The Day We Fight Back Against Mass Surveillance

thedaywefightback.org

TODAY, FEBRUARY 11TH, 2014 IS THE DAY WE FIGHT BACK AGAINST MASS SURVEILLANCE

The NSA ‘has secretly broken into the main communications links that connect Yahoo and Google data centers around the world.’ (The New York Times)

The NSA is collecting the content and metadata of emails, web activity, chats, social networks, and everything else as part of what it calls ‘upstream’ collection. (The Washington Post)

The NSA collected ‘almost 3 billion pieces of intelligence from US computer networks’ in one month in 2013. (The Guardian)

Governments worldwide need to know that mass surveillance, like that conducted by the NSA, is always a violation of our inalienable human rights.

Over the past year, more than 360 organizations in over 70 countries have come together to support the International Principles on the Application of Human Rights to Communications Surveillance.

These thirteen Principles establish the human rights obligations of any government conducting surveillance. They are the core of an international movement to compel all states to stop the mass spying of the innocent. The Principles are already being used in national campaigns and international pressure to reign in spies including the NSA.

On Anniversary of Aaron Swartz’s Tragic Passing, Leading Internet Groups and Online Platforms Announce Day of Activism Against NSA Surveillance

Mobilization, dubbed “The Day We Fight Back” to Honor Swartz & Celebrate Anniversary of SOPA Blackout

A broad coalition of activist groups, companies, and online platforms will hold a worldwide day of activism in opposition to the NSA’s mass spying regime on February 11th. Dubbed ‘The Day We Fight Back‘, the day of activism was announced on the eve of the anniversary of the tragic passing of activist and technologist Aaron Swartz. The protest is both in his honor and in celebration of the victory over the Stop Online Piracy Act two years ago this month, which he helped spur.

Participants including Access, Demand Progress, the Electronic Frontier Foundation, Fight for the Future, Free Press, BoingBoing, Reddit, Mozilla, ThoughtWorks, and more to come, will join potentially millions of Internet users to pressure lawmakers to end mass surveillance — of both Americans and the citizens of the whole world.

On January 11, 2013, Aaron Swartz took his own life. Aaron had a brilliant, inquisitive mind that he employed towards the ends of technology, writing, research, art, and so much more. Near the end of his life, his focus was political activism, in support of civil liberties, democracy, and economic justice.

Aaron sparked and helped guide the movement that would eventually defeat the Stop Online Piracy Act in January 2012. That bill would have destroyed the Internet as we know it, by blocking access to sites that allowed for user-generated content — the very thing that makes the Internet so dynamic.

David Segal, executive director of Demand Progress, which he co-founded with Swartz, said: ‘Today the greatest threat to a free Internet, and broader free society, is the National Security Agency’s mass spying regime. If Aaron were alive he’d be on the front lines, fighting back against these practices that undermine our ability to engage with each other as genuinely free human beings.’ According to Roy Singham, Chairman of the global technology company ThoughtWorks, where Aaron was working up until the time of his passing:

‘Aaron showed us that being a technologist in the 21st century means taking action to prevent technology from being turned against the public interest. The time is now for the global tribe of technologists to rise up together and defeat mass surveillance.’

According to Josh Levy of Free Press:

‘Since the first revelations last summer, hundreds of thousands of Internet users have come together online and offline to protest the NSA’s unconstitutional surveillance programs. These programs attack our basic rights to connect and communicate in private, and strike at the foundations of democracy itself. Only a broad movement of activists, organizations and companies can convince Washington to restore these rights.’

Brett Solomon, Executive Director, Access, added:

‘Aaron thought in systems. He knew that a free and open internet is a critical prerequisite to preserving our free and open societies. His spirit lives in our belief that where there are threats to this freedom, we will rise to overcome them. On February 11th, we’ll rise against mass surveillance.’

On the day of action, the coalition and the activists it represents make calls and drive emails to lawmakers. Owners of websites will install banners to encourage their visitors to fight back against surveillance, and employees of technology companies will demand that their organizations do the same. Internet users are being asked to develop memes and change their social media avatars to reflect their demands.

Websites and Internet users who want to talk part can visit TheDayWeFightBack.org to sign up for email updates and to register websites to participate. Regular updates will be posted to the site between now and the February 11th day of action.

