An Ukrainian alpine skier and her staff boycott Sochi 2014

Ukrainian alpine skier Bogdana Matsotska and her father said they will not represent their national team in the Sochi Winter Games any longer because of the deaths on EuroMaidan #Cookednews

Ukrainian Olympic alpine skier Bohdana Matsotska and her father posted a message on Facebook stating that they no longer will represent their nation’s team in the Sochi Winter Games over the bloody events on EuroMaidan and blamed President Viktor Yanukovych for bloodshed.

Oleg Matsotskyy of Kosiv, Ivano-Frankivsk Oblast, Bogdana Matsotska’s father and trainer, said the two are ‘extremely angry at President Viktor Yanukovych’s latest actions who instead of resolving the conflict through negotiations (which we had hoped he would when we left for Sochi), has drenched the last hopes of the nation in blood.

‘In solidarity with the fighters on the barricades of the Maidan, and as a protest against the criminal actions made towards the protesters, the irresponsibility of the president and his lackey government, we refuse further performance at the Olympic Games in Sochi 2014.’

Earlier, Ukraine Olympic Committee head Serhiy Bubka told Channel 5 in Sochi that he was ‘shocked’ to hear of the Feb. 18 deaths after protesters clashed with police.

He conveyed his condolences to the bereaved families and called on both sides ‘to return to the discussion table to preserve our wonderful country and nation, as well as peace on our land. The events (on EuroMaidan) troubles and concerns us all.’ (Kyiv Post editor Mark Rachkevych can be reached atrachkevych@kyivpost.com)

EU foreign ministers called an emergency meeting on Ukraine for Thursday (today, 20 February, in Brussels) and European Commission President Jose Manuel Barroso said the 28-nation bloc was set to impose sanctions against those blamed for the bloodshed.

In this video, an activist fallen down during a protest and he was beaten by a consistent number of polices.

At the moment, 30 people was killed during the battle between protestors and militaries at #Euromaidan|(PR News #Kyiv #Ukraine)

#Ucraina#Kiev#Kyiv #Ukraine #euromaidan#CookedNews

Advertisements

A dark day in Europe Statement of Foreign Policy 2014, on Ukraine

#Kiev #Sochi2014 #Ukraine

It is a dark day in Europe. On the streets of one of our capitals, people are being killed. Their demands were simple and natural: democracy, reforms and European cooperation. Their desire was, for a long time, the desire expressed by the entire Ukrainian nation. And this was why we in the European Union, through the Eastern Partnership, opened the door to cooperation, trade, reforms and integration.

We did so because we too were convinced that this was in the interests not only of Ukraine, but of the whole of Europe. But let us be clear about what happened. Last summer, Russia launched a single-minded pressure offensive to make Ukraine deviate from its chosen course. Brutal trade barriers were combined with open threats. And a wavering leadership in Ukraine gave in.

But when they gave in, it was seen as a betrayal by all those people who had hoped for a better future. The European flag flew in Maidan Square as a symbol of the desire for a better future. People wanted to move forwards alongside the rest of Europe – not backwards towards the all too well-known. Without those threats from Moscow and the wavering in Kiev, Ukraine could today have been clearly on its way to a better future.

The International Monetary Fund, with support from us all, was prepared to offer an economic assistance and reform programme. And the door to European political cooperation, and the political solidarity that goes along with it, had been opened.

Not all of the problems had been resolved. But Ukraine was, with broad European and international support, clearly on a path to a better future. But this future of European cooperation was a future that powerful forces did not want to see. And that is where the responsibility for the killings on the streets of Kiev clearly and ultimately lies.

Today, President Yanukovych has blood on his hands. And I am afraid that the path he has now taken will lead to even more suffering and violence. He was the only one who could have prevented the killing – by extending a hand of genuine cooperation to the democratic opposition.

Instead they were shown a fist. People have been shot dead with live ammunition. Peaceful demonstrators. But police officers and others have also been harmed in the violence that broke out. I am afraid that Ukraine is now heading for dark times. The crisis in the country will become deeper and longer. I am deeply concerned.

But the outcome of the violence will be precarious and short-lived. It will die away like a storm on the steppes. What has happened, and is happening, in Ukraine also demonstrates the power of the European dream. A Europe of peace and freedom and cooperation.

And sooner or later, it will triumph in Ukraine too.

Statement
Ministry for Foreign Affairs 19 February 2014
Carl Bildt, Minister for Foreign Affairs Sweden

Contact
Erik Zsiga
Press Secretary to Carl Bildt
+46 72 573 91 30
email to Erik Zsiga

#Ukraine #euromaidan#Kiev,  #CookedNews

ASP Women’s WCT Returns to Maui

Stephanie Gilmore, five-time ASP Women’s World Champion #CookedNews

The Association of Surfing Professionals (ASP) is pleased to announce the addition of Maui as the final venue on the 2014 ASP Women’s World Championship Tour (WCT) schedule. The event will take place at the world-famous Honolua Bay from November 24 through December 6, 2014.

‘Maui will always hold a special place in my heart,’ Stephanie Gilmore, five-time ASP Women’s World Champion, said. ‘It’s where I clinched my first world title and Honolua Bay was very good to me over the years. It’s a world-class wave and befitting of the talent we have on tour this season. What a fantastic way to end the year.”

A regular stop on the elite ASP Women’s WCT until 2009, Maui will offer the ASP Top 17 another quality platform on which to compete, further confirmation of the ASP’s commitment to putting the world’s best surfers on the world’s best waves.

‘The women of the ASP Top 17 are some of the most competitive, athletic and engaging role models in all of sports,’ Paul Speaker, ASP International CEO, said. ‘Having a platform of quality surf is foundational to providing them the opportunity to showcase their abilities as world-class athletes. Maui is a great addition to this season’s tour.’

