Champions seconda giornata: Chelsea – Juve, 12 i bianconeri a giocare per la prima volta

Sono solo quattro i bianconeri che scenderanno in campo che hanno giocato più di dieci partite nel più importante torneo continentale: Pirlo, Buffon, Vucinic e Chiellini. Dopo il 3-2 di Real Madrid contro il Manchester City, nella prima giornata di Champions  League questa sera tocca alla Juve.

Sono dodici i bianconeri che non hanno mai giocato in Champions. La Juve che si presenterà questa sera allo Stamford Bridge al cospetto dei campioni d’Europa del Chelsea, è una squadra nettamente diversa rispetto a quella che tre anni fa giocò la Champions League.

Tanti sono i giocatori che hanno salutato la squadra bianconera, così come tanti sono quelli arrivati alla corte della ‘Vecchia Signora’. Un rinnovamento necessario che ha portato i frutti sperati, soprattutto in campionato dove si è passati da piazzamenti anonimi ad uno straordinario trionfo. Di contro saranno ben 12 i calciatori che questa sera ascolteranno per la prima volta dal vivo l’inno della Champions.

Come riportato dal Corriere dello Sport, sono solo quattro i bianconeri che scenderanno in campo che hanno giocato più di dieci partite nel più importante torneo continentale: PirloBuffonVucinic e Chiellini. Altri, come BonucciVidal e Asamoah, tre titolari inamovibili per Conte, sono al debutto assoluto, visto che l’ex Udinese non è mai andato oltre i preliminari.

Se si pensa al resto della rosa, Lucio è uno dei più esperti in assoluto avendo anche sollevato la Coppa, e Bendtner è sceso in campo  26 volte.

Il trofeo della UEFA Champions League, tanto a lungo inseguito dal Chelsea FC, verrà mostrato a Stamford Bridge prima della sfida contro la Juventus. Il tecnico dei Blues, Roberto Di Matteo, sa che il primo test nel Gruppo E sarà arduo, ma resta ottimista, mentre Massimo Carrera, in sostituzione al coach Antonio Conte esonerato, è ansioso di valutare la forza, anche caratteriale, dei bianconeri sul campo dei campioni d’Europa in carica.

‘Sono felice di essere qui e la squadra è orgogliosa di poter affrontare i campioni in carica. Per noi sarà un test duro, dovremo lavorare e migliorare, ma siamo davvero felici di avere l’occasione di giocare partite come questa.

Ho parlato con i giocatori e loro sanno ciò che dovranno o non dovranno fare. Sappiamo bene che cosa ci servirà per vincere e gare del genere sono il miglior metro di giudizio possibile per valutare le ambizioni di una squadra come la nostra.’

Match previsto per le 20:45 di questa sera in diretta dal sito Uefa.

http://it.uefa.com/uefachampionsleague/index.html
http://www.juventus.com/juve/it/welcome

Calcioscommesse: Fifa squalifica Conte, niente Champions e competizioni internazionali per 10 mesi

I 10 mesi per l’omessa denuncia sono stati estesi anche alle competizioni internazionali. L’allenatore della Juventus non sarà quindi in panchina all’esordio contro il Chelsea e fino a quando la squalifica non sarà scontata o non verrà accolto il ricorso

La Fifa ha esteso a tutte le competizioni internazionali la squalifica dell’allenatore della Juventus Antonio Conte per 10 mesi per l‘omessa denuncia nell’ambito del processo calcioscommesse.

Il passo compiuto dalla Fifa formalizza la squalifica di Conte anche per l’esordio della Juventus in Champions League. I bianconeri debutteranno il 19 settembre sul campo del Chelsea. Il comitato disciplinare della Fifa, presieduto dallo svizzero Marcel Mathier, ha agito in base all’articolo 136 del codice disciplinare. ‘La decisione di estendere la sanzione della Figc terrà conto dell’esito di un eventuale ricorso – come quello attualmente pendente presso il Tribunale Arbitrale Nazionale per lo sport in Italia – a patto che le decisioni dell’appello rispettino le regole stabilite dalla Fifa’.

