Papa Francesco saluta i cardinali: ‘Non cediamo mai al pessimismo’

papa_francesco_inciampa--400x300‘Non cediamo mai al pessimismo, all’amarezza che il diavolo ci offre ogni giorno e allo scoraggiamento’. Così Papa Francesco ai cardinali in sala Clementina, che ha voluto ringraziare per la partecipazione, la preghiera e l’affetto prima, durante e dopo il Conclave.

Per un attimo Papa Francesco è quasi inciampato scendendo dal tronetto nella sala Clementina. Al termine del discorso di saluto del cardinale Angelo Sodano, il Pontefice si è alzato per andare a salutarlo, un gesto spontaneo e non usuale.

‘La metà di noi è nella vecchiaia. Vecchiaia è saggezza e sapienza: doniamole ai giovani’, ha detto Francesco parlando ai cardinali. Il Papa ha citato anche la saggezza del ‘vino vecchio’ e le parole di un poeta tedesco: ‘La tranquillità della vecchiaia’.

‘E’ da prendere in seria considerazione la dichiarazione di Perez Esquival che esclude qualsiasi compromissione del cardinale Bergoglio con la dittatura in Argentina‘. Nel primo pomeriggio, in conferenza stampa, il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi è entrato nel merito delle feroci polemiche che hanno interessato la figura del Pontefice sulla stampa del suo Paese, l’Argentina, finendo poi sulle pagine di molti quotidiani internazionali.

 ‘La campagna – ha aggiunto Lombardi – era ben nota, la sua matrice anticlericale è nota ed evidente. Mai vi è stata un’accusa credibile nei suoi confronti, è stato interrogato come persona informata dei fatti ma mai gli è stato imputato nulla’.

Papa Francesco e l’ombra della dittatura argentina

Jorge Mario BergoglioUn’ombra nel passato di papa Francesco: quella della dittatura militare argentina. E’ questo il dubbio che affiora su diversi quotidiani internazionali all’indomani dell’elezione di Jorge Mario Bergoglio al soglio di Pietro.

E dal New York Times alla Bbc Mundo, fino al foglio argentino Pagina 12, sono in tanti a ricordare le accuse di connivenza con il regime di Jorge Videla che negli anni hanno coinvolto il gesuita, trovando tuttavia sempre la netta smentita di quest’ultimo. Duro con i governi Kirchner, accusati di una politica economica non attenta alle diseguaglianze sociali, Bergoglio ‘fu meno energico’ durante la dittatura degli anni ’70, scrive il NEW YORK TIMES, ricordando come il pontefice sia stato ”accusato di essere a conoscenza degli abusi della Sporca Guerra e di non aver fatto abbastanza per fermarli mentre 30mila persone sparivano, venivano torturate o uccise dalla dittatura’. In Gran Bretagna, THE TIMES lancia il proprio dubbio in prima e titola: ‘L’amico dei poveri che era anche a suo agio con i dittatori’, mentre anche in Germania gli anni di Videla, durante i quali Bergoglio fu Superiore provinciale della Compagnia di Gesù in Argentina, riaffiorano sulle pagine dei quotidiani.

Lo SPIEGEL parla di ‘macchia scura’ nel suo passato, mentre la SUDDEUTSCHE ZEITUNG osserva come ‘il suo ruolo nella storia argentina e le sue dichiarazioni sui matrimoni omosessuali lo rendano una figura controversa’. La BBC MUNDO va invece più a fondo e in un articolo dal titolo ‘Jorge Bergoglio e l’ombra del governo militare’ cita il caso dei sacerdoti Orlando Yorio e Francisco Jalics, sequestrati nel maggio del 1976 e detenuti per 5 mesi nella Escuela Mecanica de la Armada (Esma), il centro clandestino da cui partivano i voli della morte. Secondo alcune testimonianze raccolte dal giornalista d’inchiesta Horacio Verbitsky – scrive la Bbc – Bergoglio aveva ‘tolto la protezione ai due sacerdoti che operavano nelle baraccopoli’ di Buenos Aires, allontanandoli dai gesuiti ed esponendoli alla scure militare. Bergoglio nel ‘2010 fu chiamato a testimoniare sul caso assicurando di aver chiesto ai vertici del regime il rilascio’ dei due prelati, sottolinea la Bbc, secondo la quale tuttavia papa Francesco è stato sentito dagli inquirenti anche ‘nel caso di Elena de La Cuadra, figlia di una delle cofondatrici delle Abuelas de Plaza de Mayo, sparita quando era incinta’.