2014 ASP Women’s World Championship Tour Schedule –

Roxy Pro Gold Coast: March 1 – 12, 2014

Margaret River Pro: April 2 – 13, 2014

Rip Curl Women’s Pro Bells Beach: April 16 – 27, 2014

Rio Women’s Pro: May 7 – 18, 2014

Fiji Women’s Pro: May 25 – 30, 2014

Vans US Open of Surfing: July 27 – August 3, 2014

Trestles Women’s Pro: September 9 – 20, 2014

Hossegor Women’s Pro: September 23 – 29, 2014

Cascais Women’s Pro: October 1 – 7, 2014

Maui Women’s Pro: November 24 – December 6, 2014

The first stop on the 2014 ASP Women’s World Championship Tour will be the Roxy Pro Gold Coast from March 1 – 12.

http://www.aspworldtour.com/

#CookedNews

The prisoners of conscience of Sochi2014

Russian activist Yevgeny Vitishko

The re-arrest today of yet another environmental activist in Russia’s Krasnodar region where the Sochi Winter Olympic Games will open on 7 February, as well as his brief detention along with five colleagues last night, are more evidence of growing efforts to clamp down on civil society ahead of the Games, Amnesty International said.

 Igor Kharchenko of the Russian NGO Environmental Watch for North Caucasus (Ecologicheskaya Vakhta po Severnomu Kavkazu) is currently being held by police in Krasnodar, the regional capital, where they had arrived ahead of the Olympic torch relay. He was arrested today under the pretext that his car had been ‘involved in a crime’, shortly after three masked men had smashed in the front and back windows of the vehicle.

‘Just days away from the official opening of the Sochi Winter Olympics, the Russian authorities are using every trick in the book to muzzle freedom of expression and silence dissenting voices,’ said Sergei Nikitin, Director of Amnesty International’s Moscow Office.

Kharchenko is one of six activists from Environmental Watch who were also detained last night for several hours in Krasnodar before being released. They felt compelled to scrap plans for a Sochi launch of their report exposing environmental damage caused by the construction ahead of the Games.

Their detention came the same day that their fellow environmentalist Yevgeny Vitishko was arrested in the Krasnodar Region city of Tuapse and sentenced to 15 days of administrative detention, purportedly for swearing in public.

‘This spate of harassment of civil society activists bodes ill for the coming weeks, and raises fears that the Sochi Games will be a human rights-free zone. Even more troubling is what will happen to Russian activists after the Olympic medals are handed out and the international attention fades,’ said Sergei Nikitin.

‘Silencing civil society does nothing to increase security around the Sochi Games and instead broadcasts to the world how the Russian authorities are failing spectacularly to uphold and protect international human rights standards.

As the start of the Sochi Winter Olympics comes closer, harassment against civil society activists has intensified, Amnesty International said today after the arrest of an environmentalist for allegedly swearing in public.

Yevgeny Vitishko was arrested today in Tuapse, part of the Sochi area where the Games will take place. He has been reportedly charged with ‘petty hooliganism‘, allegedly for swearing previously at a bus stop. At a court hearing today he was sentenced to 15 days of administrative detention.

‘Vitishko’s name has now become synonymous with harassment of civil society activists in the run-up to Sochi Games. Vitishko and his friends have been trying to expose environmental violations during the preparation of the Sochi Olympics. For this they are being punished. By trying to lock him up as a ‘petty hooligan’ the authorities are trying to gag him,’ said Denis Krivosheev, Europe and Central Asia Deputy Programme Director.

‘The concern is what will happen to civil society after the closure of the Olympics after the international focus moves away.’

Yevgeny Vitishko and his fellow activists have been actively involved in protests regarding the deforestation and illegal construction and fencing in areas of protected forest around Sochi.

In 2012, he received a suspended sentence in connection with an environmental protest. Last December, a court in Tuapse ruled that he should serve three years in prison for violating a curfew associated with the suspended sentence. His appeal hearing was reportedly scheduled for 22 February 2014, but now all information regarding it has been conspicuously removed from the court’s website.

Amnesty International has already raised concern about his unfair trial which resulted in a court decision to send him to prison colony for three years. His arrest comes as he is awaiting his appeal hearing.

Vitishko’s supporters fear that he will be held in custody until the day of his appeal under administrative charges, and then be sent to a prison colony.

Rights groups have accused Russian officials of harassing activists and journalists in the Sochi area, detaining them on trumped-up charges.

The Olympics are projected to cost $51 billion, or more than every other Winter Olympics combined. The high price tag is being blamed on Sochi being extremely ill-suited to host an Olympics and rampant corruption.

On Wednesday, Pussy Riot’s Nadezhda Tolokonnikova and Maria Alekhina were set to make their first public appearance in the United States after being released from a Russian prison (23dec.). They were scheduled to speak at a Brooklyn concert organized by the human rights advocacy group and featuring stars such as Madonna.

Alekhina said she wants Americans to look beyond the grandeur of the projects and buildings of the games.

‘They are foreign objects in Russia,’ she said. ‘The only thing that connects Russia to these objects is taxpayers’ money, which has been stolen and has been used to build these Olympic objects.’

Alekhina called on President Barack Obama to increase pressure on Russia over alleged human rights abuses, and said she and Tolokonnikova are handing over a petition to Putin to help ‘end this bullshit.’

‘Aren’t you sick of it all, Putin?’ Tolokonnikova asked.

International response to prior calls to boycott the games has garnered some largely symbolic gestures. Obama included three openly gay athletes in the official U.S. delegation to the Sochi Winter Olympics in a rebuke of Putin’s anti-gay laws. And Norwegian Health Minister Bent Høie said he is taking his male spouse to the opening ceremony. But twelve peaceful protesters remain incarcerated after police arrested them at the anti-Putin demonstrations in Moscow two years ago, the pair from Pussy Riot said.

Now that the band is an icon for the struggle against human rights abuses in Putin’s Russia, the two women said it will also act for the rights of prisoners in the United States.

Tolokonnikova and Alekhina said they plan to visit prisons and meet with nonprofit organizations to learn about the issue of solitary confinement in the U.S. ‘We’re very interested in the fact of how NGOs (nongovernmental organizations) in the U.S. work and collaborate with penitentiary institutions,’ Alekhina said. ‘One of our main goals is to exchange experience.’

‘Pussy Riot inspired a new generation of activists around the world, Samir Goswami, managing director of the Amnesty International USA program Individuals and Communities at Risk said, adding that their supporters followed in the footsteps of those who helped Amnesty International obtain the release of some 44,000 prisoners since its international inception in 1961.

‘Pussy Riot were street performers,’ he said. At the subway, on the streets, they would call on people to take their rights seriously. ‘There are street performers in the U.S. whom we pass every day, but we don’t realize that they can help elevate human rights to the global conversation.’

