Alexander McQueen | Spring/Summer 2014 | Campaign Film

The CAMPAIGN SHOT BY STEVEN KLEIN, FEATURING KATE MOSS

Inspiration comes from the many progressive art movements of the early Twentieth Century – a mix of primitive shapes, graphic forms and bold colour. There is a suggestion of the clean lines and the dropped waist of the 1920s in places.

Kilts, leggings, biker jackets, boxy coats and tunic tops all feature with a nod to uniform and sportswear. Shoulders are relaxed. Inner structures are absent and garments are finished with laser cutting so that they are eased and light.

Metal embellishment, jewellery, and aged multiple zip trim are reminiscent of found objects as are heavy bracelets in different geometric forms. Triple layer box pleats, sun-ray pleats, bulleting, flocking, perforation and feather embroideries are all key details of the collection. Traditional silk-screen printing and beadwork are elaborate and placement is technically advanced but the overall effect remains graphic and fresh.


http://www.alexandermcqueen.com – A campaign film featuring the Alexander McQueen Spring/Summer 2014 Collection, directed by Steven Klein and featuring Kate Moss.

#CookedNews

Advertisements

A ‘Love Story’ for YelaWolf will arrive in May. ‘Box Chevy V’ is the new single

Yela Wolf – Love Story

On Facebook the date release of ‘Love Story’, the next album of rapper Yela Wolf for the EMINEM’s Shady Records.

‘You must wait for Love Story till May … Release date of Love Story is May … and don’t lose Box Chevy 5, First single of Love Story !!! #LoveStory #BoxChevy5 #SLUMERICAN #Shady#Interscope‘ It’s the comment of the american rap star. The single ‘Box Chevy V‘ realizes the story.

http://shadyrecords.com/
http://www.yelawolf.com/
http://www.youtube.com/user/YelaWolfMusic

#CookedNews

Scarlett Johansson stopped SodaStream from Palestine

intifada-palestine

Scarlett Johansson has stepped down as an Ambassador for Oxfam because of her relationship with SodaStream, a company which operates in the illegal settlement Ma’ale Adumim, in the Occupied West Bank. Scarlett Johansson and Oxfam faced immense pressure from the Boycott Divestment and Sanctions (BDS) campaign who demanded that cut her ties with SodaStream or Oxfam cut their ties with Scarlett Johansson.

Scarlett Johansson described Oxfam’s opposition to her support for a company which operates in an illegal settlement as ‘a fundamental difference of opinion’. Oxfam described Scarlett’s role for SodaStream was ‘incompatible‘ with her work for Oxfam. Settlements are illegal under international law, and an obstacle to peace – therefore settlement production relies on, and supports, an activity that is illegal.

Director of Palestine Solidarity Campaign, Sarah Colborne, said: ‘Scarlett Johansson’s decision to represent SodaStream clearly violated Oxfam’s policy of supporting human rights and justice. By choosing to represent a company that operates in an illegal settlement on stolen Palestinian land, she has already suffered major reputational damage. And by prioritising SodaStream over Oxfam, she has decided to profit from occupation, rather than challenge global poverty. We thank all our supporters who made it clear to Oxfam that they needed to break from Scarlett Johansson or risk facing a haemorrhaging of support in the UK and internationally. 

Sodastream, a carbonated beverage manufacturer is based in the Mishor Adumim settlement industrial zone. Mishor Adumim is an industrial area attached to the residential settlement of Ma’ale Adumim, East of Jerusalem in the Israeli occupied West Bank. Israeli company Soda Club, which owns the Sodastream brandname. Sodastream, a carbonated beverage manufacturer is based in the Mishor Adumim settlement industrial zone. Mishor Adumim is an industrial area attached to the residential settlement of Ma’ale Adumim, East of Jerusalem in the Israeli occupied West Bank.

On 15/02/2014, 12:00 pm – 2:00 pm, Outside John Lewis Dept Storer 300 Oxford Street, London the protest for Free Palestine against Sodastream policy.

Date
15/02/2014
12:00 pm – 2:00 pm

Location
Outside John Lewis Dept Store
300 Oxford Street
London – 

http://www.palestinecampaign.org/
https://www.facebook.com/palestinesolidarityuk

#CookedNews

Nuovo spot 2014: The World of Red Bull, freestyle roba da Red Bull

danny-macaskill

Watch a preview of the newamazing spot by Red Bull for 2014, which has as protagonists the athletes of his team, featuring Danny MacAskill, Blake Griffin, Sebastian Vettel, Ryan Sheckler


For more biking, check out http://win.gs/1graAL1

‘Way Back Home’ is the incredible new riding clip from Danny MacAskill, it follows him on a journey from Edinburgh back to his hometown Dunvegan, in the Isle of Skye.

