche-in-ufficio/
https://cookednews.wordpress.com/2012/06/25/la-tour-effeil-va-a-londra-o-quasi/
https://cookednews.wordpress.com/2012/05/27/gli-anarchici-a-londra-2012-minacciano-le-olimpiadi/

‘Il Messico senza Pri’: il movimento YoSoy132 contro il neo eletto presidente Peña Nieto

 ‘Il Messico senza Pri’ contro l’elezione a Presidente di Enrique Peña Nieto. All’indomani dell’elezioni del nuovo presidente del Messico, circa 25.000 manifestanti proveniente dalle Università dello stato dell’America centrale si sono mobilitati nel nome di un unico movimento #YoSoy132, nato lo scorso maggio contro il candidato del Partito rivoluzionario istituzionale, per denunciare brogli elettorali.

Enrique Peña Nieto è considerato un volto nuovo, ma di un partito vecchio già noto al Messico. Il Pri, il partito rivoluzionario istituzionale, torna a governare dopo 12 anni.

‘Il Messico ha votato e Pena non ha vinto!’, hanno gridato nell’elegante quartiere di Polanco, nella zona occidentale della città. La manifestazione era partita da Paseo de la Reforma, la principale arteria della città, luogo abituale delle dimostrazioni di piazza, ma inaspettatamente i giovani hanno deciso di sfilare a Polanco, ‘per quello che rappresenta: è qui che l’oligarchia impone le decisioni al Paese‘.

Il portavoce del movimento studentesco, Miguel Platas, ha annunciato nuove mobilitazioni e assemblee per continuare a sottolineare che le elezioni del 1 luglio hanno offerto l’opportunità di una ‘frode orchestrata dai media e portata avanti il giorno delle elezioni con l’acquisto di voti e la manipolazione dei risultati’.

Enrique Peña Nieto

Avvocato, 45 anni, tesserato del Pri da quando aveva 18 anni, Enrique Peña Nieto è stato governatore dello Stato del Messico dal 2005 al 2011. Il 19 settembre 2011 ha annunciato la sua candidatura alle elezioni presidenziali messicane del 2012, aspirando a succedere a Felipe Calderón, registrando la sua candidatura il 27 novembre 2011.

Durante la campagna elettorale è stato oggetto delle proteste del movimento giovanile Yo Soy 132, che lo ha aspramente criticato per i suoi atteggiamenti autoritari, continuando la protesta tutt’oggi. Eletto il 2 luglio 2012, con circa il 40% dei voti, entrerà in carica il 1° dicembre 2012.

Il Pri, formazione che ha governato il Messico dal 1929 al 2000, ha scommesso tutto su di lui, che da anni curava l’immagine pubblica in vista di quest’appuntamento. La sua promessa elettorale, risolvere i problemi del Messico.

La promessa del nuovo eletto è di ‘Un Messico sano e in pace. Un Messico dove ci sia più equità sociale e con una crescita economica che porti nuovi posti di lavoro e più opportunità per tutti. È questo che voglio per voi’.

Ma per molti messicani, il Pri è associato ad anni dipotere autoritario e corrotto. Per il movimento di studenti YoSoy132 (jesuis132) in particolare Peña Nieto è un puro prodotto mediatico, costruito e imposto dalla televisione Televisa.  E gli studenti non sono i soli a dipingere un Paese allo sfascio. José Reveles, giornalista: ‘Il Messico vive una tragedia umana. Viviamo un’escalation di violenza, morti, sequestri, estorsioni. Parliamo di più di 70 mila morti in un anno’.

Enrique Peña Nieto, vedovo, si è risposato nel 2010 con Angelica Rivera, attrice di telenovelas incontrata in campagna elettorale durante la registrazione di alcuni spot elettorali.

Il rapporto tra Peña Nieto e Televisa è stato il principale motivo di contestazione del movimento YoSoy132 contro il ritorno al potere del Pri.

YoSoy132, il movimento studentesco contro l’informazione manipolata

Queste manifestazioni, messe in atto dal recente movimento studentesco YoSoy132, stanno diventando una presenza costante nei telegiornali della sera messicani. In un Paese con ben pochi precedenti di pubblica espressione di malcontento nei confronti dei colossi mediatici, migliaia di giovani che protestano contro lo strapotere dei media e la manipolazione dell’informazione hanno attirato l’attenzione di molti.

Tutto è iniziato l’11 maggio, quando il candidato alla presidenza Enrique Peña Nieto ha incontrato gli studenti e i docenti dell’Università Iberoamericana a Città del Messico. Durante la visita, Peña Nieto ha subito per ore gli insulti umilianti di quello che sembrava un corteo studentesco spontaneo. Secondo i video, le foto, e i resoconti dell’evento, le urla sono iniziate dopo che uno spavaldo ragazzo coi capelli gonfi si è alzato tenendo in mano un cartello su cui c’era scritto solo ‘TE ODIO’.

Dopodiché, le urla e i cori si sono fatti più forti. Peña Nieto cercava una via di fuga, ma all’esterno c’erano altri contestatori ad attenderlo. Il candidato, look da divo e moglie attrice di soap opera, è stato inseguito tra corridoi e cortili dell’università dagli studenti che urlavano ‘assassino’ e ‘codardo’ riferendosi alla cattiva gestione dell’incidente con i campesinos, verificatosi a San Salvador Atenco nel 2006, quando era Presidente.

Le manifestazioni #YoSoy132 sono partite da Città del Messico. Decine di migliaia di persone hanno percorso le vie del centro e si sono raccolte sotto la Colonna dell’indipendenza per dimostrare la loro contrarietà al PRI. Il partito è stato alla guida del Paese per la maggior parte del Ventesimo secolo e fino al 2000, usando strategie che possono essere riassunte in “potere-a-tutti-i-costi”. Il suo nome è associato alla compravendita del voto, frodi, collusioni con i trafficanti di droga, censure, intimidazioni, elezioni truccate e, spesso, a violente repressioni dei dissidenti—dall’omicidio di esponenti di spicco del partito come Luis Donaldo Colosio nel 1994 ai massacri degli studenti nel 1968 e nel 1971. Peña Nieto sostiene che con lui il partito sia cambiato, e che la campagna elettorale non dovrebbe pagare il prezzo degli ‘errori’ del passato.

Le manifestazioni YoSoy132 si sono tenute anche a Monterrey, Guadalajara, Tijuana, Durango, Zacatecas, Tlaxcala, Aguascalientes, Veracruz e molte altre città messicane. Altre manifestazioni a sostegno del movimento sono state organizzate dalle comunità messicane a Chicago, Barcellona, Madrid, San Francisco e di fronte alla Casa Bianca. Gli studenti di più di 35 università e college sparsi per il Messico si sono uniti al movimento, ed è in atto la formazione di una coalizione orizzontale di atenei (privati e pubblici) la cui forza ha un precedente soltanto nelle proteste della fine degli anni Sessanta.

In Messico, il duopolio televisivo è gestito da TeleVisa e TeleAzteca.

 http://yosoy132.mx/
http://www.yosoy132.org/
https://www.facebook.com/yosoy132
https://twitter.com/#!/YoSoy132 

Blog at WordPress.com.