‘They found a lot of support from folks in the U.S., especially from Russia’s diaspora community in Brooklyn, who called passionately for their release,’ Goswami said. ‘But they’re also learning about the prison conditions in the U.S. and plan on doing some research here.’

Kremlin Suspends Questioned Reform of Wildlife Reserves. Russian President Vladimir Putin ordered to amend recent environmental legislation that critics said could allow for real estate development in Russia’s protected territories. A law passed in December allows for the downgrading of any of the 102 Russian wildlife reserves to natural parks, where construction is permitted under certain conditions.

The law, which passed quickly through parliament, caused outcry from eco-activists, who said it could be exploited to build commercial real estate in wildlife reserves.

Krasnodar is a city located in the Southern Russia based on the Kuban River situated 80 kilometers away to the North East of the Black sea port. The prevailing political stability and the numerous administrative efforts taken by the regional administration has made the Krasnodar region one of the most favorable investment destinations in Russia.

More than 60 countries have investment cooperation in this region and 773 companies having foreign capital are already part of the regions economy. Majority of the FDI coming in this region is mainly concentrated on food industries, woodworking and fuel.

To finance venues and apartments in the Caucasus Mountains and along Sochi’s coast, state-owned Vnesheconombank, known as VEB, lent $7.4 billion to a who’s who of Russia’s elite. Among the biggest loan recipients are companies controlled byVladimir Potanin, chief executive of OAO GMK Norilsk Nickel, the world’s largest nickel producer. Joining him are Oleg Deripaska, chief executive of United Co. Rusal, the No. 1 aluminum company; Alexey Miller, chief of state-controlled gas provider OAO Gazprom; and German Gref, chief of state-controlled OAO Sberbank, Russia’s largest bank.


http://www.amnesty.org/

#CookedNews

Antagonismo e Attivismo/Attualità/Blogs/calcio/controcultura/Cooked News/Cultura/entertainment/Esteri/fashion/I Post più letti/in Italia/Internazionale/Internet/Latest news/Magazines/Newspapers/notizie e politica/Politica/Rete sociale/Spettacolo/Sport/Web News/world news/Worpress.Com

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

JAY Z ‘Picasso Baby: A Performance Art Film’

JAY Z Picasso Baby Life+Time on CookedNews

‘Picasso Baby’ is a song by American hip hop artist Jay-Z from his twelfth studio album Magna Carta… Holy Grail. It is the second track on the album and features additional vocals by The-Dream and Zofia Borucka Moreno. The song was produced by Timbaland and Jerome “J-Roc” Harmon and contains a sample of “Sirens” by Adrian Younge. Following the release of the album, the song peaked at number 91 on the Billboard Hot 100 based on downloads only.

‘Picasso Baby’ has a lot of references to popular artists such as Pablo PicassoMark RothkoJeff KoonsFrancis BaconJean-Michel Basquiat, and Andy Warhol, as well as world-famous painting Mona Lisa.

The music video for the song, titled ‘Picasso Baby: A Performance Art Film‘ was shot on July 10, 2013, at the Pace Gallery in New York City. The video, directed by Mark Romanek, was inspired by the work of performance artist Marina Abramović and in particular by her 2010 installation ‘The Artist Is Present’. The shoot was attended by director Judd Apatow, rapper Wale and artistLaurie Simmons, among many other ‘important figures from the gallery and sales side of fine art.’ On August 2, 2013, the music video premiered on HBO at 11 p.m. EST.

Picasso Baby: A Performance Art Film was nominated for Best Music Video at the 56th Annual Grammy AwardsRolling Stone ranked ‘Picasso Baby’ at number 19, on their list of the 100 Best Songs of 2013, calling it “the standout track from Jay Z’s lackluster ‘Magna Carta… Holy Grail’.

JAY Z ‘Picasso Baby: A Performance Art Film.’ Directed by Mark Romanek

and NOW?

Facebook ► http://facebook.com/OfficialLifeandTimes
Twitter ► http://twitter.com/LifeandTimes
Google+ ► http://plus.google.com/+LifeandTimes
Instagram ► http://instagram.com/LifeandTimesOffi…
Tumblr ► http://jayzslifeandtimes.tumblr.com

Life+Times ► http://LifeandTimes.com

#CookedNews

Nuovo spot 2014: The World of Red Bull, freestyle roba da Red Bull

danny-macaskill

Watch a preview of the newamazing spot by Red Bull for 2014, which has as protagonists the athletes of his team, featuring Danny MacAskill, Blake Griffin, Sebastian Vettel, Ryan Sheckler


For more biking, check out http://win.gs/1graAL1

‘Way Back Home’ is the incredible new riding clip from Danny MacAskill, it follows him on a journey from Edinburgh back to his hometown Dunvegan, in the Isle of Skye.

You can read about it and watch the interviews with Danny athttp://www.redbull.co.uk/waybackhome

The music is Loch Lomond ‘Wax and Wire’ and The Jezabels ‘A Little Piece’.
http://www.myspace.com/lochlomondmusic |http://www.thejezabels.com

The World of Red Bull: nuovo spot 2014

#TIMETTELEALI http://www.redbull.com/it/it
http://givesyouwings.redbull.com/it-it/video
http://givesyouwings.redbull.com/it-it/stories

http://www.redbull.com/it/it/stories/1331627777487/video-spot-world-of-red-bull-2014-commercial

#CookedNews

Maratona di Londra: 30 secondi di silenzio in ricordo di Boston

tsegaye-kebede_2542248bL’etiope Tsegaye Kebede ha vinto oggi la maratona di Londra con un tempo di 2:06:03.

A sei giorni dagli attentati alla corsa di Boston, ha preso al via tra imponenti misure di sicurezza la 33ma edizione della maratona di Londra. Prima della partenza sono stati osservati 30 secondi di silenzio in ricordo dei tre morti nell’attacco terroristico di lunedì.

‘Correre la maratona e’ uno sport globale’, hanno ricordato gli altoparlanti prima del fischio per il silenzio, ‘unisce corridori e sostenitori in ogni continente in cerca di una comune sfida e in uno spirito di amicizia e solidarietà. Questa settimana la famiglia mondiale della maratona e’ stata sconvolta e rattristata dai fatti di Boston. Uniamoci nel ricordo di amici e colleghi per cui un giorno di festa si e’ trasformato in un giorno di tristezza’.