E il Papa, aggiunge l’emittente, è stato infine citato anche in una causa penale aperta in Francia per il sequestro e l’omicidio del sacerdote Gabriel Longueville, nel 1976. In Argentina il quotidiano LA NACION ripercorre la vicenda, sottolineando come ‘nessuna causa sia pendente’ o sia mai stata aperta contro Bergoglio. Ma PAGINA 12, in un editoriale firmato proprio da Verbitsky, esordisce riportando una mail giunta all’autore da Gabriela Yorio, sorella di Orlando (morto nel 2000), subito dopo l’elezione del nuovo pontefice. ‘Non posso crederlo, sono così angustiata e con tanta rabbia che non so che posso fare. Vedo Orlando sul comodino di casa e sono anni che diceva ‘vuole essere Papa’. E’ la persona indicata per tappare la corruzione. E’ l’esperto nel tappare’, scrive il foglio argentino riportando le parole di Gabriela.

(fonte Ansa)

Italian Best Dance Crew e Hip Hop Awards: scena tutta rap per Mtv dal 12 dicembre

MTV Italia e Vodafone inaugurano la prima edizione degli award che premiano il meglio del rap italiano! L’evento si terrà a Milano mercoledì 12 dicembre 2012 e vedrà la partecipazione e le performance degli esponenti più rilevanti della scena rap italiana!

Questo è l’anno zero anche per i primi Hip Hop Awards lanciati da Mtv per quanto riguarda il panorama italiano della musica rap.

 Gli artisti nominati alla prima edizione degli MTV Hip Hop Awards che potrai vedere su MTV e MTV Music il 12 dicembre dalle 21.10 sono ancora soggetti a voto.

E’ possibile votare fino al giorno dell’evento per tutte le categorie e assegnare i premi agli artisti preferiti candidati per Best Artist, Best New Artist, Album of the Year, Song of the Year, Best Live, Best Freestyler, Best Crossover e Best Collaboration.

In più continua il voting per la categoria Vodafone Square Italian Best Dance Crew, il premio dedicato al miglior gruppo di ballerini hip hop del Paese: votando per le crew si partecipa al concorso che mette in palio tre VIP pass per l’evento, che si terrà a Milano sempre il 12 dicembre.

Qui sotto la lista completa dei nominati e intanto oggi esce Carpe Diem, l’ultimo lavoro del Soundboy Mr. Entics.

BEST ARTIST    
Club Dogo
Emis Killa
Fabri Fibra
J-Ax
Marracash    

BEST NEW ARTIST    
Emis Killa
Entics
Fedez
Ghemon
Salmo    

ALBUM OF THE YEAR    
Club Dogo ‘Noi Siamo Il Club’
Emis Killa ‘L’Erba Cattiva’
Marracash ‘King Del Rap’
Salmo ‘Death Usb’
Two Fingerz ‘Mouse Music’

SONG OF THE YEAR    
Club Dogo ‘P.E.S. (feat. Giuliano Palma)’
Emis Killa, Club Dogo, J-Ax, Marracash ‘Se Il Mondo Fosse’
Ensi ‘Numero Uno’
Fedez ‘Faccio Brutto’
Marracash ‘Sabbie Mobili’

VIDEO OF THE YEAR    
Clementino e Fabri Fibra in Rapstar ‘La Luce’
Emis Killa ‘Parole Di Ghiacci’o’
Ensi ‘Numero Uno’
Fedez ‘Faccio Brutto’
Mondo Marcio ‘Senza Cuore’

BEST LIVE    
Club Dogo
Emis Killa
Fedez
J-Ax
Marracash

BEST FREESTYLER     
Clementino
Ensi
Kiave
Nitro
Rancore    

BEST CROSSOVER    
Entics
Nesli
Power Francers
Salmo
Two Fingerz    

BEST COLLABORATION    
Big Fish & Caparezza ‘Solo Col Mic’
Clementino e Fabri Fibra ‘Rapstar’
Emis Killa, Club Dogo, J-Ax, Marracash ‘Se Il Mondo Fosse’
Fabri Fibra & Crookers ‘L’Italiano Balla’
Max Pezzali ‘Hanno Ucciso L’Uomo Ragno 2012’

http://www.mtv.it/

Italiani alle Olimpiadi: i risultati del Day 14

(Great Britain competes in the Women’s Teams Synchronised Swimming Free Routine final on Day 14)

Taekwondo: Mauro Sarmiento non è riuscito a battere lo spagnolo Nicolas Garcia Hemme in semifinale e disputerà l’incontro per il  terzo posto. Un colpo quasi allo scadere del terzo round, quando i due erano in parità (1-1) ha condannato l’azzurro al tabellone dei ripescaggi. In precedenza Sarmiento aveva superato i quarti di finale, battendo l’azero Ramin Azizov 2-1 dopo aver sconfitto (5-1) nel primo incontro della categoria -80 kg, l’atleta del Kirghizistan Rasul Abduraim.