‘La Fifa -rende ancora noto la Federcalcio internazionale – sta  attualmente rivedendo l’ulteriore documentazione prodotta dalla Figc  in relazione alle altre sanzioni comminate dagli organi competenti della federazione italiana. Qualsiasi ulteriore estensione delle sanzioni emanate sarà eventualmente comunicata in seguito. La decisione del presidente del comitato disciplinare della Fifa  – conclude la nota – segue le sanzioni globali già applicate dalla Fifa in relazione a soggetti provenienti da Finlandia, Croazia, Corea del  Sud e Turchia da febbraio di quest’anno’.

http://www.fifa.com/associations/association=ita/index.html

Calcio scommesse: il ct Prandelli ‘No alle Crociate. Possiamo rinunciare agli Europei’, fuori Destro e Ranocchia

‘Possiamo rinunciare agli Europei’. Lo ha detto il ct della Nazionale Cesare Prandelli a Rai Sport dopo le notizie sull’informativa della Guardia di Finanza sul portiere della Juve e degli Azzurri Gigi Buffon, che non risulta indagato.

‘Se ci dicessero che per il bene del calcio la Nazionale non deve andare agli Europei, non sarebbe un problema’ ha detto il mister.

Secondo gli inquirenti, che hanno ricostruito i movimenti bancari, Buffon avrebbe giocato circa un milione e mezzo di euro in una tabaccheria dove si scommette. Per quanto riguarda i giocatori, quelli coinvolti nell’inchiesta, ‘non partiranno per gli Europei’, dice Prandelli. ‘ Io – ha aggiunto il ct della nazionale – dico no alle crociate‘.

Dopo il rientro a Coverciano per il ritiro degli Azzuri, e un conferenza stampa in cui Buffon ritratta sui ‘pareggi comodi’, è ancora bufera sulle partite truccate. ‘Non posso dire quello che realmente cuore e mente pensino. Ho avuto l’ennesima conferma che alla fine le persone con la coscienza a posto e senza scheletri nell’armadio non possono esprimere il loro pensiero – spiega Buffon. Se per quelle frasi verrò ascoltato in Procura non lo so, il brutto è che le cose si apprendono sempre da voi giornalisti giorni prima’ – dice, rivolgendosi alla platea di microfoni e registratori. 

L’azzurro sullo scandalo scommesse che sta scuotendo il mondo del calcio è chiaro: ‘Ho piena fiducia nei pm che possono fare piena giustizia. Non c’è nulla di peggio che giocare o speculare sulla vita delle persone. E’ una vergogna che se ci sono delle operazioni giudiziarie voi lo sapete tre o quattro mesi prima. Uno parla coi pm e voi sapete il contenuto dieci minuti dopo: è davvero una vergogna’.

Buffon non vuole entrare in polemica con il presidente del Consiglio Mario Monti circa l’ipotesi di chiudere il calcio per due o tre anni a fronte degli scandali: ‘Non mi permetto di proferire verbo sulla questione’. L’indagine in corso sul tecnico Antonio Conte sta scuotendo l’ambiente juventino, ma il portiere bianco nero è sicuro: ‘Non temo di perdere Conte, è un’eventualità che non ho nemmeno preso in considerazione. Da quello che ho letto e sentito dire da lui e da Agnelli, le accuse che gli sono state rivolte non sono così forti’.

Il capitano della Nazionale spiega come si potrebbero punire i calciatori che risultano colpevoli: ‘Introduciamo fortissime penali economiche nei contratti dei giocatori che sbagliano, oppure bisogna pensare che verso la fine del torneo si debba intervenire sul palinsesto bloccando alcune giocate’.

Di seguito la lista ufficiale dei 23 calciatori che giocheranno agli Europei in Polonia e Ucraina, convocati dal commissario tecnico della nazionale di calcio italiana.