Dopo Boston, le misure di sicurezza per l’evento di Londra sono state rafforzate, anche se non e’ stato innalzato ‘il livello di minaccia’. Scotland Yard ha riferito che il dispiegamento di poliziotti e’ aumentato del 40% rispetto all’anno scorso, ma senza fornire cifre precise.

Scotland Yard è intanto in contatto con Fbi e polizia di Londra, mentre non ci sono elementi che facciano temere collegamenti con gli attentati di Boston, ha spiegato Pendry sull’Observer. Alla maratona londinese hanno partecipato 37mila persone.

Bombe alla maratona di Boston: più di 140 i feriti, 3 i morti fra cui un bambino di 8 anni

Explosions At 117th Boston MarathonLe esplosioni all’arrivo della maratona di Boston sono state causate da bombe. Così fanno sapere gli organizzatori della competizione sul profilo Facebook dedicato. Una delle vittime è un bimbo di 8 anni. Un’altra esplosione alla Kennedy Library non ha provocato vittime: secondo la polizia, non era collegata alle altre due, frutto di un attacco ‘pianificato e ben coordinato’, anche se il presidente Barack Obama, rivolgendosi alla nazione, non ha parlato esplicitamente di terrorismo.

L’orrore delle bombe alla maratona di Boston è proseguito negli ospedali dove i medici hanno dovuto operare diverse amputazioni, soprattutto agli arti inferiori. Alle 23 ora locale il bilancio dei feriti era salito a quota 144, di cui 17 in condizioni critiche. In molti casi sono stati estratti cuscinetti a sfera dai corpi dei feriti. Tre persone hanno perso la vita, compreso un bimbo di 8 anni che aspettava il padre vicino al traguardo. Fra i feriti una decina sono bambini.

In un messaggio tv alla nazione, il presidente Barack Obama ha detto che ‘la nazione ricorderà Boston nelle preghiere questa sera. Funzionari federali stanno mobilitando le risorse per gli aiuti. Ho avvertito i leader di entrambe le parti, ma sono d’accordo che in giornate come questa, non ci sono partiti politici.

Polizia, vigili del fuoco, le squadre di primo intervento, e la Guardia Nazionale hanno risposto eroicamente. Ringraziamo tutti coloro che hanno risposto in modo rapido e professionale a questa tragedia. Non sappiamo ancora chi ha fatto questo o perché, noi conosciamo tutti i fatti. Andremo a fondo: troveremo chi ha fatto questo e scopriremo perché. Eventuali individui o gruppi responsabili sentiranno tutto il peso della giustizia’.

Le esplosioni sono avvenute lungo l’ultimo miglio, dedicato nell’edizione di quest’anno alle vittime della recente strage della scuola di Newtown, nel Connecticut.

‘Ho sentito un rumore enorme, la festa si e’ trasformata in terrore e non ho più pensato a finire la gara’, racconta Paolo Rossi, 48enne pistoiese, che ha visto il traguardo della maratona di Boston e poi la morte in faccia: fortunatamente ha mancato entrambi. ‘Ma della corsa ovviamente non m’importa, sono ore che piango’.

La polizia di Boston ha bloccato le comunicazioni dei telefoni cellulari in città per prevenire il rischio che un telefonino possa provocare esplosioni a distanza.

Nella zona delle due esplosioni sono state trovate altre due bombe inesplose, che sono state fatte brillare.

Secondo le fonti si sarebbe trattato di ‘ordigni di dimensioni ridotte’ e secondo il Boston Globe ‘almeno altre due bombe’ sono state individuate. In precedenza era stata data notizia di un terzo ordigno fatto brillare con un’esplosione controllata dagli artificieri.

La polizia di New York ha incrementato le misure di sicurezza in alberghi e altri luoghi ritenuti sensibili, in seguito alle esplosioni avvenute alla maratona di Boston. Paul Browne, portavoce del dipartimento di polizia di New York (NYPD), ha spiegato che le squadre di risposta agli eventi critici resteranno dispiegate in tutta la città finché non si saprà di più sulle esplosioni.

La polizia britannica ha annunciato una revisione dei piani di sicurezza per la maratona di Londra, che si correrà domenica, a causa delle esplosioni avvenute a Boston al termine della maratona che ogni anno si corre nella città del Massachusetts. Lo rende noto un portavoce della polizia metropolitana di Londra, spiegando che le autorità stanno lavorando con gli organizzatori della gara per analizzare i piani per la sicurezza dell’evento di domenica. Il direttore esecutivo della corsa, Nick Bitel, ha espresso il proprio sgomento e la propria tristezza per la situazione a Boston, affermando che ‘è un giorno molto triste per l’atletica e per i nostri amici che corrono la maratona’.

Le esplosioni sono avvenute alle 14,50 locali (le 20,50 in Italia) e a distanza di venti secondi l’una dall’altra, al traguardo della maratona di Boston.

Tra il pubblico scene di terrore e di panico, corpi a terra. La prima esplosione è avvenuta circa tre ore dopo che il vincitore della maratona ha tagliato il traguardo, e poco dopo c’è stata la seconda esplosione.

Una reporter di una tv locale del New England vicina al luogo dell’esplosione ha visto una delle vittime che ha perso entrambe le gambe. ‘Ero così vicina, è stato spaventoso. Ho sentito la forza dell’esplosione. La gente scappava. Ho visto vittime proiettate dappertutto’, ha detto Jackie Bruno della Necn.

Il consolato italiano a Boston, in stretto raccordo con l’Unità di Crisi della Farnesina, ha attivato immediatamente tutti i necessari contatti allo scopo di verificare l’eventuale presenza di italiani e di prestare loro eventualmente assistenza.

La Maratona di Boston è la più antica tra le maratone annuali che si svolgono al mondo. La gara parte da Hopkinton, nel Massachusetts, e si conclude a Boston, presso Copley Square, il terzo lunedì del mese di aprile, in occasione del Patriot’s Day, festa riconosciuta nel Maine e nel Massachusetts che celebra l’inizio della Guerra di indipendenza americana. Alla gara partecipano ogni anno circa 20 mila atleti. La maratona è aperta a chiunque abbia compiuto 18 anni, ma è necessario che i partecipanti abbiano raggiunto nei 18 mesi precedenti la manifestazione un tempo conseguito in una maratona ufficiale inferiore a un massimo prestabilito. Che varia in funzione del sesso e dell’età del partecipante e va da un minimo di 3h 10′ per gli uomini e 3h 40′ per le donne di età compresa tra i 18 e i 34 anni a un massimo di 5h 00′ per gli uomini e 5h 30′ per le donne di età superiore agli 80 anni.