WHO: Access, Demand Progress, Electronic Frontier Foundation, Fight for the Future, Free Press, The Other 98%, BoingBoing, Mozilla, Reddit, ThoughtWorks — and many more to come

WHAT: Day of Action in Opposition to Mass Spying, Honoring Aaron Swartz and SOPA Blackout Anniversary

WHEN: February 11, 2014

HOW INTERNET USERS CAN HELP:

  1. Visit TheDayWeFightBack.org
  2. Sign up to indicate that you’ll participate and receive updates.
  3. Sign up to install widgets on websites encouraging its visitors to fight back against surveillance. (These are being finalized in coming days.)
  4. Use the social media tools on the site to announce your participation.
  5. Develop memes, tools, websites, and do whatever else you can to participate — and encourage others to do the same.

    TAKE ACTION NOW, #CookedNews,#stopspying, #stopspying

    https://thedaywefightback.org/

Advertisements

AMAZING news/Antagonismo e Attivismo/Arte/Blogs/controcultura/Cooked News/Free Software/I Post più letti/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/New Media/Newspapers/Politica/Rete sociale/Web News/world news/Worpress.Com

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

JAY Z ‘Picasso Baby: A Performance Art Film’

JAY Z Picasso Baby Life+Time on CookedNews

‘Picasso Baby’ is a song by American hip hop artist Jay-Z from his twelfth studio album Magna Carta… Holy Grail. It is the second track on the album and features additional vocals by The-Dream and Zofia Borucka Moreno. The song was produced by Timbaland and Jerome “J-Roc” Harmon and contains a sample of “Sirens” by Adrian Younge. Following the release of the album, the song peaked at number 91 on the Billboard Hot 100 based on downloads only.

‘Picasso Baby’ has a lot of references to popular artists such as Pablo PicassoMark RothkoJeff KoonsFrancis BaconJean-Michel Basquiat, and Andy Warhol, as well as world-famous painting Mona Lisa.

The music video for the song, titled ‘Picasso Baby: A Performance Art Film‘ was shot on July 10, 2013, at the Pace Gallery in New York City. The video, directed by Mark Romanek, was inspired by the work of performance artist Marina Abramović and in particular by her 2010 installation ‘The Artist Is Present’. The shoot was attended by director Judd Apatow, rapper Wale and artistLaurie Simmons, among many other ‘important figures from the gallery and sales side of fine art.’ On August 2, 2013, the music video premiered on HBO at 11 p.m. EST.

Picasso Baby: A Performance Art Film was nominated for Best Music Video at the 56th Annual Grammy AwardsRolling Stone ranked ‘Picasso Baby’ at number 19, on their list of the 100 Best Songs of 2013, calling it “the standout track from Jay Z’s lackluster ‘Magna Carta… Holy Grail’.

JAY Z ‘Picasso Baby: A Performance Art Film.’ Directed by Mark Romanek

and NOW?

Facebook ► http://facebook.com/OfficialLifeandTimes
Twitter ► http://twitter.com/LifeandTimes
Google+ ► http://plus.google.com/+LifeandTimes
Instagram ► http://instagram.com/LifeandTimesOffi…
Tumblr ► http://jayzslifeandtimes.tumblr.com

Life+Times ► http://LifeandTimes.com

#CookedNews

Nuovo spot 2014: The World of Red Bull, freestyle roba da Red Bull

danny-macaskill

Watch a preview of the newamazing spot by Red Bull for 2014, which has as protagonists the athletes of his team, featuring Danny MacAskill, Blake Griffin, Sebastian Vettel, Ryan Sheckler


For more biking, check out http://win.gs/1graAL1

‘Way Back Home’ is the incredible new riding clip from Danny MacAskill, it follows him on a journey from Edinburgh back to his hometown Dunvegan, in the Isle of Skye.