You can read about it and watch the interviews with Danny athttp://www.redbull.co.uk/waybackhome

The music is Loch Lomond ‘Wax and Wire’ and The Jezabels ‘A Little Piece’.
http://www.myspace.com/lochlomondmusic |http://www.thejezabels.com

The World of Red Bull: nuovo spot 2014

#TIMETTELEALI http://www.redbull.com/it/it
http://givesyouwings.redbull.com/it-it/video
http://givesyouwings.redbull.com/it-it/stories

http://www.redbull.com/it/it/stories/1331627777487/video-spot-world-of-red-bull-2014-commercial

#CookedNews

Slayer, with special guests Suicidal Tendencies and Exodus, to hit the road

SLAYER, WITH SPECIAL GUESTS SUICIDAL TENDENCIES AND EXODUS,
TO HIT THE ROAD
Trek Will Culminate with Sets at the
2014 “Rock On The Range” in Columbus, OH

LOS ANGELES, CA – TUESDAY, January 21, 2014 — Slayer will take a break from writing and recording their next album to hit the road on May 9 for a handful of dates intended to pummel devotees with a night of moshing and frenetic thrash-punk-metal. Joining Slayer as Special Guests for these shows are Suicidal Tendencies and Exodus, marking the first time Slayer and Suicidal have toured together since the 1990 European “Clash of the Titans” tour. Gary Holt, who continues to fill in for Slayer’s fallen guitarist Jeff Hanneman, will do double-duty as guitarist in his primary band, Exodus.

Tickets for Slayer/Suicidal/Exodus go on sale this Friday, January 24 – log onto www.slayer.net for ticketing information.

“Can’t wait for this week of shows to happen,” said Slayer’s Kerry King. “LOVE Suicidal, and havent played with them in over 20 years! Everyone knows I’m a huge Exodus fan also. I guarantee you I will be watching every show from the stage! Going to be awesome!!!”

“It’s been 24 years since Suicidal Tendencies played with Slayer,” added Suicidal Tendencies’ Mike Muir, “so it’s long overdue that we finally play some shows in the States together. I have lots of great memories from that tour, and know that there will be a lot more after these shows, for the band and the people. Can’t wait!”

Gary Holt states, ” I am very excited to announce Exodus will be joining Suicidal Tendencies and the mighty Slayer in May for a short trip ending at the Rock on the Range! Double duty will have never been so much fun! Looking forward to this one in a big way! Let the mayhem begin!”

The dates will culminate for all three bands at the May 17 “Rock on The Range” rock festival in Columbus, OH, where they will share the stage with artists including Guns N’ Roses, Avenged Sevenfold, and Kid Rock.

Confirmed dates are as follows:

MAY
9 The Great Salt Air, Salt Lake City, UT
10 Fillmore, Denver, CO
11 Shrine, Billings, MT
13 Uptown Theatre, Kansas City, MO
15 The Pageant, St Louis, MO
16 Eagles Ballroom, Milwaukee, WI
17 Rock on the Range, Columbus, OH

ABOUT SLAYER:
The Chicago Tribune’s Greg Kot wrote that the five-time-nominated, two-time Grammy winning Slayer is “one of the great American rock bands of the last 30 years, forget about genre.” Their membership in “The Big Four” – Metallica, Slayer, Megadeth and Anthrax – the four bands that defined the thrash/metal genre – secures their place in music history. Indeed, few bands come close to matching the intensity that Slayer brings to its live shows, having been named “Best Live Band” by numerous media outlets including Revolver, SPIN, and Metal Hammer. With songs that mirror the turmoil and aberrations of our society – God’s terrifying global genocide, the chaos of our broken political system, chemical warfare, the hideous minds of serial killers, and the way-too-close proximity of world horrors that technology has brought us, Slayer remains crushing and brutal, steadfastly refusing to cater to the Mainstream. Slayer’s founding member, guitarist Jeff Hanneman passed in 2012, and Exodus guitarist Gary Holt has been filling in since.