Rispetto alla prima lista di 32, oltre a Criscito, Viviano, Bocchetti, Astori, Cigarini, Schelotto e Verratti esclusi perché indagati, non ci sono Andrea Ranocchia e Mattia Destro.  C’è Bonucci anche lui in odor di scommesse.

Portieri
Gianluigi Buffon (Juventus), Morgan De Sanctis (Napoli),Salvatore Sirigu (Paris St. Germain)

Difensori
Ignazio Abate (Milan), Federico Balzaretti (Palermo), Andrea Barzagli (Juventus), Leonardo Bonucci (Juventus), Giorgio Chiellini (Juventus), Christian Maggio (Napoli), Angelo Obinze Ogbonna (Torino)

Centrocampisti
Daniele De Rossi (Roma), Alessandro Diamanti (Bologna), Emanuele Giaccherini (Juventus), Claudio Marchisio (Juventus), Riccardo Montolivo (Fiorentina), Thiago Motta (Paris St. Germain), Antonio Nocerino (Milan), Andrea Pirlo (Juventus)

Attaccanti
Mario Barwuah Balotelli (Manchester City), Fabio Borini (Roma), Antonio Cassano (Milan), Antonio Di Natale (Udinese), Sebastian Giovinco (Parma)

Calcio scommesse: arrestati Mauri e Milanetto. Indagato l’allenatore della Juve, Antonio Conte

Sono 19 le ordinanze di custodia cautelare notificate, arrestati Mauri e Milanetto. Sotto inchiesta anche Vieri. Trema la Nazionale, blitz a Coverciano.

Bufera giudiziaria nel mondo del calcio, investe anche la Nazionale. Con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva formulata dalla Procura di Cremona, la polizia ha eseguito 19 provvedimenti di custodia cautelare, 14 dei quali in carcere, tre arresti domiciliari e due di obbligo di presentazione all’autorità giudiziaria.

In manette sono finiti il capitano della Lazio, Stefano Mauri e i giocatori Omar Milanetto, centro campista del Padova (ex Genoa), Paolo Domenico Acerbis del Vicenza, Marco Turati del Modena (ex Ancona), Cristian Bertani della Sampdoria (ex Novara), Alessandro Pellicori (ex Mantova e Torino, poi svincolato dal Queen’s Park Rangers) e Matteo Gritti, portiere del Bellinzona, squadra del campionato svizzero.

Fra gli indagati, il difensore della nazionale Domenico Criscito (che gioca per lo Zenit di San Pietroburgo) e il suo compagno Leonardo Bonucci (Juventus), prima indagato a Cremona e ora dalla procura di Bari, squadra di calcio in cui Bonucci ha giocato.

La polizia è intervenuta durante il ritiro di Coverciano. Avvisi di garanzia notificati anche ad Antonio Conte (in riferimento a quando l’allenatore della Juventus sedeva sulla panchina del Siena), del calciatore del Genoa Giuseppe Sculli (per il quale il gip ha negato l’arresto chiesto dalla Procura) e del suo collega difensore georgiano Kakha Kaladze, citato negli atti dell’inchiesta e su cui sarebbero in corso accertamenti.

Perquisizioni anche per il giocatore del Chievo Sergio Pellissier, l’attaccante dell’Ascoli Andrea Soncin, il presidente del Siena Massimo Mezzaroma e il suo responsabile tecnico Giorgio Perinetti.

Compare anche il nome dell’ex calciatore Christian Vieri nel registro degli indagati. Il 38enne ‘Bobo‘, che nella sua carriera ha giocato nella Juventus, nel Milan e nell’Inter e in Nazionale, era stato intercettato durante una telefonata tra Antonio Bellavista e Ivan Tisci, nel corso dell’inchiesta ‘Last Bet’.

Daniele De Rossi, ieri prima dell’amichevole con il Lussemburgo: ‘C’è dispiacere e speranza che più persone possibili’ risultino estranee ai fatti ‘anche se non sarà possibile per tutti’.

Blog at WordPress.com.