Canoa: Si è conclusa la corsa di Norma Murabito, 7ª classificata nel K1 200 (43.820), non potrà accedere alle semifinali.

Pugilato Bronzo per Vincenzo Mangiacapre nella categoria 64 kg di pugilato. L’azzurro è stato sconfitto in semifinale dal cubano Roniel Iglesias Sotolongo per 15-8 (3-2, 7-4, 5-2 i parziali). E’ la 20esima medaglia per l’Italia ai Giochi: 7 ori, 6 argenti e 7 bronzi. Clemente Russo vola in finale nei 91 kg., al termine di un match vibrante e pieno di emozioni contro l’azero Mammadov. L’azzurro, sotto dopo i primi due round (2-3 e 6-4), ha confezionato un terzo round da applausi. Il parziale di 9-4 gli ha consegnato la vittoria per 15-13. La giuria ha respinto il ricorso dell’azero, confermando il verdetto. Russo disputerà domani la finale contro l’ucraino Usyk. Roberto Cammarelle, invece, difenderà il titolo di campione olimpico della categoria + 91 kg, domenica 12 agosto. Cammarelle ha battuto, in un match molto intenso, l’azero Magomedrasul Medzhidov 13-12. In svantaggio dopo il primo round (4-6), l’azzurro ha reagito nel secondo portando a segno alcuni colpi determinanti ai fini del punteggio (6-4). Con la situazione in parità, il terzo round ha dimostrato i limiti dell’avversario e l’olimpionico ne ha subito saputo approfittare con due colpi pesanti che hanno fatto vacillare l’azero. Cammarelle affronterà nell’ultimo incontro il britannico Joshua.

Vela Con il sesto posto nella medal race della classe 470 maschile Gabrio Zandonà e Pietro Zucchetti si sono classificati al 4° posto in classifica generale con 72 punti. La medaglia d’oro è stata vinta dall’Australia (22 p.) che ha preceduto Gran Bretagna (30 p.) e Argentina (63 p.). Quinto posto finale invece per l’equipaggio femminile della 470. Giulia Conti e Giovanna Micol hanno disputato un’ottima regata finale per le medaglie, conclusa al 2° posto, collezionando 73 punti complessivi. Prima la Nuova Zelanda (35 p.) precedendo Gran Bretagna (51 p.) e Olanda (64 p.).

Nuoto di fondo Valerio Cleri ha concluso al 17° posto la 10 km con 1:51:29.5. Cleri non è riuscito a mantenersi nelle prime posizioni fin dall’inizio in una gara quanto mai impegnativa soprattutto per il ritmo che da subito hanno impresso il tunisino Mellouli con il canadese Weinberger e il tedesco Waschburger alternatisi in testa alla gara. Nella volata finale il tunisino Mellouli si è ripreso il primo posto tagliando il traguardo in 1:49:55.1 davanti al tedesco Lurz (1:49:58.5) e al canadese Weinberger (1:50:00.3).

Ginnastica ritmica: Elisa Blanchi, Romina Laurito, Marta Pagnini, Elisa Santoni, Anzhelika Savrayuk, Andreea Stefanescu hanno conquistato l’accesso alla finale con il secondo posto al termine delle due rotazioni. Oggi nella prova 3 nastri e 2 cerchi, le farfalle azzurre hanno ricevuto 27.700 punti totalizzando, con la gara di ieri (5 palle -28.100 p.), 55.800 punti. Meglio dell’Italia la Russia (56.375) ma dietro è rimasta la Bielorussia (54.750). Domenica in la finale si riparte da zero. Julieta Cantaluppi nella seconda giornata di qualificazione ha ottenuto dalla giuria alle clavette 26.850 punti, mentre nell’esercizio con il nastro ha ricevuto 26.550. In totale l’azzurra ha realizzato 105.275 punti concludendo in 15ª posizione, che non le consentirà di disputare la finale.

http://www.london2012.com/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/10/london2012-i-campioni-da-decidere-nel-day14-di-olimpiade/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/09/azzurri-a-londra2012-i-risultati-del-day13/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/07/london2012-italia-doping-latleta-schwazer-positivo-ai-controlli-cammarelle-in-semifinale-nella-boxe/

 

Blog at WordPress.com.