ABOUT SUICIDAL TENDENCIES:
In 1982, before Suicidal Tendencies had ever released any music, readers of the legendary Flipside fanzine voted ST “Worst band and Biggest Assholes.” When ST released its self titled album a year later, they took out a full page ad thanking everyone that voted for them and in bold letters said, “You’ll be sorry!”
The next year Flipside put ST on the cover with the print, “Love them or hate them, they are not going away,” after readers voted them “Best Band, Best new Band and Best record.”
Over the years, many controversies have surrounded the band, including being banned from playing their hometown of LA, and Tipper Gore from the PMRC trying attack the band.
To this day, whether it’s a skater, punk, metalhead, thrasher, alternative, crossover, you’ll see the ST flip hats and shirts all around the world with ST festivals as far away as Indonesia and South Korea, and touring many major festivals in Europe, South America and Asia.
Thirty years later, after several gold records and Grammy nominations, and world wide touring, ST is still loved and hated….and they don’t give a fuck.
As lead singer Mike Muir said, “We’re not hear to play what you like, we’re hear to play what we like, hopefully you’ll like it as much as we do, but Suicidal is not for everyone, so if you don’t, we ain’t losing any sleep over it.”
Now in 2014, Suicidal is still not going way, as the classic ST song say, “You can’t bring me down”!

ABOUT EXODUS:
When it comes to thrash metal, Bay Area thrashers EXODUS epitomize, define, raise the bar and have the genre on lockdown. EXODUS are one of the true forefathers of thrash, hailing an illustrious career spanning 34 years. Their 1984 breakout debut, Bonded By Blood, is a stonewall genre classic featuring cranium-crunching standards such as ‘”A Lesson In Violence”, “Strike Of The Beast” and more. Formed in 1980 with original members Kirk Hammett (guitar), Tim Agnello (guitar), Tom Hunting (drums), Carlton Melson (bass), the line-up has evolved through numerous changes before coming to their current status. EXODUS are Gary Holt (guitar), Lee Altus (guitar), Tom Hunting (drums), Jack Gibson (bass), and Rob Dukes (vocals). To date, EXODUS has released ten studio albums, two live albums and one compilation, including their most recent release of 2010’sExhibit B: The Human Condition via Nuclear Blast Records. EXODUS recently broke ground on their brand of blistering new material, set for tentative release later in 2014. EXODUS has sold over 5 Million albums worldwide.

http://www.slayer.net/us/jeff-hanneman

#CookedNews

Doppia mastectomia per Angelina Jolie: ‘avevo l’87% di probabilità di sviluppare un cancro al seno’

Angelina-Jolie-sexy-sheer-biting-lipLa celebre attrice Angelina Jolie ha rivelato di essersi sottoposta a una duplice mastectomia preventiva per ridurre il rischio di cancro. Lo ha raccontato al ‘New York Times’, spiegando di aver scelto la procedura perché ha un gene che aumenta il rischio di cancro al seno e alle ovaie. ‘I medici ritenevano che avessi l’87% di probabilità di sviluppare un cancro al seno’, ha raccontato. ‘Ho scelto di essere proattiva e di minimizzare al massimo i rischi. E ho deciso di ricorrere a una duplice mastectomia’.

Nell’articolo sul ‘New York Times‘, la Jolie racconta come con i suoi sei figli, tre adottati e tre biologici, parli spesso ‘della mamma di mamma’ e della ‘malattia che ce l’ha portata via’. ‘I mie figli mi chiedevano se la stessa cosa potesse accadere a me’, confessa l’attrice e regista. Ed è soprattutto per rassicurare i suoi bambini che la Jolie ha deciso di sottoporsi a un intervento di ‘mastectomia preventiva‘. Un lungo processo, miracolosamente tenuto segreto ai media, cominciato lo scorso febbraio e finito il 27 aprile. ‘Quando ti risvegli dall’operazione, con i tubi di drenaggio infilati nel seno, ti sembra di stare sul set di un film di fantascienza’, racconta la star spiegando che ha deciso di raccontare la sua storia per dire ‘ad altre donne che la decisione di una doppia mastectomia non è stata facile. Ma è una decisione di cui sono molto contenta. Il rischio di cancro al seno è sceso dall’87% a meno del 5%’. La Jolie si dice anche ‘fortunata’ di avere un compagno come Brad Pitt ‘che è così amorevole e mi sostiene’. ‘La vita è piena di sfide’, conclude l’attrice nel suo articolo, ‘le sfide che non ci devono spaventare sono quelle su cui possiamo intervenire e di cui possiamo assumere il controllo’.