La gara, che quest’anno celebrava la sua 117esima edizione, era stata vinta dall’etiope Lelisa Desisa tra gli uomini (2h10’22”) e dalla keniana Rita Jeptoo tra le donne (2h26’25”). L’ultimo miglio della maratona di Boston era dedicato ai sopravvissuti della strage nella scuola di Newtown, l’episodio che ha rilanciato negli Usa il dibattito sul controllo delle armi.

Roma, presidiati obiettivi sensibili Usa. Decine di obiettivi sensibili statunitensi a Roma blindati e presidiati dagli uomini delle forze dell’ordine. E’ l’intensificazione dei controlli disposta da un’ordinanza del Questore di Roma, dopo l’attentato nella maratona di Boston. I controlli riguardano aeroporti, università statunitensi oltre agli uffici delle ambasciate americane, il consolato e la residenza dell’ambasciatore. Decine gli uomini delle forze dell’ordine impiegati nella Capitale in supporto a quelli già presenti.

Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, esprime ‘solidarietà e vicinanza al popolo statunitense e alle famiglie delle vittime e ai feriti del vile attentato di Boston‘. ‘Un episodio – sottolinea – che lascia sgomenti e ci spinge a rinnovare la più ferma condanna nei confronti di una violenza insensata capace di trasformare in orrore una giornata festosa per la città di Boston. Siamo certi che gli Stati Uniti sapranno reagire riaffermando civiltà e senso di giustizia’.

‘E’ devastante vedere quelle immagini, fa impressione: cosi’ si colpisce gente che condivide una passione’. Franca Fiacconi, vincitrice della maratona di New York nel 1998, commenta a Sky sport24 l’attentato a Boston. ‘Non ho parole – dice la 44enne maratoneta romana -. L’11 settembre è stato diverso, adesso si è colpita in pieno la gioia di vivere’. Per la Fiacconi, che svela di aver ricevuto in mattinata una mail dalla Maratona di New York in cui si rende noto che gli organizzatori stanno già lavorando per assicurare all’evento ancor più sicurezza, è giusto che domenica si corra sulle strade di Londra: ‘Dobbiamo dare un segnale di compattezza. Londra deve fare la sua maratona, pensando magari meno all’agonismo e più alla solidarietà’.

‘A quanto ci risulta al momento, non ci sono italiani coinvolti’, nelle esplosioni di Boston. Lo ha detto il capo dell’unità di Crisi della Farnesina, Claudio Taffuri, parlando a Radio Anch’Io. ‘Già da ieri sera il Consolato italiano ha inviato team sul posto e nei principali ospedali e ha stabilito un contatto con le forze dell’ordine’, ha spiegato Taffuri, precisando che l’evento della maratona era così altamente frequentato che in questa fase è molto complesso avere dati e numeri precisi.

L’attentato alla maratona di Boston sembra più l’opera di terroristi interni che di Al Qaeda: ad affermarlo è Richard Barrett, ex coordinatore dell’Onu per il gruppo di monitoraggio su al Qaeda e sui talebani, citando la scelta del giorno e le dimensioni ridotte dell’ordigno. Barrett, che ha lavorato con i servizi segreti britannici e ora è al Qatar International Academy for Security Studies, ha ricordato che ‘è successo durante il Giorno dei Patrioti, che è anche l’ultimo giorno per gli americani per pagare le tasse. E Boston è una città abbastanza simbolica. Questi sono piccoli indicatori’. Proprio da Boston partì nel 1773 la protesta delle colonie americane contro le tasse imposte dall’impero britannico, che portò due anni più tardi allo scoppio della rivoluzione americana. In onore di quel movimento, nel 2006 è nato il ‘Boston Tea Party’, l’ala oltranzista delle destra repubblicana.

L’analista di sicurezza nazionale della Cnn, Peter Bergen, è convinto che alcune informazioni diventeranno più chiare una volta che la polizia avrà reso noto che tipo di esplosivo è stato usato, dal momento che Al Qaeda spesso impiega ordigni a base di perossido di idrogeno. L’utilizzo di un altro tipo di esplosivo potrebbe quindi essere un segnale di un coinvolgimento di estremisti di destra. Anche Bergen ha osservato che l’esplosione gli ha ricordato le bombe di Oklahoma City, opera del terrorista americano Timothy McVeigh che proprio il 19 aprile 1995 fece 168 morti e oltre 680 feriti. ‘Gruppi di destra hanno provato ad attaccare, per esempio, la parata in memoria di Martin Luther King nell’Oregon nel 2010. Quindi, se è un ordigno di qualche tipo, non dovremmo saltare alle conclusioni su da dove proviene’.

‘Non possiamo abbassare la guardia nell’azione volta ad assicurare la pace e la sicurezza per la comunità internazionale, come previsto dalla Carta delle Nazioni unite, nonché la sicurezza per i nostri cittadini’. Lo scrive il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in una lettera inviata al Presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Il presidente della Repubblica ha espresso a Obama ‘i sensi della più profonda solidarietà e sdegno’ per l’attacco terroristico di Boston. ‘Hanno colpito dove le nostre società sono più vulnerabili, perché impegnate nella quotidiana costruzione di una serena convivenza civile. Tuttavia nessun atto di violenza ci impedirà di tenere fede ai nostri valori e alla nostra fiducia nella libertà, nella democrazia e nello stato di diritto’.

Per l’Italia, che vive una complessa transizione istituzionale, l’attacco terroristico di ieri è un potente monito sulle incertezze e le insicurezze di un mondo complesso e interdipendente’. E’ uno altro passaggio della lettera che Napolitano ha inviato al presidente degli Stati Uniti. ‘Nessun Paese può isolarsi e l’Italia è parte di uno stesso quadro europeo, atlantico e internazionale’, rileva Napolitano. ‘Siamo quindi chiamati a rispondere in modo coerente alle diverse istanze e sfide del mondo esterno se vogliamo assicurare il benessere del nostro popolo’.

‘Mentre si avvicina nei prossimi giorni la scadenza del mio mandato, sono fiducioso che l’Italia manterrà il proprio coerente impegno nella lotta contro il terrorismo e per assicurare la pace, la stabilità e la sicurezza’ conclude Napolitano la lettera rivolta al presidente Obama.

