Denver: dal giudice James Holmes, il pazzo che ha sparato sulla folla alla prima di Batman

 James Holmes, autore della strage del cinema di Aurora, poco distante da Denver, rischia la pena di morte dopo uno dei più sanguinosi omicidi di massa nella storia degli Stati Uniti. Il 24enne, che ha ucciso 12 persone e ne ha ferite altre 58 sparando sulla folla alla prima del film ‘The Dark Knight Rises‘, ultimo capitolo della saga di Batman, è apparso oggi davanti al tribunale di Centennial, in Colorado, dove ci si attende che i procuratori chiedano per lui il massimo della pena, anche se gli esperti fanno notare che nello stato non sono state più eseguite condanne a morte dal 1976. L’udienza è durata solo pochi minuti e nei prossimi giorni verranno resi noti i capi di imputazione nei suoi confronti. Holmes è comparso in aula con i capelli arancioni e la tuta da carcerato.

Secondo la polizia non ci sono dubbi che sia Holmes l’autore della strage, che ha riportato al centro del dibattito le permissive leggi sul possesso delle armi negli Usa, visto che il giovane aveva regolarmente acquistato le armi e si era rifornito di munizioni comprandole su Internet.

In solo otto settimane aveva acquistato 3.000 pallottole per il fucile semiautomatico AR-15, altre 3.000 per le sue due Glock calibro 22 e 300 per il fucile a pompa. Ieri il presidente Barack Obama ha visitato Aurora, che si trova solo a una trentina di chilometri dal liceo di Columbine, teatro di una strage simile nel 1999 quando due studenti uccisero 13 persone prima di suicidarsi. Obama e il suo prossimo avversario per la corsa alla Casa Bianca, Mitt Romney, sono stati sollecitati dal sindaco di New York, Michael Bloomberg, a prendere degli impegni per limitare la circolazione di armi nel paese.

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/20/dark-knight-rises-e-record-di-incassi-la-sparatoria-di-denver-non-delude-il-botteghino/

 

Il killer di Denver ha un nome e un volto: James Holmes, 24 anni, è un ex studente di medicina

Ventiquattro anni, ex studente di medicina, ha un nome il killer di Denver, in Colorado negli Stati Uniti. Volto mascherato da Bane, il cattivo di Batman, James Holmes ha sparato contro la folla di spettatori, uccidendone 14, accertate 12, e ferendone una cinquantina, alla premier di The Dark Knight Rises al Century 16 Movie Theaters dell’Aurora Town Center, un centro commerciale di un sobborgo di Denver.

James Holmes per molti è sempre stato un ragazzo come gli altri. ‘Una persona normale, non so cosa gli sia accaduto’ ha detto Tom Mai, uno dei vicini della famiglia di James, il ragazzo fermato come autore della strage di Denver. L’intera famiglia – riferisce Tom Mai secondo la stampa americana – frequenta la chiesa presbiteriana.

Holmes è descritto dalle autorità una persona senza una vita sociale sui network. Ha frequentato il liceo a San Diego e al College in Colorado. La madre, Arlene Holmes, vive a San Diego e la polizia le starebbe offrendo una sicurezza rafforzata.

Agli agenti, James Holmes ha riferito di avere in casa grossi quantitativi di esplosivo. Negli ultimi 60 giorni aveva acquistato  quattro pistole in un’armeria locale e, attraverso Internet, più di 6mila munizioni.

Secondo quanto riferito dalla polizia, Holmes aveva collegato allo stereo del suo appartamento un timer, programmato per far partire musica techno a tutto volume fino a tarda notte. ‘L’idea -ha spiegato una fonte – era di indurre i vicini a lamentarsi e telefonare per il fastidio notturno e, quando fossero arrivati gli agenti, gli ordigni sarebbero esplosi’. L’appartamento si trova al terzo piano di un edificio in mattoni rossi, a circa 6 chilometri dalla multisala dove è avvenuta la strage.

La polizia sta indagando anche su un profilo su un sito web per adulti, ‘Adult FriendFinder‘.

Lunedì, l’ex studente di medicina sarà davanti al giudice.

Aurora e Denver hanno salutato con una veglia le vittime del Century 16 Movie Theaters.

Batman première: in 14 muoiono a Denver, dove un pazzo spara sulla folla
https://cookednews.wordpress.com/2012/07/20/dark-knight-rises-e-record-di-incassi-la-sparatoria-di-denver-non-delude-il-botteghino/

Create a free website or blog at WordPress.com.