Su Twitter: Angelina Jolie,  angelina jolie tetasangelina jolie braveangelina jolie mastectomy

Un’italiana a Buckingham Palace: sarà la governante di William e Kate

william-kate-official-wedding-photo-familyE’ al momento la posizione più ambita per lo staff dei reali britannici e se l’è aggiudicata Antonella Fresolone, italiana 42enne, nubile, sarà la governante di William e Kate, la giovane coppia reale che si appresta a ‘cambiare vita’ con l’arrivo del bebé a luglio. Lo riferisce in esclusiva il Sunday Express, con un articolo dal titolo italiano: ‘MAMMA MIA! Cucina, pulisce e una volta era tra le più fidate servitrici della Regina‘, sottolineando come la nuova donna di fiducia di duca e duchessa di Cambridge, che avrebbe assunto l’incarico già da una settimana, non mancherà di mettere in tavola manicaretti italiani (pane e pasta fatti in casa) visto che si dice sia un’eccellente cuoca.

Ma non è la sua unica dote, evidentemente, se è stata indicata per ricoprire il delicato compito. Antonella lavora nello staff di Buckingham Palace da 13 anni, pare sia tra i collaboratori domestici più apprezzati da Elisabetta II in persona. Grande lavoratrice con un’etica professionale eccezionale, deve aver risposto anche alle caratteristiche indispensabili di ‘discrezione, lealtà e richieste da William e Kate per chi avesse ricoperto il ruolo.

Si tratta di un lavoro molto impegnativo, perché Antonella dovrà occuparsi praticamente di tutto, cane compreso (di nome Lupo). Una gran fatica ma anche un onore essere stati scelti tra le decine di aspiranti. La signora Fresolone pare si sia già trasferita nel suo nuovo appartamento a Kensington Palace, dove vivrà insieme con Kate, William e il bebé reale.

Per 13 anni al servizio di Sua Maestà a Buckingham Palace, la signora Fresolone ha avuto la meglio su decine e decine di candidate, assicurandosi un ruolo di alta responsabilità e uno stipendio da 23mila sterline annue (27mila euro). Una figura molto popolare nel suo ambiente professionale, la signora Antonella, fama guadagnata grazie al rigore etico, all’abnegazione con cui si è sempre dedicata alle cure della Famiglia Reale e, last but not least, ai suoi deliziosi manicaretti di evidente scuola italica.

Antonella Fresolone ha saputo di essere la ‘prescelta’ due settimane fa. Oltre alla cucina, le sue responsabilità includono la pulizia della residenza dei principi, la cura dei loro abiti, dell’argenteria e dei cristalli, la lavanderia. A lei sarà richiesto di occuparsi di ogni eventuale incombenza e di portare a spasso il cocker spaniel Lupo. Nell’avviso che a gennaio i principi affissero in bacheca a Buckingham Palace venivano richieste anche ‘eccellente capacità di comunicazione, verbale e scritta, capacità di lavorare in proprio e come parte di un team’.

Secondo i bene informati, William e Kate non avrebbero potuto trovare di meglio: Antonella Fresolone lavora in media 37 ore a settimana, dalle 8,30 del mattino alle 5 del pomeriggio, dal lunedì al venerdì, ma anche a tempo pieno quando è richiesto. ‘Antonella è rinomata per il suo lavorare sodo – rivela un insider dell’ambiente reale – è estremamente coinvolta in un lavoro che lei considera la sua vita’.

Il fatto che sia stata assunta è la prova più esplicita che Kate e William lasceranno presto il Galles, dove finora hanno vissuto in un cottage senza servitù, per spostarsi definitivamente nella capitale, probabilmente appena prima del parto. Kate però, per ora, non ha intenzione di ingaggiare una babysitter. Per le prime settimane si trasferirà a casa dei suoi, nel Berkshire, e poi lei e William faranno i genitori a tempo pieno.

Fabri Fibra scende dal palco del Primo Maggio, Cgil, Cisl e Uil lasciano il rapper a casa

Fabri-FibraFabri Fibra scende dal palco del Primo Maggio. E non lo fa di sua spontanea volontà: la sua cacciata è stata voluta dai sindacati confederali, organizzatori del tradizionale Concertone.