Anche  il presidente afgano Hamid Karzai ha condannato stamani gli attacchi di Boston. ‘Il presidente esprime il suo dolore per le vittime civili provocate dall’esplosione di due bombe – si legge in una nota dell’ufficio di Karzai -. Avendo sofferto per anni a causa di attacchi terroristici e avendo pianto vittime civili, il nostro popolo comprende bene il dolore e la sofferenza provocati da simili incidenti’.

Pechino ‘condanna fortemente’ l’attentato di Boston e ‘si oppone fermamente a ogni attacco contro la gente comune’. Lo ha detto oggi il ministero degli Esteri cinese. ‘Inviamo le nostre profonde condoglianze alle vittime a ai loro familiari’, ha affermato il portavoce del ministero, Hua Chunying. Nell’attacco alla maratona è rimasta ferita una studentessa cinese, ha detto Hua, aggiungendo che il consolato di New York si è attivato per prestarle assistenza.

L’Iran ha condannato ‘con forza’ il doppio attentato che ha funestato la maratona di Boston uccidendo almeno tre persone. Lo ha detto il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Ramin Mehmanparast.

Il principe Harry prenderà parte alla maratona di Londra domenica prossima, come previsto, nonostante quanto accaduto ieri a Boston. Lo ha confermato un portavoce di St. James Palace. ‘Per quanto ne sappiamo, non c’è motivo che suggerisca cambiamenti di programma’, ha detto un portavoce del Palazzo Reale, confermando la presenza di Harry e specificando che le questioni di sicurezza sono di competenza della Polizia.

L’atto criminale’ di Boston è ‘una sorta di riproduzione di quanto avvenuto in passato, le cui ripercussioni sui musulmani e sull’Islam non si verificheranno di nuovo’. Lo scrive su Facebook il numero due del partito dei Fratelli musulmani egiziani Essam el Eryan. ‘Anche se condividiamo il dolore degli americani, bisogna leggere bene fra le righe: chi potrebbe non essere soddisfatto delle riforme democratiche malgrado le difficoltà della transizione? Chi ha scatenato l’islamofobia attraverso i media? Chi finanzia il terrorismo?’

Procedura di ‘decontaminazione‘ su un aereo Air France in partenza da Parigi per New York, dopo il ritrovamento a bordo di un bagaglio sospetto. Secondo quanto si è appreso, i passeggeri del volo Air France 012 in partenza alle 10:35 dall’aeroporto parigino di Charles de Gaulle e diretto a New York JFK, sono stati fatti scendere dopo che è stata decisa l’applicazione della procedura di sicurezza. Il piano è scattato per il ritrovamento di una valigia, probabilmente lasciata a bordo da un passeggero di un volo precedente. Dopo una perlustrazione integrale dell’apparecchio, il volo è partito con due ore di ritardo. Air France ha precisato che la decisione è stata presa d’intesa con ‘le autorità responsabili per garantire la sicurezza dei passeggeri’. Subito dopo le esplosioni di Boston, è stata rafforzata in tutta la Francia la sicurezza e la vigilanza nei luoghi più sensibili. Il ministro dell’Interno, Manuel Valls, ha ricordato le minacce ricevute dalla Francia dopo l’intervento armato in Mali.

 La Turin Half Marathon, 21 chilometri tra Torino e Collegno,domenica prossima si correrà col pensiero alle vittime di Boston. Ad annunciarlo è stato Luigi Chiabrera, che ha presentato la gara di domenica con le immagini di Boston che scorrevano sullo sfondo. ‘Se lo scopo degli attentati era di farci restare a casa, noi non accettiamo questo ricatto’. Tanto più che tra le maratone di Torino e Boston c’è un antico gemellaggio, perché sono nate entrambe nel 1897. Il caso, inoltre, ha voluto che domenica le magliette consegnate ai partecipanti alla mezza maratona saranno nere. ‘L’avevamo deciso settimane fa – ha ammesso Chiabrera – ma è stata una casualità significativa, sarà un segno di lutto per gli amici di Boston’.

Secondo esperti citati dal Boston Globe, gli ordigni erano rudimentali e questo porterebbe a escludere una matrice esterna, l’opera cioè di un governo straniero o di una organizzazione globale come Al Qaeda. Ma le bombe potrebbero esser state azionate da estremisti islamici residenti negli Stati Uniti e influenzati da imam in Medioriente, estremisti interni di sinistra o di destra o folli maniaci senza una agenda ideologica. Gli estremisti islamici ‘sarebbero i primi sospetti, ma ci sono molte altre possibilità’, ha detto Micahel Jenkins, uno specialista di terrorismo alla Rand Corporation. Radicali islamici negli Usa sono stati responsabili di decine di atti di violenza arrivati o meno in porto, tra cui l’autobomba di Times Square tre anni fa e la sparatoria a Fort Hood nel 2009 in 13 persone sono rimaste uccise.

La polizia sta ancora lavorando per mettere in sicurezza l’area dell’attentato alla maratona di Boston e l’operazione richiederà ancora ‘almeno due giorni’. Lo ha affermato il capo della polizia Ed Davis in conferenza stampa. La scena del crimine, ha spiegato Davis, ‘è molto complessa e stiamo agendo sotto il controllo dell’Fbi e dell’antiterrorismo. C’è una zona che è controllata solamente dall’Fbi. L’area transennata è stata ridotta da 15 a 12 isolati e cercheremo di riaprire il maggior numero di strade possibile e far tornare a casa le persone evacuate’.

‘No comment’ Fbi su sospettato fermato. ‘La nostra missione è chiara è portare i responsabili di fronte alla giustizia, ma ci vorrà tempo’. E’ quanto ha detto nella conferenza stampa a cui hanno partecipato tutte le autorità del Massachussets, Rick Deslauries, l’agente speciale dell’Fbi incaricato delle indagini.

‘Normali cittadini diventati eroi’: le autorità locali, a partire dal sindaco di Boston Thomas Menino, rendono omaggio a tutte le persone che nei terribili momenti seguiti alle due esplosioni vicino al traguardo della maratona di Boston ‘hanno salvato numerose’ vite, prestando i primi soccorsi ai feriti e aiutando il personale medico: corridori, persone che sulle tribune assistevano alla maratona, fotografi. Il sindaco ha quindi lanciato un appello alla popolazione perché collabori con le autorità fornendo tutte le informazioni e le immagini possibili: ‘Dobbiamo lavorare insieme. Boston è una città forte e lo dimostrerà anche in questi momenti di terribile difficoltà’.