You can read about it and watch the interviews with Danny athttp://www.redbull.co.uk/waybackhome

The music is Loch Lomond ‘Wax and Wire’ and The Jezabels ‘A Little Piece’.
http://www.myspace.com/lochlomondmusic |http://www.thejezabels.com

The World of Red Bull: nuovo spot 2014

#TIMETTELEALI http://www.redbull.com/it/it
http://givesyouwings.redbull.com/it-it/video
http://givesyouwings.redbull.com/it-it/stories

http://www.redbull.com/it/it/stories/1331627777487/video-spot-world-of-red-bull-2014-commercial

#CookedNews

Morto Trovajoli, l’autore di ‘Roma nun fa la stupida stasera’

Armando TrovajoliArmando Trovajoli, pianista, compositore e direttore d’orchestra, è scomparso a Roma all’età di 95 anni. La morte risale a qualche giorno fa, ma solo oggi ne ha dato notizia la moglie Maria Paola, rispettando in questo modo le ultime volontà del marito che sarà cremato. Il nome del maestro Trovajoli è indissolubilmente legato a un brano celebre come ‘Roma nun fa la stupida stasera’, ma l’artista è stato anche l’autore di colonne sonore di oltre trecento film.

Nato a Roma il 2 settembre 1917, ha lavorato fino alla fine nonostante l’età avanzata: negli ultimi giorni era alle prese con la trasposizione per il teatro della Tosca di Gigi Magni. Trovajoli inizia a suonare a sei anni il pianoforte. Dopo il diploma è attratto dal jazz. Nella sua lunghissima carriera ha suonato con grandi jazzisti di fama mondiale, come Duke Ellington, Louis Armstrong, Miles Davis, Chet Baker, Stephan Grappelli e Django Reinhardt.

Oltre al jazz si è molto speso per il cinema firmando importanti colonne sonore come quelle di ‘Riso amaro‘, ‘Un giorno in pretura‘, ‘La ciociara‘, ‘C’eravamo tanto amati’ e ‘Profumo di donna‘. Notevole anche l’impegno nella commedia musicale, in particolare in collaborazione con Garinei e Giovannini. In questo campo si ricorda soprattutto la composizione musicale di ‘Aggiungi un posto a tavola‘.

Trovajoli, uomo schivo e lontano dai riflettori aveva iniziato la carriera diplomandosi al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma. Nel 2007 aveva ricevuto il David di Donatello alla carriera, il più importante riconoscimento del nostro cinema.

Lo ricordano in tanti Trovajoli per quel genio musicale e quel riserbo che era il suo stile di vita. Johnny Dorelli all’Ansa lo ricorda ai tempi di ‘Aggiungi un posto a tavola’ ‘abbiamo vissuto cinque-sei anni da fine del mondo. Nello stesso ruolo ha guidato poi anche mio figlio. Ma sono tante le cose fatte insieme’. Leggendarie le sue sfuriate: ‘Professionalmente era il massimo, ma lavorare con lui in buca che ti ascoltava non era mica facile. Una volta, spingendo un carrello in una scena di ‘Aggiungi un posto a tavola, persi un paio di note e lui saltò su: ‘Johnny m’hai rotto il…!’

Sangue nella movida romana: un ragazzo di 23 anni muore accoltellato

carabinieriUn ragazzo romano di 23 anni, Alessandro Labozzetta, è morto la scorsa notte dopo essere stato accoltellato da un coetaneo, probabilmente un amico, al culmine di una lite. I carabinieri della compagnia Eur hanno fermato prima il ragazzo, poi la sua fidanzata. La lite è scoppiata all’interno della discoteca L’Ametista in via Libetta, quartiere Ostiense, nella zona della movida romana. Le indagini proseguono veloci: prima un coetaneo della vittima è stato fermato e interrogato, in caserma anche la fidanzata. I carabinieri hanno interrogato amici e testimoni. Acquisite le immagini delle telecamere di sorveglianza.

Secondo una prima ricostruzione, i due ragazzi sono stati buttati fuori dal personale della discoteca dove hanno proseguito a picchiarsi  in prossimità di un parcheggio. Le cose sono velocemente degenerate: Alessandro Labozzetta, che aveva dei piccoli precedenti penali, originario di Ciampino, è stato colpito da due coltellate all’addome. E’ stato trasportato all’ospedale San Camillo, ma è morto poco dopo.

L’omicidio ‘rappresenta l’ennesimo segnale inquietante di una città ormai Capitale dell’insicurezza’ afferma il segretario del Pd Roma, Marco Miccoli. Si tratta dell”ennesima scusa per il segretario del Pd Marco Miccoli di fare campagna elettorale su un tragico evento’ ha ribattuto il delegato alla sicurezza di Roma Capitale, Giorgio Ciardi.