Le canzoni del rapper numero uno in Italia sarebbero piene di messaggi omofobi, sessisti e misogini. Queste le accuse mosse, pochi giorni fa, dall’associazione D.i.re (Donne in rete contro la violenza) presieduta da Titti Carrano che in una lettera aperta ai sindacati aveva chiesto l’espulsione di Fabri Fibra dal Concertone. Due, in particolare, i rap contestati: ‘Su le mani‘ (del 2006) che arriva a citare Pacciani e ‘Venerdì 17‘ (del 2004) in cui descrive lo stupro e l’assassinio di una bambina.

Così Cgil, Cisl e Uil hanno lasciato Fibra a casa. Una decisione che a molti potrebbe apparire come una censura preventiva, finora mai utilizzata per il Concertone. Sorpreso dalla scelta, lo storico organizzatore dell’evento Marco Godano rilascia un breve commento: ‘Non è nei nostri poteri rifiutare le indicazioni che ci arrivano dai sindacati’.

Fabri Fibra fa sapere che le sue considerazioni le metterà in rete – via Facebook e Twitter – entro domani. Ma una prima risposta alle accuse di D.i.re l’aveva già affidata a una lettera, pubblicata online dall’ Huffington Post : ‘Il rap, come il cinema, racconta delle storie, alle volte crude alle volte spensierate. Spesso le rime e il rap servono per accendere i riflettori dove c’è il buio’. Aveva anche sottolineato che: ‘Il rapper non prende una posizione sulla canzone che scrive: è l’ascoltatore che è costretto a riflettere e a prendere una posizione.

Nel 2013 sono stanco di essere descritto ancora come il rapper violento: in passato mi accusavano di non rispettare le donne nelle rime, ma io scrivevo quello che vedevo non quello che pensavo’. Ha anche chiamato in causa il regista pulp per eccellenza: ‘Nemmeno Quentin Tarantino, con i suoi film spesso crudi, crede o incita alla violenza; quella non è la realtà. I suoi film non sono documentari. Il rap segue lo stesso principio…’. E ha espresso la sua condanna al femminicidio e alla violenza domestica che ‘ha raggiunto in Italia proporzioni inquietanti. Tutti ne dobbiamo immediatamente prendere le distanze e deprecarla come uno dei peggiori crimini che si possano commettere’.

Le sue spiegazioni però non sono bastate e alle centinaia di migliaia di giovani che affolleranno piazza San Giovanni è stata tolta l’occasione di ascoltare Fibra che con il suo linguaggio esplicito e politicamente scorrettissimo – sulla scia dei ‘maestri’ del rap americano – ha sempre attirato critiche. Però per lui sono sempre stati fortissimi anche i consensi: il suo nuovo album, ‘Guerra e pace‘, ha debuttato al primo posto in classifica e ha conquistato un disco d’oro. Il Concertone, in diretta su Rai3, sarà presentato da Geppi Cucciari. Il cast, ancora da definire, comprende Elio e le Storie tese, Nicola Piovani e un’orchestra di strumentisti rock. Ma con l’espulsione di Fibra ora è a corto di star. (fonte Corsera)

Ed ecco la risposta del rapper dal suo profilo Facebook. ‘Concertone del Primo Maggio in Piazza San Giovanni: nemmeno quest’anno sarò su quel palco. Mi sembrava strano. In effetti, l’invito entusiasta da parte di Marco Godano mi aveva sorpreso, era una bella novità. Invece poi non sono gli organizzatori che decidono chi suona in piazza. Nei miei testi forse non tutti ci leggono l’impegno politico o sociale necessario per eventi del genere. Nel 2013, per alcuni, il rap e i suoi meccanismi artistici sono ancora da interpretare e da capire fino in fondo. Qualcuno voleva che io suonassi e qualcuno no. Nonostante il tentativo, non si fa nulla. Il Primo Maggio è ancora soggetto a certi schemi che in altri circuiti live non ci sono o comunque non ci sono più. Penso in ogni caso che i concerti siano una bella occasione per i ragazzi di vivere esperienze musicali reali. Ci vediamo comunque in tour quest’estate e quest’autunno.’