Il bilancio: tre morti e 176 feriti. Il bilancio definitivo dell’attentato di Boston è di tre morti e 176 feriti. I feriti gravi sono 17. Lo ha detto il capo della polizia Ed Davis.

Quella sull’attacco alla maratona di Boston è una ‘indagine globale’. Lo ha detto Fbi: ‘Andremo fino alla fine della terra per trovare i colpevoli’.

Le radiografie di uno dei feriti nelle esplosioni di ieri alla maratona di Boston hanno evidenziato nelle lesioni la probabile presenza di pallini per armi ad aria compressa. È quanto afferma il dottor Stephen Epstein del dipartimento di medicina d’urgenza al Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, il quale spiega in una mail che le radiografie fatte a una gamba ferita, da lui esaminate, mostrano ‘quelli che appaiono essere piccoli oggetti rotondi sparsi nell’arto, simili a colpi per armi ad aria compressa’. L’esatta natura degli oggetti, ha però precisato, deve essere ancora accertata.

‘Nessuno è al momento è stato arrestato’. Lo ha detto il capo della polizia di Boston, Ed Davis, rispondendo alle domande dei giornalisti. L’agente dell’Fbi, Rick Deslauries, non aveva voluto rispondere alle domande riguardo ad eventuali sospetti e persone fermate.

Il capo del Pentagono Chuck Hagel ha definito l’attentato di Bostonun crudele atto di terrore‘. Hagel è stato il primo dell’amministrazione a usare ‘on the records’ la parola terrore per la strage di Boston.

La polizia federale, attraverso l’agente Rick DesLauriers, ha dichiarato di non essere stata a conoscenza di informazioni su un eventuale minaccia prima della maratona di Boston.

 Il console spagnolo a Boston, Pablo Sanchez-Teran, è stato destituito per aver chiuso il consolato due ore dopo l’attentato alla maratona. Lo riferisce il sito di El Mundo, citando fonti del ministero degli Esteri. ‘Era l’ora di chiusura’, ha detto il console quando è stato intervistato dalla rete televisiva Marca Tv. La sua risposta, assieme al fatto che Sanchez- Teran non ha fornito nessun numero telefonico per le emergenze, ha sollevato un’ondata di polemiche su Twitter. Ai commenti ironici, con la battuta ‘lavora meno del console di Boston’ diventata ormai un tormentone, si sono aggiunte le lamentele dei tanti spagnoli che si trovavano a Boston e hanno trovato il consolato chiuso. E oggi il ministro degli Esteri, Jose Manuel Gracia Margallo, ha deciso di destituire il console ‘per mancato compimento dei suoi obblighi’. Nessuno spagnolo è rimasto ferito nell’attentato, ma molti si trovavano ieri a Boston. Ben 91 spagnoli hanno partecipato alla maratona, diversi dei quali accompagnati da parenti e amici. A loro si aggiungono 3.980 spagnoli che risiedono nella città americana, fra cui studenti e docenti universitari.

Molti maratoneti sono in fila negli ospedali per donare il sangue.

 Un jet passeggeri della Us Airways è stato evacuato e circondato dalla polizia all’aeroporto Logan di Boston. L’aereo si trova all’inizio della pista e tutti i bagagli sono stati scaricati e posizionati sulla destra del velivolo. I veicoli di emergenza dello scalo si trovano a circa 50 metri di distanza dal jet. Lo hanno riferito le tv locali. Il volo dell’Us Airways 1716 è stato fermato sulla pista di decollo dell’aeroporto Logan di Boston per questioni di sicurezza.

Dopo l’attacco durante la maratona di Boston ‘ci sarà senza dubbio, e per un certo periodo di tempo, un clima di sospetto attorno a questo tipo di eventi. In particolare mi viene in mente la Maratona di Londra’, lo ha detto Joel Laine il responsabile della Maratona di Parigi, Joel Laine, secondo quanto riferiscono i media britannici. ‘Penso all’ansia che susciterà tra coloro che vi prenderanno parte e le loro famiglie’.

Un pacco sospetto è stato trovato questa mattina all’aeroporto LaGuardia di New York. La polizia, come riporta Bloomberg, per precauzione ha fatto evacuare il terminal centrale dello scalo. Gli aerei sono stati allontanati dagli edifici dell’aeroporto.

E’ cessato l’allarme per un pacco sospetto all’aeroporto La Guardia di New York e quello allo scalo Logan di Boston dove un aereo, già in fase di decollo, era stato evacuato. Lo riferiscono i media americani.

‘Un pensiero commosso ai feriti e alle vittime’ dell’attentato di Boston e l’invito a osservare un minuto di silenzio per onorarle. E’ quanto ha espresso il presidente del Senato, Pietro Grasso ad avvio di seduta dell’assemblea. Grasso ha concluso condannando ‘con fermezza questo mostruoso crimine’.

Barack Obama ha ordinato di esporre le bandiere a mezz’asta alla Casa Bianca e sui principali edifici federali per onorare le vittime dell’attentato alla maratona di Boston. ‘E’ un segno di rispetto per le vittime di questo insensato atto di violenza’, ha affermato il presidente, riferisce il sito Politico.com.

Il presidente americano apparso in tv per il suo messaggio. ‘Non sappiamo chi sono i colpevoli. Sappiamo come abbiamo reagito. Sappiamo che ci sono stati ordigni esplosivi. Ma non il motivo. I primi soccorritori hanno fatto il possibile, ma abbiamo assistito a scene di solidarietà. Tutti hanno cercato di aiutare. Se volete sapere com’è l’America, come reagiamo al male, l’esempio è quello di ieri. Aiuto, solidarietà, non paura. Tutti dobbiamo continuare ad aiutare. Chiunque veda qualcosa o abbia sospetti aiuti’. l presidente Usa chiede agli americani di avere fiducia nel lavoro degli investigatori, dell’Fbi ma di evitare speculazioni sulla matrice dell’attentato.