Mtv Hip Hop Awards, ‘Best Artist’ a Marracash, J-Ax ‘Rap Icon Award’

marracash-mtv hip hop awards 2012Marracash, Emis Killa, Ensi, J-Ax, Club Dogo, Mondo Marcio, Fedez, Salmo. Ecco gli artisti premiati ai primi Mtv Awards dedicati al rap e all’hip hop italiano la cui cerimonia di consegna si è svolta ieri nel corso dell’evento live su Mtv.

Per la categoria ‘Best Artist’, il successo è andato a Marracash, che si conferma il re del rap superando l’agguerrita concorrenza di Club Dogo, Emis Killa, Fabri Fibra e J-Ax. Emis Killa, conquista invece il premio nella categoria Best New Artist. Nella categoria ‘Best Album’ trionfo per i Club Dogo con il loro ultimo lavoro ‘Noi Siamo Il Club’. Il vincitore di Mtv Spit, Ensi sbaraglia gli altri candidati al premio ‘Best Freestyle’.

Il progetto Rap per l’Emilia realizzato da Emis Killa, Club Dogo, J-Ax e Marracash ha vinto il premio nella categoria ‘Best Collaboration’ con il brano ‘Se il mondo fosse’. Il video ‘Senza cuore’ di Mondo Marcio si è affermato nella categoria ‘Best Video’, mentre ‘Salmo’ ha conquistato la categoria ‘Best Crossover’. ‘Faccio Brutto’ di Fedez è stato premiato come Best Song.

A J-Ax, trionfatore nella categoria ‘Best Live’, è stato assegnato anche il ‘Rap Icon Award’, il premio che riconosce all’artista milanese il grande successo della sua lunga carriera, dal debutto con gli Articolo 31, ai progetti da solista e alle numerose collaborazioni con altri grandi nomi della scena musicale italiana.

Fabri Fibra – ‘Casus Belli’ in uscita il prossimo 30 ottobre

Fabri Fibra  – ‘Casus Belli‘ in uscita il prossimo 30 ottobre in free download direttamente dalla Tempi duri records, l’etichetta indipendente del rapper italiano proveniente da Senigallia, ma da tempo insediatosi a Milano.

Casus Belli è una produzione indipendente e precede il prossimo album di Fabri Fibra, ‘Guerra e Pace’, annunciato insieme alla Universal, la major con la quale questa estate ha rinnovato il contratto, per gennaio 2013.

Il lavoro di Casus Belli continua quello di pubblicazione con il duo di dj Crookers, con i quali il rapper ha collaborato dando voce alla hit ‘L’Italiano Balla‘, il cui ricavato è devoluto interamente alla ricostruzione di alcuni istituti scolastici post terremoto in Emilia Romagna

‘L’Italiano Balla – Male’ ha scatenato una competizione tradotta in video di grande successo e partecipazione, inducendo a creare una piattaforma a cui poter inviare i propri singoli in concomitanza con Radio Dj, prima in assoluto a fare ascoltare il single made Tempi Duri records e conclusasi il 10 settembre scorso con la Rap Race, la prima corsa ippica dal mondo del rap italiano a San Siro.

Medeline, Deleterio, Luckybeard, Mustafive, D-Ross, C 65, Cashe N. Cashe, Fyre Dept. sono soltanto alcune delle produzioni di Casus Belli Ep., 12 inediti compresi di Intro e qualche featuring che abbiamo avuto modo di conoscere nella gabbia di Mtv Spit ( mi riferisco a Nitro e alla traccia n.9 ‘Felice per me’ insieme a Nitro) e la cui pubblicazione è stata annunciata da Fibra a inizio settembre attraverso Twitter.

”Casus belli’ è il prequel, il motivo della guerra, ‘Guerra e pace’ è lo svolgimento, la narrazione della storia – aveva detto’.

Buon ascolto dal 30 ottobre

Su Twitter: #casusbelli

http://www.tempidurirecords.it/

Walter Kershaw: il primo street artist che la Gran Bretagna abbia mai avuto

(Pansies by Walter Kershaw)

SI chiama Walter Kershaw, praticamente sconosciuto. Si conoscono invece i suoi graffiti e i suoi lavori di street art, e non solo perché sono belli ma perché hanno, in maniera epocale, preceduto il ben noto invece Bunksy. Proprio come l’artista di strada che ha fatto dell’asfalto il suo album da disegno, la tela su cui dipingere, Kershaw negli anni ’70 ha scelto i muri delle case per spiegare al mondo attraverso l’arte che il bello sta anche in ciò che l’uomo è capace di abbrutire con cemento e mattoni.