Papa Francesco a Sant’Anna in strada tra la folla, saluta i fedeli e la famiglia Orlandi

++ PAPA: SALUTA PIETRO ORLANDI, FRATELLO EMANUELA ++Un gesto sorprendente, di totale rottura col protocollo: al termine della prima messa nella parrocchia di Sant’Anna, Papa Francesco è uscito a salutare i fedeli eludendo la sicurezza. Per lunghi minuti ha stretto mani, abbracciato, baciato bambini tra l’entusiasmo della folla. Tra i fedeli in fila per incontrarlo, anche Pietro Orlandi, il fratello di Emanuela, la ragazzina scomparsa nel 1983. Bergoglio si è fermato a parlare con Orlandi e, secondo alcune indiscrezioni, avrebbe preso l’impegno di rivederlo presto. Un’apertura per i familiari della giovane che più volte in passato avevano chiesto invano a Ratzinger di parlare del caso durante l’Angelus.

‘Gli ho chiesto di aiutarci a cercare la verità sulla scomparsa di Emanuela – ha detto il fratello Pietro rivolgendosi ai giornalisti. La mia sensazione è che ci sarà un dialogo dopo due Pontificati di silenzio assoluto’. Visibilmente emozionato ha aggiunto: ‘In questo momento sono sicuro che con questo Papa ci si potrà parlare. Mi auguro di poterlo incontrare al più presto’. Con lui la mamma Maria che non ha mai smesso di lottare per la verità.

Papa Francesco è apparso disinvolto anche nel discorso del suo primo Angelus di fronte a una folla di più di migliaia di fedeli: 150.000 secondo la Santa Sede, 300.000 per il comune di Roma, chissà quante per la messa di inaugurazione del Pontificato di martedì prossimo.  ‘La misericordia rende il mondo più giusto’, ha spiegato, affacciandosi dalla finestra del suo appartamento, alla terza loggia del palazzo apostolico. Un tema già emerso durante l’omelia della messa a Sant’Anna: ‘Ci piace condannare, ma Dio è misericordia’.

Per le sue prime parole, dopo quelle ascoltate nel giorno della sua elezione, Bergoglio ha mantenuto la cifra informale con cui ormai sta abituando il mondo, e si è concesso qualche battuta:  ‘In questi giorni ho letto un libro del cardinale Kasper, un buon teologo. E’ un libro sulla misericordia che mi ha fatto tanto bene… Ma non credete – ha aggiunto con un sorriso – che faccio pubblicità ai libri dei miei cardinali. Non è così’.

E’ un papa carismatico che conquista i fedeli. San Pietro era gremita per questo primo Angelus. La folla ha accolto  il pontefice con un boato quando è apparso alla finestra, ancora prima di incominciare a parlare. Migliaia di persone sono arrivate lì per sentirlo e hanno atteso accalcandosi nella piazza. Molte le famiglie con bambini, ma anche anziani e religiosi. Centinaia gli argentini con bandiere bianche e azzurre. Papa Francesco Umilde

Un legame spirituale con l’ItaliaNel suo breve discorso Bergoglio ha voluto rendere omaggio all’Italia e al suo ruolo di vescovo di Roma.  ‘Ho scelto il nome del patrono d’Italia, san Francesco d’Assisi, e ciò rafforza il mio legame spirituale con questa terra, con questa terra dove, come sapete, sono le origini della mia famiglia’, ha aggiunto.

Prima di ritirarsi dal balcone della terza loggia ha esclamato: ‘non dimenticate questo: il Signore mai si stanca di perdonare, siamo noi che ci dimentichiamo di chiedere perdono’. E con il tratto informale che lo contraddistingue ha concluso: ‘Buona domenica e buon pranzo’. Passano pochi minuti e il pontefice dimostra di essere anche al passo con i tempi mandando il primo tweet: ‘Cari amici vi ringrazio di cuore e vi chiedo di continuare a pregare per me. Papa Francesco‘.

Il nuovo Pontefice è il cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio

Jorge Mario BergoglioIl nuovo Pontefice è il cardinale argentino Bergoglio. E’ stato eletto al quinto scrutinio. E’ il primo Papa sudamericano della storia. Timido, schivo, di poche parole, Jorge Mario Bergoglio è il primo Papa gesuita. In realtà, secondo molte fonti, quello che fino ad oggi era l’arcivescovo di Buenos Aires, aveva già rischiato seriamente di essere eletto nel Conclave del 2005, dove ha certamente avuto un notevole numero di preferenze. Napolitano emozionato e colpito dalla semplicità del Pontefice.