‘Oggi, come ogni giorno, Israele è fianco a fianco con il popolo americano’ ha detto il premier Beniamyn Netanyahu che ha commentato l’accaduto durante il ricevimento per il corpo diplomatico per il 65/o anniversario della nascita di Israele (‘Yom Hazmaut’) nella residenza del presidente Peres a Gerusalemme. ‘Un giorno di festa che diventa un giorno di terrore. Invio le mie condoglianze al presidente Barack Obama, al popolo americano e ai familiari dei defunti”. Anche Shimon Peres ha espresso il suo cordoglio.

 Gli ordigni usati a Boston erano costituiti da pentole a pressione piene di schegge metalliche, chiodi e cuscinetti a sfera, collegate a detonatori. Lo riportano i media Usa citando fonti di polizia. Le pentole erano in buste di nylon nera o zaini e sono state trovate anche tracce di circuiti elettronici che farebbero pensare all’uso di timer.

 Non è chiaro se fossero state depositate in un cassonetto: una era stata forse collocata su un marciapiede, ha detto una fonte alla Cbs. Senza indurre a conclusioni sulla matrice dell’attentato, la pentola a pressione-bomba è un ordigno che gli esperti di terrorismo ritengono parte dell’addestramento nei campi del Baluchistan tra Pakistan e Afghanistan.

Per la Cnn solo una delle due bombe esplose era in una pentola a pressione nascosta in uno zaino. A riferirlo, si legge sul sito della Cnn, è stato un ufficiale delle forze di sicurezza che partecipa alle indagini sull’attentato che ha fatto 3 morti e 176 feriti.

Quando c’è stata l’esplosione, sulla linea del traguardo della maratona di Boston, nel raggio di qualche decina di metri, c’erano almeno dieci o dodici italiani, assieme ad altre decine di atleti, davanti al pubblico, ma per fortuna nessuno di loro è rimasto ferito. A raccontarlo è Fabrizio Dembech, accompagnatore del gruppo di 67 atleti italiani giunti a Boston con l’organizzazione Terramia, che a sua volta era lì ad aspettarli all’arrivo.

#Boston#Bostonmarathon

Kobe Bryant operato: perfettamente riuscito l’intervento al tendine d’Achille. Stop dai sei ai nove mesi

kobe--473x264E’ perfettamente riuscito l’intervento chirurgico per riparare la lesione al tendine d’Achille della gamba sinistra di Kobe Bryant. Sono i Los Angeles Lakers a comunicarne la perfetta riuscita con un comunicato sul proprio sito ufficiale: l’operazione è stata eseguita dai medici Neal ElAttrache e Stephen Lombardo del Kerlan Jobe Orthopaedic Group. Per quello che concerne il recupero, si parla di uno stop che va dai sei ai nove mesi.

Durante i primi 30-40 giorni, la guardia avrà la gamba immobilizzata. Bryant, 34 anni, si è infortunato nel finale della gara vinta dai suoi Lakers contro i Golden State Warriors.

Prima di entrare in sala operatoria Kobe ha postato una foto sul proprio profilo Instagram con scritto: ‘In vista dell’operazione. Sembro Mrs Doubtfire. Tra poco l’anestesia’. I gialloviola sperano di averlo per la prima partita della stagione 2013-2014, a novembre.

L’operazione per la riparazione del tendine è stata coronata da successo ma Bryant non sarà disponibile ‘da un minimo di sei fino a nove mesi’, hanno comunicato i Lakers. Secondo il preparatore atletico del club, Gary Vitti, l’obiettivo è che Bryant sia disponibile per l’inizio della stagione 2013/14, tra fine ottobre e inizio novembre. Kobe ‘ha accettato la sfida’, ha detto Vitti.

Dolorante dopo l’infortunio, la 34enne stella del basket ha comunque escluso che quanto accaduto possa indurlo a porre fine a una lunga e sfolgorante carriera che lo ha consacrato cinque volte campione Nba (2000, 2001, 2002, 2009, 2010) e due volte olimpionico (Pechino 2008 e Londra 2012). ‘Ci sono un sacco di giocatori che hanno avuto questo stesso infortunio, dunque posso farcela”, si è ripromesso. Tra gli atleti che si sono rotti il tendine d’Achille e sono poi tornati alle competizioni c’è David Beckham.

L’ex capitano della Nazionale inglese si infortunò durante una partita di serie A quando era in prestito al Milan, ed è poi sceso nuovamente in campo con i Los Angeles Galaxy e, ultimamente, con il Paris Saint-Germain. Kobe Bryant è crollato a terra, per il cedimento del tendine, a tre minuti dalla fine del match contro i Golden State Warriors (vinto 118-116), in seguito ad un banale movimento di aggiramento di un avversario che aveva ripetuto ‘un milione di volte’. ‘Una sensazione terribile’, ha commentato il fuoriclasse, definendo l’infortunio il momento peggiore della sua carriera.

Gallinari infortunato, oggi la risonanza magnetica

gallinari-538x348Danilo Gallinari su una sedia a rotelle viene accompagnato nello spogliatoio dei Denver Nuggets: il dolore è lancinante, per il ginocchio sinistro dell’azzurro il rischio è della rottura del crociato anteriore. Oggi la risonanza chiarirà l’entità del danno, ma probabilmente la stagione del Gallo è finita anzitempo.

L’azzurro, che da tempo gioca nella Nba, ha vissuto una serata drammatica durante la gara che i suoi Nuggets hanno vinto in casa per 95-94 contro i Dallas Mavericks (36-39).

A circa 4 minuti e mezzo dalla fine del primo tempo, Gallinari si è infortunato da solo nel corso di un’azione offensiva.

Il numero 8 fino a quel momento aveva segnato 9 punti. Il ‘Gallo’ stava andando in offensiva contro il canestro avversario; provando ad evitare la difesa di Dirk Nowitzki ha compiuto un movimento innaturale con il ginocchio sinistro.

L’articolazione si è piegata verso l’interno e Gallinari è crollato a terra dolorante, prima di essere soccorso dallo staff medico dei Nuggets e condotto fuori a braccia da due compagni.

Da qualche settimana sono iniziati i playoff, e ora Denver ha paura di perdere uno dei suoi giocatori più importanti proprio nel momento vitale della stagione. Gallinari assicurava una media di 16,3 punti a partita, configurandosi come il secondo marcatore di una squadra che, al completo, potrebbe puntare al top nella post season.

Blog at WordPress.com.