La sua ‘house tattoos’, letteralmente ‘casa di tatuaggi’ ha portato un’esplosione di colore sulle strade del nord nel 1970. Ed è stato premiato con tè e butties, i biscotti al burro.

Kershaw ha studiato arte a Durham e, mentre si potrebbe pensare che la sua stella intanto si sia oscurata, si può dire che era una presenza abbastanza regolare in tv e in radio negli anni ’70 e ’80: è stato intervistato da Russell Harty, Sue MacGregor e Janet Street-Porter. Ha avuto murales commissionati a San Paolo, in Messico, Sarajevo e Los Angeles, ma è improbabile che uno di questi abbia potuto avere il valore shock del suo lavoro di guerriglia in technicolor sulle strade rosso-mattone del Lancashire.

La sua tendenza è stata sempre quella di iniziare a lavorare presto, alle 5 del mattino in estate, viaggiando con un amico su una moto nel caso in cui era necessario darsi alla fuga per via delle lamentele veementi dei proprietari di casa. In realtà a Hodkinson la meraviglia di chi ha potuto godere del lavoro di Kershaw è stata tanta ‘Soprattutto per il coraggio mostrato – questi erano quartieri molto grezzi, ma la gente era davvero incoraggiante. Hanno portato tè e butties per lui ed i suoi assistenti. Era come se la vostra casa venisse tatuata e una coda di persone chiedevano che lo facesse, di dipingere e tatuare anche la casa accanto’. Diversi i consigli provenienti dai locali meno propensi alla street art: Kershaw ha ricevuto una serie di lettere che lo invitavano a cessare e desistere, anche se nessuno delle accuse mossegli sono state perseguite.

Nessuno dei murales cittadini del mulino è sopravvissuto – la maggior parte sono stati dipinti sulle proprietà di liquidazione delle baraccopoli, come previsto dalla loro stessa natura effimera. Kershaw vive ancora a Rochdale e ottiene ancora commissioni regolari, il più recente è il Coach House nella vicina Littleborough .

‘Ama fare battutine sul suo lavoro. Il murale Coach House è la storia del trasporto, ma accanto a questo onesto signore di età vittoriana seduto su un treno è stato dipinto  Fernando Torres‘, dice Hodkinson.

Rimane la questione del perché ha scelto di spruzzare un po’ di Alvin Stardust su una casa a Bury. A quanto pare, Kershaw aveva previsto di dipingere Elvis, ma non c’era fotografia a portata di mano la mattina in cui decise di partire. Lui era fuori, sulla sua bicicletta prima ancora che i residenti lo notassero.

Nel racconto di un giornalista inglese la storia di Alvin Stardust.

‘Qualche tempo fa, un mio amico di Lancashire ha chiesto se sapevo dove è nato Alvin Stardust. Aveva un vago ricordo d’infanzia , un grande murale dello street artist degli anni ’70, delle dimensioni di una casa intera, con una terrazza su Bury. Ho controllato e scoperto che Stardust – il cui vero nome era Bernard Jewry- è nato a Londra e cresciuto a Nottingham e abbiamo deciso, tranne che non avesse sognato tutto, che il murale era molto probabilmente un quadro di Elvis andato storto.

Un programma di Radio 4 , il giovedì dimostra che quella del mio amico – dice il giornalista – non è stata un’allucinazione. Il murale di Alvin è stato un lavoro di Walter Kershaw, l’artista originario di Rochdale, salutato come il primo street artist della Gran Bretagna a fare graffiti e murales, e si celebra nel documentario dello scrittore e collega  residente  a Rochdale, Mark Hodkinson.’

Negli anni ’70, il lavoro di Kershaw era concentrato per lo più su  Lancashire, la città mulino – con l’inside-out house’, il dentro e fuori casa’ nella sua città natale di Rochdale, che Hodkinson ricorda molto chiaramente. ‘Per me era normale. Quando sei un bambino, non si decostruiscono certe cose. Ma quando sei più grande, ti rendi conto che non era e non è normale per niente.’

Un altro lavoro è stato un condor sopra le Ande su una terrazza in attesa di demolizione a Oldham. ‘Il tempo qui è fatto per loro’, dice Hodkinson nel documentario. ‘ In pochi anni si erano ritrovati su quella terrazza. Sapeva che il lavoro sarebbe  stato effimero, ma non gli dava fastidio.’