La fumata bianca dal comignolo della Cappella Sistina dove i cardinali sono riuniti da ieri ha segnalato che il nuovo Papa è stato eletto. Giorgio Bergoglio eletto Papa era già arrivato vicino al soglio pontificio nello scorso Conclave, quando arrivò per così dire secondo, e poi fu invece eletto pontefice Joseph RatzingerL’argentino Bergoglio è il primo Papa sudamericano della storia.

Settantasei anni, arcivescovo di Buenos Aires Jorge Mario Bergoglio, è nato il 17 dicembre del 1936 nella stessa città argentina di cui oggi è arcivescovo. E’ gesuita ed ha origini italiane. Il bisnonno del cardinale, appena eletto dal Conclave al soglio pontificio, è nato a Portacomaro, in provincia di Asti. Da lì il padre del Pontefice emigrò a Torino prima di emigrare in Argentina. Nei giorni scorsi il sindaco di Asti, Fabrizio Brignolo, lo aveva invitato con una lettera a visitare i suoi luoghi natale.

Bergoglio subì l’asportazione di un polmone da ragazzo, a causa di una infezione respiratoria.

Quando il nuovo pontefice si è affacciato dalla loggia di Piazza San Pietro la folla è esplosa in un lungo boato ed ha cominciato a ritmare il nome ‘Francesco, Francesco’.

‘Incominciamo questo cammino della chiesa di Roma, vescovo e popolo insieme, di fratellanza, amore, fiducia tra noi, preghiamo uno per l’altro, per tutto il mondo, perché ci sia una grande fratellanza. Questo cammino di chiesa sia fruttuoso per l’evangelizzazione’. Lo ha detto Papa Francesco.

I fedeli di piazza San Pietro si sono sciolti in una risata quando il nuovo pontefice Jorge Bergoglio ha fatto la battuta sui suoi colleghi cardinali che hanno scelto un vescovo di Roma e lo sono ‘andati a prendere alla fine del mondo’.

Papa Francesco ha benedetto in latino tutti i presenti, concedendo l’indulgenza plenaria.

E’ stata tangibile la commozione in piazza San Pietro tra i fedeli, quando papa Francesco I ha chiesto che fedeli pregassero per alcuni istanti per lui. E’ stato un continuo vociare di fedeli che dicevano ‘Bravo, bravo’.

‘Vi lascio, grazie tante dell’accoglienza, domani andremo a pregare la Madonna, perchè custodisca Roma, buona notte e buon riposo’. Lo ha detto salutando la folla in piazza San Pietro Papa Francesco I.

Il nome Francesco scelto dal nuovo Papa richiama le parole del Poverello di Assisi usate da Benedetto XVI nel salutare i cardinali e promettere incondizionata ‘riverenza e obbedienza’ al suo successore. Lo ricorda padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del Sacro convento di Assisi.

Timido, schivo, di poche parole, Jorge Mario Bergoglio è il primo Papa gesuita. In realtà, secondo molte fonti, quello che fino ad oggi era l’arcivescovo di Buenos Aires, aveva già rischiato seriamente di essere eletto nel Conclave del 2005, dove ha certamente avuto un notevole numero di preferenze. Per alcune ricostruzioni il porporato però si mostrò così atterrito dall’idea del peso che gli sarebbe caduto addosso da convincere i più a lasciar perdere: il cardinale argentino, di origini piemontesi, secondo il diario di un cardinale elettore, spaventato dal confronto con il cardinale decano, scongiurò addirittura i suoi sostenitori a non votarlo.

 Secondo altri, invece, non avrebbe avuto una reale possibilità di ascendere al soglio di Pietro: in quell’occasione, infatti, i cardinali che temevano la candidatura di Ratzinger avevano fatto blocco sull’argentino, nel tentativo di impedire che si raggiungesse la maggioranza minima per l’elezione, in modo da obbligare tutti alla ricerca di candidati diversi, come era già avvenuto. Resta il fatto che quel Conclave risulta oggi la ‘prova generale’ di questo, se l’unico che seriamente attirò voti oltre a Ratzinger si ritrova ad essere il suo successore.

E Bergoglio è sempre stato restio ad accettare ruoli curiali. Oppositore del lusso e degli sprechi (ha vissuto in un modesto appartamentino e per spostarsi usa i mezzi pubblici) quando fu ordinato cardinale nel 2001, obbligò i suoi compatrioti che avevano organizzato raccolte fondi per presenziare alla cerimonia di Roma, a restare in Argentina e a donare i soldi ai poveri.

Blog at WordPress.com.