(dal Guardian di oggi)

Per saperne di più domani ‘Street art from 1970s Britain – Walter Kershaw‘s ‘house tattoos’ are the subject of a Radio 4 doc tomorrow at 11.30am’

Su Twitter #Walter Kershaw  #StreetArt

https://cookednews.wordpress.com/2012/09/04/papa-ratzinger-diventa-il-re-di-denari/
https://twitter.com/banksysart

related articles

Papa Ratzinger diventa il Re di Denari

Il  Papa diventa Re di Denari. Dalll’arte burlesca, a quella satirica e sorniona della bomboletta spray. Coloratissime tag e vere e proprie opere d’arte che del graffitismo o street art ne hanno fatto la rivalsa del pueblo, o meglio del singolo artista ai più importanti canali di comunicazione e marketing, attraverso i quali passano le più grandi firme del contemporaneo. Fatta eccezione fino a qualche tempo fa per il mitico Bunksy.

L’artista inglese è riuscito a farsi un nome e a farsi conoscere in tutto il pianeta, tanto da arrivare ad essere quotatissimo fra i contemporanei, mentre le sue opere sono attentamente protette da pannelli in plexiglas per evitare le scalfiture del tempo.

Nello specifico gira da alcuni minuti in rete, su Facebook, l’immagine grottesca di Papa Benedetto XVI, papa Ratzinger, raffigurato come il re più ricco delle carte da gioco siciliano. Il re di denari appunto. L’autore, il Collettivo Satoboy, è già popolare e noto a chi usa fare l’aperitivo in prossimità del luogo in cui il papa è stato graffitato. Salerno centro storico vicolo giudaica, nei pressi della ‘Cantinella’.

https://cookednews.wordpress.com/2012/07/24/banksy-va-alle-olimpiadi-con-due-nuovi-graffiti/
https://www.facebook.com/satoboy
http://www.satoboy.com/

Banksy va alle Olimpiadi, con due nuovi graffiti

Mentre a Londra la polizia sta eseguendo severissimi ordini sul mantenere la distanza dai luoghi prefissati per lo svolgimento delle Olimpiadi di London 2012, soprattutto nei riguardi di street artists del calibro di Darren Cullen, nel gruppo degli arrestati e poi rilasciati, per aver ‘graffitato’ un muro in zona Off Limits, il lavoro fra l’altro era stato commissionato da Adidas per il lancio di un nuovo prodotto, Banksy, unico hosted giustificato di queste Olimpiadi, recupera spazio in Rete, pubblicando sul proprio sito Internet due nuovi lavori. 

Polemici, street art, rigorosamente in concept con il tema della sportività olimpionica, e con i tempi politici internazionali della guerra e della responsabilità che l’uomo ha sulla gestione dell’ambiente.

L’artista inglese conosciuto in tutto il mondo per le sue irruzioni negli ambienti istituzionalmente destinati all’arte, Louvre etc., ha scelto il giavellotto e il salto in lungo come discipline ispiratrici per la sua arte, dove le sagome a prima vista, ci fanno dimenticare che lo scorcio è quello metropolitano del cemento armato. Un atleta lancia un missile e un altro, in cima a un’asta, sta per saltare una recinzione. Ma nessuna paura. Atterrerà su un materasso, usato, consunto e molto urban.

A Londra sembra essere in corso un’azione preventiva della polizia metropolitana per evitare disordini e mantenere l’ordine pubblico durante le Olimpiadi: gli artisti di strada sarebbero al centro di questa strategia. Oltre gli arresti, in questi mesi la città è stata ripulita con la cancellazione dai muri di molti graffiti.

OccupyLondon e OurOlympics stanno da tempo denunciando su Twitter e Facebook con immagini e foto lo ‘stato di polizia’ in cui versa la città per ragioni di sicurezza, pronta ad ospitare gli atleti dei Giochi Olimpici di London2012.

#OccupyLondon#LOCOG,  #Occupy#London2012#boycott2012#OurOlympics#olympicmess#london2012#darrencullen#graffitikings#streetart

https://twitter.com/OurOlympics
http://www.occupylondon.org.uk
http://www.banksy.co.uk/

Create a free website or blog at WordPress.com.